TREASURY: LA LEGGENDA DEI BOND VIGILANTES!

Scritto il alle 10:10 da icebergfinanza

Risultati immagini per bond vigilantes cartoons

Prendendo spunto da un articolo di Mike Shedlock No Bond Vigilantes diamo un’occhiata al significato del termine “bond vigilantes”…

Un bond vigilante è un investitore del mercato obbligazionario che in base alle politiche monetarie o fiscali che considera inflazionistiche vende obbligazioni, aumentando così i rendimenti. Quando gli investitori percepiscono che il rischio di inflazione o il rischio di credito sono in aumento, richiedono rendimenti più elevati per compensare il rischio aggiunto. Di conseguenza, i prezzi delle obbligazioni diminuiscono e aumentano i rendimenti, il che aumenta il costo netto dell’indebitamento. Il termine fa riferimento alla capacità del mercato obbligazionario di fungere da freno alla capacità del governo di sovra-spendere e indebitarsi eccessivamente.

Il termine è stato coniato da Ed Yardeni il qualel alla CNBC ha dichiarato che c’è motivo di preoccuparsi dei vigilantes delle obbligazioni, che non sono più sotto il “lucchetto e la chiave” e sono liberi di spingere i rendimenti più in alto.

Bene dopo Gross e Gundlach, abbiamo un altra “leggenda” da demolire andando contro corrente, per noi i rendimenti dei titoli americani crolleranno ai minimi storici nei prossimi tre anni.

Abbiamo già vinto questa scommessa contro Gross e le banche di affari americane che nel 2013 suggerivano di scaricare tutti i treasuries per il rischio inflazione, noi siamo  fiduciosi che vinceremo anche questa perché la storia è dalla nostra parte e non si può combattere una deflazione da debiti. 

I bond vigilantes sanno cosa è una deflazione da debiti, sanno che non c’è alcuna speranza per i rendimenti a lungo termine di salire, la Fed non ha alcun controllo sulle aspettative di lungo termine.

Tuttavia, al momento come nel 2013, è in atto un’ondata speculativa record contro le obbligazioni nel mercato dei futures, che nonostante tutto non ha prodotto alcun danno al trend di lungo termine.

Via Bloomberg scopriamo che …

I fondi speculativi e altri grandi speculatori sono più convinti che mai che la disfatta del mercato obbligazionario 2018 riprenderà nei prossimi giorni. (…) Il gruppo ha potenziato le scommesse al ribasso sui futures del Tesoro a 10 anni raggiungendo un record di 939.351 contratti, secondo i dati della Commodity Futures Trading Commission fino al 6 febbraio.

Domani avremo l’appuntamento con i prezzi al consumo, altro appuntamento che lascia il tempo che trova, nessuna possibilità di produrre inflazione in America in mezzo a devastanti esplosioni deflazionistiche ovunque.

Ma attenzione…

Il posizionamento degli speculatori è importante perché può portare lo slancio agli estremi e può fungere da indicatore contrarian poiché questi trader sono tra i più rapidi a cambiare direzione quando i prezzi si scagliano contro di loro.

Posizionamento obbligazionario sui titoli a 30 anni

Le barre rappresentano il prezzo del bond, non il rendimento di un bond a 30 anni. 

A proposito della nota di Bloomberg, Mike ci ricorda che un punto chiave da ricordare è che stai sempre guardando dati obsoleti. Nelle settimane volatili le posizioni possono cambiare rapidamente. 

Non confondiamo la crescente speculazione con il mito “bond vigilante”.

Le convinzioni diffuse che le riduzioni fiscali di Trump alimenteranno gli investimenti e l’inflazione aumenterà a causa dei salari sono entrambe cotte al meglio. Per ora!

Riprendendo uno dei passaggi fondamentali dello scorso anno quando abbiamo suggerito che ne il rientro dei capitali ne il fantasmagorico piano delle infrastrutture di Trump riuscirà ad accelerare la crescita dell’economia e dei salari, è interessante notare come secondo Morgan Stanley…

In parole povere, secondo gli analisti di Morgan Stanley solo il 13% dei risparmi che le aziende avranno dalla riforma fiscale di Trump andranno direttamente ai lavoratori facendo salire i salari, contro il 43% che verrà destinato al riacquisto delle proprie azioni.

Per il settore manifatturiero la percentuale è ancora più bassa, si parla solo del 9%  contro il 47%.

