MPS: 20 MILIARDI DI ILLUSIONI!

Scritto il alle 08:45 da icebergfinanza

Risultati immagini per monte dei pasci di siena

Il nostro saggio e sempre puntuale J.K.Galbraith amava dire che come sempre nella storia capacità finanziaria e perspicacia polita sono inversamente proporzionali. La salvezza a lunga scadenza non è mai stata apprezzata dagli uomini d’affari se essa comporta adesso una perturbazione nel normale andamento della vita e nel proprio utile. Cosi si auspicherà l’inazione al presente anche se essa significa gravi guai nel futuro. Questa è la minaccia per il capitalismo (…) E’ ciò che agli uomini che sanno che le cose vanno molto male fa dire che la situazione è fondamentalmente sana!

Non c’è nulla di meglio in circolazione per descrivere quello che è accaduto in questi anni sul Monte dei Pasci di Siena ora che finalmente la vicenda della banca più antica del mondo ancora in attività, sta per volgere al termine.

Hanno messo sul piatto in via “precauzionale” 20 miliardi di nulla, per far fronte a 210 miliardi di sofferenze, che al netto delle rettifiche sono 87 miliardi., come mettere il guardiano di una diga a tappare le falle con le dita.

okFonte:Quanto valgono i crediti deteriorati? – Banca d’Italia

Poi hanno chiamato anche il figlio di Peter, Padoan a raccontare le solite balle…

«Perché ora? Perché – ha proseguito Padoan – nel frattempo le condizioni di mercato sono mutate, le condizioni anche di fiducia dei mercati sono mutate e inoltre dal lato delle istituzioni europee sono stati messi dei vincoli temporali alle operazioni di ricapitalizzazione. Quindi i tempi sono in qualche modo dettati da fattori esogeni».

Ti verrebbe voglia di prendere tutti a schiaffi, solo ora, perchè c’era il referendum e Renzi doveva farsi gli affari suoi, dopo aver suggerito a mezzo mondo in Gennaio che MPS era un affare da non perdere.

Risultati immagini per renzi mps è un affare

La soluzione per il problema Italia? Semplice la suggeriva la storia, la soluzione presa per risolvere la crisi nordica degli anni 90!

E invece no in nome di questo progetto fallito che è l’euro, si è prima adottato in maniera criminale, il bail-in e poi tergiversato all’infinito sulle banche italiane, per questioni elettorali. Questo non dimenticatevelo mai!

In attesa dell’epilogo uno scorcio di storia, qui dentro c’era la soluzione alla crisi italiana…

MONTE DEI PASCI DI SIENA: L’INIZIO DELLA FINE!

..la Svezia non si limitò a rilevare la parte “cattiva” del bilancio delle banche in crisi (…) di fatto azzerò il capitale nelle mani degli azionisti. Fu questa mossa a rendere politicamente accettabile il forte esborso di denaro pubblico (il 4% del Pil) per il salvataggio delle banche… la soluzione svedese affrontò quindi non solo il problema dell’attivo “tossico”, ma anche quello della ricapitalizzazione…

Loro, il Governo illegittimo che imperversa da anni in questo Paese hanno fatto esattamente il contrario hanno preservato gli azionisti, gli amici degli amici, la politica prima responsabile di questo colossale fallimento, uno dei tanti che arriverà perchè badate bene non sarà l’ultimo!

Consiglio vivamente per l’ennesima volta di rileggersi questo capolavoro di sintesi…

La Crisi Bancaria Svedese degli inizi anni ’90

Mi auguro che non ci sia più nessuno dopo otto anni che lo scrivo che mi chieda cosa si poteva fare per evitare questa situazione. La prima sostenere l’informazione indipendente non solo noi, ma chiunque cerchi con serietà di farvi comprendere cosa significa avere un conflitto di interesse, ovvero quello che hanno la stampa e i media nazionali, al servizi di ogni singolo editore.

In giro leggo di qua e la qualche contorsione intellettuale, dove si cerca di fare due calcoli sul possibile guadagno finale a seguito dell’intervento statale, ovvero quanto ci guadagnerà lo Stato e chissenefrega di molte tristi e drammatiche vicende umane.

Secondo le voci che circolano nel quartierino senese, ci sono altri due miliardi di ingenui che hanno aderito alla conversione, un fondo arabo che si sfila, quattro mesi ancora di liquidità per MPS il che spiega per quale motivo, la scorsa settimana la BCE non ha concesso alcuna dilazione alla banca senese, ormai era finita.

Chiunque sano di mente, tranne ovviamente chi ha chiamato JPMorgan e Mediobanca e altri avvoltoio assetati di commissioni, avrebbe compreso che non c’era più nulla da fare e badate bene in un ambiente dove c’è liquidità ovunque.

Ora vedremo nel fine settimana, purtroppo a rovinare il Santo Natale, quale tipo di intervento metterà in atto il Governo.

80 anni dopo l’ultima nazionalizzazione dell’IRI che portò sotto l’ombrello statale la COMIT, il CREDIT e il Banco di Roma con anni di ritardo COLPEVOLE i dilettanti al Governo nazionalizzeranno MPS e noi abbiamo visto realizzarsi la nostra ennesima previsione.

Di anchor investor nessuna traccia, nulla desaparecidos!

Il fondo Atlante sparito nel nulla con la speranza di piazzare gli oltre 27 miliardi di NPL crediti in sofferenza, piccola parte della grande discarica italiana formatasi soprattutto per fare felici gli amici degli amici, concentrata nei grandi crediti di imprenditori falliti che avevano come unico scopo quello di rimpinguare le tasche dei politici “zerbini” di turno.

Stiamo perdendo le nostre migliori anime cervelli in giro per il mondo è un idiota travestito da ministro si permette di fare le solite battute, giovani che muoiono e soffrono lontani da casa.

Non dimentichiamoci che le due banche venete Popolare di Vicenza e Veneto Banca sono in gravissima difficoltà, visto che il fondo Atalante è costretto a continuare ad iniettare liquidità!

Il tempo è scaduto, GAME OVER questa è solo la prima della grandi nazionalizzazioni che verranno in TUTTA EUROPA e soprattutto in Germania!

GERMANIA: MILLE ETRURIA DISSEMINATE OVUNQUE

Colgo l’occasione per ringraziare tutti dei complimenti ricevuto a proposito dell’ultimo manoscritto Outlook 2017, questo è il vento in poppa che quotidianamente ci fa alzare presto per proseguire questo splendido viaggio. Semplicemente Grazie!

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta, l’informazione indipendente…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (18 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +17 (from 17 votes)
MPS: 20 MILIARDI DI ILLUSIONI!, 10.0 out of 10 based on 18 ratings
15 commenti Commenta
madmax
Scritto il 22 dicembre 2016 at 09:22

Ma la Svezia e’ la Svezia e noi siamo noi :)
L’economia svedese e’ una cacchetta a confronto con l’Italia. Nel 1990 il PIL svedese era circa 300 Miliardi di USD. Un 4% e’ parente di 12 Miliardi ben meno di quanto messo sul piatto dall’Italia.
Se volessimo mettere la stessa cifra oggi, ovvero il 4% dovremmo mettere circa 80 miliardi.
Poi ricordiamo che in Svezia le tasse si pagano in Italia no!
Che c’entra mi chiederete? Che la Svezia ha abbassato il rapporto debito PIL dal 70% degli anni 90 al 35% del 2000 ovvero il debito puo’ scendere se tutti pagano le tasse e si cresce! Successe pure da noi con Prodi :)
Pero’ non sono d’accordo a salvare sempre: se il 70% dei NPL sono di aziende grandi perche’ mai devono pagare sempre i piccoli?
Non vorrei che a ben guardare dentro i NPL vi siano regali puri. La PopVi diede a Marchini (si quello di Roma) prestiti per 70 milioni con cui lui poi dal Lussemburgo ha sottoscritto azioni della stessa banca a 62 euro mentre oggi valgono 0.10 euro!
Perche’ mai dovrei pagare io per una porcata del genere???? E la stessa cosa mi sa che la trovo in tante banche decotte!

icebergfinanza
Scritto il 22 dicembre 2016 at 09:34

Pregasi collegare la materia cerebrale prima di commentare senza conoscere!
mad­max,

icebergfinanza
Scritto il 22 dicembre 2016 at 09:36

Quante erano le sofferenze qualche annetto fa? E qui chiudo perché alle volte mi sembra di parlare arabo!
ice­berg­fi­nan­za,

ilcuculo69
Scritto il 22 dicembre 2016 at 09:40

La situazione Italiana è assurda sotto tanti punti di vista.
ci sono aziende indebitate che non ripagheranno mai i loro debiti , ne con le banche, ne con l’INPS ne con l’erario, che operano sotto ricatto di banche e clienti creando una forte distorsione di mercato a livello di prezzi , generando le premesse per il fallimento di interi settori.
Bisogna avere il coraggio di far fallire chi deve fallire per permettere alle aziende sane di poter operare in un mercato normale.
Invece in Italia si tiene tutto a bagnomaria e non si risolvono mai i problemi. Non si puniscono gli incapaci, non si premiano i migliori e si scivola lentamente e inesorabilemnte tutti nella merda.

