MONTI E LA FAMIGLIA ITALIANA!

Scritto il alle 14:20 da icebergfinanza

I lettori di Icebergfinanza sanno quanto sia fondamentale la Famiglia, pilastro di ogni società, risorsa indispensabile, motore economico e sociale…

(ASCA) – Riva del Garda (TN), 27 ott – ”La famiglia si configura come un volano per la ripresa e non mi riferisco solo ai consumi. Si pensi soltanto alle imprese famigliari che rappresentano il 90% di quelle italiane”. Lo ha dichiarato il Presidente del Consiglio, Mario Monti, oggi a Riva del Garda, in occasione del ”Festival della Famiglia”.

”La famiglia e’ una risorsa indispensabile per l’Italia, una risorsa talvolta data per scontata” – ha aggiunto il premier -. ”Si parla spesso dell’indotto delle grandi aziende, ma e’ difficile calcolare l’entita’ e il valore dell’indotto dell’ ”azienda famiglia”, un indotto che supera la sola cifra economica e si traduce in fattore di coesione sociale e culturale. Un indotto ad ampio spettro umano, solidale, educativo ma anche economico, moltiplicatore d’impatto, quantitativamente e qualitativamente straordinario”. ”Se siamo stati in grado di fermarci a pochi centimetri dall’abisso e se il nostro percorso di risanamento suscita l’attenzione e il consenso internazionale – ha concluso Monti durante il suo intervento -, lo dobbiamo anche alla forza manifestata dalla rete famigliare che ha tenuto, non si e’ spezzata. Anche la famiglia sta contribuendo ai sacrifici richiesti a tutti i cittadini”.

“Per il 2013 abbiamo previsto uno stanziamento di 50 milioni di euro per le politiche per la famiglia e 25 milioni per le politiche giovanili”: lo ha annunciato il premier Mario Monti, intervenendo al festival della famiglia, dove e’ stato accolto da qualche fischio, uscendo poi fra gli applausi. Monti ha difeso la linea del governo pur ammettendo qualche errore, ma non ha promesso aggiustamenti della legge di stabilità, come aveva esplicitamente chiesto il ministro Riccardi.

La legge di stabilità è un attacco frontale alla Famiglia e la Famiglia non ha biosgno di chiacchere e elemosina ma di fatti!

Ah dimenticavo! Questa notte ho sognato che il professore ha anche detto che …

”I caccia Lockheed Martin F35 Lightning sono una risorsa indispensabile per l’Italia, una risorsa talvolta data per scontata” – ha aggiunto il premier -. ”Si parla spesso dell’indotto delle grandi aziende, ma e’ difficile calcolare l’entita’ e il valore dell’indotto di una caccia F35 ”, un indotto che supera la sola cifra economica e si traduce in fattore di coesione sociale e culturale. Un indotto ad ampio spettro umano, solidale, educativo ma anche economico, moltiplicatore d’impatto, quantitativamente e qualitativamente straordinario”.

Uno di questi gioiellini costa più o meno 200 milioni di euro… magari se risparmiamo sul motore qualche lira avanza! Chiudo qua perchè se esprimo il mio pensiero mi tocca ipotecare anche l’altro rene in vista dei risarcimenti richiesti dalla nuova legge bavaglio web!

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (11 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +9 (from 11 votes)
MONTI E LA FAMIGLIA ITALIANA!, 10.0 out of 10 based on 11 ratings
9 commenti Commenta
dorf001
Scritto il 29 ottobre 2012 at 16:12

come dice stanziale: Si, coerenza 0. Pero’ la verita’ su Monti e Merkel l’ha detta ieri l’altro, non il 24 ottobre. Ma e’ solo uno sfogo, nessuno ad alto livello in Italia, neanche Grillo, sembra che abbia le palle per proporre chiaramente il :
1. ritorno alla sovranita’ monetaria
2. ripudio debito pubblico in mani estere( lo abbiamo gia’ arci pagato con gli interessi sborsati dal 1981 ad oggi).
3. l’emissione della moneta da parte dello stato, anziche’ dalle banche.

ha ragione al 100%. e qui ritorniamo a 15 anni fa. lo ha detto AURITI già allora. ha fatto denuncie e fatto battaglie. alcune le ha vinte. bisogna partire da qui. punto!

e lo dice pure Zibordi.

aiutare il popolo si può? si’. vediamo cosa prongono gli inglesini.

