TRUMP E MAY: NEW DEAL! LA BREXIT PUO’ ASPETTARE!

Scritto il alle 10:00 da icebergfinanza

Risultati immagini per brexit court

In questi lunghi mesi ci siamo dovuti sorbire le paranoie di chi suggeriva la fine del mondo per la sterlina e il Regno Unito, sai Andrea aspetta che l’Inghilterra se va vada davvero dall’Europa e poi vedrai cosa accadrà!

In questa crisi, nella nostra professione, guai non essere pragmatici, un conto sono le considerazioni personali su quello che è accaduto, un altro è come avrebbe potuto reagire l’economia e i mercati.

Brexit, la Corte: «Voti il Parlamento»

Per il governo di Theresa May si complica il cammino verso la Brexit. Con 8 giudici a favore e 3 contrari la Corte Suprema di Londra ha disposto in via definitiva che la notifica dell’articolo 50 del Trattato di Lisbona per l’avvio dei negoziati con l’Ue per la Brexit dovrà essere autorizzato da un voto del Parlamento britannico.

Il verdetto conferma quello di primo grado dell’Alta Corte e dà torto al governo May che aveva presentato ricorso invocando il diritto ad attivare l’articolo 50 d’autorità, nel rispetto della volontà popolare del referendum del 23 giugno. L’articolo 50 stabilisce che ogni stato membro può decidere di ritirarsi dall’Unione europea conformemente alle sue norme costituzionali. Se decide di farlo, deve informare il Consiglio europeo della sua intenzione e negoziare un accordo sul suo ritiro, stabilendo le basi giuridiche per un futuro rapporto con l’Unione europea. L’accordo deve essere approvato da una maggioranza qualificata degli stati membri e deve avere il consenso del parlamento europeo. I negoziatori hanno due anni a disposizione dalla data in cui viene chiesta l’applicazione dell’articolo 50 per concludere un accordo, ma questo termine può essere esteso. Se in un momento successivo lo stato che ha lasciato l’Unione vuole rientrarvi deve ricominciare le procedure di ammissione. Nessuno stato ha mai invocato finora l’articolo 50, il Regno Unito sarà il primo.

ImmagineNon mi ricordo chi ma qualcuno ironizzava sul mio testa e spalla…

I tempi per l’uscita potrebbero allungarsi ma non cambia la sostanza anche perchè…

May può consolarsi almeno con il fatto che la Corte suprema ha chiarito che il governo non ha l’obbligo di consultare i parlamenti di Galles, Irlanda del Nord e Scozia, come ha spiegato il presidente della Corte, Lord David Neuberger, in un’aula affollatissima.(…)

 Il leader laburista, Jeremy Corbyn, ha spiegato che il suo partito «rispetta il referendum e la volontà popolare e non frustrera’ il processo per l’attivazione dell’articolo 50».(…)

Nel frattempo, giusto per rinfrescare la memoria…

United Kingdom GDP Growth Rate

United Kingdom Unemployment Rate

United Kingdom Exports

Qui sotto in sequenza l’indice PMI dei servizi e quello dell’industria manifatturiera…

United Kingdom Services PMI

United Kingdom Manufacturing PMI

A si certo dimenticavo un’esplosione di inflazione ovunque…

United Kingdom Core Inflation Rate

Davvero una tragedia sta Brexit! Come per l’uovo di Colombo americano, bastava fare un piccolo buchino alla base per tenerlo in piedi, non ci voleva tanto a capire due cose essenziali:

a) che la svalutazione di circa il 30 % della sterlina avrebbe portato benefici

b) che la vera Brexit sarebbe arrivata molto più in la nel tempo.

Indovinate ora chi sarà il primo capo di Stato che Trump riceverà alla casa bianca venerdì!

Pronto il “New deal” Trump- May per i commerci e la finanza

Su coraggio alle volte basta poco per fare uno più uno, buona consapevolezza e mi raccomando per quelli che aspettano Godot, la fine del Regno Unito, prima arriverà quella della … Germania!