madmax
Scritto il 22 dicembre 2016 at 10:05

Comunque per il valore delle sofferenze bancarie vanno diminuite delle copurture.
Secondo banca d’Italia ne sofferenze nette del sistema bancario nel 2016 sono di circa 80 miliardi di Euro (tutto il sistema bancario), qualche anno fa diciamo nel 2014 erano di 79 miliardi di Euro.
Prima non te lo saprei dire, pero’ va detto che negli ultimi anni (dal 2007 se non sbaglio) e’ cambiato il metodo di considerare le sofferenze. In Italia abbiamo la definizione piu’ ampia (ovvero allarghiamo il campo di riferimento) faccio un esempio, in Italia un credito incagliato e ristrutturato resta non performance per 3 anni in Germania un credito incagliato poi ristrutturato sparisce immediatamente dal gruppo non performance!
Per il resto ripeto i dati della Svezia basta andare a vedere le statistiche.
Buona giornata
:)

PG
Scritto il 22 dicembre 2016 at 10:15

mad­max:
Co­mun­que per il va­lo­re delle sof­fe­ren­ze ban­ca­rie vanno di­mi­nui­te delle co­pur­tu­re.
Se­con­do banca d’I­ta­lia ne sof­fe­ren­ze nette del si­ste­ma ban­ca­rio nel 2016 sono di circa 80 mi­liar­di di Euro (tutto il si­ste­ma ban­ca­rio), qual­che anno fa di­cia­mo nel 2014 erano di 79 mi­liar­di di Euro.
Prima non te lo sa­prei dire, pero’ va detto che negli ul­ti­mi anni (dal 2007 se non sba­glio) e’ cam­bia­to il me­to­do di con­si­de­ra­re le sof­fe­ren­ze. In Ita­lia ab­bia­mo la de­fi­ni­zio­ne piu’ ampia (ov­ve­ro al­lar­ghia­mo il campo di ri­fe­ri­men­to) fac­cio un esem­pio, in Ita­lia un cre­di­to in­ca­glia­to e ri­strut­tu­ra­to resta non per­for­man­ce per 3 anni in Ger­ma­nia un cre­di­to in­ca­glia­to poi ri­strut­tu­ra­to spa­ri­sce im­me­dia­ta­men­te dal grup­po non per­for­man­ce!
Per il resto ri­pe­to i dati della Sve­zia basta an­da­re a ve­de­re le sta­ti­sti­che.
Buona gior­na­ta

Concordo al 100% con l’aggiunta che su qst merda alcuni politici et simili ci fa pure la cresta. Incredibile.

Per quanto riguarda MPS bella operazione.-… prima illusione che aderivano anchor e Quatar per convincere qualche Cristo alla conversione, poi ritirati tutti a 24 ore dal termine . NOn c’è che dire sono menti sopraffine e non solo…, ora faranno tirar fuori i soldi allo Stato così oltre a rimetterci chi direttamente ci ha investito, ci rimettono pure i contribuenti tutti visti i 20 miliardi in gioco . CIò al fine del trasferimento costante dai piccoli ai soliti noti. E sapete coem andrà a finire? HA ragione ancora una volta Andrea … una volta che l’avranno bella che ripulita magari il Quatar se la prende a 4 spicci ringraziando i piccoli che lo hanno finanziato. Se avessimo un po’ di @@ oggi 300 mila sotto le finestre a SIena altroche’…. vedrai se correvano :) purtroppo i responsabili no stanno neanche lì ben protetti nelle loro sale ovattate del potere. Sti [email protected]@di .

madmax
Scritto il 22 dicembre 2016 at 10:20

Lasciami fare un ultimo chiarimento se no passo per Troll, visto che ti seguo dal 2007 e ti ammiro per il titanico lavoro.
Non puoi buttarla in politica con commenti del tipo governo illegittimo poi non aspettarti che la discussione derivi in politica, tu hai le tue idee ma devi ammettere che possano esistere pareri diversi.
Vedo che martelli Renzi, tuo il blog, quindi libero di fare quanto vuoi, ma mi pare che sia diventato la causa di tutti i mali, un poco come la Russia per glia Americani, su NCIS i cattivi sono sempre russi, fanno cambiare le elezioni perche’ chi vince non e’ quello voluto, sono loro che danno i files wikileaks, sono loro che sono dopati, sono l’impero del male…un po’ come Renzi !!!!

