GRILLO REFERENDUM EUROPA E GOLDMAN SACHS: LA MANO DI DIO VEDE LE CINQUE STELLE!

Scritto il alle 08:11 da icebergfinanza

Ora provate a seguirmi con molta attenzione perchè è fondamentale cercare di comprendere la filosofia e le visioni della più esoterica banca d’affari al mondo per non dire altro.

Probabilmente in pochi di Voi ricordano come venivano soprannominati all’interno della stessa Goldman Sachs alcuni loro clienti, nel racconto di Greg Smith, ex chief executive di Goldman Sachs uno dei tanti che dopo 20 anni di lavoro in Goldman è caduto dal pero…muppets, pupazzi  e spesso e volentieri la mano destra fa finta di non sapere quello che la mano sinistra fa finta di fare.

Il 26 agosto del 2009 usciva la seguente notizia, sul Corriere della Sera:

MILANO – Sugli incontri riservati degli analisti di Goldman Sachs con i trader e i grandi clienti della banca d’ affari si sono ormai accesi anche i riflettori delle autorità di sorveglianza dei mercati finanziari Usa, dalla Sec alla Finra (Financial Industry Regulatory Authority) cioè l’ organo di auto-controllo dell’ industria del settore. A rivelare la vicenda è stato il Wall Street Journal, secondo il quale durante questi meeting settimanali gli analisti offrivano consigli su quali titoli investire a breve che poi, in certi casi, non trovavano riscontro nei report della banca d’ affari sugli investimenti a lungo termine. Non solo: queste «scelte» rivolte a trader e clienti privilegiati non venivano rivelate al resto della clientela, neanche attraverso il sito web di Goldman Sachs. Niente di illegale, beninteso. Si tratta però di una evidente disparità di trattamento verso i propri clienti. Ma quello che vogliono scoprire le autorità è se i «consigli» d’ investimento venivano offerti anche riguardo a titoli di aziende di cui Goldman stava per cambiare il rating. In questo caso si può prefigurare il reato di insider trading per chi fa fatto uso di quelle informazioni.

Ora che succede… Il giudizio che non ti aspetti, quello che ti sorprende. Il bacio del «nemico». Jim O’Neill, il guru di Goldman Sachs che ha coniato l’acronimo «Bric» (Brasile, Russia, India, Cina), sostiene (in un commento nello studio «Riforme non vuol dire austerity») di trovare «entusiasmante» l’esito delle Politiche. L’Italia, secondo l’economista, ha «bisogno di cambiare qualcosa di importante» e forse «il particolare fascino di massa del Movimento 5 Stelle potrebbe essere il segnale dell’inizio di qualcosa di nuovo». Insomma una promozione per Beppe Grillo a pieni voti, proprio da quella banca d’affari che il leader politico del movimento ha attaccato più volte.(…) Ancor più surreale il fatto che il giudizio di Goldman Sachs arrivi nel giorno in cui viene rilanciata sul web un’intervista di Grillo alla tv greca in cui il leader invita i «Pigs» (Portogallo, Irlanda, Grecia, Spagna) ad allearsi contro le banche. «Magari faremo una associazione di solidarietà tra noi. Stiamo vicini e facciamo le stesse battaglie – sostiene lo showman -. O creeremo una alleanza tra noi Pigs perché intanto ci abbandonano: appena si saranno ripresi i soldi, le banche tedesche e francesi ci mollano». CorrieredellaSera

Il giorno delle elezioni che ti scrive Icebergfinanza? Italia elezioni 2013: goldman sachs killer… di austerità ovvero che secondo gli avvoltoi di Goldman Sachs,  l’Europa ha bisogno di ulteriore austerità, figuriamoci l’Italia!

E’ ovvio che ci stanno prendendo per il cubo, al cubo, ma la gente ha la memoria corta i giornalisti italiani manco li leggono gli articoli di Bloomberg.

Dopo che a novembre  Goldman Sachs: «È l’Italia la sorpresa per il 2013. l’undici dicembre all’improvviso Giravolta di Goldman: “Aumenta il rischio. Vendete bond italiani  che vi lascio leggere ma dal quale estraggo una chicca…

…Tra gli aspetti positivi, Goldman segnala però che adesso Monti avrà le mani più libere per aggregare attorno a sé il supporto per le politiche messe in atto dal suo esecutivo, «probabilmente ispirando la piattaforma di una coalizione centrista»…

Hihiiiiiii scusate ma son qui piegato in due dalle risate, un attimo e mi ricompongo, che figata ragazzi ma che figata!