Si lo so che per molti è difficile arrivarci, come direbbe il buon Taleb, la conoscenza, anche quando è esatta, non porta sempre ad azioni adeguate perché se non facciamo attenzione tendiamo a dimenticare ciò che conosciamo oppure scordiamo come elaborarlo in modo corretto, anche se siamo esperti. E’ dimostrato che gli statistici tendono a lasciare il cervello in aula,

Chi sostiene che la riforma Trump porterà benefici ai salari ignora la storia, l’analisi empirica, nulla è in linea con la teoria economica. Affinché i salari siano influenzati positivamente dai tagli delle tasse richiede un lungo periodo di tempo.

Se osserviamo quanto accadde durante la presidenza Reagan e le sue due riforme …

I risultati non furono davvero interessanti…

O si certo dirà qualcuno la ripresa c’è stata dopo il 1986, peccato per l’inflazione…

… che questa volta non ci sarà, come non ci sarà alcun aumento dei salari perché i tempi sono cambiati e le aziende stanno cannibalizzando l’economia e il lavoro.

Tornando ai nostri trofei, dopo Gross, Gundlach e Yardeni, ora ci tocca mettere pure Dalio, si quello che vi dava degli stupidi perché non eravate investiti nel mercato azionario, il co-chief investment officer, Bob Prince, in un’intervista al FT ha detto che c’è stato ” un sacco di compiacimento accumulato nei mercati per un lungo periodo di tempo, quindi non pensiamo che questo “shakeout” sarà finito nel giro di pochi giorni “ e ha aggiunto che” probabilmente arriverà uno shakeout molto più grande “.

Questi scienziati che qualche settimana fa a Davos irridevano gli investitori, ora suggeriscono che… ” il contesto economico più ampio stava preparando il terreno per ulteriori turbolenze alla fine di quest’anno”.

Questi sono davvero dei novellini oppure delle autentiche volpe che parlano quotidianamente ai polli.

E ora una notizia che farà piacere al mio amico Raffaele che sta monitorando da vicino Deutsche Bank ma non solo, il rischio banche europee in generale.

Sembra che Citigroup e Goldman Sachs Group stiano già cercando di capitalizzare l’interesse represso al dettaglio sul prossimo settore che salterà in aria, lanciando un ETF che segue da vicino il rischio più pericoloso delle banche europee, secondo Bloomberg .

I fondi si concentrerebbero sui titoli AT1, una categoria di obbligazioni che include le famigerate “CoCo” – che hanno  notoriamente trascinato nel panico le azioni della Deutsche Bank durante l’estate e l’autunno del 2016. Tali obbligazioni non sono garantite e testimoniano la capacità di una banca di assorbire le perdite di capitale  se scende al di sotto di una certa soglia.

Più o meno quello che è accaduto al Banco Popular Espanol, distruggendo il 100% del capitale degli obbligazionisti junior durante la notte.

Un falso senso di sicurezza, solo per vedere svanire nell’arco di un giorno tutto le sicurezze alla prossima crisi del debito che travolgerà il Sistema bancario europeo.

Ma c’è un’altra ragione per cui Citigroup e Goldman stanno probabilmente pensando di tentare di portare questo debito rischioso alle masse: i severi requisiti patrimoniali europei.

Infatti avvoltoi e sciacalli sanno benissimo che …

La responsabile francese del Ssm Daniele Nouy

Banche: Nouy, Addendum su Npl a marzo

La versione definitiva dell’Addendum sugli Npl, i crediti deteriorati delle banche, sarà pubblicata a marzo e “quindi le banche dovrebbero prepararsi per questo”. Lo ha detto la presidente della Vigilanza Unica della Bce, Daniele Nouy, a una conferenza a Francoforte precisando che “sposteremo la data a partire dalla quale la normativa si applica ai nuovi Npl. Renderemo anche più chiaro che seguiremo un approccio caso per caso come parte del nostro quadro di Pillar 2”. I crediti deteriorati, ha spiegato Nouy, “rimangono un grosso problema” e se per le banche “le cose stanno migliorando, c’è ancora molto da fare”. “Ci sono due cose che vorrei mettere in cima alla lista delle ‘cose da fare” per un certo numero di banche: aumentare la redditività e ripulire i bilanci”. Ma per le banche c’è anche un altro tema, ha evidenziato la vice presidente della vigilanza bancaria Bce, Sabine Lautenschlaeger: “Le banche devono continuare a prepararsi ad ogni evenienza, compresa una hard Brexit”.