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta, l’informazione indipendente…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (16 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +14 (from 14 votes)
TRUMP E MAY: NEW DEAL! LA BREXIT PUO' ASPETTARE!, 10.0 out of 10 based on 16 ratings
Tags: ,   |
23 commenti Commenta
signor pomata
Scritto il 25 gennaio 2017 at 10:35

Tra ironizzare e costatare non mi sembra che sia la medesima cosa.
Io , se parlavi di me, ho costatato che la sterlina aveva superato ampiamente la spalla sinistra e non era schizzata come si tentava di far credere sotto la spalla sinistra per proseguire il suo percorso.
A oggi sta 1 punto o forse meno sotto quel livello e non capisco perche fai presumere di aver avuto ragione e che chi aveva fatto una semplice deduzione tenti di farla passare per ironia nei tuoi confronti cosa che non era.
Credo che i nostri piccoli screzi passati siano dovuti forse al mio carattere di merda ma anche alla tua sostanziale noncuranza della possibilità di avere torto.
Cosa che come ti ho spesso tentato di far capire non sminuisce il tuo lavoro perche anche tu puoi sbagliare.
Immagina se per esempio tra due settimane la sterlina torna a 0,90, se io ti ripresentassi il tuo scritto sarei un bastardo?
Immagino che mi ripresenteresti il grafico in cui siamo in presenza di un doppio massimo e quindi confermerebbe la discesa seguente.
Da tempo nutro il sospetto che prima avviene il movimento e poi la spiegazione, tanto tra tutte le figure vuoi che non ce ne sia una che spiega la situazione?
Poi, se posso permettermi, altra precisazione sul grafico del trentennale americano, lo seguo giornalmente ma i rendimenti sono sempre li, un punto più un punto meno.
Un 2045 al 3% lo compri a 98.
Ha toccato 101 ma pure 96, ma parliamo di poca roba ossia mi hai insegnato a seguire il lungo termine e parliamo di movimenti piccoli e di corto respiro.
Non ho voglia di polemizzare ne di farti le pulci ho semplicemente fatto delle costatazioni.
Poi magari oggi verrò sbugiardato su tutto o magari no, se parliamo sempre di manipolazione delle notizie e prezzi risulta sempre più difficile individuare come vorranno fare altri soldi e state sicuri che non li regaleranno a nessuno.
Stammi bene.

icebergfinanza
Scritto il 25 gennaio 2017 at 12:53

Ironia va bene cambiare le carte in tavola no.
Se vuoi ti lascio almeno una decina di testimoni e più (clienti ) che ti confermano che quella figura la sto seguendo da tempo.
A me basta ciò che hai scritto…” Da tempo nutro il sospetto che prima avviene il movimento e poi la spiegazione…” ma non importa, probabilmente non hai avuto modo di leggere l’ultimo Machiavelli datato 18 dicembre dove si prospettava chiaramente la figura sul cambio eur/gbp

E mi fermo qui… a meno che non vuoi che domani pubblichi la figura e il commento del 18 dicembre vista l’accusa di essere un visionario del senno di poi…

si­gnor po­ma­ta@fi­nan­zaon­li­ne,

theoriginaluke
Scritto il 25 gennaio 2017 at 13:12

Ciao,
Potresti pubblicare anche l’import e la bilancia commerciale? E l’inflazione “vera” e non solo quella core (che mi sembra sia sopra gia’ il 2%)?

potresti pubblicare anche il grafico sterlina dollaro (magari gli ultimi 10 anni) cosi’ si vede quanto la sterlina e’ andato giu,,,,e senza ancora la brexit…che ci sara comunque?

