ARGENTINA DEFAULT! DON’T CRY FOR ME…

Scritto il alle 07:29 da icebergfinanza

Il ministro argentino dell'Economia, Axel Kicillof (foto AP)

Ne abbiamo parlato recentemente in ARGENTINA…L’OMBRA DEGLI AVVOLTOI.

Come spesso accade in tempo di crisi, dove qua e la si intravvedono le carcasse di questo sistema, fallimenti e squilibri che il turbocapitalismo ha prodotto, avvoltoi e sciacalli si moltiplicano sorvolando o annusando occasioni indimenticabili spesso insanguinate.

Fiumi di denaro sporco o insaguinato che vengono decontaminati immettendolo attraverso operazioni finanziarie nei canali dell’economia, attraverso l’acquisizione di attività legittime. Non si tratta di milioni ma di miliardi di euro, cifre di fronte alle quali le finanziarie dei governi italiani impallidiscono. Truffe, frodi e manipolazioni sono l’essenza in tempo di crisi, dove gli sciacalli agiscono indisturbati, socializzando le perdite.

Ora sembra essere diventato una certezza…

Argentina: è default, nessun accordo con gli hedge fund sul debito

Il mercato aveva creduto in un accordo in extremis spingendo al rialzo i prezzi dei bond e l’indice Merval, che ieri 30 luglio aveva chiuso in rialzo del 6,95%. Ma alla fine “nessun accordo” è stato raggiunto tra l’Argentina e un gruppo di hedge fund che chiedevano di essere rimborsati pienamente per i bond su cui il Paese era fallito nel 2001.

Per due giorni di fila i legali di Buenos Aires e i cosiddetti creditori “holdout” (NML Capital, divisione di Elliott Management, e Aurelius Capital Management) si sono confrontati a New York alla presenza del mediatore americano che ieri, quanto le parti hanno abbandonato nel pomeriggio americano il tavolo delle trattativa, aveva detto che il default del Paese sudamericano era “imminente”. Di fatto l’Argentina vive il suo secondo default in 13 anni. Ieri è scaduto infatti il periodo di grazia da 30 giorni entro cui il governo presieduto da Cristina Fernandez de Kirchner doveva effettuare il pagamento da 539 milioni di dollari degli interessi sui titoli a debito in scadenza il 30 giugno scorso. E quando le banche hanno chiuso i battenti senza effettuare quel versamento, come da attese è scattata la bocciatura di S&P. Il rating è stato portato a “selected default” da CCC- (comunque un livello spazzatura). In pratica l’agenzia riconosce che l’Argentina sta onorando i suoi impegni su certi bond e non su altri.

Le condizioni in cui il default si verifica sono tuttavia diverse da quelle di 13 anni fa. L’economia locale non è in crisi anche se è considerata vulnerabile. E non a caso ieri il mediatore Daniel Pollack, è stato chiaro: “le piene conseguenze di un default non sono prevedibili ma certamente non sono positive”. Quelle conseguenze già si sentono: nell’after-hours i titoli quotati in Usa della società di servizi finanziari Grupo Financiero è arrivata a cedere il 22% (nella seduta aveva guadagnato il 12,17%), Banco Macro ha perso il 13% circa (aveva chiuso con un +13%) e il gruppo petrolifero YFP ha segnato un -12%. Pollack ha aggiunto: “il default non è una condizione ‘meramente’ tecnica ma piuttosto un evento reale e doloroso che farà male alle persone”.

“il default non è una condizione ‘meramente’ tecnica ma piuttosto un evento reale e doloroso che farà male alle persone”.“il default non è una condizione ‘meramente’ tecnica ma piuttosto un evento reale e doloroso che farà male alle persone”.“il default non è una condizione ‘meramente’ tecnica ma piuttosto un evento reale e doloroso che farà male alle persone”.

Chi ha speculato sui tango bond nelle ultime ore, facendone lievitare il prezzo si è fatto davvero male…  un evento reale e doloroso che farà male alle persone”.

Questa è la differenza tra un numero e un evento reale, siamo in guerra ovunque sia, una guerra finanziaria che quotidianamente stermina milioni di esseri umani, li priva della loro dignità, grazie a centinaia di cocainomani che giocano con la finanza e migliaia di politici criminali che speculano sulle illusioni di interi popoli ovviamente ipotecando il futuro con il debito!

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’ isola di condivisione quotidiana nell’ oceano infinito di questa tempesta perfetta. Chiunque volesse ricevere le ultime analisi può liberamente contribuire al nostro viaggio cliccando sul bannerin cima al blog o sul lato destro della pagina. Semplicemente Grazie

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 8.8/10 (17 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +9 (from 11 votes)
ARGENTINA DEFAULT! DON'T CRY FOR ME..., 8.8 out of 10 based on 17 ratings
Tags: ,   |
2 commenti Commenta
capitan_harlok
Scritto il 31 luglio 2014 at 07:54

E VIVA ALLORA ERA TUTTA COLPA DI UN INVERNO LUNGO E RIGIDO L’AMERICA LOCOMOTIVA RIPRENDE LA SUA CORSA, TORNA A CRESCERE…………. TU CIO è FANTASTICO

NEW YORK (WSI) – Sale più delle attese il Pil Usa del secondo trimestre. Tra aprile e giugno la crescita – secondo la prima lettura del Dipartimento del commercio – è stata del 4% in rialzo dal -2,1% del primo trimestre (dato rivisto dal -2.9%), quando l’economia d’oltreoceano aveva segnato il passo per via di un inverno estremamente rigido. Si tratta di un risultato superiore alle stime: gli analisti si aspettavano infatti un aumento del +3%.

A trainare la crescita è stata soprattutto la componente dei consumi privati che, nel secondo trimestre, ha segnato un aumento del +2,5% dopo il +1,2% dei primi tre mesi dell’anno.

Secondo i dati del governo, nel trimestre in considerazione, l’indice Pce dei prezzi dei prodotti di uso personale è cresciuto al ritmo annualizzato del 2,3%, in decisa accelerazione rispetto al primo trimestre e sopra l’obiettivo di lungo termine dell’inflazione del 2%. Sul fronte delle esportazioni, queste sono salite nel trimestre del 9,5% mentre le importazioni sono cresciute in misura maggiore, pari all’11,7%.

La variazione nelle scorte aziendali, valutata 93,4 miliardi di dollari contro i 35,2 miliardi del primo trimestre, ha aggiunto 1,66 punti percentuali al pil nel periodo, segno che le aziende prevedono una ripresa sostenuta nel tempo che porti a un incremento della domanda. Al netto della variazioni nelle scorte, l’incremento è stato del 2,3% contro la contrazione dell’1% registrata nei tre mesi precedenti. Gli investimenti aziendali nel periodo sono invece cresciuti del 5,5% mentre gli investimenti residenziali fissi sono aumentati del 7,5% dopo due trimestri consecutivi di flessione. Positivo anche il contributo del governo, che ha aumentato le sue spese e i suoi investimenti nel trimestre dell’1,6%.

Per quanto non è visto condizionare il dibattito della Federal Reserve, che termina la sua due giorni oggi, questo Pil potrebbe sostenere la tesi di chi crede che i tassi potrebbero tornare a salire a inizio 2015. Tra l’altro, per la prima volta da inizio 2012, l’inflazione nel trimestre ha superato il target del 2% fissato dalla Fed.

QUINDI VA TUTTO BENE GLI STATI UNITI HANNO SUPERATO LA CRISI ,CHE LORO STESSI AVEVANO GENERATO , E PRIMA O POI TOCCHERA USCIRNE ANCHE A NOI…. SU VIA BASTA ESSERE OTTIMISTI , BUONA GIORNATA A TUTTI

phitio
Scritto il 31 luglio 2014 at 09:42

Sara’ interessante vedere al revisione futura di questo +4%

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Se vi domandate come mai la borsa USA continua ad essere fortissima, soprattutto se confrontiamo
Ftse Mib: l'indice italiano tenta in apertura il superamento dei 20.500 punti. Importante la chiusur
Inutile nascondersi dietro un dito. Per gli investitori, la tragedia del Ponte Morandi di Genova
Che vi dicevo, non passa neanche una settimana dalla benedizione del dollaro forte che il nostro
Si delinea sempre più forte il decoupling tra l'andamento della borsa USA e quello degli altri li
Analisi Tecnica Si conferma la rottura ribassista del trading range. L'accelerazione al ribasso
DJI Giornaliero Buonasera, eccoci di nuovo con l’analisi sullo storico indice americano.
Stoxx Giornaliero Buongiorno, per una manciata di punti non si è materializzato lo swing inc
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Che si iniziasse a sentire “odore di bruciato” ve l’avevo segnalato già una vita fa. Ripren