Cerca nel Blog

ROMA …BRUCIA PRENDETE I FORCONI!

Scritto il alle 09:08 da icebergfinanza

Prima di incominciare una piccola chicca arrivata fresca fresca da Bruxelles dedicata a tutti coloro che in queste settimane si sono prodigati a rassicurare gli italiani che sai non c’è nulla di male nell’aiutare qualche grande banca qua e la, in fondo lo abbiamo sempre fatto…

Bankitalia, lettera Ue al Tesoro: sospetto aiuto di Stato dietro il decreto

La lettera è partita pochi giorni fa e, visto che l’impatto può essere dirompente, l’ha fatto in punta dei piedi. Ma è difficile che l’atterraggio sia altrettanto morbido: la Commissione Ue vuole capire dal Tesoro se, dietro la rivalutazione delle quote di Bankitalia, non ci siano aiuti di Stato agli istituti. Fosse così, il decreto che rivaluta il capitale di Palazzo Koch andrebbe riscritto. E il premier Matteo Renzi avrebbe la certezza di aver ereditato dal suo predecessore un’eredità politicamente radioattiva. A maggior ragione se Beppe Grillo continuerà a usarla per accusare il governo e le authority di colludere con i grandi banchieri.

Ma proseguiamo, tanto non abbiamo scampo, siamo circondati!

Mentre oggi qualcuno tenterà di salvare Roma con i Vostri soldi, dopo che il sindaco Marino si è sfogato con dispiacere di Renzi...” Io sono veramente arrabbiato e lo sono anche i romani, hanno ragione. Dovrebbero inseguire la politica con i forconi”. “Senza il decreto io da domenica blocco la città. Le persone dovranno attrezzarsi, fortunati i politici del Palazzo che hanno le auto blu, loro potranno continuare a girare, i romani invece non potranno girare fin quando la politica non si sveglierà. ”  io mi sono fatto una domandina carina, carina.

Ma se dopo l’Italia, anche Roma e Napoli e chissà quante altre città, oltre alle banche e a migliaia di imprese che sono fallire, dicevo anche Roma e Napoli sono fallite, non è che il leggendario partito dei sindaci, Renzi compreso, in fondo non era altro che un bluff come tanti altri?

Firenze, il Comune bocciato dalla Corte dei Conti – Il Fatto Quotidiano

No perchè sai son tutti bravi a fare i sindaci con le tasche bucate e con questo non voglio generalizzare, anche perchè in Italia ci sono tanti amministratori locali di piccoli paesi e città che hanno amministrato in maniera virtuosa, ma una riflessione era d’obbligo!

E meno male che qualche ignorante di passaggio su questo blog e tra alcuni imprenditori e giornalisti incontrati in giro per l’Italia, sorrideva quando sostenevo che l’unica opzione reale delle quattro possibili come conseguenza della DEBT DEFLATION, deflazione da debiti in corso era il FALLIMENTO DI MASSA!

Fallimento di massa, dove, come, quando? Tralasciamo buona parte di analisti ed economisti, intrisi nel loro ego ideologico, quelli che negherebbero la realtà anche se stessero scannando viva la loro madre di fronte a loro, quelli che continuano a parlare di inflazione anche quando sale dello 0,1 %, ma questa purtroppo è la realtà!

Tecnicamente sono fallite oltre la metà delle banche, sono falliti, Stati ed Enti pubblici, fallite imprese, singoli individui, questa è la realtà e non basta il denaro di una banca centrale a sua volta tecnicamente fallita ( salvo l’onnipotenza…) per nascondere la verità.

Lo ha detto anche nonna Yellen ieri...Prima che l’economia americana torni a livelli normali “serviranno vari anni”, ma di sicuro l’azione della Federal Reserve ha dato un contributo al miglioramento della congiuntura.

No l’azione della Federal Reserve ha, per ora, contribuito ad evitare fallimento dell’intera America, al fallimento di tutte o quasi le sue banche, delle sue industrie automobilistiche, delle sue imprese edili e via dicendo. No non ci vorranno anni ma lustri e decenni, lunghi decenni perduti per recuperare questa orgia di debito, che ha distrutto strutturalmente l’economia reale e continua a distruggerla grazie alla droga della Federal Reserve che alimenta la speculazione, solo quella, non certo le balle di chi sostiene che la liquidità raggiunge l’economia reale.

Non sappiamo ancora se il crollo dei consumi è dovuto al tempo ha detto la Yellen, nessuna prova di una forte ripresa dei consumi dopo il miglioramento delle condizioni atmosferiche hanno aggiunto gli analisti di Bank of America.

Ieri gli psicopatici cocainomani testosteronizzati che amministrano i mercati sono tornati a scomettere sulla fine del tapering, infatti la Yellen … qualora ci fossero significative variazioni dell’outlook la Fed “potrebbe riconsiderare il tapering”, ovvero il ritmo dei tagli.

Oggi vi racconteranno che il PIL dell’ultimo trimestre americano in fondo non era poi tanto bello come in prima lettura ,a chissenefrega tanto fanno il QEinfinity, che lo yuan si sta velocemente svalutando in attesa che Kerry si scandalizzi, il Chicago PMI, la fiducia di quattro gatti e i nuovi compromessi di vendita delle abitazioni, il leggendario Pending Home Sales che ci diede una grossa mano a prevedere prima di chiunque altro la depressione immobiliare americana nel 2007…

Nei giorni scorsi mi è stato fatto notare il crollo dell’indice manifatturiero di Richmond, mi è stato chiesto del perchè non ne ho parlato. Richmond è il due di picche come Dallas e New York, io tengo d’occhio solo Chicago e Philadelphia i due più importanti distretti americani, che sono scesi sensibilmente. il resto è solo contorno, soprattutto se i dati finali del ISM vengono poi manipolati a seconda della convenienza. Non ci sono prove? Tornate a sognare!

