VIX INDICE DELLA PAURA: LEMMINGS MOMENT!

Scritto il alle 10:45 da icebergfinanza

Immagine correlata

Un momento, ALGO no se siente bien!

Algos, si gli algoritmi, l’altro ieri sono impazziti, come tanti lemmings si sono gettati tutti insieme dalla rupe!

Sono mesi che vi ripetiamo di stare lontani da ALCUNI fondi passivi, di stare lontani da questi mercati, è il momento dei fondi ALTERNATIVI, quelli buoni, quelli che sanno fare il loro lavoro. Ora non mancherà chi cercherà di suggerire che è stata solo una tempesta in un bicchiere d’acqua, che è l’occasione della vita per rientrare e via dicendo. Per carità, risalirà, è già risalito ieri, ma quello che è accaduto in questi giorni, resterà come una cicatrice enorme nella psicologia degli investitori.

Ve lo ricordate mister 50 Cent o il nostro eccentrico gestore di hedge fund, Michael Burry, interprete della Grande Scommessa, The Big Short, tutta gente che ha analizzato l’irrazionalità del mercato e pazientemente si è messa in attesa…

Da mesi i trader di Wall Street si arrovellano per capire chi sia il misterioso acquirente di coperture assicurative da milioni di dollari contro l’eventualità di un tracollo del sistema finanziario. Questo investitore, che prende regolarmente d’assalto un angolo semisconosciuto del mercato dei derivati e compra contratti quotati a mezzo dollaro, è stato soprannominato «50 Cent», dal nome del rapper americano famoso per il suo album Get Rich or Die Tryin’ (diventa ricco o muori nel tentativo).

Diversi banchieri e agenti di Borsa che conoscono bene il mondo delle contrattazioni sono convinti che 50 Cent viva ben lontano dalle strade di Lower Manhattan e puntano il dito su una società di investimenti britannica situata a pochi minuti a piedi da Buckingham Palace, a Londra, e il cui cofondatore ha donato parte della sua fortuna per restaurare un castello nel Nord dell’Inghilterra.

Sta facendo sistematicamente incetta di contratti derivati collegati a un indice noto come Vix, secondo quattro persone che lavorano nel reparto trading di banche molto attive sui mercati dei titoli. Questi contratti pagano premi nell’eventualità di un’impennata della volatilità, come potrebbe succedere, per esempio, nel caso di un tonfo del mercato azionario statunitense.

Bene loro hanno avuto pazienza e sono stati premiati, noi abbiamo pazienza e probabilmente verremo premiati, perché solo chi analizza la realtà, nel medio e lungo termine avrà ragione, nel breve spazio all’irrazionalità, alla follia demenziale pura, di un manipolo di psicopatici che vive di illusioni.

Il giallo di mister «50 Cent»: investe 120 milioni su un indice che non sale

E’ salito, eccome se è salito!

Come al mercato del pesce ora lo vendono tutti, tutti lo comprano, prima o poi vedremo esplodere qualche hedge fund o qualche commerciante alla fermata della chiamata di margine.

La testimonianza di un trader anonimo, apparsa su Zero Hedge è emblematica…

“Ho perso 4 milioni di dollari, 3 anni di lavoro e il denaro di altre persone …in un istante “

A noi questo non accadrà mai, non certo con i titoli più liquidi e sicuri al mondo a scadenza!

“1.5 milioni sono stati i capitali che ho raccolto da investitori che hanno creduto in me”. “Avevo una posizione di leva che ho usato per comprare ed era in calo dell’1% e ho pensato di poterla tenere(…) “La cosa triste è che sono stato un lungo sul VIX fino a un paio di giorni fa, ero sicuro che ci sarebbe stata una correzione, ma ogni giorno che passava la mia convinzione era vacillante, stupida, davvero folle, mi sento un pazzo .”

Questo è solo un esempio di come tanti piccoli psicopatici o pazzi, sono a piede libero li fuori nei mercati, tante bombe umane pronte a farsi esplodere.

