STRESS TEST BANK CRASH!

Scritto il alle 10:12 da icebergfinanza

imagePrima di immedesimarsi in quanto è accaduto in questi due giorni e in quanto accadrà in Europa, diano un’occhiata a quanto è accaduto nel resto del mondo…

Australia: taglia i tassi a minimo storico dell’1,5%
Sydney, 2 ago. – La banca centrale australiana ha tagliato i tassi di interesse di un quarto di punto al minimo storico dell’1,5%. La decisione era ampiamente attesa dopo la recente ondata di bassa inflazione. Dal novembre 2011 la Reserve Bank of Australia ha tagliato i tassi di 300 punti base per sostenere l’economia.

Dal novembre del 2014 quando per la prima vta il nostro Machiavelli ha suggerito di incominciare ad occuparsi di Australia i tassi sono scesi di oltre un punto …

image

 

image

 

image

 

L’inflazione si sta polverizzando, in mezzo ad una deflazione da debiti generalizzata non è certo una novità, ma quello che è più interessante è che tutto ciò sta accadendo in un continente dove la deflazione è una rarità assoluta.

Seguiteci con il nostro Machiavelli che è stato per l’ennesima volta profeta, perché ci prenderemo molte soddisfazioni nell’interpretare la terribile bolla immobiliare in atto in Australia.

image

Tutto bene in Australia o c’è del marcio in Australia?

Per il resto ogni cosa a suo tempo sotto il cielo! Ricordatevi che i comportamenti dei mercati non seguono più l’analisi macro, sono più che altro soggetti alla speculazione dall’analisi tecnica, diversamente non si spiegherebbe perché i tassi sono risaliti dopo che la RBA gli ha abbassati.

image

 

O meglio si spiega con il classico si acquista sull’aspettativa e si vende sulla notizia.

Stessa cosa è successa per quanto riguarda il settore bancario europeo e soprattutto alle banche italiane che erano state acquistate in maniera massiccia nella settimana e nel venerdì prima dell’esito degli stress test.

Nel fine settimana sui media mainstream era tutto un coro di lodi e felicitazioni sui risultati delle banche italiane e solo l’informazione indipendente vi ha messo in guardia dai rischi di una voce te delusione.

Noi siamo stati chiari suggerendo all’amministratore delegato di Intesa di abbassare i toni trionfalistici e in effetti è stata un’autentica Waterloo. La speculazione, i mercati non guardano più in faccia nessuno a loro non importano i fondamentali di Intesa o di MPS il loro unico scopo è quello di fare quattrini distruggendo ovunque.

È chiaro visti i risultati di Intesa del primo semestre che al mercato interessa poco o nulla della realtà nel breve ma nei prossimi mesi non ci sarà storia, i fondamentali pagheranno.

Avete forse dimenticato le sagge parole del nostro Federico Caffè mai prese seriamente in considerazione dal suo allievo Mario Draghi…  “Il gioco finanziario borsistico non favorisce il vigore competitivo ma predatorio contro ignari risparmiatori

imageDate un’occhiata qui sopra ad uno dei tanti articoli apparsi martedì mattina …

Esagerate erano le critiche mosse a che?

La risposta dei mercati martedì sera è stata MENO SEDICI virgola DIECI!

L’unica buona notizia in mezzo a queste due giornate di panico è arrivata dal buon senso…image image

Ovviamente non sappiamo ancora se il buon senso se ne stava nascosto per paura di non guadagnare mio visto che la retromarcia è dovuta unicamente alla percentuale in gioco ovvero quel 33% che non permetterebbe una buona redditività!

Personalmente io non investirei neanche se quei crediti mi venissero offerti al 20% del loro valore nominale visto che nessuno si immagina cosa possano avere combinato questi delinquenti…

image

 

Il problema delle banche italiane non era in alcun modo riconducibile alle bolle immobiliari alimentate dalle banche francesi, tedesche e inglesi in mezza Europa, non alla impressionante mole di derivati fine a se stessi messa in piedi dalle banche tedesche e francesi, ma oggi più simile alla condotta fraudolenta delle banche americane nel fenomeno subprime, solo che questi facevano prestiti agli amici degli amici con enormi concentrazioni di rischio, non solo obbligavano ignari risparmiatori o avidi investitori a comprare la loro spazzatura amplificata nel valore da prezzolati professori bocconiani come è accaduto con le due banche venete.

Ora non resta che attendere gli sviluppi di questo nuovo attacco alle banche tedesche e italiane, senza dimenticare che ciclicamente non è ancora giunto il momento dell’attacco finale.

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta, l’informazione indipendente…

Chiunque volesse ricevere le ultime analisi di Machiavelli può liberamente contribuire al nostro viaggio CLICCANDO SUL BANNER a fianco dei post sul lato destro della pagina…

SEMPLICEMENTE GRAZIE!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.9/10 (21 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +18 (from 18 votes)
STRESS TEST BANK CRASH!, 9.9 out of 10 based on 21 ratings
Tags: ,   |
25 commenti Commenta
madmax
Scritto il 3 agosto 2016 at 15:54

