MERKEL: L’EURO E’ UN PROBLEMA PER LA GERMANIA!

Scritto il alle 10:50 da icebergfinanza

Risultati immagini per merkel euro

Affascinante davvero, sono bastate due strigliate da parte dell’amministrazione Trump e subito in Germania tutti si agitano…

Merkel: il valore dell’euro è un problema per l’Eurozona

(…)  Parlando alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco, la cancelliera ha dichiarato senza mezzi termini che «in questo momento abbiamo ovviamente un problema nell’Eurozona con il valore dell’euro», un chiaro riferimento al livello troppo basso della moneta unica. «La Bce – ha continuato – ha una politica monetaria che non risponde alle esigenze alla Germania, anzi è fatta su misura per Paesi come Portogallo, Slovenia o Slovacchia. Se avessimo ancora il marco – ha concluso – avrebbe sicuramente un valore ben diverso da quello che ha l’euro in questo momento».(…)  Il messaggio a Trump è chiaro: è vero, l’euro è sottovalutato, ma non per colpa della Germania e anzi se fosse per Berlino, preferirebbe avere una moneta più forte come ai tempi del marco. Dichiarazioni da leggere anche in chiave pre-elettorale: la Merkel cerca il quarto mandato nelle elezioni di settembre e secondo gli ultimi sondaggi è indietro rispetto al candidato socialdemocratico Martin Schulz.

In una conferenza stampa congiunta con il vice presidente Michael Pence, Merkel ha anche difeso il surplus commerciale da record della Germania. «Se ci guardiamo intorno in questa stanza e osserviamo quanti iPhones e prodotti Apple sono presenti, credo che il vicepresidente americano possa essere completamente soddisfatto, mentre la Quinta Strada a New York è ancora poco popolata di auto tedesche». Poco prima di essere eletto, Trump in un’intervista si era lamentato per il numero eccessivo di Mercedes che a suo avviso circolano sulla Quinta Strada.

Cara, se l’euro è troppo debole per Voi, levatevi dai piedi!

Davvero intelligente la nostra Angela, infatti il costo di un’automobilina tedesca è più o meno quello di un iphone o ipad, costruito in Cina…! Ma lasciamo da parte queste fesserie e occupiamoci di cose serie.

Non passa giorno senza il quale qualcuno mi domandi che fine farà il dollaro, quale sarà il rapporto dollaro euro nei prossimi mesi.

Nell’ultimo manoscritto abbiamo visto insieme ben sei punti a favore del dollaro, uno forse o due a sfavore.

Un paio di settimane fa forse a qualcuno è sfuggito ma Trump, prima che il suo Consigliere per la Sicurezza Nazionale, Mike Flynn lasciasse il suo incarico in seguito alla promessa  con l’ambasciatore russo  per un possibile allentamento delle sanzioni, lo ha chiamato alle 3 di notte per chiedergli l’impatto economico di un dollaro forte …

Trump reportedly called his national security adviser at 3 am to ask if

Ovviamente Flynn non sapeva rispondere è ha suggerito di rivolgersi ad un economista, giusto per dire come hanno le idee chiare nell’armata brancaleone di Trump. Noi vi abbiamo raccontato quello che è successo  durante la “reaganomics”, questa volta Trump potrà gridare ovunque che il dollaro è troppo forte ma nessuno darà una mano agli Stati Uniti, non ci sarà nessun accordo al Plaza Hotel.

Trump non può fare nulla contro il mercato valutario, nulla contro una Fed che crede di aumentate per l’ennesima volta i tassi.

C’e sempre qualcuno che si diletta nel suggerire quale sia il giusto equilibrio dell’euro o del dollaro come meglio preferite…

… ma nessuno è in grado di prevedere il valore ottimale, solo un mercato che muove oltre 4 trilioni di dollari al giorno.

Ogni tanto qualcuno si sveglia e incomincia a deliziarci con la fine del dollaro o la sua scarsità. Ma di questo parleremo la prossima volta, come detto prima nessuno sa come finirà una bolla, quello che è certo è che la “trumpnomics” stessa è un’immensa bolla, immensa illusione, le volpi di Goldman Sachs avvertono che non ci sarà alcun impatto da parte della manovra fiscale sino al 2018 e che gli investitori dovranno presto rivedere tutte le loro aspettative. Secondo loro ci stiamo avvicinando al punto di massimo ottimismo, ma credetemi, andremo ben oltre l’immaginazione, vedrete cose che voi umani.

Noi guardiamo oltre la prossima se ci sarà sarà solo una piccola correzione, se lo dice Goldman, fate il contrario non sbaglierete mai.

Gli ultimi dati economici mostrano solo un modesto miglioramento, il mercato immobiliare è in chiara difficoltà, la produzione industriale ben più debile del previsto, come abbiamo visto la scorsa settimana.