Con il nostro Machiavelli di questi problemi non ne avrete mai!

Vi abbiamo indicato prima di molti ancora nel 2007 la strada per evitare il crollo dei mercati finanziari in seguito alla crisi subprime, le opportunità sui nostri titoli di Stato in seguito all’attacco speculativo del 2011 sul nostro Paese, l’incredibile opportunità del 2013 con il dollaro e i titoli di Stato americani, la rinascita ora l’ultimo traguardo.

Per dimostrarvi come questo mondo è totalmente fuori controllo vi invito a tenere ben a memoria la dimensione delle cifre, le scommesse che quotidianamente vengono fatte fuori dall’economia reale, che coinvolgono l’economia reale.

Borse, così «l’indice della paura» è diventato un mostro in poche ore

Ma come funziona questo trade? Gli strumenti per guadagnare sulla volatilità sono principalmente alcuni Etn (Exchanged trade notes) come lo XIV di Credit Suisse o lo SXVY. Come funzionano? Semplice: sono inversamente correlati al VIX. Ovvero quando la volatilità scende guadagnano, e negli ultimi anni hanno guadagnato tanto, ma quando invece questa ha un balzo storico come quello di ieri crollano a una velocità difficile persino da immaginare.

Prendiamo per esempio lo XIV, uno di questi Etn, creato da Credit Suisse: ieri da quota 115 è crollato a 32 nel dopo mercato. Credit Suisse pare ne abbia in portafoglio 550 milioni di dollari, anche se la banca svizzera ha dichiarato di essere completamente coperta dal rischio. Ma il rischio concreto ora è che lo XIV sia uno dei primi grandi Etn a dover essere liquidato.

550 MILIONI DI DOLLARI!!!!

Come spiega Larry McDonald, esperto di mercati finanziari, il balzo del VIX dell’agosto 2015 (pari al 45%, meno della metà di quello di ieri) costrinse gli Etn sulla volatilità ad acquistare 37 miliardi di dollari di future sul VIX per coprire le loro scommesse al ribasso. «Ma queste enormi cifre possono essere esacerbate in caso la liquidità scompaia». Se questa è stata la magnitudo nel 2015, con un balzo del Vix del 45% contro il 115% di ieri, cosa potrebbe essere accaduto nelle ultime ore? Mark Longo, ceo del centro studi di Chicago OptionsInsider.com, teme il peggio: «quando le cose vanno male questi “prodotti Frankestein” a leva rischiano di essere spazzati via». Bruciando miliardi.

37 MILIARDI DI DOLLARI!!!!

Oh si certo sono tutti coperti da rischio, ma il rischio non si dissolve nel nulla, qualcuno deve restare con il candelotto di dinamite in mano acceso, la storia si ripete, la creatività della finanza è la morte dell’economia.

Risultati immagini per lemmings cartoons

Chi invece è davvero terrorizzato è l’amministratore delegato della banca morta che cammina, si la nostra Deutsche Bank, che ha fornito al mercato su un piatto di bronzo, il terzo anno consecutivo in perdita.

Deutsche Bank va in rosso per il terzo anno di seguito 

Fin qui nulla di nuovo, lo sapete che non abbiamo fretta, la verità è figlia del tempo e Deutsche Bank verrà nazionalizzata.

Quello che ha noi interessa farvi notare che il colabrodo della Cannata, un cognome una garanzia continua a fare carne macinata da tutte le parti.

Così l’Italia ha regalato 3 miliardi alla tedesca Deutsche Bank

In questi anni segnati dalla crisi lo Stato italiano ha perso una cifra superiore a tre miliardi di euro in una serie di scommesse finanziarie ad altissimo rischioeffettuate con Deutsche Bank. È la conclusione che si può trarre dall’esame di una serie di contratti finanziari con caratteristiche molto particolari, chiamati in gergo derivati, stipulati fra i nostri governi e il colosso bancario tedesco a partire dal maggio 2004. Accordi riservatissimi, più volte modificati almeno fino al 2015 e tuttora in vigore, ma finora mai pubblicati. Fanno parte di quel complesso di contratti derivati che da anni sono al centro di aspre polemiche proprio per l’entità delle perdite subite dall’Italia. E per la segretezza che li circonda.