Andranno “down under” ovvero sotto sopra :)

stanziale
Scritto il 3 agosto 2016 at 19:39

-Padoan: “gli istituti italiani non sono in crisi sistemica”. Vero! e’ in corso solo la liquidazione azionaria della componente italiana http://scenarieconomici.it/da-mps-a-unicredit-lattacco-al-sistema-bancario-italiano-di-primo-gonzaga/ a proposito..la semestrale di unicredit e’ andata bene, la banca guadagna , tutti cercano di aumentare il cet1 magari con artifici contabili… unicredit comandata dal ceo francese fa l’incontrario!
-la fiat liquida magneti marelli, incassa e porta a casa (all’estero), cazzi dei dipendenti e contribuenti
-sentite come inizia questo articolo del sole dal titolo: alle imprese tedesche piace il made in italy: cresce la voglia di acquisizioni. Comincia cosi’: “L’italia continua a recuperare terreno nelle operazioni di fusione e acquisizione delle imprese tedesche”……CIOE’, LA SVENDITA DELLE IMPRESE ITALIANE ALLE TEDESCHE IN CORSO, VIENE DESCRITTA COME RECUPERARE TERRENO…non e’ fantastico?

ndf
Scritto il 4 agosto 2016 at 08:39

Se leggi l’articolo di cui parli si dice anche il contrario:
-“Brandes rileva anche che cresce l’interesse di senso opposto, cioè di imprese italiane che puntano ad acquisizioni in Germania, anche se questo tema non è oggetto del sondaggio, che è svolto con la collaborazione di diverse istituzioni tedesche e internazionali, compresa Hypovereinsbank, la controllata tedesca del gruppo Unicredit.”

Comunque hai ragione e anche io sono rimasto stupito, lo avevo letto ieri e sembrava che dovessimo essere contenti del trend in atto…. mah!

veleno50
Scritto il 4 agosto 2016 at 08:47

La Gran Bretagna sul CIGLIO della recessione ,in marcia verso un trimestre del pil in segno negativo,fra meno 0,2 e meno 0,4. (SOLE 24) Boss cosa ne pensi del capolavoro del popolo inglese. piangere o ridere?

icebergfinanza
Scritto il 4 agosto 2016 at 23:08

Non ci sarà alcuna recessione nel Regno Unito!
veleno50@finanza,

d
Scritto il 5 agosto 2016 at 06:52

Il popolo inglese ha dato una manifestazione di carattere. E il popolo italiano?
veleno50@finanza,

stanziale
Scritto il 5 agosto 2016 at 07:20

d@finanza,

Il popolo italiano e’ pronto a porgere l’altra chiappa. Io, ovunque vado -in Toscana- trovo autorazzisti/piddioti che ripetono a pappagallo “abbiamo vissuto sopra le nostre possibilita’”. Sono gia’ pronti a fare la fine della grecia, e ci godono pure, probabilmente . Uno dei loro idoli e’ questo pericoloso personaggio http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2016/8/5/FINANZA-E-POLITICA-Sapelli-cosi-la-Germania-prepara-il-colpo-di-grazia-/717637/

silvio66
Scritto il 5 agosto 2016 at 12:40

Ciao D,
il popolo italiano sta rispondendo nelle urne.
d@​finanza,

gnutim
Scritto il 5 agosto 2016 at 13:00

ATTENZIONE: è fuori dal tema ma Adnrea sa che è un tema basilare all’interno della UE.

L’Italia ha superato il debito target 2 che era stato raggiunto con la crisi dello spread del 2011/2012 e che ha portato Monti sullo sranno del Bel Paese al posto del Berlusca:

http://www.finanza.com/Finanza/Notizie_Italia/Italia/notizia/Italia_debito_Target_2_sale_a_nuovo_record_superato_il_liv-460915

ci aspettiamo un altro attacco ai nostri tds?

aorlansky60
Scritto il 5 agosto 2016 at 13:36

@ Stanziale

Il popolo italiano e’ pronto a porgere l’altra chiappa

al popolo Italiano (almeno a quella parte di esso non ancora disposta a “porgere l’altra chiappa” )
rimane, quale unica arma per frenare un crollo irreversibile (ammesso che ci sia ancora tempo per evitarlo)

il VOTO,

ad iniziare da quello del prossimo referendum Costituzionale,

il cui esito sfavorevole (per renzi, per il pd e di riflesso per la germania e per la UE)

potrebbe vedere l’inizio di una NUOVA definizione di ruoli ed equilibri tra ITA e EU su vari argomenti,

ad iniziare dalla politica sulla immigrazione e sull’accoglienza, verso la quale l’ITA (e la Grecia) sono state lasciate scandalosamente sole dall’Europa nell’affrontare un problema sempre più critico, nel cui contesto è indicativo segnalare l’assoluta mancanza di determinazione dei ns rappresentanti di governo verso la UE, incapaci di sensibilizzare e sollecitare a quest’ultima un tentativo di risoluzione a livello EUROPEO del problema,

e nemmeno [i ns rappresentanti di governo] hanno saputo dare una risposta alle esigenze di molte decine di migliaia di clandestini -più che profughi- giunti negli ultimi anni in Italia, oltre alla sola semplice accoglienza (ghettizandoli in veri e propri campi di concentramento sparsi a macchia di leopardo sull’intero territorio nazionale), non essendo in grado l’italia in questo suo delicato momento storico di riuscire a dare a tutta questa gente (figurarsi, non riesce neppure a soddisfare gli italiani su questo punto, visti i livelli elevati di disoccupazione attuali) una vera promessa di integrazione nella ns società che sarebbe quella di garantire loro innanzi tutto UN LAVORO, o una qualsiasi occupazione.

