TRUMP BOOOOM: ESPLODE LA GUERRA COMMERCIALE!

Scritto il alle 08:06 da icebergfinanza

Risultati immagini per trump fury

Già ieri vi avevamo anticipato l’escalation in corso sulla guerra commerciale con i nuovi dazi introdotti dall’amministrazione americana contro la Cina e la pronta risposta cinese, ma in serata l’escalation ha davvero raggiunto i massimi livelli…

Sulla base della storia, sulla base di quanto sostenuto sempre da mesi e mesi, osiamo definire assolutamente stupido l’atteggiamento del presidente americano, stupido l’atteggiamento di uomini e Paesi che non sono capaci di mettersi intorno ad un tavolo per avviare una seria revisione delle regole del commercio internazionale. Le idee, il fondamentalismo di Ross e Navarro, sono assolutamente demenziali e ricordano in tutto e per tutto la famigerata coppia Smoot e Hawley, che rese ancora più drammatica la Grande depressione del ’29.

Risultati immagini per smoot hawley

Risultati immagini per ross navarro trump

SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO!

Alla minaccia di ulteriori 50 miliardi di dazi nei confronti della Cina lanciata venerdì, la Cina ha risposto che non starà ovviamente a guardare, in serata Trump ha rilanciato con ulteriori 200 miliardi di dazi se la Cina reagirà, un po come fanno i bambini quando iniziano a darsi schiaffi uno con l’altro. 

Il presidente Donald Trump ha chiesto al rappresentante commerciale degli Stati Uniti di identificare ulteriori 200 miliardi di dollari di beni cinesi per tariffe aggiuntive del 10%.

I nuovi dazi entreranno in vigore “se la Cina si rifiuta di cambiare le sue pratiche, e anche se insiste per andare avanti con le nuove tariffe che ha recentemente annunciato”, ha detto il presidente in una dichiarazione fornita dalla Casa Bianca lunedì.

La mossa arriva dopo che gli Stati Uniti il ​​venerdì hanno annunciato una tariffa del 25%  fino a $ 50 miliardi di prodotti cinesi. Le tariffe su un elenco iniziale di merci del valore di circa $ 34 miliardi entreranno in vigore il 6 luglio. La misura proposta lunedì è in risposta alla decisione di Pechino di aumentare le tariffe sulle esportazioni statunitensi, secondo la dichiarazione della Casa Bianca.

Comunque nulla di preoccupante, Trump ha detto che le guerre commerciali sono facili da vincere, probabilmente in mezzo alle macerie del commercio globale, alla fine di una nuova grande depressione.

Una guerra commerciale è talmente intelligente che gli agricoltori dello Iowa potrebbero perdere fino a 624 milioni di dollari, a seconda di quanto durerà questa guerra e a seconda di come i produttori possano trovare nuovi mercati per i loro semi di soia, ha detto Chad Hart, un economista della Iowa State University. I prezzi della soia negli Stati Uniti sono scesi del 12% da marzo, quando è iniziata la disputa commerciale tra Stati Uniti e Cina. L’Iowa è il secondo produttore di soia più grande della nazione, 562 milioni di bushel lo scorso anno per un valore di 5,2 miliardi di dollari.

Non solo, per dimostrare quanto sia stupida una guerra commerciale senza strategia e studio delle conseguenze…

L’industria dei semiconduttori degli Stati Uniti è preoccupata del  piano del presidente Donald Trump di imporre tariffe su circa $ 50 miliardi di beni cinesi, sostenendo che danneggiano gli affari americani e rendono il paese meno competitivo.

Le nuove regole porteranno il 25% delle tariffe su una varietà di semiconduttori quando entreranno in vigore il 6 luglio. La Cina ha immediatamente promesso di rispondere con i propri dazi sui prodotti americani con “uguale scala e pari forza”.

Mentre le tariffe statunitensi potrebbero penalizzare le società cinesi che utilizzano semiconduttori, tra le altre cose, le ricadute si estenderanno anche alle aziende statunitensi che partecipano alla complessa catena di fornitura di produzione di chip, secondo la Semiconductor Industry Association, un gruppo commerciale statunitense.

Un autentico boomerang!

SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO!

Ma veniamo a coloro che saranno i prossimi destinatari principali delle mire dell’amministrazione Trump, ovvero la Germania che ieri che dato esempio per l’ennesima volta della correttezza dei suoi funzionari…

Ieri forse un primo segnale di come i mercati stanno prendendo di mira in maniera particolare la Germania…

Presto per fare simili affermazioni ma la mia recente affermazione Strong buy Italy e Strong sell Germany forse non è proprio fantascienza! ;-)

…mentre nel nostro Paese il rendimento dei titoli a due anni scende sotto il livello del famigerato martedi 29 maggio, quando lo spread è esploso…

Questa mattina i future danno una ulteriore ecatombe in arrivo dai mercati americani e da quello tedesco con perdite intorno ad un punto percentuale.

