Cerca nel Blog

TRUMP: LA GUERRA COMMERCIALE CHE VERRA’!

Scritto il alle 09:41 da icebergfinanza

Risultati immagini per trump commercial war

Non ho idea di quante delle promesse elettorali di Trump verranno messe in atto, ma se la sua politica commerciale dovrebbe essere riassunta dai twitt quotidiani che il magnante americano continua a diffondere, una bella guerra commerciale non ce la cava nessuno e come detto ieri l’obiettivo numero uno sarà la Germania.

Ieri nello spazio di un istante, Trump ha messo in riga la Ford, non un’impresa qualunque…

La Ford cancella il progetto di una fabbrica in Messico da 1,6 miliardi di dollari e investe in Usa

Ford annulla la costruzione di una nuova fabbrica da 1,6 miliardi di dollari in Messico e destina 700 milioni di dollari per espandere lo stabilimento di Flat Rock, in Michigan. Lo comunica il colosso Usa dell’auto, spiegando che il piano di investimento di 1,6 miliardi di dollari previsto per lo stabilimento di San Luis Potosi, in Messico, è stato cancellato. L’annuncio arriva poche ore dopo l’attacco via twitter di Donald Trump a GM per la sua decisione di produrre un modello di auto in Messico anziché in Usa.

Secondo Mark Fields, Ceo della Ford, la decisione di annullare il progetto della fabbrica è scaturita dalla mancanza di domanda di autoveicoli in Messico.

“General Motors sta inviando un modello di Chevy Cruze, fatto in Messico, ai concessionari Usa esentasse. Produca negli Usa o paghi pesanti tasse doganali!”, aveva scritto il presidente eletto Donald Trump in uno dei suoi ormai temutissimi interventi su Twitter.

Trump si compiace su Twitter per annuncio Ford, ‘merito mio’
“Ford cancella fabbrica in Messico, investe in Michigan grazie alle politiche di Trump”: il presidente eletto è lesto nel cogliere il successo delle sue minacce alle aziende Usa contro la delocalizzazione, rilanciando un tweet del suo staff poco dopo l’annuncio della casa automobilistica.

Nel frattempo un altro piccolo tassello è stato messo al posto giusto!

Non ho idea se si tratti di una coincidenza dovuta appunto alla mancanza di domanda in Messico, quello che è certo è che la variabile guerra commerciale è uno degli iceberg che terremo ben in considerazione durante tutto il 2017 e negli anni successivi, visto che il famoso grafico prefigura un collasso del principale indice europeo.

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta, l’informazione indipendente…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.4/10 (21 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +16 (from 16 votes)
TRUMP: LA GUERRA COMMERCIALE CHE VERRA'!, 9.4 out of 10 based on 21 ratings
24 commenti Commenta
stanziale
Scritto il 4 gennaio 2017 at 10:17

Intanto il premio nobel avvelena i pozzi http://scenarieconomici.it/ostacoliobama/

veleno50
Scritto il 4 gennaio 2017 at 10:38

Perchè collasso e non semplicemente aggiustamento del suo valore reale.Se un oggetto di valore vale dieci e sul mercato viene venduto15 naturale uno storno.Il valore intrinseco però rimane dieci, se l’oggetto scende a 6 dopo una tempesta, il suo valore reale è sempre dieci.L’uomo con in testa la fetta di polenta assomiglia qualcuno che a te piaceva poco o no Boss?

mario62
Scritto il 4 gennaio 2017 at 10:46

A parte tutte le possibili considerazioni sociopolitiche, non vi sembra un grafico quasi sovrapponibile al reddito medio? Certo che per l’Italia sarebbe bello avere una suddivisione per Nord Centro Sud.

mario62
Scritto il 4 gennaio 2017 at 10:47

icebergfinanza
Scritto il 4 gennaio 2017 at 10:59

Forse piaceva a te a me non di certo, di questa gente non piace nessuno, verranno spazzati via dalla storia
veleno50@finanza,

madmax
Scritto il 4 gennaio 2017 at 13:26

stanziale@finanza,

Stanziale,
Bell’articolo ma nella lista degli speculatori mancano: ristoratori, baristi, negozianti, liberi professionisti.