L’esito del referendum saprà dare risposte esaurienti per il futuro della ns storia.

magro
Scritto il 5 agosto 2016 at 13:48

l’esito sfavorevole del voto al referendum di ottobre per me potrebbe vedere come esito soltanto l’avvio di una nuova stagione di bombe in Italia

magro
Scritto il 5 agosto 2016 at 13:49

l’esito sfavorevole del voto al referendum di ottobre per me potrebbe vedere come esito soltanto l’avvio di una nuova stagione di bombe in Italia

veleno50
Scritto il 5 agosto 2016 at 16:25

Boss, Galli ha ragione anche secondo me, un monocolore (cinco estrellas) per l’Italia in (questo momento) significa fallimento. Per loro è cominciata la salita, lo Stelvio è duro da scalare decine di tornanti a gomito e sempre più dura,, vediamo se riescono a partire dalla capitale , non mi pare che l’inizio sia filato liscio o no?Oggi i dati americani non li commenta nessuno ,grande sorpresa per tutti,smentite le cassandre.Disoccupazione AL 4,9% quasi occupazione piena. In questo momento il Daw oltre 150 punti,verso nuovi record? Le prime donne dicono che siamo al capolinea , i soldi a Wall street corrono ,c’è tanta confusione ,ci sei tu e chi ti ha ascoltato che dormite serenamente in un guanciale,soffice e vellutato, bravi,sono un po invidioso.buone vacanze a tutti

madmax
Scritto il 5 agosto 2016 at 22:48

magro@finanza,

magro, direi di lasciare stare, ad oggi le bombe in Italia le ha messe sempre e solo la destra con ila complicità’ degli apparati deviati (deviati????) dei servizi segreti per non far salire al potere i cosiddetti Comunisti !!! Cattivi che mangiano i bambini e non vanno in chiesa la Domenica.
Alcune indagini sulle bombe come quella della Strage di Bologna non hanno mai portato a colpevoli! Ma chissà perché nessuno si e’ mai indignato di questo!!!!!

magro
Scritto il 6 agosto 2016 at 16:19

madmax,

beato te che hai le idee così chiare!! :-)

dorf001
Scritto il 6 agosto 2016 at 19:48

vogliamo dire una volta per tutte come mai siamo in questa condizione disastrosa?
vi posto un articolo superlativo.!!!

“L’UE e la NATO sono assolutamente corrotte. Sono le puttane ben pagate di Washington.”

di Dr. Paul Craig Roberts è stato Assistente Segretario del Tesoro per la Politica economica e editore associato del Wall Street Journal. E’ stato editorialista di Business Week, Scripps Howard News Service, e Creators Syndicate. Ha ottenuto numerosi riconoscimenti universitari. Le sue colonne su internet hanno attirato lettori da tutto il mondo. I suoi ultimi libri sono : The Failure of Laissez Faire Capitalism and Economic Dissolution of the West , How America Was Lost, e The Neoconservative Threat to World Order.

L’UNIONE EUROPEA E’ CONDANNATA DAL VASSALLAGGIO NEI CONFRONTI DI WASHINGTON

e ora tutta la storia!!
“Un anello per domarli tutti . . . e nel buio incatenarli.” J.R.R. Tolkien, Il Signore degli Anelli

La seconda guerra mondiale è finita con la conquista dell’Europa, non da parte di Berlino, ma da parte di Washington.

La conquista era certa, ma non la si poteva ottenere tutta in una volta. La conquista di Washington dell’Europa è avvenuta grazie al Piano Marshall, alla paura dell’Armata Rossa di Stalin (che ha portato l’Europa a fare affidamento sulla protezione di Washington e a subordinare le forze armate europee agli Stati Uniti, all’interno della NATO) alla sostituzione della sterlina con il dollaro USA come valuta di riserva mondiale, e al lungo processo di subordinazione della sovranità dei singoli paesi europei verso l’Unione europea, un’iniziativa della CIA attuata da Washington per controllare tutta l’Europa attraverso un solo e irresponsabile governo.

Con poche eccezioni, principalmente il Regno Unito, l’adesione all’Unione europea ha significato anche la perdita di indipendenza finanziaria. Dato che solo la Banca centrale europea è in grado di creare euro, quei paesi così sciocchi da accettarlo come valuta non hanno più avuto il potere di creare il proprio denaro per finanziare i deficit di bilancio. I paesi che hanno aderito all’euro devono fare affidamento su banche private per finanziare i loro deficit. Il risultato è che i paesi indebitati non possono più pagare i loro debiti con la creazione di denaro o sperare che questi debiti vengano abbassati a livelli che possono tenere sotto controllo. Invece, Grecia, Portogallo, Lettonia e Irlanda sono state saccheggiate dalle banche private. L’UE ha costretto gli pseudo-governi di questi paesi a pagare le banche private del Nord Europa soffocando il tenore di vita delle loro popolazioni e privatizzando i beni pubblici svendendoli per due soldi rispetto al loro valore originale.

Così le pensioni di anzianità, il pubblico impiego, l’istruzione e la sanità sono stati tagliati e il denaro reindirizzato alle banche private. Le aziende idriche municipali sono state privatizzate con il risultato che le bollette dell’acqua sono più elevate. E così via. Poiché non vi è alcuna ricompensa, solo punizioni, per essere un membro della UE, perché i governi, nonostante i desideri espressi dei loro popoli, si uniscono?