Nel frattempo segnali importanti in arrivo dalle curve dei rendimenti, ormai vicine in molti casi all’inversione, mentre continuano a salire di prezzi dei titoli di Stato americani e a scendere i rendimenti con il trentennale in questo momento che torna a scendere sotto il 3 % La parola a questo punto è ai mesi estivi dove la liquidità scarseggia.

SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO!

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (12 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +8 (from 8 votes)
TRUMP BOOOOM: ESPLODE LA GUERRA COMMERCIALE!, 10.0 out of 10 based on 12 ratings
4 commenti Commenta
alexandersupertramp
Scritto il 19 giugno 2018 at 11:25

Stando alla FED di Atlanta la crescita USA nel 2 trim. sarà spettacolare e sempre secondo gli Oracoli di Wall Street anche l’impennata degli utili sarà da urlo. Qui qualcosa non torna e nei prossimi mesi capiremo cosa. Sono però sempre più convinto che la prossima recessione sarà causata da una crisi del credito più che da un progressivo deterioramento degli indicatori economici. Temo che il tempo degli atterraggi morbidi sia stato sepolto dalle politiche folli delle banche centrali mondiali dell’ultimo ventennio. L’economia si sostiene solo sul credito (o sul debito se si preferisce). Se si inceppa quello buonanotte suonatori…..

idleproc
Scritto il 19 giugno 2018 at 11:33

Concordo sul fatto che la situazione se portata agli estremi potrebbe essere l’innesco di una crisi ma non penso che sia questo l’obbiettivo.
Resta il fatto che il sistema a livello goblale è stato compromesso dallo sbilanciamento geoeconomico tra produzione reale e mercati tendenzialmente di solo consumo che sono state scelte di politica economica e finanziario-monetaria precedenti.
E’ la produzione che genenera il reddito reale per il lavoro reale insieme alla stabilità sociale bloccando la degenerazione di tutto il corpo sociale favorita anche daill’ideologia dominanrte nei media.
Lo squilibrio è stato generato dalla ricerca dei luoohi di produzione al livello più basso delle condizioni del lavoro e dal controllo oligopolistico e politico sul lavoro per mantenerlo al livello più basso e spingerlo verso il basso.
Non mi ci vedo le corporation globali finanziarizzate che si mettano a sostenere le condizioni del lavoro nei luoghi di produzione per favorirne lo sviluppo complessivo, fanno l’opposto.
Il lavoro reale che produce beni reali e che non è sostenuto o creato artificialmente con lavori fantasy sostenuti finanziariamente, è il problema insieme alle sue condizioni e reddito.
Non mi ci vedo nemmeno gli americani a continuare a far guerre su commissione per sostenere tutto il baraccone e il traffico di schiavi globale.
Sono questi americani che si sono eletti Trump.
Da cui le urla della propaganda.
E’ solo un punto di vista diverso ben consapevole della criticità della situazione creata nel pregresso che considerava eterni e immutabili processi che non lo sono.

kry
Scritto il 19 giugno 2018 at 15:56

Che fine hanno fatto i DEBITI GEMELLI

laforzamotrice
Scritto il 20 giugno 2018 at 07:03

ale­xan­der­su­per­tramp@fi­nan­za,

“L’economia si sostiene solo sul credito (o sul debito se si preferisce). Se si inceppa quello buonanotte suonatori…..”
E’ proprio questo il problema, ormai troppi ragionano cosi, ed è sbagliato, il debito dovrebbe essere solo un volano, come il motorino d’avviamento per un’automobile, dopo di che l’auto dovrebbe andare avanti con i mezzi propri. Invece si continua ad usarlo per far avanzare l’auto. Normale che, come minimo, si esaurisca la batteria. Troppi sono parassiti nel settore del debito credito, e di solito non rischiano mai di tasca propria, eliminiamo questi e vedrete che cambierà tutto in meglio.

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
T-1 Inverso [3-5 Giorni] (h. xx)[Base Dati: 15 minuti] T-1 Inverso [3-5 Giorni] (h. yy)[Base
T-1 [3-5 Giorni] (h. xx)[Base Dati: 15 minuti] T-1 [3-5 Giorni] (h. yy)[Base Dati: 15 minuti]
Velocità T-2 / T-1 / T / T+1 [Base Dati: 15 minuti] Velocità T-2 / T-1 / T / T+1[Base Dati:
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Stoxx Giornaliero Buona domenica, lo Stoxx rimane ancora nell’area di trading range che si
DJI Giornaliero Buonasera a tutti, ripartiamo con l’analisi del Dow Jones, dopo che l’ult
Analisi Tecnica E' cambiato nulla dalla scorsa settimana. I'ipotesi di doppio minimo
Ripartiamo sulle stesse coordinate descritte la settimana scorsa. Parlavamo di TREND che non mol
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Ftse Mib: l'indice tricolore ieri ha recuperato i 21.750 punti, segnale positivo. Ora è importante