FRANCIA: IL SACRIFICIO DELLA GRECIA!

Scritto il alle 08:35 da icebergfinanza

IMF

E’ una storia vecchia, nulla di nuovo, ma forse un giorno verrà raccontata e vista sotto un’altra luce, si tra trenta o quaranta anni, quando cadranno i segreti di Stato, sai bellezza, te l’ho già raccontato, per salvare le banche tedesche, francesi e inglesi, tu contribuente italiano hai tirato fuori un mucchio di soldini, e ora che per loro è tutto finito, ne stai tirando fuori altri per salvare le tue di banche, perché nazionalizzarsele, per il momento non è più possibile.

Ora ti racconto un’ altra storiella, nessuna novità per coloro che ci seguono dalla notte dei tempi, ma in migliaia si sono aggiunti in questi ultimi sei anni ed è giusto ricordare alcune dinamiche.

Ieri, su DailyHellas.com, hanno rispolverato gli scheletri dall’armadio del Fondo monetario internazionale, un fondo di caffè, dove siede una signora che ama donarsi agli altri…

«Usami come vuoi», la lettera a Sarkozy che imbarazza la signora del FMI…

Bene dicevo, ieri è stato rispolverato uno scheletro dall’armadio del Fondo monetario internazionale…

IMF admits disastrous love affair with the euro & apologises for the immolation of Greece

Per carità, sono stati onesti, lo hanno pubblicamente ammesso, ma in fondo chi paga, nessuno!

AUSTERITA’ COLOSSALE IDIOZIA E LE SCUSE DEL FMI

Seguitemi, nessun complotto, solo una semplice e fortunata coincidenza che ha aiutato le banche francesi, secondo la mia modesta opinione…

La Lagarde nominata direttore dell’Fmi – Corriere della Sera

28 giu 2011 – MILANO – Tutto come previsto. Il ministro delle Finanze francese Christine Lagarde, 55 anni, è stata nominata nuovo direttore generale del FMI…

Ma tu te lo immagini il Fondo monetario internazionale, guidato da una signora francese, che all’improvviso non vede l’ora di amplificare la dinamica della crisi greca, imponendo austerità attraverso l’uso di manipolati moltiplicatori fiscali aiutare indirettamente le banche francesi che erano al primo posto nell’esposizione verso la Grecia?

Risultati immagini per french banks exposure to greek debt

Tu no, io invece si, me lo immagino, ma in fondo hanno fatto solo i loro interessi, hanno amplificato un po’ la questione, in maniera da mettere insieme un fondo di salvataggio, nel quale contribuire tutti e poi far finta di usare i soldini per salvare la Grecia e nel frattempo tenere in piedi le banche francesi e tedesche!

Pensare male si fa peccato, ma da dieci anni ci azzecchiamo spesso e volentieri!

Ma tu guarda, si viene a sapere che …

 

“Many documents were prepared outside the regular established channels; ; written documentation on some sensitive matters could not be located”

“Molti documenti sono stati preparati al di fuori dei canali regolari stabiliti, guarda caso, nessuna documentazione scritta su questioni sensibili!

Viene descritta, una  “cultura compiacente”, soggetta a un’analisi “superficiale e meccanica”, e traccia un sconvolgente sconvolgimento nella governance del FMI, lasciando chiaramente chi è in ultima istanza responsabile di questa organizzazione, la signora francese Lagarde,  estremamente potente, quasi onnipotente.

Ve ne abbiamo già parlato in…

CHI HA PAURA DEL CAVALLO DI TROIKA!

… non è un complotto è la maniera normale con la quale funzionano le cose a certi livelli, usami come vuoi, basta che mi ricompensi!

Perché nel mondo “occidentale” governi e cittadini sono tutti così terribilmente terrorizzati dall’idea di ricevere una missione congiunta degli organismi internazionali finanziari, volta a valutare lo stato di salute dell’economia domestica e verificare l’attuazione delle misure correttive previste?

Ma proseguiamo con il nostro articolo…

The report by the IMF’s Independent Evaluation Office (IEO) goes above the head of the managing director, Christine Lagarde.  It answers solely to the board of executive directors, and those from Asia and Latin America are clearly incensed at the way European Union insiders used the fund to rescue their own rich currency union and banking system.

gli addetti dell’Unione Europea hanno utilizzato il fondo per salvare la propria unione monetaria e il ricco sistema bancario.

The three main bailouts for Greece, Portugal and Ireland were unprecedented in scale and character.

Ma tu pensa sei/sette anni dopo si racconta quello che un solitario blogger qualunque vi raccontava nel 2011, in piena tempesta italiana…

DATEMI UNA LEVA E…VI DISTRUGGERO’ IL MONDO!

In an astonishing admission, the report said its own investigators were unable to obtain key records or penetrate the activities of secretive “ad-hoc task

“Molti documenti sono stati preparati al di fuori dei canali regolari stabiliti; Non si riusciva a trovare una documentazione scritta su alcune questioni sensibili.”

Il rapporto ha affermato che l’intero approccio alla zona euro è stato caratterizzato da una sorta di “groupthink” pensiero unico, e dalla cattura intellettuale. Non avevano piani su come affrontare una crisi sistemica nell’area dell’euro – o come affrontare la politica di un’unione monetaria multinazionale – perché avevano escluso qualsiasi possibilità che potesse accadere.

Un’unica religione l’euro, nessuno dubbio’ non potrà accadere nulla.

Ieri come oggi, era tutto sotto controllo, tutti lobotomizzati, ci penseranno le banche centrali, tranquilli questa volta è diverso!

Questo pregiudizio pro-euro ha continuato a corrompere il proprio pensiero per anni..

 Il FMI ha sottovalutato i rischi dei disavanzi in conto corrente e dell’inondazione di capitale che si versava nella periferia dell’eurozona, e ha trascurato il pericolo di una “blocco improvviso” nei flussi di capitali.

Ora mettetevi comodi e ascoltate prima di riaddormentarvi di nuovo!