E’ il migliore dei mondi possibili, se va male non ci sono problemi perchè tanto basta la liquidità delle banche centrali se invece va bene, si tengono comunque i tassi a zero perchè in fondo non può andare bene per sempre e la Realtà è un’altra.

Il buon Draghi si sforza ogni giorno suggerendo che non c’è deflazione, solo un’inflazione depressa vero, le attese per il 2014 sono dello 0.2%, il limite della BCE è il 2 % tutto bene quindi, aspettiamo di scendere sotto zero intanto loro underwater ci porteranno i tassi.

Questa invece è iperinflazione immagino…  Bce: a gennaio prestiti bancari a settore privato -2,2 PERCENTO . Imprese -2,9 PERCENTO (ASCA) – Roma, 27 feb 2014 – Nel mese di gennaio e’ proseguita la riduzione dei prestiti bancari al settore privato. Su base annuale la flessione e’ pari a -2,2%, in frazionale miglioramento rispetto al dicembre 2013 (-2,3%). Nella media del trimestre novembre 2013-febbraio 2014 la contrazione e’ pari a -2,3%.

No non lo dico a Voi, Voi ormai siete consapevoli, ma il mondo della finanza  è pieno zeppo di ignoranti ed incompetenti, figli del principio di Peter che è uno spasso studiarne le reazioni dal punto di vista della finanza comportamentale.

Sto sorridendo al pensiero di tutti coloro che nei tempi bui, soprattutto investitori istituzionali hanno venduto o evitato di comprare debito pubblico italiano, gli stessi che oggi se lo stanno strappando di mano quotidianamente a rendimenti folli per la congiuntura reale e fondamentale. La festa sta per terminare!!!

Marino suggerisce di prendere i forconi, ma quali forconi, al limite gli italiani, prendono una forchetta o gli stuzzicadenti, loro preferiscono impugnare un telecomando e digerire la pillola rossa del paese delle meraviglie.

Ieri addirittura sono arrivati i sicari dell’economia, si quelli del moltiplicatore fiscale inventato, quelli che hanno seminato morte e distruzione dovunque hanno imposto le loro fallimentari ricette FMI: STRETTAMENTE CONFIDENZIALE! a dichiarare che l’Italia è sulla strada giusta, l’avevano dichiarato su Monti e ancora ribadito su Letta, ieri sono tornati… Fmi promuove Renzi: bene gli annunci, aspettiamo dettagli. Riformare il mercato del lavoro ma soprattutto questo è il pizzino che loro lasciano a Renzi, quello che loro lasciano ovunque vadano …le «riforme del mercato del lavoro sono la chiave di volta, soprattutto la flessibilità nei contratti».

Privatizzazioni, flessibilità, competitività, GROWTH GROWTH, MARKET, MARKET…idioti!

 « SOSTIENI L’INFORMAZIONE INDIPENDENTE contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta …Chiunque volesse ricevere le ultime analisi può liberamente contribuire al nostro viaggio cliccando sul banner in cima al blog o sul lato destro della pagina. Semplicemente Grazie

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.6/10 (35 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +19 (from 21 votes)
ROMA ...BRUCIA PRENDETE I FORCONI!, 9.6 out of 10 based on 35 ratings
47 commenti Commenta
john_ludd
Scritto il 28 febbraio 2014 at 11:07

Non vedo problemi, ormai l’Europa ha deciso di regolare anche il più antico mestiere del mondo e di conseguenza regolare la vita sessuale dei cittadini. Prossimamente verrà emanata una legge sull’orario esatto in cui si deve andare a cagare, diverso da paese a paese, i tedeschi potranno cagare di più, i greci una volta al mese, gli italiani solo 3 volte la settimana. Va tutto bene, quando uno arriva a questo punto è chiaro che manca poco.

icebergfinanza
Scritto il 28 febbraio 2014 at 11:44

john_ludd@finanza,

Per fortuna non mi sembra che abbiano ancora deciso l’orario nel quale possiamo tranquillamente mandarli a cagare… :wink:

kry
Scritto il 28 febbraio 2014 at 12:05

john_ludd@finanza,

Pensa con una legge ottieni 1) più austerità 2) risparmio di carta igenica e 3) certezza di non utilizzare la cartamoneta€ per tale necessità. Cosa vogliamo meglio di così si muore alla faccia di che scherzando dice: ” chi vive sperando muore cagando.” Viva la Merdel ….. opss mi sono sbagliato che dovevo schiacciare la k di kakka.

kry
Scritto il 28 febbraio 2014 at 12:35

Per VELENO. Prova anche adesso a cliccare sul rettangolo verde che adesso segna 186,5. Stamane verso le 11.00 lo spread era 192,44 e il tasso btp era 3,51 per arrivare piu tardi al 3,45 verso le 12,15. Ora la mia domanda curiosa che non mi cambia la vita chi è che da due giorni verso le 11 svende i btp,è un tentativo di manipolazione del mercato o una necessità costante di smobilizzo da parte di qualche grossa istituzione?

silvio66
Scritto il 28 febbraio 2014 at 12:51

kry@finanza,

Ciao Kry, espandi la visione e la risposta sarà tutto e di più. Più restringi il campo e più sei esposto. Guardando un ora di contrattazioni sul btp il campo lo hai ridotto a tal punto che risulta inverosimile/verosimile ogni ipotesi.

john_ludd
Scritto il 28 febbraio 2014 at 13:00

silvio66@finanza,

i grafici finanziari di breve periodo sono come le macchie di Rorschach, ognuno ci vede quello che vuole vederci. Il problema è che nessuno si degna a osservare quelli di lungo periodo, forse perché ha paura di vedere quello che non vuole vedere.

kry
Scritto il 28 febbraio 2014 at 13:02

silvio66@finanza,

E’ vero. Il fatto è che guardando il grafico in quell’ora ( e non in un ora o ora qualsiasi di una giornata di contrattazioni) è li che c’è quel picco ieri e oggi. Il fatto di aver ristretto a quell’ora o meglio 5 minuti è il vedere quel picco che al contrario risulterebbe una fossa a seconda del parametro che si usa. Ciao, grazie e buon fine settimana.

phitio
Scritto il 28 febbraio 2014 at 13:41

“Serviranno lustri, decenni”
Caro Mazzalai, tra sei anni ci manchera un output di fornitura petrolifera pari a quello attuale dell’arabia saudita.