icebergfinanza
Scritto il 25 gennaio 2017 at 13:33

Te le pubblico qui cosi poi discutiamo dopo mesi e mesi da fine del mondo sia più importante l’inflazione “core” o quella vera di breve respiro o magari della dinamica della bilancia commerciale negli ultimi due anni e non negli ultimi sei mesi…

http://www.tradingeconomics.com/united-kingdom/balance-of-trade

http://www.tradingeconomics.com/united-kingdom/inflation-cpi
theo­ri­gi­na­lu­ke@fi­nan­zaon­li­ne,

theoriginaluke
Scritto il 25 gennaio 2017 at 13:43

Quindi la bilancia commerciale sta sprofondando sempre piu e l’inflazione sta aumentando….
e tutto questo senza Brexit…..

Gli effetti ci saranno in futuro. Chi si straccia le vesti ovviamente sbaglia ma negare che vi siano molti aspetti negativi non mi sembra corretto

Ciao

signor pomata
Scritto il 25 gennaio 2017 at 13:49

ice­berg­fi­nan­za,

Ma perche parli di cambiare le carte in tavola?
Quando ho detto quelle cose erano fatti e non ironizzavo su nulla.
La figura la vedi te come la vedo io ma sappiamo entrambi che non è che basta che si formi la figura per confermarla ma la conferma viene dopo e allora si comprende il valore passato della figura.
Quante volte si forma un testa spalle ribassista e poi il trend non segue la figura?
Ultima cosa: per favore non mettere in bocca parole non dette, del visionario non te l” ho mai scritto ne pensato.
Comunque era praticamente sicuro che non avresti apprezzato il mio scritto, nonostante con tutte le precauzioni del caso te la sei presa subito come una critica di delegittimazione nei riguardi del tuo operato.

madmax
Scritto il 25 gennaio 2017 at 14:01

Quaquaraqua…quaquaraqua…da Radio Londra!

Ci potevo scommettere che entro il 30 Marzo non avrebbero attivato l’art. 50 !!!! Io resto sempre della mia opinione la brexit mai si fara! Ancora una volta i fuffologici inglesi si dimostrano per quello che sono, quaquaraqua. Lo so qualcuno si offendera’ a vedere che bistratto la perfida Albione, ma provate a pensare se una cosa del genere l’avesse fatta l’Italia, all’estero tutti a gridare inconcludenti, inconsostenti, soliti pizza e mandolino e in patria: ecco siamo i soliti pasticcioni, all’estero sinche sono bravi…e frotte di giornalisti (pardon pennivendoli) si accoderebbero.

Certo l’indubbia crisi costituzionale (chi deve decidere) e politica, Cameron se ne andato, il leader dei labour sfiduciato dalla base e il leader dei Brexit, Farage ha fatto le valigie pur vincendo, ha visto la sterlina indebolirsi (lascio a voi l’analisi tecnica).

Ma se ben guardiamo i risultati inglesi sono pessimi per deficit rispetto al PiL:

2007 -3%
2008 -5.1%
2009 -10.8%
2010 -9.7%
2011 -7.7%
2012 -8.3%
2013 -5.6%
2014 -5.6%
2015 -4.4%

Fonte: http://www.tradingeconomics.com/united-kingdom/government-budget

Azz proprio bravi ad accumulare debito!!!

madmax
Scritto il 25 gennaio 2017 at 14:02

Dimenticavo: dove li trovati i giornalisti che lo spieghino???

icebergfinanza
Scritto il 25 gennaio 2017 at 14:11

Ognuno ha le sue interpretazioni io preferisco dire che nonostante quello che è successo e le previsioni di chissà quale inflazione o deterioramento della bilancia commerciale a seconda dei punti di vista è successo poco o nulla Nessuno nega gli aspetti negativi diverso è sottovalutare gli aspetti positivi preponderanti. Sbagliato è invece dire che non è ancora successo nulla visto che la sterlina ha già perso il 30%
,