Di recente due dirigenti del ministero dell’Economia e due ex ministri, Domenico Siniscalco e Vittorio Grilli, che respingono ogni accusa, si sono visti addebitare dalla procura della Corte dei Conti di aver causato danni miliardari alle casse pubbliche attraverso alcuni derivati siglati a suo tempo con un’altra grande banca, l’americana Morgan Stanley, che all’inizio del 2012 passò all’incasso facendosi versare dall’Italia ben 3,1 miliardi di euro.

Io già me lo immagino il buon Padoan che viene eletto a Siena nella tana del Partito Democratico, quello che ha contribuito a distruggere il Monte dei Pasci di Siena, un ministro lungimirante che prima del crollo di Wall Street a Davos, tra una tartina al caviale e una coppa di champagne ha dichiarato candidamente…

Non male come consiglieri economici!

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.5/10 (19 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +13 (from 13 votes)
VIX INDICE DELLA PAURA: LEMMINGS MOMENT!, 9.5 out of 10 based on 19 ratings
26 commenti Commenta
aorlansky60
Scritto il 7 febbraio 2018 at 12:10

In questi anni lo Stato italiano ha perso una cifra superiore a tre miliardi di euro in una serie di scommesse finanziarie ad altissimo rischio effettuate con Deutsche Bank. 3 MILIARDI di € PERSI dallo STATO Italiano regalati a DB

come se non bastavano quelli che lo Stato ITA ha già “perso” in questi anni verso JPMorgan, attraverso simili operazioni,

ma siccome questi, alla fine, sono SOLDI PUBBLICI, un qualsiasi cittadino italiano non può fare a meno di chiedersi :

1) come poche persone all’interno del Min.d.Tesoro abbiano in mano la facoltà di decidere per 60 milioni di persone

2) se queste persone sono “accreditate” (ovvero se posseggono e IN CHE MISURA CAPACITA’ TECNICA in materia) per operare tali tipi di scelte

e

3) quali sono gli eventuali “consulenti” di supporto che consigliano ai primi tali scelte, e qui non posso che pensar male. (molto MALE)…

    icebergfinanza
    Scritto il 7 febbraio 2018 at 12:36

    Apatia e tolleranza sono le ultime virtù di una società di FESSI!

andrea357
Scritto il 7 febbraio 2018 at 13:04

ma essere coperti dal rischio significa aver acquistato derivati CDS per caso? Se si allora chi ha venduto questi derivati ci sta rimettendo e anche parecchio.

reragno
Scritto il 7 febbraio 2018 at 13:07

Domanda: ma se gli etn short sul Vix vengono liquidati a causa delle ingenti perdite, vuol dire che manca una mano artificiale che mantiene il mercato a volatilità bassissima. Ego questo dovrebbe posizionarsi a livelli più alti e rendere il mercato azionario molto, ma molto complicato e molti ovviamente torneranno sui Treasuries e sul dollaro. Giusto?

veleno50
Scritto il 7 febbraio 2018 at 14:03

aor­lan­sky60,

Caro Aorl tutto fa brodo .Alitalia Pozzo senza fine,3,5 miliardi dati ad intesa per l’acquisto delle banche venete,Mps idem,Noi pensionati con oltre 65 anni è tutto gratuito nella sanità, credo che ci sei anche tu da questa parte.un dipendente sotto i 65 anni con due figli a carico se fa le analisi del sangue o lastre,non parliamo di visite particolari,con uno stipendio da 13 mila euro deve pagare tutto. Le domande che ti poni sono inutili come le risposte.Deve saltare il tappo come in una bottiglia di spumante ,sbattiamoli bene vedrai che qualcosa si ottiene.Noto però che auspichi un ritorno del vecchio Silvione,Salvini,e cocomeri.Un ritorno al glorioso centro destra.Il passato se ci resti aggrappato non riesci a nuotare.Ciao carissimo