Buon Natale a tutti per chi crede e chi non crede!

icebergfinanza
Scritto il 22 dicembre 2016 at 10:57

Anche fottere i risparmiatori ingenui è legittimo! Basta una firma!
mad­max,

owbit
Scritto il 22 dicembre 2016 at 11:04

Le banche non sono “semplici” aziende come le altre per cui non possono “semplicemente” fallire.
https://www.youtube.com/watch?v=B02YAnWkw1U

La valuta di una nazione e’ un’istituzione non e’ solo una moneta.

Gli inutili idioti (anche quando non consapevoli di esserlo) dovrebbero astenersi dal commentare.
Per questo motivo io essendo un utile idiota, leggo mi informo, cerco di capire e non commento (quasi) mai.

gli inutili d

apprendista
Scritto il 22 dicembre 2016 at 11:13

No perché i commenti dei soliti sono così utili ed importanti ti arricchiscono ahahahah

owbit@​finanza

G

icebergfinanza
Scritto il 22 dicembre 2016 at 11:55

Martello Renzi come ho martellato Berlusconi e Monti. Io non faccio distinzioni con chi si fa i propri affari e quelli degli amici.
mad­max,

commentatoredepassaggio
Scritto il 22 dicembre 2016 at 12:07

Ciao. Per quanto riguarda sofferenze lorde e nette, basta dare una occhiata al “supplemento al bollettino statistico – indicatori monetari e finanziari” di Banca d’Italia, l’ultimo dei quali è stato pubblicato in data 13/12/2016. E’ facilmente reperibile online e aiuta a commentare avendo dati di prima mano e non riciclati o vecchi.
La situazione sofferenze è delineata a pagina 30. Ad Ottobre 2016, le sofferenze lorde ammontavano a 198,602 miliardi di euro. Le sofferenze al valore di realizzo ammontavano a 85,471 miliardi di euro.
Vuol dire che, per 100 euro di sofferenze, si stima di recuperarne 43.
Le 4 banche oggetto di risoluzione hanno avuto una valutazione di recupero del 17,6%.
La stesso piano Unicredit, se lo leggo bene, prevede un valore di recupero ben inferiore al 43%.

silvio66
Scritto il 22 dicembre 2016 at 14:10

Ciao a tutte/i,
ho un’idea, prima creiamo il problema poi facciamo vedere che siamo costretti a fare ciò che non vorremmo. Vent’anni fa avevamo 4000 banche in Italia. La maggior parte piccole e capillarmente diffuse sul territorio. Ci hanno detto che eravamo scandalosi i soliti italiani malati di nanismo. Allora noi avanti con le fusioni che ci fanno diventare grandi perché grandi è bello. Ora abbiamo grandi gruppi sull’orlo del fallimento. Noi, gli stessi che abbiamo creato il problema ora gli diciamo che siamo costretti a scaricare tutto sui contribuenti perché se lasciamo fallire i grandi gruppi che abbiamo saggiamente creato arriva l apocalisse. Pensate che perfino su Iceberg quel blog di anarchici ignoranti ci saranno quelli che ci daranno ragione…meglio di così…

gnutim
Scritto il 23 dicembre 2016 at 09:13

MPS gelè!!!!!!!!!!!!!!!

chi c’è c’è chi non c’è brinda

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Habemus Papam… Nella fattispecie, dopo mesi di parole ed accordi, finalmente c’è un Capo
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prez
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
La sterlina si conferma la moneta più pregiata dell’universo calcistico. Nella terza edizione del
A chi non fa invidia la Lamborghini Huracan Spyder che guida Icardi? O la Ford Mustang come quel
La pensione derivante dall’iscrizione ad una forma di previdenza complementare, si chiama rendita.
Ieri qualcuno mi ha chiesto il motivo di tanto accanimento verso la voragine con la banc
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Non deve essere facile di questi tempi sopravvivere ad alcuni bombardamenti per quelli che porta