La risposta è che Washington ha voluto che non vi fossero altre possibilità. I fondatori europei della UE sono creature mitiche. Washington ha utilizzato i politici pilotandoli nella creazione dell’Unione europea. Alcuni anni fa sono stati rilasciati dei documenti della CIA che dimostrano che l’UE è stata un’iniziativa della CIA stessa:

http://www.telegraph.co.uk/news/worldnews/europe/1356047/Euro-federalists-financed-by-US-spy-chiefs.html e http://benwilliamslibrary.com/blog/?p=5080

Nel 1970 il presidente per la discussione della tesi del mio dottorato di ricerca, divenuto poi un funzionario di alto rango a Washington addetto al controllo degli affari di sicurezza internazionale, mi ha chiesto di intraprendere una missione delicata all’estero. Ho rifiutato. Tuttavia, egli ha risposto alla mia domanda: “Come fa Washington a fare in modo che i paesi stranieri facciano ciò che Washington vuole?” “Soldi”, ha detto. “Diamo ai loro leader borse piene di soldi. Appartengono a noi. ” E’ chiaro che l’UE serve gli interessi di Washington, non gli interessi dell’Europa. Ad esempio, il popolo francese e il governo sono contrari agli OGM, ma l’UE consente una “autorizzazione di mercato precauzionale” di introduzione degli OGM, contando forse sulle “scoperte scientifiche” degli scienziati sul libro paga della Monsanto.

Quando lo stato americano del Vermont ha approvato una legge che impone l’etichettatura degli alimenti OGM, la Monsanto gli ha fatto causa. Una volta che i funzionari dell’UE, pagati di nascosto, firmeranno l’accordo TTIP scritto dalle multinazionali degli Stati Uniti, la Monsanto si impadronirà dell’agricoltura europea. Ma il pericolo per l’Europa va ben oltre la salute dei popoli europei, che saranno costretti a nutrirsi di cibi velenosi. Washington sta usando l’UE per costringere gli europei a entrare in conflitto con la Russia, una potenza nucleare in grado di distruggere tutta l’Europa e tutti gli Stati Uniti in pochi minuti. Ciò sta accadendo perché i “leader” europei, pagati di nascosto con “borse piene di denaro”, hanno preferito avere il denaro di Washington nel breve periodo piuttosto che garantire la vita degli europei nel lungo periodo.

Non è possibile che qualsiasi politico europeo sia sufficientemente idiota da credere che sia stata la Russia ad invadere l’Ucraina, che la Russia da un momento all’altro invaderà la Polonia e gli Stati baltici, o che Putin sia un “nuovo Hitler” che progetta di ricostruire l’impero sovietico. Queste accuse assurde non sono altro che propaganda di Washington priva di qualsiasi verità. Tutto ciò è evidente. Nemmeno un idiota potrebbe crederci. Eppure l’Unione europea va di pari passo con la propaganda, come fa la NATO. Perché?

La risposta è il denaro di Washington. L’UE e la NATO sono assolutamente corrotte. Sono le puttane ben pagate di Washington. L’unico modo che gli europei hanno per impedire una III guerra nucleare mondiale e continuare a vivere e godere di ciò che resta della loro cultura (che gli americani non sono riusciti a distruggere con la loro cultura di sesso, violenza e avidità) è, per i governi europei, quello di seguire l’esempio del governo inglese e uscire dall’Unione europea creata dalla CIA. E l’uscita dalla NATO, il cui scopo è evaporato con il crollo dell’Unione Sovietica, e che ora viene usata come uno strumento di egemonia mondiale da parte di Washington.

Perché gli europei vogliono morire per favorire l’egemonia mondiale di Washington?

Ciò significa che gli europei stessi stanno morendo a causa di questa egemonia (esercitata allo stesso modo sull’Europa). Perché gli europei vogliono sostenere Washington, i cui alti funzionari, come Victoria Nuland, dicono “l’Unione Europea si fotta!”? Gli europei stanno già soffrendo a causa delle sanzioni economiche che il loro signore a Washington li ha costretti ad applicare nei confronti della Russia e dell’Iran. Perché gli europei desiderano essere distrutti da una guerra contro la Russia? Gli europei vogliono forse morire? Sono stati americanizzati e non apprezzano più l’enorme quantità di bellezze artistiche e architettoniche, letterarie e musicali di cui i loro paesi sono custodi?

La risposta è che non fa alcuna differenza che cosa pensino gli europei, perché Washington ha istituito per loro un governo che è totalmente indipendente dalla loro volontà. Il governo dell’UE è tenuto a rispondere solo per il denaro di Washington. Alcune persone capaci di emettere editti sono sul libro paga di Washington.

Gli interi popoli d’Europa sono servi di Washington. Pertanto, se gli europei rimangono i popoli creduloni, indifferenti e stupidi che attualmente sono, verranno condannati, assieme al resto di noi. D’altra parte, se i popoli europei saranno in grado di rinsavire, di liberarsi dalla Matrix che Washington ha imposto su di loro, e di rivoltarsi contro gli agenti di Washington che li controllano, i popoli europei potranno salvare la propria vita e la vita di tutti noi.

Dr. Paul Craig Roberts è stato Assistente Segretario del Tesoro per la Politica economica e editore associato del Wall Street Journal. E’ stato editorialista di Business Week, Scripps Howard News Service, e Creators Syndicate. Ha ottenuto numerosi riconoscimenti universitari. Le sue colonne su internet hanno attirato lettori da tutto il mondo. I suoi ultimi libri sono : The Failure of Laissez Faire Capitalism and Economic Dissolution of the West , How America Was Lost, e The Neoconservative Threat to World Order.