icebergfinanza
Scritto il 25 gennaio 2017 at 14:15

madmax,

Se fai un salto indietro di qualche anno 2011 2012 il sottoscritto era tra i pochi che affermava che l’Inghilterra è un paese di carta straccia molta finanza poca economia mettendo in evidenza l’enorme deficit di quel paese diverso invece è negare la realtà ovvero che la svalutazione della sterlina ha portato benefici

icebergfinanza
Scritto il 25 gennaio 2017 at 14:19

signor pomata@finanzaonline,

Una semplice e veloce considerazione tecnica se mettiamo in evidenza una figura possibile come il testa di spalla Non significa che non si possa sfruttare il movimento dall’apice della spalla fino al momento che tocca la neckline ovvero sfruttare il movimento in atto da 0,87 / 0,88 sino a … parlare poi di conferma o meno della figura stiamo parlando dello step successivo

madmax
Scritto il 25 gennaio 2017 at 14:30

Capitano,
A parte la sterlina che e’ scesa…nulla e’ successo, l’art. 50 (irreversibile) dopo che sono passati ormai 7 mesi dalla volonta’ popolare. Con la sentenza della Corte UK i tempi per invocarlo si allontanano ulteriormente…e quando saremo dentro alla prossima tempesta, ritarderanno ancora di piu’.

Pero’ lasciami dire che gli UK hanno una Banca Centrale indipendente (BOE) una moneta che non e’ l’Euro e si son sempre fatti gli affari loro senza guardare in faccia a nessuno.

I risultati sopra mostrano che pure per loro non e’ stato facile e dalla crisi non ne sono usciti pure loro avendo tutte le armi di sopra!
Concordo al 200% percento che sono di carta straccia ma si sanno vendere molto meglio di noi!
Un abbraccio dal bastian contrario nr. 1 a questo punto penso che forse mia moglie e mia figlia abbiano ragione dicendo che borbotto sempre su tutto!

signor pomata
Scritto il 25 gennaio 2017 at 14:41

ice­berg­fi­nan­za,

Stai parlando di investire in movimenti o meglio speculare su movimenti infimi.
Comunque ti ripeto che se da 0,87 ti andava a 0,90 e quindi la figura che si formava non era una spalla che si faceva?
Si prendeva in considerazione il doppio massimo di periodo?
Quello che voglio dire è che mentre sta a 0,87-88 come fai a sapere con certezza che sta formando una spalla e non va a cercare il massimo fatto in precedenza?
Non lo sai perche non lo sappiamo nessuno.

vito_t
Scritto il 25 gennaio 2017 at 15:12

signor pomata …. io da ANDREA ho “solo” imparato, a leggere gli eventi in modo diverso .. a rileggere la storia … ad essere più obbiettivo … ma non mi sembra che si sia mai eretto a consulente del sito .. il suo impegno mi sembra di natura diversa … e quindi se uno è particolarmente bravo con l’analisi perchè non fa esclusivamente da solo ? …. senza addossare letture diverse agli altri ? In quanto al testa e spalle presunto o no , l’area di 0,88 non era male … perchè da quando è nato l’euro sopra 0,88 la sterlina ha fatto vita solo una ventina di mesi dei suoi oltre 180 di vita … dimostrando quindi di essere un livello non sostenibile per lungo tempo ….. insomma le probabilità, visto che nessuno sa ancora leggere il futuro … anche se Andrea a volte dà proprio l’idea di questo …. , erano a favore ….

reragno
Scritto il 25 gennaio 2017 at 17:08

A tutti coloro che leggono a sbaffo questo blog!
Andate a cagare

apprendista
Scritto il 25 gennaio 2017 at 17:59

Siete tutti stupendi,il signor bastian contrario un vero mito, da queste piccole cose si capisce come mai nel nostro paese accade quel che accade.
Il capitano ? monumentale sia in umanita’ che in preparazione ed il suo track record quasi imbarazzante da far invidia a nostradamus, sempre disponibile a rispondere a mail private ed adirittura nel mio caso quando impropriamente davo di matto per un “andamento poi rivelatosi passeggero mi ha chiamato personalmente !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Per me Mazzalai e’ il numero 1 IN TUTTO e lo seguiro’ a mio rischio e pericolo SEMPRE in quanto osservo i mercati da 8 anni e letto tutti i giorni le previsioni dei varii pagliacci anche blogger) e mi dispiace non c’e ne per nessuno.

