AMERICA…BAD NEWS, GOOD NEWS!

Scritto il alle 09:35 da icebergfinanza

Ormai è chiaro che nelle prossime settimane ogni cattiva notizia proveniente dall’economia americana sarà l’occasione per festeggiare un’eventuale nuova dose di droga prima dell’overdose finale.

La sintesi del nuovo rapporto occupazionale è estremamente deludente…

Soli 96.000 posti di lavoro dopo ormai tre anni e la più imponente serie di stimoli monetari e fiscali della storia dell’economia americana e mondiale, quando ne servirebbero almeno 125.000 per attenuare le pressioni demografiche e migratorie.

Non solo rivisti al ribasso anche i mesi di giugno da 64.000 a 45.000 e luglio da 163.000 a 145.000. Come abbiamo più volte dimostrato su questo blog, i sistemi di rilevazione del mercato del lavoro americano sono inattendibili ed obsoleti, soprattutto quando si affidano a modellini statistico stagionali che aggiungono o tolgono posti di lavoro solo sulla base di ipotesi che non hanno nulla a che vedere con la realtà.

Il tasso di disoccupazione americano è solo un semplice ed inattendibile specchietto per le allodole, tasso che riflette solo l’enorme, continuo e persistente declino della forza lavoro, ovvero di coloro che ormai hanno rinunciato alla speranza di trovare un posto di lavoro. Il tasso di disoccupazione reale dovrebbe essere ben oltre il 10 % calcolando quanti hanno abbandonato la forza lavoro in questi ultimi due anni.

Oltre 3,9 milioni di anime in più in America, nuovi nati e immigrati  a fronte di una forza lavoro aumentata di appena 700000 unità circa.

Stabile la settimana lavorativa e le ore lavorate mentre i guadagni orari sono diminuiti marginalmente. In sintesi solo retail a tempo determinato, lavori interinali, turismo e assistenza sanitaria a domicilio riescono a contrastare il declino di un’economia come quella americana che ha distrutto la sua classe media.

Non perdete …  ITALIA…Oltre l’ultima grande occasione!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.8/10 (9 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 2 votes)
AMERICA...BAD NEWS, GOOD NEWS!, 9.8 out of 10 based on 9 ratings
Tags:   |
1 commento Commenta
carpif74
Scritto il 10 settembre 2012 at 11:21

Andrea ho letto il tuo precedente intervento e noto come la tua visione (parlando dell’italia) sia rimasta sostanzialmente invariata e cioè non fidarsi mai delle fesserie dette in tv o sui giornali e vedere giustamente le potenzialità di una nazione.Adesso siccome tu parli che l’america è entrata ormai in recessione e lo vedremo nei prossimi dati che usciranno: ci dobbiamo aspettare altre turbolenze l’anno prossimo che ci porteranno a nuovi minimi? O credi che cmq resteremo su qyuesti livelli prima di rivedere la luce infondo al tunnel? Grazie tante

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Guidare una moto fruendo del Cloud, Internet of Things e Intelligenza Artificiale. Da qui IBM e Harl
Ftse Mib: l'indice italiano rimane ancorato alla resistenza statica dei 20.236 punti. Poco sopra pas
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
La legge di bilancio 2017  ha istituito la RITA (Rendita Integrativa Temporanea Anticipata), in via
E certo che non è magica la data del primo di marzo, mica abbiamo bisogno di decidere qualcosa
Aggiornamento sul CESI, il Citigroup Economic Surprise Index, l’indice che misura gli scostame
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Mentre Roma è la prima città italiana in cui i turisti sono distribuiti durante tutto l’anno a l
Problemi strutturali come la crisi demografica correlata con il debito pubblico. Cosa si sta facen
Avvio di seduta poco mosso per il Ftse Mib. L’indice di Piazza affari si muove non lontano da quot