LA PICCOLA FIAMMIFERAIA …LA NOSTRA VITA!

Scritto il alle 23:25 da icebergfinanza

Piano, piano anche questo anno si sta avvicinando alla fine, un anno intenso, un anno estremamente difficile, per molti tragico e drammatico. Per chi ha perso il lavoro, per chi non ha futuro, per le Famiglie, per i giovani e per chi vive nella precarieta’, per chi e’ stato ingannato e sfruttato, per gli emarginati, per gli ultimi, per tutti coloro che hanno perso la speranza in un futuro migliore.
Inutile nascondercelo la crisi durerà più a lungo di quello che molti di noi sono disponibili a credere, più a lungo di quello che i pifferai magici di questo Paese vi raccontano da tempo.

È essenzialmente una crisi antropologica anche se non passa giorno che vi confondano con riferimenti economici/finanziari, come se bastasse cambiare qualche indicatore macroeconomico per mutare il destino di un’epoca che assiste attonita alla caduta e al
disfacimento di un impero, tra eccessi e avidità’, immersi in un oceano di debiti, circondati dalla più imponente disparità di ricchezza che la storia ricordi.

Sant’Agostino ha scritto che la speranza ha due bei figli la rabbia ed il coraggio, la rabbia nel vedere come vanno le cose, il coraggio di vedere come potrebbero andare.
Il cambiamento nasce dalla responsabilità individuale, il mio ottimismo e’ riposto nell’alternativa, in un mondo sommerso di progetti e sistemi economici che hanno come stella polare l’uomo e non solo il profitto.

Per tanti e’ un’utopia. Nessun problema ci penserà la storia ha tracciare la rotta a rimettere le cose al suo posto.

Sono passati ormai quattro anni dal Natale 2008, ma per l’ennesima volta ho voluto ritornare a quel momento e riscoprire tutta la magia della “ Piccola Fiammiferaia” un post particolarmente a me caro, pieno di significato, un modo come un altro per abbracciarVi tutti e augurarVi un Sereno e Santo Natale illuminato dalla Luce di un Bimbo e un Anno nuovo pieno di Speranza e Gioia di Vivere, nonostante tutto!

” Era l’ultimo giorno dell’anno: faceva molto freddo e cominciava a nevicare. Una povera bambina camminava per la strada con la testa e i piedi nudi. Quando era uscita di casa, aveva ai piedi le pantofole che, però, non aveva potuto tenere per molto tempo, essendo troppo grandi per lei e già troppo usate dalla madre negli anni precedenti. Le pantofole erano così sformate che la bambina le aveva perse attraversando di corsa una strada: una era caduta in un canaletto di scolo dell’acqua, l’altra era stata portata via da un monello.

La bambina camminava con i piedi lividi dal freddo. Teneva nel suo vecchio grembiule un gran numero di fiammiferi che non era riuscita a vendere a nessuno perché le strade erano deserte. Per la piccola venditrice era stata una brutta giornata e le sue tasche erano vuote…
Si una piccola e povera bimba, nata dall’immaginazione e dalla fantasia di Hans Christian Andersen, un fanciullo dall’infanzia triste, il papà morto giovane e la mamma alcolizzata, un grande scrittore universale, con i suoi racconti spesso tristi ma ricchi di umanità, di amore, testimonianza di attenzione verso gli ultimi, gli umili, i diseredati con quel carico di speranza che ogni sua favola porta con se.

Si la finanza e la politica, la corporatocrazia e le elites in questa immensa crisi Antropologica, hanno sequestrato le nostre vite, il futuro dei nostri figli, in questo lungo inverno, che ha anestetizzato le coscienze, congelato l’indignazione, un inverno che preannuncia il freddo che verrà.