E allora perchè la banca d’affari amministrata da colui che si ritiene la mano di dio in terra, si interessa tanto di Grillo e del suo movimento, al punto da elevare il movimento a chiave di svolta per le politiche economiche non solo del nostro Paese ma dell’intera Europa ?

Non è che si preparino a scommettere nuovamente su … ai posteri l’ardua sentenza!

Ora aspettiamo la reazione degli psicopatici alla proposta di referendum euro on line o meno sull’ Europa di Grillo! Come ha suggerito nel fine settimana Machiavelli, dietro l’angolo nella prossima tempesta perfetta …l’ultima grande occasione!

Per chi volesse sostenere liberamente il nostro viaggio è disponibile MACHIAVELLI 2013 UN ANNO DOUBLE FACE un post da non perdere sulle prospettive geopolitiche, macroeconomiche e tecniche di un anno che si preannuncia decisamente DOUBLE FACE!

« SOSTIENI L’INFORMAZIONE INDIPENDENTE contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta … Chiunque volesse ricevere le ultime analisi può liberamente contribuire al nostro viaggio cliccando sul banner  in cima al blog o sul lato destro della pagina può liberamente contribuire al nostro viaggio cliccando qui sopra o in cima al blog Semplicemente Grazie!

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.9/10 (13 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +6 (from 6 votes)
GRILLO REFERENDUM EUROPA E GOLDMAN SACHS: LA MANO DI DIO VEDE LE CINQUE STELLE!, 9.9 out of 10 based on 13 ratings
10 commenti Commenta
giobbe8871
Scritto il 4 marzo 2013 at 08:51

Ho letto con molto interesse Andrea. :wink:

soprattutto :
Non è che si preparino a scommettere nuovamente su … ai posteri l’ardua sentenza!
Ora aspettiamo la reazione degli psicopatici alla proposta di referendum euro on line…

giobbe8871
Scritto il 4 marzo 2013 at 08:54

1 Euro = 1 USD questa è la scommessa più ghiotta no ?

poi ci sono i BTP che crolleranno ancora…..

e poi chi li vende i CDS a protezione dei BTP ? Goldman forse vuole “riempire” di minusvalenze le proprie consorelle ? Alla fine della crisi …un solo banchiere resterà in piedi, il figlio prediletto di Dio ?

giobbe8871
Scritto il 4 marzo 2013 at 08:57

Soros e Stiglitz però…..

in questi anni è stato cavalcata la politica dell’austerity come strategia di crescita, adesso sarebbe più opportuno valutare una completa ristrutturazione dell’Unione europea, piuttosto che degli Stati che la compongono. Una tesi condivisa dal guru di Wall Street, George Soros, convinto che “l’euro abbia fatto nascere a una situazione viziata fin dall’inizio”.

La soluzione che suggerisce è quella di sacrificare l’euro e riformare il “quadro europeo”. Una tesi basata sulla realtà dei fatti. L’analisi di Stiglitz parte infatti riconoscendo lo stato di recessione in cui si trovano oggi molti paesi europei. Stiglitz definisce questa situazione una depressione, che sta comportando una perdita enorme di capitale umano.

http://www.wallstreetitalia.com/article/1512046/crisi-debito/crisi-europa-stiglitz-e-un-disastro-creato-dall-euro.aspx

ferrariferrari
Scritto il 4 marzo 2013 at 09:22

LA GERMANIA CI OFFRE UNA VIA DI USCITA: NASCE UN PARTITO PER ABBANDONARE L’EURO CAPITANATO DAL PRESIDENTE DEGLI INDUSTRIALI. SAREBBE LA SALVEZZA PER TUTTI
http://corrieredellacollera.com/2013/03/03/la-germania-ci-offre-una-via-di-uscita-nasce-un-partito-per-abbandonare-leuro-capitanato-dal-presidente-degli-industriali-sarebbe-la-salvezza-per-tutti-di-carlo-massimo-de-montis/