signor pomata
Scritto il 7 febbraio 2018 at 15:20

Ho iniziato a leggere il sito della coldiretti.
Una fonte di notizie continue.
Per esempio inflazione scende per colpa del tempo…che arriveranno altri 18000 stagionali mentre quelli che teniamo all inclusive non fanno un cazzo e con gli accordi di libero scambio il parmisao o roba simile è tutto in regola per ue.
Poi vari articoli che mettono in luce che fare agricoltura non copre i costi figurarsi gli ammortamenti.
Meglio importare.
Tutto bene ….avanti cosi.

signor pomata
Scritto il 7 febbraio 2018 at 15:22

Tra domani e venerdi si vedrà se è una furbata dei soliti noti o siamo in presenza di altro.
Di solito tappano i ribassi per il fine settimana…

aorlansky60
Scritto il 7 febbraio 2018 at 15:43

@ Veleno

non mi interessa nulla di berlusconi -anzi a pensare agli anni 2000 e ad alcuni suoi governi di cdx mi viene il vomito, lo stesso vomito e disgusto che provo da 6anni partendo da monti passando per renzi terminando con paolo “zerbino” gentiloni, con tutto il vostro pd di csx;

Vedo che non sei ancora riuscito ad interpretare correttamente il mio pensiero a livello politico; ho un sogno anche se molto probabilmente irrealizzabile : di svegliarmi il 5 Marzo c.a. con la LEGA al 50% del TOTALE; accorpandoci anche FdI di Giorgia Meloni si riuscirebbe davvero a fare “piazza pulita” (non solo della inutile trasmissione tv de La7) una volta per tutte. Magari quello stesso giorno le piazze Europee crollerebbero del 15% a causa di questo, ma tu sai bene come me che sarebbe un OTTIMA opportunità di comprare al ribasso. ;-)

Ma assai più verosimilmente silvione e “il tuo” m.renzi si sono già accordati come hanno già fatto nel recente passato, stai tranquillo che assai probabilmente nulla è destinato a mutare, e Tu e quelli della tua classe godrete ancora dei privilegi che hai appena descritto (dei quali mi tiro fuori, NON essendo io pensionato, grazie al “tuo” m.monti e alla “tua” UE).
:-)

phitio
Scritto il 7 febbraio 2018 at 15:44

VI allego il testo di una canzone di Caparezza, che, come quelli che sono svegli e attenti, aveva capito e descritto per bene la follia di questo tempo in finanza.

se ve la volete anche sentire, eccola qui
https://www.youtube.com/watch?v=87NidRdineg

Testo Titoli

Mibtel nasdaq dqw jones
consod, codacon
comit edison juck bond
nella dance hall del dot com

ecco qui l’mc di wall street
butta un BTP sull’Lp col beat
sono il big del MIB
negli slip ho un MIG
col cheque to cheque
chick to chick
come Bill qui si investe in bit
punto sul .com e sul .it
un tris di titoli e faccio il vip
con un trip chic a shar, el sheik
prosit per ogni profit
io ne approffito finche c’ho sprint
vendo telecom e tim
vendo liquidi nelle banche in
spacco tutto col mio team
CCT come cocci di vasi ming
new economy sono qui sul ring
che muoio per te come sugar e sting

RIT
Ho una borsa piena di titoli
per articoli incomprensibili
nn capirete mai…non capiremo mai

Ogni BOT e una hit per la top ten
una jam di quote dell’IBM
lo spendo il mio tempo in un tempio zen
no ying no yang ma yen su yen
con il mio cayenne torno da maman
in on il Mac e off la webcam
Sturo la ram con un antispam
metto su nike made in vietnam
fiumi di euro sotto il kajak
mari di dollari dall’Iraq
parmalat in crack
Callisto in frack
ci si dopa di OPA poi patatrac
Ciack e la SPA fa da star
tocchi di fard alla credit card
io depravatoda presa SCART
spingo l’enel-core nell’hard

RIT.

