ELEZIONI AMERICANE: CLINTON O TRUMP …SUSPENCE!

Scritto il alle 10:09 da icebergfinanza

Risultati immagini per trump hedgeye

Mentre la prossima settimana l’America sarà impegnata nel scegliere se morire di cancro o  metastasi, oggi gli investitori, i sacri mercati fuggono spaventati dai nuovi sondaggi. Nei giorni scorsi avevo avvertito di non aver fretta non c’è alcun pericolo di perdere il treno giusto!

Come abbiamo più volte detto, a noi interessa relativamente chi sarà il prossimo presidente degli Stati Uniti, visto che l’unica certezza che abbiamo è che chiunque verrà eletto dovrà far fronte ad una nuova e pesante recessione, sempre che qualcuno sia riuscito a farvi credere che quella precedente era finita.

La logica dice che chiunque vincerà sarà un’anatra zoppa e che se la vittoria sarà per pochi voti, polemiche e riconteggi saranno all’ordine del giorno con tutte le conseguenze annesse.

In serata tutti con il nasino all’insù ad ascoltare quale favola racconterà nonna Yellen alla fine dell’ennesimo incontro della banca centrale americana, con quale comunicato stampa riuscirà a sedare le fobie elettorali dei suoi pargoli prediletti.

Risultati immagini per yellen markets hedgeye

Lasciamo per il momento perdere le fesserie sulle pressioni inflazionistiche delle quali non c’è alcuna traccia, la balla della piena occupazione o l’illusione di un’economia in gran forma e diamo un’occhiata a come probabilmente voteranno i giudici guidati dalla saggezza femminile.

Come propone Bloomberg i dissidenti nelle decisioni della Fed ci sono sempre stati…

I responsabili politici della Federal Reserve sono sempre più divisi sotto la presidenza di  Janet Yellen, nell’ultima riunione ben tre governatori hanno votato a favore di un immediato aumento dei tassi.

Più volte insieme al nostro Machiavelli abbiamo visto che ciò che conta è come voteranno i giudici e non ciò che pensa il pubblico, nel fine settimana, se tutto va bene, insieme a chi sostiene il nostro lavoro,  vedremo insieme quello che potrebbe accadere a dicembre e soprattutto cosa accadrà con l’elezione del nuovo presidente degli Stati Uniti.

Chiaro che nel caso di un risultato non consono alle aspettative dei suoi pargoletti, i mercati, l’aumento dei tassi verrà rimandato all’infinito e la stessa dinamica vista con la Brexit si ripresenterà inevitabilmente.

Nel frattempo notizie entusiasmanti dall’economia americana!

Milano, 31 ott. (AdnKronos) – L’indice pmi che misura l’andamento dell’economia a Chicago, ossia il Chicago Purchasing Managers Index, è sceso a 50,6 punti a ottobre, contro i 54,2 punti di settembre. La riduzione di 3,6 punti fa toccare alla rilevazione il suo minimo negli ultimi cinque mesi. L’indice americano determina lo stato di salute economica del settore manifatturiero nella regione di Chicago.

[Chart]

Nulla di particolare se non che il distretto manifatturiero di Chicago è il più importante d’America, Illinois per gli amici e insieme all’Ohio sarà uno degli aghi della bilancia nelle elezioni americane di martedì prossimo, la vecchia ormai decrepita ma leggendaria cintura industriale made in USA..

Le aziende hanno registrato pressione al rialzo sui prezzi alla produzione a seguito della ripresa del prezzo del petrolio e alcune imprese anche riportato anche un aumento dei prezzi per l’acciaio.  Tuttavia, la crescita economica prevista nei prossimi mesi sembra molto deludente. Si spera, che non segni l’inizio di una tendenza al ribasso “, ha detto Lorena Castellanos, economista senior.

Altre cattive notizie sono arrivate da uno dei motori della recente ripresa economica ovvero la spesa per costruzioni che da quello che potete vedere dal grafico ha completamente smesso di girare facendo planare l’intero settore edilizio…

[Chart]

Construction Spending  
Released On 11/1/2016 10:00:00 AM For Sep, 2016
Prior Prior Revised Consensus Consensus Range Actual
Construction Spending – M/M change -0.7 % -0.5 % 0.6 % 0.2 % to 0.8 % -0.4 %

Fa riflettere l’abisso che esiste tra le previsioni e le aspettative degli economisti puntualmente disattese negli ultimi mesi. Passare da una previsione media del 0,6 % di crescita ad una caduta di uno 0,4 % non è certo un bel biglietto da visita per l’economia americana.