At root was a failure to grasp the elemental point that currency unions with no treasury or political union to back them up are inherently vulnerable to debt crises.

States facing a shock no longer have sovereign tools to defend themselves.

Gli Stati che affrontano uno shock non hanno più strumenti sovrani per difendersi. Devaluation risk is switched into bankruptcy risk. 

Non hanno più strumenti sovrani per evitare uno shock, è chiaro il concetto o serve un disegnino?

 “In un’unione monetaria, le basi della dinamica dei debiti cambiano quando i paesi rinunciano alla politica monetaria e agli strumenti di adeguamento dei tassi di cambio”, ha dichiarato la relazione.  Ciò sarebbe amplificato da una “reazione viziosa tra banche e Stati sovrani” Che il FMI non abbia anticipato niente di questo è stato un grave fallimento scientifico e professionale.

…la dura verità è che il salvataggio ha sacrificato la Grecia per salvare le banche euro e nord europee scrive il report. La Grecia ha sopportato il tradizionale shock sotto forma di austerità del FMI, senza la compensazione del risanamento del debito e della svalutazione per ripristinare la redditività.  L’ingiustizia è che i costi dei salvataggi siano stati commutati ai cittadini greci ordinari – meno in grado di sostenere l’onere – e non è stato mai riconosciuto che il vero motivo della politica della troika dell’UE-FMI era quello di proteggere l’unione monetaria.  Infatti, i greci sono stati ripetutamente accusati dei fallimenti che derivano dalla politica stessa.

Se penso ai fautori dell’austerità espansiva, a tutti gli idioti che girano per il mondo tra conferenze e tavole rotonde a suon di milioni di compensi per raccontare balle ideologiche, non riesco a stare calmo!

Questa ingiustizia, la radice di tanta amarezza in Grecia, è finalmente riconosciuta nella relazione.

Quante famiglie distrutte, quante vite annientate per questo fallimentare esperimento, si certo i greci hanno barato, sono corrotti, ladri, falsi e si meritano tutto questo secondo alcuni poveri idioti in attesa che arrivi il nostro turno… a sai Bellezza, , questa volta è diverso a noi non succederà mai!

Voi non avete idea della frustrazione che provavo nel 2011 nel vedere e raccontarvi cosa stava accadendo e non poter far nulla, sentirmi solo dire che ero un pazzo immaginario.

Ragazzi, io Vi ammiro, non so come fate a stare calmi!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (20 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +13 (from 13 votes)
FRANCIA: IL SACRIFICIO DELLA GRECIA!, 10.0 out of 10 based on 20 ratings
34 commenti Commenta
luigiza
Scritto il 3 agosto 2017 at 10:03

>> Gli Stati che affrontano uno shock non hanno più strumenti sovrani per difendersi.

Questo con una moneta unica come l’Euro. Invece con una Cripto-valuta, cari signori miei saran faville..
Allora la adottiamo la cripto (per minchioni) MinchiaCoin?

phitio
Scritto il 3 agosto 2017 at 10:42

Quanti giri e quante sofferenze ed ingiustizia, per allungare la vita d una unione monetaria che e’ destinata comunque ad andare in pezzi… Ma a quanto pare e’ esattamente questo che tutti noi stiamo chiedendo, collettivamente.

Gianbattista
Scritto il 3 agosto 2017 at 13:17

Guardate io sono ignorante ….ma per i greci io ho perso anni fa diverse decine di migliaia di euro per avere acquistato bond greci tripla AAA decennali che rendevano poi si è no il 4/5 % non era quindi una speculazione.
Quindi quando si parla dei poveri greci un po mi sale la pressione ….certo i francesi ed i tedeschi hanno fatto il loro interesse …io al loro posto probabilmente avrei ( con onestà ) fatto lo stesso.
Eppoi ….siamo davvero certi che i greci vogliono e pretendono un’alternativa all’euro ? Mah …se con uno slancio di orgoglio nazionale fanno una rivoluzione ( contro tutti i loro partiti politici , di destra e sinistra ) e decidono di sfanculare l’euro e l’Europa …cosa succederebbe veramente?
Banche fallite immediatamente il giorno dopo per il peso astronomico dei NPL che hanno in pancia
CC azzerati immediatamente per il fallimento delle banche
Stato fallito subito perché nessuno li tiene più in vita ( e non facciamo ridere con gli aiuti dalla Rsussia ) ed incapace per impossibilità pratica (grano) a nazionalizzare il sistema finanziario.
Industria praticamente a livello di stato sub/africano distrutta negli ultimi 20 anni da loro stessi.
Si salva solo il’industrai marittima ..come terzista per gli altri ….4 soldi …
Insomma …fatto salvo qualche area particolarmente turistica ….vanno a finire come o peggio del Marocco….
I greci lo sanno ? Penso di sì ….quindi niente rivoluzione ……anche loro puntano sullo stellone nazionale e su qualche santo in cielo che interceda.
Mi sbaglierò , anzi spero davvero di sbagliarmi , ma per favore spiegatemelo bene , ma bene e con semplicità ….se capisco ( a parte la scottatura primordiale ) posso e voglio cambiare idea