ferrariferrari
Scritto il 4 marzo 2013 at 09:23

La Polonia frena: l’euro non è più l’eldorado

http://www.linkiesta.it/polonia-adozione-euro-2015

ferrariferrari
Scritto il 4 marzo 2013 at 09:26

In Germania nasce “Fermare il declino”, ma è anti euro

Leggi il resto: http://www.linkiesta.it/partito-anti-euro-tedesco#ixzz2MYd8wWqh

icebergfinanza
Scritto il 4 marzo 2013 at 09:47

giobbe8871@finanza,

ci sono altri post la giornata è ancora lunga…

daviosq
Scritto il 4 marzo 2013 at 10:51

Caro Andrea, io dico solo quello che non spero:
Non spero che sia vero che la Casaleggio Ass. abbia come migliori clienti JPM-GoldmS-ecc.
Non spero che sia vero quindi che M5S sia una loro creatura.
Non spero che sia vero quanto sopra perchè altrimenti come popolo italiano siamo fottuti.
Non spero che sia vero che tutti i grillini eletti saranno disposti a fare quanto gli sarà ordinato.
Non spero che sia vero che da quanto sopra si evince che tanto popolo è stato manipolato ad arte.
Non spero che sia vero che veicolando tanto interesse e voti al M5S si sia messa in campo l’ennesima subdola strategia per distruggerci economicamente.
Non spero che sia vero che a causa della confusione politica e con l’aiuto dello spread ci portino via quel poco che ci resta di sovranità.
Non spero che sia vero che siamo già spacciati come popolo.
Non spero che sia vero che non esista proprio una possibilità ma una solamente per sfuggire alle devastazioni finanziarie.
Non smetterò di sperare almeno questo lo spero.

Scritto il 4 marzo 2013 at 11:31

Ragazzi ammetto, non ci sto capendo più un [email protected]@o!!!
Nonostante leggo e seguo vari blog, probabilmente ho saturato gl’ultimi neuroni.
Grillo si o Grillo no.
Casaleggio e Goldman Sachs.
Si esce dall’Euro forse si forse no, sarebbe meglio ma forse non troppo!?
Sovranità monetaria si o no ?!
Il debito è sostenibile od insostenibile. Andrea dice si fino al 7%(se non ricordo male),
Grillo sottoconsigliato da un economista dice il contrario. Ma da ignorante e profano che sono, direi che sarebbe meglio non romperci i [email protected] con questo debito che ci soccombe.

Andrea ma perchè non ti sei candidato nel M5S in cui 8 milioni di persone hanno creduto per un cambio radicale di questo paese ormai alla deriva? Io sono uno di quelli!
Potevi fare qualcosa di concreto per tutti noi ma sopratutto per il tuo e nostro paese, visto che hai dimostrato in questi anni serietà e competenza ineguagliabili.

Mi arrendo!!!
By

Scritto il 5 marzo 2013 at 10:45

Andrea
avevo scritto che la cosa non mi era per niente chiara così da scrivere, mi arrendo. :(
Ma come sempre alla fine da vero testardo abruzzese doc, i muli mi fanno un baffo,
ho voluto capirci di più!! :twisted:
Così cercando mi sono imbattuto su di un particolare articolo di un blogger che seguo da anni, Felice Capretta, a mio modesto avviso, MOLTO INTERESSANTE, tanto chiaro e semplice ma così esplicito da far riflettere veramente. 8O
Ora devo pensarci su! :roll:
Posto link ed articolo.
Naturalmente un tuo intervento è quantomeno apprezzatissimo.
Buona lettura. :mrgreen:

Questo è il link
http://www.clubcapretta.it/index.php?option=com_zoo&task=item&item_id=146&Itemid=206#.UTW10DdWLQI

L’articolo:

“Noi non siamo come loro! Loro sono morti e vogliamo vederli tutti nella tomba!

Io vedo questa sufficienza borghese nel giudicare il nostro movimento, mi hanno proposto un’alleanza.

Così ragionano! Ancora non hanno capito di avere a che fare con un movimento completamente differente da un partito politico.

Noi resisteremo a qualsiasi pressione che ci venga fatta. E’ un movimento che non può essere fermato, non capiscono che questo movimento è tenuto insieme da una forza inarrestabile che non può essere distrutta.

Noi non siamo un partito, rappresentiamo l’intero popolo, un popolo nuovo”.

Adolf Hitler – discorso elettorale 4 aprile 1932

(continua…)

Sono andato a farmi un giro sul blog di Grillo (che saltuariamente lurko da anni) per vedere come ha preso la base il rifiuto ad alleanze con il PD.

E ho appunto trovato questo testo, bellissimo (ma non so se e’ un apocrifo, onestamente non leggo i discorsi del tipo), che sembra scritto da Grillo, anche se la firma in fondo e’ di un altro.