Camminiamo oggi con la testa e i piedi nudi, senza più pantofole, usate, abusate negli ultimi decenni, sformate, così sformate da una serie di eccessi, al punto tale da ritrovarci all’improvviso seduti in un angolo della strada, tra illusione e speranza, coperti dalla neve che cade candida e lieve, l’infanzia negata, il culto del breve termine, la fretta di ottenere tutto e subito, quello che la Vita regala nell’arco di un’esistenza.

Teneva nel suo vecchio grembiule, un gran numero di illusioni che era riuscita a vendere, perché le strade erano piene di sogni e di speranze, speranze spesso derise, speranze e sogni di pochi, la disperazione e il pianto di molti.

Per la piccola finanza era stata una pessima giornata, un periodo da dimenticare e le sue tasche ora erano vuote, aveva molta fame, sete di liquidità e il freddo della mancanza di fiducia la assaliva. Dalle finestre delle case in festa, risplendeva la luce della leva infinita, si udivano le risate dell’azzardo morale , insieme al profumo inebriante dei profitti stellari…lei non pensava ad altro.

Non osava ritornarsene a casa senza un centesimo, senza una trimestrale degna dei bei tempi, passati a creare ricchezza dal nulla, una ricchezza di carta, favorita dalle asimmetrie informative, dalle frodi e dalle manipolazioni, perché il padre le avrebbe tolto il bonus!

Per riscaldare l’intrinseca insolvenza, il credito congelato, la mancanza di fiducia, per allontanare lo spettro del fallimento, prese un fiammifero dalla scatola che le banche centrali le avevano lasciato. All’improvviso una fiamma calda e brillante si sprigionò, un istante, un lungo ed interminabile istante, una nuova piccola illusione.

Una luce bizzarra, l’ennesima illusione, alla bambina sembrò di vedere la politica monetaria, la favola del quantitative easing, le banche centrali con le loro politiche espansive, che assecondano i mercati drogandoli, attraverso la repressione finanziaria.

Creano quella calda sensazione di un’improbabile ricchezza, sostenendola ogni qualvolta la favola riposa, ogni qualvolta la favola volge al termine, come una stufa di rame luccicante nella quale bruciare tutte le naturali recessioni, il naturale aggiustamento degli squilibri, allontanandone la realtà rifugiandosi in un mondo virtuale, dove assistere inerti e impotenti al più colossale trasferimento di ricchezza della storia, alla più colossale truffa politica mai perpetrata.

Avvicinò i suoi piedini al fuoco… ma la fiamma si spense e la stufa
scomparve.

La bambina accese un secondo fiammifero: questa volta la luce fu così intensa che poté immaginare nella casa vicina una tavola ricoperta da una bianca tovaglia piena di euro, freschi di stampa che tornavano a casa nelle casseforti delle banche tedesche, francesi ed inglesi, tovaglia sulla quale era ricamato un Paese meraviglioso, dove tutti chiedevano più Europa e si impegnavano a rispettare il pareggio di bilancio scolpendolo nella Costituzione, la più colossale fesseria della storia, sottoscritta da un manipolo di mercanti e speculatori politici che hanno saccheggiato e devastato le istituzioni.

In un angolo, il sorriso di Jens e Angela che insieme a Mario, benedicevano austerità e svalutazione salariale, circondati da merletti flessibili e competitivi, mercati del lavoro e pensioni riformate e … deformate, graziosamente decorati, mentre spariva come d’incanto la macchia terribile di un uno Stato sociale, welfare impuro e insostenibile sotto la minaccia di una fine ingloriosa, un debito insostenibile, la Grecia dietro l’angolo, il fallimento dell’Italia…

Mentre qua e la tornavano alla ribalta luci di fabbricazione americana, dotti, medici e sapienti istruiti nelle università americane, che suggerivano di tagliare spese pubbliche e svendere patrimoni statali in piena depressione.

Un “MarioDraghi ” arrosto, le strizzò l’occhio e subito si diresse verso di lei.