ALLEGGERIMENTO QUANTITATIVO PER IL POPOLO ! dal nostro amico ZIBORDI.

In Inghilterra il dibattito sul “QEP” (Quantitative Easing for the People, “Alleggerimento Quantitativo per il Popolo”) si sta scaldando. Per chi avesse perso le puntate precedenti: non siamo stati i soli a chiederci perchè invece di stampare moneta per comprare titoli di stato e mutui cartolarizzati (“Quantitative Easing”) per aiutare banche e creditori, le Banche Centrali non stampano moneta per cancellare il debito e distribuirla (“Quantitative Easing for the People”)

Se per caso fossi messo come ministro delle Finanze (se nominano Giovanna Melandri a capo del Maxxi per l’arte contemporanea possono mettermi ministro della Finanze, dopotutto eravamo a lavorare assieme dopo la laurea e mentre lei non sa un tubo di arte io qualcosa so di economia), chiederei che la Banca d’Italia stampasse 600 miliardi usandone 500 per ritirare BTP e poi cancellarli in modo da ridurre il fottuto debito e la fottuta spread. E gli altri 100 miliardi per distribuirli per famiglia, con il vincolo che vadano prima a ripagare debiti (se hai un mutuo e ricevi 5 mila euro ti vanno a pagare il mutuo obbligatoriamente o il prestito auto, se non hai nessuno debito ne fai quello che vuoi, spendi o compri BTP…). Questa era la soluzione lanciata dal grande economista australiano Steve Keen e sostanzialmente anche sponsorizzata dal nostro Warren Mosler (nostro perchè è sempre in Italia ora) …..

Ora, “Alleggerimento Quantitativo per il Popolo” non è ancora uno slogan efficace a livello popolare perchè i primi due termini non sono di immediata comprensione (anche se il senso di “alleggerire” e non gravare sul popolo ci sarebbe). “Alleggerimento Monetario per il Popolo” non è male e sarebbe più esatto di “quantitativo” che è un tecnicismo che hanno usato per offuscare quello che facevano…..

Qui il discorso questa settimana di Lord Adair Turner, forse prossimo governatore della Banca di Inghilterra, che dice che l’Alleggerimento Quantitativo ha avuto un effetto marginale e che occorre ora andare oltre stampando moneta e facendola arrivare all’economia direttamente (della serie Mario Monti è un demente….)

è tutto qui http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=11003

by DORF E VIVA AURITI

Scritto il 29 ottobre 2012 at 16:15

Gli Italiani non hanno piu’ bisogno di CHIACCHERE, specialmente quando vengono da personaggi con TALI STIPENDI.
:mrgreen:

PG
Scritto il 29 ottobre 2012 at 16:16

Caro andrea, se non fosse chiaro ai più ora il re è nudo –

Da repubblica le dichiarazioni del nostro Premier che ci fanno capire chiaramente come non abbiamo altra scelta che fare quello che dicono i mercati.

Caro andrea non ci sto. davvero preferisco chiudere immediatamente la situazione e dichiarare default se pagare gli interessi significa in ogni caso una cosa non sostenibile (anche se tu hai detto di sì a quanto mi pare) ma soprattutto significa antropologicamente come dici tu rinnegare la nostra storia la nostra identità a favore della globalizzazione dell’UE e in nome di un massacro sociale che arricchisce ora senza più veli i pochi oligarchi economici.

… “Ma se il Pdl dovesse togliere la fiducia al governo quali sarebbero le conseguenze, soprattutto economiche? “È una domanda da rivolgere alle forze politiche, ai mercati – risponde il premier-, ma non a me. Non voglio neanche speculare su questo”. E a chi chiedeva al presidente del Consiglio se il rialzo dello spread dipendano dal Cavaliere, ha risposto: “Non ci avevo pensato”, facendo esplodere le risate della sala. Ma il premier è rimasto impreturbabile.

Capito …. ci fa pure l’ironia sulla nostra pelle ….. Sto bast…. (con questo no è che salvo Berlusconi nè i politici di prima ma questo è viscido ,,,, ti entra in doppio petto e ti fa male là dove non te lo aspetti….

PG
Scritto il 29 ottobre 2012 at 16:22

Parlano di effetto Berlusconi sti bastardi …. quando tutto era già andato a puttane. Se prima ero speranzoso, ora credo che non ci lasceranno la gola fin quando non saremo strozzati. Secondo me a step stiamo rivivendo l’agonia della Grecia perchè devono fare come già detto a poco a poco la loro strategia di accerchiamento e impoverimento … a poco a poco… senza creare rivoluzioni. Caro Andrea dimmi se mi sto sbagliando o se sto vivendo questo film da solo. A presto e complimejti per i tuoi incontri che fai. Spero quanto prima di organizzarne uno anche nei pressi perchè abbiamo bisogno di consapevolezza allargata.

icebergfinanza
Scritto il 29 ottobre 2012 at 16:41

PG,

Nessuna meraviglia sa che Berlusconi e il PDL non avranno mai il coraggi di far saltare il banco!

C’è modo e modo per risolvere i problemi lavorando di fioretto o distruggendo tutto.

Sabato ho spiegato come possiamo metterci al sicuro temporaneamente da questa situazione e l’andamento della giornata odierna lo dimostra, spread e mercati sono sotto tutela e dal primo di novembre sarà ancora più chiaro.

No non faremo la fine della Grecia perchè il loro scopo è solo quello di mettere le mani su patrimonio e aziende italiane. La sostenibilità del debito è intrinseca alla ricchezza delle famiglie italiane sino a quando riusciranno a mungerle tassando, deflazionando i salari e riducendo le tutele sul lavoro e azzerando il welfare pragmaticamente i rischi saranno limitati

Per quanto riguarda la democrazia dipenderà tutto dal popolo italiano e dalla conta che prima o poi avverrà!

Andrea

sd
Scritto il 29 ottobre 2012 at 22:12

icebergfinanza,

Gran bel commento e articolo Capitano Andrea, in poche parole hai spiegato perfettamente la “sostanza” di tutto.

Comunque se anche il patrimonio e le aziende italiane cambieranno padrone non sarà un grande perdita, innanzitutto perche non sono MIE ed in secondo luogo perchè nel corso della storia hanno già cambiato molti padroni…….avanti il prossimo, cambierà il padrone ma la sostanza sarà sempre quella.
Per il resto; cambiano i tempi e quindi sarebbe il caso anche di cambiare molte noste certezze ed abitudini !!!!!!!!!!!!

Un saluto

SD

idiocrazia
Scritto il 29 ottobre 2012 at 23:11

sd@finanza,

si in parte è vero… il fatto è che l’IRI era tua, le autostrade erano tue l’ENI era tua in quanto essendo di stato potevano (secondo la costituzione dovevano) anche avere come obiettivo fornire servizi in pareggio o in perdita avendo come scopo l’interesse nazionale, l’utile economico non era il mantra finale. Anche l’acqua era più o meno tua dalla alla goldman e poi ti accorgi… di quello che non è più tuo.

p.s. Astenersi soliti commentatori tipo seee i politici rubavano e altre fesserie degne del grado intellettivo di un criceto per favore.

Giuseppe

zer
Scritto il 30 ottobre 2012 at 10:41

ci credo che Moslwr è sempre in Italia e dove volete che altrimenti vada a raccontare favole…solo a dorf ed amici che sognano la terra promessa…
Gianni z. :mrgreen:

ilcuculo
Scritto il 30 ottobre 2012 at 11:52

Il PIL Spagnolo cala dello 0,3% meno del previsto…

Misteri del PIL con una disoccupazione al 25% un paese che esporta meno dell’Italia ha un calo del PIL nettamente inferiore.

Stanno facendo investimenti pubblici ? Con che soldi ?
I consumi interni non calano ?

questi numeri sono sempre strani.

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Si è affermato negli anni come il termometro dell'economia mondiale e anche nel terzo millennio
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Un rapido aggiornamento sulle nuove fantasie inflattive in attesa di smontare in Maggio, pezzo p
Signori, stiamo parlando di numeri impressionanti. Tanto per cominciare, guardate i dati sugli u
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Non sono certo successe tantissime cose nell'ultima ottava. Anche se le aspettative su un elemento
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Il Ftse Mib apre la nuova settimana in leggera correzione dopo lo spunto rialzista messo a segno nel
Guest post: Trading Room #281. Siamo quindi arrivati al target tanto atteso: area 24000 punti del