Caro prezzi di brent
auto for rent guerra adesso
e l’exxon da il brand
l’opec attente il trend
incrementa il greggio in punti percent
hallo come spank sono il PIL
e muto la gente di Playmobil
io faccio blu la famiglia Mezil
chi si fida di CGIL CISL e UIL?
Nella CEE c’è chi teme Billy the kid
e gli fa fare BOND in “license to kill”
casca il mondo e da london a madrid
si dividono i danni con una CID
Su e giù su e giu la borsa va
messieurs bonjour comment ca va?
da bankitalia alla bundesbank
sono soldi da soliti solidi tank

barbagianni
Scritto il 7 febbraio 2018 at 16:01

Mi chiedevo..fosse stato contattato dal M5S in qualità di esperto sulla finanza e con certi principi mi sembra di capire..avrebbe accettato? Per favore risparmiatemi gli inutili e soliti attacchi da peste bubbonica…e mi scuso già per..come si può dire..averla tirata per la giacca? La seguo da qualche tempo capendoci poco e investendo 0 semplicemente perchè cerco di essere informato.Ho comprato il suo libro e l’ho regalato per Natale ad un familiare..un pensionato del monte dei paschi! Gli è piaciuto e le ha fatto una gran pubblicità! Buone cose

phitio
Scritto il 7 febbraio 2018 at 18:25

Chi ha trascritto il testo non se ne intendeva di finanza
:D:D

apprendista
Scritto il 7 febbraio 2018 at 18:33

LU1459800113 sono sicuro che gia’ lo conoscete ma questo ETF investe in tds usa long term con copertura valutaria,puo’ essere un buon strumento al fine di evitare il tracollo per il cambio anche se immagino che copertura costi,poiche’ non ho mai investito su uno strumento coperto cosa accade se il $ tornasse a salire? lo strumento sarebbe penalizzato? oppure e condizione indifferente? qualsiasi osservazione e’ ben accetta.
Saluti

omnia_funds
Scritto il 7 febbraio 2018 at 18:52

Il mercato è ancora rialzista…..fino a prova contraria.
Era nell’aria una correzione, come indicato nel precedente commento, che doveva essere esplicitata ad inizio febbraio o al più tardi dopo la metà di questo mese…e così è accaduto.
Certamente non mi sarei aspettato niente del genere ma quando la molla è cosi tirata quello che avviene lo abbiamo visto…
Tutto perso allora e inauguriamo il bear market? Non credo…fino a prova contraria.
Il giocattolo si è retto, certo… ma fintanto che il mercato regge quota 2.530 non darei il toro al macello… Quindi dopo un primo rimbalzo, che stà avvenendo, ci sarà (credo) una nuova recrudescenza dove potrà anche fare nuovi minimi ma se la volatilità non supera il picco precedente, quota 50, e saremo in divergenza positiva su alcuni indicatori, potremmo tentare un ingresso al rialzo..stop rigido 2.500 area ovviamente di sp500. Molto probabilmente ci vorrà del tempo, diciamo qualche settimana ma prima del vero calo, a mio avviso, dovremmo riavvicinare e/o superare il precedente massimo…
il USD è anch’esso al ribasso fino a prova contraria e lo sarà finchè stazionerà sopra 1,20 neutrale tra 1,20-1,1750 ..in rafforzamento sotto 1,1750…ma in questo flash crash nessun rafforzamento è avvenuto…quindi come detto più volte ci sarà bisogno di un catalizzatore ben più drammatico per rafforzare il dollaro.
Non entro nel merito dei titoli di stato americani, in quanto il padrone di casa è più esperto di me, come detto il mio stop si è attivato sopra 2,60 T-Note…ma sono fortemente tentato al riacquisto…per ora pazienterò.
Saluti.

    icebergfinanza
    Scritto il 8 febbraio 2018 at 09:44

    IL VIX è morto non ha più valore come indicatore ZERO! Per quanto riguarda il rimbalzo o amenità varie la ferita inferta nella psicologia degli investitori ci accompagnerà sino alla fine della prossima crisi.

laforzamotrice
Scritto il 7 febbraio 2018 at 20:20

aorlansky60,
“Tu e quelli della tua classe godrete ancora dei privilegi che hai appena descritto (dei quali mi tiro fuori, NON essendo io pensionato, grazie al “tuo” m.monti e alla “tua” UE).” Mi sembra di capire che ti sarebbe piaciuto far parte dei privilegiati? Che storia, tutti vogliono cambiare i suonatori, ma nessuno vuol cambiare la musica.

sd
Scritto il 7 febbraio 2018 at 22:55

aor­lan­sky60,

Condivido in pieno il tuo pensiero sulla nostra vecchia classe politica, ma purtroppo sono convinto che non potrà essere cambiata dall’interno. Il singolo politico non potrà mai contrapporsi……nè và della sua vita….e non solo in senso letterale.
Noi elettori possiamo solo sperare di fare più “danni possibile”, e spero che ci riusciamo, nel mandare a casa più vecchi possibile. Anche se credo sarà improbabile, i sondaggi danno il M5S al 26-29% il PD al 22-25% (ma chi sarà mai che ancora lo vota???????) FI al 15-18% LegaNord al 11-14% Fratelli Italia 4-5% e comunque il centrodestra in vantaggio con circa il 35-39%.

Comunque in economia con i “numeri” non si può imbrogliare all’infinito, come si è anche visto ultimamente nei mercati finanziari ( e sicuramente è solo l’inizio). Se la società consumistica vuole sopravvivere dovrà avere dei “consumatori” con soldi da spendere.
Se continueranno a creare giovani e non disoccupati, lavoratori precari, pensionati al minimo, in pratica sempre più povertà e disuguaglianze si daranno la “zappa sui piedi” da soli,

SD

charliebrown
Scritto il 7 febbraio 2018 at 22:55

ice­berg­fi­nan­za,
“Apatia e tolleranza sono le ultime virtù di una società di FESSI!”

Quindi meglio emozionarsi con questo link:
https://www.youtube.com/watch?v=sGhzRcAHA3g

e indignarsi con questo:
https://www.youtube.com/watch?v=ccpHBnmqibM

entrambi per la serie “c’é EUROPA e europa”

Se vado fuori tema o sono troppo rumoroso, il moderatore mi oscurerà.

idleproc
Scritto il 8 febbraio 2018 at 02:06

aorlansky60,

Scusami ma al di là della buona fede e delle buone intenzioni di qualche esponente, gli italiani non sono rappresentati, esiste un partito unico con un’unica strategia reale, non esiste invece , allo stato attuale, un’alternativa all’interno delle rappresentanze e dubito che esisterà.
Tecnicamente hanno creato una situazione win-win, qualsiasi sia il risultato elettorale, anche senza tarocchi, per scomposizione delle “alleanze”, fratture provocate all’interno dei “partiti”, etc,, il risultato sovrastrutturale sarà sempre “win” come “programmato” nei centri di potere reali in “europa”.
Nel popolo italiano (e non solo), giù in basso, sta però accadendo altro che è quello che temono, temono che si formino dei partiti veri.

veleno50
Scritto il 8 febbraio 2018 at 07:47

re­ra­gno@fi­nan­zaon­li­ne,

Io credo che tu debba guardare il prezzo del petrolio,da aprile 2017 il prezzo è in salita continua è il Dollaro collassa.Se c’è ripresa economica nel mondo il prezzo del petrolio non può che salire, ci vuole pazienza il dollaro per ora non sale.Un piccolo esempio ieri stornata petrolio ,ottimo comportamento del dollaro.Il tuo ragionamento sul sull’indice VIX è inadeguato.Ciao

aorlansky60
Scritto il 8 febbraio 2018 at 10:30

@ Laforzamotrice

Mi sembra di capire che ti sarebbe piaciuto far parte dei privilegiati?

