COMMERZBANK: LA VORAGINE CON LA BANCA INTORNO!

Scritto il alle 12:42 da icebergfinanza

Mentre sui media nazionali si discute della proposta di Mediobanca di creare una sorta di bad bank per arginare le sofferenze delle banche italiane in Germania, tanti buchi con le solidissime banche intorno vengono alla luce, buchi che in realtà sono voragini.

Una premessa è che  l’esperienza della crisi nordica degli anni novanta, da me più volte richiamata in questi anni, la soluzione adottata di trasferire assets immondizia in una bad bank permettendo poi allo Stato di assumerne il controllo, nazionalizzando la quasi totalità delle banche, dicevo l’esperienza della crisi nordica insegna che oltre la metà del sistema finanziario mondiale andrebbe nazionalizzato, eliminando capitale di rischio e preservando il risparmio, ma da quest’orecchio il conflitto di interesse non ci vuole proprio sentire, condannando l’economia ad una lunga e lenta agonia.

Comunque sia, eccone un’altra sempre ai primi posti del nostro modellino di rischio, che i lettori sostenitori di Icebergfinanza ben conoscono, un’altra voragine con la banca intorno.

Commerzbank, la seconda banca privata tedesca, in parte nazionalizzata durante la crisi finanziaria, lancerà un aumento di capitale da 2,5 miliardi per rimborsare gli investimenti effettuati dallo Stato nel quadro del piano di salvataggio e per rafforzare i ratio patrimoniali. Va infatti ricordato che Commerzbank intende restituire la totalità dei 16,4 miliardi ricevuti da Berlino al più tardi entro il 2014.
A termine dell’operazione, che dovrà essere approvata dall’assemblea dei soci convocata in via anticipata il 19 aprile, la quota diretta dello Stato tedesco nel capitale della banca scenderà sotto il 20% dall’attuale 25% più un’azione.(…)
“La banca rimborserà Soffin (il fondo salva banca tedesco, ndr), dal momento che vuole essere più tranquilla”, spiega Heino Ruland di Ruland Research. (…)  Inoltre, continua il trader, gli investitori ricordano ancora le pesanti perdite che hanno fatto seguito al forte aumento di capitale avvenuto nel 2011. MilanoFinanza 

Nessuna novità per noi di Icebergfinanza, sia ben chiaro GERMANIA: CRACK COMMERZBANK! e GERMANIA: COMMERZBANK CANDIDATA ALLA NAZIONALIZZAZIONE  e GERMANIA: SOFFIN LA CASA DEGLI SPIRITI! ma se con un aumento di capitale per 2,5 miliardi fai crollare un titolo di quasi il 12 % in qualche giorno e rimborsi allo Stato, tutto da verificare sino a prova contraria, solo un quinto di quanto devi, chissà che accadrà quando la verità figlia del tempo si manifesterà anche per le banche tedesche, tra voragini e … buchi con la banca intorno!

Buona Consapevolezza a tutti e se qualcuno continua a farvi notare che loro, si le banche tedesche sono ben più solide di quelle italiane, abbracciatelo come si fa con un malato di mente, un gesto affettuoso rende felice chiunque!

Sarà affascinante osservare cosa accadrà alle banche tedesche in questo anno decisamente …double face!

A proposito il nostro Machiavelli continua ad intravvedere grandi novità all’orizzonte!

Per chi volesse sostenere liberamente il nostro viaggio è disponibile MACHIAVELLI 2013 UN ANNO DOUBLE FACE un post da non perdere sulle prospettive geopolitiche, macroeconomiche e tecniche di un anno che si preannuncia decisamente DOUBLE FACE!

« SOSTIENI L’INFORMAZIONE INDIPENDENTE contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta … Chiunque volesse ricevere le ultime analisi può liberamente contribuire al nostro viaggio cliccando sul banner  in cima al blog o sul lato destro della pagina può liberamente contribuire al nostro viaggio cliccando qui sopra o in cima al blog Semplicemente Grazie!

 

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.0/10 (10 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +6 (from 6 votes)
COMMERZBANK: LA VORAGINE CON LA BANCA INTORNO!, 9.0 out of 10 based on 10 ratings
16 commenti Commenta
mannoz
Scritto il 14 marzo 2013 at 14:57

e il prz medio di carico dello Stato è ben più alto della quotazione attuale…

kry
Scritto il 14 marzo 2013 at 15:26

mannoz@finanza,

Con i tremonti e monti bond MPS la si comprava 2 volte.

kry
Scritto il 14 marzo 2013 at 15:48

DB invece per stare a galla si è fatta prestare i $ dalla FED? http://www.zerohedge.com/news/2013-03-09/fed-injects-record-100-billion-reserves-foreign-banks-operating-us-past-week

Scritto il 14 marzo 2013 at 15:51

@Kry
Oh, yes.
Troppe sausages nelle casse DB

icebergfinanza
Scritto il 14 marzo 2013 at 18:00

kry@finanza,

businesscommunity@finanza,

Ma quale sausages…. wurstel marca Taunus 8O8O8O :mrgreen::mrgreen::mrgreen:

kry
Scritto il 14 marzo 2013 at 19:11

icebergfinanza,

Si ma per questi wurstel i 13 miliardi $ li paga la fed o la grande germania.

stanziale
Scritto il 14 marzo 2013 at 20:51

Su Zero hedge c’e’ un post sui miliardi della fed alle banche europee, forse italiane e spagnole, grazie ai quali, probabilmente , le ultime aste sarebbero andate bene.

stanziale
Scritto il 14 marzo 2013 at 21:10

stanziale@finanza,

Chiedo venia, non mi ero accorto che aveva gia’ segnalato Kry.

kry
Scritto il 14 marzo 2013 at 21:30

stanziale@finanza,

Quello che reputo strano è che menzionano le italiane e spagnole quando sappiamo che sul suolo americano le europee che operano sono inglesi tedesche e francesi. Visto che ormai il nostro debito pubblico e per più del 70% in mostre mani immagino che i tassi bassi del bund tedesco avvengono anche per questo motivo.

john_ludd
Scritto il 15 marzo 2013 at 00:36

Rammento che lo stesso dato lo si può leggere in modo differente a secondo del tipo di occhiale che si indossa. Il 50% dei primary dealers è straniero. Tra i primary dealers segnalo DB, BNP, UBS. Se non dai loro i dollari per acquistare treasuries potrebbero poi avere qualche problema a… (completare la frase a seconda del tipo di occhiale che si indossa per l’occasione). Il mondo è davvero colorato.

kry
Scritto il 15 marzo 2013 at 10:19

john_ludd@finanza,

…. stampare ulteriore denaro? Due volte grazie John. La prima per avermi aiutato ad inforcare gli occhiali … da sole, si perchè mi sono lasciato abbagliare dallo scritto banche spagnole e italiane. Il secondo grazie perchè ricordavo l’elenco delle banche da te scritto giorni fa e mi ero fatto la fantasia di quanto hai confermato qui sopra. Adesso so che non è una mia fantasia e non solo il mondo è davvero colorato ma come già dicevi loro sono molto ma molto intelligenti. Ciao.

john_ludd
Scritto il 15 marzo 2013 at 10:59

kry@finanza,

guarda Kry che io non ha la più pallida idea di che cosa la banca X o la Y faccia domattina, nè conosco i grandi piani di Bernanke o di Draghi sempre che ne abbiano. Solo diffido e me la rido di coloro che pensano di saperlo; siamo circondati da bernankologi, vaticanologi, pentagonologi, grillologi… tutta gente intenta a fare l’analisi semantica di quanto affermato dal leader di turno. Chi ricorda i cremlinologi, quelli che spiegavano al volgo cosa stava succedendo dietro le quinte del potere sovietico analizzando la posizione del tal gerarca a seconda della posizione sul palco delle parate militari ? E’ diverso ora ? E’ tutto rumore di fondo, completamente inutile per decifrare la realtà che è poi in gran parte soggettiva, che quasi sempre l’oggettivo è meta irraggiungibile per il cervello umano. Quello che invece nessuno vuole vedere sono i pochi mega trend di lungo periodo di fondo, che sono al contrario evidenti e non necessitano di occhiali particolari. Ma l’1% che sta in cima non vede oltre il proprio naso ed è tutto proteso a difendere gli ori e gli argenti di casa mentre il 90% del rimanente 99% è solo desolatamente incazzato nero perchè non può consumare come l’1%. Come sempre ci penserà madre natura a ristabilire il necessario e temporaneo equilibrio.

giobbe8871
Scritto il 15 marzo 2013 at 14:38

john_ludd@finanza,

“bella” :twisted: :cry: questa J. Ludd , anche il mio amico evangelista Fernando me lo va ripetendo da 12 mesi :

Succederanno cose che voi umani neanche potete immaginare… il nemico mostrerà il volto del buon pastore e voi come agnelli vi farete salvare

giobbe8871
Scritto il 15 marzo 2013 at 14:40

io non mi FIDO neppure di papa Francesco. Non è più tempo per la fede nelle Autorità ecclesiastiche, ma per la Mente SAPIENTE. :wink: :D

marcos.
Scritto il 17 marzo 2013 at 10:15

Andrea … vedi tracce di speranza?
ho appena finito di leggere il libro di Grillo e Casaleggio …
Chiunuqe altro lo avesse scritto avrebbe ricevuto inviti caldissimi a farsi vedere da diversi psichiatri.
Vedo un movimento di cittadini che sta crescendo ovunque. di cittadini che si sono rotti.
i ciprioti che prelevano i loro soldi sono un chiaro segnale che così non va…
però dove porta tutto ciò?? si rischiano i banchieri appesi ai lampioni mi sa…..

marcos.
Scritto il 17 marzo 2013 at 10:42

un prelievo del 6.65 % una tantum gli hanno imposto al popolo di Cipro….
Questi vogliono la guerra!!!!!!!

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Gli small traders sono ancora in una situazione di sicurezza, però il quadro continua ad essere c
  Quando parlavo di mercato unidirezionale, molti facevano finta di non capire. Ora gli
Ftse Mib: l'indice italiano apre in gap up dopo il taglio del rating di Moody's che è stato comunqu
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Guest post: Trading Room #296. Sono state giornate difficili ma ora ci siamo tolti il dente del do
Dal 2011 la legge ha attribuito alla COVIP la vigilanza sugli investimenti e sulla composizione del
Tanto tuonò che piovve anche se in realtà, più che lampi quelli di Moody's si sono rivelati i
Analisi Tecnica Andiamo a chiudere il piccolo gap a 19660 e riprendiamom a scendere andando a testa
Stoxx Giornaliero Buona domenica a tutti, l’indice di riferimento europeo lascia invariata