AMERICA EUROPA: LA QUIETE PRIMA DELLA TEMPESTA?

Scritto il alle 10:00 da icebergfinanza

Immagine

In un mondo nel quale ormai l’andamento dell’economia reale non conta più nulla e conta solo quello che diranno i banchieri centrali Draghi o Yellen non importa non stupitevi se in giro sistematicamente osservate schizofrenia pura…

DoE, scorte settimanali petrolio +8,028 mln brl, a 476,587 mln

Nella settimana conclusa il 16 ottobre le scorte di petrolio negli Stati Uniti sono cresciute di 8,028 milioni di unità a 476,578 milioni, mentre gli analisti attendevano un rialzo di 3,5 milioni di barili, dopo l’aumento di 7,56 milioni di unità precedente.America24

Petrolio, l’Opec mette fuori gioco gli Usa. Ma a caro prezzo

Come sottolinea un’analisi di Bloomberg, infatti, la strategia del cartello di non tagliare la produzione, nonostante la picchiata dei prezzi, è sull’orlo di soffocare l’estrazione a stelle e strisce: come mostra chiaramente il grafico della produzione Usa, si è tornati ai livelli dello scorso novembre, quando l’Opec decise di cambiare strategia e di difendere la sua quota di mercato, a danno degli americani, piuttosto che tagliare la produzione di barili per difendere il prezzo.

Petrolio, l'Opec mette fuori gioco gli Usa. Ma a caro prezzo

 

Peccato che siamo solo all’inizio di una dinamica che ora dovrà fare i conti con la frenata dell’economia mondiale, in attesa dell’ultimo coniglio bianco in uscita dal cilindro delle banche centrali.

Oggi uscirà la trimestrale di Caterpillar che insieme a General Electric solitamente è la cartina tornasole della salute dell’economiamanifatturiera mondiale. Sino ad ora le trimestrali sono uscite mediamente ben sotto le aspettative

Un anticipo lo avevamo avuto alla fine di settembre Caterpillar job cuts: Bad news for the global economy

Caterpillar sotto pressione: taglia le stime sui ricavi per l’anno

Oggi Caterpillar renderà noti i risultati trimestrali noi già sappiamo che gli analisti interpellati da Thomson Reuters si attendono un crollo di oltre il 17 % delle vendite e uno del 55% dei profitti rispetto ai risultati dello scorso anno.

La domanda alla fine sarà sempre la stessa, ovvero se i risultati di Caterpillar sono il canarino nella miniera della prossima recessione mondiale.

Risultati deludenti che non fanno altro che riflettere un calo degli investimenti pubblici in infrastriutture e della spesa nelle costruzioni in quasi tutte le aree geografiche mondiali. Occhi quindi puntati sulle aspettative per i prossimi mesi.

Qui sotto l’evidenza è chiara, 34 mesi consecutivi di calo nelle vendite e 11 mesi di calo a due cifre!

Thanks to Zero Hedge

Per il momento non fanno altro che riflettere il “new normal” ovvero una fase di crescita stagnante che per alcune realtà come Brasile, Russia e Canada significa già recessione.

Oggi arriverà Mago Draghi e non potrà fare altro che constatare il fallimento del QE rispetto alle prospettive di inflazione, l’Europa sta di nuovo puntando verso la deflazione.

In America e credo anche in Europa sta montando, come abbiamo visto AMERICA: NEGATIVE RATES IN NEXT CRISIS … il dibattito sui tassi negativi.

L’esperienza svedese però insegna che …I tassi d’interesse negativi fanno male alle banche svedesi

I tassi negativi stanno mettendo sotto scacco le banche svedesi, che hanno registrato utili in picchiata nel terzo trimestre a causa della politica monetaria decisa all’inizio del 2015 dall’istituto centrale di Stoccolma. Un problema che la Fed dovrà affrontare la settimana prossima, quando dovrà esprimersi di nuovo sul costo del denaro negli Usa.

Chissà cosa riuscirà a tirare fuori dal suo cilindro Draghi oggi pomeriggio, nessuna illusione, ma la schizofrenia è assicurata sui mercati, valute, bond e azionario faranno festa. In quale direzione però non si sa!

Draghi: “La Bce non può risolvere ogni problema”

Il mestiere del banchiere centrale si fa difficile. I tempi in cui bastava una frase per cambiare il corso degli eventi sono ormai lontani. «Faremo tutto ciò che è necessario» diceva Mario Draghi nel 2012, quando i mercati ancora non avevano assorbito le conseguenze della crisi finanziaria e c’era bisogno di ristabilire la fiducia nella bistrattata zona euro. A tre anni di distanza il governatore della Banca centrale europea è costretto ad ammettere che «non si può fare qualunque cosa» per sollevare l’area della moneta unica dalla deflazione.

«Ci sono ancora rischi al ribasso per l’inflazione, siamo pronti in qualunque momento a qualunque azione».  

Basterà? Ai posteri l’ardua sentenza!

Immaginatevi l’azione combinata di Draghi che oggi annuncia l’ampliamento del quantitative easing sia in termini numerici che temporali e la Yellen che dichiara che alzerà i tassi a dicembre. Io non ci credo…

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’ oceano infinito di questa tempesta perfetta …Chiunque volesse ricevere le ultime analisi di Machiavelli può liberamente contribuire al nostro viaggio

cliccando qui sopra …

o sul banner in cima al blog o sul lato destro della pagina. Semplicemente Grazie.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (14 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +11 (from 13 votes)
AMERICA EUROPA: LA QUIETE PRIMA DELLA TEMPESTA?, 10.0 out of 10 based on 14 ratings
7 commenti Commenta
kry
Scritto il 22 ottobre 2015 at 10:51

AMERICA EUROPA: LA QUIETE PRIMA DELLA TEMPESTA?

Che fine ha fatto OTTOBRE ROSSO?

Le scorte di petrolio sono cresciute con produzione nazionale in calo , quindi dovrebbero essere cresciute le importazioni andando ad aggravare la positività del pil

Caterpiller darà risultati globali negativi
McDonald anche
Walmart pure

le banche dal terzo trimestre non ripeteranno gli utili dei precedenti trimestri grazie alla plusvalenza sui titoli di stato.

Le aziende investono con i licenziamenti … e buyback

passi OTTOBRE ROSSO

poi arriva

NOVEMBRE

il mese dei morti … a no si festeggia HALLOWEEN.

kry
Scritto il 22 ottobre 2015 at 11:32

C’è posta per l’ottimista di Renzi.

http://www.istat.it/it/archivio/171361

Chissa perchè non vedo mai i risultati trasformarsi in una discesa dei tassi sul nostro debito pubblico.

Vabbhe aspettiamo Mago Droghi.

Chipuòdirlo
Scritto il 22 ottobre 2015 at 13:18

kry@finanza,

Per la serie che la svalutazione porta solo guai (alla faccia di chi lo diceva a proposto di una Lira 2.0).
Poi vabbè si parla di extra-ue e non di extra euro, ma più e meno ci sono poche differenze.

icebergfinanza
Scritto il 22 ottobre 2015 at 19:31

Questa è una di quelle giornate da festeggiare per gli amici di Machiavelli treasuries e dollari che vanno insieme in un’unica direzione … A Nord! ;-)

kry
Scritto il 22 ottobre 2015 at 20:49

icebergfinanza:
Questa è una di quelle giornate da festeggiare per gli amici di Machiavelli treasuries e dollari che vanno insieme in un’unica direzione … A Nord!

E dopo aver scritto alle 11:32

Chissa perchè non vedo mai i risultati trasformarsi in una discesa dei tassi sul nostro debito pubblico.

Vabbhe aspettiamo Mago Droghi.

Stasera vedo lo spread sotto 100

domando, cosa potrei scrivere domani per vedere 90.

neodimio67
Scritto il 23 ottobre 2015 at 05:38

icebergfinanza,

Machiavelli funge da ansiolitico e rafforza la mia lungimiranza.. Non ci sono parole per esprimere ringraziamenti. Finalmente le creature a braccetto nella medesima direzione.. che giornata, davvvero! Solo per l’Au non gli do retta ma è solo per mia debolezza, al cuor non si comanda..

silvio66
Scritto il 23 ottobre 2015 at 12:10

icebergfinanza,

…e riflessi immediati e poderosi sui correlati..certo una rondine non fa primavera ma il segnale e’ molto forte. Per ora ci teniamo questa splendida giornata. Sara’ come sempre e’ stato ossia improvviso inaspettato e repentino. Noi attendiamo fiduciosi e se abbiamo ragione vedremo nuovi massimi.
Buona giornata a tutte/i

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Se vi domandate come mai la borsa USA continua ad essere fortissima, soprattutto se confrontiamo
Ftse Mib: l'indice italiano tenta in apertura il superamento dei 20.500 punti. Importante la chiusur
Inutile nascondersi dietro un dito. Per gli investitori, la tragedia del Ponte Morandi di Genova
Che vi dicevo, non passa neanche una settimana dalla benedizione del dollaro forte che il nostro
Si delinea sempre più forte il decoupling tra l'andamento della borsa USA e quello degli altri li
Analisi Tecnica Si conferma la rottura ribassista del trading range. L'accelerazione al ribasso
DJI Giornaliero Buonasera, eccoci di nuovo con l’analisi sullo storico indice americano.
Stoxx Giornaliero Buongiorno, per una manciata di punti non si è materializzato lo swing inc
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Che si iniziasse a sentire “odore di bruciato” ve l’avevo segnalato già una vita fa. Ripren