GRECIA: UNA BALLA TIRA L’ALTRA!

Scritto il alle 10:12 da icebergfinanza

La settimana scorsa ho  ricevuto la lettera di un lettore che vive in Grecia in quale mi suggeriva di dare un’occhiata alle balle che recentemente i media europei e soprattutto tedeschi raccontano a proposito del suo Paese.

Una premessa fondamentale! Dopo gli ultimi rilasci dei bilanci delle grandi banche europee sarà interessante osservare quanti aderiranno volontariamente allo swap proposto della Grecia in quanto in mancanza di un determinato numero di adesioni la forzatura ovvero l’obbligo ad accettare tali perdite configurerà il default tecnico e quindi tutti i CDS in circolazione dovranno essere onorati e statene pur certi hedge fund e company non mancheranno di passare alla cassa e chissenefrega della Grecia e della sua gente!

Sembrerebbe che in Grecia la media degli impiegati statali sia vicina a quella europea intorno al 14/15 % e che in realtà questo popolo sia vittima di un manipolo di avidi politici e finanzieri che ha prosciugato le casse dello Stato con transazioni di armi e poltiche di spesa pubblica demenziale come nel caso delle Olimpiadi di Atene o in quello dello scandalo Siemens che ha coinvolto anche la nostra Enelgreenpower.

La pratica allegra di seminare corruzione in mezzo mondo messa in atto da alcuni dirigenti Siemens secondo le indagini dei pubblici ministeri tedeschi, briciole per oltre 1,3 miliardi di euro che servivano per lubrificare amministratori pubblici e privati con fittizi contratti di consulenza e fondi neri a iosa!

(ANSA) – ATENE, 10 GIU – Il direttore esecutivo della Siemens greca, Dionisio Dendrinos, è stato arrestato nell’ambito di un caso di corruzione che sta facendo tremare la politica greca. L’arresto di Dendrinos, avvenuto ieri sera, fa seguito a quello di altri due dirigenti della società e ad un mandato d’arresto internazionale contro Mikhalis Crithoforakos, presidente della filiale greca della Siemens, che avrebbe pagato per anni tangenti per ottenere contratti e appalti. Un mandato d’arresto è stato spiccato anche contro il dirigente finanziario della Siemens, Christos Karavellas, mentre indagati sono anche membri della sua famiglia. Sia Crithoforakos che Karavellas si troverebbero in Germania. L’inchiesta della magistratura riguarda tangenti che sarebbero state pagate dall’impresa tedesca a politici greci nel corso di diversi anni e in particolare per i sistemi di sicurezza delle Olimpiadi del 2004. Lo scandalo coinvolgerebbe sia esponenti del partito socialista di opposizione Pasok, quando era al governo, che dell’attuale partito di maggioranza del premier Costas Karamanlis (ND). Il Pasok ha chiesto un’indagine parlamentare sul caso Siemens, respinta da Karamanlis che vuole prima attendere la fine dell’inchiesta giudiziaria. (ANSA).

Sul Di Zeit abbiamo visto come tra sottomoarini e carri armati tedeschi e fregate francesi la Grecia si sia data alla pazza gioia in questi anni, neanche vi fosse all’orizzonte il rischio di un’invasione tedesca come avvenne durante la seconda guerra mondiale.

Non è affascinante uno stato sull’orlo del default avvia un programma di riarmo e modernizzazione massiccio per miliardi di euro! Altro che aiuto alla Grecia, i 130 miliardi sono una partita di giro contabile magari da rendere più sostanziosa con un massacro e stupro fiscale sulla popolazione!

Magari aggiungendovi qualche elicottero e un programma di sviluppo atomico si riesce a rimborsare l’elemosina tedesca e francese di questi ultimi anni, decisamente subprime!

E sapete chi è il maggiore acquirente di armi dalla Germania e dalla Francia?

Tenetevi forte il Portogallo come ci racconta il sempre puntuale Die Zeit via Voci dalla Germania

Ma andiamo oltre e ascoltate cosa ci racconta Alberto Bagnai titolare del blog GOOFYNOMICS professore associato di politica economica presso il Dipartimento di Economia dell’Università Gabriele d’Annunzio di Chieti-Pescara che vi consiglio di seguire nei prossimi mesi…

” Raccolgo lo stimolo di ecodellarete e vi propongo i dati sul rapporto fra  occupati pubblici e popolazione attiva totale. Non sono dati esoterici: non c’è nulla di  più disponibile al pubblico e noto agli economisti (quindi chi non li  conosce non è un economista). La popolazione attiva viene dal sito dell’OCSE,  sezione Labour – Labour force statistics – Annual labour force statistics. I  dati sugli occupati pubblici non vengono dal sito dell’OCSE, che ritiene di non  dover fornire questo trascurabile dettaglio. Del resto, si sa, lo Stato è una  cosa brutta, una cosa di cui vergognarsi, per cui capisco che al Bois de
Boulogne (sede dell’OCSE a Parigi), confinando col XVI (il quartiere dei  ricchi), siano restii dal menzionare questa turpe parola. Però c’è il sito dell’ILO, dove cercando
nelle Statistics by topic (in alto a sinistra) vi viene fornito accesso  anche allo spettacolo esecrando di questa torma di cavallette, di parassiti, di  nemici del genere umano che sono (che siamo) i dipendenti  pubblici.

I grafici riportano i dati medi  sul campione 2000-2009, il periodo di gestazione della crisi, e si commentano da  sé.Il primo grafico rappresenta  l’incidenza sulla popolazione attiva dei dipendenti pubblici in senso stretto  (general government  employment):

mentre il secondo considera  quello che una volta si chiamava (e forse ancora si chiama) il settore pubblico  allargato (public sector), cioè  comprende anche i dipendenti delle imprese di proprietà  pubblica(il dato manca per Austria e Portogallo)

Ah, perché voi credevate che in Grecia il  problema fosse la spesa pubblica assistenziale fatta per mantenere una torma di  dipendenti pubblici fannulloni, che in più quando escono dall’ufficio trovano il  sole e a casa hanno tutti (tutti?) la piscina? (mentre noi tedeschi produttivi  troviamo solo nebbia e ghiaccio).

Ah, voi credevate… Be’,  certo, ve l’avrà detto l’uccellino, il solito uccellino liberista, magari ve  l’avrà detto il presidente della società Adam Smith. Chi è? Non lo so. Anzi, credo che non lo sappia nessuno. Ma le cose stanno in un modo un  po’ diverso. Se consideriamo il settore pubblico in senso stretto  (amministrazioni centrali, amministrazioni locali e enti previdenziali) la  Grecia ha di gran lunga l’incidenza più bassa. E se invece consideriamo il  settore pubblico allargato, il quadro cambia, ma la situazione greca, sulla  media del decennio, rimane sempre migliore di quella di Belgio, Finlandia,  Francia e Olanda. Che sono tutti fra i primi della classe.

E qual è la differenza più  grande fra i due grafici? Bravi, esatto, la posizione della Grecia. Vedete?  Quando consideriamo anche le imprese pubbliche, il dato cresce molto in Grecia e  poco altrove. Diciamo che in termini di occupazione le imprese di proprietà
pubblica contano per un 12% della popolazione attiva in Grecia, contro una media
del 4% negli altri paesi. Ma… se ci  sono tante imprese pubbliche… daje a privatizza’, no? Chiaro il concetto?  Dice: ma perché stanno spaccando le ossa alla Grecia? Ma è chiaro! Perché gli  stati periferici sono come i granchi: per arrivare alla polpa devi rompere il  guscio. E guardate un po’ dov’è più alto il  rapporto? Sorpresa sorpresina… Ma è chiaro: il modello scandinavo prevede  uno stato sociale forte, diciamo pure pletorico, quindi qualcuno ci dovrà  lavorare. Guardando il grafico credo capiate perché questi nostri fratelli  nell’euro stanno  diventando così critici verso la moneta unica, e perché dall’alto del suo  24% di dipendenti pubblici questo popolo che tanto ha dato alla cultura europea,  questo esportatore netto di zanzare, telefonini e forza lavoro  specializzata  (vedi sotto), voleva imporre alla Grecia il pignoramento del Partenone (suscitando lo sdegno del prof.  Santarelli). E credo infine capiate perché  la protagonista femminile delle Memorie del sottosuolo è finlandese (sono  lontano dai miei libri, non posso verificare, ma mi pare fosse proprio così). Una brava ragazza, ricorderete, che stava solo facendo il suo lavoro. Quello di  finlandese.

Grande professor Bagnai, finalmente qualcuno che viene a darmi man forte per smascherare questo manipolo di iperliberisti falliti che sta dominando la scena mediatica anche nel nostro Paese! Preparatevi un giorno vi privatizzeranno anche l’ARIA!

Nel fine settimana è stata spedita la nuova analisi dal titolo “STRONG BUY ITALIA” un viaggio nell’Italia che verrà, osservando le dinamiche che ci attendono nelle prossime settimane per gettare le basi per i prossimi anni.

Chi fosse interessato all’analisi ANNO 2012: ESPLOSIONE DEL DEBITO! che fa il punto sui rischi e stelle polari del 2012 può richiederla con una libera donazione cliccando sul banner in cima al blog o QUI

Icebergfinanza partecipa al ” ENEL BLOGGER AWARD 2012 ” Se qualcuno di Voi trova un attimo di tempo ed è disponibile a sostenerci , questo è l’indirizzo per votare Semplicemente grazie! http://www.enelbloggeraward.com/

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.4/10 (13 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +8 (from 8 votes)
GRECIA: UNA BALLA TIRA L'ALTRA!, 9.4 out of 10 based on 13 ratings
Tags: ,   |
3 commenti Commenta
paolocogorno
Scritto il 24 febbraio 2012 at 00:02

Semplicemente incredibile… non si finisce di stupirsi… grazie per questi approfondimenti…

icebergfinanza
Scritto il 24 febbraio 2012 at 07:40

Si Paolo ma non c’e consapevolezza e quando c’e ognuno la tiene per se …vista la mancanza di commenti a questo post! Andrea

paolocogorno
Scritto il 25 febbraio 2012 at 01:19

Hai Ragione Andrea.. inoltre il buco informativo-mediatico sulla grecia è enorme … lo si vede leggendo anche gli altri blog..

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Oggi il Ftse Mib si sta comportando nelle prime battute meglio degli altri indici europei dopo aver
Nei miei post ho sempre cercato di “stimolare” la mente dei risparmiatori e anche dei consul
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
I giornali vivono di mode. Tendono a pubblicare e dare maggior visibilità alle notizie “che t
Ftse Mib: l'indice tricolore tenta nuovamente il break dei 22.000 punti, anche se la conferma l'avre
I fondi pensione sia a prestazione definita che a contribuzione definita possono soddisfare gli  ob
Audizione del presidente della FED. Tutto va a gonfie vele, tutto va come previsto, tutto bene. E
Di cosa pensa la storia sulle banche centrali lo sapete già, la rersponsabilità delle più gra