La bambina le tese le mani… ma la visione scomparve quando si spense il fiammifero, sul quale Angela un vento gelido alemanno, soffiava in attesa di essere riconfermata nelle elezioni di settembre, da un popolo ignaro di aver truccato i bilanci delle banche e non aver rispettato parametri..

Giunse così la notte. “Ancora uno!” disse la bambina. Crac! Appena acceso, s’immaginò di essere vicina all’albero di Natale della ripresa, si quella della crescita infinita, abbagliata dalla visione di mille luci in fondo al tunnel!

Mille candeline brillavano sui suoi rami, illuminando giocattoli meravigliosi. Volle afferrarli… il fiammifero si spense… le fiammelle sembrarono salire in cielo… ma in realtà erano stelle.  Una di loro cadde, tracciando  una lunga scia nella notte…la fine di un’illusione, la rinascita della Consapevolezza.

Ma proseguiamo con questa magica e allo stesso tempo tragica fiaba…

La bambina pensò allora alla nonna, che amava tanto, ma che era morta. La vecchia nonna le aveva detto spesso: Quando cade una stella, c’ è un’anima che sale in cielo”. La bambina prese un’altro fiammifero e lo strofinò sul muro: nella luce le sembrò di vedere la nonna con un lungo grembiule sulla gonna e uno scialle frangiato sulle spalle. Le sorrise con dolcezza.
– Nonna! – gridò la bambina tendendole le braccia, – portami con te! So che quando il fiammifero si spegnerà anche tu sparirai come la stufa di rame, l’oca arrostita e il bell’albero di Natale.
La bambina allora accese rapidamente i fiammiferi di un’altra scatoletta, uno dopo l’altro, perché voleva continuare a vedere la nonna. I fiammiferi diffusero una luce più intensa di quella del giorno:
“Vieni!” disse la nonna, prendendo la bambina fra le braccia
e volarono via insieme nel gran bagliore. Erano così leggere che arrivarono velocemente in Paradiso; là dove non fa freddo e non si soffre la fame! Al mattino del primo giorno dell’anno nuovo, i primi passanti scoprirono il corpicino senza vita della bambina. Pensarono che la piccola avesse voluto riscaldarsi con la debole fiamma dei fiammiferi le cui scatole erano per terra. Non potevano sapere che la nonna era venuta a cercarla per portarla in cielo con lei. Nessuno di loro era degno di conoscere un simile segreto! … ma nessuno poteva sapere le belle cose che lei aveva visto, né in quale chiarore era entrata con la sua vecchia nonna, nella gioia dell’Anno Nuovo!

Non ho idea di quante scatole di fiammiferi dispongono i menestrelli di questo sistema. Quello che è certo è che li stanno accendendo rapidamente, uno dopo l’altro, cercando di diffondere una luce sempre più intensa, una finta sensazione di benessere.

La fame, il freddo, la sete , la mancanza di amore, l’indifferenza che caratterizza la storia della nostra piccola fiammiferaia è spesso la fotografia della nostra vita, della nostra società. Possiamo cercare di fuggire nell’immaginazione di ogni piccolo fiammifero che accendiamo, che qualcuno ci accende, ma non possiamo fuggire dalla realtà, pena la morte della nostra Essenza.

Abbiamo bisogno della luce dei nostri valori, delle nostre tradizioni, una luce capace di illuminare i nostri sogni, le nostre emozioni.

Commuove questa favola, una commozione, pulita, profonda che non deve far paura, da condividere, con figli e nipoti, senza alcuna vergogna, come le lacrime della nostra vita.

Non dimentichiamo mai quella piccola bimba, la piccola fiammiferaia, li fuori da sola nel freddo glaciale dell’indifferenza, ad un passo dalle nostre case, calde e riscaldate, testimonianza della disperazione, degli ultimi, dei diseredati,  degli affamati. In fondo siamo fortunati! Non dovremmo mai dimenticare il bimbo che è in Noi, la sua genuinità, la sua spontaneità, perché ogni anno ritorna ad annunciare la Luce, la Speranza, l’Alba di una nuova avventura.