Alessio Vulcan
Scritto il 3 agosto 2017 at 13:45

@Gianbattista,
ti consiglio lettura degli ultimi due libri di Bagnai!
ciao

signor pomata
Scritto il 3 agosto 2017 at 13:46

Gian­bat­ti­sta,

Da quello che hai scritto è palese che non hai studiato.
Che poi non si capisce perche, uno che tenta di fare una previsione di quello che accadrebbe se uno lasciasse la magica moneta comune è…..rullo di tamburi…..già accaduto.
La grecia sta oggi nell” euro e ha le banche fallite, la corsa agli sportelli, la povertà, il paese ridotto come e peggio il marocco ma se esce gli capita …..cosa?
Chi tiene in vita la grecia oggi?
Noi tutti, perche nessuno deve uscire dall” euro….il giocattolo produce valanghe di merda ma mica per tutti…..
Se la grecia non fosse stata in un aggancio valutario tu caro mio col cazzo avresti investito i tuoi soldi in bond greci e sai perche?
Perche la loro moneta avrebbe prezzato l” enorme deficit contro la nostra o nostre monete e tu al massimo ci mettevi un 5% dei tuoi risparmi.
Il fatto di non prezzare quel rischio è stata la rovina e è la rovina…..il cambio è un riequilibratore del sistema e posso dirti con certezza che a fronte di una svalutazione della propria moneta la grecia oggi starebbe mille volte meglio perche la svalutazione della moneta non è necessariamente inflazione, lo diventa quando la tua classe politica decide di non far fare più un cazzo internamente e attua politiche per delocalizzare e acquistare da altri paesi.
Ecco perche l” iperinflazione è una scelta politica, lo diventa perche la classe dirigente della nazione fa scelte inconcepibili per i propri cittadini favorendo poteri esteri o di elitè interna.
Quando queste scelte vengono al pettine portano la merda in dote.
Il caso venezuela è esemplare, la gente non ha un cazzo di cibo ma pagano le cedole del debito in dollari.
Con tute le risorse che hanno dovevano stare da dio invece i loro governi si son venduti alle elitè estere e ai cazzi loro e oggi codeste elitè per governare impongono la tirannia.

Gianbattista
Scritto il 3 agosto 2017 at 14:53

Che sono “ignorante” l’ho anticipato io stesso ….però scusi neh …noi tutti teniamo in vita la Gracia obbligandola a stare nell’euro ? Qualche cosa di troppo intelligente mi sfugge …i greci dove stanno ? Poi …Bagnai ( qui lei non c’entra ..però ..) guardi i fighetti che quando parlano , si parlano allo specchio , dicendosì ma come sono bravo …qualche volta nemmeno io capisco quello che dico li lascio a voi …io sono un semplice Bertoldo della campagna.
signor pomata@finanzaonline,

laforzamotrice
Scritto il 3 agosto 2017 at 14:56

signor pomata@finanzaonline,

Tu scherzi. Il Venezuela dimostra esattamente il contrario di quello che sostieni. Uno stato con moneta sovrana che nonostante una ricchezza teorica immensa affonda nella merda. Secondo le vs teorie perché questo accade? Avendo il controllo della moneta dovrebbero navigare nell oro e invece devono rimborsare il debito In DOLLARI! Come mai? Forse che finché dipendi dagli altri per forniture indispensabili sei costretto a piegarti? La Grecia è stata vittima di una truffa ma chi è onesto sa che nel 90% dei casi il truffato è il complice involontario del truffatore. Se la Grecia avesse investito i prestiti in lavoro vero anziché in assistenzialismo non si sarebbe ridotta cosi, che è esattamente quello che è successo in Venezuela. Putin l ha capito e sta cercando di usare i soldi del petrolio e le sanzioni per rendere la Russia in grado di non dipendere troppo dall estero e questo è ciò che fa uno statista. Credere che basti il denaro per comprare tutto è un idiozia, specie se sei uno stato. Il Qatar insegna, puoi essere ricco sfondato ma se non ti vendono nulla sei fottuto.

aorlansky60
Scritto il 3 agosto 2017 at 15:04

Ci sono alcune considerazioni da fare, è obbligatorio partire da un dato di fatto indiscutibile, la scala di valori internazionale dei vari Stati sovrani :

1) USA dominatori del mondo
e in quanto tali
2) sono coloro che hanno avallato la creazione dell’€uro;

Agli USA, che dovevano/devono forzatamente avere un interlocutore forte a difendere i loro interessi in Europa contro il loro nemico storico (Russia), serviva avere un “Europa unita”, l’hanno realizzata per mezzo dell’€uro.

scala di valori in UE : Germania Francia – a scelta nell’ordine; a seguire tutti gli altri in ordine sparso.

Quando chiamano l’Europa, per discutere qualsiasi tema critico, gli USA si rivolgono sempre a FRANCIA e GERMANIA come primi interlocutori di riferimento; non certo a Italia Spagna Portogallo o Grecia; quest’ultima la sua “crisi” se l’è vista gestire da terzi (FMI BCE UE) così come le soluzioni proposte, un vero schiaffo alla sua sovranità (perduta)

questo per dire che, una volta realizzata “l’unione”, tutti i Paesi minoritari della zona €uro si sono ritrovati in condizione di sudditanza a dovere accettare forzatamente la linea politica “comune” dettata da FR e DE, a loro volta istruite dagli USA.

Ricorderete di certo l’estate 2015 quando la Grecia era a un pelo dall’uscire dall’€uro (il governo greco promulgò un referendum al quale il popolo greco rispose “NO” alle nuove restrizioni economiche richieste dalla Troika) ebbene si intromisero gli USA che per mezzo di B.Obama affermarono categorici “La Grecia NON deve uscire dall’€uro“. Detto, fatto. Quale migliore prova a testimoniare CHI veramente comanda in UE pur ritrovandosi dall’altra parte dell’Atlantico.

La creazione dell’€uro si è rivelata un occasione magnifica per i Paesi più forti, FR e DE, per dominare gli altri paesi membri più deboli che sono diventati contribuenti forzati ai primi due e la soluzione adottata per la crisi greca ne è una prova : di fatto, più che “salvare la Grecia” si è trattato di “salvare 100 miliardi di €uro” allegramente distribuiti tra banche Francesi Tedesche e Inglesi creditrici nei confronti dei greci; l’UE si è inventata il “fondo salva stati” ESM, obbligando tutti i Paesi membri a versare il proprio contributo (all’Italia e ai suoi cittadini sono stati richiesti 60 miliardi di €uro in 5anni, soldi di cui non avremo mai ritorno…);

Una cosa è certa : l’€uro si è rivelato un affare decisamente riuscito per pochi, dannatamente castrante per la maggiorparte.