Nouy oggi sull’Addendum da cui si salva solo il Credem

Kill ECB before they kill you…

Mettendo insieme gli ultimi problemini in casa dei Cinque Stelle e quello che sta accadendo a Renzi… Pd all’angolo nei sondaggi. Renzi adesso teme il crollo al 20 per cento credo ci sia abbastanza materiale per far riflettere seriamente i leggendari mercati!  ;-)

State sintonizzati e sulla riva del fiume le prossime settimane saranno davvero interessanti!

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.5/10 (13 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +9 (from 11 votes)
TREASURY: LA LEGGENDA DEI BOND VIGILANTES!, 9.5 out of 10 based on 13 ratings
31 commenti Commenta
laforzamotrice
Scritto il 13 febbraio 2018 at 12:01

Ecco perchè salterà tutto, sempre meno a chi davvero produce ricchezza, sempre più ai parassiti.

laforzamotrice
Scritto il 13 febbraio 2018 at 12:02

Tutto il resto sono chiacchere.

stanziale
Scritto il 13 febbraio 2018 at 19:13

laforzamotrice@finanza,

Che scoperta. E allora? Diamo ancora retta alla Nouy! Piu’ europa!

bergasimilritorno
Scritto il 14 febbraio 2018 at 09:12

Gross e Gundlach e Dalio hanno toppato ma i rendimenti sul mercato dei bond usa non ha certo entusiasmato
https://www.ishares.com/it/investitore-privato/it/prodotti/251716/ishares-treasury-bond-710yr-ucits-etf

bergasimilritorno
Scritto il 14 febbraio 2018 at 09:15

In un paese di vecchi non può essere diverso, ecco anche perché con le prossime elezioni non cambierà nulla, troppi vecchi benestanti e pochi giovani che fanno figli.
la­for­za­mo­tri­ce@fi­nan­za,

madmax
Scritto il 14 febbraio 2018 at 11:28

@laforzamotrice, @stanziale,

Scusate ma siete coscienti di essere in un sistema Capitalista o no? Alle volte mi pare che la gente non abbia ben compreso cosa sia il Capitalismo: sistema economico che si fonda sulla separazione tra la classe dei capitalisti-proprietari e quella dei lavoratori. Per il fatto che vi fanno comprare quattro azioni non significa che siete capitalisti, ma che noi (mi ci metto pure io) dobbiamo lavorare per campare a differenza di chi puo’ campare di rendita sul capitale…questo e’ il capitalismo.

laforzamotrice
Scritto il 14 febbraio 2018 at 13:40

madmax,

Beh un po’semplicistico

signor pomata
Scritto il 14 febbraio 2018 at 14:36

Che cosa può comportare per il nostro percorso questo?

http://www.cnsnews.com/news/article/terence-p-jeffrey/feds-collect-record-taxes-first-month-under-tax-cut-run-surplus

dorf001
Scritto il 14 febbraio 2018 at 16:57

mad­max,

si madmax, hai ragione al 100%. sarà semplicistico ma cosi’ è.

a me che sono invalido civile perchè non mi permettono di fare un lavoro? perchè deve essere di una difficoltà cosi’ inaudita? perchè godono a far star male la gente? sti capitalisti godono del male degli altri. sono esseri senza DIO ,senza morale. al posto del cuore hanno il portafoglio. sono motivati solo da una parola: avidità avidità avidità.

e inutile che gentiloni dica in tv che và tutto a meraviglia. lavoro a catinelle. mah io non lo vedo. eh si che abito a Verona (vicino) e quindi sarebbe una terra di tanto lavoro.

ma per le mie patologie non li posso fare tutti i lavori. e allora? mi devo per forza affidare alle agenzie interinali. ti dicono si…..la tua domanda è stata inoltrata. ora aspettiamo un feedback dall’azienda. intanto parla italiano no? aspetto una risposta….che non arriva mai.

e intanto vado sempre più in basso, e le bollette e la benzina e tutto il resto lo devo pagare.

e se uno non avesse più riserve a cui attingere? e son messo cosi’. me ne fotte delle borse merdose e ladre. fatemi vivere. stiamo arrivando al neocolonialismo. ai tempi dei servi della gleba. cosi’ è o no??? questa è la vera faccia o feccia del capitalismo. cattiveria pura nascosta da una patina o cortina fumogena creata ad arte s
dai giornali e tv pagate profumatamente per mentire dalla mattina alla sera.

oggi sono giù scusatemi. non vedo soluzioni, e nessuno che ti aiuta.

SALUTI

idleproc
Scritto il 14 febbraio 2018 at 17:12

madmax,
La dinamica del capitalismo nella sua fase finale implica l’iperconcentrazione del capitale, l’uscita degli strati sociali dominanti dalla gestione diretta della produzione e la conseguente finanziarizzazione di tutto il sistema che diventa di rendita.
E’ anche il motivo per il quale “capitalisti” tradizionali legati alla produzione reale vengono
percepiti come “rivoluzionari” e antisistema quando si oppongono ad un processo che richiama (sbagliando) l’economia feudale.
“Feudalizzandosi” viene rapinato l’intero sistema compresi gli stati sociali precedentemente percepiti come “capitalisti”: quelli delle “quattro azioni”.
Nella realtà viene eroso il loro capitale di riserva accumulato sia a livello pubblico (servizi, pensioni, beni pubblici etc.) che a livello privato delle famiglie e dei singoli.
Queste stratificazioni sociali cercano di difendersi dalla rapina come possono, anche nel gioco finanziario che sanno essere “truccato”.
Mantendo la sua “ciclicità” che qualsiasi cosa facciano al vertice anche taroccando la bisca, le monete e il mercato capitalistico, tutto il sistema va comunque per la sua strada.
Quella che è stata fatta finora è una reale politica economica di trasferimento di redditi e capitali verso le scommesse perse sul futuro e similari di fantasia, altresì chiamate “debito”, tipiche della ciclicità del sistema.
Nulla di particolarmente nuovo compresa la fuga dall’economia reale verso la finanza dove i profitti li potevi fare virtuali a spese del futuro nel reale, anche sul come se ne uscirà in un modo o nell’altro, nulla di nuovo.
E’ anche normale provvedere al fatto che si scannino tutti tra loro giù in basso.

apprendista
Scritto il 14 febbraio 2018 at 17:20

Comunque l’inflazione sale ed i consumi languono ed i mercati salgono tutto come al solito non vanno giu’ nemmeno se una testata nucleare colpisce WS.
https://www.milanofinanza.it/news/inflazione-usa-oltre-le-attese-i-mercati-si-indeboliscono-201802141406429920
Inutile dirvi che sono sempre piu’ negativo.
Saluti

    icebergfinanza
    Scritto il 14 febbraio 2018 at 17:55

    Non solo i consumi pure i salari ma ne parliamo domani…

apprendista
Scritto il 14 febbraio 2018 at 17:41

a scusate ho dimenticato poiche’ l’inflazione sembra salire e mi aspetto piu’ rialzi dei tassi cosa fa il $: CHIARAMENTE SCENDE ahahahahahahahahhahhahaha
Voglio uscire dall’incuboooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo
Saluti e scusate

apprendista
Scritto il 14 febbraio 2018 at 17:59

qualcuno ha preso in seria considerazione che potremmo esserci sbagliati? a mio modo di vedere le perdite sono ora importanti, troppo per il presunto obiettivo a mio insignificante parere e possono aumentare ancora e ancora ,pensare ad una exit strategi?,prendiamo cedole svalutate e se va male quando avro’ piu’ di 70 anni (ammesso che esista ancora un sistema finanziario) potro ‘ riavere il capitale sic sic!
Saluti

corvaz
Scritto il 14 febbraio 2018 at 18:07

mad­max,

Secondo te se un poraccio che ha ereditato un appartamentino che poi metterà in affitto per guadagnare il giusto indispensabile per vivere dedicando il resto del suo tempo a fare yoga, può far parte della classe dei “capitalisti”? Non esiste una sola definizione sul capitalismo tanto che non si è nemmeno d’accordo su quando e dove sia nato. Una cosa certa è che non è un’ideologia, ma una semplice forma di mercato che gira grazie al capitale prestato da certe istituzioni dette banche.

