ISTAT E BANKITALIA: LA CRESCITA CHE NON C’E’!

Scritto il alle 10:00 da icebergfinanza

Matteo cercò di raggiungerla ma invano. Sfinita, si fermò all’ombra di un fungo. Lì si sentì chiedere da un gufo: “Chi sei?”. “Non lo so più, credevo di essere la crescita” rispose Matteo. “Prima ero piccolissima, poi altissima, adesso piccola di nuovo!” “Bah”, replicò il Gufo, “succede. Vuoi regolare la statura? Mangia un po’ del fungo: una parte ti farà crescere l’altra rimpicciolire”.
Presi alcuni pezzetti di fungo, Alice proseguì e giunse a una grande tavola preparata per il tè alla quale sedevano la Lepre Marzolina, il Cappellaio Matto e un’altro Gufo. Matteo sedette anche lui e la Lepre le disse: “Tanti auguri per la tua non-crescita. Vuoi del tè?”
“Cos’è una non-crescita?”
“Una festa che puoi festeggiare 364 volte all’anno”.
“Questi sono matti.” pensò Matteo, vedendo che il Cappellaio le versava del tè… che non esisteva.
E allora riprese il cammino, mentre gli altri due tentavano di infilare il …Gufo nella teiera.

Chiedo scusa ma alle volte bisogna davvero giocarcela con l’ironia questa crisi anche se in realtà non c’è nulla da ridere e solo da piangere.

C’erano gufi ovunque ieri a palazzo Chigi, il Gufoistat, il Gufobankitalia e addirittura il Gufocortedeiconti.

MILANO – L’Istat taglia le stime di crescita dell’economia italiana e mette in guardia il governo dopo il varo della manovra che dovrebbe stimolare la crescita del Paese. I tecnici dell’Istat stimano, infatti, un “effetto nullo della manovra nel biennio 2015-2016” per effetto combinato “dell’impatto positivo del bonus degli 80 euro sulla crescita dei consumi” e dell'”effetto negativo dovuto alla clausola di salvaguardia sull’aumento automatico dell’iva nel 2016″, nel caso in cui scattasse. (Repubblica)

Per un gufo che se ne va ne arriva subito un’altro…Taglio risorse, la Corte dei Conti mette in guardia dall’aumento delle tasse di Regioni e Comuni  giusto per coprire qualche buco Corte dei Conti: le Regioni truccano i bilanci …

… e poi un’altro ultimo gufo ancora…

L’allarme di Bankitalia: «Pensioni a rischio se il Tfr resta in busta paga.

A proposito di Bankitalia, guardate cosa si scopre in autunno nei sotto Boschi italiani

Ma tanto agli italiani ormai non fa più effetto nulla ditemi che non è vero che siamo il popolo più ignorante del mondo, ditemelo perchè diversamente non abbiamo più alcuna speranza… ‘Most ignorant‘ countries revealed in new poll

Ma torniamo alla festa di non crescita perchè nel Paese delle meraviglie c’è sempre bisogno di speranza, ovvero di prevedere la quarta ripresa non pervenuta degli ultimi quattro anni …

«Nel biennio successivo, alla formazione del reddito disponibile lordo delle famiglie, sostenuta dai redditi da lavoro dipendente (in presenza di un aumento degli occupati), contribuiranno anche le altre componenti di reddito, come conseguenza del miglioramento ciclico dell’economia. Questo favorirà la graduale riduzione dei livelli di incertezza che hanno frenato la crescita dei consumi. La spesa per consumi privati è prevista in aumento dello 0,6% nel 2015 e dello 0,8% nel 2016, anche per effetto delle misure di bilancio e fiscali adottate a sostegno dei redditi»

Il Gufo rivolgendosi a Matteo… Chi sei, bambino?    In questo momento non lo so, signore. Se potessi lo farei, ma purtroppo sono confuso, ho cambiato idea dieci, cento, mille volte e questa è una cosa che sconcerta!  Il Gufo sorridendo:  Devo dirti una cosa importante, bambino! Ricordati di non perdere mai la calma, qualunque cosa accada (…soprattutto durante il mese di novembre suggerisce Machiavelli) , non c’è nessun gomblotto per spaccare in due l’Italia, ci stanno pensando loro… ce lo chiede l’Europa!

 

MACHIAVELLI INCONTRA FORREST GUMP un viaggio appena incominciato, un viaggio lungo tre anni…

Il Tuo sostegno è fondamentale per il nostro lavoro…

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta …

Chiunque volesse ricevere le ultime analisi può liberamente contribuire al nostro viaggio … cliccando qui sopra o sul banner in cima al blog o sul lato destro della pagina. Semplicemente Grazie.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.1/10 (20 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +12 (from 14 votes)
ISTAT E BANKITALIA: LA CRESCITA CHE NON C'E'!, 9.1 out of 10 based on 20 ratings
Tags:   |
29 commenti Commenta
reragno
Scritto il 4 novembre 2014 at 10:28

Ciao Andrea ieri ho letto un tuo tweet in cui parlavi del dollar index come possibile causa di una prossima crisi mondiale.
Saresti così cortese di approfondire il discorso in tuo prossimo post?
Grazie e scusa per la mia richiesta un po’ anomala.

aorlansky60
Scritto il 4 novembre 2014 at 11:05

ah, grazie al “sottofondo” di bosco dove non si colgono solo funghi e castagne ed altri frutti prelibati, ho finalmente capito perchè Renzi ha scelto tra i suoi fidati anche la Maria Elena… :roll: 8)

aorlansky60
Scritto il 4 novembre 2014 at 11:22

“ditemi che non è vero che siamo il popolo più ignorante del mondo”

… …

il perchè -e purtroppo la dimostrazione di quanto sopra- è confermato nella preoccupazione già espressa da alcuni di voi -Gnutim e Glare se non ricordo male- in riferimento al fatto che gli allocchi di governo si preparano a concedere a prezzi di saldo e svendere così alcuni dei nostri gioielli societari, sui quali diversi investors non vedono l’ora di mettere le mani; perfino MPS stà iniziando ad attrarre capitali orientali, il che è tutto dire per una società di fatto in default…

esistesse una solida opinione pubblica in questo paese, anzichè la maggior parte della sua gente a pensare solo e soprattutto “alla gnocca, alla pizza e al pallone”, sono certo che queste grandi manovre finanziarie incontrerebbero assai più resistenza; invece, viene confermato il vecchio detto “Francia o Spagna, purchè se magna” di rinascimentale memoria… nessuna sorpresa, gli italiani molto spesso geniali nelle arti, assai più di altri, ma alquanto sprovveduti nel condurre ed amministrare se stessi.

kry
Scritto il 4 novembre 2014 at 11:46

ISTAT E BANKITALIA: LA CRESCITA CHE C’E’! Matteo cercò di sfuggirgli ma invano. Sfinito, si fermò all’ombra di un fungo. Lì si sentì chiedere da un gufo: “Chi sei?”. “Non lo so più, credevo di essere il debito” rispose Matteo. “Prima ero piccolissimo, poi grandicello, adesso sono fuori misura!” “Bah”, replicò il Gufo, “succede. Vuoi regolare la dimensione? Mangia un po’ del fungo: una parte ti farà crescere l’altra ancor di più”.
Presi alcuni pezzetti di fungo, matteo proseguì e giunse a una grande tavola preparata per il tè alla quale sedevano la Lepre letta, il Cappellaio monti e un’altro Gufo. Matteo sedette anche lui e la Lepre le disse: “Tanti auguri per la tua ultra crescita. Vuoi del tè?”
“Cos’è una ultra crescita?”
“Una festa che puoi festeggiare 364 volte all’anno a volte 365, soprattutto di notte per cui 24 ore su 24”.
“Questi sono matti.” pensò Matteo, vedendo che il Cappellaio le versava del tè con ( l’ ) interesse… che non esisteva.
E allora riprese il cammino, mentre gli altri due tentavano di infilare ulteriore debito nella teiera ….. svendendo anche gioielli di famiglia.
Chiedo scusa se molte volte gioco con l’ironia al limite del sarcasmo con questa crisi anche se in realtà ci rimane solo da piangere.

gnutim
Scritto il 4 novembre 2014 at 12:22

comincio a non capire più un cakkio.

Ma si va su o giù?

Devo mangiare il fungo o no?

kry
Scritto il 4 novembre 2014 at 12:29

gnutim@finanza,

Il debito va sù , la decrescita pure ( la crescita va giù ). Ciao.

aorlansky60
Scritto il 4 novembre 2014 at 12:38

news appena diramate :

“la Commissione UE ha dimezzato le stime di crescita dell’Italia per il 2015 a +0,6% , dal +1,2% precedentemente indicato.”

e adesso, chi glielo va a dire al buon Matteo???…

…fa una certa impressione vedere dietro katainen la mappa europea con la maggiorparte degli Stati in verde ed il nostro -e la finlandia…- in ROSSO…

ma questo non è ancora niente…

se le aspettative saranno confermate nel 2015, un modesto +0,6% (che doveva già interessare quest’anno al +1% secondo le previsioni di governo, bankitalia, confindustria etc etc anzichè un -0,4% come si dimostrerà alla fine…) non credo riuscirà a risollevare in misura determinante le attuali condizioni economiche italiane, soprattutto i problemi in cui si dibatte (quasi)tutto il ns paese, infatti la vera domanda è : riuscirà ancora il ns sistema (parlo soprattutto dei ceti sociali in maggiore sofferenza che sono anche la maggioranza numerica) a sopportare un nuovo anno simile a quello attuale???…

phitio
Scritto il 4 novembre 2014 at 12:58

Come se questa crisi prevedesse inversioni di tendenza…Rimbalzi, solo piccoli rimbalzi. Ormai siamo nel Long Descent, e dobbiamo cambiare mentalita’.

aorlansky60
Scritto il 4 novembre 2014 at 13:27

…altri particolari emersi dalle odierne stime UE :

“Dalle stime della Commissione per il 2015 si evince che il deficit della Francia si attesterà al 4,5% del Pil e al 4,7% nel 2016…”

…se venissero confermati questi numeri, mi chiedo come riuscirà la Francia ad abbassarsi al 3% di rapp def/pil nel 2017 come ha recentemente promesso di fare, se nel 2016 si porterà ancora dietro uno scomodissimo 4,7%???… con una cura da cavallo???… ma veramente quelli della commisione UE, con questi numeri, pensano (e confidano) che la Francia ce la possa fare???…

default
Scritto il 4 novembre 2014 at 13:36

Sei uomini dell’Indostan, che amavano imparare, andarono a vedere un elefante, (sebbene fossero tutti ciechi), in modo che, osservandolo, potessero soddisfare la propria curiosità. Il primo si avvicino’ all’elefante e cadde addosso al suo fianco largo e vigoroso: subito esclamò: “Che Dio mi benedica! ma l’elefante e’ proprio come un muro!”.
Il secondo, toccando la zanna, grido’:”Cosa abbiamo qui? Così’ rotonda, liscia e acuminata…mi è molto chiaro, questo elefante non puo’ che essere una lancia!”.
Il terzo si avvicino’ all’animale e si ritrovò in mano la proboscide che si contorceva e con audacia sentenzio’:”l’elefante e’ proprio come un serpente!”.
Il quarto allungò la sua mano impaziente, toccò il ginocchio e concluse:”Cosa questa bestia imponente sia, mi e’ molto chiaro: l’elefante e’ proprio come un albero!”.
Il quinto, a cui capitò di toccare un orecchio, disse: “anche un cieco potrebbe capire a cosa assomigli questo animale; che qualcuno provi a smentirmi, questa meraviglia di elefante e’ proprio come un ventaglio!”.
Il sesto ando’ a tentoni e non appena ebbe la fortuna di afferrare la coda dondolante esclamo’:”l’elefante e’ come una fune”.
E così’ questi uomini dell’Indostan disputarono in lungo e in largo, rimanendo ognuno della propria opinione, difendendola con impeto e rigidezza. E sebbene ognuno di essi avesse parzialmente ragione, tutti erano in torto.
Nelle guerre teologiche, i disputanti permangono nella totale ignoranza di cio’ che ognuno voglia dire all’altro e cianciano su un elefante che nessuno di loro ha mai visto. (Racconto buddista)

silvio66
Scritto il 4 novembre 2014 at 13:38

Ciao Andrea, manteniamo un po di ottimismo dai, si siamo il popolo più ignorante del mondo in economia. Basti vedere la prima legge di regolamentazione finanziaria datare 1974! La successiva del 1983! e la vera prima legge compiuta del 1991! Mi ricordo vent’anni fa a Londra come all’università ci prendessero in giro sottolineando in vari modi la nostra condizione di terzomondista in campo finanziario, della ignoranza imperante in tutte le stratificazioni sociali. Ho mantenuto delle amicizie nei paesi nordici e adesso ci rispettano un po di più sulla materia, ciò che ci rinfacciano continuamente è il fatto che non riusciamo a liberarci di berlusconi e della sinistra che insieme ci hanno portati nel baratro. Non capiscono perchè gli italiani anche davanti all’evidenza di questi vent’anni continuino a rieleggere gli stessi partiti. I più avveduti la dicono giusta, ossia che stiamo ancora troppo bene e dobbiamo essere strizzati ancora per bene prima di svegliarci. Grazie ad internet e al lavoro di persone come Andrea le cose stanno lentamente migliorando in campo culturale, restiamo ottimisti.
Buona giornata a tutti

madmax
Scritto il 4 novembre 2014 at 14:26

silvio66@finanza,

Caro Silvio,
Spero che tu abbia ricordato agli anglofoni che la partita doppia la inventarono gli italiani: Frate Pacioli, che le banche ed i banchieri italiani erano floridissime, vedi Medici & C. prima che gli inglesi (re Enrico) le mando’ in bancarotta decidendo di non pagare gli immensi debiti che aveva contratto con loro, talmente alti che il pagamento delle tasse veniva fatto direttamente a loro e non al re. Ma tutto questo, di questa bancarotta che di fatto fece collassare il rinascimento italiano, non lo trovi scritto dai tanti studiosi du storia. Cosa voglio dire? Che mentre loro mangiavano marmotte e vestivano pelli a Roma avevamo gia’ le terme, non denigriamoci sempre. La crescita non c’e’ e non ci sara’ perche la globalizzazione partita dai paesi ricchi ha fatto il giro del mondo, la sovrapproduzione di oggetti e’ enorme ed ormai ci siamo indebitati da anni per comprare l’inutile.
Facessimo come gli US ovvero “massaggiassimo” i numeri allora la crescita salterebbe fuori un un modo o nell’altro e tireremmo a campare :)

madmax
Scritto il 4 novembre 2014 at 14:31

@tutti i naviganti!!!
Qualcuno saprebbe dirmi od indicarmi come vengono contabilizzate le garanzie date dagli Stati alle banche dal punto di vista contabile? Ovvero entrano nel computo del debito con i criteri ESA2010 ?
Grazie di illuminare la mia straordinaria ignoranza :)

quesalid
Scritto il 4 novembre 2014 at 14:34

default@finanza,

WE ARE ALL CONFIDENT IDIOTS

Because it’s so easy to judge the idiocy of others, it may be sorely tempting to think this doesn’t apply to you. But the problem of unrecognized ignorance is one that visits us all.
[…] How can we learn to recognize our own ignorance and misbeliefs? […] For individuals, the trick is to be your own devil’s advocate: to think through how your favored conclusions might be misguided; to ask yourself how you might be wrong, or how things might turn out differently from what you expect.

Visto che è così facile giudicare l’idiozia negli altri, si può essere grandemente tentati di ritenere che essa non si applichi a noi stessi. Ma il problema della ignoranza inconsapevole è un problema che affligge tutti noi.
[…] In che modo possiamo imparare a riconoscere la nostra propria ignoranza ed i nostri preconcetti? […] Per gli individui, il trucco è diventare il proprio avvocato del diavolo: pensare come le proprie conclusioni favorite possano essere fuorvianti; domandare a sè stessi in che modo potremmo essere in errore o in che maniera le cose potrebbero andare a finire diversamente da come ce le aspettiamo.

David Dunning

http://www.psmag.com/navigation/health-and-behavior/confident-idiots-92793/

aorlansky60
Scritto il 4 novembre 2014 at 14:46

Un altra perla emersa dalle considerazioni e previsioni odierne UE – chiedo scusa se magari tedio, ma questa è troppo bella per non essere citata…

“Per l’Italia l’appuntamento con la ripresa è rinviato al 2015, con un’espansione stimata da Bruxelles allo 0,6% che dovrebbe consolidarsi nel 2016 con un +1,1%. Il mercato del lavoro resta invece per il momento al palo, con una disoccupazione stimata a un massimo storico del 12,6% sia nel 2014 che l’anno prossimo.”

… …

Ma io vorrei chiedere a questi esimi saccenti, come può un paese ripartire con un +0,6% di crescita prevista nel 2015 (ammesso che questo dato testimoni di una vera “ripartenza” anche nel caso venga confermato da realtà…) se per quello stesso anno prevedono che la disoccupazione rimanga allo stesso livello (12,6%) dell’anno in corso???… soprattutto avendo alle spalle un triennio terribile -per l’economia italiana in generale- quali 2012-13-14 ???…

glare
Scritto il 4 novembre 2014 at 16:40

Ma scherziamo..gli ignoranti sono coloro che hanno creato il test..
un conto è dire ufficialmente che la disoccupazione italiana è solo del 12,6%..un conto è dire le cose come stanno.. e onestamente si sono avvicinati più gli intervistati..dando il numero esatto degli inattivi in età lavorativa..insomma è una cagata pazzesca

madmax,

Questa è una domanda difficilissima..cmq se ricordo correttamente dovrebbero essere passivi dello stato patrimoniale..
trovi probabilmente la spiegazione spulciando questa comunicazione e poi cercare il relativo articolo nelle varie direttive

http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/?uri=CELEX:52010DC0579

glare
Scritto il 4 novembre 2014 at 18:06

gnutim@finanza,

Un pò giù e un pò su..un pò come la cadela morente…ma la borsa dovrebbe ritornare entro natale a valori di 20500..solo che novembre..è ballerino..

(Cmq) Quello che ci deve far riflettere sui prossimi mesi sono le parole di Napolitano:

“Vi è il rischio che sotto la spinta esterna dell’estremismo e quella interna dell’antagonismo, e sull’onda di contrapposizioni ideologiche pure così datate e insostenibili, prendano corpo nelle nostre società rotture e violenze forse mai vista prima”.

“Si vanno affermando nuove e più aggressive forme di estremismo e di fanatismo che rischiano di investire i territori degli ‘STATI FALLITI’ e insediarsi a ridosso dei confini dell’Europa e dell’Italia in particolare, infiltrandone progressivamente le società anche grazie alla loro perversa forza attrattiva”.

“Una minaccia reale, anche militare, che le nostre Forze Armate devono essere pronte a contrastare e prima di tutto a prevenire, insieme all’Unione Europea e alla Nato”.

Ci manderanno a pacificare in LIBIA.. o dovranno pacificare nei confini nazionali?

gainhunter
Scritto il 4 novembre 2014 at 18:27

Ma tanto agli italiani ormai non fa più effetto nulla ditemi che non è vero che siamo il popolo più ignorante del mondo, ditemelo perchè diversamente non abbiamo più alcuna speranza… ‘Most ignorant‘ countries revealed in new poll

Visto che in tutti gli stati ci sono scostamenti enormi tra la “percezione” e la “statistica”, possiamo dedurre che il Corruption Perception Index di Transparency International non ha nessuna valenza statistica. Ricordatevene quando la stampa autorazzista e ignorante lo citerà come valido dato statistico della corruzione italiana.

stanziale
Scritto il 4 novembre 2014 at 18:45

http://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=1&cad=rja&uact=8&ved=0CCcQqQIwAA&url=http%3A%2F%2Fvideo.corriere.it%2Fjunker-renzi-non-sono-capo-una-banda-burocrati%2F970cbb42-6437-11e4-8b92-e761213fe6b8&ei=6Q1ZVIXmDIus7AaE24DwDg&usg=AFQjCNHpOuT1dGSQUTd_taaG3TmGit0Z2w&sig2=-hQZtygn-sFOFRW1Ei4Upw&bvm=bv.78677474,d.ZGU
ha ragione Junker, non e’ il capo ! Lo sanno tutti che e’ la Merkel ….

@Glare- Bravissimo, li’ voleva andare a parare….andremo a “pacificare” in Siria, o Ucraina, oppure anche in casa nostra all’uopo(contro chi contrasta il nwo..) , o comunque dove vogliono i nostri riveriti padroni.

dorf001
Scritto il 4 novembre 2014 at 20:08

default@finanza,

ma guarda guarda. proprio 2 gg fà ho letto questa storia. ne accenna il maestro indiano Nisargadatta Maharaj.

chi siamo noi veramente? pensiamo di essere una essenza? di essere qualcuno o qualcosa?

è la sola coscienza che fa si’ che noi crediamo di essere vivi. ma è solo un bellismmo sogno. resta pure sempre una illusione.

se ti interessa sono 210 pag circa. lo trovi anche in biblio pubblica. con la tessera.

titolo : nessuno nasce, nessuno muore.

N. MAHARAJ

buona lettura

by DORF

dorf001
Scritto il 4 novembre 2014 at 20:11

madmax,

hei mister ho delle info x te. ma poi leggile. ok?

ciao mad più max. voglio parlare del tuo dentista. ahh vaccino contro la carie? tu palri di fantasie, ora io ti parlerò di cose reali. che esistono. certo è ovvio che le cose buone per noi, le multinazionali le tengono nascoste. parliamo di salute. io ho imparato da me, anni fa che mi imbrogliavano su tto. economia, salute, sotria, informazione, ecc ecc. non c’è campo dello sgibile umano che non abbiano contraffatto. abiamo superato e di molto i tempi di george orwell.
parliamo di big pharma. cioè le 10 più grandi compagnie farmaceutiche del mondo. queste vogliono che tu sia sempre malato, malaticcio. cosi’ x tutta la vita prendi la loro pillolina. che non ti guarirà mai, ti terrà sempre li’ in bilico x anni. cosi’ loro x 20 anni possono fare affari d’oro sulla tua pelle. e tu fesso che credi a loro, perchè non vuoi informarti, paghi a vita una roba che ti fà solo che male.

sai che cosa c’è in natura che costa poco e ti può far stare in salute tutta la vita? sono le vitamine. ma non prese in dosi ridicole come consiglia l’oms. ma in dosi massicce. parlo soprattutto della vitamina C o acido ascorbico. e sai che loro lo sanno? ed è per questo che hanno inventato la mega fregatura del CODEX ALIMENTARIUS per bloccarti. i governi ovviamente hanno firmato a occhi chiusi.

ti consiglio di comperarti un libro che costa solo 8€ forse meno. di stefano pravato. io ce l’ho, questo qui : http://www.macrolibrarsi.it/libri/__guarire-con-la-vitamina-c-libro.php

se tutti voi che mi leggete prendete tutti i gg 3 grammi di vitamina c, colazione preanzo e cena, non vi prenderete nessun raffredore e nessuna influenza. tanto x cominciare.

in più la vitamina c è anti-tumorale. combatte e fà regredire i tumori. ma non ve lo dicono eh!! perderebbero tutto il oro business delle medicine. e le chemioterapie e le radiografie. insomma una montagna di soldi.

io la compro qui : http://www.arganiascorbile.it/vitamina-c-acido-ascorbico

1 kg costa 25€. provate in farmacia. vi verrà da piangere. ne vendono solo 1 etto al costo di 15€. tè capi’? quindi 1 kg in farmacia alla fine lo paghi 150€. io 25€. e la mia vitamna c è ottima. allora…..come la mettiamo?

vedi madmax te ne devi fregare di loro. pensa all tua salute e basta. che falliscano pure.

sono 50 anni che rubano e mentono. tu la devi smettere di difendere sta gentaglia.

sono stato chiaro? se serve approfondimenti chiedi.

by DORF

stanziale
Scritto il 4 novembre 2014 at 22:07

madmax,

Ottima domanda madmax….ne avrei ancha io una: come cavolo sono conteggiate nei bilanci delle banche, la liquidita’ avuta dalla fed con i vari qe….ricordo che la fed ha dato 1500 miliardi di dollari a banche straniere con filiali in usa, a partire dal 2008 anno della grave crisi….purtroppo la risposta temo di averla, ed e’ diversa da quella di Glare….e’ chiaro che sono conteggiate nel patrimonio, anche se magari non nel tier1… se erano tra i debiti col cavolo che passavano gli stress test….a me piacerebbe proprio sapere con esattezza l’ammontare dei prestiti della fed a favore di deutsche bank, bnp ecc….e NON ci sono banche italiane, mi risulta….

kry
Scritto il 4 novembre 2014 at 23:02

default@finanza,

dorf001@finanza,

Oggi di questo elefante …… non se ne può più. http://ugobardi.blogspot.it/ —– http://www.noogenesis.com/pineapple/blind_men_elephant.html ( Grazie per la traduzione italiano )

madmax
Scritto il 4 novembre 2014 at 23:07

@Dorf,
Grazie per le info, in realta’ pure io penso che tante volte le big pharma si inventino malattie per mungere i consumatori, tipo osteoporosi giovanile ect. Per quello che riguarda la vitamina C t devo dire che ne uso tantissima ma non ero arrivato a pensare di comprarla a kg :) effettivamente ha il suo senso.
Non mi fraintendere non li difendo, anzi ma di animo resto un Don Abbondio, cresciuto dai miei ad aver timore di tutto, magari col tempo cambio :) tutto il mondo cambia qundi ci provo pure io!
Grazie davvero delle info e ti chiedo scusa se in in qualche post posso averti ferito involontariamente, credimi non era il mio intendimento.

kry
Scritto il 4 novembre 2014 at 23:15

madmax,

stanziale@finanza,

Anch’io mi pongo una domanda. Come mai la spagna paga 0,30% d’interesse meno di noi e la francia addirittura la metà?

stanziale
Scritto il 5 novembre 2014 at 08:09

kry@finanza,

La tua e’ naturalmente una domanda caustica, retorica…esattamente come me, sai che e’ perche’ abbiamo dato (almeno) 60 miliardi al fondo salva banche, proteggendo gli altri ma indebolendoci, Tremonti non voleva, come documentato da diversi libri e dichiarazioni…(geithner, bini smaghi, sinn). Naturalmente pero’, essendo il creditore finale, la Germania (le sue banche)e’ l’utilizzatore finale delle nostre tasse.

kry
Scritto il 5 novembre 2014 at 09:03

stanziale@finanza,

Va bene ma guardando la dinamica del debito della francia dalla fine del 2011 il loro sta crescendo in maniera maggiore rispetto al nostro e paghiamo in media 30 mld in più all’anno oltre ai 60 che hai ricordato. Della spagna meglio non parlare 0,30 equivalgono a 6 mld a regime.

aorlansky60
Scritto il 5 novembre 2014 at 09:53

@ MadMax e Dorf :

ottimo consiglio sempre valido, :-) quello di “bombardarsi” quotidianamente di acido L-ascorbico (alias Vit.C), ma il ns organismo ha un limite naturale di assorbimento della suddetta, oltre il quale espelle tutto l’eccedente via “pipi” (*) metabolicamente; questo lo dico per certo dato che lavoro presso il centro ricerca di una importante ind. alimentare italiana e mi è stato confermato dai ns ricercatori, i quali suggeriscono un via da seguire per la propria alimentazione : cibarsi nel modo più VARIO possibile includendo di tutto, in modo da non dare prevalenza ad un unico agente inquinante predominante e di fare in modo che questi col tempo si accumuli nel ns tessuto adiposo senza venire metabolizzato… vedete un pò voi come diamine siamo messi se sono arrivati a questa conclusione, e si tratta tutta di gente iper laureata in campo chimico/alimentare, mica di sprovveduti…

…era stato definito “sviluppo sostenibile”, ed il prezzo di questo stà anche in varie malattie le cui più gravi a stato degenerativo non voglio nemmneno nominare…

(*) comunque questo, nulla vieta di fare abbondanza nella propria dieta quotidiana di frutta tra le più disparate; io per es. ho una netta predilizione per l’arancia, notoriamente ricco della Vit in oggetto, e sopratutto in inverno, suo periodo stagionale peraltro, vedo di non farmela mai mancare…

glare
Scritto il 5 novembre 2014 at 11:02

stanziale@finanza,

la Fed..ha rigirato la carta straccia alla Db e BnP con le 5 sorelle..nel vecchio 2007..ma dirti come e con quale voce..proprio non lo so.
Ora il fondo salva banche..ops salva stati..è un atto d’amore verso la Germania..una dote per averci fatto entrare nel loro lager

aorlansky60,
dorf001@finanza,
aorlansky60,

E’ verò dorf la Vit.C è un toccasana..ad alti dosaggi 1 g al die ha sempre potere antiossidante, ma non solo riattiva il metabolismo e facilita la produzione di collagene..insomma tiene giovani e in salute fuori e dentro.

Se siete fabici come il sottoscritto, fate come me e non avrete problemi , 1g al giorno per 4 giorni, pausa di 4 giorni e si ricomincia il ciclo.(Sopra 1 g si espelle con le urine, attenzione a non superare quotidianamente i 3 g perchè aumenta la formazione di calcoli renali).

Con questo sistema ho perso il colorito giallognolo in favore di uno rosaceo e anche gli occhi stanno migliorando.

Esperienza: medici e biologi in famiglia

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Ftse Mib: l'indice italiano tenta di recuperare i 19.000 punti in apertura. In caso di break dei 19.
Dilettanti. Dilettanti allo sbaraglio. E la cosa grave che spesso, oltre che essere dilettanti,
Mentre infuria il dibattito sulle penalizzazioni implicite connesse a quota 100, e l’umore degli i
Alla fine avevo ragione, è bastata una rapida lettura delle quasi 600 pagine dell'accordo capes
Dare feedback, comunicare in modo chiaro ed efficace, ma anche trasmettere entusiasmo e saper bilanc
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Quello che vi sto facendo è un grosso regalo. Che poi sia apprezzato o no, è un altro paio di
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Ftse Mib: dopo la seduta di ieri di forte incertezza chiusa in spinning top, oggi l'indice cerca di