Ta sei anni non esistera’ piu’ nemmeno una economia mondiale.

Vorrei suggerirle, cosi’, tanto per farsi una panoramica extra-economica, questo video di 50 minuti.

Si parla di estrazione mineraria, ma si divaga anche su altre cose, tra cui economia, energia e mantenimento del network internazionale di relazioni politiche e commerciali.

Le servira’ per avere un frame temporale piu’ realistico su cui poi cinfrontare le sue idee

Saluti

http://www.youtube.com/watch?v=TFyTSiCXWEE

john_ludd
Scritto il 28 febbraio 2014 at 14:27

phitio@finanza,

Difendo Mazzalai qui. Di energia non credo sappia nulla e non credo voglia pure sapere nulla ma ha ragione su un aspetto. Il sistema finanziario è l’anello più debole del sistema. Non appena un numero sufficientemente elevato di operatori finanziari comprenderà che non ci sarà crescita nè ora nè dopo, farà collassare i prezzi di ogni asset a livelli impensabili e rialzare il rezzo delle materie prime energetiche a livelli incompatibili con qualsiasi forma di economia. Ritengo fondato pensare che quello che la FED fa, in accordo con l’autorità politico/militare/bancaria che governa il paese dai tempi di Kennedy, è guadagnare tempo, sperando che gli asiatici collassino prima. Credo che un assaggio lo avremo entro i prossimi 2 o 3 anni cui seguirà una effimera ripresa e un collasso definitivo in seguito. Il collasso del sistema finanziario determinerà il blocco del sistema dei pagamenti che si era evitato per un soffio nel 2008. Gli asiatici procederanno per conto loro, utilizzeranno le riserve auree come “settlement currency” per saldare i commerci tra di loro e pagare il petrolio agli arabi come fanno i turchi con l’Iran oggi e come aveva proposto Gheddafi prima che “inaspettatamente” fosse eliminato. Potremmo avere un conflitto su larga scala, iper inflazione in tutta Europa e tanti saluti. Il nulla che viene dall’Europa sembra incomprensibile ma credo ci sia molto fermento sotto le quinte, penso che con la prossima crisi i tedeschi si smarcheranno e andranno verso est, fornendo il tassello che manca alla creazione di una valuta diversa dal dollaro per la regolazione dei saldi commerciali (non una valuta di riserva, quella non la vuole nessuno e non serve, anzi il contrario) mentre l’Italia tornerà a essere la necessaria porta aerei dell’impero data l’inaffidabilità della Turchia e il collasso dell’Egitto. Non dovrebbe sfuggire all’osservatore attento, l’attivismo di certi organi ben legati a Washington e il defenestramento di Napolitano e lo sputtanamento pubblico di Letta e Monti da parte di un giornalista del NY pubblicata sull’organo ufficiale delle puttane italiane, puntuale come un orologio svizzero. E’ tutto ma proprio tutto legato al controllo dei flussi energetici. Ci passa tutto sopra la crapa come uno stormo di bombardieri.

john_ludd
Scritto il 28 febbraio 2014 at 14:37

phitio@finanza,

non troverai mai nè sul Financial Times, nè su Zero Hedge che apparentemente sembra stare dall’altra parte della barricata una diversa ragione per cui i cinesi hanno immagazzinato tutto quel rame, quel ferro, piombo, zinco, argento, oro… è roba vera, speculazione o no, resta roba vera che serve a costruire strade, ponti e aeroplani. Non c’è praticamente nulla che i cinesi non si producano da soli, mentre le nostre filiere dipendono da loro e dall’energia di russi e arabi. Comunque vada finire, noi occidentali abbiamo stra perso e ce lo siamo meritato… è quello che succede ai vecchi.

[email protected]
Scritto il 28 febbraio 2014 at 14:54

Anche in Trentino ci si omologa o meglio ci si globalizza ! :mrgreen:
Ehhh…. furbacchioni ?
http://gek60.altervista.org/2014/02/grazie-al-m5s-scandalo-vitalizi-trentino-spuntano-60-vedove-doro/
OSS

PS: mio diceva: tutt u munn è paise!
tutto il mondo è paese!

reragno
Scritto il 28 febbraio 2014 at 15:17

Cerco di fare il mio lavoro onestamente nel campo della consulenza finanziaria, ma mi rendo conto che la mia esperienza serve a poco in presenza della più colossale manipolazione dei mercati che mai si sia vista. Dirò di più: il mio rigore e la mia prudenza viene quasi vista dai clienti come incapacità di analisi del mercato.
Scusate il mio sfogo, ma ringrazio sempre e comunque Andrea, che mi ha aperto gli occhi e senza il quale io oggi non sarei neanche qui ad annoiarvi con questi miei pensieri.

john_ludd
Scritto il 28 febbraio 2014 at 15:26

reragno@finanzaonline,

la tua esperienza invece serve moltissimo e potrebbe evitare ai tuoi clienti di finire sul lastrico, almeno non subito. Che poi ti diano retta e non preferiscano un altro perché ha lo scorso anno vinto al casinò questo è un altro discorso e rientra nella sistemica sequenza di delusioni che costella la vita umana

stanziale
Scritto il 28 febbraio 2014 at 15:49

john_ludd@finanza,

John, ipotizzi giustamente un probabile crollo di noi europei abbastanza a breve, e forse una iperinflazione a ratifica del generale (cattivo) operato delle nostre istituzioni europee. Perfettamente d’accordo, e’ tanto che lo penso. Pero’ siccome e’ possibile un galleggiamento della attuale situazione per almeno altri 2-3 anni, vista anche la deflazione in corso, e’ veramente arduo gestire la scarna liquidita’ che molti di noi hanno. Cash is king oppure oro argento, che prima o poi esploderanno ma prima rischiano ancora di pagare il dazio alla deflazione? Il problema e’ il timing….i piu’ coraggiosi si avventurano tra bond italiano, americano, azioni, ma per chi non ci e’ portato, l’alternativa secondo me e’ tutto cash o un po’ di metalli….sul timing (se vedi bene i metalli) cosa pensi?

bergasim
Scritto il 28 febbraio 2014 at 16:01

reragno@finanzaonline,

Siamo sulla stessa barca :mrgreen:

john_ludd
Scritto il 28 febbraio 2014 at 16:22

stanziale@finanza,

Questo è il blog di Andrea che oltre ad averci visto piuttosto bene fa pure il consulente in materia ed è più titolato del sottoscritto il quale ha più volte scritto che, per i proprio soldi, non vede soluzioni migliori che spenderli nei prossimi anni, mantenendo un cuscino in caso abbiamo fortuna e si arrivi più lontano di quanto razionalmente temo. La coerenza è un ideale ma almeno ci provo. Se invece uno mi chiedesse cosa fare in assoluto la risposta è più facile: chi resta solo è fottuto, quando lo stato non sarà più in grado di fornirti quanto oggi si ritiene sicuro e garantito è là che la comunità è fondamentale.

silvio66
Scritto il 28 febbraio 2014 at 16:25

reragno@finanzaonline,

Solidarietà massima da un altro come te :mrgreen:

gilles27
Scritto il 28 febbraio 2014 at 16:42

stanziale@finanza,

Permettimi: Cash is king. and make a PACAM ovvero Piano Accumulo Continuativo Argento Oro :D:D:D:D:D

veleno50
Scritto il 28 febbraio 2014 at 16:55

kry@finanza,

Non volevo rispondere però ci casco sempre, vorrei capire cosa significa svendere btp? forse volevi dire vendere btp e fare cassa cioè guadagno,profitto.anchio sfrutto momenti di ribasso con acquisti e vendo nei momenti migliori come quelli attuali.poi mi pare troppo semplice parlare di speculazione in mezz’ora di mercato.oppure non ho capito il significato e me ne scuso.la speculazione c’è e ci sarà sempre e la tendenza è un’altra cosa, c’è anche chi ha comprato il 2020 4.25% a 80 come valore nominale e venduto 108,50 . ciao

stanziale
Scritto il 28 febbraio 2014 at 16:58

john_ludd@finanza,

Ah ah, furbacchione, hai svicolato! In realta’ Andrea nei report machiavellisti che manda a casa, anche ultimamente ha fatto previsioni precise, peraltro azzeccandoci in pieno, come solitamente fa. Ma operativamente lo puo’ seguire chi e’ portato a questi investimenti(e chi ha la disponibilita’), ovvio..io per esempio mai fatto bond-btp…..mi garba il blog per la linea politico-economica, ma se penso ai bond mi viene l’orticaria, sono per la roba solida, naturalmente sbaglio a non approfittare di valutazioni ben supportate da una fonte cosi’ buona, mai detto di essere vispo…

comax74
Scritto il 28 febbraio 2014 at 17:01

Ma in questo scenario….per chi come me ha un mutuo, cosa succede? Se veramente va tutto a gambe all’aria non penso che ci sia un giudice fallimentare che mi richiede il rientro immediato……

dispettoso fiorentino
Scritto il 28 febbraio 2014 at 17:05

..timing … tutti oramai parlano di timing .. quando comprare , quando vendere , ?

… da fiorentino , posso solo comunicarVi la nascita della parola ” BISCHERO ” , che non è un offesa ,

ma tutto nasce dalla nobile famiglia dei BISCHERI , proprietaria di molti palazzi nel cuore di Firenze ,

che non accettando l’offerta fatta dal Comune del tempo , ritenendola non congrua , si trovarono a

dover successivamente cedere tutte le proprietà per pochi fiorini ; da allora la definizione BISCHERO

, che torna di moda oggi , riferito al timing ….

meditate sulla storia spesso insegna lezioni che si

ricordano nei secoli …. buon timing a Tutti….

phitio
Scritto il 28 febbraio 2014 at 17:09

john_ludd@finanza:
[email protected],

non troverai mai nè sul Financial Times, nè su Zero Hedge che apparentemente sembra stare dall’altra parte della barricata una diversa ragione per cui i cinesi hanno immagazzinato tutto quel rame, quel ferro, piombo, zinco, argento, oro… è roba vera, speculazione o no, resta roba vera che serve a costruire strade, ponti e aeroplani. Non c’è praticamente nulla che i cinesi non si producano da soli, mentre le nostre filiere dipendono da loro e dall’energia di russi e arabi. Comunque vada finire, noi occidentali abbiamo stra perso e ce lo siamo meritato… è quello che succede ai vecchi.

Uhm, certo, ma quale sarebbe lo scopo? Comandare su un mondo di rovine fumanti? Continuiamo a dimenticare sempre che ci sono parecchie migliaia di testate atomiche disponibili, dappertutto.

