INTESA: BANCHE VENETE… SOCIALIZZAZIONE DELLE PERDITE!

Scritto il alle 11:15 da icebergfinanza

Risultati immagini per veneto banca

Non è una novità, ma la gente comune non sa nulla di quello che sta realmente accadendo, un manipolo di politici falliti da dieci anni, quotidianamente, vi sussurra che non c’è alternativa all’azzardo morale, troppo grande e importante per fallire il sistema finanziario, una banca troppo importante, non è un’azienda come le altre, sai bellezza è un castello di carta basato sulla fiducia, spesso e volentieri nelle mani di una banda di pericolosi psicopatici o sociopatici, che stanno distruggendo quello che resta dell’economia reale.

Noi non vi faremo tanti discorsi tecnici, come fanno i media mainstream, che hanno l’unico scopo di lobotomizzarvi, di stendere una cortina fumogena sulla realtà, no, noi vi racconteremo quello che sta succedendo alle banche venete in maniera semplice senza tanti giri di parole.

Banche venete, c’è l’offerta di Intesa: un euro per le good bank

Com’era ormai atteso, Intesa Sanpaolo si fa avanti per Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca. Ma alle sue condizioni: prezzo simbolico di 1 euro, completa ripulitura degli Npl, nessun impatto sul patrimonio e quindi nessuna necessità di aumentare il capitale o di ridurre i dividendi. Non solo: «L’operazione è subordinata all’incondizionato placet di ogni Autorità competente anche con riferimento alla relativa cornice legislativa e regolamentare», puntualizza la banca in una nota, lasciando così intendere che il disegno rimarrà in sospeso finché i (numerosi) interlocutori non si saranno espressi. Un passaggio che, visti i precedenti, non può considerarsi scontato.

Con Intesa non c’è mai nulla di scontato, negli ultimi mesi Intesa è diventata famosa nel Paese delle meraviglie non per la festa di non compleanno, ma per le non acquisizioni, la non acquisizione di Generali, una vicenda a dir poco ridicola e ora chissà, la non acquisizione delle banche venete.

Acquisti di attività in liquidazione
Come anticipato da Il Sole 24 Ore
, è stato un cda straordinario – nella mattinata di oggi – a deliberare con voto unanime la disponibilità all’acquisto di «certe attività e passività e certi rapporti giuridici facenti capo a Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca». Non è un dettaglio: se comprerà, la banca comprerà da una procedura di liquidazione, dunque non le banche in quanto tali ma alcuni asset ex Vicenza o ex Veneto Banca; la differenza è sostanziale, perché in questo modo l’acquirente intende tutelarsi dai rischi che in futuro potrebbero emergere sulle tormentate vicende passate.

Per carità è questa la moda degli ultimi anni, più o meno l’operazione recente del Santader sul Banco Popular, ma almeno quelli sette miliardi li devono mettere sul banco per cancellare i NPL, questi invece pretendono di comprarsele, le banche venete con un euro e i 10 miliardi di sofferenze attuali e quelle future, i crediti in bonis e tutto il resto lo rifilano al contribuente italiano attraverso la formazione di una bad bank, che finirà male come sono finite tutte le bad bank messe in piedi in Europa in questi anni, ovvero il contribuente italiano, indefesso, si ritroverà con qualche altro miliarduccio di debito pubblico.

«Intesa non è la banca del Paese, ma è una banca responsabile, che ha già dimostrato in passato di farsi carico di alcuni problemi della collettività», ha commentato con Radiocor Plus. In particolare, Guzzetti ha evidenziato l’importanza dei paletti fissati da Intesa su capitale e cedola: «Questi paletti Messina li ha messi anche quando stava esaminando Trieste (Generali, ndr), figuriamoci ora – sottolinea -. Del resto perché dovremmo metterci in casa situazioni problematiche visto che la banca va bene? Questa è la bussola di Intesa Sanpaolo».

Per carità loro fanno il loro lavoro, il problema se mai è la politica, ma sarà interessante osservare cosa ne pensano i tedeschi di questa operazione, tedeschi che per la prima volta nella storia sono costretti a cancellare completamente le cedole su due prestiti subordinati … Decisione storica, banca tedesca ricorre ad “auto bail-in” e cancella e soprattutto Bruxelles.

Le banche venete e ma soprattutto i risparmi e gli investimenti dei veneti sono stati distrutti da un manipolo di pericolosi incompetenti esaltati ad essere buoni, ma psicopatici o sociopatici è il termine migliore. La vigilanza? Mai pervenuta, zero, il nulla o poco più, visti i risultati. Alcune banche ormai sono come degli asili nido, in mano a pedofili.

Gli psicopatici sfruttano  la natura relativamente caotica della società moderna tra cui il  rapido cambiamento, il rinnovamento costante e un elevato turnover di personale chiave nelle aziende.Tali circostanze consentono loro di ascendere attraverso una combinazione di fascino e carisma , che rende il loro comportamento invisibile e li fa apparire normali sino a sembrare dei leader ideali.

Un ambiente stabile avrebbe invece reso visibili ed identificabili gli psicopatici aziendali, indentificabili  come manager indesiderabili a causa della loro personalità  egoista e altri difetti etici”.

(…) Il problema è iniziato quando questi  incantatori, di fatto hanno preso il potere nelle più importanti istituzioni finanziarie… uomini in grado di influenzare il clima morale di tutta  l’organizzazione di esercitare un potere considerevole.

Essi in gran parte hanno  causato la crisi perché la loro risoluta ricerca del proprio auto-arricchimento e della propria auto-esaltazione con l’esclusione di ogni altra considerazione ha portato ad un abbandono del  vecchio concetto di noblesse oblige, uguaglianza, equità, o di qualsiasi nozione  reale della responsabilità sociale delle imprese “.

Non sembrano essere coinvolti  dai crolli aziendale che provocano.  Questi psicopatici si presentano con disinvoltura nel caos che accade intorno  a loro, senza preoccuparsi di coloro che hanno perso il lavoro, i risparmi e gli  investimenti, senza alcun rimpianto  per quello che hanno fatto.

Amano allegramente mentire sul loro coinvolgimento negli eventi, sono molto  convincenti nell’ incolpare gli altri per quello che è successo e non hanno dubbi  sul proprio valore.

Il bello è che qualcuno pensa che sia finita qui, non passa giorno nel quale, loro politici e banchieri centrali non vi raccontano che la crisi è finita, che ora è tutto sotto controllo, che i problemi si stanno risolvendo, grazie al Vostro contributo, usano i soldi dei contribuenti attraverso il gioco delle tre carte e poi vi chiedono le riforme, diritti, welfare, flessibilità e deflazione salariale per continuare a coprire i buchi delle banche.

Confesso che sono stanco di scrivere sempre e solo le stesse cose, mai una volta che abbia osservato una diffusione virale di un nostro articolo, su argomenti così importanti.

Ma vediamo cosa ci racconta una nostra vecchia conoscenza, Yves Smith, mentre un popolo di fessi quotidianamente si beve le notizie dei media di regime, finanziati dalle stesse banche…

Waiting for Godot or Does Anyone Really Know What Is Going on with Eurozone Banks?

A chi non si beve le camomille del regime eurista consiglio di leggervelo tutto, non ho tempo di tradurvelo, qua e la alcuni flash…

(…)  Innanzitutto, i sistemi di garanzia dei depositi sono nazionali, e non in tutta l’area dell’euro sono in genere sufficienti a garantire i risparmiatori. (…) Devo ancora scrivere l’articolo che affronterà se le regole bancarie dell’eurozona per promuovere la solvibilità delle banche stanno creando un problema di liquidità, perché le autorità di risoluzione delle banche dell’Eurozona sembrano aver interpretato male la risoluzione del Banco Popular al punto di intensificare la corsa agli sportelli.  Monitorando la liquidità della banca su base giornaliera e oraria.

Il Banco Popular era la sesta banca più grande della Spagna, come vi abbiamo raccontato nata dalla fusione di tre casse di risparmio fallite, una delle banche più redditizie del 2016. Dopo 3 miliardi di perdite annunciate nel mesi di febbraio dovute e svalutazioni di asset e NPL aveva uno stato patrimoniale ancora di qualità sufficiente.

Poi all’improvviso, puffete! Yves vi spiega cosa è successo, la velocità con la quale la valanga ha travolto la banca spagnola, come le attuali regole sembrano fatte apposta per provocare una fuga dei depositi, in sintesi ci si chiede se si sia trattato davvero di una crisi di effettiva solvibilità o di una crisi di liquidità causata dalle stesse procedure europee, la responsabilità del governo spagnolo.

Yves ripropone il rischio che queste operazioni portino a colosso davvero troppo grandi per fallire, banche troppo grandi che creano pericolosi rischi sistemici per l’intera Europa, per anni ha sostenuto che la crisi bancaria sarebbe nata in Spagna e si sarebbe diffusa in Italia.

Parlando della banche italiane, si ripropone il rischio di quanto è accaduto in Spagna, le premesse sono pessime, se il governo italiano dovesse sbagliare l’approccio al salvataggio delle banche venete, ciò alimenterà il clima antieuro in vista delle prossime elezioni legislative di gennaio.

Come San Tommaso io non credo sino a quando non avrò visto, forse ci siamo sbagliati, il vento che spazzerà via l’euro, arriverà dal fallimento del sistema bancario europeo, prima la Spagna, poi l’Italia, perché quello tedesco e quello francese sono già falliti, come testimonia il nostro modellino preferito o forse chissà dal voto del popolo italiano anche se ci credo davvero poco, sarebbe troppo per un Paese sostanzialmente di fessi e di furbi.

