ITALIA…LA GUERRA CONTINUA!

Scritto il alle 10:35 da icebergfinanza

Sembra che uno dei nonni di Angelina, il leggendario Otto von Bismarck, amava ricordare che …Il solo sano fondamento di un grande stato è l’egoismo statale, non il romanticismo; e non è degno di un grande stato contendere per una questione che non rientra nel suo particolare interesse.

Detto fatto, i suoi nipotini hanno risposto all’appello!

State sintonizzati sino alla fine perchè avrete la conferma di quanto Icebergfinanza ha scritto in questi tre anni, da questo post capirete molte cose, aumenterete la Vostra consapevolezza e mi raccomando, tenetevelo per Voi senza condividerlo!

Mi raccomando vi aspetto in massa sul nostro canale  ICEBERGFINANZA IN DIRETTA SU TWITTER! visto che … Il Paese stanco che non crede più a tg e talk show

(…) Gli italiani continuano a informarsi, in larga maggioranza, seguendo la tivù. Anche se ne hanno sempre meno fiducia e usano, in misura crescente, la Rete. Perché la considerano il canale più libero e indipendente. (…)

Mentre in Italia gli ingenui seguono le vicende di Renzi e Lucia e i fessi continuano ad introdurre tassazioni unilaterali, oltre 470.000 iscritti alla SPD hanno detto sia via mail, sai che garanzia, alla Grande Coalizione, la sintesi quindi è che … Nessuna sopresa, invece, sul fronte delle politiche europee. Il patto tra Cdu e Spd mantiene fermo il principio di sostenibilità del debito pubblico e di non “mutualizzazione” tra i Paesi dell’Eurozona. Sotto certi aspetti, anzi, le posizioni socialdemocratiche sono apparse più severe di quelle sostenute in passato dalla Cdu, come per esempio sul controverso tema del fondo comune per la ricapitalizzazione diretta delle banche in difficoltà nel quadro degli accordi, in corso di definizione, sull’Unione bancaria.(Sole24Ore) 

Nein, nein, nein a tutto quello che non rientra nei loro interessi, giustamente direbbe qualcuno, peccato che in pochi come Icebergfinanza vi raccontino delle responsabilità tedesche!

Non solo ieri hanno confermato il comandate supremo delle forze armate Wolfgang Schauble e addirittura hanno richiamato in patria… Asmussen dalla Bce al governo Merkel ufficialmente per stare vicino alla sua Famiglia.

A qualcuno sembrerà una notizia qualunque, normale avvicendamento sullo scacchiere tedesco, ma non lo è!

“(…)Ma per l’Europa e il processo tortuoso di integrazione della vigilanza bancaria, l’addio del brillante economista 47-enne che ha studiato, tra l’altro, alla Bocconi di Milano, non è una buona notizia. È stato l’unico tedesco “non dogmatico” passato per i vertici della Bce negli ultimi, difficilissimi anni: le misure straordinarie anti-crisi inaugurate da Jean-Claude Trichet nell’estate del 2010 hanno via via causato le dimissioni polemiche sia del predecessore di Asmussen, Jürgen Stark, sia dell’ex presidente della Bundesbank, Axel Weber, che sarebbe dovuto diventare presidente della Bce dopo il francese. Contrarissimi, entrambi all’adozione di strumenti straordinari, principalmente all’acquisto dei bond sovrani, decisi a partire da maggio di tre anni fa. Anche l’attuale numero uno della Buba, Jens Weidmann, si pone spesso in polemica con le decisioni prese a maggioranza, e spesso sono circolate voci su due dimissioni dalla guida della banca centrale tedesca. Asmussen, in questo quadro, è sempre stato un’eccezione importante e si è sempre profilato come mediatore straordinario tra le mosse della Bce per mettere a riparo l’euro dagli scossoni del mercato e dalla sfiducia che nel 2012 ha rischiato di spezzarlo, e le istanze dei custodi dell’ortodossia tedesca, sempre contraria alle misure straordinarie e afflitta dalla paura dell’iperinflazione. In questo senso, nella fase più acuta della crisi, Asmussen è sembrato rappresentare perfettamente nel board della Bce anche il pragmatismo di Angela Merkel, che si è schierata a fianco di Mario Draghi e ha approvato lo scudo anti-spread Omt che è stato un importante tassello della fine delle ostilità dei mercati internazionali contro la moneta unica. Una posizione assunta dalla cancelliera – e da Asmussen – contro il parere della Bundesbank. E in Germania non è mai un dettaglio. LaStampa

Ma ora le cose cambiano in attesa che la leggendaria Corte Costituzionale di Karlsruhe (… La Corte costituzionale tedesca non deciderà, per adesso, sui ricorsi contro il programma Omt della Banca centrale europea. Il verdetto era atteso dopo le elezioni tedesche di fine settembre, ma non arriverà prima dell’anno prossimo. Sotto esame, da mesi, la legittimità, in base alla Costituzione tedesca, delle Outright monetary transactions messe a punto all’Eurotower tra agosto e settembre dell’anno scorso… (Sole24Ore) decida appunto le sorti degli armamenti della BCE.

Il nostro attuale generale in campo Letta prima di far sparire con il gioco delle tre carte il finanziamento pubblico ai partiti lasciando sul tavolo lo stesso finanziamento con contorno di donazioni libere alla leva demenziale e detrazioni a nostro carico aveva dichiarato Letta: «Troppi ayatollah del rigore»

La risposta non si è fatta attendere!

Germania: A tutta austerity con la Grosse Koalition …

E’ necessaria (da parte degli stati membri dell’Unione) una politica di bilancio ed economica orientata su criteri di stabilità. Per questo motivo, gli alti livelli di debito pubblico devono subire un ulteriore decremento. È una delle lezioni di questa crisi“.

…Per questo motivo, gli alti livelli di debito pubblico devono subire un ulteriore decremento…

Tu brafo italianen conoscere kosa esere fiskal compact, quelo che tuoi politiken fotato senza tanti complimenten e inseriten nela fostra costituzionen soto la voze paregio di bilancen?

Per maggiori informazioni pregasi rivolgersi a FISCAL COMPACT: STATI UNITI D’EUROPA …  ma soprattutto a FISCAL COMPACT LEGGENDE METROPOLITANE

La cosa karinen è ke foi italianen afete aprovaten in freta e furien il fiskal compact mentre noi … LA GERMANIA BLOCCA IL FISCAL COMPACT

Ma torniamo seri e andiamo avanti!

Inoltre, sempre con il beneplacito della Spd, Berlino è riuscita a sottrarre al controllo della BCE le sue banche con bilanci inferiori a 30 miliardi di euro, ovvero le casse di risparmio. A certificare lo stato di salute di queste banche saranno i tedeschi stessi. In conclusione ricordiamo che la Spd non ha battuto ciglio rispetto alle modalità degli “aiuti” concessi agli stati membri. La Troika (UE, BCE e FMI) potrebbe pretendere condizioni ancora più restrittive a riguardo. La sentenza di Karlsruhe dello scorso anno va proprio in questa direzione. Secondo la Corte Costituzionale Tedesca, senza l’autorizzazione del Bundestag, il governo non potrà impegnarsi per aiuti superiori a 195 miliardi di euro.

Tutto chiaro no?

In utile che vi ripeta il motivo per il quale la Germania non vuole che nessuno metta il becco nelle voragini contabili con la banca intorno che si ritrova, lo abbiamo visto insieme in dettaglio nell’agosto del 2011…  DATEMI UNA LEVA EVI DISTRUGGERO’ IL MONDO e come fa notare la nostra sempre puntuale Carmen …

…Il ruolo delle banche tedesche nell’Eurocasino: c’è qualcuno che vuole davvero trovare una soluzione? Da Naked Keynesianism una approfondita analisi sul ruolo delle banche tedesche, che hanno contribuito a generare questa crisi, hanno ottenuto tutto il tempo necessario a liberarsi del grosso delle loro incaute esposizioni mentre i periferici morivano di austerità, e ora, almeno, non hanno più alcun interesse a tenere in piedi l’eurozona… ma in questo sembra ci sia qualche differenza col governo tedesco…  Qualcuno potrebbe chiedersi: perché la crisi dell’Eurozona non è già stata risolta? A questo punto, è difficile non concludere che la crisi non è stata risolta perché non c’è alcuna intenzione di risolverla. Ma chi è che non ne ha intenzione?

Ve lo ricordate all’inizio dell’articolo il passaggio … “Il patto tra Cdu e Spd mantiene fermo il principio di sostenibilità del debito pubblico”

Giusto per dimostrare che la verità è figlia del tempo in casa Icebergfinanza,  per la prima volta anche la stampa mainstream, si quella istituzionale in un articoletto qualunque di sottofondo sottolinea come … La sorpresa del debito «sostenibile» – Il Sole 24 ORE

E pensare che era l’ormai lontano 30 settembre 2011 quando uno sconosciuto Icebergfinanza scriveva  ITALIA e GERMANIA: INDEBITAMENTO NETTO e IMPLICIT DEBT confermato poi definitivamente con la certificazione nientepopodimeno che da parte della Commissione Europea per la sostenibilità dei bilanci… ITALIA: MAI RISCHIATO IL FALLIMENTO!     e ancora ITALIA: MAI RISCHIATO DI FALLIRE IN VERSIONE CHART 

La leggendaria Università di Friburgo sottolinea come il debito pubblico italiano è molto più «sostenibile» di quello di Germania, Francia, Spagna, Gran Bretagna e persino Usa.

Non solo il nostro ex carnefice (… ricordate ITALIA … MOODY’S: LA FRODE DEL RATING!

…L’esito controverso di questo ranking, che premia l’Italia nonostante la crescita sia gracile e molte delle grandi riforme strutturali ancora al palo, non sorprende affatto Alexander Kockerbeck, ex analista per il debito sovrano di Moody’s e attualmente consulente in Germania: Kockerbeck è convinto da tempo che nel valutare l’affidabilità e la sostenibilità del debito pubblico l’importanza assegnata nei rating alla crescita è smisurata. E, quel che è peggio, non tiene spesso conto della qualità della crescita, quando virtuale, non reale essa sia: nella storia recente sono stati numerosi i casi di un Pil che è salito perchè drogato da bolle speculative immobiliari, da squilibri della finanza. Per non parlare dei Paesi che crescono grazie all’aiuto del QE delle banche centrali e quindi con tassi tenuti artificialmente molto bassi, svalutazione della divisa e inflazione.
«L’Italia ha una crescita del Pil fiacca, molto debole ma almeno è una crescita onesta. È la più onesta che c’è, nel senso che non nasce da una degenerazione. L’Italia non è cresciuta negli anni passati con le bolle speculative immobiliari oppure partecipando alle avventure virtuali della finanza – sostiene Kockerbeck candidamente –

Ebbene si un pò Cassandra mi sento dopo sette lunghi anni, dalla crisi americana alla crisi italiana, se conoscete qualche editore di qualità che ha il coraggio di raccontare certe realtà , che ci aiuti a raggiungere la grande massa del popolo italiano aiutatemi, desidero ardentemente e disperatamente scrivere un nuovo librooooooo!

Nel frattempo si apre una settimana decisiva per le sorti dell’andamento di valute, oro, bond e mercati azionari in genere, con la decisione sul leggendario tapering, programma di circonvenzione di fessi incapaci di intendere e volere.

E ora il regalo di Natale accessibile a tutti coloro che ci seguono e sostengono da tempo, di una semplicità disarmante, provate a seguirmi!

Come detto più volte, più se ne parla e più prima o poi arriva anche se le banche proveranno a trasferire l’onere sui depositanti…

Bce potrebbe utilizzare tassi negativi su depositi – Asmussen

The Fed Plan to Revive High-Powered Money

Se non sei parte della piccola porzione di umanità che stravede per ogni dichiarazione del Federal Open Market Committee, probabilmente hai saltato una dichiarazione importante per quanto riguarda il mondo arcano delle “riserve in eccesso” sepolta nella profondità del verbale datato 29-30 ottobre…  Si legge: “I partecipanti hanno discusso che ad un certo momento una riduzione da parte del Consiglio dei governatori del tasso di interesse pagato sulle riserve in eccesso potrebbe essere opportuno prendere in considerazione …”

Una vecchia volpe come Alan Blinder sussurra… “… posso assicurarvi che quelle parole sepolte tra le righe sono stati epocali. quando dice che la maggior parte dei membri del suo comitato dicono che potrebbe essere opportuno prendere in considerazione…”,  è quasi come dire che amano da morire l’idea, non vedono l’ora di metterla in pratica aggiugo io.

Graph of Excess Reserves of Depository Institutions (DISCONTINUED SERIES)

E quindi questo cosa significa?

Significa semplicemente che prima o poi la Federal Reserve dirà a tutti…”Cari Ragazzi noi siamo stanchi di continuare a comprare Treasuries per lasciarvi liberi di giocare con la speculazione e forse giunto il momento che mentre noi facciamo tippete e tappete, voi utilizziate le riserve in eccesso per…

Non so Voi ma io mi immagino già la scena!

E per quanto riguarda l’Europa?

Baguette, baguette, ma questa è un’altra storia, appuntamento al 2014!

Sembra che la visione di mercoledi mattina … Per il momento restiamo sulla riva del fiume, laggiù all’orizzonte una piccola tempesta europea ci aspetta… avesse un suo fondamento…

…sempre pronti però a riprendere il mare al momento giusto!

« SOSTIENI L’INFORMAZIONE INDIPENDENTE contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta …Chiunque volesse ricevere le ultime analisi può liberamente contribuire al nostro viaggio cliccando sul banner in cima al blog o sul lato destro della pagina. Semplicemente Grazie!

Inoltre Vi aspettiamo tutti per la nuova avventura su   METEOECONOMY  per condividere insieme nuove informazioni e analisi non solo economico/finanziarie attraverso la tempesta perfetta.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.9/10 (20 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +8 (from 8 votes)
ITALIA...LA GUERRA CONTINUA!, 9.9 out of 10 based on 20 ratings
15 commenti Commenta
gnutim
Scritto il 16 dicembre 2013 at 12:20

riprendere il mare? con acque che premettono burrasca?

AAAAAhhhhhh

Aspetti il neintapering x riprendere il mare

ora capisco…

icebergfinanza
Scritto il 16 dicembre 2013 at 12:52

Cosi giusto per comprendere che oltre alla guerra anche la euronemesi continua … Bce, vicepresidente Bundesbank in pole per sostituire Asmussen: guiderà il controllo delle banche

mannoz
Scritto il 16 dicembre 2013 at 13:07

ops chissà come verranno ponderati gli attivi…

guidone
Scritto il 16 dicembre 2013 at 15:30

“E quindi questo cosa significa?
Significa semplicemente che prima o poi la Federal Reserve dirà a tutti…”Cari Ragazzi noi siamo stanchi di continuare a comprare Treasuries per lasciarvi liberi di giocare con la speculazione e forse giunto il momento che mentre noi facciamo tippete e tappete, voi utilizziate le riserve in eccesso per…
Non so Voi ma io mi immagino già la scena!
E per quanto riguarda l’Europa?
Baguette, baguette, ma questa è un’altra storia, appuntamento al 2014!”

Non so voi, sara’ perche son de coccio, ma non ho capito!

gnutim
Scritto il 16 dicembre 2013 at 15:37

guidone@finanza,

la baguette è la Francia che versa in condizioni pessime con dati macro orribilis.

Per quanto riguarda la Fed Andrea si chiede come si muoverà il mercato quando il board applicherà il tapering. Immagino il solito gioco del canarino in miniera. Prima si annuncia poi si ritira tutto….

gnutim
Scritto il 16 dicembre 2013 at 15:39

voi utilizzate le riserve in eccesso per mettere denari nell’economia vera e non quella finanziaria…

PS: Andrea non succederà mai, non ora x lo meno

gnutim
Scritto il 16 dicembre 2013 at 15:39

oppure usate la liquidità in eccesso per acquistare gli spazzatreasury…

stanziale
Scritto il 16 dicembre 2013 at 17:13

gnutim@finanza,

….naturalmente l’invito rivolto a mezzo mondo, lo stesso che ando’ in crisi al solo annuncio….e che avra’ un nuovo scossone, perche’ ben pochi aderiranno all’invito, e quindi potra’ riprendere (la fed) gli acquisti con la coscienza piu’ tranquilla(lo facciamo per il bene di tutti..), cosi’ per un’altra mano…..fino al disastro finale(questo lo aggiungo io )….ho capito bene?

signor pomata
Scritto il 16 dicembre 2013 at 20:44

Ma scusate, se andrea ha detto in tutte le salse che stiamo andando incontro a una repressione finanziaria e quindi tassi bassi a lungo…..di che tapering vogliamo parlare???
Per riva del fiume credo intenda la borsa…..oggi è andata bene ma ci sono problemi all” orrizzonte.
La domanda che vorrei fargli è la seguente: in caso di burrasca….quella vera, magari attivata da grossi problemi di alcuni paesi emergenti i ventennali usa quanto ne risentirebbero????
Per come la vedo io quelli che dicono che i ventennali andranno al 4-5% sono dei terroristi finanziari per non dire di quelli che sostengono che gli usa faranno default……un teatrino.

kry
Scritto il 16 dicembre 2013 at 22:47

Italia… la guerra continua …. e continua ad essere l’ unica che viene costantemente impallinata nonostante i compiti a casa per l’europa li stiamo facendo bene. Vorrei capire quanti sono i paesi che mostrano attivi commerciali positivi come l’italia. E’ vero che sia le importazioni che le esportazioni sono diminuite rispetto lo scorso mese e questo significa che siamo in contrazione ma il risultato rimane pur sempre positivo per 4,1 miliardi €. Positivo anche il valore medio delle merci che è aumentato rispetto lo scorso anno. Curioso il dato delle importazioni dalla turchia -22% nonostante la svalutazione costante della lira turca. E’ pur vero che questo dimostra ulteriormente che siamo in declino, resta sempre il fatto che i compiti li stiamo svolgendo più che sufficientemente e i risultati non si vedono. Sarà il caso che qualcuno incominci a girare il mondo con questi numeri invece di andare a svendersi. http://www.istat.it/it/archivio/107226

icebergfinanza
Scritto il 17 dicembre 2013 at 08:19

signor pomata@finanzaonline,

… quelli che dicono che i ventennali andranno al 4-5% non conoscono i meccanismi dell’economia, non hanno ancora capito la portata di questa crisi e soprattutto non conoscono la storia e l’analisi empirica. Loro ci proveranno a portarli lassù ma … la verità è figlia del tempo!

gnutim
Scritto il 17 dicembre 2013 at 09:15

il presidente della Buba vuole screditare Draghi, se ci riesce tramite la corte costituzionale o tramite altra via siamo fottuti…

thundermarc
Scritto il 17 dicembre 2013 at 10:28

gnutim@finanza,

draghi è protetto da gente molto piu’ importante di weidmann

ah, a proposito dell’europa, ecco un’altra notizia che fa riflettere

http://www.repubblica.it/esteri/2013/12/17/news/spagna_stretta_su_manifestazioni-73791545/?ref=HRER2-2

gnutim
Scritto il 17 dicembre 2013 at 10:47

thundermarc@finanza,

questa è la legge marziale, in Usa è già prevista da una legge del 2011 (mi pare) che prevede la legge marziale in caso di emergenza sociale.

Anche in grecia già esiste una legge che impedisce le manifestazioni contro l’Unione Europea.

Non è questione di nazismo e fascismo, questo è il liberal-capitalismo sfrenato, è il governo delle lobby non di un assolutista

laverita
Scritto il 17 dicembre 2013 at 21:49

@@tutti
Ebbene si un pò Cassandra mi sento dopo sette lunghi anni, dalla crisi americana alla crisi italiana, se conoscete qualche editore di qualità che ha il coraggio di raccontare certe realtà , che ci aiuti a raggiungere la grande massa del popolo italiano aiutatemi, desidero ardentemente e disperatamente scrivere un nuovo librooooooo!

Propongo “una donazione-anticipo” di x euro pari al costo presunto del libro.
Se siamo in tanti e Andrea ha questa garanzia in tasca la casa editrice non farà fatica a proporsi.
cosa ne pensate?

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Oggi il Ftse Mib si sta comportando nelle prime battute meglio degli altri indici europei dopo aver
Nei miei post ho sempre cercato di “stimolare” la mente dei risparmiatori e anche dei consul
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
I giornali vivono di mode. Tendono a pubblicare e dare maggior visibilità alle notizie “che t
Ftse Mib: l'indice tricolore tenta nuovamente il break dei 22.000 punti, anche se la conferma l'avre
I fondi pensione sia a prestazione definita che a contribuzione definita possono soddisfare gli  ob
Audizione del presidente della FED. Tutto va a gonfie vele, tutto va come previsto, tutto bene. E
Di cosa pensa la storia sulle banche centrali lo sapete già, la rersponsabilità delle più gra