È da diverso tempo che interloquiamo, ma vedo che non sei riuscito ad inquadrare il mio pensiero, per ciò che concerne “la mia personale visione della Vita”.

Per me non chiedo nient’ altro di quanto ho onestamente guadagnato con il mio LAVORO – quasi 40anni ormai;

Nei miei pensieri, quello che auspico NON è lamia RICCHEZZA MATERIALE PERSONALE, ma UN MONDO GIUSTO (che questa Terra non vedrà mai, probabilmente) dove i privilegi NON ESISTONO. E dove tutte le persone possano vivere potendo contare ciecamente le une sulle altre, fidandosi le une delle altre; UTOPIA PURA, conoscendo le basi dell’ordinamento sociale/economico che guidano l’Uomo da millenni…

che senso ha vivere in un ambiente come il mondo che conosciamo ? dove tutti diffidano di tutti e tutti vivono combattendo contro tutti (idealmente parlando) aspirando ad uno status sociale “più elevato del mio prossimo”, frutto di competizione esacerbata, a volte anzi spesso oltre il lecito consentito, perchè QUELLO È IL MODELLO da SEGUIRE ?

Ma con tutto il marcio che siamo riusciti ad edificare (intendo la specie Umana nel suo complesso) arrivati al punto in cui siamo arrivati (IL PEGGIO del PEGGIO di sempre, a partire dai tempi della comparsa del Neanderthal Sapiens, 100.000anni fà) per fare LE PULIZIE in modo da arrivare a quell’obiettivo, occorrerebbe realizzare un CAOS TALE che la cura diverrebbe autolesionista e controproducente, meglio lascia perdere e pensare ad altro.

A volte comprendo John Ludd e il suo bisogno di abbandonare il mondo che conosciamo (mattoni cemento asfalto) per concedere agli occhi, alla vista e alla mente qualche mese di purezza come solo certi luoghi incontaminati dalla presenza dell’Uomo (ancora per quanto?) riescono a dare.

aorlansky60
Scritto il 8 febbraio 2018 at 10:48

@ Idleproc

al di là della buona fede e delle buone intenzioni di qualche esponente, gli italiani non sono rappresentati, esiste un partito unico con un’unica strategia reale, non esiste invece, allo stato attuale, un’alternativa all’interno delle rappresentanze e dubito che esisterà.

Il paradosso è che pensiamo di riuscire a cambiare lo stato delle cose con il nostro prossimo voto (sempre che questi vada in una direzione che auspico, penso di essere stato chiaro circa “la direzione”…),

mentre abbiamo a che fare con UN ORGANIZZAZIONE già ampiamente collaudata, consolidata e riconosciuta, che sovraintende tutta l’Europa dettando “la legge” a tutti i Paesi membri,

e nello stato di “paese debole” [come si ritrova l’Italia] all’interno di questa organizzazione, abbiamo poco da sperare in un miglioramento del paese (al di là di come vada il voto italiano delle prox politiche) perchè LA LEGGE è quanto ci viene ordinato di seguire da nord : “rigore nei numeri, rispetto dei trattati, fiscal-compact” e via a seguire.

La recentissima apertura di M.Schultz “ad investimenti che escano dalla Germania per interessare tutta Europa, anche le economie più fragili” costituisce una piccola speranza, anche se io personalmente ho imparato a diffidare fortemente dei tedeschi; insomma : “ci credo quando lo vedo”.

will
Scritto il 8 febbraio 2018 at 11:51

sd@finanza,

Non mi fiderei molto dei sondaggi, possono essere pilotati a piacimento per influenzare l’opinione pubblica. Lo dico per esperienza personale. Essendo iscritto per partecipare a sondaggi per una società importante a livello nazionale, posso dirvi che periodicamente mi hanno chiesto per chi avessi votato in passato e per chi avrei votato alle prossime politiche. Forse sono troppo diffidente, ma visto che ormai è un po’ di tempo che non me lo chiedono più, e che le percentuali di chi ho scelto sono molto in dimimuizione nei sondaggi fatti da loro, forse qualche speranza c’è ancora.

reragno
Scritto il 8 febbraio 2018 at 12:10

Riporto questo flash secondo fonte Bloomber : se la Bce è in contatto perchè scendono 3 giorni i mercati, vuol dire che la realtà è molto peggio di quanto ci vogliono far credere.

