GRECIA: A CARNEVALE OGNI SCHERZO VALE!

Scritto il alle 09:07 da icebergfinanza

Mentre la dichiarazione finale che riguarda le decisioni prese dall’Eurogruppo è in fase di elaborazione e si attendono i dettagli andiamo a dare un’occhiata all’uovo di Colombo europeo , una soluzione insospettatamente semplice a un problema apparentemente impossibile anche se come ben sappiamo si tratta di una soluzione palesemente impossibile ad un problema molto semplice; viste le dimensioni e le dinamiche dell’economia greca è difficile che la Grecia possa raggiungere i target proposti ed evitare il default.

In fondo a Carnevale ogni scherzo vale … Monti: «Bel risultato per Grecia ed Eurozona. E per i mercati speriamo». Così il presidente del Consiglio Mario Monti commenta l’intesa sui nuovi aiuti. «È stato un lungo lavoro, l’Europa è anche in grado di funzionare»., ha detto il presidente del Consiglio italiano al termine della riunione, poco dopo le 5.00. «È stato un lungo lavoro», ha aggiunto, spiegando che i maggiori sacrifici da parte dei detentori privati del debito greco sono stati al centro «di un intenso negoziato durato tutta la notte». di Antonio Larizza. All’interno analisi di Vittorio Da Rold – Il Sole 24 Ore – leggi su http://24o.it/Mkkx6

Per i mercati speriamo si speriamo e ora vediamo come accoglieranno la notizia coloro che dovranno contribuire all’illusione greca!

 

Ma di questo parleremo nelle prossime ore in un nuovo post…

BRUXELLES – E’ stato raggiunto l’accordo all’Eurogruppo sui nuovi aiuti alla Grecia. La riunione di Bruxelles fra i ministri europei delle Finanze, l’Fmi e la Bce durata oltre 12 ore ha dunque sbloccato i 130 miliardi di aiuti promessi ad Atene. A frenare la trattativa la difficoltà di accordo con i privati detentori del debito greco che dovranno accettare una ulteriore riduzione del valore nominale dei titoli in loro possesso. REPUBBLICA

Secondo il Telegraph si parla di almeno il 75 % aggiungo  io!

Meno problemi per gli altri due punti necessari per l’accordo: la presenza stabile di osservatori della troika ad Atene ( un punto definito inderogabile da tutti i ministri partecipanti alla riunione) per controllare che il piano di risanamento del Paese venga portato avanti secondo gli accordi e la creazione di un conto bloccato dove i greci verseranno da ora in poi gli interessi sul loro debito. L’obiettivo è che la Grecia arrivi nel 2020 ad un rapporto debito-Pil del 120,5%. “Un obiettivo insperato”, ha detto il ministro francese Francois Baroin.

Gli Stati dell’Eurozona parteciperanno al salvataggio abbassando gli interessi sui prestiti concessi ad Atene. Anche la Bce farà la sua parte secondo un meccanismo macchinoso che consente alla Banca centrale di superare l’ostacolo delle normative che le vietano l’intervento in aiuto degli Stati. L’istituto di Francoforte distribuirà alle banche centrali nazionali i profitti sui bond greci nel suo portafoglio, a loro volta le banche centrali li verseranno agli Stati dell’Eurozona che hanno acconsentito a versarli alla Grecia, mentre l’Fmi deciderà a marzo la sua partecipazione (che i Paesi dell’Eurozona si aspettano sia “significativo”) al piano di aiuti. E sempre a marzo si giocherà la partita importante sui fondi salvastati e sulle loro dotazioni.

“Un accordo molto buono” ha detto il presidente della Bce Mario Draghi. L’ex governatore ha poi aggiunto: “‘E’ molto importante che le principali forze politiche in Grecia riconoscano questo programma e che supportino gli impegni che sono stati presi dal primo ministro e dal ministro delle Finanze stasera”. “E’ un bel risultato per la Grecia, per l’Eurozona e per i mercati, speriamo“,( ps mia enfasi…)  è invece il commento a caldo del presidente del Consiglio Mario Monti.