La moneta di per se non ha portato la caduta del potere d’acquisto ma l’avidita’ dei signori sopra si’.

Ho scritto post simili per anni ma mi spiegate come mai la pizzeria sotto casa con l’euro ha portato il prezzo della margarita da 3700 a 4,5 Euro????

Spiegatemi che sono stati i tedeschi, che i cambi erano fissi, che la deflazione salariale ha ridotto gli stipendi, che gli ufo hanno invaso l’abkazia, che babbo natale lo ha inventato la Coca Cola ma la semplive verita’ e’ questa: chi ha operato rialzi indiscriminati e non meritati dei listini SONO STATI DEI LADRI !!!!

Non ho vergogna a dirlo e ripeterlo: ladri, ladri, ladri, ladri, ladri.

Chi aveva uno stipendio fisso non lo ha potuto fare gli altri si, la pizza e’ passata da 3700 a 4.5 ed allora io ho perso potere d’acquisti.

Lo hanno fatto senza motivo reale, guidati dall’INGORDIGIA e solo perche’ la gente continuava a comprare e chi era al Governo gli ha lasciati fare: LICENZA DI FURTO.

Per gli smemorati il Governo di allora Nano B. e Circo Barnum diceva che era una poverta’ apparente percepita! Che era tutto falso!!!!

Il furto e’ avvenuto nei primi anni non ora.

Sai che penso che oggi con la deflazione (la gente non spende) le categorie di sopra non riescono ad alzare i prezzi e sperano in un altro bel cambio per poter far ripartire i listini!!!

luigiza
Scritto il 4 gennaio 2017 at 13:44

>> una bella guerra commerciale non ce la cava nessuno e come detto ieri l’obiettivo numero uno sarà la Germania.<> …quello che è certo è che la variabile guerra commerciale è uno degli iceberg che terremo ben in considerazione durante tutto il 2017 e negli anni successivi, visto che il famoso grafico prefigura un collasso del principale indice europeo.<<

Appunto!

luigiza
Scritto il 4 gennaio 2017 at 13:51

Tra le due citazioni del Mazzalai é soaruto il mio commento che ra questo:

Sl’obiettivo n.1 é la Gemania allora a farne le spese saranno pure i suoi fornitori nelle varie filiere e mi pare che tra quelli sia ben posizionata l’Italia.
Ergo >>…. un collasso del principale indice europeo.

Elementare Watson!

stanziale
Scritto il 4 gennaio 2017 at 14:05

madmax,

Capisco quello che vuoi dire, l’euro- pur deciso da altri- entro’ in vigore sotto il governo Berlusconi che non vigilo’ sui rincari di tariffe essendo i beneficiati elettori suoi. Ok, ammettendo che c’e’ stato anche questo, tuttavia madmax questa e’ a mio avviso la cosa minore, l’insostenibilita’ deriva dal differenziale inflattivo con la germania e da prima ancora -dal 1981- c’e’ il problema del rincaro del costo del ns debito pubblico dovuto all’all’abbandono delle aste da parte di banca d’italia. Oltre alla nota sudditanza ed incapacita’ della ns classe dirigente politica ed economica di relazionarsi con francia e germania, soprattutto. Infatti accettiamo sempre le decisioni palesemente a nostro sfavore della ue, e siamo gli unici ad aver svenduto i beni statali, le partecipazioni, gli asset strategici. Ora Calenda rivendica tale funzione che dovrebbe svolgere lo stato, un po’ tardi purtroppo visto che hanno ormai svenduto tutto, per fare cosa poi, semplicemente per pagare (3100 mld di euro di interessi dal 1981 al 2014) interessi folli quando invece prima erano tenuti bassi dalla bci, ormai tra l’altro privatizzata ed in mano a banche di proprieta’ non italiana (sic).

draziz
Scritto il 4 gennaio 2017 at 14:54

mad­max,

Ti sei dimenticato dei negozi di scarpe (uno dei primi in assoluto), di abbigliamento, del costo dei quotidiani, delle tariffe di Poste Italiane (1,10 E. per un bollettino? Prima quanto era…?), tariffe di luce e gas, imposizione locale (in alcuni casi +500% in 10 anni) ed un’altra miriade di partecipanti al gioco.
È nato prima l’uovo o la gallina?
Ti manca la pizza o la grigliata al ristorante?
Puoi sempre farteli in casa, non sei obbligato ad uscire…
Vuoi un prossimo aumento dei listini?
Aspetta l’innalzamento delle aliquote IVA che la banda dei decerebrati attuerà prossimamente.
Un suggerimento: apprendi che vi è una sostanziale differenza tra attività economica (tra l’altro esercitata in un Paese noto nel mondo per la sua fantascienza fiscale) ed Ente Assistenziale…

sherpa
Scritto il 4 gennaio 2017 at 15:03

madmax,

Ancora con ‘sta pizza?
E non mangiarla più, fattela in casa.
Se non capiamo cosa veramente incide sulle nostre vite e per quale motivo noi paghiamo piu tasse di quel che dovremmo (per non parlare degli stipendi fermi alias deflazione salariale) saremo sempre impegnati in inutili guerre tra poveri.
Poi qualcuno se ne è approfittato, va bene, ma distrarre l’attenzione con problemi minori (scandalizzati pure) non va bene.
Mio parere.

draziz
Scritto il 4 gennaio 2017 at 15:19

sher­pa@fi­nan­za,

Quoto totalmente.

Forse i più ignorano che in questo disgraziato Paese devi fornire risultati fiscali aderenti ad un giochetto demenzial-sadomaso chiamato “Studi di Settore”.
Gli aumenti sono obbligati per aderire alle richieste dell’Agenzia delle Entrate quando sei “non congruo e non coerente”…aprioristicamente, crisi o non crisi.
Della pizza puoi fare a meno…ma delle asdicurazioni?
Hai forse notizia che queste abbiano rigorosamente mantenuto tariffe pre Euro…?
Ragazzi…ho molta stima dei frequentatori di questo blog, tutti, nessuno escluso, anche quelli a cui sto sui maroni.
Lo scambio di opinioni fa sempre crescere, ma smettiamola di usare luoghi comuni ed impariamo ad usare la nostra testa.
Oppure qualcuno ancora si guarda lo spot sul “bieco evasore” e pure ci crede?
Magari sa pure i nomi di tutte le renne di Babbo Natale…

madmax
Scritto il 4 gennaio 2017 at 15:35

draziz@finanza,

Draziz,
Certo che capisco la differenza tra attivita’ economica ed ente assistenziale, forse non lo capiscono le migliaia di negozianti, gioiellieri e titolari di negozi che dichiarano di tasse meno dei propri dipendenti! O questi sono incapaci o non hanno capito il senso dell’attivita’ imprenditoriale ed economica…o sono evasori che mi raccontano che altrimenti dovrebbero chiudere!

madmax
Scritto il 4 gennaio 2017 at 15:38

draziz@finanza,

Draziz,
Lo sai benissimo che gli studi di settore sono una sanatoria nascosta a carico dei piccoli. Lo Stato dice con questa attivita’ in media dovresti guadagnare 100, se guadagni 1000 perche’ sei grosso ti freghi le mani, dichiari 100 ed evadi il resto, se sei all’inizio, hai appena cominciato e veramente guadagni 50 sei fregato perche’ ti fanno pagare 100.
La vita come le tasse non e’ mai equa.
Da parte mia non sono assolutamente arrabbiato contro di te.
:)

