DOLLARO O NON DOLLARO QUESTO E’ IL PROBLEMA!

Scritto il alle 14:22 da icebergfinanza

Nei giorni scorsi vi abbiamo fatto notare che l’amministrazione ha poche idee e ben confuse sulla dinamica del dollaro… TRUMP: LA FORZA DEL DOLLARO… DOLLAR FALLACY .

Giusto per capirci la scorsa settimana il segretario al Tesoro di Trump, quel Mnuchin che proviene dalla Goldman Sachs ha affermato che …

Usa: dollaro troppo forte? Mnuchin, Trump parlava del breve termine …

Il ministro del Tesoro di Trump: sì a un dollaro forte nel medio-lungo …

Peccato che anche in questa occasione in pochi studiano la storia e visto che in molti si riempiono la bocca di “reaganomics” o “trumpnomics” fa sorridere l’incertezza di colui che dovrebbe sostituire nell’immaginario popolare la leggenda di John Connaly un democratico diventato repubblicano e segretario al Tesoro sotto la presidenza Nixon…

“Il dollaro è la nostra moneta e il vostro problema”

Incomincia davvero bene il predatore Mnuchin, colui che ha cacciato di casa 137.000 famiglie americane per fare i soldi…

Inside the Mind of Mnuchin: Too-Strong Dollar May Hurt Economy

U.S. Treasury Secretary nominee Steven Mnuchin said an “excessively strong dollar” could have a negative short-term effect on the economy.

“The strength of the dollar has historically been tied to the strength of the U.S. economy and the faith that investors have in doing business in America,” Mnuchin said in a written response to a senator’s question about the implications of a hypothetical 25 percent dollar rise. “From time to time, an excessively strong dollar may have negative short-term implications on the economy.”

Steven Mnuchin ha semplicemente detto un ” dollaro eccessivamente forte” potrebbe avere un effetto negativo a breve termine per l’economia.

Roba che neanche un premio Nobel sarebbe in grado di elaborare!

“La forza del dollaro è stata storicamente legata alla forza dell’economia degli Stati Uniti e la fede che gli investitori hanno nel fare affari in America”, ha detto Mnuchin in una risposta scritta alla domanda di un senatore per le implicazioni di un ipotetico aumento del dollaro del 25 per cento . “Di tanto in tanto, un dollaro troppo forte può avere implicazioni negative a breve termine per l’economia.”

Noi, insieme a Machiavelli, nel fine settimana vi racconteremo un’altra storia, un’altra spettacolare puntata della ” Trump illusion” dedicata a tutti i sostenitori del nostro viaggio!

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta, l’informazione indipendente…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (17 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +16 (from 16 votes)
DOLLARO O NON DOLLARO QUESTO E' IL PROBLEMA!, 10.0 out of 10 based on 17 ratings
Tags:   |
2 commenti Commenta
luigiza
Scritto il 25 gennaio 2017 at 17:01

E’ una ipotesi personale della quale però son quasi certo che prima o poi i neo-cons, che a parte il Brezinsky non hanno mai dato prova di acume, capiranno che il tanto da loro vituperato Trump gli sta tirando la volata nel senso che sta portando gli americani alla stessa meta che volevano loro: la Guerra.
Probabilmente saranno solo cambiati il nemico:la Cine invece che la Russia e al motivazione: il patriottismo invece che l’esportazione della democrazia.

Si capirà che lo hanno finalmente capito il giorno in cui giornali e televisioni cominceranno ad incensare il Trump.

Oppure capirò che sono io che non capisco ‘na cippa di quello che succede.

madmax
Scritto il 25 gennaio 2017 at 20:53

luigiza@finanza,

Luigiza,
non denigrarti, ti racconto un piccolo aneddoto: una volta ho fatto una lunga chiaccherata con un ragazzone americano, repubblicano fino al modollo e attivista politico. Mi disse: “sai da giovane pensavo che visione e acutezza strategica devono avere i senatori del congresso US…poi frequentandoli mi sono accorto che era o poi come me, magari alle volte piu’ superficiali”.

Per cui non prendertela, la mia lettura e’ diversa, se Trump vuole veramente divetare protezionista, allora uccide di fatto il sogno americano nel mondo!
Non puoi dire “ammmerica first” poi pensare che gli altri guardino i tuoi film e ascoltino la tua musica, inconsciamente si ribelleranno, o magari cominciano a fare come gli olandesi, guardatevi questo spassossissimo video messo in inda sulla TV olandese:

https://youtu.be/rpTWNxh9LXc

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Oggi rinnoviamo la previsione del FTSEMIB nel medio lungo periodo. Come possiamo vedere dall’im
Lo abbiamo scritto più volte, le banche centrali, sono le principali responsabili di questa cri
FTSE Mib: il listino italiano oggi in apertura conferma il rimbalzo delle due sedute precedenti anda
A conclusione del confronto svolto con le Organizzazioni sindacali sugli interventi di natura social
Non ci sono particolari novità, anche se lo SP500 ha dato qualche segnale di debolezza. La situaz
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Oggi aggiorno la situazione ciclica dell’indice americano S&P 500. I canali di lungo period
Oggi vorrei fare una riflessione su un concetto che ho letto ieri, scritto da un trader in Italia co