Fonte: http://www.paulcraigroberts.org

Link: http://www.paulcraigroberts.org/2016/07/27/is-europe-doomed-by-vassalage-to-washington-paul-craig-roberts/

by DORF

PORTELLO
Scritto il 6 agosto 2016 at 20:48

Beh Dorf a me in banca in Europa mi fanno firmate un documento americano dove dichiaro che non sono cittadini americano e che non ho interessi in america…in quel momento il bancario e’ dipendente dello stato americano e mi fa capire che l’ europa e’ una colonia americana…

Mannaggia a loro e all loro politica che sta distruggendo l’ Europa

Andate a vedere cosa diceva un certo Gustavo Rol su come sara’ la popolazione italiana nel 2030…

Presto emigreremo noi…

gaiagreta
Scritto il 6 agosto 2016 at 22:12

Veramente grazie Dorf per questa sintesi.Se a volte riesco ad avere ancora un po di fiducia in un lontanissssssimo futuro e’ grazie al fatto che vedo esistere persone come te ,il capitano ed altri grandi che contribuiscono in questo magnifico blog.Penso sia importante ricordare le dinamiche macro che stanno alla base delle politiche che ci hanno portato all’attuale situazione,e’ la consapevolezza riguardo cio l’unica vera arma efficace per cambiare qualcosa .Non mi illudo in questa vita di vedere “spiragli di luce” la mia speranza e’ proiettata ormai verso le generazioni future verso le quali abbiamo grandi responsabilita.
dor­f001@fi­nan­za,

perplessa
Scritto il 7 agosto 2016 at 01:59

si possono deruberare solo le casse dell’inps, dll’inpdap, dell’inail e dei coglioni, dei professionisti no. chiedilo ai giornalisti se vogliono mettere qualcosa?

stanziale
Scritto il 7 agosto 2016 at 16:18

perplessa@finanza,

Il governo ha fatto marcia indietro , hanno bisogno di quelle schiene curve dei pennivendoli onde continuare a propagandare le frottole, di cui ai commenti di Magro e Dorf. Ecco dove la Cia ha stabilito il proprio quartier generale!

aorlansky60
Scritto il 8 agosto 2016 at 08:35

@ Dorf

ben fatto !
:-)

Sarebbe auspicabile che il parco buio italiano (ma non solo, anche quello francese spagnolo etc etc), anzichè leggere le vaccate somministrate loro appositamente dal sistema sotto forma di settimanali rosa e quotidiani collusi e altrettanto corrotti dai propri editori a loro volta collusi col sistema, leggesse attentamente quanto hai postato;

dopo di che, se gli è rimasto un pochino di materia grigia nel cervello, cercasse di farlo funzionare finalmente.
Chissà che non gli si apprirebbe la mente. Chissà che finalmente iniziassero a comprendere l’evoluzione della Storia nella sua unica verità, quella che ha portato i padroni(USA) e i servi(Europa), nei rispettivi ruoli, dalla fine della II WW per gli ultimi 70 anni.

Scartata l’ipotesi “rivoluzione” (i popoli europei resi così molli e flacidi, e per di più invecchiati nel frattempo, non hanno secondo me la forza e la determinazione per ink….si tutti insieme per muovere uniti e mettere a ferro e fuoco la Torre, come essa meriterebbe di finire, comprese naturalmente le persone che vi dimorano e dettano legge…)

dicevo scartata l’ipotesi “rivoluzione” non rimane che un arma, l’unica che il sistema ci ha ancora lasciato (stranamente… ma possono sempre truccare gli esiti del voto, a proprio comodo, e non sarebbe la prima volta… comunque, l’esito uscito dalle urne Inglesi lascia ben sperare, non tutto è perduto), e cioè IL VOTO a cominciare da quello del prox referendum Costituzionale.

l’ho già detto : da lì si capirà se c’è ancora speranza, o se “il popolo italiano deciderà di porgere l’altra chiappa” definitivamente, con l’intero pacchetto a corredo…

dorf001
Scritto il 8 agosto 2016 at 20:13

aor­lan­sky60,

guarda aorlansky non è poi cosi’ difficile leggere. bisogna vedere se la ggennnte ha la volontà di farlo e di voler sapere le cose fino in fondo.
Io sono 12 anni che mi informo. prima Non sapevo, ora so molte cose più di allora.
ho cominciato con la mega truffa del signoraggio monetario. ho letto moltissimo su AURITI. Quello si che è un eroe nazionale. quello ha denunciato tutti quelli che se lo meritavano. poi è passato all’azione. dalla teoria alla pratica. ha studiato x 40 anni e ha scoperto la teoria del valore indotto. poi c’è gente falsa come wikipedia che lo prende in giro. ecco dove và l’informazione. il ministero della verità di ORWELL.
agli italiani direi di leggere il sito comedonchisciotte e ne saprebbero di cose. ahh questo diverse volte posta roba di MAZZALAI.

e sono in vena di regali. e ti/vi scrivo : IL MOTIVO PER CUI HILLARY CLINTON NON PERMETTERA’ CHE I SUOI DISCORSI VENGANO PUBBLICATI

DI ERICH ZUESSE

globalresearch.ca

In un precedente articolo, avevo parlato del “Perché i Discorsi a Pagamento di Hillary Clinton Sono Rilevanti”, ma non del contenuto di tali articoli. Il presente report si occupa invece del loro contenuto.

Un discorso, in particolare, sarà citato ad esempio, per mostrare il genere di argomentazioni contenute in tutti i discorsi della Clinton alle corporation, che lei non vuole rendere noti al grande pubblico

Si tratta del discorso tenuto Mercoledì, 25 giugno 2014 a San Diego nel giorno di apertura della convention annuale dell’Organizzazione per l’industria Biotech (BIO), una società di lobbying con sede a Washington. L’annuncio ai partecipanti riportava “la sessione di Mercoledì è sponsorizzata dalla Genentech, ed è riservata ai soli partecipanti muniti di badges di Accesso Convention&Partnering. I posti sono limitati”. Tuttavia in qualche modo, non solo il reporter di un giornale locale, il Times di San Diego, è riuscito a infiltrars, ma un partecipante è riuscito anche a girare un video col telefono dell’intervista che il CEO della BIO ha fatto alla Clinton, ben 50 minuti dell’ora e mezza in totale riservatole.

Il Times di San Diego dava un eccellente sintesi delle sue dichiarazioni, titolando quel giorno ” Hillary Clinton sostiene le imprese Biotech, supportando gli OGM e l’aiuto del Governo Federale”. Eccone i punti salienti:

Era grasso colante per la base biotech. Hillary Rodham Clinton, in una apparizione di 65 minuti alla BIO International Convention lo scorso Mercoledì, si è espressa a favore degli organismi geneticamente modificati e di eventuali sussidi federali. …

“Forse c’è un modo per sostenere un gruppo rappresentativo di attori al tavolo” per discutere di come il governo federale potrebbe aiutare la biotech con “un’assicurazione contro il rischio”, ha detto.

Senza tali sovvenzioni, ha detto, “questa sarà una sfida crescente.” …

Ha affermato che il dibattito sugli OGM potrebbe essere indirizzato a favore dell’ industria biotech se i benefici fossero spiegati meglio, notando che le raffigurazioni “Frankensteiniane” potrebbero essere combattute con argomentazioni positive.

“Io sono a favore dell’utilizzo di semi e prodotti che abbiano una comprovata esperienza d’uso”, ha detto [al minuto 29:00 del video postato qui], citando dei semi resistenti alla siccità che sostenne durante il suo mandato da Segretario di Stato. “C’è un enorme divario tra i fatti e la percezione degli stessi .” [anche questa al 29:00] …

Qualche minuto prima il governatore Jerry Brown aveva fatto un discorso travolgente di 3 minuti alle aziende per presentare la California come Biotech- Friendly

“Sei nel posto giusto.” …

Brown aveva avuto una certa concorrenza per accaparrarsi la simpatia delle imprese biotech con il governatore della Virginia Terry McAuliffe, un alleato di lunga data Clinton, anch’egli impegnato attivamente a promuovere il proprio stato come favorevole alle imprese biotech. …

[La Clinton ha avuto] una standing ovation all’inizio e alla fine del suo discorso.

In altre parole, la Clinton da presidente si impegnerebbe a firmare una legge per fornire sussidi dai contribuenti degli Stati Uniti alla Monsanto e ad altre aziende biotech, per sostenere le loro attività di pubbliche relazioni e di lobbying volte ad eliminare quello che definisce “un enorme divario tra i fatti e le percezioni “riguardo i semi geneticamente modificati ed altri OGM. Di conseguenza si ignorano tutte le prove che cominciarono ad essere pubblicate su riviste scientifiche fin dal 2012 che dimostrano come la Monsanto e altre aziende OGM pubblicano studi che presumono l’innocuità dei loro prodotti, mentre escludono selettivamente la pubblicazione di quelli che, sulla base di una migliore metodologia , mostrano la loro pericolosità.

La Clinton vuole che i contribuenti degli Stati Uniti sostengano le imprese OGM nella loro propaganda basata sui propri studi taroccati finanziati dal settore OGM, che ignora gli studi che essi si rifiutano di far pubblicare, ovvero vuole che i consumatori americani finanzino il loro stesso avvelenamento da parte di imprese che mentendo incamerarono profitti a loro spese.

La sua tesi a riguardo, dal minuto 27:00 al 30:00 della video-intervista di 50 minuti, inizia con la sua citazione sulla disinformazione corrente ( propagandata dalle industrie dei combustibili fossili, che in realtà appoggiano la sua campagna presidenziale) che fa si che il pubblico americano rifiuti l’idea che gli esseri umani siano la causa del riscaldamento globale. Al minuto 27:38, afferma che “il 98% degli scienziati in tutto il mondo concordano sul fatto che l’uomo abbia causato il problema” del riscaldamento globale, e che il motivo per cui vi è una forte resistenza del pubblico sugli OGM è lo stesso per cui esiste un’efficace resistenza pubblica al fatto che il riscaldamento globale sia una realtà che deve essere affrontata attivamente: gli americani non conoscerebbero le conclusioni della scienza in materia.

Ha ricevuto numerosi applausi dall’audience pro-OGM per aver fatto questa falsa analogia che è in realtà una menzogna. Il 15 maggio 2013, il meta-studio definitivo, che ha esaminato gli 11.944 studi pubblicati in relazione alla questione del riscaldamento globale e alle sue cause, ha riportato che “il 97,1% degli stessi comprovava che gli esseri umani stanno causando il riscaldamento globale. “il meta-studio si intitolava” Quantificare il Consenso sull’origine Antropologica del Riscaldamento Globale nella Letteratura Scientifica”. Quindi, il numero della Clinton “98%” è solo dello 0,9% più alto delle dimensioni effettive del consenso scientifico.

