MIA INTERVISTA SULLA TRUMPNOMICS!

Scritto il alle 12:00 da icebergfinanza

IMG_6917Come vi avevo preannunciato in occasione del prossimo manoscritto di Machiavelli parleremo in maniera approfondita della ” Trump illusion” attraverso corsi e ricorsi della nostra amata storia, un’analisi storica ed economica di quelli che oggi sono i principi fondamentali della “trumpnomics” che non fanno altro che replicare le illusioni delle politiche economiche di Nixon e Reagan.

Nel frattempo condividiamo con Voi questa lunga intervista apparsa sul magazine Business Community del mio amico Claudio che consiglio di seguire in quanto fonte inesauribile di notizie, curiosità, analisi e interviste del mondo finanziario ed economico.

E’ anche grazie a queste persone coraggiose e visionarie che danno voce anche all’informazione indipendente, a differenza dei media mainstream, che il nostro lungo  viaggio è stato reso possibile, un viaggio che nei prossimi giorni festeggerà il suo decennale.

Riforma fiscale, investimenti in infrastrutture, deregulation è questa in sintesi la “trumpeconomics” che potrebbe portare illusioni di breve e danni rilevanti nel medio e lungo termine

Risultati immagini per trump

Cosa accadrà dopo il 20 gennaio? L’America ripartirà e creerà nuovi posti di lavoro? Per quanto siano molte le aspettative sulla nuova amministrazione repubblicana, è più che probabile che essa dovrà confrontarsi con una prossima recessione. Lo indica la storia. Ne abbiamo parlato con Andrea Mazzalai, consulente finanziario private e autore del blog Icebergfinanza 

La prima domanda che una persona intelligente dovrebbe porsi è la seguente: per quale motivo Trump ha vinto le elezioni presidenziali americane,contro la maggior parte dei pronostici, grazie ai voti della middle class al di là delle polemiche sull’influenza degli hacker russi?
L’americano medio era stufo di sentirsi preso in giro con le favole obamiane. Una crescita media a mala pena superiore al 2% (per il 2016 è prevista inferiore) nonostante la più imponente dose di stimoli monetari e fiscali della storia, una disoccupazione ridotta solo grazie a 9,5 milioni su 10 di posti di lavoro precari, atipici, lavori a contratto e a progetto, lavori interinali o in appalto che durano lo spazio di un istante, oltre un milione di posti nell’industria manifatturiera sostituiti da più di un milione di barman e camerieri.
Per non parlare poi della dimensione dei salari e dei redditi della classe media, facendo finta di dimenticare oltre 43 milioni di americani che vivono con i food stamps, sussidi medi da 124 dollari al mese saliti dai 28 milioni del 2008. Partecipazione al lavoro ai minimi da decenni, i redditi della classe media ai minimi 1968, debito federale ai massimi di sempre, trilioni di debiti accollati agli studenti della classe media e così via. Se questo è il reale stato di salute dell’economia americana, allora prepariamoci alla prossima recessione.

Alla luce di questi dati, qual è la tua opinione generale sul programma del nuovo Presidente?

Il resto della lunga intervista lo potrete trovare cliccando su …Business Community: Trump e la mission impossible buona lettura Andrea

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta, l’informazione indipendente…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.0/10 (18 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +11 (from 13 votes)
MIA INTERVISTA SULLA TRUMPNOMICS!, 9.0 out of 10 based on 18 ratings
Tags:   |
4 commenti Commenta
rubicon
Scritto il 18 gennaio 2017 at 15:46

complimenti Andrea!!! Mi viene ora in mente la strada che hai fatto e che ci hai fatto, da quella fredda mattina di febbraio 2008 ad oggi … Complimenti per tutto quanto ci stai donando!!!

mirrortrader
Scritto il 19 gennaio 2017 at 12:46

Complimenti sinceri.

PG
Scritto il 20 gennaio 2017 at 23:07

Carissimo Capitano, goccia dopo goccia stai formando un mare di consapevolezza e questa copertina è quanto di più meritato che ci sia. Sono orgoglioso e fortunato per averti letto dall’inizio perchè ho potuto vedere con i miei occhi cosa significa e dove possono portare l’onestà, la passione, lo studio e la costanza. Sei un esempio per me e per tutti noi e ti faccio i migliori auguri per un prosieguo del tuo (nostro) cammino che non mancherà ancora di darti soddisfazioni. Un caro saluto.

idleproc
Scritto il 24 gennaio 2017 at 14:47

La priorità era evitare una guerra a Est e la continuazione di una geopolitica criminale.
Da un punto di vista economico, con tutto quello che è stato combinato finora ingrandendo il problema, è una “pezza” e un “rattoppo”.
La crisi sistemica resta intatta e non superata.
Il metodo “tradizionale” è quello descritto nelle ultime righe del link fornito, le politiche economico-finanziarie seguite finora hanno solo espanso il problema e hanno avuto come referenti reali i Big Boys della finanza globale e degli oligopoli globali.
Se la “pezza” diventerà un abito nuovo sarà da vedere e sperare, altrimenti sarà una tragedia, Trump o non Trump.

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Oggi rinnoviamo la previsione del FTSEMIB nel medio lungo periodo. Come possiamo vedere dall’im
Lo abbiamo scritto più volte, le banche centrali, sono le principali responsabili di questa cri
FTSE Mib: il listino italiano oggi in apertura conferma il rimbalzo delle due sedute precedenti anda
A conclusione del confronto svolto con le Organizzazioni sindacali sugli interventi di natura social
Non ci sono particolari novità, anche se lo SP500 ha dato qualche segnale di debolezza. La situaz
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Oggi aggiorno la situazione ciclica dell’indice americano S&P 500. I canali di lungo period
Oggi vorrei fare una riflessione su un concetto che ho letto ieri, scritto da un trader in Italia co