Ai posteri l’ardua sentenza, noi intanto ci stiamo preparando per un’estate di ferro e di fuoco, la corsa ai bond sovrani è appena iniziata, buon divertimento insieme al nostro Machiavelli.

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (19 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +17 (from 17 votes)
INTESA: BANCHE VENETE... SOCIALIZZAZIONE DELLE PERDITE!, 10.0 out of 10 based on 19 ratings
23 commenti Commenta
ilcuculo69
Scritto il 22 giugno 2017 at 14:40

Il problema che chi ha condotto una azienda in modo fallimentare debba poi Fallire è una situazione che non si limita alle banche. Anzi.
In Italia siamo pieni di aziende fallite che continuano a esistere, inquinando il mercato con comportamenti assurdi. Continuano ad esistere dopo aver smesso di pagare contributi e talvolta trattenendosi la parte di irpef dei lavoratori di cui sono sostituti di imposta. (buco contributivo )Continuano ad esistere con debiti verso le banche che non verranno mai restituiti (NPL) ma che la banche non protestano per non dover spostare molti attivi da “credito incagliato” a credito inesigibile” e cercare di cartolarizzarlo e passarlo a qualcuno.
Continuano ad esistere facendo morire fornitori che forse non verranno mai pagati neppure in caso di fallimento
Continuano ad esistere facendo prezzi fuori mercato (perchè troppo bassi) pur di cercare di mantenere il fatturato.
E si va avanti tra concordati in continuità, concordati secondo varie leggi ad hoc, affitti di ramo d’azienda con incestuose commistioni tra locatori e locatari..eccetera eccetera.
Finchè in Italia non ci sarà un diritto fallimentare degno di un paese civile ed avanzato, l’economia, quella reale, non si riprenderà mai.

ilcuculo69
Scritto il 22 giugno 2017 at 14:46

forse chissà dal voto del popolo italiano anche se ci credo davvero poco, sarebbe troppo per un Paese sostanzialmente di fessi e di furbi.

Il voto “antisitema” per il M5S sarebbe la soluzione ai problemi dell’Italia…. francamente mi par senza senso.

(ovvero Andrea non riesco ad interpretare diversamente la tua frase)

silvio66
Scritto il 22 giugno 2017 at 16:14

il­cu­cu­lo69@fi­nan­za,

…hai ragione Cuculo ha molto più senso rivotare quelli che ci hanno portato qua…vorrai mica dare fiducia a quegli incompetenti che giusto ieri hanno votato per ripristinare la separazione delle funzioni bancarie per la costituzione di una banca pubblica e la riforma degli organi di vigilanza che hanno lavorato così bene…no non ha senso hai ragione tu…direi anzi di promuovere un altro busto di Ciampi in un altro palazzo del potere per ringraziarlo una volta in più per averci tolto la sovranità monetaria nel 81 ed aver tolto la separazione delle funzioni nel 92 che ha fatto così bene alle banche italiane…

apprendista
Scritto il 22 giugno 2017 at 18:06

i 5 stelle mi fanno schifo,a parte grillo dimaio e forse qualcun altro (almeno sembra) sono delle zecche comuniste marxixste stataliste insomma la peggior spazzatura che si possa trovare in giro (forse anche peggio del pidino medio),come lo so? perche seguo e imparo (apprendista) mentre tu come al solito non sai un cazzo, lo sai che hanno fatto tempo fa ? premessa: (io sono un piccolo imprenditore in guerra da 9 anni ho sopportato cose che voi dipendenti nemmeno potete immaginare) oggi lo stato se non paghi l’inps ti blocca il famoso Durc che ti serve per lavorare quindi si crea un circolo vizioso per cui vai a fondo,i grillini avevano fatto una proposta di legge mille volte ancora piu’ stringente che metteva il cappio anche a chi era in regola, poi fortunosamente il pd ha fatto in modo che non passasse (tipo i vietnamiti comunisti che rimossero pol pot,matrice marxista almeno inzialmente, in quanto indigeribile pure per loro) alla faccia dell’altro coglione di diba che si riempe la bocca con la parola IMPRESE e tante altre stronzate, non ultima la raggi e l’assitenza ai rom.
Io ho 47 anni e chiaramente non ho conosciuto il fascismo se non nei merdosi libri di testo scritti dai compagni vincitori (SALVATORI COMBA RICUPERATI vi dice qualcosa) ma cazzo in tutta la mia vita l’unica vera forma di dittatura l’ho riscontrata nei merdosi comunisti prima diessini dopo e pidini a seguire i quali non am la pensa come loro, che se fossero stati fatti dalle destre avrebbero giustificato l’esercito in strada e la legge marziale.
Fino a qualche anno fa avrei con grande calma cercato di spiegare a te ed altrii i motivi per cui sbagliate oggi sono un tristo (Primo levi) e l’unica cosa che farei se potessi, senza essere chiuso in gabbia,e’ tagliarvi la gola a tutti senza se e senza ma,questo per l’odio che provo verso i sinistri perlopiu’ (ma chiaramente non tuti) se danarosi radical chic, tanto cazzo gli ne frega mai avranno una casa vicino ad un negro,se pezzenti invidiosi e astiosi con chi ha fatto meglio di loro ma pronti a trasformarsi nel piu temibile capitalista quaora vengano in qualche modo in possesso di elevate somme di denaro ( la liguria e’ piena di ste schifezze ne ho visti a decine amici e conoscenti:bandiera’ rossa la trionfera’ almeno ficnche la nonna non molla l’eredita’) poi in mezzo il restante piu’ o meno putrido ,comunque per esprimere al meglio il mio smodato odio per voi tutti di sinistra allego simpatica ma superveritiera……bo chiamatela come volete: W LA LIBERTA MORTE AI ROSSI
Essere di destra ed essere di sinistra

