“CORPORATE DEMOCRACY” IL SEQUESTRO DELLE NAZIONI

Scritto il alle 15:00 da icebergfinanza

Credo che alle volte un’immagine valga più di mille parole!

Immagine

Riguardate attentamente il disegno qui sopra cliccateci sopra se non lo vedete abbastanza, questo è quanto è accaduto negli ultimi decenni ed è quello che sta accadendo ora.

” Draghi ha quindi tenuto a sottolineare che “in quanto istituzione dell’Unione europea che ha svolto un ruolo centrale nel corso della crisi, la Bce è diventata un punto di riferimento per coloro che sono frustrati” dai problemi conseguenti alla recessione. “Questa non è una accusa giusta, visto che la nostra azione è stata finalizzata proprio ad attenuare i danni subìti dall’economia”. Comunque, ha concluso, “come Banca centrale di tutta l’area dell’euro, dobbiamo ascoltare molto attentamente quello che tutti i cittadini hanno da dire”.(Il fatto quotidiano)

Parlare oggi di un banchiere centrale, di quello che ha detto DRaghi  è come parlare di un medico responsabile di un errore clamoroso nella diagnosi che si assume il merito di aver inventato una cura miracolosa.

Il mondo  ha bisogno di banchieri centrali che evitano i problemi, non di quelli che si specializzano nel limitare i danni a crisi avvenuta, bisogno di banchieri centrali che limitino la speculazione e non la favoriscano, banchieri e regolatori che sappiano  controllare le banche d’affari e non che chiudano un occhio in nome del rischio sistemico.

NEW YORK – La crisi dell’area euro mostra come il modello sociale europeo è morto. Lo afferma il presidente della Banca Centrale Europea (Bce), Mario Draghi, in un’intervista al Wall Street Journal (…) La prima riforma strutturale che i Paesi europei devono darsi sono le liberalizzazioni dei prodotti e servizi. Lo afferma il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, in un’intervista al Wall Street Journal

Un suggerimento! Più che il modello sociale in Europa è morto l’euro, ha fallito la politica e la finanza. Ricordo a Draghi che senza i soldi delle Nazioni, lui sarebbe disoccupato perchè le banche sarebbero fallite in massa e non servirebbe più alcuna banca centrale.

Il megasostegno dell’Ue alle banche: 4500 miliardi di aiuti di Stato

Ue, ecco il piano Juncker “da 300 miliardi di investimenti Ma ce ne sono solo 21

4500=21 4500=21 4500=21 4500=21 4500=21

Invece ora, a loro, le Nazioni e la democrazia danno fastidio,

Abbiamo anche un’altro problema, un grosso problema. Una massa uniforme ed invertebrata di uomini e donne che fanno finta di fare politica e che hanno venduto l’anima alla corporatocrazia e alla finanza.

Il loro cavalli di troia si chiamano  TTIP e TISA

«Possiamo immaginare delle multinazionali trascinare in giudizio i governi i cui orientamenti politici avessero come effetto la diminuzione dei loro profitti? Si può concepire il fatto che queste possano reclamare – e ottenere! – una generosa compensazione per il mancato guadagno indotto da un diritto del lavoro troppo vincolante o da una legislazione ambientale troppo rigorosa?».

Ah dimenticavo non è un complotto sta accadendo tutto alla luce del sole, si chiama terza guerra mondiale, la guerra del capitale contro il lavoro!

Mi raccomando non raccontarlo in giro, nessuno ti crederebbe!

Per chi vuole contribuire liberamente al nostro viaggio cliccando qui sopra è in arrivo l’analisi “Machiavelli 2015: esplosione deflattiva!” orizzonti e visioni per il 2015 ” Il Tuo sostegno è fondamentale per il nostro lavoro…

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta …

Chiunque volesse ricevere le ultime analisi può liberamente contribuire al nostro viaggio … cliccando qui sopra o sul banner in cima al blog o sul lato destro della pagina. Semplicemente Grazie.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (16 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +9 (from 9 votes)
"CORPORATE DEMOCRACY" IL SEQUESTRO DELLE NAZIONI, 10.0 out of 10 based on 16 ratings
7 commenti Commenta
madmax
Scritto il 23 marzo 2015 at 19:13

Se il Capitano lo permette: Stop al Trattato Commercio Transatlantico.
Come detto tante volte, stare sul blog a bagolare e poi restare inerti non serve a nulla. Io continuo a credere ciecamente che tanti singoli possono cambiare la storia!
Vi lascio il link della petizione contro il trattato visitatelo, pensateci e se vi va di fare come altre 1.600.000 persone in tutta la EU firmate.

https://stop-ttip.org/it/?noredirect=it_IT

icebergfinanza
Scritto il 24 marzo 2015 at 07:48

17 condivisioni su Facebook …ovvero il nulla! Spiace dirlo ma non abbiamo scampo…

kry
Scritto il 24 marzo 2015 at 09:21

icebergfinanza,

Facebook … che cosa è ?

kry
Scritto il 24 marzo 2015 at 22:15

” Comunque, ha concluso, “come Banca centrale di tutta l’area dell’euro, dobbiamo ascoltare molto attentamente quello che tutti i cittadini hanno da dire”. ***** Immagino l’abbia detto dopo aver ascoltato quello che avevano da dire i 10.000 davanti alla nuova sede il giorno dell’inaugurazione. DAL DIRE AL FARE C’E’ DI MEZZO IL MARE o come si preferisce “La differenza, signori miei, è che voi avreste potuto FARE E NON L’AVETE FATTO, io invece l’ho fatto!”

kry
Scritto il 24 marzo 2015 at 22:25

“La Banca centrale europea appare comunque molto tranquilla, sulla questione della stabilità finanziaria: «Non ci sono segni che non ci saranno abbastanza titoli di Stato da acquistare», ha innanzitutto spiegato Draghi, escludendo quindi la possibilità che gli investitori privati siano “spiazzati” dagli acquisti. ### Ragazzi, questo non è UN DRAGO è un ER FENOMENO. A suon di tasse non c’è pericolo di restar spiazzati ed è per questo che conta che i governi non si distraggano e continuino a fare il loro dovere. Forza avanti con la riduzione salariale e la riforma delle pensioni da morti di fame per chi e quando ci si arriva.

kry
Scritto il 24 marzo 2015 at 22:35

“Abbiamo anche un’altro problema, un grosso problema. Una massa uniforme ed invertebrata di uomini e donne che fanno finta di fare politica e che hanno venduto l’anima alla corporatocrazia e alla finanza.” ### La corporatocrazia e la finanza son quelle che si sono inventate la GLOBALIZZAZIONE ??? E che caspita quand’è che impariamo a chiamare le cose con il nome giusto ? Nella seconda guerra mondiale cosa s’è combattuto se non sbaglio il fascISMO e nazISMO. E che cosa ci vuole a dire che nella terza guerra mondiale si combatte contro il MULTINAZIONALISMO e per l’ appunto i cavalli di troia che si chiamano TTIP e TISA di chi son figli … di troia ???

kry
Scritto il 24 marzo 2015 at 22:47

“Il mondo ha bisogno di banchieri centrali che evitano i problemi, non di quelli che si specializzano nel limitare i danni a crisi avvenuta, bisogno di banchieri centrali che limitino la speculazione e non la favoriscano, banchieri e regolatori che sappiano controllare le banche d’affari e non che chiudano un occhio in nome del rischio sistemico.” @@@ Il mondo ha bisogno che cambi tutto questo http://www.nwo.it/banche.html . Il mondo ha bisogno che le persone capiscano il VALORE di STATALE e non confonderlo con PUBBLICO.

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Oggi aggiorno la situazione ciclica dell’indice americano S&P 500. I canali di lungo period
Oggi vorrei fare una riflessione su un concetto che ho letto ieri, scritto da un trader in Italia co
Aggiornando l’analisi di lungo periodo dell’indice Hang Seng attraverso il battleplan Ventennale
Come già detto ieri lasciamo da parte la fantasia e concentriamoci su quello che farà la giuri
FTSE Mib: Il listino italiano testa in apertura la resistenza a 22.261 punti. Ieri infatti, dopo 9
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Prelievi senza carta, pagamenti tramite app e bonifici istantanei. Sono solo alcune delle evoluzioni
Malgrado la sua giovane età, il BitCoin si è già reso protagonista di diverse avventure. È p
PREVISIONE Come da previsione scorsa tra venerdì e oggi, lunedì 20 Novembre 2017, sar
Piazza Affari. Inizio di settimana difficile per l’indice FTSE Mib, che dopo poco più di un’o