HILLARY CLINTON: TRA ME E L’AMERICA C’E’ L’APOCALISSE!

Scritto il alle 11:00 da icebergfinanza

Risultati immagini per apocalysse new york

Il vecchio John Kenneth Galbraith amava dire che ogni tanto i mercati, la borsa si incarica di separare il denaro dagli stupidi, mentre oggi un blogger qualunque di nome Andrea, suggerisce che quotidianamente la deflazione da debiti si incarica di separare gli stupidi dalle loro aspettative di inflazione o stagflazione come meglio desiderate.

Non sto qui a farvi di nuovo il ripassino su cosa sia una deflazione da debiti, che potete rileggervi al seguente indirizzo uno degli articoli più letti della storia di Icebergfinanza…

DEFLAZIONE DA DEBITI: COSA POTREBBE ACCADERE

… ma quello che è certo è che ogni tanto gli ingenui ci danno una mano facendo scendere i prezzi dei titoli e i rendimenti nel reddito fisso, seguendo la solita illusione di chissà quale rialzo dei tassi.

Ora tutti scommettono su un rialzo a dicembre dopo averne falliti almeno quattro quest’anno, siamo al 74 %

Questa è la realtà attuale, ve l’ho ricostruita io visto che gli amici di Icebergfinanza amano le cose semplici ed immediate,  ma probabilmente osservare i numeri reali da fastidio a molti, soprattutto a quelli che vivono di illusioni…

Immagine321In parole povere, l’economia americana è cresciuta meno della metà di quello che proiettava la Fed all’inizio dell’anno e ora questi inutili banchieri centrali vorrebbero aumentare i tassi per causare una … RECESSIONE o meglio per accentuarla visto che in realtà gli americani non si sono mai accorti di essere usciti dalla recessione.

A proposito, condivido lo spettacolare OOOOOPS delle previsioni della Fed di Atalanta …

Immagine3211

Ieri la stagione delle trimestrali USA è incominciata alla grande…

Alcoa: azioni sprofondano con deludente trimestrale. Nel baratro anche Wall Street

A noi fa sempre piacere che qualche ingenuo creda ai rialzi dei tassi che verranno…

Immagine…in fondo gli amici di Machiavelli lo sapevano da tempo… ;-)

Immagine123

Ma torniamo a parlare di cose serie, ad esempio dell’Apocalisse che verrà!

Hillary Clinton ieri ha detto che se vince Trump per l’America sarà l’Apocalisse, invece se vince lei…

Clinton confessa nelle mail rubate: “Sono lontana dalla gente. Aiuto le banche

A un altro simposio di Goldman Sachs del 24 ottobre 2013, Hillary dice che il fatto di considerare le banche Usa responsabili della crisi finanziaria del 2007 era una convenienza politica. Quasi a voler chiedere scusa alle «vecchie signore» di Wall Street per le critiche ricevute. L’indomani, allo stesso simposio, e qualche giorno prima davanti ai vertici di Deutsche Bank, Clinton spiega invece che dovrebbero essere proprio le banche le autrici della riforma finanziaria perché «solo Wall Street sa cosa fare per mettere a posto Wall Street».  (…)«Ho rappresentato e lavorato con molti a Wall Street – afferma Hillary ai banchieri -. E ho fatto tutto quello che ho potuto per fare in modo che continuassero a prosperare».

E’ proprio vero, aveva ragione quel tizio parlando agli americani… “Beato tu che sei stupido e non te ne rendi conto…bellezza.”

Vota per noi cliccando sul banner qui sotto e segui le istruzioni. Semplicemente Grazie!

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta, l’informazione indipendente…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (17 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +14 (from 14 votes)
HILLARY CLINTON: TRA ME E L'AMERICA C'E' L'APOCALISSE!, 10.0 out of 10 based on 17 ratings
9 commenti Commenta
Scritto il 12 ottobre 2016 at 11:57

Dibattiti tra @HillaryClinton e @realDonaldTrump . Ed e' subito #Festivalpic.twitter.com/T30tFjHanU— (((Danilo DT))) (@intermarketblog) October 12, 2016

madmax
Scritto il 12 ottobre 2016 at 12:45

Credo che Hillary abbia ragione, ma sbaglia target, il vero problema e’ il debito US.
Guardate il grafico a pagina 18 del documento GAO al link:

https://www.treasurydirect.gov/govt/reports/pd/feddebt/feddebt_ann2015.pdf

Ebbene vedrete l’ insostenibilita’ dei rimborsi da qua al 2020 oltre il 60% del debito US va in scadenza! Ripeto oltre il 60% del debito da rimborsare da qua al 2020!!!!
Per anni e’ stato detto che DB era fallita (grazie Capitano) chissa’ se ci mettiamo meno a far capire la disastrosa situazione del debito US!!!!