– Quando un tipo di destra non è cacciatore e non gli piacciono le armi, non va a caccia e non compra armi.

– Quando un tipo di sinistra non è cacciatore e non gli piacciono le armi, chiede che sia proibita la caccia e la vendita di armi.

– Quando un tipo di destra è vegetariano, non mangia carne.

– Quando un tipo di sinistra è vegetariano, fa una campagna contro gli alimenti di carne e gli piacerebbe che si proibisse di mangiare carne.

– Quando un tipo di destra è omosessuale, fa una una vita normale.

– Quando un tipo di sinistra è omosessuale, fa apologia dell’omosessualità, va alle manifestazioni “gay pride” e accusa di “omofobia” tutti quelli che non la pensano come lui.

– Quando un tipo di destra perde il lavoro, pensa a come uscire dalla situazione e fa di tutto per trovare un nuovo lavoro.

– Quando un tipo di sinistra perde il lavoro, va a lamentarsi col sindacato, spende fino all’ultimo giorno e va a tutte le manifestazioni e scioperi contro la destra e contro gli imprenditori.

– Quando a un tipo di destra non piace un programma televisivo, cambia canale o spegne il televisore.

– Quando a un tipo di sinistra non piace un programma televisivo, se ne lamenta coi giornali, lo denuncia sui quotidiani, alle radio, alle televisioni, ai partiti politici di sinistra e promuove un’associazione perché chiudano il canale televisivo che trasmette quel programma.

– Quando un tipo di destra è ateo, non va in Chiesa.

– Quando un tipo di sinistra è ateo, perseguita tutti quelli che credono in Dio, denuncia la scuola o l’istituzione che esponga un crocifisso, protesta contro ogni segno di identità religiosa, chiede che si esproprino i beni della Chiesa, che si proibisca la settimana Santa e ogni processione o pellegrinaggio (contro l’Islam non fa niente perché non ne ha il coraggio).

– Quando un tipo di destra ha problemi economici, cerca il modo di lavorare e di guadagnare di più o cerca di trovare un finanziamento per pagare i propri debiti, e, se può, risparmia.

– Quando un tipo di sinistra ha problemi economici ne dà la colpa alla destra, agli imprenditori, alla borghesia, al capitalismo, ai neoconservatori ecc. ecc., poi si mette in un sindacato sperando che lo infili in un partito politico o dove si riesca.

– Quando un tipo di destra legge questo scritto, ride e lo manda per mail ai suoi amici.

– Quando un tipo di sinistra legge questo scritto, si infuria e dà del fascista e del retrogrado a chi l’ha scritto e glielo ha mandato.

… io ho riso e l’ho girato ….

apprendista
Scritto il 22 giugno 2017 at 18:09

ma e sparito il messaggio di Cuculo a cui ho risposto sui 5 stelle

ilcuculo69
Scritto il 22 giugno 2017 at 18:29

ap­pren­di­sta@fi­nan­za: a pro­po­si­to cu­cu­lo non mi men­zio­na­re nem­me­no chia­ro!!!!!!!

mi piace questa nota, invece tu ti prendi il diritto di insultarmi liberamente … mi piace davvero, democratica come i processi decisionali all’interno del M5S, di cui mi pare tu sia un tifoso.
ap­pren­di­sta@fi­nan­za,

La questione del DURC è effettivamente una vergogna così come lo è in generale il livello di tassazione cui sono sottoposti artigiani e microimprese.
ANche perchè , come ho scritto sopra invece ci sono molte imprese industriali che invece continuano a sopravvivere non pagando da anni i contributi dei dipendenti arrivando perfino a trattenere l’irpef dei dipendenti di cui sono sostituti i imposta. Poi quando stanno per saltare fanno un bel concordato e riprendono come prima …