signor pomata
Scritto il 25 gennaio 2017 at 18:12

vi­to_t@fi­nan­zaon­li­ne,

Ma mi fate capire perche uno in questo sito non può nemmeno dire cose normali in qualsiasi ambito di una discussione costruttiva senza essere tacciato di deprezzare il lavoro del padrone di casa?
Non è la prima volta che mi capita e devo dire che lo trovo davvero poco edificante.
Trovo sconfortante sia lo scritto del post in cui fa intendere chissà quale portata per il culo ci sia stata 1 mese fa e anche lo scritto seguente come se uno non può avere opinioni differenti in contesti assai malleabili come lo stesso padrone di casa ha spesso detto.
Mi sembrate i cani da guardia solo alquanto ciechi perche io sono ampiamente in accordo su tutta la linea con il padrone di casa solo che alcune volte ho pareri differenti o meglio non capisco perche sembra voglia sotto intendere che lui ha avuto sempre ragione cosa che non capita a nessuno.

gainhunter
Scritto il 25 gennaio 2017 at 19:31

madmax,

Concordo e non concordo… mi spiego:
– sul deficit e sul fatto che la loro economia sia troppo finanziarizzata a deindustrializzata perfettamente d’accordo (il peggior debito aggregato dell’UE finora, poi toccherà a Spagna o Francia quando l’UK sarà fuori)
– sulla questione art. 50, già dai primi giorni avevo scritto (qui o su intermarketandmore) che il referendum era consultivo e che doveva essere approvato dal parlamento, quindi avrebbe anche potuto non essere approvato andando contro la volontà popolare; dici che non usciranno mai, vedremo, secondo me dipende da cosa otterranno a livello di accordi con l’UE da una parte e gli USA e altri dall’altra
– sul fatto che se fosse capitato all’Italia saremmo stati presi in giro e ci saremmo presi in giro da soli sono perfettamente d’accordo
– sul fatto che i politici inglesi non siano migliori di quelli italiani concordo, perchè per me i politici (ovunque) sono spesso gente incompetente che non ha mai lavorato nella vita, quindi non mi stupisce che Farage e Johnson si siano dileguati di fronte a una missione difficile (ma questo non significa che quanto diceva Farage al parlamento europeo sia falso)
– sul fatto che UK o Italia in questa situazione sia da definire quaquaraqua, inconcludente, ecc. non sono d’accordo perchè il referendum era la richiesta al popolo di esprimere la propria opinione ma siccome uscire dall’UE non è così semplice per la marea di accordi, leggi, ecc. che legano i due soggetti è implicito che debba essere fatta nei tempi e nei modi ottimali per non creare danno né all’uno né all’altro; se non usciranno mai adducendo scuse è un conto, ma se usciranno dopo aver trattato o definito dei nuovi accordi o preaccordi, se questo avverrà tra qualche mese o anche qualche anno, io non vedo nulla di anormale, inconcludente o pasticcione