Tuttavia, l’inganno è nella sua implicazione che il rifiuto da parte del pubblico delle conclusioni di quel 97,1% di esperti sul riscaldamento globale, sia del tutto analogo al rifiuto delle conclusioni false degli esperti dell’industria Biotech sul fatto che gli OGM siano sicuri. La realtà è l’esatto opposto: Le industrie di combustibili fossili hanno finanziato la propaganda per ‘screditare’ il parere degli scienziati sul riscaldamento globale, proprio come le industrie OGM hanno finanziato l’inganno del pubblico a pensare che gli scienziati considerano gli OGM sicuri.

Infatti, come è stato riportato dalla rivista Scientific American, il 23 dicembre 2013 “Soldi sporchi finanziano gli sforzi per negare la responsabilità sul cambiamento climatico” un articolo che sintetizzava uno studio dalla rivista Climate Change intitolato “Istituzionalizzare il ritardo: il finanziamento della fondazione e la creazione di organizzazioni contro i cambiamenti climatici negli Stati Uniti”:

“Dal 2003 al 2007, le Fondazioni Affiliate Koch e la Fondazione ExxonMobil furono pesantemente coinvolti nel finanziamento delle organizzazione CCCM [Movimento contro i Cambiamenti Climatici]. Ma dal 2008, non vi sono più contributi riconducibili a tali organizzazioni . Adesso, i fondi fluiscono da [due] fonti irrintracciabili [entrambi istituiti dalla Koch: Donors Trust e Donors Capital Fund]. ”

Il 23 aprile 2016, Politico intitolava “Charles Koch: E’ possibile, la Clinton è preferibile a un candidato repubblicano per la presidenza”. Ma questo non è l’unico indizio che Hillary sta semplicemente fingendo di essere loro antagonista. Il 24 febbraio 2016, ho pubblicato un articolo intitolato “Le prove di Hillary Clinton a supporto del Global Warning” in cui feci riferimento a vari articoli, tra i quali quello del Il 17 luglio 2015 apparso sull’Huffington Post in cui Paul Blumenthal e Kate Sheppard affermavano, “I più grandi sostenitori della campagna di Hillary Clinton sono i lobbisti del combustibile fossile” e sottotitolava I migliori ‘finanziatori della campagna di Clinton sono legati alle aziende del Big Oil, del gas naturale e al gasdotto Keystone.'”

In altre parole, gli stessi lobbisti pro-OGM che applaudono Hillary per aver avvallato verbalmente la scienza che afferma il riscaldamento globale, la acclamano contemporaneamente anche per aver confermato la proprio falsa ‘scienza’, che afferma l’innocuità degli OGM. Amano la sua bugia, che li associa per analogia a quel 97,1% di autentici scienziati che sostengono che il riscaldamento globale esiste ed è causato dalle emissioni di gas serra da parte degli esseri umani.

Inoltre, la Clinton ha espresso l’auspicio che “il governo federale possa aiutare le imprese biotech con un’ assicurazione contro il rischio”, sostenendo che “Senza tali sovvenzioni questa sarà una sfida crescente”, perché in caso contrario, le aziende biotech potrebbero andare in bancarotta a causa di azioni legali da parte dei consumatori eventualmente avvelenati dai loro prodotti. La Clinton vuole che siano i consumatori e non i produttori a sostenere il rischio derivante da tali prodotti e il rischio associato agli studi falsificati sulla loro sicurezza.

In altre parole, il motivo per cui Hillary Clinton non permetterà la pubblicazione dei 91 discorsi aziendali, per la quale ha incassato $ 21.667.000 è la sua reverenza politica nei confronti di tali aziende. Ogni gruppo di lobbisti è felice di applaudire a queste sue menzogna, indipendentemente dal fatto che siano insulti contro un altro gruppo di lobbisti, al quale potrebbe benissimo raccontare bugie simili durante un’altra di queste convention annuali.

In altre parole lei sta dicendo a tutti collettivamente: Voi siete il tipo di persone che voglio sostenere, e il pubblico che vi disprezza è semplicemente ingannato. Ma in qualità di Presidente io lo indirizzerò sulla giusta via e farò in modo che finisca per pagare una parte dei disegni di legge proposti dalla mia Amministrazione al fine di “istruirlo” su tali questioni, nonché una parte del conto delle cause intentate contro le corporation per la responsabilità dei loro prodotti.

Il motivo per cui Clinton non vuole che quei discorsi vengano pubblicati è che lei non desidera che gli elettori sappiano che ha intenzione di usare i loro soldi per fare propaganda a beneficio delle società biotech, e per proteggere quelle società dalla responsabilità per i danni che i loro prodotti causano al pubblico.

Questo è chiamato (dai propagandisti) “capitalismo” e “democrazia”. Mussolini, con orgoglio, lo definì a volte “il fascismo”, e talvolta “corporativismo”. Ma comunque lo si voglia chiamare, questo è quello che lei sostiene e quello che lei rappresenta per le persone che la pagano. La maggior parte dei suoi elettori troverebbero tutto ciò ripugnante, se ne venisse a conoscenza. Per questo motivo non può permettere che la gente sappia.