…. ma al di la di questo… ma da dove si dedurrebbe che sono PIDDINO , giacchè non è ….
poi sicuramente non potrei votare M5S (conosco abbastanza bene il loro capocomico) non potrei votare un partito che si rifaccia in alcun modo alla tradizione Fascista, non potrei votare per un partito Xenofobo, non potrei votare per un partito guidato da Berlusconi.

la santa ramazza del buon Andrea ha cancellato il tuo commento in quanto era sostanzialmente un insieme di insulti ed ha cancellato anche la mia risposta.

apprendista
Scritto il 22 giugno 2017 at 18:52

lo santa ramazza di quello che spesso dice “come fate a restare calmi” be’ avra’ capito che calmo non lo sono e non c’e nessun motivo di stare calmi da un pezzo e non serve a un cazzo restare calmi e dobbiamo essere sodomizzati ancora un po per capire che all’estrema violenza si puo’ solo rispondere con altrettanta violenza quando ci si confronta con talune chiamiamole elite e la chiudo qua perche’ quello che vorrei scrivere dopo mi esporrebbe a ritorsioni in quanto ho l’assoluta certezza che questo e altri blog sono controllati ,un giorno vi raccontero la storia di frank b uno che scriveva sul forum di finanza online e poi basta con sto fascismo in quanto e’ evidente anche ad un cieco che la repressione ideologica e’ solo opera delle elite delle istituzioni finanziarie e dei partiti di sinistra nella fattispecie italia ma avete visto quello che avrebbe potuto fare renzi se gli italiani (grandi in questa occasione meglio dei francesi mangio volentieri un po di merda per averli sempre insultati) non lo avessero vaffanculato .insomma per me nato in italia l’unico fascismo visto e’ sempore di matrice rossa,basta non ho piu’ voglia tanto non serve ad un cazzo.

apprendista
Scritto il 22 giugno 2017 at 18:54

e lo ius soli per sostituire il popolo italiano ed avere un serbatoio di voti all’infinito MORTE AI ROSSI,MORTE AI ROSSI,MORTE AI ROSSI

apprendista
Scritto il 22 giugno 2017 at 19:46

ve­le­no50@fi­nan­za,

Torno civile:con la tua affermazione,qualora mai ce ne fosse stato bisogno confermi il suddetto ma in fondo a te Veleno cazzo te ne frega la pensione c è si integra un po con la speculazione finanziària e comunque la vita perlopiù e sta nel miglior periodo nella storia dell’ uomo per il futuro saranno un po’ cazzi degli altri
Ti capisco..,.. veramente…

stanziale
Scritto il 22 giugno 2017 at 20:08

Personalmente non mi riesce neanche piu’ -forse perche’ troppo vecchio- di incazzarmi come Apprendista, cui concordo sul pd e m5s, in particolare sul vergognoso ius soli.

apprendista
Scritto il 22 giugno 2017 at 20:58

Buona serata anche a te, è incredibile come quando la cosa diventa personale a 2 le classificazioni passino in secondo piano(almeno per me ma credo per tutti) allora nota di grande speranza per il genere umano chissà forse migliore veramente del paleozoico coccodrillo (paleozoico? Ma!!! Giusto per capirsi) e quindi? Sono in disaccordo con me stesso………tutto troppo complicato
Buonanotte

madmax
Scritto il 23 giugno 2017 at 00:08

ilcuculo69@finanza,

Ahahah ma la ramazza vede e capisce benissimo cosa cancellare, quando si toccano i pentastelloti si ramazza quando tocca agli altri prendere gli insulti si lasciano. E’ successo anche a me, pensavo fosse un caso ma rileggendo post deliranti sopra lasciati e ramazzato altro penso che il caso non ci sia. Comunque la verita’ vi rendera’ liberi.

madmax
Scritto il 23 giugno 2017 at 00:13

apprendista@finanza,

Compagno apprendista, se gli affari ti vanno male puoi sempre trasferirti in Cina, il piu’ grande paese KapitalKomunista che presto superera’ gli US in termini di PIL, e nella bellissima bandiera rossa campeggiano 5 stelle, no non quelle dei pentastelloti, la piu’ grande a simboleggiare il partito, poi le altre quattro piu’ piccole per ricordare le varie classi: agricoltori, militari, studenti e operai. Che dire loro si che sono imprenditori puri partiti con le pezze al culo qualche anno fa si comprano mezzo mondo.
Un abbraccio compagno apprendista.
:)

Gianbattista
Scritto il 23 giugno 2017 at 07:43

Capitano , la descrizione del “psicopatico tipo” è semplicemente grandiosa perché vera.
la maggior parte dei nostri politici , per natura , indipendentemente dal colore sono proprio così….ma anche sindacalisti …..gestori di aziende pubbliche ma molte volte purtroppo anche di quelle private….ma non è proprio possibile selezionare la classe dirigente ? C’è qualche esempio positivo nel Mondo …confermato , verificato , e replicabile ?

ilcuculo69
Scritto il 23 giugno 2017 at 08:31

mad­max:
il­cu­cu­[email protected]­nan­za,

Aha­hah ma la ra­maz­za vede e ca­pi­sce be­nis­si­mo cosa can­cel­la­re, quan­do si toc­ca­no i pen­ta­stel­lo­ti si ra­maz­za quan­do tocca agli altri pren­de­re gli in­sul­ti si la­scia­no. E’ suc­ces­so anche a me, pen­sa­vo fosse un caso ma ri­leg­gen­do post de­li­ran­ti sopra la­scia­ti e ra­maz­za­to altro penso che il caso non ci sia. Co­mun­que la ve­ri­ta’ vi ren­de­ra’ li­be­ri.