In settimana dopo i dati neutri di ieri in arrivo dal settore manifatturiero si attendono a partire da oggi gli ultimi sviluppi del mercato del lavoro e i dati realtivi al settore dei servizi fondamentale per l’economia americana.

Nel frattempo in Europa la Germania alle prese con con il bubbone pestilenziale Deutsche Bank da lezioni di democrazia agli altri paesi…Germania per il Sì al referendum.

Intervistato a Berlino da Maria Latella per Sky Tg24, il ministro dell’Interno tedesco, Thomas De Maizière ha premesso che “non spetta a me esprimere un giudizio sulla struttura sociale di un popolo”, ma ha sottolineato che “quando la struttura parlamentare non è abbastanza efficiente è il popolo a dover intervenire. Riconosco il coraggio di questo governo nel voler cambiare la Costituzione e la struttura decisionale di questo paese. Potrà dare all’Italia un futuro migliore. Approvare un simile cambiamento per il futuro è una decisione coraggiosa”

Ovvero come intervistare l’oste sulla migliore dinamica di produzione vinicola che il suo maggiore concorrente dovrebbe mettere in atto mentre vuol far credere  che la sua cantina non è abbastanza efficiente, quando i dati delle vendite dicono altro!

Non solo…

(ANSA) – BERLINO, 1 NOV – I “cinque saggi dell’economia” tedesca, nel loro rapporto annuale, hanno “criticato” la politica monetaria della Bce. Lo riporta la stampa tedesca anticipando contenuti del rapporto che verrà presentato domani.Il Consiglio di esperti economici della Germania “giudica in maniera critica l’eccesso di denaro” messo in circolazione dalla Banca centrale europea.

Per il resto non ci resta che attendere sulla riva del fiume e osservare attentamente cosa accadrà visto che a grandi linee sino ad ora la rotta è stata tracciata in maniera esemplare dall’analisi ciclica.

Appuntamento nel fine settimana con gli amici sostenitori del nostro viaggio, con “Cash is king and Phoenix the queen” insieme al nostro Machiavelli…

Ogni principe dunque, non potendo ostentare la sua generosità senza danneggiare se stesso, deve, se è persona saggia, non preoccuparsi della fama di uomo eccessivamente parsimonioso. Col passare del tempo egli verrà sempre più considerato uomo generoso poiché si vedrà che, grazie alla sua parsimonia…

Dimenticavo! Su dai un piccolo sforzo 5 minuti di tempo e votate per noi, dopo sole tre settimane siamo a buon punto ma dietro quelli del Sole 24 Ore…

Buona consapevolezza e non dimenticatevi di votare  Icebergfinanza ai Macchianera Awards 2016Risultati immagini per vote for usAI MACCHIANERA INTERNET AWARDS Vota per l’informazione indipendente di qualità, cliccando sul banner qui sotto e segui le istruzioni. Semplicemente Grazie!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (18 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +15 (from 15 votes)
ELEZIONI AMERICANE: CLINTON O TRUMP ...SUSPENCE!, 10.0 out of 10 based on 18 ratings
10 commenti Commenta
gnutim
Scritto il 2 novembre 2016 at 11:22

l’ombra del veggente Phitio si sta avvicinando…..

emzag
Scritto il 2 novembre 2016 at 16:41

Io sento un ticchettìo…qualcuno deve aver lasciato in giro una sveglia…

stanziale
Scritto il 2 novembre 2016 at 19:33

Ieri ho letto il link di EMAIL PROTECTED, che parlava dello “stato profondo”, in Usa e Gran bretagna. Ma non e’ tutto, non basta a spiegare gli eventi; mi sono ricordato delle parole di John Ludd, i poteri forti sono divisi al loro interno. Sembra che a pubblicare per primo sia stato il giornale di Murdoch. Leggo che gli ultimi giorni saranno pirotecnici, nuove rivelazioni si susseguono. A questo punto non si e’ nemmeno sicuri che si terranno, le elezioni.

emzag
Scritto il 2 novembre 2016 at 20:01

ATTENZIONE!
HO TROVATO UNA COSA PAZZESCA!

Relativamente al complotto del deep state (ossia FBI) per distruggere la Clinton.

