AMERICA: LA RECESSIONE CHE VERRA’!

  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF
  • Print
  • Twitter
  • Wikio
  • Yahoo! Buzz

In attesa dei dati relativi all’ultimo trimestre 2011 della crescita del Gross Domestic Product americano previsti per venerdi 27 gennaio andiamo a dare un’occhiata alla crescita reale depurata dall’inflazione ovvero al Real GDP.

Secondo gli ultimi dati della BEA il Bureau of Economic Analysis..

Real gross domestic product — the output of goods and services produced by labor and property located in the United States — increased at an annual rate of 1.8 percent in the third quarter of 2011 (that is, from the second quarter to the third quarter), according to the “third” estimate released by the Bureau of Economic Analysis.  In the second quarter, real GDP increased 1.3 percent. In the first quarter, real GDP increased 0.4 percent.

Ora le attese per l’ultimo trimestre variano da un minimo del 2,7 % ad un massimo del 3,3 %. Esageriamo sino ad arrivare ad un 3,5 % e abbiamo una crescita media reale per il 2011 del 1,75 revisioni al ribasso permettendo!

 
Real GDP (%)
Unemployment
Rate (%)
Payrolls
(000s/month)
 
Previous
New
Previous
New
Previous
New
Quarterly data:
2011:Q4
2.6
2.6
9.0
9.0
148.7
115.3
2012:Q1
2.2
2.4
8.8
8.9
180.3
121.0
2012:Q2
2.9
2.4
8.7
8.9
138.0
126.3
2012:Q3
3.2
2.8
8.6
8.8
187.0
152.4
2012:Q4
N.A.
2.7
N.A.
8.7
N.A.
126.3
Annual data (projections are based on annual-average levels):
2011
1.7
1.8
9.0
9.0
111.5
106.5
2012
2.6
2.4
8.6
8.8
150.1
123.2
2013
2.9
2.7
8.1
8.4
N.A.
N.A.
2014
3.1
3.5
7.6
7.8
N.A.
N.A.

Source : Federal Reserve Philadelphia.

Date un’occhiata al seguente grafico! Si chiama realtà empirica. Ben 10 volte su dieci ogni qualvolta la crescita del Real GDP scende sotto il 2 % la diventa realtà.

A Voi ogni altra considerazione….

Icebergfinanza  partecipa al ” ENEL BLOGGER AWARD 2012 ” Se qualcuno di Voi trova un attimo di tempo ed è disponibile a sostenerci , questo è l’indirizzo per
votare  Semplicemente grazie! http://www.enelbloggeraward.com/


 

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 8.6/10 (15 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +10 (from 10 votes)
AMERICA: LA RECESSIONE CHE VERRA'!, 8.6 out of 10 based on 15 ratings
  1. LA RECESSIONE CHE VERRA'!
  2. QUATTRO AMICI AL BAR E LA RECESSIONE CHE VERRA’!
  3. LA DISOCCUPAZIONE "NASCOSTA" E LA RECESSIONE CHE VERRA'.
  4. DI REVISIONE IN REVISIONE LA RECESSIONE CHE VERRA'!
  5. AMERICA: LA "LIEVE DEPRESSIONE" CHE VERRA'!

Commenti (n° 5)Commenta

  1. Tecnicamente il rischio è concreto ma se non fosse per l’immobiliare il flesso è stato fatto e molti settori sono in ripresa
    Certo l’immobiliare in tutto il suo contesto è il primo motore e senza quello è difficile crescere oltre il 2%
    Ma anche lì se risulta sempre debole il dato sulle vendite le nuove costruzioni mostrano timidi risvegli
    Riuscendo a sostenere in modo adeguato il settore non vedo rischi di recessione, fatto salvo coinvolgimenti in conflitti che nessuno oggi può permettersi
    Cmq grazie sempre ottimo chart
    saluti

    • icebergfinanza scrive:

      Difficile sono a fine anno l’immobiliare e’ morto può stabilizzare ma non sostenere. A proposito piccola anteprima FOMC ….Fed Says Benchmark Interest Rate Will Stay Low Until Late 2014
      2012-01-25 17:27:55.435 GMT

      By Craig Torres
          Jan. 25 (Bloomberg) — Federal Reserve officials said
      their benchmark interest rate will stay low until at least late
      2014 and anticipate that unemployment will remain high and
      inflation “subdued.”

  2. john_ludd scrive:

    icebergfinanza,

    Nuovo paragrafo dell’ennesimo capitolo della guerra valutaria in atto. Ogni paese vuole la propria moneta debole senza ammetterlo. Siccome il gioco delle monete è in relativo e non si può essere tutti esportatori il prossimo passo saranno sottili barriere doganali che si alzano (ci sono già sui prodotti agricoli ma colpiscono solo i paesi poveri che diventano ancora più poveri). Sinora Jim Rickards è stato profetico. Si può solo sperare che non lo sia sino in fondo, ma la storia sembra ripetersi soprattutto quando la si dimentica.

  3. edmontdantes scrive:

    Capitano, continuo la mia domanda imperterrito, stile ultimo dei giapponesi nel pacifico, ma perche´ nessuno dico nessuno guarda a quanto sta succedendo in US che al 31.12.2011 hanno di nuovo sforato il limite legale del debito appena innalzato ad Agosto 2011 ?

    Basta guardare al link:

    http://www.treasurydirect.gov/govt/reports/pd/mspd/2011/opds122011.pdf

    Per vedere come:

    Total Public Debt Outstanding
    15,222,940,000,000 USD

    Statutory Debt Limit
    15,194,000,000,000 USD

    Mi pare che il primo sia maggiore no ? Vista la campagna elettorale imminente nessuno trovera´un accordo e il debito ìllegale…da default saleira e salira ´…ma sempre con AAA! L´ultima volta ha innescato un teatrino politico peggio dei nostri, che ha dimostrato quanto gli US fanno fatica a parlare di tale argomento. Bene allora ma come mai non trono un articolista che scriva su tale tema…tutti impauriti ? Tutti incapaci, troppo inpegnati a prendere per oro colato quanto scrive FT Pravda e WSJ Iszestia o troppo venduti ? A voi la risposta.

  4. icebergfinanza scrive:

    edmontdantes@finanza,

    Perchè in un Casinò nessuno guarda alla realtà, tutti giocano di fantasia e illusioni! Andrea