Avere tutti quei materiali, da un certo punto di vista, non aumenta la sicurezza di una nazione, casomai l’opposto.

stanziale
Scritto il 28 febbraio 2014 at 17:27

gilles27@finanza,

Si, essenzialmente c’e’ bisogno di cash, un po’ di oro e argento non fa male, ma e’ il timing il problema, per cui un pochino per volta…

john_ludd
Scritto il 28 febbraio 2014 at 17:37

phitio@finanza,

quelle non sono lì per essere usate ma per non permettere agli altri di usarle. Ad oggi le ha usate una sola nazione ma siccome è quella che ha vinto è pure quella che scritto i libri di storia. Oggi ufficialmente le hanno in tanti, in realtà molti di più. La sicurezza nucleare è un colabrodo e ci hanno scritto dei libri, ma nessun gruppo terrorista indipendente ed organizzato li possiede perché in realtà non esistono gruppo terroristici indipendenti ed organizzati, ognuno è posseduto da altri che sono poi nella loro essenza ancora gruppo terroristici ma siccome sono legali e sono lì per difendere “noi” (sic !) allora vanno bene. Ci fanno qualche film, il buon pastore ha qualche volta scrupoli di coscienza ma alla fine i buoni vincono sempre. Titoli di coda, ricordatevi di buttare gli avanzi nel cestino, e andate in pace. Amen.

gilles27
Scritto il 28 febbraio 2014 at 17:47

stanziale@finanza,

…ieri parlando con un mio amico costruttore mi conferma che i prezzi degli immobili (anche di pregio) oggi si comprano con uno sconto del 20% -25% rispetto a qualche anno fa.
il cash ha pagato. per quanto riguarda i metalli preziosi mi sono documentato parecchio, e mi sono convinto che sia un’ottima soluzione. …il timing il vero problema, per non sbagliare, (visto le previsioni di Jhon ludd) mi sono dato un obbiettivo e di importo e di tempo, Importo Euro Tot, da accumulare entro il 2020. Ogni mese, segnato sul calendario, compro 1/a frazione di importo per arrivare al mio Tot prestabilito al 2020. Se i metalli preziosi “esploderanno” al rialzo (chi dice l’oro a 8000 dollari e l’argento a 500 dollari) bene. Smetto di lavorare e faccio come fa Jhon Ludd. Se ritracciano, l’oro torna a 300 dollari e l’argento a 5, pazienza, con il PACAO (PIANO ACCUMULO CONTINUATIVO ARGENTO ORO), avrò una perdita in conto capitale del circa 30% sulla cifra che mi sono prefissato di investire, non disturberà le mie future finanze.

john_ludd
Scritto il 28 febbraio 2014 at 17:48

stanziale@finanza,

nel dopo 2008 è salito tutto, il miglior affare era e apparentemente è ancora comprare i titoli peggiori, le aziende fallite che gli ultimi orsi del pianeta si ostinano a shortare. Short squeeze e tac ! quelle sono salite il doppio dell’indice principale che è salito del 150%. Per non guadagnare o eri un orso massivo o è stato impossibile. Dove sta l’abilità ? La marea solleva tutte le barche, piccole e grandi e lo tsunami le affonderà tutte. E’ solo psicologia caro Stanziale, ognuno crede a quel che vuole credere, si rifugia in un buco o scappa in cima a una collina o fa follie al bar perché oggi è festa e si ubriaca con le proprie certezze. Io credo nelle leggi della natura, le conosco, mentre le leggi dell’uomo o sono transitorie o sono proprio delle cazzate.

john_ludd
Scritto il 28 febbraio 2014 at 18:02

gilles27@finanza,

la psicologia mi sorprende sempre, questa incredibile capacità del cervello di ignorare tutto. L’evoluzione ha prodotto davvero cose miracolose. Alcuni studi hanno evidenziato una cosa davvero curiosa. Ai soggetti sono state presentate immagini di cibo di qualità, roba buona e si è verificato quali aree del cervello venissero eccitate. A distanza di tempo sono state presentate immagini che ricordano il denaro e la ricchezza. Le aree sono le stesse e sono le stesse dei cani e di ogni altro mammifero. 3000 anni fa non esisteva una civiltà ma si accumulava cibo per passare i momenti bui. Servono molte migliaia di generazioni perché si verifichino mutazioni tali da deviare da questi comportamenti sepolti nella parte primordiale del nostro sistema genetico. Quindi accumuliamo, ma una volta consumavamo durante l’inverno, ora no. Ma quando l’inverno arriverà ci accorgeremo di avere accumulato la roba sbagliata e allora l’evoluzione comincerà un nuovo ciclo. Comunque tu accumula pure, serve per sentirsi meglio.

kry
Scritto il 28 febbraio 2014 at 18:31

Da 4/5 mesi sto effettuando il PACAL ( piano accumulo continuativo alimenti e legna ). Spendo il 15/20% in più al mese sugli alimentari. Tonno, ragù, pasta riso con scadenza oltre il 2016. Se tutto va bene avrò fatto una spesa inutile e al limite prima della scadenza regalerò a quelli che ne hanno più bisogno.

tirlusa
Scritto il 28 febbraio 2014 at 18:40

Andrea Eur/Usd sopra gli 1,38……che ne dice Machiavelli?

kry
Scritto il 28 febbraio 2014 at 19:32

veleno50@finanza,

Oggi a differenza di ieri i tassi del bund sono aumentati. http://finanza-mercati.ilsole24ore.com/spread.php?QUOTE=spread-btp&refresh_ce Se guardo il grafico vedo che si passa da 189 a 192,4 per tornare a 188,80. Io ci vedo un anomalia che chiamo erroneamente svendita da parte di chi vende e affare per chi compra. Ieri è successa la stessa cosa più o meno alla stessa ora con un movimento più ampio complice la discesa dei tassi del bund dopo quel picco. Da qui la mia affermazione di ieri ” In queste ore c’è qualcuno che sta facendo incetta di bund ( i tassi stavano scendendo ) e vendendo qualche btp!? Tutto qui non ero intenzionato a fare nessuna polemica era una semplice curiosità un capire se magari c’era sotto una forzatura stile DB dei tempi passati anche se so che ormai c’è inserito il pilota automatico di Mario. Forse sono troppo fantasioso e ottuso. Se avessi avuto la possibilità mi sarei comprato i BTPi 41 quando erano arrivati poco sotto 60 e Andrea consigliava di non abbandonare i titoli di stato. Ciao e buon fine settimana.

dorf001
Scritto il 28 febbraio 2014 at 19:39

kry@finanza,

KRY lascia stare i bund-ini. c’è qualcosa di più grave. poi vedrai dove te li metteranno i btp.

la sapete di renzi l’israeliano?

Matteo Renzi, il nuovo che avanza…con il solito vecchio parassita sionista sulla schiena…

Renzi l’israeliano, con Ledeen alle spalle

~ di Cristina Amoroso – 26/02/2014 – Il Faro sul Mondo ~

“Renzi l’israeliano. Con Ledeen alle spalle”, ultimo articolo di Maurizio Blondet, giornalista e scrittore “scomodo”, che fa luce su alcune pieghe oscure del Governo Renzi nell’attribuzione dei vari ministeri, legandoli in particolare all’apparizione in Italia di Michael Ledeen, precursore di Leo Strauss, uomo-chiave nella rete occulta della Nato in Europa, che “come sempre non mancherà di mettere le mani nelle paste più purulente della strategia della tensione”.

L’articolo evidenzia come la ricomparsa di Michael Ledeen potrebbe spiegare l’improvvisa fretta nel costruire il “governino” di Renzi, il perché della cacciata di Emma Bonino, la scelta del ministro degli Esteri nella figura della “piccola povera Mogherini” che sarà supportata dal nuovo ministro (ombra) degli Esteri nella persona di Ledeen. Ma chi è costui? “Israelo-americano, mestatore sopraffino, Ledeen è sempre apparso e riapparso in Italia a mettere le mani nelle paste più purulente: strategia della tensione, strage di Bologna, Brigate Rosse, rapimento Moro, pistolettata di Ali Agca al Papa, falsa storia dello yellowcake (la “torta di uranio” del Niger che l’Iraq avrebbe segretamente importato – la scusa per attaccare Saddam Hussein e sostenere la menzogna di Bush jr., che l’Iraq aveva armi di distruzione di massa: falsi documenti preparati dai servizi italiani, su suggerimento di Ledeen), praticamente non c’è faccenda in cui Ledeen non abbia depistato e fatto gli interessi di Israele e (subordinatamente) della Nato”.

E via via Blondet sciorina pillole di chiarificazione sulla funzione del tristo figuro durante il rapimento Moro, la pistolettata a Giovanni Paolo II e la falsa“pista bulgara”, sulla sua collaborazione con i servizi segreti italiani negli anni ’70, “insomma un uomo-chiave nella rete occulta della Nato in Europa”, ai tempi della strategia della tensione “per mantenere l’Italia nel solco atlantista”.

Blondet continua a mostrare il ruolo dell’israelo-americano nella vicenda di “Mani Pulite”, la funzione che ebbe l’American Enterprise, il think tank di cui allora Ledeen era membro di punta, la Centrale israeliana-neocon, su cui Blondet scrive: “Centrale israeliana-neocon, è riduttivo: fu uno degli organismi che, dopo l’11 Settembre, hanno forzato la politica estera Usa nella attuale e rovinosa «guerra lunga al terrorismo globale», indotto l’invasione dell’Afghanistan, l’occupazione dell’Iraq, provato ripetutamente l’aggressione dell’Iran, operato il frazionamento dei Paesi musulmani secondo linee etnico-religiose”.

Ma non basta. L’articolo continua ad elencare le imprese di Michael Ledeen, firmatario del “Pnac (Project for a New American Century): il think tank che nel 2000 propose al presidente americano la dominazione totale del mondo – con uno sforzo economico e bellicista che gli americani non avrebbero mai accettato, senza «una nuova Pearl Harbor»: quella che si verificò magicamente l’11 settembre di un anno dopo, con il mega-attentato «islamico», così dissero…”.

E ancora Michael Ledeen in qualità di direttore del Jewish Institute for National Security Affairs (Jinsa), “ossia la cupola semi-segreta in cui si allacciano i rapporti inconfessabili tra l’esercito israeliano, il Pentagono e l’apparato militare industriale americano, che ha condotto al colpo di Stato neocon e alle successive guerre d’aggressione dei nemici potenziali d’Israele”.

Non è facile recensire un articolo di Maurizio Blondet, questo in particolare, trattandosi di un sordido individuo dalle mani sporche come sporchi sono i suoi ruoli in terra americana, mediorientale o italiana, “dalla predicazione della necessità della violenza permanente, in politica, avvolta nella menzogna umanitaria, democratica, persino cristiana (cristianista)”, alla mobilitazione del popolino protestante americano, “cristiani rinati”, a fianco dell’estremismo israeliano visto come acceleratore del Messia, alle storiche lezioni italiane di De Felice, alla sua amicizia con i radicali senza che Michael dimentichi mai di fare gli interessi del fanatismo messianico israeliano e della sua utopia di potere mondiale.

“Fatto sta che Ledeen è tornato – conclude Blondet -: insieme a finanzieri super-giudei come Davide Serra, insieme a Yoram Gutgeld e Marco Carrai «molto vicini a Israele» (tanto da averci delle aziende), a consigliare Renzi e fornire le sue false informazioni, teorie dementi e vere direttive alla sprovveduta, candida ministruzza degli Esteri… E che giusto qualche giorno fa, la Mogherini s’è recata, con «una piccola delegazione Nato, a Kiev». Guarda la combinazione, la Mogherini a fianco della Nuland. Per forza che Renzi piace tanto a Mieli, al Corriere, al vecchio amicone Stefano Folli; per forza nella melma del Berlusconi-partito s’è formato il gruppo Gal, allo scopo di portare le borracce al governo Renzi, se la sinistra minacciasse di farlo cadere. È tornato Ledeen, e si vede. Ancor più si vedrà”.

~

Fonte: http://www.ilfarosulmondo.it/wp/renzi-lisraeliano-con-ledeen-alle-spalle/

TSL – 27/2/2014

gnutim
Scritto il 28 febbraio 2014 at 20:38

ed ora anche la cina svaluta la propria valuta di ca.ca

guerra aperta sulle valute

gnutim
Scritto il 28 febbraio 2014 at 20:41

occhio anche all’indonesia che è un paese che è diventato netto importatore di petrolio.

peccato che sono solo 250 milioni di teste….

poi mi vengono a dire che la valute emergenti soffrono per il tapering…….. ma va là…..

icebergfinanza
Scritto il 28 febbraio 2014 at 23:24

Toc toc è permesso…no perchè qui dentro mi sembra che stia diventando un funerale!

Ragazzi dopo sette anni passati insieme cerchiamo di non esagerare qui c’è anche tanta gente che ha bisogno di speranza, non solo di visioni negative. Non sarà facile ma i miracoli sono sempre possibili. Ad esempio nella vita di tutti i giorni i miracoli sono di casa, sono di casa tra persone consapevoli che hanno scelto di condividere scelte alternative, strade di successo, che partono soprattutto dalla condivisione e dalla cooperazione.

Il mio pensiero è semplicemente questo. Noi stiamo assistendo al funerale di questo sistema sociale ed economico, per alcuni siamo ancora in piena agonia, ma ciò non significa che nel frattempo non sia nata un’alternativa, che stia muovendo i primi passi.

Sarò ripetitivo ma non mi stancherò mai di ricordare a tutti che…

“Avrei desiderato che tutto ciò non fosse mai accaduto ai miei giorni”, esclamò Frodo.
“Anche io” annuì Gandalf ” come d’altronde tutti coloro che vivono questi avvenimenti. Ma non tocca a noi scegliere. Tutto ciò che possiamo decidere è come disporre del tempo che ci
è stato dato”

“Ma non tocca a noi dominare tutte le maree del mondo, il nostro compito è di fare il possibile per la salvezza degli anni nei quali viviamo, sradicando il male dai campi che conosciamo, al fine di lasciare a coloro che verranno dopo una terra sana e pulita da coltivare. Ma il tempo che avranno non dipende da noi”.

Guardatevi intorno datevi da fare c’è veramente tanto da fare incominciando dalle nostre FAMIGLIE, dalle nostre COMUNITA’… aiutatevi a vicenda, condividete, cooperate, lasciate scorrere l’UMANITA’ che è dentro ognuno di Voi, imparate a godere delle cose semplici, provate ad accontentarvi, e soprattutto abbiate SPERANZA.

Io sono con Voi un abbraccio Andrea

veleno50
Scritto il 1 marzo 2014 at 00:41

dorf001@finanza,

Non voglio polemizzare però sei monotono con sto renzi sempre sotto le dita della tastiera, se me lo permetti ti suggerisco la frase di andrea(impara a godere delle cose semplici,prova ad accontentarti e sopratutto abbi speranza).buona notte

kry
Scritto il 1 marzo 2014 at 02:31

Madre Terra26 febbraio 2014 19:57
Non mi piacciono le “grandi civiltà” : si avvalgono sempre della tecnica del “dominio”.
Preferisco di gran lunga le “tribù” : non vi è il “dominio”, ma la “condivisione”, e il rispetto per la Natura.

Se la civiltà occidentale/dominatrice/consumistica è una grande civiltà, lo è nel male : abbiamo rovinato gran parte del pianeta e stiamo per annullare quasi tutta la Vita (compresi gli esseri umani) sulla Terra.

Fra le tribù non vi è “economia di mercato”, ma “condivisione e dono”.
——
Tahca Ushte (Cervo Zoppo), Mineconju-Lakota Sioux, America Settentrionale (1903-1976) ha detto :

“Prima dell’arrivo dei nostri fratelli bianchi, e del loro tentativo di trasformarci in uomini civilizzati, noi indiani non avevamo prigioni.
.
E di conseguenza non avevamo nemmeno delinquenti: senza prigioni non possono esserci delinquenti.
.
Non avevamo serrature o chiavi: quindi non c’erano ladri.
.
Se qualcuno diventava così povero da non avere un cavallo, una tenda o una coperta,
gli venivano dati in dono.
.
Desideravamo possedere cose solo per poterle donare.
.
Non conoscevamo nessun tipo di denaro, così non usavamo la ricchezza come parametro per calcolare il valore di una persona.
.
Non avevamo leggi scritte, né avvocati, né politici, così non ci potevamo imbrogliare l’uno con l’altro.
.
Prima dell’arrivo dei bianchi eravamo proprio conciati male e non riesco a capire come potevamo cavarcela senza tutte quelle cose fondamentali che, come ci dicono, sono alla base di una società civile”.

http://www.servadghi.it/cervozop.htm
—-
Gianni Tiziano

magro
Scritto il 1 marzo 2014 at 10:04

Veleno scusa ma mi pare che qui il problema è che tu in sto Renzi ci stai riponendo tutta la tua speranza, e quindi quando te lo toccano salti. E’ pure comprensibile perché siamo alla frutta, ma fatti una ragione che la percentuale che sia l’ennesimo bluff è molto alta, fra l’altro anche il più pericoloso, se invece salverà la patria tranquillo che faremo la fila per chiedere scusa, e ne saremo anche felici.

giulio0808
Scritto il 1 marzo 2014 at 11:17

icebergfinanza:
Toc toc è permesso…no perchè qui dentro mi sembra che stia diventando un funerale!

Ragazzi dopo sette anni passati insieme cerchiamo di non esagerare qui c’è anche tanta gente che ha bisogno di speranza, non solo di visioni negative. Non sarà facile ma i miracoli sono sempre possibili. Ad esempio nella vita di tutti i giorni i miracoli sono di casa, sono di casa tra persone consapevoli che hanno scelto di condividere scelte alternative, strade di successo, che partono soprattutto dalla condivisione e dalla cooperazione.

Il mio pensiero è semplicemente questo. Noi stiamo assistendo al funerale di questo sistema sociale ed economico, per alcuni siamo ancora in piena agonia, ma ciò non significa che nel frattempo non sia nata un’alternativa, che stia muovendo i primi passi.

Sarò ripetitivo ma non mi stancherò mai di ricordare a tutti che…

“Avrei desiderato che tutto ciò non fosse mai accaduto ai miei giorni”, esclamò Frodo.
“Anche io” annuì Gandalf ” come d’altronde tutti coloro che vivono questi avvenimenti. Ma non tocca a noi scegliere. Tutto ciò che possiamo decidere è come disporre del tempo che ci
è stato dato”

“Ma non tocca a noi dominare tutte le maree del mondo, il nostro compito è di fare il possibile per la salvezza degli anni nei quali viviamo, sradicando il male dai campi che conosciamo, al fine di lasciare a coloro che verranno dopo una terra sana e pulita da coltivare. Ma il tempo che avranno non dipende da noi”.

Guardatevi intorno datevi da fare c’è veramente tanto da fare incominciando dalle nostre FAMIGLIE, dalle nostre COMUNITA’… aiutatevi a vicenda, condividete, cooperate, lasciate scorrere l’UMANITA’ che è dentro ognuno di Voi, imparate a godere delle cose semplici, provate ad accontentarvi, e soprattutto abbiate SPERANZA.

Io sono con Voi un abbraccio Andrea

Bellissimo post, riassunto di tutti gli anni passati insieme
Un grande abbraccio
Giulio

veleno50
Scritto il 1 marzo 2014 at 11:41

magro@finanza,

Chi è prevenuto manca di razionalità. io aspetto i fatti se poi non arriva nulla di buono farò ammenda. un po di tempo si da anche a un condannato a morte lasciagli fumare una sigaretta in santa pace.sono 22 anni che promettono milioni di posti di lavoro , abbassamento delle tasse, riforma del lavoro, riforma elettorale etc etc.sono tutte questioni importantissime che Renzi ha messo sul piatto e promesso di risolverle in tempo molto breve . perchè non spieghi perchè fallirà, chi ha previsto il fiasco, chi si augura che tutte le aspettative crollino in fiasco clamoroso,io ci spero signor Magro NON FACCIO PARTE DELLA CIURMA CHE REMA CONTRO .buona domanica

futre
Scritto il 1 marzo 2014 at 12:29

Tassiamo tutti i BOT people del pianeta Italia!
Ahi, ahi, ahi … peccato pero’ che…

http://www.wallstreetitalia.com/article/1671251/fisco/tassazione-rendite-finanziarie-quello-che-il-governo-vi-nasconde.aspx

futre
Scritto il 1 marzo 2014 at 12:33

Delrio: per la serie “Pecore a sonagli” va ora in onda la puntata “Credevo di produrre VELENO e invece e’ solo latte”.

silvio66
Scritto il 1 marzo 2014 at 14:28

Ottimismo dici…vediamo un pò…tutti i nostri attuali parlamentari meno quelli sostituiti dai grillini un anno fa, negl’ultimi tre anni hanno sostenuto prima monti, poi i due letta e ora renzi…nel frattempo abbiamo perso sette punti di pil… distrutto il 20% del manifatturiero…nuovo record di debito pubblico…nuovo record di pressione fiscale…nuovo record di disoccupazione…nuovo record di tasso di povertà…nuovo record di indebitamento delle famiglie…nel frattempo ovviamente tutti questi parlamentari, meno i grillini eletti un anno fa, che hanno diretto il paese cosi bene, hanno continuato a percepire lauti stipendi, incassare centinaia di milioni di finanziamento pubblico come partiti, e venire tutt’oggi in televisione a spiegarci le cose…….bè, ma che stupido che sono, adesso matteo renzi li farà diventare tutti serissimi e capaci…e si silvio…sei proprio un ottuso disfattista che rema contro per non capire che renzi farà scendere lo spirito santo su tutte le loro teste…mi sento già più ottimista…

idiocrazia
Scritto il 1 marzo 2014 at 14:31

Quelli che credono in Renzi hanno la stessa capacità intellettiva di quelli che aspettavano che monti tassasse i ricchi per salvare i poveri o quelli che aspettavano di vedere prima i reali provvedimenti e poi criticare. Non c’entra nulla l’essere prevenuti ha anche fare con l’intelligenza e l’attitudine all’essere presi per i fondelli, poi l’autore di questo blog ha definito Renzi un’idiota quindi…

[email protected]
Scritto il 2 marzo 2014 at 10:59

idiocrazia@finanza,

Quoto alla lettera….. :mrgreen:

veleno50@finanza,

Purtroppo Veleno, non me ne volere :wink: , ma gl’ita(g)liani sono imbattibili a riporre le proprie speranze nelle persone sbagliate, anche se si susseguono uno dietro l’altro, uno peggio dell’altro, ed il popolo dietro come “pesciolini” :lol: !
Veleno, i tuoi ragazzi al contrario tuo, hanno capito che è necessaria una svolta radicale ed hanno riposto le loro speranze, come il sottoscritto, nel M5S che è un mondo a parte!
Vedremo, anche qui come dice Andrea, la verità è figlia del tempo!
Buon domenica a tutti.
Oss

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
A Piazza Affari il Ftse Mib ha aperto le contrattazioni con un ribasso superiore al mezzo punto pe
Spunto di riflessione : gli indici Europei , come tutti sanno, sono il rimorchio dei mercati USA. Il
Alla Camera è stata votata la legge che prevede il ricalcolo delle pensioni in essere agli ex parla
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Lo avrete sicuramente letto su molti giornali. Proprio in questi giorni (ieri) abbiamo festeg
Partenza positiva per Piazza Affari stamane. Dopo circa un'ora e mezza dall'apertura del mercato l'i
  Ieri all'improvviso un signor nessuno, governatore della Banca centrale austriaca, eq
  Ieri all'improvviso un signor nessuno, governatore della Banca centrale austriaca, eq
  Sulla carta il meeting FED di oggi si è chiuso col classico “nulla di fatto”. Tas
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us