Ricordate Steve Pieczenik? L’esperto dei servizi USA voluto da Cossiga al tempo del caso Moro e inviato in Italia da Jimmy Carter.
Dopo qualhe tempo Steve tornò in America perché secondo lui si stava complottando per impedire che Moro fosse liberato.

Inoltre vi faccio presente che su Sputnik News c’è una intervista di John Wight a Craig Murray, ex ambasciatore inglese in Uzbekistan che afferma essere di Washington la fonte di Wikileaks (non i russi, quindi).
Qui l’articolo e c’è anche l’audio dell’intervista condotta da John Wight

https://sputniknews.com/us/201611021046973468-craig-murray-dnc-podesta/

Bene, è uscito ieri un video di Steve Pieczenik che dice (udite udite):

Noi dei servizi stiamo mettendo in atto un contro colpo di stato per contrastare il colpo di stato dei Clinton che hanno corrotto l’America e cooptato i servizi. Non siamo più disposti a tollerare questo stato di cose e stiamo passando le email a Assange.

Poi testuale: “E’ in atto la seconda rivoluzione americana e avverrà tramite internet”

https://www.youtube.com/watch?v=ov5kvWSz5LM

Per di più Wikileaks dichiara chestanno per uscire soffiate che manderanno la Clinton in galera

http://indiatoday.intoday.in/story/next-leak-to-ensure-hillary-clinton-arrest/1/800453.html

Non so se dare il 100% di credibilità ma credo che non si tratti di notizie del tutto inverosimili.

Vedremo nei prossimi giorni.

fedita
Scritto il 2 novembre 2016 at 21:31

vincerà trump, lo sanno all’fbi (motivo per cui hanno riaperto l’inchiesta, e cameleonticamente per non stare dalla parte sbagliata) lo sanno ai vertici lo sanno i giornalisti i sondaggisti e lo sa chi conta, che si sta riorganizzando per assorbire ed usare a proprio vantaggio il corpo estraneo.
trump non avrà mani libere, non sarei così ottimista …

madmax
Scritto il 3 novembre 2016 at 09:09

stanziale@finanza,

Bravo Stanziale,
Bel link, ma sinceramente accendendo il cervello ogni italiano medio non lobotomizzato lo doveva capire che le Brigate Rosse sequestrando il primo ministro di nome Aldo Moro la mattina che avrebbe fatto il compromesso storico: ovvero portato il PCI i Komunisti mangia bambini al governo ha fatto il gioco degli anti-komunisti!!!!
Che dire poi della capacita’ sorprendente per dei dilettanti di creare un gruppo di fuoco abile, della capacita’ di gestire il sequestro senza errori e senza sbavature o della prigione in via Gradoli dei servizi, della ostinata resistenza a non trattate!!!! Metti assieme i pezzi e capisci che 4 sfigati di br sono stati manipolati e gestiti da qualcuno di ben piu’ scaltro che ha tanta esperienza in lavori sporchi!!!!
Grazie comunque per il link….e buona giornata!

madmax
Scritto il 3 novembre 2016 at 09:21

Wilileaks: avete capito che cosa e’?
Da tanto tempo si parla di wilileaks ma avete capito di che si tratta? Nessuno lo spiega, o almeno io non lo avevo capito.
Wikileaks e’ una piattaforma per caricate in maniera anonima e sicura documenti per renderlo pubblici!
Ve lo avevano spiegato i media? No?
Perche’ e’ un pericolo totale rischia di far cadere il palco della menzogna che ogni giorno ci raccontano!!!!

icebergfinanza
Scritto il 3 novembre 2016 at 13:05

Piano Ragazzi c’è tanta immondizia su internet…

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Il rating per l’Italia è cambiato per Moody’s. Restiamo però investment grade e l’outloo
Lasciamo da parte la complicata situazione italiana e chiediamo all'analisi intermarket un aiuto
Nel post di prima abbiamo parlato della grande sfida che vede di fronte il governo italiano, le
Il mondo del lavoro sta cambiando rapidamente e ci si interroga sempre di più su come sarà in futu
Ftse Mib: indice sotto pressione rompe 19.000 e punta 18.700 punti, livello chiave per l'indice ital
Mentre stiamo discutendo di “manine” e di contrasti all’interno della coalizione giallover
L’aria non butta bene per il governo in sede europea, il  che provoca una salita dello spread ed
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Se ragioniamo in maniera paternalistica, non c'è dubbio che papà Mario, ha ragione, non può i