stanziale
Scritto il 25 gennaio 2017 at 20:08

Oggi riposto questo nuovo articolo sul target 2 http://scenarieconomici.it/ancora-sul-target-2-perche-perfino-i-tedeschi-affermano-che-non-e-un-problema/
stavolta l’ho capito meglio e mi sembra di potergli dare ragione. Quindi sembra che il saldo target 2 negativo in linea di massima, quando e’ finanziario cioe’ la maggior parte sembra, NON e’ un debito ma un credito. Torna il ragionamento: se un italiano poco patriota e molto fesso- praticamente il piddino benestante medio, cosi’ per fare un esempio eh… ah quanti ne conosco- compra i bund tedeschi, lui e l’italia, visto che egli resta in italia, hanno un credito e non un debito. E’ cosi’, anche , che si forma il target 2 paurosamente negativo. Quindi , non se, ma quando (cioe’ molto presto) implodera’ l’euro (perche’ succedera’, ah se succedera’, con l’avanzo commerciale della germania arrivato a 250 miliardi annui che NON e’ piu’ accettabile da chi di dovere), probabilmente i tedeschi, ai detentori di bund italiani, o detentori di cc in banche tedesche, potrebbero bloccare i bund o i cc e restituire il dovuto in lire nuove di pacca. Proprio quello che non vogliono. Eh eh, ma quanto ci sara’ da divertirsi.

veleno50
Scritto il 25 gennaio 2017 at 21:07

stan­zia­le@fi­nan­za,

Omettiamo piddino benestante medio che non si capisce cosa vuoi dire,andiamo a italiano poco patriota e molto fesso qui ci siamo capiti e ci stà,poi scrivi delle stupidaggini sugli investitori nei titoli tedeschi ,target 2,paurosamente negativo,bloccare i bund .restituzione in lire,ci sarà da divertirsi ,sei sicuro di non essere tu quello molto fesso.

gainhunter
Scritto il 25 gennaio 2017 at 22:12

madmax: I risultati sopra mostrano che pure per loro non e’ stato facile e dalla crisi non ne sono usciti pure loro avendo tutte le armi di sopra!

Per quanto riguarda moneta e sovranità monetaria prova a guardarla in questo modo: la sovranità monetaria non è una condizione sufficiente affinchè l’economia di uno stato sia florida, ma una condizione necessaria per permettere a uno stato di difendere la propria economia in certe situazioni.
Cioè: con tutti i problemi che ha comportato l’esplosione della bolla immobiliare e finanziaria e la conseguente deflazione da debiti, non avere una moneta propria come arma di difesa è un problema in più. Uno stato iperindebitato e deindustrializzato come l’UK oggi ha un PIL e un PIL procapite che sono tornati al livello pre-crisi (come la Francia che ha un debito aggregato molto minore e ha industria e multinazionali “con gli attributi”), secondo me grazie a:
– QE della BoE (che evitando crolli di borsa ha evitato i fallimenti di banche)
– il finto salvataggio delle banche greche = garanzia dei crediti anche inglesi (quindi grazie anche all’UE)
– svalutazione della sterlina del 2008 (guarda le esportazioni di UK, F, D a 10 anni su tradingeconomics: è qui che l’impatto della moneta si vede di più perchè sull’aggregato i fattori che incidono sono tanti, mentre sulle esportazioni l’incidenza della moneta è più alto)

stanziale
Scritto il 25 gennaio 2017 at 22:20

veleno50@finanza,
A me ora pare chiaro Veleno, SE l’origine della maggior parte del saldo target 2 e’ finanziaria…ma, visto che pensi siano fesserie , per essere coerente non ti resta -da buon piddino- che comprare (se ancora non li hai) i bund…

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Per informazioni e prenotazione del corso: Ing. Francesco Filippi [email protected]
Oggi rinnoviamo la previsione del FTSEMIB nel medio lungo periodo. Come possiamo vedere dall’im
Lo abbiamo scritto più volte, le banche centrali, sono le principali responsabili di questa cri
FTSE Mib: il listino italiano oggi in apertura conferma il rimbalzo delle due sedute precedenti anda
A conclusione del confronto svolto con le Organizzazioni sindacali sugli interventi di natura social
Non ci sono particolari novità, anche se lo SP500 ha dato qualche segnale di debolezza. La situaz
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Oggi aggiorno la situazione ciclica dell’indice americano S&P 500. I canali di lungo period
Oggi vorrei fare una riflessione su un concetto che ho letto ieri, scritto da un trader in Italia co