Ma prima che qualche anima in pena continui a sostenere che vi stiamo spaventando, ricordatevi che c’è ancora tempo e che al momento opportuno non mancheremo di condividerlo insieme.

Nel frattempo anche se gli amici di Machiavelli conoscono già questa storiella da almeno un paio di mesi, quelli di  Barclays hanno deciso di dare un’occhiata ad uno dei più importanti cambiamenti nel regime fiscale della storia recente degli Stati Uniti, di ficcare seriamente il naso nella “reaganomics” trovando l’uovo di Colombo.

L’indice americano sali di circa il 40 % prima che la riforma fiscale fosse davvero implementata nel luglio del 1987, giusto in tempo per assistere ad uno dei più spettacolari crolli della storia finanziaria americana ovvero il “lunedì nero” del 19 ottobre 1987

Dopo il crollo ci fù una pronta ripresa,  Barclays prevede una dinamica simile…

Si potrebbe forse aggiungere che il mercato ha già scontato la maggior parte del taglio delle tasse, senza nemmeno conoscere i dettagli. Due notevoli differenzea tra i tagli fiscali di Reagan e quelli di Trump, il livello di indebitamento del governo di gran lunga maggiore di quanto non fosse 30 anni fa e ciclo di politica monetaria della Federal Reserve, che per il momento è visto al rialzo, anche se inevitabilmente il mercato prima o poi si renderà conto che l’ inasprimento delle condizioni finanziarie inevitabilmente dovrà aumentare il livello di rischio del mercato azionario.

Noi come ben sapete, abbiamo tutta un’altra visione!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.0/10 (14 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +10 (from 12 votes)
MERKEL: L'EURO E' UN PROBLEMA PER LA GERMANIA!, 9.0 out of 10 based on 14 ratings
Tags: , ,   |
2 commenti Commenta
sepp
Scritto il 21 febbraio 2017 at 15:16

Siamo convinti che queste persone siano state elette dal popolo?
Io dico di no, la democrazia e’ una bella scoperta per i truffatori,
il banco vince sempre e il banco e’ truccato.
Nessuno vorrebbe mai gente cosi’ al potere, eppure
li mettono li, poi quando la figura ha stancata si cambia
personaggio e il film continua.

aorlansky60
Scritto il 21 febbraio 2017 at 15:50

@ Sepp

La Com.UE è un Istituzione autoreferenziale NON eletta dal POPOLO;

la sua diretta emanazione BCE è un Istituzione altrettanto autoreferenziale NON eletta dal POPOLO.

Basterebbe solo questo [per far capire a chi legge che i Paesi Europei hanno ceduto più o meno consapevolmente la propria Sovranità ad enti non ben definiti ma alquanto OPACHI]

ma qualche tempo fà ho avuto modo di leggere una dichiarazione di j.c.junckers degli anni 90, espressa a proposito dell’ Unione Europea – o per meglio dire, CIO’ CHE INTENDE(VA) LUI CON LA SUA CRICCA DI AMICI ALTOLOCATI PER “UNIONE EUROPEA” :

noi dobbiamo procedere lentamente a piccoli passi, proponendo di volta in volta le soluzioni più opportune per l’interesse dell’Unione, e vedere le successive reazioni dei governi dei singoli paesi europei; se non hanno nulla da obiettare, procedere con il passo e la proposta successiva.

A me questo ricorda molto la tattica da giocatore di poker, la stessa che adottò adolf hitler verso le Democrazie Occidentali, quando 80anni fà egli procedeva “a piccoli passi”, prima annettendosi la Cecoslovacchia, poi l’Austria, poi la Polonia…

Cioè, se non si è capito : UN ORDA DI CRIMINALI; questo abbiamo acconsentito che ci governasse in Europa (tra i torpori della maggior parte della massa silente opportunamente addomesticata dai media e dai tabloids asserviti al Potere).

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Per fare un quadro tecnico e ciclico sul futures Dax, presento il Battleplan Biennale che per ora se
Oggi rifacciamo il punto sul lungo periodo dell'FTSEMIB, il quale ha visto partire l’ultimo Inters
Oggi analizzeremo il mercato americano più importante, ovvero l’S&P500. Nell’immagine si n
Maggiore consumo di carburante, anomalie e perdita di potenza al motore. Sarebbero queste le pi
Giusto per comprendere come funziona il più Europa, dopo le recenti dichiarazioni Moscovici...
Ftse Mib: dopo la corsa di oltre il 7% avviata il 4 gennaio, il listino italiano sembra prendere una
Mentre i mass media continuano a focalizzare l'attenzione sulle quotazioni altalenanti di Bitcoi
Il 25 e 26 gennaio prossimo l'Inps celebrerà i suoi primi 120 anni  di esistenza e in attesa che s
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Vademecum per capire perchè in fondo la nostra è una vita "in saldo" Un po' di storia. I Saldi