Lo storico investigativo Eric Zuesse è autore del recente “They’re Not Even Close: The Democratic vs. Republican Economic Records, 1910-2010” [“Nemmeno vicini: confronto tra i dati economici democratici e repubblicani, 1910-2010”, N.d.t.] e di “CHRIST’S VENTRILOQUISTS: The Event that Created Christianity” [“I ventriloqui di Cristo: gli eventi che hanno creato la Cristianità”, N.d.t].

Titolo Originale: Why Hillary Clinton Won’t Allow Her Corporate Speeches to be Published

Link

6.07.2016
ahh come mai i signori della rai tv non ti dicono queste cose? codardi? ma non dovevano essere i cani da guardia del sistema? sono solo cani da riporto neh!!!

e poi ti chiedi come mai siamo all’82 al mondo come informazione? al livello del burundi? roba da quarto mondo. e in più ti fanno pagare 100€ per questa immondizia.

by DORF

perplessa
Scritto il 10 agosto 2016 at 00:54

secondo mercato libero le quotazioni delle banche dovrebbero raddoppiare per via di atlante

aorlansky60
Scritto il 10 agosto 2016 at 08:40

@ Perplessa

secondo me è ancora troppo presto per valutare la portata di Atlante2 sulle banche italiane -o per meglio dire sui loro crediti in via di decomposizione, aka NPL- anche perchè l’operazione salvataggio di MPS, destinata a fare da esempio per tutto il resto del comparto italiano in sofferenza, è ancora densa di incognite (rischio di inoptato ancora alto da qui al termine dell’operazione, secondo la maggiorparte degli analisti, cosa che non potrebbe che far scattare le procedure prestabilite -bail in- se alla fine si vuole mantenere in vita questa carcassa di morto vivente che di nome fà “MPS”) nonostante che la propaganda di regime pd l’abbia già venduta come UN GRANDE SUCCESSO all’intero parco buoi nazionale… beata ingenuità…

Le sofferenze bancarie italiane sono stimate a 360 miliardi di Euro

la sola MPS detiene un buco (CERTO, non stimato) di 45 miliardi netti, a fronte di un attuale capitalizzazione al di sotto del miliardo;

Atlante2 possiede una potenza di fuoco pari a 1,75 miliardi, insufficiente anche per la sola MPS;

renzino stà raschiando oltre il fondo del barile, cercando di coinvolgere nell’operazione di salvataggio chiunque detenga forte liquidità sul panorama italiano: tra costoro, i gestori delle casse previdenziali degli ordini professionali si stanno già defilando uno dopo l’altro, dopo avere subodorato la fregatura potenziale;

a renzino non è rimasto che andare a bussare alla porta dei lupi.

I lupi delle tundre estere -di razza JPMorgan, CitiGroup, BoA e Goldman- conoscono bene i dettagli di tutta l’operazione COMPRESI I COSTI ACCESSORI di cui beneficerebbero, infatti stanno già brindando all’idea dei costi dei servizi che MPS (e con lei l’italia) dovrà riconoscere a questi quattro affinchè la tengano in vita oltre allo stato di zombie vivente che è attualmente, questa per il momento E’ L’UNICA COSA CERTA della vicenda.

In una situazione di mercato SERIO, e in un sistema SERIO, MPS dovrebbe essere lasciata al suo destino e fatta saltare con a seguito la Magistratura incaricata di far luce sulle [molte] responsabilità che hanno concorso a ridurre questa banca allo stato attuale, responsabilità che alla fine sono riconducibili a precise scelte operate da PERSONE FISICHE (e non dallo Spirito Santo o da una delle legioni di satana)

il fatto è che [purtroppo] ci ritroviamo a vivere in tempi ridicoli, con un mercato altrettanto ridicolo e un sistema ancora più ridicolo.

Per di più, il nostro è sempre stato un sistema fortemente autoreferenziale e altamente autoprotettivo, nella più classica della filosofia GARANTISTA : in italia nessuno paga per responsabilità forti, si preferisce fare pagare a tutta la collettività, questa è storia.

rubicon
Scritto il 10 agosto 2016 at 14:49

DB HAS MASSIVE CAPITAL SHORTFALL, MORE THAN IT’S MARKET CAP – anche i tedeschi iniziano a rompere il velo di Maja….!!!

http://www.zerohedge.com/news/2016-08-10/deutsche-bank-unexpectedly-found-have-massive-capital-gap-larger-its-entire-market-c

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Se vi domandate come mai la borsa USA continua ad essere fortissima, soprattutto se confrontiamo
Ftse Mib: l'indice italiano tenta in apertura il superamento dei 20.500 punti. Importante la chiusur
Inutile nascondersi dietro un dito. Per gli investitori, la tragedia del Ponte Morandi di Genova
Che vi dicevo, non passa neanche una settimana dalla benedizione del dollaro forte che il nostro
Si delinea sempre più forte il decoupling tra l'andamento della borsa USA e quello degli altri li
Analisi Tecnica Si conferma la rottura ribassista del trading range. L'accelerazione al ribasso
DJI Giornaliero Buonasera, eccoci di nuovo con l’analisi sullo storico indice americano.
Stoxx Giornaliero Buongiorno, per una manciata di punti non si è materializzato lo swing inc
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Che si iniziasse a sentire “odore di bruciato” ve l’avevo segnalato già una vita fa. Ripren