Altra cosa certa : con la sua condotta disastrosa [in fatto di spesa pubblica], la Grecia era un paese destinato al fallimento. Partendo da questa certezza, per la Grecia e IL SUO POPOLO, sarebbe stato meglio affrontare tale shock potendo contare sulla propria divisa e sulla propria banca centrale, con la certezza di gestire un fallimento governato dall’interno discutendo le condizioni con il resto del mondo, oppure ritrovandosi ad essere vincolato nella organizzazione nota e costretta, come Paese minoritario di basso profilo, ad accettare condizioni “senza quartiere” e senza potere esprimere voce in capitolo (come di fatto è stato) ??…

Alla fine del discorso, stante le condizioni attuali, molto meglio ritrovarsi ad essere cittadino Francese o Tedesco -sempre a scelta nell’ordine- molto meno spagnolo italiano o portoghese; ritrovarsi ad essere cittadino greco, lasciamo perdere.

Grazie all’€uro.

madmax
Scritto il 3 agosto 2017 at 15:12

Ahahah curioso che tutte le discussioni caschino su EURO si EURO no, come fosse la soluzione di tutti i mali per alcuni e la fonte di tutti i beni per altri.
Parliamo di Venezuela? Ad oggi l’inflazione e’ del 1600% ovvero carta straccia, per questo che avendo un commercio estero devono usare una valuta che non e’ la loro. Il venditore dice: non voglio essere pagato con il bolivar che non vale una cippa voglio altro, allora lo Stato di indebita in valuta estera e piu’ la moneta nazionale scende piu’ affoga. Certo potra’ stampare carta quando vuole ma il debito estero gli costa un occhio della testa. Qualche genio della lampada direbbe, mbe che ce frega: nun te pagamo!!!! Ed appena uno dei veivoli della tua compagnia di bandiera i una nave o altro tocca lo stato del debitore questo te lo sequestra…e via dicendo.
Ritornando sulla Grecia, non capisco come abbiano fatto dal 2001 (a cavallo dell’entrata dell’Euro) al 2008 a triplicare il PIL ma concordo con il fatto che pure loro (non i cittadini) una parte di colpa la hanno.

alessandroecristina
Scritto il 3 agosto 2017 at 16:05

Ma chissàcomemai la Francia ha questo “peso” internazionale?
Ecco un OTTIMO motivo..https://it.wikipedia.org/wiki/M51_(missile)

aorlansky60
Scritto il 3 agosto 2017 at 16:40

@AlessandroeCristina

non è un mistero (almeno per il sottoscritto) che il PESO dell’APPARATO MILITARE che uno Stato sovrano è in grado di vantare nei confronti del mondo intero costituisca uno dei suoi migliori “biglietti da visita”, in relazione dei suoi stessi rapporti internazionali; non è un caso -lo ripeto per l’ennesima volta- che FR e UK siedano al tavolo dei MEMBRI PERMANENTI del CONSIGLIO DI SICUREZZA ONU insieme agli altri tre giganti USA Russia e China.

Sotto questo lato, per ora la Germania (come altri Paesi simili dal punto di vista economico) non può che stare a guardare e niente di più.

stanziale
Scritto il 3 agosto 2017 at 20:39

Be’ la Francia e’ stata abile a farsi passare come tra i vincitori della ww2, quando invece ha fatto schifo in combattimento, al contrario degli italiani che si sono battuti valorosamente in diversi fronti e contro forze soverchianti, ma ci gioca contro il solito autorazzismo . Indubbiamente hanno avuto un grande leader De Gaulle, sfuggito a 30 attentati, mentre invece i nostri sono stati ammazzati. Ma ora si sta’ imponendo il ministro Calenda. Largo ai migliori, l’avevo gia’ scritto, CALENDA FOR PRESIDENT. Dovrebbe prima possibile prendere il posto di Gentiloni, a furor di popolo, se quello italiano contasse qualcosa.
Per il resto, scusate la diversione, spero veda giusto Mitt Dolcino https://scenarieconomici.it/wrayconfirmed-renzi-end/

laforzamotrice
Scritto il 3 agosto 2017 at 21:24

stanziale@finanza,

CDhe la Francia sia stata abile a farsi passare per una vincitrice della IIWW siamo d’accordo, ma “al contrario degli italiani che si sono battuti valorosamente in diversi fronti e contro forze soverchianti”… dai, su non scherziamo. Ci nsono stati casi , d’accordo, ma eravamo demotivati, comandati da schifo, continui interessi economici, male armati, potrei fare decine di esempi, uno per tutti l’inizio, la Grecia. Solo dei coglioni attaccano la grecia passando dall’albania, cioè attraverso le montagne, ma noi eravamo convinti di aver corrotto l’esercito greco, (i metodi italici) e la conseguenza indovinate qual’è stata. Povero Benito, che delusione

signor pomata
Scritto il 3 agosto 2017 at 22:01

Gian­bat­ti­sta,

I greci dove stavano?
Dove stavano gli italiani.
Dove stavamo noi quando ci siamo fatti buttare giù un governo eletto dai cittadini e poi imporre un governo tecnico che nel giro di una notte decise che era meglio se noi tutti non andassimo più in pensione e poi ancora fatti imporre sempre da gente che mai era passata per le elezioni una riforma del lavoro dove rende il precariato estremo e per tutta la vita in presenza di salari sempre più risibili?
Chi protesta o protesto?
La protesta per essere incisiva deve avere un nucleo che associ e oggi hanno fatto in modo che il malcontento non trovi sbocchi dopo aver fatto in modo che il sindacato venisse asfaltato e con esso uno dei pochi metodi democratici di protestare contro il potere.
Riguardo a bagnai ci sta poco da dire, ha detto quello che sarebbe accaduto 5 anni prima che accadesse e non perche è un genio ma perche è un film già visto in questi decenni passati.

signor pomata
Scritto il 3 agosto 2017 at 22:13

la­for­za­mo­tri­ce@fi­nan­za,

Mi fai ridere.
Non si capisce se siete finti o credete veramente a quello che scrivete?
La moneta sovrana ce l” hanno in centinai a questo mondo e in questi ci sta anche il venezuela.
Ora però ci starebbe da valutare perche il venezuela guarda caso avesse un aggancio al dollaro e guarda caso dentro il paese nessuno lo rispettasse visto che il cambio in nero era decine di volte superiore.
Quindi la prima cosa da capire è che ti travesti da dollaro non sei il dollaro e cosi se ti travesti da marco non sei il marco ma sei un coglione.
Il secondo punto è che guarda caso il governo venezuelano nei decenni passati impose la chiusura degli stabilimenti di produzione delle merci e alimenti in cui era più forte e impose che molta di questa merce venisse importata da columbia , brasile ecc ecc….
La condizione primaria per essere un paese del terzo mondo è che il tuo governo non pensa mai al benessere dei propri cittadini ma a interessi di poteri esteri.
Il venezuela con i profitti del petrolio avrebbe potuto investire in attività produttive interne e invece scelse di far chiudere anche quelle che vi erano.
La russia invece fa il contrario perche non è un paese del terzo mondo e avendo un potere forte interno che cura i prorpi interessi e anche quelli dei propri cittadini non si fa mettere i piedi in testa dal capitale altrui , insomma non si vende per tradire.
Con questo non dico che putin è un santo ma non sta al gioco del capitale estero e cura gli interessi suoi e della nazione.
Ho molti amici venezuelani nel mio paese scappati da quel luogo che oggi ritrovano quelle stesse decisioni scellerate nella nostra italia.
Aggancio valutario, svendite a amici e capitale, delocalizzazione e importazione, leggi atte a impoverire la collettività.

signor pomata
Scritto il 3 agosto 2017 at 22:22

mad­max,

Scusa ma se dopo tutti questi anni non sai cosa sia successo in grecia perche fai il sarcastico?
Cioè ti vanti di non sapere e a questo punto pure di non leggere lo scritto del mazzalai che decine di volte ha spiegato come sia avvenuta la cosa e perche e ha messo i dati non le chiacchiere.
Tu che fai passi lanci uno sputo e poi vai via?
Il venezuela e grecia non hanno agganci valutari a altre monete?
Argentina andò in pezzi prima di agganciarsi al dollaro o dopo?
Prima erano un paese che buttava la carne di seconda scelta , dopo assaltavano i supermercati perche senza cibo.
Dopo tutto questo tempo gente che in questo posto scrive come scrivi te credo che faccia cadere le palle al dottore perche capisce che anche se spiegato e rispiegato fin che la merda non ti becca in pieno te ne sbatti la ciolla del culo altrui.

laforzamotrice
Scritto il 3 agosto 2017 at 22:42

signor pomata@finanzaonline,

appunto, la moneta non c’entra un cazzo, “Aggancio valutario, svendite a amici e capitale, delocalizzazione e importazione, leggi atte a impoverire la collettività”, e aggiungerei la corruzione della popolazione (dispostissima a farsi corrompere) mediante regalie, casse integrazioni, redditi di cittadinanza, pensioni facili e generose ecc. in una parola guadagnare senza lavorare.E se un paese non produce, è destinato ad affondare.

signor pomata
Scritto il 3 agosto 2017 at 22:46

la­for­za­mo­tri­ce@fi­nan­za,

La moneta non c” entra………………………..aggancio valutario………………..se saranno agganciati a che e con cosa?
E se ti agganci cosa scade internamente se no la tua produttività e perche scade se non perche non hai un cavolo da fare?

signor pomata
Scritto il 3 agosto 2017 at 22:52

Facciamo un giochino per diversamente intelligenti?
Se la spagna esce domani da euro di quanto pensate che possa svalutare la sua moneta sull” euro?

madmax
Scritto il 4 agosto 2017 at 00:07

laforzamotrice@finanza,

Concordo,
Tanto per capirci, la Krukkia Nazista ha preso tutta la Francia in 45 giorni, diciamo poi che dopo 30 era chiaro che avevano mollato.
A Stalingrado le divisioni naziste di Vom Paulis si piantarono per oltre 7 mesi in una battaglia casa su casa, vicolo su vicolo tra le macerie. Una roccaforte poi Dom Pavlova la tennero in pochi con 25 civili in cantina a far da mangiare (o quello che restava) ai soldati.
Questa e’ la differenza tra un popolo con le palle e un popolo con le baguette, i primi hanno alzato le mani salvo poi sedersi sul tavolo dei vincitori i secondi hanno sofferto 23 milioni di morti tra civili e militari. Ripeto 23 milioni.

stanziale
Scritto il 4 agosto 2017 at 00:12

laforzamotrice@finanza,

Male armati e soprattutto mal diretti, questo e’ noto. Forse nessuno si e’ battuto come gli alpini e la folgore, che avevano i cacciatori di carri, attaccav ano i carri sovietici o americani senza altro che una bomba a mano. Anzi, quelli della folgore con le mine inglesi, che i nostri artificieri coraggiosamente avevano trovato scavando cautamente con le mani, perche’ non avevano i metal detector, le mine venivano cosparse di grasso per farle attaccare al ventre del carro nemico. I tedeschi lasciavano sempre gli italiani in retrovia a coprire la fuga. I nostri piloti specie nel 43 combattevano in netta inferiorita numerica eppure non avevano paura. E’ noto che il pilota italiano ingaggiava il combattimento aereo con la mentalita’ di ” lui o io”, il pilota inglese invece effettuava un passaggio, sparava e se la filava. leggiti la storia di Lucchini, Gorrini Buscaglia e tanti altri. Gorrini, tra i pochi usciti vivi, aveva la tattica di infilarsi nel mezzo di c entinaia di bombardieri Usa contando che non si sparassero tra loro, cercava Clarke Gable gli stava sui coglioni. Naturalmente gli alpini era meglio mandarli nel mediterraneo contro gli inglesi, in Grecia gli italiani erano inferiori anche in numero. Tutto perche’, fino a meta’ 1942, Mussolini tenne le migliori truppe a presidiare in Italia temendo i tedeschi. Il rischieramento successivo era tardivo.