Non so , credo che Andrea abbia un giudizio piuttosto equilibrato , e che ramazzi quando il tono si fa animoso e ingiurioso. Dubito pure che sia particolarmente affezionato al democratico movimento del capocomico (unico partito a leadership ereditaria oltre al Partito Comunista Nord Coreano) ma consideri la possibilità di una affermazione del movimento come detonatore di una frana che in qualche modo auspica. Forse ha ragione, questo sistema politico non è emendabile e solo un terremoto che obblighi a riedificare l’intero edificio potrebbe portare ad un cambiamento.
Tuttavia io non lo auspico per due ragioni, primo che non avrei punto piacere di affrontare un terremoto, secondo perchè non sono affatto convinto che quel che si costruirebbe dopo potrebbe esser migliore di ciò che è crollato.

PORTELLO
Scritto il 23 giugno 2017 at 10:19

Ci meritiamo tutto questo…siamo una popolo che non lotta neanche per difendersi…
sappiamo che abbiamo dato decine di miliardi per salvare le banche greche, di conseguenza quelle tedesce, etc… e per noi? no..le nostre le facciamo fallire distruggendo centinaia di migliaia di persone, famiglie, aziende…coglioni!
E non dite che e’ colpa degli investitori…non hanno colpa ne i meno esperto ne quelli piu’ avezzi agli investimenti, non mi va giu’ questa cosa…
La colpa e’ di Banca d’ Italia e della Consob che hanno persmesso tutto questo, gli investitori si fidavano di queste due entita’ ma adesso non sarebbe almeno l’ occasione per distruggerle una volta per tutte? o di chiedere i danni ai loro amministratori??
E poi perche’ a questo punto non prendere ogni centesimo, ogni grappolo d’ uva ai vari Zonin, etc…
Tanto siamo un popolo senza palle, povera gente che aveva investito tutto…che credeva nel territorio…che ha sacrificato una vita per avere una vecchiaia serena o per lasciare qualcosa ai nipotini…credo non ci sia cosa peggiore che perdere cosi quello che hai messo via in anni di sacrifici, potrebbero prendersela con i vari bancari che gli hanno consigliati…ma poi vieni a sapere che anche loro avevano investito tutto nelle banche dopo lavorano perche ci credevano e adesso la beffa, continuano ad andare ogni giorno a lavorare li…nel posto dove han perso il passato e il futuro…
ma si tanto che ce ne frega,facciamo distruggere l’ Italia, distruggendo il nord est poi sai che ridere prendi due piccioni con una fava..si quella che ci hanno messo in quel posto…
e noi zitti…coglioni!
tanto ormai l’ Italia e’ distrutta economicamente, socialmente…hanno ragione di sostituirci con gente che non ha mai avuto niente e che adesso vuole quello che abbiamo avuto noi da sempre…e’ giusto…noi non ce lo meritiamo piu’…siamo passivi…siamo decadenti…siamo stanchi…non vediamoil futuro…siamo dei coglioni…

w i nuovi italiani…vi lasciamo il nostro posto…abbiamo fatto molto per conquistarlo ma poi quando l’ abbiamo preso ci siamo addormentati…

povera gente indifesa italiana, poveri vecchi, poveri giovani, poveri i poveri…loro saranno i primi a soccombere…che classe media del kaiser che abbiamo…toccava a lei combattere le ingiustizie ma invece pensa a salvare il proprio orticello senza pensare alla comunita’, alla societa’, allo stato..perche’ lo stato siamo noi..non e’ nessun altro…

aorlansky60
Scritto il 23 giugno 2017 at 11:23

@ Gianbattista

ma non è proprio possibile selezionare la classe dirigente ?

Se ti riferisci al nostro Paese, fu possibile una volta forse (e dico forse) perchè già 70anni fà l’Italia era ridotto ad essere un Paese vassallo [e servo] di poteri noti, con tutto quello che ne consegue (anche la formazione di una sua propria classe dirigente, allineata rigorosamente al “politicamente corretto” dettato dagli USA, Stato sovrano dal quale l’Italia DIPENDE dal 1946…)

ma almeno i rappresentanti politici italiani di quell’epoca ebbero un minimo di dignità, al contrario della spudoratezza e della faccia tosta che caratterizza la politica attuale (una spudoratezza più sbilanciata verso sinistra per come la vedo);
forse erano anche altri tempi, di certo meno esasperati di quelli attuali, che favorirono il ruolo della POLITICA con una visione finale più gratificante agli occhi della maggioranza che ne delegava l’operato;

attualmente invece, il paradosso (e al tempo stesso l’enorme controsenso) è che la maggiorparte del popolo italiano crede [ancora] di poter contare su una classe politica dirigente in grado di scegliere le migliori opzioni possibili nell’interesse dell’Italia e degli ITALIANI, il che è una fandonia totalmente priva di senso dato che coloro che eleggiamo sono pedine servili agli ordini della UE :

TUTTO ciò che riguarda aspetti importanti e temi critici, a cominciare dalle misure economiche, viene dettato da Bruxelles dalla Com.UE, all’interno della quale i Paesi FORTI della zona €uro (DE e FR) riescono a fare la voce grossa ogni volta che occorre per imporre ciò che a loro più conviene per tutelare i loro interessi;

i Paesi deboli della coalizione -tra i quali l’Italia- devono sottostare e basta. Al massimo vengono confortati da belle parole d’occasione (proprio come la rassicurazione ottenuta ieri da “gentiloni” dalla Com.UE sul tema MIGRANTI, ah ah ah ah ah…), ma quando si tratta poi di passare ai FATTI è possibile vedere IL VERO VOLTO DELL’UNIONE EUROPEA…

Quante volte ho già detto questo : molti europeisti convinti non hanno ancora realizzato che la zona €uro è costituita all’interno di un sistema FATTO ANCORA di STATI SOVRANI, ognuno dei quali ha le proprie priorità individuali : guardare al bene e alla tutela del proprio sistema economico-finanziario, alla tutela delle proprie società sistemiche e delle proprie aziende di livello più defilato, in parole povere al BENE DELLA PROPRIA GENTE che vive all’interno di CONFINI ANCORA BEN DEFINITI che ne decretano la SOVRANITA’ di STATO rispetto ad altri Stati confinanti.

In un contesto simile come quello che ho descritto, una coalizione mantenuta salda SOLO Dall’ADOZIONE e dall’USO di una MONETA UNICA per tutti, i Paesi più Forti (economicamente, industrialmente, finanziariamente e… militarmente) DETTANO LEGGE e dettano le condizioni [naturalmente in linea ai loro interessi] agli altri Paesi di profilo minore.

Io rido tutte le volte che sento gli italiani parlare di temi politici ed economici su scala europea, mossi e convinti da sentimenti “europei”, quando le esigenze e le priorità PER CHI COMANDA PER DAVVERO in UE sono ben altre, lasciando i sentimenti “europei” di fratellanza a “sbatterseli in quel posto”, alla faccia di tutti coloro -purtroppo molti, candidi e ingenui per non dire sprovveduti- che vi credono.

madmax
Scritto il 23 giugno 2017 at 12:42

ilcuculo69@finanza,

Cuculo69, la frana? Il movimento che genera la frana nel sistema politico? Non so se sei giovane o meno, ma le frane avvengono spesso, ricorda la Lega Nord partito di rottura, ora ben tutti attovagliati con in mano i forchettoni, Forza Italia? Il nuovo che avanza, si son mangiati pure le briciole. Stessa cosa per i 5stelle, credimi li stimavo prima, partiti dal mettere i nomi sui bocchierini di carta per non sprecare ed il culto dello streaming ed arrivati ad essere nominati sindaco nella capitale, ma aime’ gli abiti firmati dei mascelloni, le polizza regalate, gli incontri sotto banco con altri partiti negati, le firme false, le purghe staliniane dei non allineato e due pesi e due misure per la questione morale. Sono peggio degli altri, predicano bene ma razzolano molto peggio. Ed adesso che la sindaca e’ alle corde si attacca con i tentacoli alla poltrona, come tutti come glia altri.

ilcuculo69
Scritto il 23 giugno 2017 at 16:40

Si si lo so , quando arrivano vicini al potere tutti si squagliano come ghiaccioli in forno e si… “adeguano”.