madmax
Scritto il 4 gennaio 2017 at 15:48

I problemi dell’Italia: evasione storica!
Ora non accuso nessuno, mi spiace che qualcuno se la sia presa, ma per ma l’evasione e’ un problema.
Non e’ un problema di oggi da sempre e’ stato cosi’ ricordiamo ai piu’ giovani che negli anni 70 gli anni del boom economico le tasse non le pagava nessuno!!!! Ripeto a parte i dipendenti non la pagava nessuno, imprenditori, artigiani insomma era il paese del bengodi.
In antichita’ pure il Montesquie nel suo Viaggio in Italia ricorda che nella Serenissima di Venexia le tasse non si pagavano!
Ma oggi e’ uguale, quando la FIAT si sposta per non pagare le tasse fa uguale, quando comprate un telefonino con la mela lo pagate attraverso complicati schemi in Lussemburgo o Irlanda, quando comprate su Amazon o prendete uno Starbucks o comprate in una delle tanti multinazionali ebbene questi hanno OTTIMIZZATO le tasse!!!
Peccato poi che lo stato con meno risorse OTTIMIZZI le vostre pensioni e i vostri servizi sociali!!!
Difficile da capire?
Ma se vi sentite colpiti fatevi die risate perche’ questa e’ la realta del nostro paese:

https://youtu.be/yvX_kImQNJ0

dante5
Scritto il 4 gennaio 2017 at 16:08

madmax,

Bravo, si vede che per decenni ti sei abbeverato al verbo della Repubblichina e del Corrierino.
Potrei anche puntare due centesimi sul Partito che hai sempre votato…ma tu che ti vanti di essere un executive quanto pigli in un mese e quanto costi all’azienda che ha la sfortuna di averti alle tue dipendenze te lo sei mai chiesto?
O per il semplice fatto che lavori per una multinazionale pensi di essere candido come un giglio? Eppure proprio su questo sito dovresti vedere continuamente demistificata la “verità” che i tuoi pari continuamente spacciano dai giornali e dalle tv! (Su questo Grillo ha ragione non una ma cento volte!)
E sai benissimo che per potere continuare a godere della tua vita di privilegiato che costa 100 volte il salario dell’operaio bengalese che produce quello che ti consente di viaggiare in jet business class e soggiornare in hotel 5 stelle hai bisogno che il 95% dei cogl…ni che restano continui a tirarsi i capelli, tra il pizzaiolo che tu tanto denigri che se battesse tutti gli scontrini non arriverebbe alla fine del primo anno di attività (ammesso che versasse poi tutte le imposte che deve) e l’operaio licenziato dalla piccola o media impresa che si arrabatta per mantenere la famiglia tra una settimana di lavoro interinale ogni due e un po’ di voucher dove meglio trova.
Meno male che il nostro è un ritrovo solo virtuale, sennò la pizza te l’avrei già tirata in faccia e la bottiglia te l’avrei già spaccata in testa…gran cosa internet!

dante5
Scritto il 4 gennaio 2017 at 16:13

dante5@finanza:
madmax,

Bravo, si vede che per decenni ti sei abbeverato al verbo della Repubblichina e del Corrierino.
Potrei anche puntare due centesimi sul Partito che hai sempre votato…ma tu che ti vanti di essere un executive quanto pigli in un mese e quanto costi all’azienda che ha la sfortuna di averti alle sue dipendenze te lo sei mai chiesto?
(Errata corrige – non fosse mai che ti dovessi tirare indietro le maniche davvero e mettere su una tua attività…sapresti quello che costa il sale, come dicono quelli che il pane se lo sudano davvero!)

draziz
Scritto il 4 gennaio 2017 at 16:44

mad­max,

Ti riferisci forse alle statistiche diffuse dai telegiornali all’ora di cena o con cui per un paio di giorni si riempiono le pagine di alcuni quotidiani?
Non sarà che anche a te piace il famoso “pollo di Trilussa”?

madmax
Scritto il 4 gennaio 2017 at 21:00

dante5@finanza,

Grazie Dante,

Non capisco perche’ ti scaldi, non ho problemi a dirti che sono Komunista! Ma talmente Komunista che non puoi immaginare, ma come fai a metter assieme la Repubblica (catto-comunisti) con il Corriere (Massoni Amerikani).

Ma risparmia la predica sulla poverta’ queste cose dovreste ricordarle a Grillo non a me, io non predico la poverta’ come fa lui poi me la spasso a Malindi (questo Natale/Capodanno) con VIP in piscina!!! Come un bel milionario, non ho mai avuto Ferrari e ricchezze!

Poi il poveri Grillo mi fa il pippone della poverta’ sul suo sito e ricorda la sobrieta’. Questo come chiami?

Per quello che rigiarda me non ho problema a dirti che lavoro per un’azieda di famiglia tedesca in Polonia e mi pagano bene! Mentre in Italia mi pagavano da fame (come tutti).

Un abbraccio ma chissa’ perche’ quando vinsentite in torto la mettete sempre in pollitica!!!

:)

veleno50
Scritto il 4 gennaio 2017 at 21:37

Caro 5 stelle il Max è un osso duro e molto informato relegarlo a squallido lettore di Repubblica non gli rende giustizia

dan­te5@fi­nan­za,

veleno50
Scritto il 4 gennaio 2017 at 21:42

Immagino che la pizza che gli vuoi sbattere sul muso la compreresti alla Coop.notte

aorlansky60
Scritto il 5 gennaio 2017 at 08:12

@ Madmax

il concetto di evasione fiscale che hai citato legata [potenzialmente] a commercianti, pmi, liberi professionisti P.I. è la misera punta dell’iceberg di un VOLUME assai più ingente… anche se, come disse un saggio, “è la somma che fà il totale!…

credo che hai sbagliato target, pur citando [giustamente] una pratica che nuoce ad ogni paese – non solo l’Italia – in grado di vantare una certa dimensione economica;

la vera evasione fiscale la fanno LE GRANDI SOCIETA’ DI CAPITALE

………………………… LE GRANDI SOCIETA’ DI CAPITALE ………………………

l’uomo con il vizio etilico attualmente collocato alla pres. della Comm.UE potrebbe raccontarci un sacco di storie interessanti, tenendoci svegli per giornate intere nell’elencarci quanti soldi ha fatto risparmiare – in quasi 20 anni durante il suo mandato a Pres.d.Consiglio del Lussemburgo dal ’95 al 2013- a GRANDI SOCIETA’ estere che sono venute a posizionare la propria sede fiscale in Lussemburgo, non certo per il clima o per la buona tavola… non ci dirà quanti soldi ha intascato lui in cambio del “favore” ma questo possiamo immaginarlo…

secondo Te/Voi,

perchè Marchionne ha deciso di trasmigrare FCA (Fiat) dall’IT per andare a fissare sede legale in NL e sede fiscale in UK ???

e lo stesso hanno appena fatto gli Agnelli con EXOR…

forse perchè gli sono simpatici gli Inglesi ???…

:lol:

e con noi babbei italiani [intendo il popolo sovrano] che glielo abbiamo lasciato fare senza chiedergli il conto, ma questa è un altra storia…

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [in
Analisi tecnica giornaliera su indici azionari e valute per identificare eventuali punti di svolta
In questi ormai dieci lunghi anni passati insieme ne abbiamo sentite tante sul dollaro, leggende met
Grazie alla collaborazione con Marco Magnani, pubblichiamo oggi la nostr
Banca IMI ha quotato oggi, giovedì 19 gennaio 2017, 8 nuovi Cash Collect Certificate sul mercat
L’Anticipo Pensionistico, la famosa Ape andrà in vigore dal 1 maggio 2017 e intanto il governo fa
Non a molto. La nostra bilancia commerciale è tornata stabilmente in positivo, e questo significa
L'unica indicatore che sta seriamente salendo in Europa con il rischio di trasformarsi in iperifla
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [in
Quest'anno canone Rai più leggero per le famiglie italiane. L'importo del canone TV per il 2017 è