apprendista
Scritto il 14 febbraio 2018 at 18:15

be si vero capitano languono anche i salari ma come mai si vende tbond come se avessimo scoperto il modo di produrre energia a costo 0 e quindi il genere umano si stia preparando ad un nuovo grande salto verso un maggior benessere per tutti.
Saluti

    icebergfinanza
    Scritto il 15 febbraio 2018 at 08:41

    Si vendono allo stesso livello che si vendevano nel 2013, ne più, ne meno, poi sappiamo tutti quello che accade…

madmax
Scritto il 14 febbraio 2018 at 20:17

apprendista@finanza,

Bohhh??? Ma lo vedi strano?
Nei prossimi 3/5 anni cambiera’ l’ordine mondiale, in un senso o nell’altro.
Per come la vedo io la cosa e’ semplice, il mondo che ha i dollari se la fa sotto visto il martellamento mediatico e vende i bond, risultato il prezzo scende e automaticamente fa salire i rendimenti (matematico) nessun gomblotto solo matematica…e la palla di neve si trasforma in valanga.
Lo so non e’ razionale ma il mondo non e’ mai stato razionale!!!!

Gianluca
Scritto il 14 febbraio 2018 at 21:55

Mercati su … purtroppo
Quest’anno vi ho già detto che, anche se io nn compro, dj andrà almeno verso i
30000

madmax
Scritto il 15 febbraio 2018 at 08:58

corvaz@finanzaonline,

Corvaz, avere un appartamento e prendere un affitto non ti fa passare dalla parte del capitale….leggiti questo poi verofoca se sei nel 1%.

http://www.corriere.it/economia/16_gennaio_18/denuncia-l-1percento-popolazione-possiede-piu-restante-99percento-ddd8c888-bdd0-11e5-b5c4-6241fae93341.shtml?refresh_ce-cp

noldor
Scritto il 15 febbraio 2018 at 09:41

@ apprendista

Non penso che ci siamo sbagliati, i rendimenti sui T-BOND sono in calo da 30 anni e non vedo ragioni per un’inversione, dagli tempo. Certo con la scienza del di poi uno non sarebbe entrato un anno fa, ma nessuno ha la sfera di cristallo.

noldor
Scritto il 15 febbraio 2018 at 09:43

Gli scossoni sui mercati di settimana scorsa sono la prova che tutto può cambiare nel giro di pochi giorni per quanto riguarda le azioni.

bergasimilritorno
Scritto il 15 febbraio 2018 at 10:07

Non ho capito cosa è successo dal 2013 in poi, salvo che l’s&p 500 ha continuato a salire

    icebergfinanza
    Scritto il 15 febbraio 2018 at 10:56

    Treasuries e dollaro insieme hanno guadagnato oltre il 50 % …niente di particolare

bergasimilritorno
Scritto il 15 febbraio 2018 at 11:12

file:///C:/Users/roberto/Desktop/iShares%20$%20Treasury%20Bond%207-10yr%20UCITS%20ETF%20_%20IBTM.html

bergasimilritorno
Scritto il 15 febbraio 2018 at 11:12

file:///C:/Users/roberto/Desktop/iShares%20$%20Treasury%20Bond%207-10yr%20UCITS%20ETF%20_%20IBTM.html

bergasimilritorno
Scritto il 15 febbraio 2018 at 11:16

Un etf ishares sui bond governatvi usa 7-10 anni avrebbe reso intorno al 5% unito al 7,5 % del cross euro/usd dal Gennaio 2013 avrebbe fatto circa 12,5%
ice­berg­fi­nan­za,

    icebergfinanza
    Scritto il 15 febbraio 2018 at 11:47

    Il dollaro da 1,40 è passato a 1,04 i prezzi di un titolo ventennale da 115 a 147… il tutto da aprile 2014 a luglio 2016

corvaz
Scritto il 15 febbraio 2018 at 19:58

mad­max,

“avere un appartamento e prendere un affitto non ti fa passare dalla parte del capitale” forse no forse sì, certo ti da la possibilità di vivere senza dover pensare al lavoro esattamente come un riccone; ma rimane sempre comunque un capitale da gestire grande o piccolo che sia.
Un certo savio disse che prima di discutere bisogna chiarire i concetti, ok?. Mi sembra di aver capito che te personalizzi il “capitale”, come quella classe che fino ad un secolo fa andava via col cappello a cilindro. Per me accusare un certo “capitale” è come combattere i mulini a vento. Se un Mr Capitale esistesse allora non si potrebbe nemmeno criticarlo, ma invece guarda caso sono proprio i giornali a creare il gomplotto del Capitale…tutti pagati per depistare, nascondere la storia, fare propaganda.

madmax
Scritto il 16 febbraio 2018 at 09:30

corvaz@finanzaonline,

Corvaz,
Visto che stuzzichi allora rispondo. Certo Mr.Kapitale esiste, se pensi che nel mondo le ricchezze sono conventrate nel 1% della popolazione. Quel 1% decide cosa fare, senza democrazia, senza censure, ma sviluppando in maniera continua la propria ideologia. Non personalizzo in Capitale ma poche persone lo controllano.
Ricordo negli anni 90 fior fiore di premi Nobel propagandare una teoria: arricchendo i piu’ ricchi la ricchezza sarebbe sgocciolata sotto alle classi povere che ne avrebbero beneficiato. Quindi giusto tagliare le tasse ai super ricchi!
Dopo 30 anni nessuno ne parla piu’ ma quelli sotto stanno peggio, i redditi da lavoro sono scesi e la classe media sparita, sgocciolata via.
Vedi non me la prendo con te ma con un modo di pensare che questo sistema economico sia l’unico possibile, che non si possono tassare le multinazionali che non pagando tasse nei paesi dove guadagnano fanno si che servizi sanitari e sociali vengano tagliati, NON LE SI VUOLE FAR PAGARE, punto e basta.
In Cina Alibaba ha pagato 3,5 miliardi di USD di tasse, un miracolo? No se non le avesse pagate gli avrebbero chiuso la baracca e da noi si permette che tutti non paghino le tasse ma facciano profitti per poi dire tagliamo pensioni, servizi e via dicendo!!!!
Si credo al “gomblotto” e sai perche’ perche’ nessuno mi ha ancora spiegato come mai un bel giorno di Settembre a NY tutti han detto che sono caduti 2 grattacieli (pace ai morti) ma nessuno ha mai spiegato come ha fatto a cadere il terzo edificio: WT7 ????? Curioso no? Ovvero i crolli furono 3 !!!!! Se riesci a spiegarmelo tu smettero di credere al gomblotto!!!

bergasimilritorno
Scritto il 16 febbraio 2018 at 15:05

mad­max:
cor­[email protected]­nan­zaon­li­ne,

Cor­vaz,
Visto che stuz­zi­chi al­lo­ra ri­spon­do. Certo Mr.​Kapitale esi­ste, se pensi che nel mondo le ric­chez­ze sono con­ven­tra­te nel 1% della po­po­la­zio­ne. Quel 1% de­ci­de cosa fare, senza de­mo­cra­zia, senza cen­su­re, ma svi­lup­pan­do in ma­nie­ra con­ti­nua la pro­pria ideo­lo­gia. Non per­so­na­liz­zo in Ca­pi­ta­le ma poche per­so­ne lo con­trol­la­no.
Ri­cor­do negli anni 90 fior fiore di premi Nobel pro­pa­gan­da­re una teo­ria: ar­ric­chen­do i piu’ ric­chi la ric­chez­za sa­reb­be sgoc­cio­la­ta sotto alle clas­si po­ve­re che ne avreb­be­ro be­ne­fi­cia­to. Quin­di giu­sto ta­glia­re le tasse ai super ric­chi!
Dopo 30 anni nes­su­no ne parla piu’ ma quel­li sotto stan­no peg­gio, i red­di­ti da la­vo­ro sono scesi e la clas­se media spa­ri­ta, sgoc­cio­la­ta via.
Vedi non me la pren­do con te ma con un modo di pen­sa­re che que­sto si­ste­ma eco­no­mi­co sia l’u­ni­co pos­si­bi­le, che non si pos­so­no tas­sa­re le mul­ti­na­zio­na­li che non pa­gan­do tasse nei paesi dove gua­da­gna­no fanno si che ser­vi­zi sa­ni­ta­ri e so­cia­li ven­ga­no ta­glia­ti, NON LE SI VUOLE FAR PA­GA­RE, punto e basta.
In Cina Ali­ba­ba ha pa­ga­to 3,5 mi­liar­di di USD di tasse, un mi­ra­co­lo? No se non le aves­se pa­ga­te gli avreb­be­ro chiu­so la ba­rac­ca e da noi si per­met­te che tutti non pa­ghi­no le tasse ma fac­cia­no pro­fit­ti per poi dire ta­glia­mo pen­sio­ni, ser­vi­zi e via di­cen­do!!!!
Si credo al “gom­blot­to” e sai per­che’ per­che’ nes­su­no mi ha an­co­ra spie­ga­to come mai un bel gior­no di Set­tem­bre a NY tutti han detto che sono ca­du­ti 2 grat­ta­cie­li (pace ai morti) ma nes­su­no ha mai spie­ga­to come ha fatto a ca­de­re il terzo edi­fi­cio: WT7 ????? Cu­rio­so no? Ov­ve­ro i crol­li fu­ro­no 3 !!!!! Se rie­sci a spie­gar­me­lo tu smet­te­ro di cre­de­re al gom­blot­to!!!

mad­max:
cor­[email protected]­nan­zaon­li­ne,

Cor­vaz,
Visto che stuz­zi­chi al­lo­ra ri­spon­do. Certo Mr.​Kapitale esi­ste, se pensi che nel mondo le ric­chez­ze sono con­ven­tra­te nel 1% della po­po­la­zio­ne. Quel 1% de­ci­de cosa fare, senza de­mo­cra­zia, senza cen­su­re, ma svi­lup­pan­do in ma­nie­ra con­ti­nua la pro­pria ideo­lo­gia. Non per­so­na­liz­zo in Ca­pi­ta­le ma poche per­so­ne lo con­trol­la­no.
Ri­cor­do negli anni 90 fior fiore di premi Nobel pro­pa­gan­da­re una teo­ria: ar­ric­chen­do i piu’ ric­chi la ric­chez­za sa­reb­be sgoc­cio­la­ta sotto alle clas­si po­ve­re che ne avreb­be­ro be­ne­fi­cia­to. Quin­di giu­sto ta­glia­re le tasse ai super ric­chi!
Dopo 30 anni nes­su­no ne parla piu’ ma quel­li sotto stan­no peg­gio, i red­di­ti da la­vo­ro sono scesi e la clas­se media spa­ri­ta, sgoc­cio­la­ta via.
Vedi non me la pren­do con te ma con un modo di pen­sa­re che que­sto si­ste­ma eco­no­mi­co sia l’u­ni­co pos­si­bi­le, che non si pos­so­no tas­sa­re le mul­ti­na­zio­na­li che non pa­gan­do tasse nei paesi dove gua­da­gna­no fanno si che ser­vi­zi sa­ni­ta­ri e so­cia­li ven­ga­no ta­glia­ti, NON LE SI VUOLE FAR PA­GA­RE, punto e basta.
In Cina Ali­ba­ba ha pa­ga­to 3,5 mi­liar­di di USD di tasse, un mi­ra­co­lo? No se non le aves­se pa­ga­te gli avreb­be­ro chiu­so la ba­rac­ca e da noi si per­met­te che tutti non pa­ghi­no le tasse ma fac­cia­no pro­fit­ti per poi dire ta­glia­mo pen­sio­ni, ser­vi­zi e via di­cen­do!!!!
Si credo al “gom­blot­to” e sai per­che’ per­che’ nes­su­no mi ha an­co­ra spie­ga­to come mai un bel gior­no di Set­tem­bre a NY tutti han detto che sono ca­du­ti 2 grat­ta­cie­li (pace ai morti) ma nes­su­no ha mai spie­ga­to come ha fatto a ca­de­re il terzo edi­fi­cio: WT7 ????? Cu­rio­so no? Ov­ve­ro i crol­li fu­ro­no 3 !!!!! Se rie­sci a spie­gar­me­lo tu smet­te­ro di cre­de­re al gom­blot­to!!!

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
La commissione Affari economici e monetari del Parlamento europeo ha rivisto la bozza di normati
Se vi domandate come mai la borsa USA continua ad essere fortissima, soprattutto se confrontiamo
Ftse Mib: l'indice italiano tenta in apertura il superamento dei 20.500 punti. Importante la chiusur
Inutile nascondersi dietro un dito. Per gli investitori, la tragedia del Ponte Morandi di Genova
Che vi dicevo, non passa neanche una settimana dalla benedizione del dollaro forte che il nostro
Si delinea sempre più forte il decoupling tra l'andamento della borsa USA e quello degli altri li
Analisi Tecnica Si conferma la rottura ribassista del trading range. L'accelerazione al ribasso
DJI Giornaliero Buonasera, eccoci di nuovo con l’analisi sullo storico indice americano.
Stoxx Giornaliero Buongiorno, per una manciata di punti non si è materializzato lo swing inc