USA: BABBO NATALE A RATE!

Scritto il alle 08:00 da icebergfinanza

Immagine correlata

Torniamo ad occuparci anche solo per un attimo della favolosa ripresa in atto in America, mentre ancora oggi c’è qualche ingenuo che si chiede come abbiamo fatto Trump a vincere contro la Clinton…

Usa, saldano i conti dei più poveri per i regali di Natale: il boom dei benefattori anonimi dei centri commerciali

NEW YORK – La generosità può essere contagiosa, soprattutto sotto Natale. Ma quest’anno sembra che lo sia anche più del solito: da una costa all’altra degli Stati Uniti si è verificata un’ondata di altruismo senza precedenti. E riguarda una tradizione tutta americana: il “layaway”, cioè il pagamento a rate. È tradizione che le famiglie meno abbienti mettano da parte varie settimane in anticipo nei grandi magazzini i regali che vogliono fare a Natale, e li vadano pagando poco per volta, in genere saldando i conti quando ricevono il bonus natalizio, la “tredicesima”. Il layaway però prevede che se una settimana prima di Natale non si siano saldati i conti, la merce torni negli scaffali.

Ebbene, quest’anno migliaia e migliaia di conti sono stati saldati in anticipo da benefattori anonimi. Mamme e papà che temevano di non poter finire di pagare i regali messi da parte si sono sentiti dire che invece tutto era stato pagato.

Una ripresa favolosa tutta a rate, rate dell’auto, rate della scuola o università del figlio, rate delle vancanze, rate della casa, rate pure dei regali di Natale.

A rate arrivano anche i dati sui redditi personali e sulla spesa dei consumatori, visto che siamo nella stagione principe dei consumi e novembre non è un mese qualunque

Personal Income and Outlays – Bureau of Economic Analysis

Immagine444Reddito personale rimasto invariato, spesa del consumatore debole, debole, con salari e stipendi in diminuzione.

Tradotto in italiano, le balle evaporano come nebbia al sole e le immaginarie pressioni inflazionistiche le seguono. Il tasso di inflazione core Pce è sceso di due punti a 1,6 % con tanti saluti all’obiettivo della FED del 2 %. Negli ultimi due mesi del quarto trimestre quello più importante per i consumi, la spesa dei consumatori è in esecuzione al ritmo del 2 % ben sotto il levello del 3 % del precedente trimestre.

La sintesi?  BYE BYE INFLATION

L’accelerazione del PIL reale nel terzo trimestre appena pubblicata riflette principalmente una ripresa degli investimenti in scorte private, un’accelerazione delle esportazioni ( che si dissolverà nel nulla vista la recente forza del dollaro) una flessione più contenuta della spesa statale e locale, una ripresa della spesa del governo federale, e una flessione degli investimenti residenziali,  in parte compensata da un minore aumento della spesa dei consumatori PCE e un’accelerazione delle importazioni.

Quindi se la spesa dei consumatori era già debole nel terzo trimestre, figuriamoci nell’ultimo!

Comunque sia è Natale, lasciate che gli americani di godano l’ultimo Natale senza recessione e l’illusione dell’inflazione, il 2017 è dietro l’angolo e una nuova strepitosa occasione ci attende.

Ah… dimenticavo in Cina Babbo Natale avverte tutti che mancherà i suoi obiettivi di crescita sotto il 6,5%

 Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta, l’informazione indipendente…

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (13 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +13 (from 13 votes)
USA: BABBO NATALE A RATE!, 10.0 out of 10 based on 13 ratings
3 commenti Commenta
luigiza
Scritto il 27 dicembre 2016 at 09:47

Mazzalai ancora una volta pare, per quanto leggo in rete, essere ancora una volta l’unico ad andare contro corrente. E temo che ancora una volta risulterà aver visto giusto.
Trump avrà fatto guadagnare a tutti noi solo qualche mese o qualche semestre ad essere ottinisti.
L’uso del tempo che verrà fatto dipenderà dal singolo.

Una gran bella analisi sul fenomeno Trump ed il suo programma economico é a mio avviso questa;
http://comedonchisciotte.org/il-dollaro-e-larma-piu-efficace-donald-trump-allattacco-delleuropa/
Speranze tante, certezze di riuscita ben poche.se xhiude il suo articolo con le sguenti frasi:
>> Un aumento lento e non eccessivo del dollaro ridurrebbe la competitività dell’industria americana.

Un rialzo molto forte nuocerebbe pesantemente e irreversibilmente all’industria. Questa è l’incoerenza del programma economico di Trump. <<
e prevede che Trump la cambierà. Lo do per scontato.

noldor
Scritto il 27 dicembre 2016 at 09:54

Ma questi benefattori sono persone vicine a Trump? Spero che non si sia arrivati a questo…

reragno
Scritto il 27 dicembre 2016 at 11:00

No No era Babbo Natale Padoan che aveva nei sacco un po’ di nuovo debito ed era in vena di fare regali.
nol­dor@fi­nan­za,

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
I futures sul VIX stanno diventando sempre più scambiati con oscillazioni sempre più vivaci. E l
Avevamo lasciato l'indice Biotech in zona 100$, e ovviamente era alta la preoccupazione. Erav
Il COT Report non èe certo rivoluzionario in questa settima. Sembra chiaro che le "mani forti" si
Ftse Mib: l'indice italiano venerdì ha chiuso con un pattern grafico che potenzialmente può portar
Guest post: Trading Room #286. Dopo la settimana delle banche centrali, ora il mercato si trova ne
Non mi stancherò mai di ripeterlo, ma è molto probabile che il tallone di Achille dell'Europa,
Dall’ultimo rapporto della Covip risulta che alla fine del 2017 il totale degli iscritti alla prev