Però proprio perchè de-strutturati o mal strutturati i 5S potrebbero mettersi in posizioni di rottura con UE creare presupposti di sfiducia che scatenerebbero la speculazione, a quel punto, una volta aperto il vaso di pandora si potrebbe perdere il controllo della situazione.

silvio66
Scritto il 23 giugno 2017 at 17:31

il­cu­cu­lo69@fi­nan­za,

Vedi Cuculo tu e Madmax ve la raccontate da soli parafrasando luoghi comuni e frasi fatte ma nessuno dei due che è entrato nel merito di ciò che ho scritto riguardo al tema dell’articolo…le funzioni bancarie e gli organi di vigilanza temi sui quali gli iscritti dei 5s hanno votato due giorni orsono scegliendo in modo bulgaro il ripristino della separazione e la riforma degli organi. Vi risulta che in altri partiti si parli di questo? Da destra a sinistra c’è qualcuno che parla di questi temi? Fiumi di parole sdegnate quando si fregano i risparmiatori ma poi? Poi si preferisce schernire il movimento con epiteti come capocomico tutti uguali ecc ignorando il fatto che c’è qualcuno che sta preparando da mesi un programma di governo coinvolgendo la base ponendo sul tavolo temi che gli altri partiti nemmeno sfiorano. In questi giorni sto letteralmente divorando l’euro di josep Stiglitz edito da Einaudi al fine di allargare il mio spettro nonostante sia promotore da vent’anni e presumibilmente più preparato della media sulla materia finanziaria. Una lettura che consiglio a tutti non tanto per la cronostoria dei difetti ma per le soluzioni che propone. Mi piacerebbe confrontarmi sui temi e non leggere le solite battute da bar sui 5s.
Buonagiornata

ilcuculo69
Scritto il 23 giugno 2017 at 18:06

sil­vio66@fi­nan­za,

SOno sicuro che su qualche tema specifico il M5S possa portare avanti delle battaglie corrette, ma quando lo fa lo fa in modo demagogico.

Comunque per me il problema principale del M5S è la governance del movimento, TOTALMENTE OPACA, che mi tiene assolutamente distante. Se non mi fido di una persona non mi metto ad ascoltare ed analizzare le sue idee se non per capire se sta cercando di fregarmi.

stanziale
Scritto il 26 giugno 2017 at 07:34

Le riflessioni dell’economista francese anti euro Sapir: l’italia ritorna al diritto fallimentare italiano non applicando le regole del bail in: l’unione bancaria dell’ue e’ FALLITA http://vocidallestero.it/2017/06/25/sapir-e-bloomberg-dallitalia-un-colpo-mortale-allunione-bancaria/

aorlansky60
Scritto il 26 giugno 2017 at 08:28

beh, è un mondo davvero bellissimo quello in cui stiamo vivendo, ed è un paese -l’Italia- altrettanto bellissimo quello di cui ci onoriamo di far parte; Alice sarebbe molto invidiosa pensando alle limitazioni del suo cangiante Paese delle Meraviglie rispetto alle possibilità illimitate offerte da questo sistema,

dove una banca privata riesce a farsi concedere un aumento di capitale da 5,2 miliardi di €uro, NON tramite capitali privati (come buona regola di un tempo usava) ma di contributi pubblici dallo Stato, che per bocca del suo ministro delle finanze afferma che “non ci sarà alcun esborso di capitali pubblici per l’operazione di salvataggio delle due banche venete” !

beh fantastico no? La conferenza stampa di ieri (alla quale ho assistito in diretta televisiva) con uno zombie che rispondeva alle domande scontate di altri zombies era più divertente del migliore dei film comici.

alla fine mi rimane solo un dubbio : i soldi -5,2 miliardi, che potrebbero diventare 12 miliardi o perfino 17 miliardi se si concretizzeranno le peggiori probabilità-

CHI ce li mette ?

Alice ?? il cappellaio matto forse ??

A questo punto mi chiedo a che cosa serva e cosa ci stia a fare l’UE : dopo tonnellate di carta emessa sulla regolamentazione bancaria Europea, con tanto di BRRD, Bail-in, burder sharing,

dal caso in oggetto si comprende benissimo che in caso di occorrenza estrema, uno Stato può richiedere contributi ai propri cittadini ricorrendo a capitali pubblici per salvare istituti bancari sistemici,

OK va bene nessun problema,

ma ce l’avessero detto prima, senza inscenare tutte quelle regole e tutti quei cavilli (che però fanno tanto comodo a un sacco di gente che di questo vive)

noi comuni mortali avremmo fatto a meno di arrovellarci il cervello.

Ultima cosa [certa] che questa vicenda mi ha apportato : non esistono più regole. Amen.

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Ultimo giorno di versione integrale dei grafici da non perdere. Avvicinandomi ai mercati finanzia
Piazza Affari consolida i rialzi e scambia ancora in trading range. L'indice FTSE Mib veleggia fra i
Il confronto avviato lo scorso anno fra i sindacati ed il governo sulle pensioni, ha permesso di giu
Era assolutamente scontato un “nulla di fatto” sui tassi di interesse, al FOMC chiusosi ieri
                Iniziamo da qui.
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
La “mano invisibile” di Smith negli ultimi anni è stata molto meno invisibile di quanto si
Quello che sta succedendo nel nostro paese è ormai chiaro a coloro che hanno voglia di vedere: si c
E basta! Sempre a parlar male del Bel Paese! Non è giusto, anche se in poche cose, ci sono dell