Poco fa è uscita un’indiscrezione di Bloomberg che, citando una fonte anonima, ha segnalato contatti in corso tra la BCE e gli operatori di mercato. Il motivo è valutare se il recente sell off sull’azionario pone un rischio alla stabilità finanziaria. La fonte anonima ha comunque precisato che tali interazioni tra BCE e operatori di mercato fanno parte dei colloqui regolari che intercorrono tra le parti.

Ø Sarebbe emerso che la BCE non è ancora molto preoccupata dei recenti sviluppi, poiché ritiene che si tratti di una correzione delle borse da livelli di prezzo eccessivamente elevati.

Ø Lo Staff BCE starebbe comunque monitorando la situazione per verificare il rischio che la spirale al ribasso delle quotazioni si autoalimenti..

Ø Reazione mercati: sulla notizia si è assistito ad un rimbalzo delle borse europee, con quelle USA in positivo e con un calo marcato dell’indice di volatilità VIX

phitio
Scritto il 8 febbraio 2018 at 12:42

Visto che si e’ parlato, anche se di striscio, di petrolio, gustatevi questo articolo che vi speghera’ come mai questa qui potrebbe essere una delle regioni che detoneranno il meltdown economico finanziario prossimo venturo

https://tinyurl.com/yd4v4mkp

Dopotutto, e’ solo questione di vedere se in certi ambienti di investimento troppo tirati, un certo numero di persone decide di ritirarsi e cosi’ innescare una valanga di gente in fuga

omnia_funds
Scritto il 8 febbraio 2018 at 13:30

icebergfinanza,

Posso essere d’accordo sul vix ,ma ne hai parlato e mi sono inserito nel discorso.
Se parliamo di altri indicatori, tipo lo SKEW, o altri strumenti non penso che molti capirebbero quindi che attengo alla trama.
Prima del rimbalzo , quello vero, serve una nuova caduta….il processo di distribuzione c’è sempre stato, seconda opportunità di uscita.
Non bado molto alla psicologia degli investitori, non è il mio mestiere…
A dati oggettivi cambierò la mia visione, per ora è tale…
Saluti.

laforzamotrice
Scritto il 8 febbraio 2018 at 17:55

aorlansky60,

Non siamo più stronzi adesso di quanto lo fossimo in passato, solamente abbiamo mezzi più potenti. Oggi uccidi con una mitragliatrice 100 persone, allora ne uccidevi 5 con la spada, non è la ferocia che è cambiata, solo utilizziamo mezzi più efficaci. Stessa cosa in economia, se guardi nel passato la sperequazione economica era anche peggiore, quindi in teoria non dovremmo lamentarci più di tanto. Certo, oggi avendo molte più informazioni ti rendi conto meglio (a quei non molti a cui interessa) quanto siamo infami.

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Avvio brillante per il Ftse Mib che agguanta l’obiettivo grafico dei 21.500 punti. Attualmente sca
Uno dei pilastri fondativi della previdenza complementare è  l’adesione volontaria. Questo princ
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
https://youtu.be/18w1cyr7dwQ Google Pay sbarca anche in Italia. Il nuovo servizio del colosso tec
Trovare il giusto equilibrio tra lavoro, produttività e vita privata. E' il desiderio espresso da
Si amplia ulteriormente la gamma degli strumenti di investimento emessi da Banca IMI, grazie a 8
Ftse Mib: prosegue al rialzo il Ftse Mib e conferma il break dei 21.122 punti e della trend line rib
A forza di dire che piove, qualcuno prima o poi ci prende. Il difficile è capire quanto piover
Era il 24 gennaio di un ormai lontano anno del Signore 2007, quando un ragazzo qualunque apri un
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec