NPL: CREDITI DETERIORATI…LIQUIDARE LIQUIDARE LIQUIDARE

Scritto il alle 11:00 da icebergfinanza

Ieri il nostro ministro dell’ottimismo, quello che negli ultimi tre anni sosteneva che il debito sarebbe crollato, di fronte all’ennesima esplosione del debito ha dichiarato…

Il debito pubblico sale ancora. Padoan rassicura 

“Verso riduzione aggressiva”

Padoan rassicura sul debito. Il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, prevede “un calo deciso del debito in un prossimo futuro” grazie alla più alta crescita del Pil nominale. Il ministro spiega alla Cnbc, che il governo italiano si aspetta innanzitutto che l’1,5% di crescita del Pil nel 2017 stimato nel Def “sia confermato”, ma ritiene anche che tale cifra possa essere superata. “La fiducia degli investitori nei titoli di Stato dell’Italia è intatta”

Magari rassicura come ha fatto negli ultimi anni, vero PierCarlo?

ITALIA: IL DEBITO PUBBLICO NON SCENDERA’!

Padoan: il 2016 sarà l’anno della svolta, il debito pubblico calerà

poi nel 2017…

Padoan: debito pubblico Italia si è fermato, ora scenderà

Suppongo che quando il ministero dell’ottimismo parla di riduzione aggressiva parli di privatizzazioni o no?

Ci dispiace ma anche questa volta abbiamo avuto ragione, liquidare quote di aziende che sono galline dalle uova d’oro per abbattere il debito è stata un’autentica fesseria, la verità è figlia del tempo, ma si sa chi vive sperando, muore…

Abbiamo passato gli ultimi due anni a raccontarvi che solo un demente può pensare di liquidare crediti deteriorati ai livelli attuali, solo un ignorante può adeguarsi alle richieste di un manipolo di burocrati e tecnocrati che impone di liquidare crediti che hanno valori nettamente superiori a quelli che si ottengono oggi sui mercati.

In America come abbiamo visto, hanno cambiato le regole in cinque secondi, il problema era un altro, loro hanno permesso alle banche di valutare asset, derivati o titoli strutturati a prezzi di fantasia, “mark to fantasy”vlo lo splendido artificio contabile conosciuto comunemente come FAS 159, creato dagli architetti della nuova generazione finanziaria, che ha permesso ai bilanci delle istituzioni creditizie di superare temporaneamente lo tsunami prodotto dalla piccola farfalla subprime.

LA FONTE DELL’ETERNA GIOVINEZZA!

ESPLORANDO LA FONTE DELL’ETERNA GIOVINEZZA …

Invece no, da noi, pur di demolire tutto il sistema bancario italiano, si vuole tutto e subito, valutato mark to market, crediti deteriorati compresi, non uno solo ha imparato la lezione del Giappone, della crisi giapponese a Francoforte.

A nessuno salta in mente di cambiare le regole in senso positivo, per attendere nel tempo una vera e sana ripresa dell’economia e dei crediti deteriorati.

Risultati immagini per npl banca d'italia 2016

Ovviamente del terzo livello di Deutsche Bank, guai a parlarne, la classe dirigenziale di questo Paese o è corrotta e si è venduta o è semplicemente ignorante.

BASILEA TRE: DEUTSCHE BANK UNO DUE E …TRE! 

Proprio ieri, grazie alla segnalazione di un amico, puntuale ecco il bollettino della banca d’ Italia…

Banca d’Italia – N. 11 – I tassi di recupero delle sofferenze nel 2016

La presente nota aggiorna al 2016 le stime sui tassi di recupero delle sofferenze pubblicate con la Nota di stabilità finanziaria e di vigilanza n. 7 e presenta un’analisi comparativa delle caratteristiche delle sofferenze chiuse rispetto alle consistenze in essere alla fine del 2016. I dati, insieme ad alcune disaggregazioni di dettaglio commentate ma non riportate nel testo, vengono resi disponibili in formato elettronico. Dall’analisi emergono i seguenti risultati principali.

◾Nel 2016 il controvalore delle posizioni chiuse ha raggiunto il massimo dal 2006 (17 miliardi, contro i 13 del 2015), principalmente per effetto dell’aumento delle cessioni sul mercato. Tale valore rimane inferiore a quello dei nuovi ingressi in sofferenza, ma la differenza si è più che dimezzata nell’ultimo triennio. Il numero delle posizioni chiuse è stato superiore a quello delle posizioni aperte.

Nel 2016 il tasso di recupero medio si è attestato al 34% (35% nel 2015 e 34% nel 2014).

La lieve riduzione ha riflesso il significativo incremento della quota delle cessioni, caratterizzate da tassi di recupero che si mantengono notevolmente inferiori rispetto a quelli conseguibili attraverso le procedure ordinarie. Per contro, è aumentato il recupero medio ottenuto tramite cessioni sul mercato (23% contro 20% nel 2015).
◾Prosegue il graduale incremento della velocità di smaltimento delle sofferenze. La quota di posizioni chiuse entro un anno dall’ingresso a sofferenza, scesa sino a un minimo del 20% nel 2012, è risalita al 38% per le posizioni aperte nel2015. In termini di importi, il rapporto fra l’ammontare delle sofferenze chiuse in ciascun anno e lo stock esistente all’inizio del periodo, che aveva toccato il minimonel 2013 (6%), nell’ultimo triennio è stato sempre superiore all’8%, attestandosi al di sopra del 9% nel 2016.
◾I tassi di recupero osservati di recente non sembrano sovrastimare i recuperi che potranno essere conseguiti nei prossimi anni. Infatti le posizioni chiuse nel periodo 2006-2016, su cui sono calcolati i tassi di recupero, presentano una anzianità nettamente maggiore rispetto a quella media della consistenza di posizioni in essere a fine 2016, e una minore incidenza di quelle assistite da garanzie reali. La composizione per settore di controparte (famiglie, imprese) e la ripartizione geografica (nord, centro, sud) appaiono sostanzialmente analoghe.

Ma tu pensa ci sono banche che vengono costrette a liquidare NPL a 5/10/15 centesimi e il tasso medio di recupero è di 34/35 centesimi con un’economia depressa, figurarsi nei prossimi anni quando il ciclo economico si riprenderà.

Bravi complimenti, quelli della BCE prima hanno imposto austerità e deflazione da debiti, amplificando sofferenze e insolvenze aziendali e personali, poi vogliono dare il colpo di grazia imponendo copertura totale. Auguri Ragazzi, ne abbiamo davvero bisogno, anche perché in Italia, l’argomento del giorno è… il nulla!

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (10 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +9 (from 9 votes)
NPL: CREDITI DETERIORATI...LIQUIDARE LIQUIDARE LIQUIDARE, 10.0 out of 10 based on 10 ratings
Tags: ,   |
12 commenti Commenta
aorlansky60
Scritto il 16 novembre 2017 at 12:35

1ma considerazione : a lui (padoan ndr) cosa gliene viene ?

visto che tempo 4, max 5 mesi, l’esecutivo attuale sarà solo un ricordo sostituito da nuovo esecutivo di governo che uscirà dalle urne elettorali, egli può sparare qualsiasi sciocchezza come suo solito, come quando affermò all’inizio del 2016 che “il livello di debito pubbl Italiano diminuirà certamente, grazie alle misure messe in atto dal governo, anche senza crescita di pil” cosa che, quando la lessi dalle agenzie mi fece venire i brividi (in considerazione del personaggio messo nella posizione di Min.d.Finanze d.Repubblica) e che passata la perplessità del primo momento mi convinse che a quel punto tanto valeva essere governati da quattro scimmie dello zoo, che non avrebbero fatto peggio di “renzi & padoan”…

2nda considerazione : di tutta la FACCENDA (debito pubblico nazionale, banche italiane e relativi NPL) che stà bollendo e che si va prefigurando, lui non è preoccupato dato che l’osservazione sui conti ITA da parte della Com.UE scatterà a Maggio2018 e ricadrà sul futuro esecutivo di governo,

e a tal proposito c’è già chi inizia a mettere le mani avanti :

http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/11/16/IL-CASO-Pomicino-sulle-banche-in-arrivo-uno-shock-per-gli-italiani/792714/

ora, dalle dichiarazioni del (poco)stimato ex min d. Finanze anni 80, non so se prenderle per terrorismo annunciato o per altro, a ognuno la propria interpretazione… ma il fatto è che i segnali (ed iniziano ad essere di un certo numero) non sono per nulla buoni per quello che concerne il 2018 degli italiani.

Per ultimo : non dimentichiamo mai il sistema in cui Italia e Italiani si sono venuti a ritrovare (UE e €uro), nel quale qualsiasi esecutivo di governo italiano, presente o futuro, non possiede più alcuna capacità decisionale in fatto di scelte economiche da applicare al ns paese, dato che quelle più importanti e significative vengono prese a Bruxelles e trasmesse poi a Roma (con l’invito di applicarle da parte dei primi).

signor pomata
Scritto il 16 novembre 2017 at 13:34

Il ciclo economico si riprenderà?
Bella notizia andrea ma non ci conterei molto anzi non ci conterei.

will
Scritto il 16 novembre 2017 at 13:35

aorlansky60,

Cosa gliene viene? Fa propaganda, nella speranza, spero vana, di imbrogliare un numero sufficiente di elettori.

Per quanto riguarda l’ormai perduta sovranità del nostro paese, abbiamo solo la possibilità di scegliere chi propone di riappropriarcene.

giobbe8871
Scritto il 16 novembre 2017 at 14:15

Finchè resteremo sotto l’UE niente ripresa economica

giobbe8871
Scritto il 16 novembre 2017 at 14:18

FAS 159 x le Big Bank

MaxiLiquidazione NPL x le nostre Banche…Ahh

aorlansky60
Scritto il 16 novembre 2017 at 14:20

@ Giobbe8871 :

Finchè resteremo sotto l’UE niente ripresa economica

breve e conciso, ma chiaro e tagliente. Ovviamente concordo al 100%.

apprendista
Scritto il 16 novembre 2017 at 17:56

http://www.wallstreetitalia.com/previsioni-goldman-sachs-i-principali-consigli-investimento-per-il-2018/
I consigli di GS ,l’opposto di quanto dice il capitano,voi di chi vi fidate di piu? ahahahahahahhahahahahahhaha

stanziale
Scritto il 16 novembre 2017 at 18:59

apprendista@finanza,
Finche’ trova dei gonzi che gli credono…mi ricorda un negozio di comproro che da anni fuori della porta espone un cartello con su scritto : ritiriamo il vostro oro, rotto o nei cassetti; usato o fuori moda. Sic.

laforzamotrice
Scritto il 16 novembre 2017 at 19:00

Ma di che cazzo parliamo? Venduto Salvator mundi del Leonardo da Vinci per 450 milioni di dollari. Ma andiamo tutti a fanculo, roba da fare fuoco al mondo, invece nulla. A lasciare fare a me a quella gente la chiuderei tutta insieme nei loro caveau insieme alle loro croste. Sì mangino quelle.

signor pomata
Scritto il 16 novembre 2017 at 20:46

ap­pren­di­sta@fi­nan­za,

Quando leggo sta roba mi viene voglia di mettere pure le mutande sui tbond

icebergfinanza
Scritto il 17 novembre 2017 at 08:15

Goldman chi? Quelli che nel 2013 consigliavano di shortare treasury e poi nel giro di un anno abbiamo assistito ad un rialzo dei prezzi del 27% ? Piuttosto chi prova a manipolare i tesorucci…
Muore ! ;-) http://www.finanzaonline.com/notizie/fondi-pensione-allattacco-dei-colossi-wall-street-laccusa-e-di-manipolazione-treasuries

vito_t
Scritto il 17 novembre 2017 at 13:06

laforzamotrice@finanza,

… hai ragione , ma io non chiuderei nemmeno a chiave … salderei proprio tutto qualche saldatore di buona volontà lo troviamo stanne certo !
… Andrea ? non è affidabile ! non è riuscito a dirmi con “assoluta certezza” l’anno il mese il giorno e il minuto di quando il Dax invertirà … e dire che non sono pretenzioso, il secondo non mi interessava …. per me è un ciarlatano …

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
FTSE Mib: l'apertura di oggi dell'indice tricolore italiano mostra la stessa incertezza di ieri, qu
Ieri scherzando ma non troppo, abbiamo scritto che un'ondata di terrore ha attraversato l'Europa
Il 12 dicembre 2017 si è tenuto a Roma presso l’Università Luiss l’Assemblea annuale dei F
PREVISIONE Periodo complesso da decifrare per questa valuta! Dando per scontato l'iniz
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
La disinformazione e la confusione che regna nell'opinione pubblica attorno a Bitcoin e le cript
Contenuti del Percorso, Location, Orari e Costo alla Sezione Percorso sulla Te
Oggi, prima di fare la nostra analisi quotidiana, vorrei spendere 2 parole sul Bitcoin e le Blockc
Oggi prima di parlare della previsione vorrei raccontare di una riflessione che ho fatto venerdì do