madmax
Scritto il 4 agosto 2017 at 00:26

signor pomata@finanzaonline,

Non faccio il sarcastico, ma nemmeno il buonista: ogni popolo ha il destino che si merita.
La Grecia ha la piu’ grande industria marittima d’Europa e tra la prime al mondo, cosa pagano di tasse? Direi nulla.
Vorrei ricordarti che la Grecia per anni ha avuto la spesa maggiore in Europa per la difesa, in passato negli anni 80 arrivava a spedere fino a 5% del PIL per comprare degli cone l’F104 (chense lo guardi in foto capisci che si schianta da solo con le ali che si ritrova) potevano fare altro ma non lo hanno fatto, forse perche’ attaccate alle commesse militari ci sono tante stecche.
Potrei andare avanti con tanti altri esempi di come hanno buttato via soldi, siamo onesti.
Per spiegarti l’Argentina ti racconto una storia vera, scusa la lunghezza. Anni fa fu construita una grande diga, centinaia di ettari dovevano essere sommersi, i contadini disperati. Poi qualcuno comincio’ ad offrire pochi spiccioli per tali terreni, vedrete meglio questi che quello che vi dara’ il governo di esproprio. Quando tutti i terreni furono rastrellari, stranamente prima di essere sommersi cambio’ la destinazione d’uso da agricoli a edificabili!!!! Perbacco ma che significa??? Che poi chi aveva comprato i terreni per die soldi se li fece espropriare a peso d’oro sulle spalle dello Stato…capisci ora come sono arrivati a quel punto.
Quello che conta e’ la stabilita’ se hai caos la gente non spende e non investe, se annusi una crisi rallenti i consumi.
Posso leggere il grande lavoro del Capitano ma non per questo concordo con tutto cio’ che scrive ma nonostante questo lo apprezzo per il grande lavoro che ha fatto in oltre 10 anni.
Non sputo e passo ma se “dissentire”

aorlansky60
Scritto il 4 agosto 2017 at 08:23

@ SignorPomata

Se la spagna esce domani da euro” deve innanzi tutto far fronte ai suoi debiti TARGET2 che UE e Germania(quest’ultimo in quanto Paese maggiormente creditore in area UE) NON LE PERDONEREBBERO DI CERTO :

si tratta, a DIC2016, di qualcosa come 350 miliardi di €uro, per il Paese (ES) più esposto insieme all’Italia (vi ricordate il “warning” lanciato a proposito da M.Draghi nei confronti del ns paese in Gennaio 2017, sempre sullo stesso tema ??…);

va là che qualcuno ha fatto bene i conti e ha programmato bene questo skifo di sistema (che risponde al nome di “Europa Unita” o Unione Europea fate voi) per tenere in gabbia i candidi ingenui, gli sciocchi e i deboli che vi hanno aderito…
grazie prodi, grazie dalema, non solo per avere obbligato un popolo intero ad aderire raccontandogli fiabe sulle prospettive e sugli ideali di “europa unita”, e non solo ma anche grazie per essere riusciti a fare rientrare l’italia nei parametri UE vendendo l’Italia (i suoi pezzi buoni che vi erano oltre 20anni fà, quali società pubbliche fatte privatizzare per gli interessi di multinazionali estere neo liberiste, con TELECOM che ancora grida vendetta) …

laforzamotrice
Scritto il 4 agosto 2017 at 09:37

aorlansky60,

Non è che tra i privati si sia venduto poco agli stranieri o sbaglio? FIAT, Gucci, Ducati, e tantissimi altri.
Quando c’era l’IRI tutti a lamentarsi (anche per ottime ragioni) del controllo politico sull’industria e sulle banche, se poi si vendono non va bene lo stesso, perchè squali (iTALIANI) le fanno a pezzi e ci speculano, telecom che era una gran bella azienda PUBBLICA l’hanno distrutta i vari Colaninno, Tronchetti provera ecc…Gucci è tutt’oggi una delle perle del gruppo francese che l’ha comprata, oppure vogliamo parlare di finmatica? Insomma non va mai bene niente. mi spiegate cosa si vuole? O forse sono io che devo spiegare che non dovrebbe avere importanza se un’azienda è pubblica o privata, ma solo se è bene o male gestita, sopratutto se si danno i mezzi a chi gestisce di poterlo fare senza trovarsi situazioni tipo atac.

stanziale@finanza,

Al di la di situazioni singole ed eroiche l’esercito italiano ha smesso di essere importante con la caduta dell’impero romano d’occidente e questo per vari motivi, ma il principale è quello spiegato semplicemente dal grande generale statunitense ( e semisconosciuto) Omar Bradley ” Davide vince le battaglie, ma Golia vince le guerre”. Il più forte di solito vince, tutto qui. e L’Italia e la Germania non erano i più forti.

aorlansky60
Scritto il 4 agosto 2017 at 09:45

Con tutti i problemi attuali, mi sembra superfluo andare a ritroso nel tempo per verificare “chi” “come” e “perchè”

comunque,

Per tutti coloro qui che ancora discutono sulla Francia che “furbescamente” sarebbe riuscita ad intrufolarsi a sedere al “tavolo dei VINCENTI” della II WW, troppo facile la diagnosi di alcuni di voi, che dimenticano che la Storia non si scrive in una settimana o in un anno, ma caso mai in decenni :

la Francia nel 1939 partiva dalla status di Democrazia riconosciuta, insieme all Inghilterra;

dall’altra parte, tra i regimi totalitari CONSOLIDATI, c’erano i nazisti tedeschi e i fascisti italiani;

negli anni che precedettero la II WW (praticamente per due decenni antecedenti), la Francia si ritrovò a stretto fianco dell’Inghilterra nell’opera di diplomazia in Europa contro i regimi totalitari già insediati (Italia dal ’22, Germania dal 1933 quando hitler riuscì a farsi eleggere cancelliere ufficiale della Germania) nella delicata contesa POLITICA che precedette le ostilità.

e la Francia è quella che, insieme a Inghilterra (con l’appoggio decisivo degli USA) fu vincitrice 20anni prima, nella I WW contro i tedeschi .

