HAPPY NEW YEAR AMERICA!

Scritto il alle 14:30 da icebergfinanza

Meglio di così non poteva finire il leggendario 2015 dell’economia americana…

http://icebergfinanza.finanza.com/files/2016/01/20151231_chipmi.jpg

Thanks to Zero Hedge.

Usa: tonfo Chicago Pmi a dicembre sui minimi del luglio 2009

Un indicatore della salute del settore manifatturiero nell’area di Chicago ha profondamento deluso, cosa che potrebbe segnalare un andamento altrettanto debole su scala nazionale. Il Chicago Pmi è sceso a 42,9 punti dai 48,7 di novembre. Si tratta dei minimi del 4 luglio del 2009. Le attese erano per un dato a quota 49,5. Una discesa sotto quota 50 – registrata sette volte su 12 quest’anno – indica una contrazione dell’attività economica. (America 24)

Nessuna paura, si tratta solo del crollo del più importante settore manifatturiero d’America e ogni qualvolta scende a questi livelli la recessione è certa al 101 %.

Francamente sono davvero preoccupato, soprattutto ora che in America sono mesi che non nevica, come faranno i nostri eroi ora a giustificare una simile performance dell’economia americana?

Anche l’indice più rappresentativo del sogno americano S&P500 è riuscito a concludere l’anno per la prima volta dal lontano 2011 in negativo dello 0,73 %, ovvero 12 mesi trascorsi nel nulla. Ma certo il nostro indice invece a fatto meraviglie, lasciamo perdere, parliamo d’altro!

Non solo, anche se non è una sorpresa, pure l’indice manifatturiero di Dallas è tornato a collassare insieme all’industria estrattiva…

United States Dallas Fed Manufacturing Index

Vediamo se le recenti vicende relative all’esplosione di nuove  tensioni nell’area mediorientale tra l’Iran e l’Arabia Saudita, sono in grado di far risollevare il morale ai prezzi del petrolio.

Ovviamente si tratta solo del Texas, mentre in tutta l’America le cose procedono a meraviglia…

United States Industrial Production

Oggi uscirà l’indice manifatturiero ISM si quello che esce sempre positivo, quando la somma dei singoli indici manifatturieri regionali sono negativi, miracoli della statistica americani.

Scherzi a parte, ma non più di tanto, loro si aspettano un dato in ripresa, vedremo cosa uscirà dalla lotteria americana. Questa è la settimana più interessante di inizio 2016, con l’uscita dei dati del settore ISM servizi, la spesa per le costruzioni, l’andamento dell’occupazione privata e pubblica.

L’anno che verrà, come abbiamo visto insieme a Machiavelli sarà un anno di grandi opportunità, ma solo al momento giusto.

La nostra principale bussola resta sempre il mercato obbligazionario e sua Maestà, mister Greenback, che come potete osservare qui sotto da tempo a sposato Miss Deflation…

Loro invece i grandi investitori, si quelli che all’inizio dell’anno vi dicono quello che NON faranno, si loro secondo il Sole24Ore… ” Le opinioni favorevoli, intuibili dall’andamento dei mercati negli ultimi mesi, confluiscono in gran parte sulle azioni europee (in particolare su quelle italiane), sulle azioni giapponesi e sulle obbligazioni societarie, con una predilezione per quelle statunitensi «high-yield», cioè ad alto rendimento.”

Non date retta a queste notizie

Default danger for US high yield in 2016

 

high yield issuance, returns

Ovviamente dopo aver previsto la fine del mercato obbligazionario soprattutto sovrano per ben sei volte negli ultimi sei anni, loro ci riprovano…

” Ma è la parte obbligazionaria dei portafogli a mettere a dura prova le abilità degli operatori e la tolleranza al rischio dei compratori finali. Quella obbligazionaria è una gestione difficile da tempo, da quando i tassi di interesse si sono abbassati a livelli tali da sfidare la convenienza, ma adesso i margini di guadagno sono davvero risicati e il rialzo dei tassi Usa lavora nella direzione della correzione dei prezzi.”

Quella obbligazionaria è una gestione difficile da tempo? Certo, certo…difficilissima ;-)

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’ oceano infinito di questa tempesta perfetta …Chiunque volesse ricevere le ultime analisi di Machiavelli può liberamente contribuire al nostro viaggio

cliccando qui sopra …

o sul banner in cima al blog o sul lato destro della pagina. Semplicemente Grazie

Immagine

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (14 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +11 (from 13 votes)
HAPPY NEW YEAR AMERICA!, 10.0 out of 10 based on 14 ratings
7 commenti Commenta
luigiza
Scritto il 4 gennaio 2016 at 20:20


Francamente sono davvero preoccupato, soprattutto ora che in America sono mesi che non nevica, come faranno i nostri eroi ora a giustificare una simile performance dell’economia americana?

Beh ci sono state grosse inondazioni nel Missouri, i fiumi Mississippi, Meramec e Missouri sono esondati di brutto ed hanno messo sott’acqua grandi estensioni di territorio.
Una giustificazione c’é, magari tu non te la bevi ma Mario Platero di Radio24 sicuramente.

icebergfinanza
Scritto il 4 gennaio 2016 at 22:17

luigiza@finanza,

No dai non dirmi che ha tirato fuori le alluvioni… Povero Mario tra lui e Barisoni fanno 24 ore di risate!

emzag
Scritto il 5 gennaio 2016 at 03:16

Quando non nevica la gente compra meno cappotti e attrezzatura da sci. Bisogna tenerne conto.

emzag
Scritto il 5 gennaio 2016 at 03:19

Una domanda se possibile. Se uno si volesse tutelare non dovrebbe comprare titoli di stato americani che garantiscono la restituzione della somma e che a medio termine consentirebbero un guadagno sul cambio?

emzag
Scritto il 5 gennaio 2016 at 03:20

emzag@finanza:
Quando non nevica la gente compra meno cappotti e attrezzatura da sci. Bisogna tenerne conto.

Ehm…a scanso di equivoci…è ironico…

madmax
Scritto il 5 gennaio 2016 at 08:10

emzag@finanza,

Se uno si volesse tutelare non dovrebbe comprare titoli di stato americani che garantiscono la restituzione della somma…pure questo era ironico?

Nei prossimi 4 anni vanno in scadenza titoli US per il 58% del totale del debito pubblico, auguri a rinnovarli e a trovare compratori !

Qualcuno mi diceva che avrebbero stampato e stampato ma ricordo che dal 2007 la FED ha smesso di pubblicare la massa moneria M3 ovvero quanto
Denaro hanno messo in circolazione strano vero :)

rubicon
Scritto il 5 gennaio 2016 at 16:07

gran bella dicotomia, oggi è la nostra cruda realtà! Stiamo assistendo a chiari, inequivocabili campanelli d’allarme e tutto rimane fermo…. O è rimasto fermo perché da fine novembre le cose sono cambiate ed ora il gioco inizia a farsi duro… stiamo rivivendo gli inizi del 2008… pari passu… Con la gravità che ora le armi convenzionali sono state tutte quante usate ed ora non restano che le altre…
Andrea ci sta descrivendo la situazione americana lucidamente, personalmente mi sto divertendo a guardare i cugini canadesi pronti per un bel 2008 remake.
Ormai, siamo in un’economia in cui siamo tutti Ponzi units e pertanto l’instabilità finanziaria dominerà… il gioco si fa duro….

Soluzioni? uhmmm…. c’è una grande buco, i debiti, ed una montagna, i ns risparmi, che guarda caso si equivalgono… perché non provare a coprire la buca, con la terra della montagna…???

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
FTSEMIB scende a picco con le banche italiane in crisi, spread BTP Bund che buca area 200 punti. F
Continua il successo delle Obbligazioni Collezione di Banca IMI. L’investment bank del Gruppo In
Abbiamo più volte scritto che la prossima crisi, la scintilla della prossima crisi arriverà da
Apertura debole per Piazza Affari con il Ftse Mib che si muove sotto 22.800. Dal punto di vista tecn
Chi ci segue da tempo sa che le dinamiche del mercato immobiliare in genere, sono lente ad evide
Nei suoi rapporto sulle pensioni, l’ Ocse, nella parte relativa ai fondi pensione (private pension
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Un rapido flash che merita un po’ di attenzione proprio in questo momento di “potenziale cam
Ftse Mib: l'indice italiano dà primi segnali di assestamento dopo la forte correzione dei giorni sc