Un abbraccio, Buon Natale e Buon Anno a Voi e alle Vostre famiglie. Andrea.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.5/10 (15 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +11 (from 11 votes)
LA PICCOLA FIAMMIFERAIA ...LA NOSTRA VITA!, 9.5 out of 10 based on 15 ratings
21 commenti Commenta
icebergfinanza
Scritto il 22 dicembre 2012 at 23:29

Una sola richiesta! Usate questo spazio solo per un augurio o per un messaggio di Speranza. Abbraccio Andrea

mannoz
Scritto il 23 dicembre 2012 at 11:39

Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare.

Lucio Anneo Seneca

Buon Natale Andrea.

ferrariferrari
Scritto il 23 dicembre 2012 at 12:33

buon natale a tutti i frequentatori di questo blog.

bimbogigi
Scritto il 23 dicembre 2012 at 13:11

Il miglior augurio per il prossimo anno? Consapevolezza, tanta consapevolezza per tutti! E che finalmente l’etica trovi spazio nella vita di tutti noi! Un abbraccio e un sentito grazie al nostro capitano!

gracav
Scritto il 23 dicembre 2012 at 13:55

come ogni anno Andrea…..questa fiaba continua ad essere appropriata….segno che non è cambiato poi molto da allora….un augurio, un abbraccio e un pensiero alla nostra Valentina.

Buon Natale a tutti Voi

pikkiapo
Scritto il 23 dicembre 2012 at 16:20

Un sereno Natale e migliore Anno nuovo a voi e alle vostre famiglie

PG
Scritto il 23 dicembre 2012 at 17:19

gracav@finanza,

Si Gracav, hai avuto lo stesso mio pensiero per Valentina, come credo tutti. Lei è tra noi cmq e caro Capitano, l’esistenza di questo spazio è un’ancora di salvezza e di verità, il primo mattone di quella rivoluzione etica di cui parli in cui Valentina era prima protagonista e sostenitrice.
Farò altri interventi riguardo idee e situazione ma dopo Natale perchè è giusto che questi momenti siano per noi, le nostre famiglie e per dedicare energie (parlo per me) per quella parte di spiritualità che spesso lascio indietro.

Un caro augurio a Voi tutti, le Vostre famiglie e grazie per farmi sentire parte, insieme a Voi, di questo vascello.

Un abbraccio grande Capitano.

giobbe8871
Scritto il 23 dicembre 2012 at 20:49

Felice Natale Andrea Mazzalai. :wink:

e un 2013 pieno di grandi soddisfazioni. :wink: 8)

In nessun altro Paese al mondo si vive parlando perennemente male di se stessi, come da noi…
Nel 2013 cerchiamo di CAMBIARE gli italiani idioti che continuano a sputtanarci. :wink: :mrgreen:

giobbe8871
Scritto il 23 dicembre 2012 at 20:51

Mazzalai come Prezzolini. :wink: :-) 8)

giobbe8871
Scritto il 23 dicembre 2012 at 20:53

Fuori dall’Euro, fuori dal sacro romano impero germanico. :mrgreen: :twisted:

laverita
Scritto il 24 dicembre 2012 at 00:13

Un augurio di Buon Natale a tutti i frequentatori del forum ed in particolare al padrone di casa.
Speriamo che l’anno che sta per terminare lasci il posto ad uno migliore da tutti i punti di vista.

kry
Scritto il 24 dicembre 2012 at 07:43

“…… le fiabe,le favole e le leggende sono scrigni dove è riposta la saggezza popolare, tesori semplici che aiutano a comprendere le dinamiche della vita,che contengono segreti che gli uomini non amano ascoltare.” Grazie Andrea, grazie per questo ulteriore capolavoro, un bellissimo regalo di Natale. Auguro a tutti un Natale carico di SPERANZA (… togli la speranza tutta l’umanità resta come paralizzata,togli la speranza tutto perisce…) che ci accompagni per tutto il prossimo anno. Auguri di Buon Natale a tutti. Auguri di buon Natale Andrea e a tutta la tua famiglia.

ccp12100
Scritto il 24 dicembre 2012 at 10:55

le difficoltà della vita ci stanno sferzando…. che il S.Natale porti a noi tutti tanta pace nei cuori affinché sappiamo affrontare tutte le prove che la vita ci presenta.
Non pensare a Valentina è impossibile.
Lei ha già raggiunto quella Pace a cui noi tutti miriamo.
Un abbraccio a tutti i marinai ed uno particolare a Capitan Andrea ed alla sua famiglia.
Auguri a tutti Voi

giulio0808
Scritto il 24 dicembre 2012 at 13:11

Caro Andrea grazie di tutto, che dire di più? Tanti Auguri a te e a tutti i lettori, di trascorrere il Natale e le feste in serenità, con la consapevolezza che a rendere serene le feste degli altri contribuiamo, prima di tutto, noi
Giulio Tempera

stanziale
Scritto il 24 dicembre 2012 at 16:57

Buone feste a tutti!

cellula labile
Scritto il 24 dicembre 2012 at 19:14

Buon Natale
Anna

alessandroecristina
Scritto il 24 dicembre 2012 at 19:19

La luce di Betlemme scaldi il cuore di tutto l’equipaggio.Un sereno Natale di pace e di amore in famiglia al Capitano !
p.s. Valentina considerati ABBRACCIATA DA NOI TUTTI!

aglio
Scritto il 24 dicembre 2012 at 19:57

E’ Natale ogni volta che sorridi a un fratello e gli tendi una mano.
E’ Natale ogni volta che rimani in silenzio per ascoltare l’altro.
E’ Natale ogni volta che non accetti quei principi che relegano gli oppressi ai margini della società.
E’ Natale ogni volta che speri con quelli che disperano nella povertà fisica e spirituale.
E’ Natale ogni volta che riconosci con umiltà i tuoi limiti e la tua debolezza.
E’ Natale ogni volta che permetti al Signore di rinascere per donarlo agli altri.

(Madre Teresa di Calcutta)

Speriamo che arrivi presto il buon vento, ma fino ad allora… forza sui remi!

Buon Natale!

jusemancio
Scritto il 25 dicembre 2012 at 15:43

Buon Natale Capitano e Buon Natale a tutti i Navigatori!
Giuseppe

silvio66
Scritto il 26 dicembre 2012 at 19:29

Gl’ultimi anni di recessione saranno i più duri, ma sfoceranno nella ripresa.
Forza, coraggio e soprattutto calma.

BUONE FESTE

gnutim
Scritto il 28 dicembre 2012 at 14:18

Il Bimbo è tra noi, accogliamolo di cuore.

Donare è più bello di ricevere.

auguri a tutti
daniele

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Forse qualcuno si sarà chiesto che fine avrò fatto. Purtroppo la vita spesso ci riserva delle
Ftse Mib: l'indice italiano è tornato sulla prima resistenza statica importante  a 21.122 punti, d
Riproduzione riservata STAY TUNED! Danilo DT (Clicca qui per ulteriori dettagli) Segui @in
Continua la costante e persistente sottovalutazione degli effetti della guerra commerciale in at
Sorpresa. Inflazione meno forte del previsto. Questo è un dato che potrebbe dare una boccata di o
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Avvio poco mosso per il Ftse Mib che dopo qualche minuto di incertezza prova a costruire un moviment
L’ipotesi di quota 100 con 62 anni di età anagrafica sembrava definitivamente accantonata perchè
Analisi Tecnica Siamo sempre inseriti in un canale ribassista all'interno del quale abbiamo un a