CURVA DEI TASSI: LA BATTAGLIA DI GETTYSBURG

Scritto il alle 09:40 da icebergfinanza

Ieri l’ennesimo segnale, la famigerata curva dei tassi suggerita dal nostro Machiavelli ha lanciato l’ennesimo segnale inequivocabile, la battaglia di Gettysburg, la più importante della guerra in corso, sta per entrare nel vivo…

” … il comandante Yanet Yellen dovette scegliere, dopo il fallimento sostanziale dei suoi attacchi  sui due fianchi della deflazione da debiti, tra un difficile attacco frontale al centro delle difese nemiche o la ritirata. Essendo in inferiorità numerica e senza speranza di rinforzi, mantenere la posizione senza prendere l’iniziativa avrebbe esposto le sue truppe al rischio di essere accerchiate e distrutte dalle preponderanti forze nemiche che potevano accorrere da tutta l’economia globale. (…) L’azione dell’artiglieria non fu sufficiente ad indebolire in modo decisivo le solide linee della deflazione da debiti, e nonostante gli sforzi della fanteria inflazione lanciata all’attacco, l’azione fallì completamente con perdite elevatissime. Le tre divisioni della colonna d’attacco, tra morti, dispersi, feriti e prigionieri, subirono perdite superiori al 50%. Diverse brigate furono quasi completamente distrutte e il generale Yanet fu costretto a ripiegare a sud del Potomac.

La battaglia di Gettysburg segnò un momento decisivo della guerra, vanificò le grandi speranze dell’inflazione e rafforzò la determinazione del presidente Irving Fisher degli stati dell’Unione a continuare il conflitto fino alla totale sottomissione degli stati secessionisti fedeli all’inflazione…

Come abbiamo spiegato recentemente ieri, la curva dei rendimenti, lo spread tra i rendimenti a 5 anni e quelli a 30 anni è letteralmente crollato al più basso livello dal mese di novembre del 2007 con il rendimento del trentennale che ritorna sotto il 2,85 %.

Rendimenti  USA a 5 anni 2,01%

Rendimenti USA a 30 anni 2,85 %

Ormai siamo abbondantemente sotto lo spread dell’1 %, il nostro indicatore preferito.

Lasciate perdere la vecchia curva dei tassi, nel breve è manipolata dalle banche centrali, seguiamo la storia e l’analisi empirica, da oltre CENTO ANNI ogni recessione è annunciata dallo spread 5/30 year.

Ora siamo ad un differenziale dello 0,84 , sotto 1 l’economia americana negli ultimi cento anni non è mai sfuggita ad una recessione, MAI!

Una sintesi veloce è che il generale Yanet Yellen cercava di sfondare disperatamente da tempo l’accerchiamento al centro dello schieramento avversario, ma il muro dei remdimenti a lungo termine che non ne vogliono sapere di salire, sta portando alla sconfitta la Fed, un barriera secolare agli ordini della deflazione da debiti e del fuoco di sbarramento di artiglieria pesante, quotidianamente comandato dalla demografia e dal progresso tecnologico, oltre che dalla demenziale deflazione salariale imposta dalle elites.

I dati macroeconomici di ieri servono poco o nulla, positivi o negativi che siano a noi interessa solo evidenziarvi che la nostra chiamata in primavera della fine della ripresa del mercato immobiliare è supportata dai fatti…

[Chart]

Nel frattempo la forza attuale del dollaro potrebbe proseguire sino alla fine del primo trimestre 2018, dovuto alla scarsità di dollari in seguito ad un più alto livello di indebitamento previsto dal Tesoro americano, secondo lo strategist forex di Nordea, Martin Enlund.

Dollar Scarcity = Dollar Strength Until end-Q1 2018

Oggi Trump scegliere il nuovo governatore della Fed, tutta la Fed passerà sotto il dominio dell’amministrazione Trump e noi sappiamo che lui si considera un amante dei bassi tassi di rendimento, la cosa che non sa è che durante la sua amministrazione, la Fed sarà costretta a portare i rendimenti in negativo, tassi negativi nei prossimi anni.

In Europa invece sarebbe il caso di mandare Napoleone Draghi in esilio a Sant’Elena dopo l’ennesima Waterloo, aveva dichiarato la sconfitta della deflazione, invece da questa primavera inflazione è scesa dal 1,9 % al 1,4 e il dato core dal 1,2 al 0,9%, Mario l’isola d’Elba ti aspetta!

Euro Area Inflation Rate

A proposito visto che c’è sempre l’usanza di evidenziare i momenti negativi, da giovedi in soli cinque giorni, i rendimenti dei trentennali più il movimento del dollaro hanno prodotto un aumento del 3,6 %, giusto per dovere di cronaca in attesa di quello che verrà!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.2/10 (14 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +8 (from 10 votes)
CURVA DEI TASSI: LA BATTAGLIA DI GETTYSBURG, 9.2 out of 10 based on 14 ratings
9 commenti Commenta
vito_t
Scritto il 2 novembre 2017 at 13:23

Andrea .. chi tace acconsente … e quindi quella sparuta pattuglia seguace del … questa volta è diverso … serve solo ad evitare … l’unanimità !!

signor pomata
Scritto il 2 novembre 2017 at 18:27

nel mio portafoglio titoli questo 3,6% non è presente ma la cosa alla fine è irrilevante, non sto scrivendo per parlare di questo.
La mia costatazione che continui a far sembrare draghi come un somarello che ha tentato in tutti i modi di aumentare inflazione , fallendo miseramente.
Secondo me tu sottovaluti il presidente della bce e sottovaluti cosa volevano veramente e a cosa puntano in realtà.
Secondo me draghi ha vinto ampiamente la sua battaglia, ha portato la deflazione salariale tanto buona alle elitè finanziarie, ha portato gli abbassamenti degli spread truccando i prezzi dei titoli della periferia e non solo salvando non noi….lui stesso.
E non è poco visto dal suo punto di vista.
Poi che dire dei surplus realizzati sulla pelle dei cittadini europei tramite prima i finanziamenti LTRI concessi alle banche private per salvare gli stati e poi in aperto conflitto di interessi ha alterato i prezzi degli asset dei debiti sovrani stampando dal nulla migliaia di miliardi di euro per ricomprare i titoli nazionali dopo che erano crollati per diretta respondabilità sua e della banca centrale?
Ma di che cazzo parliamo su…..qua siamo in presenza di banditi con la cravatta che sono oramai diventate divinità come i faraoni di un tempo.
Capisco che avendo un blog controllato la tua deve essere una critica sempre alquanto ironica ma questi non scherzano per nulla, questi ci mangiano vivi.
Sono gente senza scrupoli a cui è stato dato libero accesso alle chiavi della società contemporanea e faranno tavola rasa di tutto quello che son ostate le conquiste sociali di questi ultimi decenni, azzereranno le pensioni e i sostegni al reddito, azzereranno le defiscalizzazioni per i malati e per le famiglie, vogliono creare il caos sociale del tutti contro tutti e caos istituzionale per poi sostituirsi al momento opportuno.
Siamo oltre ogni limite, siamo molti più di loro ma siamo impotenti di tentare una contro offensiva, ci prenderanno uno a uno e domani ma ora…adesso.
Ci rimane solo protestare in rete, fino a quando non lo troveranno troppo pericoloso e allora chiuderanno tutto e tutti a cuccia altrimenti ci toglieranno anche l” osso del reddito minimo di sussistenza……..
Questi vogliono la legge bronzea e li chiamiamo fessi?

stanziale
Scritto il 2 novembre 2017 at 19:25

Mariuccio dira’: se poprio isola d’elba deve essere….va be’, fatemi comprare le ville di Napoleone, i soldi non mi mancano …https://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=4&ved=0ahUKEwjDr8G4wKDXAhUPJlAKHRE0A0MQFghgMAM&url=https%3A%2F%2Fwww.infoelba.it%2Fscoprire-elba%2Fcuriosita%2Fresidenze-napoleoniche-elba%2F&usg=AOvVaw0FeTaQY761QwtelO6Lnw6I

apprendista
Scritto il 3 novembre 2017 at 12:39

👍👍👍👍👍👍👍👍👍👍
si­gnor po­ma­ta@fi­nan­zaon­li­ne,

Gianluca
Scritto il 3 novembre 2017 at 19:05

Speriamo torni john ludd

lemmings
Scritto il 3 novembre 2017 at 22:08

Gian­lu­ca,

Attendo pure io

icebergfinanza
Scritto il 4 novembre 2017 at 13:07

Uno …

icebergfinanza
Scritto il 4 novembre 2017 at 13:08

icebergfinanza
Scritto il 4 novembre 2017 at 13:08

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Oggi aggiorno la situazione ciclica dell’indice americano S&P 500. I canali di lungo period
Oggi vorrei fare una riflessione su un concetto che ho letto ieri, scritto da un trader in Italia co
Aggiornando l’analisi di lungo periodo dell’indice Hang Seng attraverso il battleplan Ventennale
Come già detto ieri lasciamo da parte la fantasia e concentriamoci su quello che farà la giuri
FTSE Mib: Il listino italiano testa in apertura la resistenza a 22.261 punti. Ieri infatti, dopo 9
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Prelievi senza carta, pagamenti tramite app e bonifici istantanei. Sono solo alcune delle evoluzioni
Malgrado la sua giovane età, il BitCoin si è già reso protagonista di diverse avventure. È p
PREVISIONE Come da previsione scorsa tra venerdì e oggi, lunedì 20 Novembre 2017, sar
Piazza Affari. Inizio di settimana difficile per l’indice FTSE Mib, che dopo poco più di un’o