benti77
Scritto il 12 ottobre 2016 at 13:26

beh questo conferma secondo me la visione di tassi in discesa nei prossimi anni e di un QE abbondante e prolungato…
Dubito che gli US possano fallire, e qualora dovesse succedere probabilmente non saremo qui a bullarcene.

icebergfinanza
Scritto il 12 ottobre 2016 at 13:29

Gli Stati Uniti non hanno una possibilità su trilioni di fallire a meno che perdano l’accesso al l’erogazione della corrente elettrica necessaria a far funzionare le rotative! ;-)

mauri69
Scritto il 12 ottobre 2016 at 14:38

come fa a fallire chi si stampa i soldi da rimborsare?
Questo proprio non lo capisco.
mad­max,

madmax
Scritto il 12 ottobre 2016 at 15:08

Scusate ma state mescolando due cose, una quello che dice la teoria, ovvero quando hai piu’ liabilities che asset sei messo molto male, vedi link:

http://www.oilandgas360.com/u-s-government-big-fail/

La seconda e’ se gli US possono fallire perche’ spendono 600 miliardi di USD all’anno in difesa e possono con una guerra nucleare cancellare il mondo e concordo con il no, prima finisce il mondo!

Ma allora da ingegnere usando la logica se il concetto non vale allora vi dico che a tal punto possiamo prendere tutti i libri di economia (meglio dire pseudo-economia) e metterli tutti nel caminetto…che tanto non servono!

aorlansky60
Scritto il 12 ottobre 2016 at 15:12

@ Madmax

circa il tuo dubbio sul debito USA,

ti giro il mio punto di vista, lo stesso che avevo scritto qualche thread fà :

Se un governo potesse stampare moneta all’infinito e autocancellare il proprio debito, cosa accadrebbe secondo voi?

Se quel governo proviene da uno Stato sovrano che si ritrova :

1) l’economia più forte al mondo
2) il potere finanziario più forte al mondo
3) le riserve auree più ingenti al mondo
4) la divisa sovrana di riferimento nel mondo (King DOLLAR)
5) la sovranità della propria BANCA CENTRALE
6) last but not least (diretta conseguenza dei punti da 1 a 5) l’apparato MILITARE più potente al mondo

lo può fare e sarà [ancora] credibile.

Oltre che [sempre] TEMIBILE (agli occhi di tutti gli altri).

aorlansky60
Scritto il 12 ottobre 2016 at 15:28

possiamo prendere tutti i libri di economia e metterli tutti nel caminetto…che tanto non servono!

servirebbero almeno a produrre un pò di calore momentaneo per scaldarsi…

:-D

In un epoca in cui stiamo diffidando perfino dei dati che ci vengono trasmessi, perchè con buona probabilità opportunamente manipolati per una necessità a senso unico (*) (far prevalere il sentiment di FIDUCIA, nonostante l’evidenza dei fatti)

se l’ECONOMIA è una materia seria, dovrebbe pretendere di potere essere trattata ed esposta contando su dati seri [e veritieri]…

…invece pare essere diventata la FIERA di chi le spara più grosse (occultando ciò che non piace e che non deve essere reso di pubblico dominio)

Chi possiede una posizione da difendere (non parlo solo di società o corporazioni, ma di STATO SOVRANO, a cui le prime appartengono) ha già da molto tempo predisposto i media dell’informazione a proprio servizio affinchè lavorino a senso unico (*) . Su questo punto ne sono ASSOLUTAMENTE CERTO.

john_ludd
Scritto il 13 ottobre 2016 at 17:00

ice­berg­fi­nan­za,

… la qual cosa è di recente passata da una probabilità remota a una possibilità reale. Con la progressiva automatizzazione dei processi di decisione non è detto che Vasili Arkhipov o Stanislav Petrov possano salvarci la pellaccia anche questa volta. Ci vuole fortuna, stavolta però di più.

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Il rating per l’Italia è cambiato per Moody’s. Restiamo però investment grade e l’outloo
Lasciamo da parte la complicata situazione italiana e chiediamo all'analisi intermarket un aiuto
Nel post di prima abbiamo parlato della grande sfida che vede di fronte il governo italiano, le
Il mondo del lavoro sta cambiando rapidamente e ci si interroga sempre di più su come sarà in futu
Ftse Mib: indice sotto pressione rompe 19.000 e punta 18.700 punti, livello chiave per l'indice ital
Mentre stiamo discutendo di “manine” e di contrasti all’interno della coalizione giallover
L’aria non butta bene per il governo in sede europea, il  che provoca una salita dello spread ed
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Se ragioniamo in maniera paternalistica, non c'è dubbio che papà Mario, ha ragione, non può i
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )