RIVALUTAZIONE QUOTE BANKITALIA PURA PEDOFILIA FINANZIARIA!

Scritto il alle 10:14 da icebergfinanza

Prima di occuparci di un argomento veramente fondamentale, due parole sul gioco delle tre carte americano, due parole sulla ” fantasia creativa” dei dati del mercato del lavoro che non sono altro che i risultati di un sistema di rilevamento obsoleto, come i lettori storici di Icebergfinanza ben sanno, come quando all’improvviso nel 2007, si venne a con conoscenza che nel terzo trimestre 2006 quasi 500.000 posti di lavoro furono revisionati a soli 11.000 circa DI REVISIONE IN REVISIONE

Vi sono troppi fattori che hanno influito sul risultato di questo mese, come il ribilanciamento delle revisioni, prima negative e poi positive. Nessun problema se la Fed avvierà il tapering a dicembre sulla base di un’illusione, ci penserà la verità figlia del tempo a rivedere tutto il prossimo anno. Mentre qualche anima ingenua attende quindi il magico tapering, diamo un’occhiata alle contorsioni statistiche del BLS…

Some federal workers who were not at work during the entire reference week in October were not classified as unemployed on temporary layoff.  Our review of the data indicates that most of these workers should have been classified as unemployed on temporary layoff. Such a misclassification is an example of nonsampling error and can occur when respondents misunderstand questions or interviewers record answers incorrectly. According to usual practice, the data from the household survey are accepted as recorded. To maintain data integrity, no ad hoc actions are taken to reassign survey responses.  If the federal workers who were recorded as employed but absent from work had been classified as unemployed on temporary layoff, the overall unemployment rate would have been slightly, but not substantively, higher than reported.

Un tale errore di classificazione può verificarsi quando gli intervistati fraitendono le domande o gli intervistatori registrano le risposte in modo non corretto! Avete capito come funziona per buona parte il sistema di rilevazione del BLS, non sulla base delle buste paga come l’ADP o TRIMTABS, ma sulla base di un’intervista a qualche anima su milioni di desaparecidos, qualche migliaia di interviste su oltre 300 milioni di popolazione.

Con un aumento impressionante di lavoratori a tempo part-time e un calo della forza lavoro che non si vedeva dagli anni settanta, non c’è nulla di cui rallegrarsi sulla ripresa fantasma americana.

Se volete saperne qualcosa di più leggetevi questo post, nessun media italiano vi farà mai conoscere la reale situazione americana, tanti pappagalli che incensano un mondo in decomposizione… What Labor Market Statistic Matters Most?

Il problema con l’utilizzo delle variazioni del tasso di disoccupazione, come la misura più importante del quadro lavoro è che esso può cadere anche quando le condizioni del mercato del lavoro peggiorano.

Siamo nella parte finale del ciclo economico espansivo e questo è il misero risultato …

"

” Secondo il Bureau of Labor Statistics, ci sono 2,3 milioni di persone tra coloro che hanno abbandonato la forza lavoro che sarebbero disponibili a lavorare. Questi individui non sono conteggiati come disoccupati perché non hanno cercato lavoro nelle quattro settimane precedenti. Se tutti questi lavoratori fossero conteggiati come parte della forza lavoro, il tasso di disoccupazione nel mese di ottobre sarebbe stato 8,6 per cento invece del 7,2 per cento, una differenza importante.

Una grande incognita per il futuro è quanti di questi lavoratori torneranno al mercato del lavoro una volta che le condizioni del mercato del lavoro migliorano. Se ritornano in numero sostanziale, renderebbero più difficile una discesa del tasso di disoccupazione.

Questa misura delle condizioni del mercato del lavoro racconta una storia diversa rispetto al tasso di disoccupazione. Il tasso di disoccupazione è sceso costantemente da un picco del 10 per cento in ottobre 2009 al 7,3 per cento a partire dal mese scorso. Tuttavia, il rapporto occupazione-popolazione era al 62,7 per cento all’ inizio della recessione nel dicembre 2007, ed è sceso a un minimo del 58,2 per cento nel novembre 2010

In base a questa misura di performance del mercato del lavoro, in altre parole, non vi è stato un gran miglioramento nel mercato del lavoro.

E via dicendo l’articolo è chiaro, un media istituzionale americano che Vi racconta quello che Icebergfinanza racconta da ormai sei anni.

Mentre il gatto di Schrodinger Silvio torna a farsi vivo, date un’occhiata alla seguente notizia a proposito della seconda rata IMU, ultima presa per i fondelli prima di ripristinare il tutto il prossimo anno… Risorse da banche e assicurazioni

Arriveranno da banche e assicurazioni le coperture per la cancellazione della seconda rata Imu. La conferma ufficiale l’ha data il presidente del Consiglio, Enrico Letta, che dopo aver ribadito con determinazione nei giorni scorsi l’impegno politico del governo nel mantenere la parola data, ha spiegato oggi che le coperture saranno trovate proprio aumentando gli acconti delle attività finanziarie. «Abbiamo rispettato gli impegni», ha chiarito immediatamente ancora una volta il premier. Le coperture saranno «trovate attraverso gli anticipi che riguardano attività finanziarie, bancarie e assicurative». L’obiettivo è però quello di non ricominciare a fare debiti.

Bene ai più sembrerà oscuro il termine “anticipi che riguardano attività finanziarie” ma probabilmente ancor più oscuro e sconosciuto è il riferimento alle …

… quote di Bankitalia un affare per i big del credito 

“A molti la rivalutazione delle quote di Banca d’Italia apparirà solo come una questione oscura di scarso interesse. Ma per i colossi del credito, Intesa Sanpaolo e Unicredit in testa, e i big delle assicurazioni Generali e Unipol Sai, tutti azionisti di peso di Bankitalia, può rivelarsi un ottimo affare sia per rafforzare i loro patrimoni, sia per i generosi dividendi che potranno ricevere da Palazzo Koch.  Certo, a patto che quello che per ora è solo uno studio, realizzato da Bankitalia su incarico del ministero dell’Economia, si traduca o in un decreto del governo o una in legge dal Parlamento.”

Qual’è il nesso ? Eccolo qui… Ma la rivalutazione delle quote sarebbe comunque ben vista anche dal Tesoro, che potrebbe incassare tra 1 e 1,5 miliardi di nuove tasse. Proprio gli introiti fiscali, che potrebbero essere usati come copertura della seconda rata Imu, spingono parte del mondo politico ad accelerare la riforma delle quote Bankitalia

Della Banca d’ Italia e del legame perverso tra banche e casa madre ho già scritto in maniera succinta nel mio libro, una Banca d’Italia che prevede nel suo statuto la proprietà pubblica ma che è in mano per circa il 95 % a banche private …e quindi?

Quindi a che valori avverrà la rivalutazione delle quote Bankitalia, sarà una rivalutazione immaginaria sulla base di valutazioni soggettive per far contenti tutti, banche e Stato? Guarda caso la fantasia non manca mai ai piani di sotto… Dai crediti statali alle quote della Banca d’Italia La ricetta di Brunetta…

 

Come dice Boeri  … “Il problema è che questa rivalutazione collusiva lascia un’eredità pesantissima sui contribuenti futuri, perché dovranno d’ora in poi pagare per il tramite di Banca d’Italia dividendi più alti agli istituti di credito privati. Mantenendo l’attuale riparto a un millesimo delle quote, i dividendi distribuiti salirebbero a circa un miliardo all’anno rispetto ai 45 milioni attuali. Inoltre, prima o poi, la banca centrale, quindi tutti noi, dovranno ricomprarsi le quote a prezzi che sono stati artatamente gonfiati per esigenze di breve periodo. Le generazioni future, che hanno già sulle spalle il fardello di un debito pubblico al 130 per cento del Pil, non meritano davvero di ritrovarsi anche un ulteriore punto di pil da pagare in  eredità.”

Un giorno non lontano qualcuno dovrà rendere conto, di tutto ciò!

Ora più che mai sulla riva del fiume…

 

Nel frattempo l’uovo di Colombo, l’ ennesima conferma che abbiamo scelto la rotta giusta è in viaggio, per tutti coloro che hanno sostenuto o vorranno sostenere liberamente il nostro viaggio.

 

« SOSTIENI L’INFORMAZIONE INDIPENDENTE contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta …Chiunque volesse ricevere le ultime analisi può liberamente contribuire al nostro viaggio cliccando sul banner in cima al blog o sul lato destro della pagina. Semplicemente Grazie!

 

Inoltre Vi aspettiamo tutti per la nuova avventura su   METEOECONOMY  per condividere insieme nuove informazioni e analisi non solo economico/finanziarie attraverso la tempesta perfetta.

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.8/10 (21 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +10 (from 10 votes)
RIVALUTAZIONE QUOTE BANKITALIA PURA PEDOFILIA FINANZIARIA!, 9.8 out of 10 based on 21 ratings
11 commenti Commenta
icebergfinanza
Scritto il 11 novembre 2013 at 11:22

thundermarc@finanza,

La Fed ce l’ha fatta nel 2009 con una manovra keynesiana… come quando mi sono perso forse qualcosa… gli Stati Uniti sono tuttora ad un passo dalla deflazione..
.
http://www.clevelandfed.org/research/data/inflation_expectations/

kry
Scritto il 11 novembre 2013 at 11:29

La recente proposta del m5s sul reddito di cittadinanza la possiamo considerare come una forma di redistribuzione?—–“Coperture: dai taglia alla Difesa alla stretta sulle pensioni d’oro 
Le coperture finanziarie per il provvedimento rappresentano il principale ostacolo. Il M5S stima un costo annuo di 19 miliardi di euro con il reperimento delle risorse principalmente tramite tagli al Ministero della Difesa e alle cosiddette pensioni d’oro, oltre alla maggiore tassazione per il gioco d’azzardo. In particolare 2,7 miliardi dovrebbero arrivare dal settore giochi, 2,5 dalla Difesa e 2 miliardi dai tagli ai ministeri. Spicca poi il corposo contributo di solidarietà dalle cosiddette pensioni d’oro: si arriverebbe a un contributo del 32% per chi supera di 50 volte la pensione minima. Prevista anche patrimoniale sui patrimoni mobiliari e immobiliari sopra 1,5 milioni con aliquota da un minimo dello 0,50% a un massimo del 3% per i patrimoni sopra i 15 milioni.”—–

icebergfinanza
Scritto il 11 novembre 2013 at 12:26

kry@finanza,

Si può fare ma ti diranno che è utopia guai a toccare i loro privilegi, guai a mettere le mani dove la loro ideologia prospera!

cellula labile
Scritto il 11 novembre 2013 at 12:40

a proposito di lavoro, ho appena letto che hanno riaperto i termini per iscriversi a Botteghe di mestiere…..

http://europalavoro.lavoro.gov.it/EuropaLavoro/Varie/tirocini-per-artigiani-di-qualita

buona giornata a tutti
Anna

sherpa
Scritto il 11 novembre 2013 at 13:07

thundermarc@finanza,

“È la deflazione, bellezza”
Dove le ho già lette queste 4 parole??? :lol: :D :lol:

kry
Scritto il 11 novembre 2013 at 23:21

la Commissione Europea s’e’ mossa in modo del tutto insoddisfacente in questi anni, per non dire ai limiti del “criminale”, considerato che:

A) Da che c’e’ l’Euro non ha mai vigilato, ne’ denunciato gli squilibri che solo oggi, a Novembre 2013, trova il coraggio di denunciare. In teoria gia’ nel 2010 la Germania era nelle condizioni di aver sfondato per 3 anni di fila il 6% di surplus delle partite correnti, ma nessuno ha detto niente per ben 3 anni e mezzo.——– Non ho capito se è una barzelletta o corrisponda al vero.

dorf001
Scritto il 12 novembre 2013 at 00:21

kry@finanza,

vedi kry, il reddito che propone grillo è di 600€ al mese. è pocheto, ma a 9 milioni di persone, me compreso, andrebbe bene almeno per sopravvivere. ma anche solo questa poca roba dà fastidio ai partiti che governano sto paese. che..sottolineo non li ho votati io, e non mi rappresentano. e il governo che c’è ora è illegale. voluto da napolitano! è un colpo di stato.
ma non fanno schfio sti partiti, il pd e pdl non si vergognano a dire e fare quello che fanno? non hanno pietà e umanità di quei 9 milioni di italiani? eppoi si definiscono cristiani. ma dove??? e hanno votato contro questa utile proposta di m5s.

non so, non so cosa hanno dentro i loro minuscoli cervelli. cosa hanno dentro i loro cuori, sempre se ne hanno uno. ahh già pensano solo alle loro careghe. che non gli portino via il loro mini potere. loro credono di averne tanto, ma son fessi. il vero potere sta nelle banche, specie quelle grosse.

dice letta che a fine 2014 tra 14 mesi ci sarà la ripresa. si de che??? della tragedia italiana. mentre Ambrose Evans Pritchard del telegraph dice nel 2014 l’italia rischia il collasso.
pochi gg fa sto tizio ha intervistato letta. non ne pensa molto bene, anzi. lo calcola un povero esaltato di questo euro in picchiata. c’è una intervista, qui : http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=12567

cmq i nostri politici sono una brutta razza di infami vigliacchi senza dignità.

by DORF

sherpa
Scritto il 12 novembre 2013 at 08:02

dorf001@finanza,

Non è molto, ma qualcosa si sta muovendo (in ritardo), l’intervista da te proposta ne è un esempio. Spero che qualche personaggio pubblico in Italia abbia il coraggio di dire quello che pensano in tanti, che questa europa è una truffa, è un disastro per (quasi) tutti noi.
Quanti temi esposti qui, in questo blog, sono ora ripresi da tanti.
Qualcuno ne rendera merito ad Andrea?

Scritto il 12 novembre 2013 at 11:16

Stamane guardavo una trasmissione su una rete privata aperta alle telefonate, il 90% di esse chiedeva, in un modo o nell’altro, soldi, accusando ovviamente i politici di essere dei ladri. Di pagare più tasse, ovviamente non se ne parla, siamo evidentemente la patria del vaticano, quindi dei miracoli.

dorf001@finanza,

Dorf, io attualmente sono disoccupato a reddito zero, visto che come agente di commercio non ho diritto a nulla.
Detto questo, 600x12x9.000.000 sommano 64.800 milioni di euro/anno. Dove li si va a prendere?

Ps. Mi sembra di averlo già detto, ma facciamo un referendum, su quanti di noi hanno auto italiane? Quante tedesche o francesi, inglesi, spagnole o coreane o….? Come credo sappiate, i due settori + trainanti di una economia industriale sono l’edilizia e l’automotive.

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Oggi aggiorno la situazione ciclica dell’indice americano S&P 500. I canali di lungo period
Oggi vorrei fare una riflessione su un concetto che ho letto ieri, scritto da un trader in Italia co
Aggiornando l’analisi di lungo periodo dell’indice Hang Seng attraverso il battleplan Ventennale
Come già detto ieri lasciamo da parte la fantasia e concentriamoci su quello che farà la giuri
FTSE Mib: Il listino italiano testa in apertura la resistenza a 22.261 punti. Ieri infatti, dopo 9
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Prelievi senza carta, pagamenti tramite app e bonifici istantanei. Sono solo alcune delle evoluzioni
Malgrado la sua giovane età, il BitCoin si è già reso protagonista di diverse avventure. È p
PREVISIONE Come da previsione scorsa tra venerdì e oggi, lunedì 20 Novembre 2017, sar
Piazza Affari. Inizio di settimana difficile per l’indice FTSE Mib, che dopo poco più di un’o