Nella II WW, ciò che in qualche modo è riuscito a “salvare” la Francia nelle apparenze (dopo che il nuovo governo francese di Vichy aveva dato pieno appoggio all’invasore nazista germanico) è avere costituito, appena dopo il disastro di Dunkerque, una piccola roccaforte di resistenza nella mente e nelle mani di una personalità riconosciuta AUROREVOLE e per questo meritoria di CREDIBILITA’ dalle forze alleate (UK USA) vale a dire il gen. DeGaulle,

ma ripeto, il punto IMPORTANTE è che all’inizio delle ostilità la Francia si ritrovava dalla “parte giusta” (quelle delle Democrazie occidentali) l’Italia NO (tutt’altro, essendo dalla parte avversa come regime totalitario ufficialmente opposto alla politica delle democrazie occidentali e questi che possono sembrare “dettagli” non lo sono e non vennero perdonati dagli Alleati, alla RESA DEI CONTI) .

Per coloro che mettono in dubbio il valore del combattente italiano (non si sa mai, ormai viviamo in tempi dettati dalle mode “revisioniste”…) basterebbe solo citare il caso del Reg. FOLGORE ad El-alamein, i cui uomini resistettero sui settori del fronte a loro assegnati senza armi anticarro contro i tanks inglesi : quest’ultimi riuscirono a sfondare in altri settori del fronte, anche in alcuni presidiati da truppe tedesche dotate di carri e artiglieria anti carro, MA NON nei settori presidiati dalla FOLGORE; quando il maresciallo Montgomery (a capo dell’VIII armata inglese) venne a sapere che gli italiani della FOLGORE avevavo resistito ai Matilda inglesi -il tank UK in dotazione maggiormente in uso nella campagna d’africa- opponendo solo forchette, moschetti e rudimentali bombe a mano, accolse i superstiti fatti prigionieri tributando loro TUTTI GLI ONORI (gli Inglesi saranno dei bastardi, ma hanno sempre riconosciuto il VALORE espresso in campo bellico & militare, a differenza di altri -tra cui gli stessi italiani- che se ne dimenticano facilmente); quello che stò dicendo non è inventato ma è Storia documentata e testimoniata.

aorlansky60
Scritto il 4 agosto 2017 at 09:54

@ LaForzaMotrice

telecom che era una gran bella azienda PUBBLICA l’hanno distrutta i vari Colaninno, Tronchetti provera etc

qui ti sbagli;

cioè : è vero ciò che dici, ma dimentichi di citare CHI preparò il terreno affinchè potessero presentarsi le condizioni ideali per donare una società come TELECOM nelle mani dei “capitani coraggiosi” (che hai citato) che l’hanno spolpata.

ilcuculo69
Scritto il 4 agosto 2017 at 12:17

aor­lan­sky60,

C’è la storia dei libri di storia e la storia dei libri contabili.

quest’ultima dice che il Merda in Orbace fu finanziato da Inghilterra e Francia in modo significativo in prospettiva anti bolscevica….

signor pomata
Scritto il 4 agosto 2017 at 13:36

aor­lan­sky60,
Vedo che al giochino nessuno ha voluto partecipare, chissà perche?
Era giusto per vedere se sta moneta è o meno un problema.
Riguardo al target 2 tu e draghi ritenete che il meno che segna la BCE sia un debito altri potrebbero dire il contrario.
Del resto se il target 2 è la prova provata che la moneta unica non funziona e chi avrebbe il compito di farla funzionare se non la BCE?
Quindi nel momento in cui la BCE mi viene a dire che il target 2 è un debito uno avrebbe il diritto di rispondere prima che se lei non è in grado di fare il suo lavoro ha evidenti colpe poi che potrebbe anche andare a fare in culo.
Il T2 è il saldo delle banche nella banca centrale ossia i soldi che gli italiani esportano in germania e che le banche tedesche poi non riprestano più alle banche italiane perche hanno paura ossia……è quello che alcuni dicono che dovrebbe succedere se uno lasciasse la moneta comune ossia la fuga di capitali.

signor pomata
Scritto il 4 agosto 2017 at 13:45

mad­max,

E quella spesa per difesa se guardata dal versante opposto non era reddito per la francia e la germania?
E quando prodi disse che che la grecia aveva si truccato i conti e ne erano a conoscenza da anni ma francia e germania non vollero intervenire.
Ma guarda un po te , i due paesi che facevano reddito con la spesa militare greca sapevano da prima ma non fecero nulla.
E il famoso debito insostenibile greco a quanto stava al momento della crisi?
100% del pil, in aumento di alcuni punti in diversi anni.
E quello privato ossia bancario?
Un 4-500% in più…..bazzecole….era sicuramente una crisi di debito pubblico.
Ma se dopo anni e dopo che loro che hanno coperto lo dicono con chiarezza come fate voi ancora a non capire?
Se questo che poteva stare zitto a detto , vuol dire che era una evidenza, e questo che non è uno qualunque ha anche affermato che la colpa di un fallimento è evidente che è del fallito ma anche di chi ha prestato incautamente e che nel vostro discorso non è mai presente.
http://www.ecb.europa.eu/press/key/date/2013/html/sp130523_1.en.html

aorlansky60
Scritto il 4 agosto 2017 at 14:23

@ LaForzaMotrice

Vedo che al giochino nessuno ha voluto partecipare

no, no, un pochino in ritardo (pausa pranzo) ma io partecipo volentieri :

proviamo a cambiare in corso d’opera,

si potrebbe applicare lo stesso giochino da te proposto al Marco tedesco… poi vediamo l’effetto che fà…

:-D

Secondo Te -ammesso e non concesso che i tedeschi lascierebbero fare- a che livello viene fissato il cambio ?

ma la vera domandona finale è :

dove se lo mettono i tedeschi -una volta ristabilito il loro SUPER MARCO- il disavanzo commerciale a loro favore ?????…

:lol:

madmax
Scritto il 4 agosto 2017 at 15:01

aorlansky60,

Dai semplicissimo: lo mettono in Cina !!!
Sarebbe da idioti continuare a metterlo in US, visto che ormai sono ai ferri corti nel Pacifico, sul Thaad in Korea e su come risolvere la situazione in Korea del Nord.
Lo parcheggiano in oro depositato in Cina, fecero la stessa cosa con gli US poi recentemente hanno cominciato (in silenzio) a rimpatriare oro, segno che non si fidano?
Al contempo visto che ingrassano la Cina potranno poi chiedere commesse per la Siemens, appalti per treni e via dicendo.
Semplice no?

aorlansky60
Scritto il 4 agosto 2017 at 15:09

@ LaForzaMotrice

Riguardo al target 2 tu e draghi ritenete che il meno che segna la BCE sia un debito

premesso che tutto ciò che esce dalla bocca di M.Draghi ha infinitamente più risonanza e riscontro -nell’opinione pubblica ma soprattutto sui mercati finanziari e operatori di settore- rispetto a ciò che afferma uno dal profilo comune (come il mio),

attenzione ad interpretare in maniera appropriata il segnale lanciato da M.Draghi : “il debito TARGET2 è un debito a tutti gli effetti” (e va onorato prima o poi, ndr)

ma attenzione soprattutto al POTENZIALE POLITICO di tale messaggio su ECO INTERNAZIONALE (in questo caso in ambito UE visto che di questo si tratta) sia verso i diretti interessati (in questo caso l’Italia a cui M.Draghi si rivolse direttamente, e di riflesso alla Spagna gravata dallo stesso livello di debito TARGET2) sia verso parti parallele correlate (mercati finanziari) :

in pratica si traduce come un modo per tenere per le palle un debitore

ne più ne meno come affermò un influente uomo del passato (John Adams, secondo presidente USA) :

ci sono due modi per conquistare e sottomettere un Paese : il primo è mediante LA SPADA; il secondo è CONTROLLANDO IL SUO DEBITO

come è facile constatare, per quanto la Storia ci riporta, la moda è seguitissima…
:-D
volevate essere conquistati ? eccovi accontentati cari Italiani, Greci, spagnoli, portoghesi etc etc…

aorlansky60
Scritto il 4 agosto 2017 at 16:54

@ Madmax

Lo parcheggiano in oro depositato in Cina, fecero la stessa cosa con gli US poi recentemente hanno cominciato (in silenzio) a rimpatriare oro, segno che non si fidano?

quel “fecero la stessa cosa con gli US” non fu deciso dalla DE ma dagli USA, che in virtù delle condizioni imposte alla DE (quale perdente della IIWW) impose a quest’ultima (come all’Italia peraltro) di NON POTERE detenere più del 50% di riserve auree su proprio territorio;

a parte che voglio proprio vedere con che rapidità i tedeschi riusciranno a riportarsi a casa propria tutto il loro oro ancora detenuto a FortKnox (e nella City di Londra), sei proprio certo che i cinesi allo stato attuale riterranno opportuno di assegnare ai krukki “commesse per la Siemens, appalti per treni e via dicendo” ??

Gianbattista
Scritto il 5 agosto 2017 at 08:29

Scusate se ritorno sull’argomento del debito Target 2 ..avrei necessità di più dettagli.
Questo debito è il debito che un Paese ( es. Italia) emette e che la Banca d’Italia acquista immediatamente, la stessa poi gira queste obbligazioni alla BCE , la quale lo “monetizza”.
Monetizzare significa che in pratica viene annullato in quanto la BCE ..stampa vera e propria moneta che viene immessa nel mercato ..corretto ?
Se è davvero così avrei delle domande che vi prego rispondete con precisione solo che conosciute:
– questa moneta cartacea viene immessa solo in Italia tramite la Banca d’Italia o in tutti i paesi europei , almeno inizialmente ?
– visto che questa “monetizzazione” equivale a circa il 20% del debito italiano lo stesso non è più vicino al 140% ma al 120% ..vero ?
– perché la BCE in caso di uscita del paese richiede indietro questa monetizzazione ? I soldi sono stati stampati ……non esiste più la nota debito in cassa ….è un giochetto di spin politico strategico ?
– se un paese tramite la BCE chiede la restituzione del monetizzato ( vedasi Germania e Paese nordici ) non è detto che altri lo richiedano vero ? È comunque noi siamo sempre il terzo Paese come importanza ( e quindi finanziatore …) ed allora ? Stallo ? ….bomba atomica per tutti giusto ? Se ovviamente c’è gente con le palle …primis il popolo secondo i suoi governanti …( e qui onestamente se escludiamo gli islandesi non saprei chi …forse gli ungheresi …) altrimenti Grecia target ….giusto ?
– se in più tecnicamente , visto i trattati firmati , e che il 99,9% di noi con conosce nel dettagli ( neanche chi li firmo ) la BCE ha fisicamente ancora i titoli debito dell’Italia in pancia e decidesse di venderli sul mercato , anche solo una minima parte ..diciamo 50 miliardi ……. Risultato …prezzo spread da 150 a minimo 500 nel giro di 24 ore ….giusto ? Scena già vista qualche anno fa …giusto ? Arrivo di Draghi come unico salvatore della Patria ..giusto ? E avanti con la solita giostra ….giusto ?
– stiamo già vivendo i tempi epici descritti da Tolkien …..o sbaglio ?
aorlansky60,

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Dopo un piccolissimo movimento di appena un dieci per cento registrato negli ultimi mesi dall'eu
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Lo scorso autunno, noi di Icebergfinanza abbiamo puntualmente iniziato a prendere visione di una del
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Per un presidente che si sta godendo le vacanze su un campo da golf non c'è male, tra Corea e C
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
PREVISIONE In seguito alle ipotesi fatte nell'articolo precedente, posso ora chiarire alcun
Ferragosto è alle porte e si va verso il tutto esaurito in molte destinazioni italiane e che chiud
Venti di guerra, tensioni internazionali, geopolitica che torna protagonista. Ma in realtà questa
Quando abbiamo parlato in passato di criptovalute e soprattutto di Bitcoin,  abbiamo detto che