Sia ben chiaro: intanto massimo rispetto per gli elettori e gli eletti del M5S.

E poi massimo rispetto per la parte del programma M5S relativa ai costi della politica.

Temi assolutamente condivisibili.

Detto questo veniamo al testo che ho copiaincollato.

E’ evidente che chi ha postato quel testo nel blog lo ha fatto con il chiaro intento di provocare, e lo si capisce dalla firma, che gia’ avevo notato.

Ma e’ altrettanto evidente che quel testo -pronunciato piu’ o meno in quel modo- non e’ un apocrifo di Hitler, e’ reale.

E’ anche evidente che Grillo non e’ un nazista, nel senso che il suo programma non prevede la superiorita’ di una razza su un altra, ne’ pensa di mettere gli ebrei nei forni.

Ma il punto e’ un altro.

Hitler era un grandissimo oratore. Uno che parlava alla pancia della gente, come del resto Mussolini.

E la gente non cambia, non cambia a distanza di 20 secoli, non cambia a distanza di 80 anni, quando si tratta di emozioni profonde, di archetipi.

Un film come “Casablanca” commuove ancora oggi, perche’ la storia che racconta e’ attuale, e sara’ sempre attuale.
Un film come “Blade Runner” commuove oggi anche se parla del futuro per lo stesso motivo.

Ora, utilizzare gli stessi argomenti che utilizzava Hitler, e che hanno utilizzato i dittatori;

* utilizzare quella violenza verbale;

* cavalcare il senso di rabbia generato da una crisi economica analoga per alcuni aspetti a quella del ’29 (se non altro sul fronte disoccupazione);

* additare l’avversario come un nemico;

* far firmare ai candidati impegni anticostituzionali (nella costituzione e’ chiaramente scritto che il mandato parlamentare e’ libero: scilipoti, di gregorio, fraccazzo da velletri sono LIBERI COSTITUZIONALMENTE di passare dal partito A al partito B; se la vedranno poi solo con gli elettori);

* gestire un partito senza alcuna trasparenza, e senza alcun meccanismo democratico interno;

* rifiutare accordi politici a priori, senza neanche entrare nel merito;

* cacciare d’imperio chi dissente dai diktat del vertice non democratico;

tutte queste cose unite insieme dovrebbero dare da pensare, a chi e’ in buona fede, su come viene utilizzato il suo voto.

E questo e’ solo quello che vediamo alla luce del sole.

All’ombra del sole ci sono altre cose:

1) un attacco a Berlusconi da parte della magistratura senza precedenti;

2) le carte su MPS che non escono fuori, perche’ -ve lo dico sin d’ora. usciranno alla vigilia delle prossime elezioni;

3) Grillo che dichiara che quando usciranno il PD sparira’. COME [email protected] lo sa???? Chie glie lo ha deto?

4) Goldman Sachs che apre a Grillo

5) Grillo che chiude a Goldman Sachs

6) Quale dei punti 4) e 5) e’ piu’ importante? risposta facile facile….

7) ecc. ecc. ecc.

Ho aperto un topic nel forum, in cui mi chiedevo se ci sara’ un colpo di Stato.

Beh, adesso la risposta e’ palese.
Il colpo di stato e’ qui, e’ in corso, e lo sta facendo Grillo.

Magari ci mettera’ un anno a completarlo, ma lo sta facendo.

Anche per l’insipienza della classe dirigente del PD.

Ha ragione Renzi: si sfidi Grillo sul suo stesso terreno.

L’ho gia’ scritto, e lo ripeto: il PD presenti una proposta di legge che dimezzi i costi della politica, e abolisca il finanziamento pubblico, e contemporaneamente preveda l’obbligo di uno statuto democratico per chi voglia presentarsi alle elezioni, da sottoporre precedentemente al giudizio della consulta.
E poi vediamo se il M5S la vota.

Il sonno della ragione genera mostri, e il voto al M5S non e’ un voto dato con razionalita’, e’ un voto -in massima parte- di pancia.

Domande dal Club (viste sul forum):
Dovrei preoccuparmi per una possibile dittatura di Grillo?
Dovrei preoccuparmi perché Grillo utilizza le stesse espressioni di Hitler?
Se accendo la televisione e ascolto un Bersani o un Berlusconi che dicono le stesse cose ma in forma piú elegante e “politicamente corretta”, dovrei sentirmi rassicurato?

Si
Si
Si

Il discorso e’ complesso.