NEW YORK, 20 FEB – La Grecia potrebbe aver bisogno di ulteriori aiuti per tagliare il debito al 120% del pil entro il 2020. Se Atene non portera’ avanti riforme strutturali ampie e privatizzazioni, il suo debito potrebbe toccare il 160% del pil nel 2020.

E’ quanto emerge analisi condotte dall’Unione Europea, dalla Banca Centrale Europea (Bce) e dal Fondo Monetario Internazionale (Fmi) contenute in un rapporto di nove pagine, ottenuto dalla Reuters, completato lo scorso 15 febbraio e sottoposto ai ministri delle finanze dell’euro area. Blitzquotidiano

Come abbiamo visto ieri in QUESTO documento strettamente confidenziale l’illusione di una Grecia che possa raggiungere quel rapporto percentuale nei prossimi 8 anni è pari a ZERO! Se poi vi aggiungiamo anche l’analisi in prima pagina del FT il miglioramento diventa pressochè impossibile. Si tratta solo di posticipare l’inevitabile!

Nell’articolo del Financial Times si evidenzia come il limite massimo raggiungibile sia ben più alto di quello suggerito dai leader europei, non il 120 % nel rapporto debito/crescita per il 2020 ma il 160 %. Con una dinamica come quella attuale è probabile che basta una qualsiasi deviazione dalle previsioni per compromettere qualsiasi possibilità di evitare un default.

Nel bel mezzo di una depressione economica, accentuata dalle demenziali proposte della comunità europea e in primis dei tedeschi da quale miracolo economico potrà mai scaturire la crescita di cui la Grecia ha bisogno?

Di quale stime vogliamo parlare visto che nel quarto trimestre ci si attendeva una caduta del pil greco tra il 5 e il 6 % e invece è uscito addirittura un meno 7 %? Date un’occhiata alle previsioni che dovrebbero portare il rapporto al 120 % per il 2020 e buona fortuna!

Non c’è alternativa al fallimento, l’Islanda per quanto piccola lo ha dimostrato, ripudio del debito e galera per coloro che hanno contribuito alla follia islandese dalle banche ai politici.

Qui sotto avete la dimostrazione che non c’è limite alla tragedia greca, mentre l’uomo più ricco della Grecia tradisce il suo paese vendendo buona parte delle partecipazioni, un piano segreto per ristrutturare il sistema finanziario ellenico suggerisce che serviranno ancora più soldi di quelli previsti e che ben 50 miliardi dei 130 concessi dalla comunità europea serviranno per tenere in piedi BANCHE FALLITE!

Le stesse privatizzazioni prevedevano un incasso di almeno 50 miliardi e invece ora si è scesi a 30 miliardi ma nell’arco di cinque anni, il tempo giusto perchè nel frattempo il debito continui a salire.

Chi investirà nella ripresa greca? I festeggiamenti abbiano, pagine e pagine di giornali incenseranno l’accordo raggiunto, la fine della Grande Crisi, l’inizio di una nuova illusione!

 

Nel fine settimana è stata spedita la nuova analisi dal titolo “STRONG BUY ITALIA” un viaggio nell’Italia che verrà, osservando le dinamiche che ci attendono nelle prossime settimane per gettare le basi per i prossimi anni.

Chi fosse interessato all’analisi ANNO 2012: ESPLOSIONE DEL DEBITO! che fa il punto sui rischi e stelle polari del 2012 può richiederla con una libera donazione cliccando sul banner in cima al blog o QUI

Icebergfinanza partecipa al ” ENEL BLOGGER AWARD 2012 ” Se qualcuno di Voi trova un attimo di tempo ed è disponibile a sostenerci , questo è l’indirizzo per votare Semplicemente grazie! http://www.enelbloggeraward.com/

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 7.6/10 (9 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +8 (from 8 votes)
GRECIA: A CARNEVALE OGNI SCHERZO VALE!, 7.6 out of 10 based on 9 ratings
Tags: ,   |
7 commenti Commenta
PORTELLO
Scritto il 21 febbraio 2012 at 09:42

Appena tornato dal Brasile…sono stato a Rio dopo 4 anni…
aiuto! e’ diventata piu’ costosa di una citta’ del nord Italia..
prezzi pazzeschi per cenare, taxi, anche il succo frescho all’ angolo della strada…
a parte che il real e’ passato da 3.6 di 10 anni fa a 2.15 ma c”e un inflazione galoppante
per non parlare del mercato immobiliare, per curiosita’ son andato a vedere due appartamenti livello top…piu’ di 20mila euro al metro…

forse la globalizzazione ha fatto si che se sei povero in Italia sei povero anche in Brasile e se te la vivi al massimo in Italia spendendo un tot, devi spendere lo stesso per vivertela alla stessa maniera anche in quei paesi dove fino a qualche anno fa la classe media italiana si sentiva ricca quando ci andava in vacanza

in effetti..mi dicevan che il 70% di italiani che andavano regolarmente son spariti e quelli che ci vanno ora si lamentano dei prezzi

forse la globalizzazione e’ proprio questo:
se sei povero a Milano sei povero ovunque
se sei ricco a Milano sei ricco ovunque

mah…

icebergfinanza
Scritto il 21 febbraio 2012 at 09:51

PORTELLO,

No è solo inflazione da illusione, un’illusione di breve un’opportunità di lungo, con qualche riserva!

luigiza
Scritto il 21 febbraio 2012 at 10:46

PORTELLO,

Il Brasile però non é solo Rio.
Altrove come vanno le cose?

PORTELLO
Scritto il 21 febbraio 2012 at 14:48

luigiza@finanza,

Credo che i maggiori centri specialmente al sud abbiamo una simile situazione..come San Paolo, Florianopolis, etc

una mia amica giornalista che vive li da anni dice che la classe povera sta sempre peggio perche anche i beni primari son saliti tantissimo

la media magari sta un po meglio..o comunque ci son nuovi investimenti e quindi nuovi posti di lavoro

cmq vorrei sapere da Andrea che ne pensa del sudamerica..se crede che sara’ una delle aree che avra’ piu’ opportunita’ nel prossimo futuro

billbill
Scritto il 21 febbraio 2012 at 15:53

Io sono stato a Sau Paulo 18 mesi fa ed il mercato immobiliare era già in bolla. Quasi tutto era più caro che da noi, per i forti dazi che hanno là. Un’azienda risparmia sui dazi se va a produrre in Brasile ed è questo che ha portato sviluppo.
Ogni economia giovane fa un bel boom e un bello sboom, vedi USA nel 29 o Giappone anni ’90.
Sul greto del torrente si aspetta anche il Brasile…..e perché no la Cina, la Russia e l’India… Chissà cosa succede se le bolle scoppiano tutte insieme….

PORTELLO
Scritto il 21 febbraio 2012 at 18:11

vuoi vedere che va a finire che l italia sara’ uno dei posti dove si stara’ meglio…

icebergfinanza
Scritto il 21 febbraio 2012 at 21:53

PORTELLO,

Io del Brasile potrei solo raccontarvi le testimonianze di tanti amici che vivono con i bambini della strada, potrei condivedere con Voi solo la miseria che esiste in ogni angolo di quel magnifico paese, anche se molte piccole rivoluzioni sono state fatte, molte piccole conquiste anche se resta ancora tanta strada da fare il Brasile resta una grande opportunità ma non intesa come terra di conquista selvaggia del colonialismo neoliberale e affini!
Andrea

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
PREVISIONE Come vediamo dal grafico mercoledì 17 gennaio dovremmo avere fatto il massi
Dopo una fase tentennante, il report del CFTC accetta la forza delle riforme di Donald Trump e lib
Inutile che vado a spiegarvi cosa è il Big Mac Index. Per avere ulteriori informazioni sul Big
L'azienda resa famosa dalle schedine del Totocalcio gioca la carta FinTech, per anticipare i cambiam
Ftse Mib: apre allineato alla chiusura di venerdì l'indice tricolore, dopo l'arresto della scorsa s
Guest post: Trading Room #271. Ormai siamo a un passo dalla resistenza granitica posta in area 240
ll Consiglio dei ministri ha finalmente approvato l'intesa sul rinnovo del contratto degli statali d
Anno nuovo, farsa nuova in America, uno suthdown,  che abbiamo già visto nel 2013 in
Analisi Tecnica Siamo arrivati al test dei 23800. Ora sara' molto dura in quanto ci sono delle for