Intanto, ripeto, la stragrande maggioranza degli elettori M5S sono persone degnissime.

Ma quando si mettono in moto movimenti come questo, basati su un libro dei sogni irrealizzabile ma di grande presa emotiva e pratica ( cioe’ economica=reddito di cittadinanza ), e poi si usano i voti cosi’ presi per bloccarre il processo parlamentare, beh c’e’ un problema, un grosso problema.

Il rischio della deriva fascista e’ il primo, ma non e’ il solo.

Ripeto, guardiamo i tempi:

* un mese prima delle elezioni, con il PD saldamente in testa, scoppia lo scnadalo MPS che sposta milioni di voti verso il M5S;

* Grillo compra una -dicasi una- azione MPS e va a parlare all’assemblea degli azionisti. Comprate voi una azione, e vedete se vi fanno parlare.

* A una settimana dalle elezioni, scoppia il caso Giannino, e quesi voti si spostano. Dove non e’ ancora chiaro, ma io direi M5S (sottotesto: e’ l’unica alternativa credibile, gli altri sono buffoni)

Qual e’ l’alternativa?

L’alternativa e’ impegnarsi. Prendere penna e calamaio, o mouse e tastiera, e scrivere -scrivere- ai parlamentari.

Raccontargli quello che si vede, il paese reale, e chiedergli quello che si vuole. Io, per vari casi della vita, conosco alcuni parlamentari o ex tali, ed e’ quello che ho fatto.

E mi hanno ascoltato con molta attenzione.

A questa gente manca il contatto con il paese reale, e se ne stanno rendendo conto.

E’ poi anche sacrosanto far capire a PD e PDL che rischano di brutto, usando magari il voto locale, delle comunali e delle regionali.

Ma attenzione al voto politico.

Attenzione a mandare al governo con la maggioranza assoluta qualcuno che non si capisce bene chi abbia dietro, che pretende un impegno scritto dai parlamentari che e’ contrario all’art. 67 della costituzione, capo di un movimento che non e’ democratico (questo vale per lui e per molti altri purtroppo), e che pretende di governare il paese a colpi di referendum propositivi online, cioe’ a colpi di ondate emotive e di emoticons “I like it”. E senza neanche assumersi la responsabilita’ parlamentare, perche’ lui non si candida, e’ il padre (ig?)nobile.

Anche il Papa, l’ultimo Imperatore, ha eliminato la possibilita’ della nomina per acclamazione, e la reintroduciamo in politica?

Siamo matti???

E anche ammesso e non concesso che Grillo sia in perfetta buona fede, e con lui Casaleggio, chi puo’ escludere un domani l’ascesa all’interno del movimento di qualcuno con piu’ carisma e meno scrupoli?

Il problema oggi in Italia, secondo me, e’ il distacco della classe politica dai bisogni e dalle istanze dei cittadini.

Bisogna farglielo capire, ma non buttare il bambino (i meccanismi parlamentari, il parlamento come camera di compensazione dei differenti portati della societa’ civile, la costituzione repubblicana) con l’acqua sporca.

Ma credo che queste preoccupazioni iniziano a farsi strada in un sacco di gente, e mi sembra di capire che Grillo stia cambiando atteggiamento rispetto all’ipotesi di votare la fiducia ad un governo (per chi non lo sapesse: un modello sicilia, con il M5S che non vota la fiducia e vota i signoli provvedimenti, non e’ possibile; in Sicilia il governatore e’ stato eletto, e dopo l’elezione non deve chiedere la fiducia al parlamento regionale. Su base nazionale invece il Governo non viene espresso dal voto: il Presidente della Repubblica conferisce l’incarico a qualcuno che poi va in parlamento e chiede la fiducia. se non la ottiene, non puo’ governare).

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Il braccio di ferro sui dazi doganali tra CINA e USA continua ininterrottamente. Per molti (sott
Tenta di reagire il Ftse Mib dopo il nuovo rosso di ieri che ha richiamato nuovi spettri ribassisti.
Iniziamo da qui dal libricino del senno di poi, le minute del FOMC,  si il libricino che la Fed
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Tassi di interesse. Nell’analisi intermarket una corretta interpretazione dei tassi di interes
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Ftse Mib: l'indice italiano apre positivo anche oggi dopo l'allungo di ieri. La situazione rimane c
Nonostante i miei principali temi, quando parlo di criptovalute, siano quelli tecnologici, colgo
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec