GOLDMAN SACHS: IL COUNTDOWN DEI DERIVATI!

Scritto il alle 07:02 da icebergfinanza


 CORRADO Ragazzi…è un brutto momento ma PASSERA'!

Affascinante decisamente affascinante un altro banchiere che si avvia a vivere una nuova esperienza di servizio alla Patria, in questo mondo nel quale il conflitto di interesse è solo una vaga opinione e le dimissioni cancellano la Storia.

Sia ben chiaro la Storia sussurra che sono i politici e i sovrani quelli che hanno procurato più danni alle nazioni, politici conniventi e sempre interessati allo scranno, ma oggi la Realtà è un'altra abbiamo bisogno di una rivoluzione politica, di un cambiamento radicale verso la Responsabilità e il Bene Comune. Utopie? Vedremo!

E' affascinante ascoltare bocconiani alla noisefromamerica o chicago boy suggerisci quotidianamente il lato buono della speculazione. Qui abbiamo passato il segno, qui stiamo parlando di crimini contro l'umanità, ingenua ed indifesa, lasciamo perdere le favole e vediamo di trovare un giusto compromesso, di mettere un limite alla decenza.

Probabilmente qualcuno pensava che solo a Wall Street si trova  la porta girevole che porta direttamente al governo ma come abbiamo visto anche in passato spesso e volentieri la Storia si ripete anche in Italia!

Ma passiamo oltre, in attesa che la Verità figlia del Tempo si manifesti, andando ad osservare dietro le quinte della nebbia di questo tempo, dietro l'impero di Goldman Sachs & Company.

Certo che gli ultimi due articoli di Icebergfinanza hanno fatto scuola se anche i grandi quotidiani incominciano ad occuparsi del lato ombra della finanza! Lasciamo perdere la politica, chissenefrega di destra o sinistra ora è il momento di raccontare la Verità senza sostenere nessuno, lasciando alla Consapevolezza del lettore il compito di trarre le conclusioni.

Sentite quello che ci racconta Le Monde…

PARIGI – Goldman Sachs governa l'Europa? Posta in questo modo, la domanda può far sorridere. Ma la stampa francese s'interroga sull'influenza esercitata dalla banca d'affari statunitense: Mario Draghi ne è stato vice-presidente per l'Europa dal 2002 al 2005, Mario Monti consigliere internazionale dal 2005, mentre Lucas Papademos, nuovo premier greco, era governatore della banca centrale del suo paese quando Goldman Sachs truccò i conti del paese. A sottolineare i rapporti tra l'istituto americano e diversi leader europei è Marc Roche, corrispondente di Le Monde a Londra e soprattutto autore di un libro di rilevo : 'La Banca. Come Goldman Sachs dirige il mondo', premiato nel 2010 con il Premio del libro di economia.

Roche non è un adepto delle teorie del complotto e mette in guardia dalle semplificazioni : "Le reti non possono far tutto, l'efficienza della rete Goldman Sachs è oggi minore. Monti e Draghi sono sorvegliati dalla stampa, i deputati, le Ong". In un articolo per il suo quotidiano, Roche sostiene che "le antiche complicità mantenute dagli ex banchieri centrali sono meno utili di fronte a politici sensibili all'impopolarità dei professionisti della finanza, considerati i responsabili della crisi". Inoltre, la nuova generazione di industriali rispetta meno il vecchio establishement e chiede trasparenza. Ma proprio questa manca a Goldman Sachs, scrive ancora Roche : "La banca ama piazzare i suoi uomini senza lasciar mai cadere la maschera. Per questo i suoi uomini ligi nascondono questa filiazione quando danno un'intervista o conducono una missione ufficiale (come fu il caso di Monti, che si è visto affidare nel 2010 uno studio sul mercato unico europeo dal presidente della Commissione)".

Se Draghi è stato un banchiere di Goldman Sachs, Monti ne è stato solo un consigliere internazionale. E molti altri europei hanno lavorato per gli americani : l'ex commissario irlandese Peter Sutherland; l'ex dirigente della Bundesbank e della Bce Otmar Issing; Lord Griffiths, che fu consigliere di Margaret Thatcher; Petros Christodoulou, ex della banca è oggi responsabile dei mercati alla National Bank of Greece, il più grande gruppo bancario greco. Non c'è niente di illegittimo, ma Roche, interrogato dal sito Rue89, sottolinea l'imbarazzo dei protagonisti : "Monti e Draghi dissimulano che hanno lavorato alla Goldman Sachs o recalcitrano a parlarne. Perché? Senza dubbio perché si vergognano, la banca è oggi molto contestata, è un'istituzione sulla difensiva".

Sul web i commenti, più o meno virulenti, impazzano : l'estrema sinistra e si cosidetti 'sovranistì (cioè i difensori della sovranità nazionale) si sono appropriati l'argomento. E anche Libération, sia pur senza far riferimento alla banca americana, si chiede se i mercati non stiano scavando la fossa alla democrazia. Ma la risposta del quotidiano è rassicurante : "Se il potere politico non è più in posizione di monopolio, non è però scomparso. Meglio ancora : la storia della filosofia politica ci ricorda che la crisi e la guerra sono, par excellence, il momento del potere politico"Repubblica

E ancora sempre in riferimento agli incarichi del civil servant goldmaniani scopriamo che…

(…)Non a caso Peter Denis Sutherland presidente non esecutivo della Goldman Sachs International, membro del Bilderberg Group e presidente onorario della Trilaterale, è stato chiamato a dirigere le operazioni per il salvataggio dell’economia irlandese. Peccato che la Commissione Trilaterale, ideata nel 1973 da David Rockfeller, venga spesso accusata di non essere non soltanto un “think tank” dedito al coordinamento delle politiche di Asia, Europa e Stati Uniti, ma un centro di potere occulto creato – scriveva il senatore repubblicano Barry Goldwater – per sviluppare «un potere economico mondiale superiore ai governi politici delle nazioni coinvolte».(…)  A render possibile il raggiro targato Goldman Sachs contribuisce non poco Lucas Papadémos, il premier greco, membro come Mario Monti della Commissione Triennale, chiamato oggi – al pari del “Supermario” nostrano – a salvare la patria in pericolo.

Una patria accompagnata da lui stesso sull’orlo del precipizio quando, da governatore della Banca Centrale di Atene, affida a Petros Christodoulos, un ex gestore di titoli della Goldman, lo scellerato maquillage dei conti ellenici.(…) Ma alla luce dello scenario disegnato da Le Monde è assai interessante anche il “cursus honorum” di Massimo Tononi, il 47enne manager bocconiano nominato nel 2006 sottosegretario all’Economia del governo Prodi dopo una fulgida carriera in Goldman Sachs. Tornato alla Goldman dopo quell’esperienza, Tononi è oggi il presidente di Borsa Italiana, la società di proprietà del London Stock Exchange che controlla Piazza Affari. Una carica assunta lo scorso giugno, poche settimane prima del fatidico decollo dello spread. Uno di quei casi che solo Dio sa spiegare. Non a caso Lloyd Craig Blankfein, presidente dal 2006 della Goldman Sachs e grande finanziatore delle campagne elettorali di Obama, spiega così il suo mestiere di banchiere. «Io faccio il lavoro di Dio»Giornale

Facciamo una piccola pausa e poi ritorneremo alla grande sull'argomento!

Nei giorni scorsi un premeditato innocente errore ha portato al downgrade della Francia prontamente rientrato, una sorta di avvertimento mafioso, un bigliettino sulla scrivania,  già pronto da tempo, in qualche angolino dei computer di S&P's, leggittimo quanto si vuole visto l'enorme deficit del clown Sarkozy.

Roma – L’intenzione della Commissione europea di annunciare un nuovo regolamento per le agenzie di rating sarebbe "pericoloso" perché ha il solo fine di limitare "la qualità e l’indipendenza" del processo di giudizio, secondo il presidente e chief operating officer di Moody's Investor Services, Michel Madelain.

"La vedo come un’ossessione nello sfidare il processo di rating di per se e per ritenere le agenzie responsabili della crisi del debito in Europa", si legge nell’intervista concessa per il Le Figaro. "Queste proposte non possono ripristinare la fiducia degli investitori, ne tantomeno facilitare l’accesso delle società e degli stati europei al mercato".

Roba da piegarsi in due dalle risate, la qualità e l'indipendenza di una serie di opinioni che la storia ha confermato essere solo il frutto di un enorme conflitto di interesse, di manipolazioni, frodi e pressioni dall'alto per ottenere sempre maggiori commissioni. Immagino che i fautori del libero mercato non saranno d'accordo no loro non sono d'accordo su niente va tutto bene, sino a quando possono giocare con i Vostri soldi!

Non dimenticate che chi cerca di screditare Icebergfinanza anche in giro per il WEB è perchè ha paura della Realtà, paura di perdere il suo giocattolo!

Ma torniamo a noi …

Attacco all'Euro, si moltiplicano i sospetti su Goldman Sachs (MF)

Si moltiplicano i sospetti su una regia di Goldman Sachs dietro gli attacchi speculativi all'euro. Secondo indiscrezioni già datate a febbraio del 2010 alcuni hedge fund tra i quali Sac Capital Advisors e Soros Fund Management sarebbero stati "ispirati" da Goldman Sachs nella scommessa su una futura parità euro-dollaro. Non a caso dopo pochi giorni George Soros aveva dichiarato che l'euro rischiava di andare in pezzi. Da Goldman Sachs proveniva anche Henry Paulson, l'ex ministro del Tesoro Usa che aveva promosso il salvataggio delle banche statunitensi da 700 miliardi di dollari. La stessa Goldman Sachs aveva aiutato la Grecia a camuffare le perdite di bilancio che poi sono state smascherati dall'Unione Europea e hanno dato il via alla crisi del debito sovrano. Un'inchiesta del Senato Usa indaga sul fatto che Goldman Sachs avrebbe contribuito a gonfiare la bolla dei muti subprime americani per poi lucrare sul crollo del mattone a stelle e strisce. Con Goldman Sachs hanno avuto rapporti di lavoro il neo premier greco Lucas Papademos, il neo presidente della Banca centrale europea Mario Draghi, il neo premier italiano Mario Monti. Evidenzia questa serie di coincidenze stamane il quotidiano MF che però sottolinea anche che le debolezze europee permettono a Goldman Sach e agli altri speculatori degli "attacchi finanziari" (Prodi ha stimato in 12 mila miliardi di dollari la potenza di fuoco di Goldman e delle sue "sorelle) che un'Europa più decisa e solidale non potrebbe subire.

Avanti miei Prodi ma come fa ad essere cosi ben informato il buon Prodi…forse che ha letto anche lui l'articolo di ieri di Christine Harper e Michael J.Moore secondo il quale JPMorgan e Goldman Sachs hanno venduto protezioni, assicurazioni sul rischio di fallimento di stati e aziende per la modica cifra di 5.000.000.000.000 di dollari… senza sottolineare quanti di questi sono riferiti ai paesi europei in difficoltà!

L'articolo in questione riferisce che le banche americane di cui i lettori di Icebergfinanza conoscono vita morte e miracoli, non forniscono un quadro completo delle potenziali perdite in uno scenario avverso come quello attuale dando solo numeri di routine ed escludendo l'esposizione ai derivati.

Loro dicono che non c'è bisogno di conoscere i rischi, i numeri che loro forniscono sono al netto della loro fantasia. Nell' articolo in questione avrete tutto il tempo di sbizzarrirvi con cifre e curiosità, ma riportando quello  che molti di Voi già sanno JPM e GS detengono da sole il 43 % di 24.000.000.000.000 di dollari di fantasie varie venduti al mondo intero mentre le prime cinque banche americane costituiscono circa il 97 % del monopolio di questi inutili e demenziali derivati.

Secondo il governatore della Fed di Dallas Fisher queste banche dovrebbero comunicare sia la loro posizione netta che lorda a questi strumenti di distruzione di massa, ma la realtà in questo campo supera la fantasia di miliardi di miliardi di immaginazioni!

La mano di dio, il ceo di Goldman Sachs, Blankfei, ha sussurrato che non bisogna preoccuparsi, non c'è alcun motivo di allarmarsi, si come un bimbo che sta ad osservare l'innesco di un'atomica!

New York – La borsa di New York e' andata giu' a candela nell'ultima ora di contrattazioni, subito dopo che Fitch Ratings ha fatto sapere in una nota che ulteriori contagi dalla crisi del debito in Europa sono un rischio per le banche degli Stati Uniti, in uno scenario in cui i prezzi del petrolio, oggi sopra i $100 al barile ($101.74) potrebbero rallentare la gia' debole crescita economica. Non si e' mai visto il petrolio a questi livelli durante il periodo autunno/inverno. Nell'after hour i futures sul greggio hanno toccato il massimo di 5 mesi a $102.59.(…) "E' la paura del'ignoto che spaventa il mercato" h adetto a Bloomberg Madelynn Matlock, a cui fa capo la gestione di $14.5 miliardi del fondo Huntington Asset Advisors di Cincinnati. "Ci possono essere piu' esposizioni all'Europa di quanto la gente veramente pensi, anche se le banche pensano di esere coperte. Sara' un mercato duro per un po' – ha aggiunto la money manager – e l'aumento dei prezzi del petrolio e' come una tassa sui consumatori".

Il forte e improvviso calo a Wall Street e' scattato dopo che Fitch ha fatto sapere che "mentre gli istituti di credito degli Stati Uniti hanno un'esposizione diretta gestibile verso Grecia, Irlanda, Italia, Portogallo e Spagna, ulteriori turbolenze in questi mercati rappresentano un serio rischio", che potrebbe "rendere piu' scuro" lo scenario per il sistema creditizio americano. WSItalia

Ma certo è tutto cosi gestibile in questa crisi oltre 5 trilioni di dollari di assicurazioni sul nulla, vediamo che succede quando a perderci saranno in tanti, quando il meteorite avrà centrato la terra.A proposito dimenticavo tanti auguri alla Crande Gemania e alle sue banchette ne ha proprio un dannato bisogno!
Cari compagni di viaggio piano, piano ci avviamo verso fine anno all'analisi dedicata a tutti coloro che hanno contribuito al nostro viaggio o vorranno farlo cliccando in fondo all'articolo, dal titolo…
" Datemi una leva e vi distruggerò il mondo".

Prepariamoci qualcuno continua imperterrito a giocare con l'innesco della madre di tutte le crisi, l'Arca di Noè è pronta!

 

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
108 commenti Commenta
utente anonimo
Scritto il 17 novembre 2011 at 07:18

Natale 2010 e G&S a Dubai !

Un amico da Dubai mi ha raccontatp della festa di Natale dei simpatici bankster di G&S…erano 106 teste dirigenziali e signore..hanno speso 50 milioni di UDS !!!!!!!!! Le camere costavano dai 12.000 ai 25.000 al giorno…alle signore hanno dato un regalino di benvenuto con borse Luis Bidon ed un check per lo shopping di 100.000 USD ogniuna…poi tra bollicine, jet privati e resto il conto e´ lievitato.

I soldi vengono da queste simpatiche operazioni che metto in ginocchio economie e persone normali ! La notizia la prendo con le molle perche´ non l´ho trovata da nessuna parte. Se fosse vero non avrei parole…ma purtroppo mi sa che il mio amico biancone sia dalla parte del giusto !!!

A proposito non ho piu´visto nulla della farsa sui bonus e stipendi fatta allo stability forum ???

Saluti
Massimo

utente anonimo
Scritto il 17 novembre 2011 at 07:40

Stanno suonando alcune sirene da 130 decibel, alcune campane da 100 tonnellate stanno avvertendo, giganteschi lampeggianti rosso fuoco proiettano luce sinistra….

Non diciamo che non eravamo stati avvisati.
Nei prossimi giorni toccherà alla Francia.
La finalità, a questo punto non recondita (ammesso di non avere alcune fette di salame tagliate con spessore un metro sugli occhi) è quella di mettere in crisi l'eurosistema. Così sarà colpa sua….
E intanto qualcuno si potrà prendere l'oro di Italia e Francia. Malcontate sono 5000 tonnellate e, dal momento che la materia sta sparendo, possono bastare per fare un bel sacco da parte degli amici….

Ma non preoccupatevi, mi raccomando, continuate a comprare debito, ma di quello buono, mi raccomando.
Fatevelo incartare e mettetelo in frigo, chè coi tempi che corrono, può andare a male.

Per la cornoca: ieri mercato dei bond italiani mai così illiquido. Bond francesi a quasi 193 basis point di spread rispetto al Bund.

Buona fortuna
Daniele

utente anonimo
Scritto il 17 novembre 2011 at 07:42

Dimenticavo: per fare un mestiere fatto bene hanno chiamato supermario. Supermario ha reclutato come compare e numero due un altra buon amico della trilaterale.
Informatevi sulla trilaterale e sugli amici.
Meglio tardi che mai.
e poi non dite che non era stato detto

buona giornata
Daniele

Scritto il 17 novembre 2011 at 08:17

Titola oggi il Sole24Ore…Due priorità: crescita e più Europa. Le misure per superare la crisi del debito sovrano
ma quale crescita REDISTRIBUZIONE finiamola di dire fesserie!

utente anonimo
Scritto il 17 novembre 2011 at 08:41

http://www.wallstreetitalia.com/article/1260766/capitalismo/debito-stati-uniti-sfonda-15-033-607-255-920.aspx

intanto i8l debito Usa sfonda i 15000miliardi di $
..a siamo messi bene ..
loro pegggio dell'europa
M

utente anonimo
Scritto il 17 novembre 2011 at 08:41

http://www.wallstreetitalia.com/article/1260766/capitalismo/debito-stati-uniti-sfonda-15-033-607-255-920.aspx

intanto i8l debito Usa sfonda i 15000miliardi di $
..a siamo messi bene ..
loro pegggio dell'europa
M

utente anonimo
Scritto il 17 novembre 2011 at 08:41

http://www.wallstreetitalia.com/article/1260766/capitalismo/debito-stati-uniti-sfonda-15-033-607-255-920.aspx

intanto i8l debito Usa sfonda i 15000miliardi di $
..a siamo messi bene ..
loro pegggio dell'europa
M

utente anonimo
Scritto il 17 novembre 2011 at 09:30

mONTECRISTO:

Un  augurio  mi   vorrei   fare  per   Natale   è  che   finalmente   chiudessero  internet   sarebbe   sicuramente  una   cosa   positiva.

utente anonimo
Scritto il 17 novembre 2011 at 09:40

Salve Marinai ….

è incredibile … abbiamo passato anni nel dibattito più fosco, partiti, chiesa, forze ultraterrene …. ma il povero silvio non si skiodava dallo scranno … poi è bastato che in USA qualcuno notasse la presenza del suo governo traballante, magari con alcuni attributi troppo "duri", ed il timore che tale miscela di ignoranza e di "trash" potesse accendere un incendio nella palude dei derivati europei ha portato alla sua caduta …. uno, due tre … tre giorni giovedì, venerdì e sabato … la domenica niente pausa ed il nuovo governo tecnico, bancario (e di buona famiglia cristiana) era pronto per sostituire il povero "puttaniere" trombato …. con l'improvvisamente solerte Napolitano che ha premurosamente messo alla porta l'allibito silvio …. non ho parole ….

Che dire, è risaputo che l'italia ha perso l'ultima guerra (II guerra mondiale) e che ha avuto la grande fortuna di trovarsi nella parte giusta dell'Europa, cosa che ci ha convinto in breve di essere diventati improvvisamente importanti e addirittura autonomi politicamente … sarebbe ora che il diritto di voto e la "maggiore eta" fossero non appannaggio di tutti … ma solo di chi dimostra di essere abbastanza intelligente per meritare questi diritti …. abbiamo giocato con la moralità e la decenza del nostro paese come mai si era visto … ora siamo in castigo solo perchè a forza di fare stronzate abbiamo mostrato troppo il culo alla finestra …. non siamo maturi per la democrazia, non lo eravamo prima della guerra e non lo siamo ora dopo 50' anni di fintocrazia all'ombra degli USA.

Più che una pillola rossa abbiamo, anzi stiamo prendendo tutti una bella supposta rossa da 1 kg … c'è solo veramente da sperare che alla fine della cura, per motivi assolutamente a noi sconosciuti, la sorte, o il buon Dio si ricordi della nostra povera Italia e non ci faccia affogare nel mare di merda che in questi anni, tutti, abbiamo contribuito o lasciato crescere senza ritegno.
Non è questione di fare del populismo o del complottismo, di dare la colpa a tutti o meno … gli onesti ci sono e ci saranno sempre, solo che se non hanno la forza o la capacità di pretendere che la loro onestà sia riconosciuta e tutelata a livello sociale, finiscono per diventare la carne da macello …. cosa che regolarmente avviene alla fine di tutti i periodi di follia che ciclicamente coinvolgono le nostre società "avanzate". Che sia una confluenza di anime con debiti karmici, o solo un branco di stronzi, sarebbe ora che la nostra nazione smettesse di affliggersi dando il potere politico e sociale a persone corrotte e incapaci …. dipende solo da noi.

Auguri Marinai, ne abbiamo bisogno.

Francia R

utente anonimo
Scritto il 17 novembre 2011 at 09:47

Peter Denis Sutherland è anche presidente della London School of economics.

utente anonimo
Scritto il 17 novembre 2011 at 10:13

Francia: spread Oat/Bund supera i 200 punti base, rendimento al 3,80%

Vediamo che dicono ora!  :D

utente anonimo
Scritto il 17 novembre 2011 at 10:24

Post capolavoro…. Proprio ieri ho visto il film di Moore – Capitalism a love story – Guardatelo

Carlo

utente anonimo
Scritto il 17 novembre 2011 at 10:39

é uscito il Geab 59   ANALISI  E COMMENTI A VOI !

Elezioni presidenziali Americane se tutto va male la colpa è di eurolandia non di Obama…..,   regno unito :  Eurolandia fà paura,   La scozia che farà ?

e , tanto per gradire : " ABP  il più grande fondo pensionistico Olandese dovrà ridurre i pagamenti ai pensionati  causa perdite ultimi mesi "
saluti

utente anonimo
Scritto il 17 novembre 2011 at 10:42

Per #5

hai ragione, forse sono un tantino paranoico, ma il vero problema viene dagli USA. Sono loro che hanno il potere politico ed economico … solo loro che possono creare questi casini.

Per anni hanno infuso nel mondo la loro politica demenziale e pseudo occulta di corruzione e controllo politico "superpartes" a tutti i costi, pur di isolare battere l'odiato "nemico rosso", almeno all'inizio.
Quante democrazie, quanti governi specie dell'america centrale sono stati spazzati via brutalmente con la scusa del pericolo rosso, quanti droga e fiumi di denaro da riciclare nelle casse europee, magari con costosi, brillanti e troppo ripetuti spot televisivi.

E …quando il nemico alla fine è crollato, l'estensione delle nuove regole di corruzione e pseudo democrazia a tutti. E poi l'avventura è ripresa in parte con il mondo arabo …..

Chi controllava il giochino si è trovato in cima ad una fedele ed  incredibile filiera di controllo economico e politico, corruttice e trasversale a tutti i governi o alle forze politiche locali, sempre che ne esistessero di vere.
Idea nata probabilmente negli anni 60' per impedire che il "nemico" assumesse il controllo delle nazioni, un immenso risiko di corruzione e di corrotti sostenuti al potere con la forza della morale di chi deve vincere a tutti i costi (magari senza la bomba …).

Con la "vittoria", il passo direi che è stato breve ….  via il "muro", unminimo di assestamento, e …. via le regole che calmieravano il mondo della finanza … in fondo il controllo della situazione era sempre garantito dagli USA, dalle sue banche e  … dalla Fed … con la sua indipendenza politica ed economica … la sua leggenda.

Ed è incominciato il delirio finanziaro il "new deal" di corruttori ed arrivisti, che si sono trovati a moltiplicare il denaro ed il potere,  controllando il mondo senza timori di alcun genere e senza conti da pagare, che non fossero contrattabili fra amici ….

Ora il giochino è … semplicemente esploso nelle sapienti mani di chi non ha avuto remore a distruggere l'economia del proprio paese (USA) ed il futuro del proprio popolo …. sperare che con noi le cose possano andare meglio sinceramente è alquanto stupido.
O troviamo in brevissimo una consapevolezza ed una unità europea granitica o … l'unica cosa che possiamo sperare è che … negli USA qualcuno si stanchi di lasciare che le cose rotolino nel baratro anche per loro … è avvilente ma penso che x noi le possibilità siano veramente poche ….

Saluti Marinai

Francia R

utente anonimo
Scritto il 17 novembre 2011 at 10:47

…La borsa di New York e' andata giu' a candela nell'ultima ora di contrattazioni, subito dopo che Fitch Ratings ha fatto sapere in una nota che ulteriori contagi dalla crisi del debito in Europa sono un rischio per le banche degli Stati Uniti…

Capitano Andrea,

Questa è la risposta francese all'ERRORE
dell'altro giorno in cui a S&P gli era sfuggito
che avrebbe declassificato il debito francese.

*****************

La svista di Standard and Poor’s – abbassare per sbaglio il rating della Francia – scatena la rabbia di Parig

***************************

Fitch è per l'80% francese, per cui è una
guerra dei servizi segreti, che tanto segreti
non sono.

Carpe Diem

utente anonimo
Scritto il 17 novembre 2011 at 10:47

segnalo l'uscita dell'ultimo GEAB

http://www.leap2020.eu/GEAB-N-59-is-available-Global-systemic-crisis-30000-billion-US-dollars-in-ghost-assets-will-disappear-by-early-2013_a8148.html

Global systemic crisis: 30,000 billion US dollars in ghost assets will disappear by early 2013 / The crisis enters a phase of widespread discounting of Western public debt

utente anonimo
Scritto il 17 novembre 2011 at 10:53

Sutherland was a director of the Royal Bank of Scotland  until he was asked to leave the board when it had to be taken over by the UK government to avoid bankruptcy.

utente anonimo
Scritto il 17 novembre 2011 at 11:26

Montecristo

Basterebbe   che  la   Merkel   direbbe  tre   parole,  si  agli   eurobond  e   secondo  me  le   borse  farebbero  +  15%  in  una   giornata.

utente anonimo
Scritto il 17 novembre 2011 at 11:49

Concordo …. Sole pace e ammmmore!

Okkio ….. la BCE / Europa non è la FED e non ha la stessa possibilità di stampare soldi come fossero coriandoli o di fare spese ed aiuti senza dovere dare spiegazioni (sostenibili) a nessuno. Se la BCE si mette a comprare merda pagandola  come fosse oro (ovvero asset tossici / titoli di stati potenzialmente falliti piuttosto) o a prestare soldi a chi non potrà mai restituirli …. dovrebbe metterli in conto capitale a chi? Garantendoli con cosa?  Noi non siamo gli USA …..

O si fa una vera Unione Europea con tutto quello che ne consegue per le varie sovranità nazionali, o è meglio lasciare le cose come stanno.

Francia R

utente anonimo
Scritto il 17 novembre 2011 at 12:37

Concordo con 17. Non dovrebbe essere difficile da comprendere, basta essere conseguenti con quanto viene scritto quotidianamente in questo blog a partire dai post del capitano. Il cartello bancario vuole, pretende che la BCE si faccia prestattore per un semplice motivo: ha in piedi un mare di derivati sui tassi di interesse (scommesa già vinta perchè Bernanke ha detto che li lascia a zero almeno fino a fine 2013) e sul cambio euro / dollaro che deve scendere. Per scendere è necessario che la BCE crei moneta a tonnellate. Dopo ci penserebbero i robot dell'HFT e il comportamento da pecore del mercato dai grandi ai piccoli tutti si muoverebbero in sincro. Il mercato dei CDS è microscopico ripetto quello su tassi e cambi che è dove si fanno o si perdono i soldi veri. I CDS servono x destabilizzare non in quanto tali. Per GS credo sia questione di vita o di morte. I dati dell'ultima trimestrale sono stati un distastro, non riescono più a fare trading cosa che si nota dal forte calo dei ricavi. La cosa più stupida che capita di leggere è che i governi europei non lo sanni. Certo che nonna merckel non sa un tubo di finanza ma i suoi consiglieri sì. Forse a Sarkozy piace altro ma suo fratello è uno dei maggiori banchieri europei. Ma che stiamo scherzando ? Questa è una partita decisiva per la sopravvivenza di un cartello. L'arbitro sarà la FED, vedremo se è del tutto assimiliata alle big banks oppure no. Un dollaro alto porta il DOW giù 300 punti in poche sedute e una orgia di deflazione che Bernanke asserisce di non volere a tutti i costi. Vedremo, altrimenti la sua è solo una maschera e i suoi scopi erano da sempre altri. In tal caso siamo morti e l'euro non arriva a fine 2012.

anima bella

utente anonimo
Scritto il 17 novembre 2011 at 13:57

…..crescita , redistribuzione e se cominiciassimo con: NON SPRECARE
Non sprecare le risorse che abbiamo.
Penso a quante ore non lavorate ma retribuite dalla cassa integrazione potevano e possono essere utilizzate per lavori socialmente utili.
Una montagna di ore da distribuire sul territorio per:
pulizia delle strade, delle piazze ,dei BOSCHI,  servizi  alle famiglie per  organizzare pre e post scuola,doposcuola, pedibus, assistenza agli anziani, mense per i bisognosi ecc…..BASTEREBBE POCO….una legge che disponga che una parte delle ore di CIG utilizzate debbano essere recuperate con lavori socialmente utili e un elenco delle persone in cig diviso per Comune di residenza consultabile on line sul sito dell'Inps dagli enti locali.
Sono convinta che i sogni possono realizzarsi ……..
buona giornata
 una cellula labile

utente anonimo
Scritto il 17 novembre 2011 at 14:56

Montecristo:

Tutto   è  creato   dai   Media   incominciano   a  parlare   male   e   tutto  va   male  ,poi   all'improviso   tutto   diventa   rose  e   fiori     e   ritorna   l'ottimismo  ma   dico   io   ma   quando   la   finiscono   con   tutta   questa   informazione   insensata     e   fuori   controllo    .  Io  lo vedo   benissimo   questo  nuovo   governo   gli  faremo  il   culo   così   "specialmente   alla   culona"   e  a   Sarkosì    .L'italia   è  numero  uno   al  mondo  in   tutto   dobbiamo   solo   rispettare   un   pò   di  più  le  regole.Forza  Italia,  Forza   Monti.   W  L'italia.

utente anonimo
Scritto il 17 novembre 2011 at 15:30

finora registriamo le mosse passate, presenti, e future …

ma a che gioco giocano questi incivil servant?

 

A: GIOCO DEL POLLO

L'esemplificazione classica è basata sulla sfida del film Gioventù bruciata in cui due ragazzi fanno una corsa automobilistica lanciando simultaneamente le auto verso un dirupo. Se entrambi sterzano prima di arrivarvi, faranno una magra figura con i pari; se uno sterza e l'altro continua per un tratto di strada maggiore, il primo farà la figura del coniglio, mentre il secondo guadagnerà il rispetto dei pari. Se entrambi continuano sulla strada, moriranno

 

http://it.wikipedia.org/wiki/Gioco_del_pollo

 

B: Dilemma del prigioniero tra creditore e nuovo debitore

 

Per il creditore cooperare significa concedere il credito mentre non cooperare non concederlo. Per il nuovo debitore cooperare corrisponde alla restituzione del debito, mentre non cooperare alla mancata restituzione. …., il creditore anticipando che la strategia debolmente dominante del nuovo debitore è quella di non restituire il debito, non concede il credito richiestogli.

 

http://areeweb.polito.it/didattica/polymath/htmlS/Interventi/Articoli/DilemmaPrigioniero/DilemmaPrigioniero.htm

 

MASTABA 

(se esagero con i link ditemelo…)

Scritto il 17 novembre 2011 at 16:10

DRAGHI E NAPOLITANO DEVONO ESSERE ARRESTATI E PROCESSATI DI PAOLO BARNARD  paolobarnard.info

I golpisti finanziari che hanno terminato la democrazia italiana dopo 63 anni di vita sono stati condotti al Palazzo italiano da Mario Draghi e dal Group of Thirty. Ad attenderli dentro il Palazzo vi era Giorgio Napolitano, da 35 anni uomo di punta in Italia del Council on Foreign Relations degli USA e amico delle loro multinazionali, come da lui stesso dichiarato su Business Week. Si consideri quanto segue: 1) La sovranità legislativa italiana, quella economica ed esecutiva, già compromesse dai Trattati europei e dall’Euro (si legga Il Più Grande Crimine 2011), sono state terminate del tutto. Ciò è evidente persino nei titoli del Corriere di questi giorni, non c’è bisogno di leggere Barnard o altri. 2) Le misure di austerità – si legga la rapina della pubblica ricchezza e del futuro di milioni di famiglie italiane attraverso un collasso pilotato dell’economia che tali misure portano senza dubbio – non hanno ora più ostacoli. 3) Saranno decenni di sofferenze e lacrime e sangue per i cittadini, un impoverimento mai visto dal 1948 e tanti morti anzi tempo a causa della demolizione dei servizi. I punti 1, 2 e 3 formano i contenuti sufficienti per un’accusa di alto tradimento della patria da parte di Mario Draghi e di Giorgio Napolitano, che devono essere incriminati e arrestati. Se pensate che questa sia retorica di un esagitato, si legga la letteratura economica americana sulla crisi dell’Eurozona per fugare ogni dubbio, e si visiti l’Irlanda o la Grecia, vittime prima di noi di questi golpisti. Questo è un colpo di Stato. Mario Draghi è membro del Group of Thirty (GOT), dove la sua presenza segna il più scandaloso conflitto d’interessi della storia italiana, alla luce del disastro democratico che stiamo vivendo (prendano nota i demenziali travagliati dipietrosi che per anni sono corsi dietro al conflitto d’interessi del presunto ladro di polli e hanno ignorato quello dei veri ladri planetari). Il lavoro dell’eccellente Corporate Europe Observatory ha denunciato il GOT e ciò che vi accade. Fondato nel 1978, è una lobby dove impunemente i grandi banchieri si mischiano a pubblici funzionari di altissimo livello. Ecco i principali membri: Jacob A. Frenkel, di Jp Morgan Chase – Gerald Corrigan, Managing Director del Goldman Sachs Group – Jacques de Larosière, Presidente del Gruppo UE sulle risposte alla crisi finanziaria – William C. Dudley, ex Goldman Sachs oggi alla Federal Reserve di NY – Mervyn King, governatore della Banca Centrale d’Inghilterra – Lawrence Summers, ex ministro del Tesoro USA, oggi al Bilderberg Group – Jean-Claude Trichet, uno dei padri dell’Euro, ex governatore della BCE – David Walker Senior Advisor, Morgan Stanley International – Zhou Xiaochuan, governatore Banca Centrale Cinese – John Heimann, Istituto per la Stabilità Finanziaria – Shijuro Ogata, Vice Presidente, Commissione Trilaterale – inoltre vi sono passati Tommaso Padoa-Schioppa (ex Min. Finanze) e Timothy Geithner (attuale Min. Finanza USA). Cioè, in esso si mischiano i lobbisti della finanza bancaria più criminosa della Storia e i pubblici controllori delle medesime banche. Mario Draghi arriva alla BCE fra il 31 ottobre e il primo novembre. Il colpo di Stato finanziario contro l’Italia si svolge nella settimana successiva, il governo eletto ne è spazzato via. Mario Draghi poteva fermare la mano degli speculatori golpisti semplicemente ordinando alla BCE di acquistare in massa i titoli di Stato italiani. Infatti tale acquisto avrebbe, per la legge basilare che li regola, abbassato drasticamente i tassi d’interesse di quei titoli, il cui schizzare in alto a livelli insostenibili stava portando l’Italia alla caduta nelle mani degli investitori golpisti. I mercati si sarebbero fermati, resi inermi di fronte al fatto che la BCE poteva senza problemi mantenere a un livello basso costante i tassi sui nostri titoli di Stato. Ma Mario Draghi siede alla BCE e non fa nulla. Non siate ingannati dalla giustificazione standard offerta per questo rifiuto di acquistare titoli italiani da parte della BCE. Vi diranno che le è proibito per statuto, ma non è vero: infatti clausole come la SMP Bond Purchases lo permettono, e anche le regole sulla stabilità finanziaria del trattato di Maastricht, come scritto di recente da Marshall Auerback e da altri. Draghi poteva agire, eccome. Risultato: il golpe. Da ora le elite finanziarie sono col loro aguzzino Mario Monti al governo a Palazzo Chigi. Fine della democrazia italiana fondata nel 1948. Comandano i mercati, non il Parlamento. Tutto ciò è stato ampiamente discusso da Mario Draghi con i suoi camerati al Group of Thirty, secondo un copione che trapelava da anni sulle pagine della stampa finanziaria anglosassone. Silvio Berlusconi era stato avvistato più volte dell’esistenza di quel copione: “L’Italia ha problemi gravissimi, ha bisogno di una iniezione di libero mercato con riforme economiche neoliberali… fra cui ridurre le tasse, tagli all’impiego pubblico e alle pensioni, rafforzare il settore dei servizi privati, e rendere più facili i licenziamenti”, cioè esattamente quello che sta accadendo in queste ore nelle riforme che il golpe ci ha imposto, facendosi beffe del Parlamento non più sovrano. La prescrizione in corsivo è del Neoliberista fanatico Alberto Alesina nell’Aprile del 2006. Lo stesso anno in cui Draghi prendeva il comando della Banca d’Italia, dopo aver lasciato la banca d’investimento più criminosa del mondo, Goldman Sachs, in cui resse una posizione di comando nel settore Europa proprio mentre la Goldman aiutava la Grecia a truccare i propri conti pubblici nel 2002. Tornando al golpe. Le conseguenze sociali, le sofferenze per milioni di italiani per decenni, la scure che si abbatte sul futuro dei nostri piccoli, sui pochi preziosi anni che rimangono agli anziani, sull’ambiente, e sulla democrazia, saranno tragici. Nell’ordine di migliaia di volte peggiori di qualsiasi danno le mafie regionali abbiano mai potuto infliggere all’Italia, col concreto pericolo di prostrarla per intere generazioni. Alla luce di tutto ciò, e mentre si fatica a non emigrare di fronte all’idiozia epica di masse di italiani che festeggiano l’arrivo dei golpisti (sic), è doveroso chiedere l’incriminazione e l’arresto per alto tradimento dei cittadini italiani Mario Draghi e Giorgio Napolitano. Prego quindi l’eventuale giurista che leggesse queste righe di informarmi sulla procedura per inoltrare una denuncia in tal senso. Se, come temo, essa non esiste, nulla cambia della sostanza di quanto scritto. p.s. Prego i diversi colleghi che usano in Tv, ai dibattiti o in radio i fatti che scopro e denuncio, di almeno citarmi come fonte. Grazie. Paolo Barnard Fonte: http://www.paolobarnard.info

DORF

utente anonimo
Scritto il 17 novembre 2011 at 16:33

Milano – Gli investitori internazionali che operano nel mercato dei bond stanno scambiando i titoli di debito di Unicredit come se la loro valutazione fosse pari a "junk", ovvero al rating spazzatura. E' quanto affermano gli analisti di Moody's Analytics.

basta con questo bombardamento!!!!!!!

utente anonimo
Scritto il 17 novembre 2011 at 16:42

@ dorf

puoi mettere semplicemente il link invece di copiare un intero articolo?
Hai chiesto il permesso a chi lo ha scritto?
non ti pare di mancare di rispetto ad Andrea pubblicando post di altri?

TRandafil

utente anonimo
Scritto il 17 novembre 2011 at 16:55

Governo : pessimi intendimenti in  avvio   pensioni , ritorno  ici e vendita patrimonio pubblico e un secco no a patrimoniale .
non che una patrimoniale serva  serve solo l'annuncio  per vedere l'effetto che fà  magari poi la mette per accontentare i fessi e far sembrare equo ciò che non sarà mai .
temo che se non si uniranno la borghesia la classe media e gli operai
si faccia tutti egualmente una brutta fine  a buon intenditor………..

utente anonimo
Scritto il 17 novembre 2011 at 17:41

Allora Mazzalai come era quella fiaba esilarante? “Faranno pagare i grandi patrimoni”.

Ah Ah ed Ah!

Certo che questi cattocomunisti e clericofascisti della balena bianca sono fenomenali.

Fingono di prendere dieci lauree farsa e 30 master con il calcio in culo all'estero per imparare a rubare senza nessun rimorso di coscienza.

Tanto alla domenica vanno tutti assieme in chiesa a confessarsi e a purificarsi…Un Padre Nostro due Ave Maria, una lavata e via, per ricominciare a “porcheggiare” e “troieggiare” il lunedì.

Che bella massa di mezzi uomini e vaiasse.

utente anonimo
Scritto il 17 novembre 2011 at 19:51

Ma voi credete in voi stessi e nelle vostre capacita ? E´ piu´ facile sfasciare che costruire e´piu´facile stampare denaro a rotoli per tirare a campare qualche altro anno che affrontare i problemi veri che abbiamo di fronte.

Se stampiamo, come qualcuno sostiene e la BCE pompa la borsa sale del 15% e ALLORA ? Abbiamo cambiato qualcosa ? Solo una boccata d´ossigeno.

La disuguaglianza sociale oggi nasce dal fatto che una qualunque ímpresa con una seplice triangolazione puo´eludere le tasse !!! Credete veremante che l´80% della ricchezza sia in mano a dipendenti e pensionati ? NO ma allora perche´ l´80% delle tasse arriva da queste categorie ?

Con una societa´ N.V. (EU) o locata in Delaware (US) le tasse si pagano in minima parte …un povero coglionazzo (in senso Fantozziano, senza offesa, mio padre e´un operaio) di tasse paga il 23% minimo ….e non parlo di conti offshore, finanza grigia etc. PROVIAMO A TASSARE QUESTI ?

Che ripeto in questi siti offshore le mafie, ´narcotrafficanti e delinquenti fanno arrivare tutti questi soldi nella finanza…vogliamo far finta di nulla ?

Allora cominciamo da questi punti a raccogliere denaro che stampare carta…e crediamo maggiormante a noi stessi ed apriamo gli occhi sul vero problema del debito US e UK….e per favore non pensate che dall´altra parte dell´oceano siano meglio, la sanno RACCONTARE MEGLIO….ed i loro politici sono forse peggio dei nostri…vedi il candidato republicano alla presidenza che nulla sapeva della Libia !!!!

Voglio credere che l´Italia….che da secoli siam sempre derisi….perche´ non siam popolo…perche´ siam divisi….per una volta creda in se stessa e faccia quanto possibile per redistribuire ricchezza !!!

Che dite ho esagerato ?
Massimo

utente anonimo
Scritto il 17 novembre 2011 at 19:54

anima bella e altri non hanno capito granchè. Il che è del tutto comprensibile perchè tuttora pochi, forse neppure il capitano di questo vascello, ha compreso la natura del sistema attuale.. Questo è un frammento che trovo delizioso….

Always remember the Fed's ONLY mandate is to bail out banks.  Everything else is window dressing.

At the same time the USA's most important foreign policy instrument is the reserve status of the dollar.  We bailout foreign banks to maintain that status.  These banks' core reserves are US treauries, and the whole world economy is built, or collateralized, on dollar reserves.  Comined with our military which preserves a Pax Americana, the world is forced to sing our song whether they like it or not.  All things considered its MUCH less invasive than what Hitler had in mind, or Napoleon for that matter.  

If EU banks start going down, its the beginning of the end for the dollar reserve status, which would be the end of the US hegemony over world finance, which IS our Empire.  The Fed is doing very little right now, because they are waiting to see what happens in Europe.  They don't want to jump in, only to have the tables turned on them with unanticipated events.  That's scary because it means NOBODY knows what's going on over there.

anomimo veneziano

utente anonimo
Scritto il 17 novembre 2011 at 20:12

sorry noooo, il capitano lo sa benissimo ma dovrebbe scrivere di più sul ruolo della fed… anche questa è carina….

… Think about that for a moment. The Fed's entirebalance sheet totaled around $800 billion before the 2008 crash, nearly all of it Treasuries. Now the Fed holds more than double that amount in mortgage derivatives alone, junk that the banks needed to clear off their own balance sheets.

"As the size of the Fed's balance sheet ballooned, the dollar amount of capital held at the Fed has remained fairly constant. Today, the Fed has $52.5 billion of capital backing a $2.7 trillion balance sheet.

"Prior to the bursting of the credit bubble, the public was shocked to learn that our biggest investment banks were levered 30-to-1. When asset values fell, those banks were quickly wiped out. But now the Fed is holding many of the same types of assets and is levered 51-to-1! 

anonimo veneziano

utente anonimo
Scritto il 17 novembre 2011 at 20:41

@28 e 29:  egregio anonimo veneziano, noi poveri lettori stanziali ed ignoranti  facciamo una fatica bestiale con il nostro inglese scolastico di 35 anni fa.  Ti dispiacerebbe fare un riassunto in italiano? Grazie. (ps vale anche per altri)
Stanziale

utente anonimo
Scritto il 18 novembre 2011 at 00:05

I grandi patrimoni la patrimoniale non la pagheranno, sara' come sempre la middle class "agiata", gli "affluent", chi ha la seconda casa al mare o in montagna… Il fatto e', i proprietari dei grandi patrimoni possono vivere dove vogliono, investire dove vogliono.
E' una "guerra" che non si puo' vincere, quando si "vince" e' solo per leggerezze di tali individui.

Questo lo UK e CH l'han capito bene.

Hawk

utente anonimo
Scritto il 18 novembre 2011 at 00:52

ieri sera sulla 7 a piazza pulita hanno fatto una intervista al Sig.Paolo Barrai
sul perche' del trasferimento in svizzera,una verita' per salvare i ns.risparmi.
Altro tempo e' stato dedicato al blog economy.Ho la testa in tilt,comincio a preoccuparmi seriamente.Sig.Andrea è giusto quello che dice o all'improvviso
ci troviamo senza risorse e tutti in bolletta anche in Italia.Louis

utente anonimo
Scritto il 18 novembre 2011 at 00:58

traduzione veloce del #28

Ricordatevi sempre che l'UNICO mandato della Fed è salvare le banche. Tutto il resto è addobbo per vetrine/tutta apparenza.

[in realtà la Fed ha altri mandati..]

Allo stesso tempo il più importante strumento di politica estera degli Usa è lo status di moneta di riserva del $. Salviamo banche straniere per mantenere quello status. Le riserve "core" di queste banche sono i treasuries Usa e l'intera economia mondiale è costruita, o collateralizzata, sulle riserve di $.
Congiuntamente al nostro esercito che preserva la Pax Americana, il mondo è obbligato a seguirci sia che lo voglia o no. Tutto sommato è MOLTO meno invasivo di quello che aveva in mente Hitler, o Napoleone se è per quello.

Se le banche UE cominciano a sprofondare è l'inizio della fine per lo status di riserva del $, che sarebbe la fine dell'egemonia Usa sul mondo della finanza, che E' il nostro Impero. La Fed sta facendo molto poco al momento perché aspettano di vedere cosa accade in Europa. Non vogliono intromettersi per poi ritrovarsi le carte da gioco a loro sfavore in caso di eventi inaspettati. Questo fa molta paura perché NESSUNO sa cosa sta succedendo laggiù [cioè in EU].

TRandafil

utente anonimo
Scritto il 18 novembre 2011 at 01:42

Basterebbe ridurre del 50% tutti gli sprechi e anche con bassa crescita
l'Italia va' avanti senza traumi finanziari.
L'unico problema e' il rinnovo a tassi normali del ns.debito.
Se il governo tecnico, non mi interessa come, riesce a farlo, siamo a posto.
Speriamo poi che finita la situazione dei piigs,altri paesi forti francia e germania non ci chiedano aiuto per sistemare i loro conti perche' poi siamo fottuti.Louis

utente anonimo
Scritto il 18 novembre 2011 at 01:46

traduco anche il #29:

Pensateci un attimo. L'intero stato patrimoniale (bilancio) della Fed ammontava all'incirca a 800 miliardi di $ prima del crac del 2008, quasi tutti in Treasuries. In questo momento la Fed detiene più del doppio di quella somma soltanto in mutui derivati, spazzatura di cui  le banche devono sbarazzarsi dai propri bilanci.

Mentre il bilancio della Fed è lievitato, l'ammontare del capitale in $ detenuto dalla Fed è rimasto piuttosto costante. Oggi, la Fed ha 52,5 miliardi di capitale a sostegno di un bilancio di 2,7 trilioni di $.

Prima dello scoppio della bolla creditizia, l'opinione pubblica era rimasta sconvolta nell'apprendere che le nostre più grandi banche d'investimento avevano una leva (finanziaria) di 30 a 1. Quando i valori delle attività (o disponibilità finanziarie) caddero, quelle banche furono velocemente spazzate via. Ma adesso la Fed possiede molti tipi di quelle stesse attività e la leva è 51 a 1!

TRandafil
 

Scritto il 18 novembre 2011 at 08:09

Grande giornata oggi la mattina tra le Giovani Generazioni e la sera a Villalagarina di Rovereto (Trento) con Cittadinanza Attiva! Vi aspettiamo Andrea

Scritto il 18 novembre 2011 at 08:30

A…dimenticavo ma gli imbecilli alla @26 non hanno mai scadenza. Per quanto riguarda Paolo Barrai io non la penso come lui ma a breve lo dirò anch’io in televisione! Ciao Andrea

utente anonimo
Scritto il 18 novembre 2011 at 08:54

Purtroppo Andrea i coglioni in modalità #26 ci sono… anche nei blog seri come il tuo.

P.

utente anonimo
Scritto il 18 novembre 2011 at 09:05

Non mi pare che il n26 sia un cogl.. Anzi ga detto cose reali.
A volte Andrea cadi proprio in basso.

utente anonimo
Scritto il 18 novembre 2011 at 09:16

Graze della traduzione, Trandafil . In effetti gli articoli erano molto interessanti.    Stanziale

utente anonimo
Scritto il 18 novembre 2011 at 09:23

interessante l'unico intervento a favore dell'italia al parlamento europeo di Nigel Farage
 termina con " IN nome di Dio chi vi dà il permesso di dire al popolo italiano cosa deve fare!!
grande intervento presto lo stesso Dio risponderà!!!

utente anonimo
Scritto il 18 novembre 2011 at 10:57

Sì grazie a chi ha tradotto gli spezzoni che ho postato ieri, sono pigro e ho al massimo 10 minuti da dedicare ai blog e questo è davvero ok. Insolito x l'italia dove si leggono solo scemenze di illitterati in finanza. Il tizio qui, Andrea, ha studiato x davvero. Bravo !

Oggi vi lascio qualcosa di ECCEZIONALE, ok è in inglese ed è in musica. Oh GOD ! c'è davvero della gente brillante in giro. Il miglior compendio della natura dell'economia fascistioide di oggi cantata da un rapper !!! Fantastico.

http://lyricmv.com/tay-zonday-mama-economy-lyrics.html

anonimo veneziano

keep on going…. avremo un grande 2012…. uh uh uh… esplosivo direi !!!

utente anonimo
Scritto il 18 novembre 2011 at 10:57

Sì grazie a chi ha tradotto gli spezzoni che ho postato ieri, sono pigro e ho al massimo 10 minuti da dedicare ai blog e questo è davvero ok. Insolito x l'italia dove si leggono solo scemenze di illitterati in finanza. Il tizio qui, Andrea, ha studiato x davvero. Bravo !

Oggi vi lascio qualcosa di ECCEZIONALE, ok è in inglese ed è in musica. Oh GOD ! c'è davvero della gente brillante in giro. Il miglior compendio della natura dell'economia fascistioide di oggi cantata da un rapper !!! Fantastico.

http://lyricmv.com/tay-zonday-mama-economy-lyrics.html

anonimo veneziano

keep on going…. avremo un grande 2012…. uh uh uh… esplosivo direi !!!

utente anonimo
Scritto il 18 novembre 2011 at 10:57

Sì grazie a chi ha tradotto gli spezzoni che ho postato ieri, sono pigro e ho al massimo 10 minuti da dedicare ai blog e questo è davvero ok. Insolito x l'italia dove si leggono solo scemenze di illitterati in finanza. Il tizio qui, Andrea, ha studiato x davvero. Bravo !

Oggi vi lascio qualcosa di ECCEZIONALE, ok è in inglese ed è in musica. Oh GOD ! c'è davvero della gente brillante in giro. Il miglior compendio della natura dell'economia fascistioide di oggi cantata da un rapper !!! Fantastico.

http://lyricmv.com/tay-zonday-mama-economy-lyrics.html

anonimo veneziano

keep on going…. avremo un grande 2012…. uh uh uh… esplosivo direi !!!

utente anonimo
Scritto il 18 novembre 2011 at 11:00

Concordo pienamente con l'impostazione di fondo dei tuoi articoli: la turbofinanza, oltre a disintegrare la società, è sul punto di autodistruggersi (e quello non sarebbe un male, ma, visto che ha irretito il mondo, rischia di trascinarlo con sè nell'abisso). A tal proposito, volevo condividere un dubbio che mi frulla in testa. L'attivismo di GS e la sfacciataggine con cui all'Italia è stato imposto il governo Monti sono molto sospetti. E se fosse proprio GS a essere pesantemente sui carboni ardenti?
1) il ceo di MF Global, fallita un paio di settimane fa a quanto pare per una sovresposizione long su Italia e Spagna, è un ex di GS e si sa che questa società spesso fanno il "gioco sporco" per entità più grandi.
2) "mr Doom" Roubini ha detto la settimana scorsa che GS potrebbe avere grossi problemi di finanziamento a breve per sostenere le scommesse a lungo.
3) Nell'articolo di Bloomberg che citi si dice che GS insieme a JPM ha venduto protezione per più di 5000 mld di $ sul debito dei PIIIGS. Se qualcuno di questi dovesse fallire, le due banche dovrebbero quindi sborsare ingenti somme per garantire il portafoglio di chi aveva acquistato da loro protezione. Il "caso" Grecia, con un fallimento "non dichiarato" (solo un haircut), sembra proprio gestito apposta per non dovere riconoscere un default in piena regola che farebbe scattare il rimborso del debito.
Chiaramente si tratta di tre indizi che non fanno una prova, ma che i contraccolpi della crisi del'euro arrivino a toccare qualche too big to fail mi sembra solo una logica conseguenza di un sistema ipertroficamente concentrato e interconnesso.
First Friend

Scritto il 18 novembre 2011 at 11:10

Si deve andare a dirlo uno “straniero” perché in Italia non c’e’ nessuno con le palle tutti dietro il nulla! Per quanto riguarda il @26 anche parlando in senso lato si rivolgeva al sottoscritto altro illuminato nascosto dietro il suo nulla …meglio in basso che lassù nella fogna!

utente anonimo
Scritto il 18 novembre 2011 at 11:14

Noto che più la situazione peggiora e più si scaldano gli animi all'interno del blog.
E' chiaro che ognuno di noi ha la sua personale visione delle cose, ed è giusto così. I pareri diversi generano poi soluzioni diverse perchè sono frutto di esigenze diverse.
Sembra di essere in parlamento.
Soluzioni diverse per soddisfare esigenze diverse.
Allora forse manca una visione d'insieme.
Ma non era Berlusconi che faceva le leggi per i propri interessi?
Lui ne ha avuto la possibilità e lo ha fatto, anche alcune persone all'interno di questo blog farebbero altrettanto.
Tutto questo mi fa pensare che non siamo pronti, che se le cose andranno male (come credo accadrà) assisteremo ad una carneficina.
In effetti, pensandoci, il cambiamento che serve è lontano anni luce dalla nostra mentalità, dalle nostre abitudini.
Andrea lavora bene, scrive bene, e ci da spunti interessanti anche per le soluzioni a questa crisi d'identità mondiale, lavora come uno psicologo, ci fa notare cosa ci hanno portato a questo e ci fa parlare, alcuni percepiscono e altri no.
Forse per cambiare abbiamo bisogno di un esigenza comune, per poi trovare una soluzione comune.
L'esigenza comune potrebbe essere il "benessere dell'essere umano"?
Analizzando però bene, molto bene la parola "benessere".

Un abbraccio a tutti.

Aka

utente anonimo
Scritto il 18 novembre 2011 at 11:20

ok scusate se è in inglese ma sulla stampa italiana non c'è nulla e dico nulla….

Asian investors and central banks have begun to sell German bonds and pull out of the eurozone altogether for the first time since the debt crisis began, deeming EU leaders incapable of agreeing on any coherent policy

Andrew Roberts, rates chief at Royal Bank of Scotland, said Asia's exodus marks a dangerous inflexion point in the unfolding drama. "Japanese and Asian investors are for the first time looking at the euro project and saying `I don't like what I see at all' and fleeing the whole region.

"The question on everybody's mind in the debt markets is whether it is time to get out Germany. The European Central Bank has a €2 trillion balance sheet and if the eurozone slides into the abyss, Germany is going to be left holding the baby. We are very close to the point where markets take a close look at this, though we are there yet," he said.

Jean-Claude Juncker, Eurogroup chief, fueled the fire by warning that Germany is no longer a sound credit with debt of 82pc of GDP. "I think the level of German debt is worrying. Germany has higher debts than Spain," he said.

"It is comforting to pretend that southerners are lazy and Germans hardworking, but that is not the case," he said, slamming France and Germany for their "disastrous" handling of the crisis.

German Bunds have already lost their status as Europe's anchor debt. The yields of non-euro Sweden are now 20 basis lower for the first time in modern history. Danish and UK yields are higher but have closed most of the gap over recent months.

ah ah ah rido pensando a quelli che si sono messi in bund e sono già in minus….

x 43… commento intelligente ma sbagliato. I tedeschi pretendendo che il crack greco fosse un non default event hanno distrutto il mercato dei CDS e reso del tutto nullo il valore, del tutto teorico peraltro, dell'hedging tra big banks. Ora suno tutti nudi… non è come sembra, tutto vi passa sopra la testa ma a fine 2012 massimo 2013 sarà tutto diverso.

continuate così… siete bravi !

anonimo veneziano

utente anonimo
Scritto il 18 novembre 2011 at 11:28

cioè 43 ti aiuto un pò…. se i CDS non proteggono più niente (sì certo è sempre stata una facciata ma se la gente ci crede li compra, tutta la finanza è così…) beh nessuno li compra più ! Ecco un bel problema ! GS in primis ci ha fatto i bilanci degli ultimi anni. Niente più CDS, the squid sinks !

Ehi guardate che a Berlino non ci sono dei fessi !!! Sanno esattamente quello che c'è da fare e hanno ragione a 1000. Le big banks anglo amerciane possiedono il mercato del debito, il più grande affare della storia, è una guerra, una guerra… attenti a sparare al bersaglio giusto ! Vince chi riesce a tenere duro i prossimi 6 mesi poi la situazione in usa esploderaà con la recessione che arriverà anche là, per ora taroccano le statistiche e tirano avanti… una guerra, una guerra, per uno spettatore un grande spettacolo, per le vittime che orrore !!!

anonimo veneziano

utente anonimo
Scritto il 18 novembre 2011 at 11:53

Questo blog è sempre interessante …. chi lo frequenta ha la possibilità di scrivere quello che pensa per cercare di spiegare agli altri marinai la sua visione su quello che sta succedendo.

A volte sono esperienze personali, a volte intuizioni o esternazioni dovute alla propria conoscenza sul mercato mescolata alla propria capacità di estrapolare la realtà … in ogni modo è veramente un vascello raro, vista la qualità "dell'informazione" che viene fornita anche dalla stampa "specializzata" o dai dibattiti pagati con il denaro pubblico e non ……

Bell'equipaggio Capitano.

utente anonimo
Scritto il 18 novembre 2011 at 14:18

ad oggi situazione invariata dal punto di vista macro e tecnico.
per quel che riguarda il ns governo poi,  vedremo  e vedremo pure cosa voteranno i nostri parlamentari eletti.
dubito molto che verranno presi seri  provvedimenti contro loro stessi , le caste , i monopoli ,  l'evasione fiscale etc etc  . se sarà così  , a cosa  saranno serviti tanti illustri banchieri e bocconiani ? bastavano 4 bambini.
Vedremo pure se tenteranno il gioco del dividi et impera.
capitolo vaticano Bertone dice :  " Bella squadra " ,  l'aveva detto pure del precedente governo o sbaglio ?
gli consiglierei di aspettare prima di parlare   visti i precedenti abbagli, a meno che non sappia già come và a finire …………….

utente anonimo
Scritto il 18 novembre 2011 at 15:41

Bà … personalmente spero che il giochino "per loro" si rompa e … arrivi prima o poi qualcuno che riporta la politica ed i suoi costi ad una dimensione che corrisponde alla ricchezza ed alle leggi che governano il resto del paese.

E' veramente uno schifo che in un paese "democratico" chi siede al governo abbia anche un minimo trattamente superiore all'ultimo dei suoi  elettori. Ma questo è un periodo di merda dal punto morale e sociale. Non possiamo che agire pur nel nostro "piccolo" perchè che qualcosa cambi, prima o poi.

Rispetto a prima le cose sono cambiate e parecchio, si tratta di vedere solo i fatti che seguiranno. Considerando la modalità e l'univocità del "potere" che ha "portato" super Mario al posto di una massa di inetti eletti con una mezza truffa politica, direi che chiunque cercherà di mettergli i bastoni fra le ruote non avrà una bella fine. Speriamo che nella sua agenda ci sia una bella revisione dei costi della politica del nostro povero paese.

Una parentesi per quanto riguarda i nostri mass media, la cosidettà "informazione", non ho certezze su quanto accade all'estero, ma sarebbe ora che invece di riportare notizie assolutamente ridicole e quantomeno "economicamente faziose", come fossero normali dichiarazioni da prendere in considerazione, i nostri egregi "giornalisti" da operetta decidessero di dare le notizie con un minimo di interpretazione critica, magari dettata dal buon senso, cosa che oggi, dopo ampia selezione, non fa più nessuno, se non su dettatura di interessi sporchi.

Mi riferisco a tutte le notizie "bomba" che piovono regolarmente ogni volta che alcuni personaggi "importanti" (specie tedeschi), aprono bocca in maniera inappropriata (per essere ingenui) commentando la situazione di paesi esteri in difficoltà o di decisioni della BCE che non vanno nel senso dei loro desiderata economici (evidentemente queste persone hanno interessi economici che li portano ad esternare le loro stronzate ogni volta che la situazione pare calmarsi).

Quante cagate …. il debito italiano da "ripagare" entro due anni, lo spread sui titoli che porterebbe al collasso entro brevissimo tempo l'italia stante l'enorme debito pubblico esistente, le affermazioni sullo stato dei paesi in difficoltà dove addirittura si dice che le manovre che (forse) saranno fatte non basteranno a impedire il fallimento dello stato … ma stiamo scherzando … ma chi pubblica queste cagate ha un idea di quello che dice e combina?  

Possibile che nessun giornalista abbia il coraggio di sottolineare la dissonanza fra quanto detto, la situazione reale e la figura che parla, magari dicendogli che sta farneticando e magari usando un tantino dell'unica arma che in questo caso terrorizza che vive del terrore altrui … l'ironia?

Non sarebbe ora che vengano sputtanate "all'emissione" almeno le "informazioni" ovviamente lanciate solo per dare uno scrollone al valore dei cds, ed ovviamente un bel guadagno alle finanze della carogna che le esterna ???

Perchè devo avere in parità di "importanza" dagli stessi mezzi d'informazione dei messaggi deliranti mischiati a ragionamenti corretti ….. non sono la stessa cosa no? Non sarebbe ora che anche la classe dei giornalisti, oramai noti come massa di rincoglioniti lobotomizzati ma …. di buona famiglia, ricominciasse ad usare il cervello?

Saluti Marinai

Francia R

 
 

utente anonimo
Scritto il 18 novembre 2011 at 16:49

Grazie Anonimo Veneziano per le spiegazioni.
Ho capito che il mercato dei CDS, avendo gestito il "caso" greco in quel modo, si è ora inaridito. Ma il fatto che per la Grecia non si possa parlare di un default in piena regola viene comodo anche a chi, come ipotizziamo abbia fatto GS, abbia venduto protezione con i CDS e quindi non deve attuare nessun rimborso del debito, come al contrario, dovrebbe fare nel caso di una bancarotta "acclarata" ; è corretta questa interpretazione ?
Inoltre l'articolo di Bloomberg mostra, come era facile intuire, che GS insieme a JPM abbia fatto lo stesso giochetto con altri stati e non è detto che le cose vadano come sono andate (per ora) con la Grecia. Questo discorso mi riporta a un dubbio che ho avuto ai tempi della bancarotta di Lehman. Perché sono Lehman è stata lasciata fallire; solo per il caratteraccio di Fuld?. O c'era sotto il solito motivo del "pecunia non olet". Guardando allo strapotere di GS che aveva allora Paulson a capo del Tesoro, mi era venuto il dubbio che Lehman fosse stata lasciata fallire e AIG salvata perché GS e altre potessero incassare le loro scommesse, assicurate da AIG, sul fallimento di Lehman. Certo, può essere semplice paranoia, ma con questi personaggi la realtà supera spesso la fantasia. Che ne dite?
FirstFriend

utente anonimo
Scritto il 18 novembre 2011 at 17:57

I giornali ci raccontano che  da mesi i nostri titoli di stato vengono copiosamente venduti da banche e fondi, europei e non, per vari motivi tipo  vincoli di Basilea 3; consigli di analisti prezzolati (Goldman Sachs e affini); speculazione; necessità di fare cassa vendendo quel che si può; e chi più ne ha più n metta…

…però mi chiedo: e dall'altra parte chi se li sta comprando? Va bè  gli italiani e relative banche , va bè la bce,  ma poi?

Cioè, dove c.zo vanno sti BTP?

utente anonimo
Scritto il 18 novembre 2011 at 18:49

risposta: 1/3 li compra la bce, il secondo terzo li compra la bce e l'ultimo terzo li compra la bce. Unica differenza: sul secondario compra direttamente, sulle nuove emissioni comprano le banche commerciali che poi li vendono alla bce oppure li tengono a portafoiglio con la garanzia della bce. La finanza è solo ed esclusivamente un castello di carte. Con una leva 20, 30 o 50 a 1 chiamarlo casinò è offendere Donald Trump. L'ultimo LEAP parla chiaro, prevedevano 45.000 miliardi di U$ di ghost asset da cancellare, 1/3 è andato, e i prossimi mesi gli altri. Per loro non si salva rigorosamente nessuno ma, se gli europei messi alle strette, faranno le mosse giuste, ne uscirà un'europa unita e la fine dell'impero usa altrimenti caos e governi autoritari ovunque. MI sembra CHE IL VOSTRO CAPITANO DICA CIRCA LA STESSA COSA con quella bella metafora dell'altra sponda.

Si legge che Monti è uomo GS. La stampa anglo-americana ufficiale e i blog sono pieni di questa immondizia, sparano tutti a palle incatenate contro l'Europa. Guerra totale combattuta con ogni mezzo, cui l'Europa risponde divisa e con le quinte colonne degli anglo-americani a soffiare sul fuoco. Non so cosa riuscirà a fare Monti, ma non è un uomo GS per i quali ha fatto una consulenza come migliaia di altri professoroni. Quando era commissario europeo al contrario è andato ripetutamente contro i grandi interessi delle multi nazionali USA (caso Microsoft e caso General Electric). Poi certo non è del Manifesto. Vediamo cosa combina e teniamo bene a mente che i nemici sono altri e a volte sono mascherati da amici. Ah che tempi ragazzi !!! Continuate così che dibattere apre la mente !

anonimo veneziano

utente anonimo
Scritto il 18 novembre 2011 at 21:29

Anonimo veneziano lo stile ci pare di conoscerlo, la frequenzaa nei post, le caratteristiche degli attachments, il contenuto dei post, dì un pò quando parti per l'India? 

utente anonimo
Scritto il 18 novembre 2011 at 23:36

Non vi preoccupate, GS, almeno nella sua forma attuale generatasi dopo il listing della societa'. oramai e' in declino, come tutto il mondo della finanza.
Anche dopo il 1929 ci furono per alcuni anni tentativi del mondo finanziario di mantenere l'egemonia sull'economia reale, ci vollero alcuni anni di transizione affinche' le cose cambiassero.
Accadra' lo stesso stavolta.

Hawk

utente anonimo
Scritto il 19 novembre 2011 at 02:09

Sig.Andrea spero presto di vederLa in televisione.E' giusto che una persona
con maggior equilibrio e sincera analisi possa fare capire finalmente anche ad un pubblico che e' sempre bombardato  da notizie distorte  solo per fare ascolto.Louis
Trasmetto un pensiero di maestri orientali:
L'insegnamento avviene nel moto incessante di cio' che e' gia detto
e di cio' che e' ancora da dire,di cio' che sta' per essere detto in
forma inattesa.

utente anonimo
Scritto il 19 novembre 2011 at 12:12

Perdona l'ignoranza in materia, ma se Goldman e le altre controllano il 97% del mercato dei CDS significa che quel 97% se lo scambiano tra loro oppure semplicemente che sono emettitrici del 97% di questi prodotti?
Se la risposta è la seconda, perchè dovrebbero scommetere sul fallimento degli Stati, cosiderato che dovrebbero essere poi loro a pagare agli acquirenti dei CDS?

utente anonimo
Scritto il 19 novembre 2011 at 12:26

La mia visione.

1) Chi controlla la finanza da oltre due secoli, cioè poche famiglie, sa bene quel che fa e per ora ha tutto sotto controllo

perché, come una partita a poker, sono gli altri a carte scoperte.

1 bis) Chi mi da del complottista legga e studi di pi per non essere ingenuista. Mi fanno sorridere quelli che dicono che

non sanno chi sono i poteri forti perché o sono ignoranti (in buona fede) o bugiardi.

2) Allo schema di accerchiamento finanziario della Germania, prima i PIIGS, poi Francia, Austria, Belgio, Olanda ecc.

corrisponde un accerchiamento "politico" (rimpiazzo dei governi eletti con governi finanziari sotto controllo). Il tutto per

gestire 4).

3) L'esposizione attuale di GS e dei suoi scagnozzi porterà in seguito al suo sacrificio, come capro espiatorio per

accontentarne molti e far vedere che dopotutto la giustizia trionfa… … …

4) Raggiunto lo scopo 2) si potrà scatenare lo tsunami finanziario che investirà tutto il mondo con lo scopo di far saltare la

CINA: una depressione genererà la caduta del sistema totalitario e l'apertura di un grande mercato proprio per quelle

poche famiglie, per tutto il secolo.

Le due possibilità che potrebbero far saltare il controllo della fase post 4, perché fino alla caduta della Cina ci arriveremo,

sono:

a) Lotte intestine tra le famiglie che gestiscono il potere (Rotschild contro Rockfeller, per esempio)

b) Insurrezioni popolari, nate dalla devastazione sociale prossima ventura, che mirino ai giusti obbiettivi (contro i

banchieri e contro i politici di turno se collusi con loro). Occupy Wall Street è un buon segnale.

Nel caso che b) non abbia successo, anche perché è una pedina sulla scacchiera che può essere mangiata, il rischio è

la deriva totalitaria, alimentata da quelli (gli anticomplottisti!!! e gli ingenuisti) che guardano solo chi.sta loro davanti,

senza cercare chi sta dietro e non si espone, che è il pi pericoloso.

Cosa possiamo fare noi?

Quello che sta facendo Andrea:

aumentare la consapevolezza e la speranza in un mondo migliore, creato da persone che esistono ancora, ma che ora

sono ai margini, magari schifati dal mondo come sta andando. Persone che però dovranno scendere in campo

riproponendo i sani principi dei nostri padri e dei nostri nonni

Bill

utente anonimo
Scritto il 19 novembre 2011 at 12:30

un giornalista fuori dal coro

log.ilgiornale.it/foa/2011/11/19/monti-piu-poteri-forti-di-lui-non-si-puo/

e inoltre

http://informarexresistere.fr/2011/11/18/auerback-l%E2%80%99unione-europea-e-un%E2%80%99associazione-a-delinquere/#ixzz1e8eqDtP6

utente anonimo
Scritto il 19 novembre 2011 at 12:33

Goldman o non Goldman certe misure strutturali il nostro Paese le DEVE fare a prescindere anche dall'Europa. Ci portiamo dietro decenni di inefficienze e ruberie che hanno depredato il Paese senza che intervengano i Magistrati (finora occupati solo con i processi di Berlusconi).
Ditemi è possibile che in una grande azienda come Finmeccanica (a partecipazione statale) succedono cose inaudite senza che i vertici vengano immediatamente rimossi e magari gli vengano messe le manette? Poi tutto il negativo si sposta sui lavoratori e i piccoli azionisti che ne pagano le conseguenze. Tengo a precisare che non sono uno giustizialista ma almeno un pò di decenza sarebbe d'obbigo. Poi, se su queste situazioni quache banca d'affari ci mette del suo, la colpa e solo e tutta nostra!
Alle quotazioni odierne i gioielli fi famiglia potrebbero passare in mani straniere a prezzi stracciati così ci priviamo di quel poco che ci è rimasto. Mik.

utente anonimo
Scritto il 19 novembre 2011 at 14:20

Vedi bene Andrea che non ci hai preso.

Vogliono tassare pesantemente gli immobili a partire dalla prima casa in su , non I GRANDI PATRIMONI.

Chi ha due o tre appartamente a reddito oggi ha il morto in casa.
E' chiaro che questo si riverserà al più presto possibile su gli inquilini, senza contare che molti si troveranno nella necessità di vendere causando un eccesso di offerta ed un crollo dei valori immobilirai.

Ti sembra avveduto tutto cio ?
A me sembra assurdo, inoltre chi per una vita ha lasciato da parte la spazzatura finanziaria e si è concentrato sulla solidità oggi si troverà penalizzato.

Una famiglia che ha ereditato un casale, in anni ed anni di fatica e investimento lo ha ristrutturato e trasformato in appartamenti perchè deve essere messo in croce? Costretto a Vendere o a Svendere.

Meglio vendere tutto allora e lasciare questo paese di merda con tutti gli epigoni della patrimoniale.

utente anonimo
Scritto il 19 novembre 2011 at 14:53

il prezzo delle case negl ultimi 15 anni è raddoppiato mentre le retribuzioni sono ferme ad almeno 10 anni fa. I prezzi delle case devono scendere almeno del 30% altrimenti chi mai se le può permettere? Io con 2000 euro/mese e 1 figlio no di sicuro. Poi qualcuno ci rimetterà ma resta il fatto.

utente anonimo
Scritto il 19 novembre 2011 at 14:59

Ho tre contratti in scadenza nei prossimi 2 anni, quello che costerà di più in tasse finirà nell'affitto. Oppure vendo tutto   e vado a vivere in Brasile o a Santo Domingo.

utente anonimo
Scritto il 19 novembre 2011 at 14:59

@60

 

….Ci portiamo dietro decenni di inefficienze e ruberie che hanno depredato il Paese senza ……

 

Si Mik, bisogna prendere coscienza di quel che è successo.

 

 

   si è avuto un tenore di vita che non possiamo

   permettercelo più, poichè questo tenore di vita

   non proveniva da ricchezza reale generata dal

   lavoro(Economia), ma prendendo a prestito(Finanza),

   che significa a DEBITO

 

 

   

 

    quanti soldi buttati al vento in tutti i settori, es. nella sanità, 
    con il politico di destra o sinistra che ha portato nel proprio

    collegio elettorale la sede di una USL o di un ospedale

    o di una scuola media o superiore ed addirittura una

    università, anche se il paese non superava i 3 mila

    abitanti e tutti ad applaudire come beoti, – cosi i nostri

    figli potranno dormire un po' di più la mattina e non

    prendere il bus per portarli a 20….30 km di distanza,

    ospedali che non hanno mai aperto i battenti, e dove

    è successo è stato non per curare, ma per spartirsi

    le cariche, ELARGIRE SUPERSTIPENDI AGLI AMICI ED

    AMICI DEGLI AMICI, 5 primari a me, 3 a te e 2 a lui, stipendi

    rubati e noi contenti di avere l'ospedale che non 

    c'è…….e si potrebbe continuare con le università, ormai

    ce ne sono in tutti i soborghi, anche quelle telematiche,

    ci sono più professori universitari e rettori che spazzini.

 

   COSA FARE?

 

    Mandarli TUTTI indistintamente a FANANO, ed andare
    se si ha tempo a contestarli quando in questi giorni in
    periferia spiegheranno nelle varie sedi ciò che il cuoco
    sta cucinando.

 

    Questo governo è solo una presa per i fondelli,

    tutti a votarlo, anche quelli che "fanno la cosiddetta

    ooposizione".

 

    Mia opinione, la politica è diventata BUSINESS,

    affari che vengono gestiti da famiglie, come nel

    medio evo, talvolta componenti della stessa famiglia,

    ne trovi uno a destra ed un altro a sinistra, non si sa

    mai, che cambi il vento…ehh.

 

   Avete letto il PIZZINO fatto recapitare al NEOPRESIDENTE,

   scritto come un capafamiglia sa fare…..un AVVERTIMENTO,

   si mettendosi a disposizione…ehh….alta umiltà.

 

 

 

   Lo zio Richelieu del Berlusca e costui che vuole mettersi

   in proprio, e noi come oche portate in guinzaglio in cabina

   a scegliere tra il NULLA ed il NULLA SOTTOVUOTO,

   robba da matti.

 

 

 

   Visto che la politica non riusciva a frenarsi in questo

   spendere e spandere, e sia il DEFICIT che il DEBITO

   continuavano nella corsa all'ingrasso, con grave danno

    per il sistema CARDIOCIRCOLATORIO, ecco la trovata

    del GENIO ITALICO, nominare un DIETOLOGO che ci 

    faccia perdere un po' peso, per cui nei prossimi giorni

    ci verranno servite pietanze che avranno un gusto un

    po' inconsueto, e quindi assisteremo alla protesta, non

    facendo lo sciopero della fame,(mandando a quel paese

    la classe politica tutta) che porterebbe a risparmiare

    molto di più, ma contro il cucinere…..commmissario

    liquidatore dell'azienda ITALIA.

 

 

   RIUSCIREMO A NON INFINOCCHIARCI ALMENO

   IN QUESTI FRANGENTI?……..ahh… bello a sapersi.  

  Carpe Diem

 

utente anonimo
Scritto il 19 novembre 2011 at 15:07

no. 59

Marshall Auerback un uomo al di sopra di ogni sospetto, un limpido servitore della povera gente.

BIBLIOGRAFIA del sogetto:

has 27 years of experience in the investment management business, serving as a global portfolio strategist for RAB Capital Plc, a UK-based fund management group with $2 billion under management, since 2003. He is also co-manager of the RAB Gold Fund. He serves as an economic consultant to PIMCO, the world’s largest bond fund management group, and as a fellow of the Economists for Peace and Security.

http://www.economonitor.com/blog/author/mauerback/

ha 27 anni di esperienza nel settore della gestione degli investimenti, operando come GLOBAL PORTFOLIO STATEGIST per RAB Capital, un fondo di gestione inglese con 2 miliardi di $ in gestione fin dal 2003. Egli è anche co-manager del RAB GOLD FUND. E' pure consulente economico di PIMCO il più grande gestore al mondo di obbligazioni nonchè membro del gruppo "economisti x la pace e la sicurezza (SIC !!!)"

assolutamente super partes !!! 

non eistono persone disinteressate nel mondo della finanza, ognuno ha un padrone o è esso stesso il padrone (tipo le chiacchiere di Soros)

credere a qualcuno è davvero complicato !

utente anonimo
Scritto il 19 novembre 2011 at 15:07

no. 59

Marshall Auerback un uomo al di sopra di ogni sospetto, un limpido servitore della povera gente.

BIBLIOGRAFIA del sogetto:

has 27 years of experience in the investment management business, serving as a global portfolio strategist for RAB Capital Plc, a UK-based fund management group with $2 billion under management, since 2003. He is also co-manager of the RAB Gold Fund. He serves as an economic consultant to PIMCO, the world’s largest bond fund management group, and as a fellow of the Economists for Peace and Security.

http://www.economonitor.com/blog/author/mauerback/

ha 27 anni di esperienza nel settore della gestione degli investimenti, operando come GLOBAL PORTFOLIO STATEGIST per RAB Capital, un fondo di gestione inglese con 2 miliardi di $ in gestione fin dal 2003. Egli è anche co-manager del RAB GOLD FUND. E' pure consulente economico di PIMCO il più grande gestore al mondo di obbligazioni nonchè membro del gruppo "economisti x la pace e la sicurezza (SIC !!!)"

assolutamente super partes !!! 

non eistono persone disinteressate nel mondo della finanza, ognuno ha un padrone o è esso stesso il padrone (tipo le chiacchiere di Soros)

credere a qualcuno è davvero complicato !

utente anonimo
Scritto il 19 novembre 2011 at 15:07

no. 59

Marshall Auerback un uomo al di sopra di ogni sospetto, un limpido servitore della povera gente.

BIBLIOGRAFIA del sogetto:

has 27 years of experience in the investment management business, serving as a global portfolio strategist for RAB Capital Plc, a UK-based fund management group with $2 billion under management, since 2003. He is also co-manager of the RAB Gold Fund. He serves as an economic consultant to PIMCO, the world’s largest bond fund management group, and as a fellow of the Economists for Peace and Security.

http://www.economonitor.com/blog/author/mauerback/

ha 27 anni di esperienza nel settore della gestione degli investimenti, operando come GLOBAL PORTFOLIO STATEGIST per RAB Capital, un fondo di gestione inglese con 2 miliardi di $ in gestione fin dal 2003. Egli è anche co-manager del RAB GOLD FUND. E' pure consulente economico di PIMCO il più grande gestore al mondo di obbligazioni nonchè membro del gruppo "economisti x la pace e la sicurezza (SIC !!!)"

assolutamente super partes !!! 

non eistono persone disinteressate nel mondo della finanza, ognuno ha un padrone o è esso stesso il padrone (tipo le chiacchiere di Soros)

credere a qualcuno è davvero complicato !

utente anonimo
Scritto il 19 novembre 2011 at 15:13

http://www.unita.it/mondo/monti-governo-fantoccio-br-si-scatena-l-eurodeputato-inglese-1.354191

Cartago Delenda Est

Berlino Delenda Est

utente anonimo
Scritto il 19 novembre 2011 at 15:13

http://www.unita.it/mondo/monti-governo-fantoccio-br-si-scatena-l-eurodeputato-inglese-1.354191

Cartago Delenda Est

Berlino Delenda Est

utente anonimo
Scritto il 19 novembre 2011 at 15:13

http://www.unita.it/mondo/monti-governo-fantoccio-br-si-scatena-l-eurodeputato-inglese-1.354191

Cartago Delenda Est

Berlino Delenda Est

Scritto il 19 novembre 2011 at 15:30

Nessuno onorerà un solo centesimo di CDS e’ accaduto con Lehman garantita da AIG ovvero il contribuente americano e accadrà con la Grecia. L’ unico scopo dei CDS e’ quello di tradarli sino al default virtuale utilizzandoli come armi per scatenare il panico! Icebergfinanza sara’ il più feroce critico ed osservatore delle misure che il governo Monti metterà in atto. Nessuna parola per la FAMIGLIA niente di niente ma non eviteremo di applaudire eventuali misure eque! Attenzione alla disinformazione accademica sui media i think thank e le ideologie non dimenticano che ciò che conta non e’ la validità di
una teorie di un modello di una proposta ma il suo contagio. Ma siamo in pochi e molto resta da fare per diffondere consapevolezza senza dimenticare che Loro semineranno zizzania quotidianamente! Andrea

utente anonimo
Scritto il 19 novembre 2011 at 17:08

Equità ?  Cosa significa?
andare a togliere a chi onestamente e faticosamente ha messo su un piccolo patrimonio immobiliare con la fatica il risparmio e la perseveranza di tre dico tre generazioni.

Questa non è ne equo ne giusto

utente anonimo
Scritto il 19 novembre 2011 at 19:01

Perché tutti i frequentatori di questo blog sono così spaventati all’idea di una tassa sui grandi patrimoni? Saranno tutti multimilionari?

utente anonimo
Scritto il 19 novembre 2011 at 19:28

Spendiamo due parole sulla patrimoniale.
In Europa e nell'occidente in genere c'è un grave problema, probabilmente il peggiore di tutti, e cioè salari e stipendi troppo bassi per la stragande maggioranza delle persone che hanno la fortuna di avere un lavoro. L'ottusità della UE è evidente quando richiama in continuazione al contenimento dei salari e degli stipendi.
Quindi in moltissimi guadagnano poco e in pochissimi guadagnano molto, c'è una distribuzione iniqua dei redditi che si accentua ogni anno sempre più. La conseguenza di questa dinamica è una distribuzione sperequata della richezza che si produce negli anni col lavoro e col risparmio.
Quindi la politica migliore sarebbe quella di un aumento dei salari più bassi che rimuoverebbe questa stortura micidiale.
Nell'attesa la politica fiscale può correggere una anomalia così grave con una bella imposta patrimoniale, che piaccia o no.
La patrimoniale è giusta perchè rimedia in parte a un sistema ingiusto.
Ovvio che una patrimoniale da sola non è sufficiente se non si rimuove alla base ciò che la rende necessaria.
Quindi se oltre alla patrimoniale si inizia una seria politica di redistribuzione del reddito a favore delle classi più tartassate, io la pago con immenso piacere. Se invece si fà soltanto la patrimoniale senza intervenire laddove si crea il problema tra qualche tempo se ne renderà necessaria un'altra e cosivvia.
Non pensiamo sempre al nostro orticello, i tempi sono di quelli difficili e irripetibili, se ci focalizziamo sui nostri egoismi affonderemo tutti.

Luca T.

utente anonimo
Scritto il 19 novembre 2011 at 21:22

mi fai morire dal ridere con quel casale ristrutturato con sacrifici di tre generazioni aaaahaahhhaaaahhhaaa 

utente anonimo
Scritto il 19 novembre 2011 at 21:36

Per quel che mi riguarda una casa basta e avanza per vivere bene.
Tanto poi si muore e il casale ristrutturato rimane li.

Aka

utente anonimo
Scritto il 19 novembre 2011 at 21:37

A proposito di quanto dicevo nel post 64….trovo la proposta di questo
furbone giurassico della politica italiana…veramente DELIRANTE.

Si ci vuole la Neuro….

Anche D'Alema vuole fare il professore: "Spiego io a Monti come ridurre il debito"

Massimo D'Alema, in una lectio magistralis all'università Kore di Enna, elenca i successi dei precedenti governi di centrosinistra in materia di conti pubblici e di riduzione del debito. Poi si candida come consulente del nuovo premier: "Ho detto a Monti che se vogliono sapere come si fa siamo disponibili a un’audizione". Pure Prodi dispensa la sua lezione a un giornale ceco: "La crisi? Colpa di
Berlusconi"

Ecco quanto scrive un commentatore

il 19.11.11 alle ore 20:46 scrive:

università kore di enna, mamma mia se siamo sull'orlo del baratro è anche perché in regioni come la sicilia si butta via talmente tanto denaro che si aprono atenei di qualità centrafricana in paesotti di trentamila abitanti…un covo di ignoranza come quello solo d'alema poteva invitare, quando lo chiameranno a yale sarà perché avranno bisogno di un comico.

Carpe Diem

 

utente anonimo
Scritto il 19 novembre 2011 at 21:40

1)I salari e gli stipendi sono troppo bassi perché , grazie alla globalizzazione, molti hanno spostato i LORO PATRIMONI, FATTI DAI LORO AVI IN ITALIA SFRUTTANDO I LAVORO ITALIANO, all'estero nella ricerca di salari e stipendi ancora più bassi. E' stata una corsa al più affamato in nome del mercato globale. Non c'entra un tubo la patrimoniale. Infatti I VERI GRANDI PATRIMONI SONO TUTTI DELOCALIZZATI e gente come il signor Monti NON li toccherà MAI.

 

2)E' vero che moltissimi guadagnano poco e pochissimi guadagnano molto però si potrebbe anche dire che se uno vuole di più allora ha solo da cercare chi gli da di più senza dare colpe a chi risparmia o abbaiando alla luna. Comunque…peccato, dicevo, che quei pochissimi che guadagnano di più si guardano bene dall'investire i LORO PATRIMONIO in Italia (vedi sopra) perché gran parte del loro guadagno finirebbe in mano alla politica e alla spesa pubblica quella sì iniqua.

Per quelli poi che guadagnano, lavorando duramente (quindi non i politici o i manager statali), un po' più degli altri ed investono ingenuamente il loro patrimonio in Italia non credo che l'applicazione di leggi dettate da invidia e livore sia un sano esempio di moderata equità. Anzi

 

3) ”Perché tutti i frequentatori di questo blog sono così spaventati all'idea di una tassa sui grandi patrimoni? ”

Perché l'unica patrimoniale che faranno pagare è l'ICI sulla prima casa (*), mentre non toccheranno tutti i miliardi fermi in azioni, obbligazioni, titoli di stato, quadri, tappeti, mobili d'epoca , auto d'epoca o di grande cilindrata, immobili all'estero, patrimoni all'estero, oro, argento, materie prime, macchinari, imbarcazioni, rendite di posizione come un posto statale che crea debito pubblico ecc…ecc…

Perché inoltre le ANOMALIE GRAVI SONO:

A) Continuare a dire che all'estero pagano l'ICI quando all'estero pagano una tassa sui servizi comunali ( Pulizia strade, Rifiuti, Illuminazione, vigilanza) che anche qua noi già paghiamo con la TARSU e con le varie addizionali IRPEF ecc…ecc…

B) Parlare a sproposito di equità e non fare pagare l'ICI al Vaticano proprietario di Scuole,

Ospedali, Musei, Ristoranti, Alberghi, Ostelli, Case, Interi centri storici, spiagge, isole, terreni messi in affitto ai coltivatori diretti ecc..ecc…

 

Solo chi è in malafede può credere che un imposta gonfiata sul patrimonio immobiliare possa essere

la soluzione ai problemi creati da coloro che adesso li vogliono risolvere.

Pensate a un impiegato normale che ha voluto comprare la prima casa con un mutuo a tasso variabile. Si troverà ora il mutuo con un tasso aumentato e la patrimoniale ICI da pagare. Alla faccia dell'equità. I patrimoni investiti nelle banche non li toccheranno anzi impediranno alla gente di prelevarli con la favoletta di voler combattere l'evasione fiscale. L'evasione fiscale la si combatte non riducendo l'uso del contante ma eliminando le centinai di leggi e leggine che servono ai commercialisti per non far pagare i loro clienti. Se si aggiungesse anche una responsabilità penale, e non solo quella farsa della civile, del commercialista le cose migliorerebbero sensibilmente.

Per chi trova tutto questo risibile una sola citazione:
"Il riso abbonda sulla bocca degli stolti"

utente anonimo
Scritto il 19 novembre 2011 at 22:00

cosa c'è da ridere in un casale lasciato dal nonno cominciato a ristrutturare dal padre e finito di ristrutturare dal figlio.

certo che si muore ma i beni vanno ai figli per permettergli di partire in condizioni migliori grazie ai sacrifici ed al lavoro delle generazioni precendenti.

E' così che si deve vivere, guardando alla famiglia ed al futuro dei figli. o forse fanno bene quelli che si spendono tutto fino all'ultimo euro e magari si indebitano .

L'equità significa anche quardare il merito, non ci può essere egualitarismo tra chi deve andare in giro con la macchina potente, andare in vacanza trevolte l'anno, vestire firmato e chi invece mette via per il futuro ed investe nelle cose concrete.

utente anonimo
Scritto il 19 novembre 2011 at 22:11

Esempio

Scusate ma davvero c'è davvero ancora qualcuno che crede che dovremmo prendere esempio dagli Americani in quanto a democrazia? ma che stiamo scherzando? quello è uno Stato di polizia che definire un'oligarchia è un eufemismo visto che il 2% della popolazione detiene l'80% della ricchezza. Vedere scene nelle quali ragazzi che protestano davvero pacificamente (non come da noi a Piazza San Giovanni a Roma o al G8 di Genova dove si è vista più guerriglia che protesta), vengono malmenati e quando ormai gia allineati e pienamente sotto controllo vengono riempiti di spray urticante è davvero uno scempio alla civiltà oltre che un atto di viltà; o vedere scene di correntisti che libretto alla mano vanno in "grandi banche" a ritirare i propri soldi per protesta e all'uscita trovano i poliziotti ad arrestarli. Andate negli USA accendete le loro TV non saprete nulla di ciò che combinano ai danni degli altri nel mondo, non basta guardare le loro televisioni da qui e pensare che li sia uguale. E' poi normale che un candidato alle presidenziali alla domanda scusi cosa pensa della situazione in Libia risponda Libia? Ah, è avvenuto di recente? E mentre 46 milioni di persone fanno la fila per prendere i buoni pasto governativi la priorità è stampare valuta non per sostenere le esigenze dei più deboli ma per tenere l'S&P a 1250? A Chiunque pensi che quello è l'esempio dico andate prego accomodatevi, andate a vivere da quella parte, che ci fate qui? e poi provate a criticare o a protestare contro il governo, contro i poteri forti come ancora, non so per quanto, grazie a Dio possiamo fare qui, scoprirete immediatamente quanto liberaldemocratici siano gli Stati Uniti d'America. 

Il Fringuello

utente anonimo
Scritto il 19 novembre 2011 at 22:15

Sono molto d'accordo con #74 e #75 eccetto che sul problema fiscale.
Deve essere la legge che si fa rispettare da sola, per cui deve essere conveniente a tutti chiedere la ricevuta a tutti. Ma questo non lo ha voluto fare nessuno dei governi dei governi esistiti fino ad ora e tantomeno questo.

Sempre per chi crede che sia giusto pagare le tasse, perché te lo hanno inculcato fin da piccolo, ma DORF, SD, io e non so quanti altri in questo blog sanno bene che anche quello rientra nello schiavizzare la gente. Abolendo il signoraggio e spendendo bene i soldi non ci sarebbe nessun bisogno di pagare le tasse, altro che ICI o patrimoniale…

Bill

utente anonimo
Scritto il 19 novembre 2011 at 22:50

Quindi, caro Carpe diem, se il metro di giudizio è quello che viene indicato  nel tuo ultimo commento, cosa dovremmo dire, allora, per esempio, dell'università di Bologna che premiò, nel 1995,  con laurea honoris causa, la più alta onorificenza, lo speculatore internazionale Geroge Soros ? Che quella di Bologna è università da quarto mondo? Che sperpera i nostri soldi sfottendoci anche?

utente anonimo
Scritto il 20 novembre 2011 at 00:43

Caro Anonimo 78,

il commento non è mio, io l'ho riportato perchè in un mio
precedente commento, mettevo in evidenza come in questo
sperpero di denaro pubblico, ogni politico per "fare clientela
elettorale" abbia cercato e spesso riuscendoci di portare
l'università in tutti i sobborghi e questo è un titpico esempio
tutto italiano.

Penso che le Università siano e debbano essere "ambienti
in cui le migliori menti della nazione" possano trasmettere
 i loro saperi, che poi l'università di Bologna che ha una
grandissima storia e sia la più antica Università del pianeta
abbia concesso la laurea honoris causa a George Soros,
che nel 1992 speculò contro la nostra moneta lo reputo
solo come esempio della nostra decadenza etica, pronti
sempre a stendere il tappeto rosso a chi ce lo mette in
quel posto.

I camaleonti e gli opportunisti esistono a tutti i livelli ed
a tutte le latitudini.

Carpe diem

Scritto il 20 novembre 2011 at 01:37

ciao BILL.  eehh si, ci vorrebbe qui AURITI.  altro che quella mezza sega di monti.  mi sembra un robot.  non ha niente di umano.  senti giorni fà sono andato ad una  conferenza a VERONA di questa gente qui. vedi.  http://www.rivoltaildebito.org/

 mi sembra interessante.  da una parte, in fondo, c'è un filmettino. guardalo. si chiama debtocracy  

e ho visto capitan mazzalai lassù a rovereto.  beh insomma le idee collimano.  un default  controllato sarebbe una possibilità.  
se c'è  da farlo, dobbiamo farlo noi.  perchè se aspettiamo i crucchi siamo fregati.  prendono del tutto potere del'italia e non non potremmo più fare nulla.   il tempo è breve.  mobilitamo la gente. 

poi guardati questi 4 minuti.  impressionante!  devi vederlo!!  http://www.unita.it/mondo/monti-governo-fantoccio-br-si-scatena-l-eurodeputato-inglese-1.354191

ciao  DORF

utente anonimo
Scritto il 20 novembre 2011 at 01:37

x Luca.T,sulla redistribuzione dei redditi hai ragione.Per andare avanti c'e'
bisogno dello spazzino come del dottore,quindi i redditi superiori ai 20.000 e.
devono essere tassati tutti almeno del 70%.Io sono senza lavoro  e pensione,
in passato ho lavorato tanto e ho dei risparmi investiti.Sarei contento a pagare una patrimoniale basta che mi garantiscono il 100% del capitale investito che oggi perde il 54%.Se non fosse possibile accetterei una modesta pensione per vivere in cambio  di tutti i miei risparmi.Louis

Scritto il 20 novembre 2011 at 01:37

ciao BILL.  eehh si, ci vorrebbe qui AURITI.  altro che quella mezza sega di monti.  mi sembra un robot.  non ha niente di umano.  senti giorni fà sono andato ad una  conferenza a VERONA di questa gente qui. vedi.  http://www.rivoltaildebito.org/

 mi sembra interessante.  da una parte, in fondo, c'è un filmettino. guardalo. si chiama debtocracy  

e ho visto capitan mazzalai lassù a rovereto.  beh insomma le idee collimano.  un default  controllato sarebbe una possibilità.  
se c'è  da farlo, dobbiamo farlo noi.  perchè se aspettiamo i crucchi siamo fregati.  prendono del tutto potere del'italia e non non potremmo più fare nulla.   il tempo è breve.  mobilitamo la gente. 

poi guardati questi 4 minuti.  impressionante!  devi vederlo!!  http://www.unita.it/mondo/monti-governo-fantoccio-br-si-scatena-l-eurodeputato-inglese-1.354191

ciao  DORF

Scritto il 20 novembre 2011 at 01:37

ciao BILL.  eehh si, ci vorrebbe qui AURITI.  altro che quella mezza sega di monti.  mi sembra un robot.  non ha niente di umano.  senti giorni fà sono andato ad una  conferenza a VERONA di questa gente qui. vedi.  http://www.rivoltaildebito.org/

 mi sembra interessante.  da una parte, in fondo, c'è un filmettino. guardalo. si chiama debtocracy  

e ho visto capitan mazzalai lassù a rovereto.  beh insomma le idee collimano.  un default  controllato sarebbe una possibilità.  
se c'è  da farlo, dobbiamo farlo noi.  perchè se aspettiamo i crucchi siamo fregati.  prendono del tutto potere del'italia e non non potremmo più fare nulla.   il tempo è breve.  mobilitamo la gente. 

poi guardati questi 4 minuti.  impressionante!  devi vederlo!!  http://www.unita.it/mondo/monti-governo-fantoccio-br-si-scatena-l-eurodeputato-inglese-1.354191

ciao  DORF

utente anonimo
Scritto il 20 novembre 2011 at 04:55

Louis,
come ti capisco, le mie percentuali sono appena migliori del tuo -54%, diciamo che siamo a -40%.
Hai toccato un tasto delicatissimo, sai nervi che mi vengono quando sento i politici alla Diliberto che si lamentano del 20% di imposte sulla rendita finanziaria!! Dovrebbero chiamarla perdita finanziaria, altro che rendita!
Questo punto stà alla sensibilità del legislatore, se qualcuno che perde il 50% deve pagare le tasse su quel poco che gli è rimasto chiaramente c'è qualcosa che non va. Io mi auguro che Monti abbia la sensibilità per capire il punto che hai sollevato e ad essere sincero non ci vuole molto, basta verificare chi ha un credito di imposta per minusvalenze. 
Io credo che qui non faranno molto, cìè già stato l'aumento dell'aliquota sugli utili dal 12,5 al 20% e sanno benissimo che chi ha azioni perde, chi ha titoli di stato perde, chi ha qualsiasi prodotto finanziario perde. Secondo me si concentreranno di più sui patrimoni immobiliari e sui capitali di quelli che hanno fatto i furbi facendoseli scudare al 5%. Almeno mi auguro

Luca T.

Scritto il 20 novembre 2011 at 08:43

Hello Bill #27

Concordo pienamente, si devono pagare le eventuali tasse esclusivamente per mantenere i servizi sociali primari (credo che non abbiate bisogno che li descriva uno…..a uno) per il resto, per le truffe finanziarie e politiche io penso che NOI non dobbiamo niente a nessuno, per il DP e per gli interessi su di esso ancora meno.

E visto che in questo momento sono in vacanza fuori dall_Italia in uno di quei paesi dove la manodopera costa pochissimo voglio proprio dire due parole riguardo alla globalizzazione ed a un probabile decadimento dei diritti sindacali dei lavoratori nel nostro paese.
Il Sistema vuole la globalizzazione anche in Italia!!! Ok allora dovranno dire addio a moltissime cose.

Per primo cominciate a trasformare in contante (MONETA SONANTE) un sacco dei soldi che ci sono in circolazione……………..sognatevi i vostri bei conti correnti, carte di credito, bancomat ecc.ecc. ecc. Chiudete una grossa fetta delle vostre belle filiali bancarie e mandate i lavorotari licenziati a zappare la terra. I Trader invece potete fargli fare qualche lavoretto meno faticoso…..tipo seminare o tagliare l_erba delle strade.

Per secondo dovrete far sparire tutti i sindacati (impresa ardua anche se ormai ne resta poco) e moltissimi altri enti inutili in questo mondo !!!!!!

Ci sarebbero molti altre cosette da scrivere, ma oggi non ho molto tempo per farlo.

Naturalmente ci saranno anche i lati positivi !!!!!
Potrete licenziare i lavoratori senza che nessuno vi dica niente, non vi piace uno !!! lo licenziate e via.
Poterete pagare pochissime tasse, tipo un 7-10 %
Potrete trovare moltissima manodopera a bassissimo costo disposta a lavorare per non morir di fame (NATURALMENTE PROCURATEVI DELLE GUARDIE DEL CORPO…..BEN PAGATE…..anche per i vostri famigliari……..specialmente da napoli in giu)

Per oggi vado, un saluto e alla prossima

SD

utente anonimo
Scritto il 20 novembre 2011 at 09:26

A tarda sera io e il mio illustre cugino De Andrade
eravamo gli ultimi cittadini liberi
di questa famosa città civile
perché avevamo un cannone nel cortile

 

utente anonimo
Scritto il 20 novembre 2011 at 11:42

Spesso il tempo torna sui suoi passi… e paga con la stessa moneta.
Berlusconi è stato accantonato (per ora) grazie ad un' opinione pubblica (mondiale) che non lo ha più voluto… il tutto è alquanto paradossale.
Ma CAPITANO, ti chiedo, se la storia ripaga con la stessa moneta, perchè non è possibile creare una banca (sociale) del territorio dove i  soci capitalizzando i loro beni immobili, creano una liquida di pari valore espressa in una nuova moneta chiamata Speranza. Tale conio girerà dentro il sistema dei soci, con prezzi fissi senza inflazione e sconto al 10% rispetto al cambio con qualsiasi moneta mondiale regalando maggior potere d'acquisto e più cooperazione.
Il capitale sociale garantito dai beni non potrà avere leva finanziaria e i prestiti erogabili limitati prudenzialente in una percentuale sul capitale totale con interesse fisso molto basso, senza notai, ma solo garanzia bancaria sociale. Ovviamente gli interessi sul CC sonosolo 1/10 dell' interesse sui prestiti, ma ciò ha lo scopo di creare un fondo etico per chi è in credito per bisogni primari (es. prima casa che poi ovviamente entra nel capitale sociale…idem per aziende, capannoni..).
Così facendo la gente che abita nel territorio, avvertirà tale presenza, e sposterà il capitale dalla propria banca in euro, in questa nuova realtà (che non diverrà mai un aspiratore di liquidità come le ns banche, ma sarà sempre solo una autostrada del denaro per i soci) impiegando quotidianamente la nuova moneta locale con sconto al 10% sul territorio.
Poi arriveranno  le aziende che pagheranno i dipendenti in moneta Spreanza con sconto sullo stipendio al 5% rispetto agli Euro… ma il dipendente avrà in realtà un 5% in più di potere d'acquisto grazie allo sconto concordato, le aziende quindi cercheranno personale locale che accetti tale moneta…un circolo…
Una moneta del territorio, e una banca che banca non è, ma è virtualmente una piazza si scambi tracciati tra soci.
Voglio vedere quando comnciano a spostarsi 1, 2, 100 conti correnti per fluire in questa nuova realtà, cosa faranno i ns sig. Signoraggio.
A parte le impostazioni regolamentari, perchè non poterebbe funzionare?
Forse sarà un freno alla crescita (senza freni) attuale, come insegano lor signori economisti.. la mancanza di liquidità è talvolta un freno alla crescita… ma quale crescita quella del PIL? Kennedy 40 anni fa lo descrisse questo mostro, poi stampo il dollaro d'argento… e un sogno fini nel sangue… ricordatelo.

By Fronte etico.

utente anonimo
Scritto il 20 novembre 2011 at 13:18

Il "tradimento" del mattone non è più un bene rifugio investimenti e prezzi in calo

“E poi dicono che la storia si ripete. La verità è che qui, a memoria d’uomo, non s’era mai visto nulla del genere. Il mattone, l’investimento preferito dagli italiani, quello che in teoria non dovrebbe tradire mai, è entrato in coma. I dati della crisi sono impietosi: rispetto a prima del 2008 c’è un meno 33 per cento di compravendite, un meno 40 per cento di nuova produzione, un meno 21 per cento sui prezzi (media nazionale). “

 

La realtà che si può ben vedere nelle aste giudiziarie ci dice che il calo dei prezzi è del 45/50 % malgrado l'intervento costante delle banche che frenano i prezzi in caduta libera per salvare i milioni di immobili che hanno in portafoglio all'attivo di cui non pagano tasse e se le pagano le scaricano sui clienti o sui cittadini.

 

Grazie a Monti e ai politici che lo sostengono e che hanno le case a Montecarlo o le ville ad Antigua, il crollo dei prezzi degli immobili aumenterà la caduta libera in atto.

 

Azioni ed altri titoli mobiliari si possono comprare e vendere in giornata. Le perdite su questi sono dovute principalmente all'incapacità o all'ignoranza del gestore.

Una casa invece si vende in media entro tre o quattro anni quando va bene e se si riesce a vendere.

utente anonimo
Scritto il 20 novembre 2011 at 13:34

Si deve aver studiato veramente molto poco economia (altro che Bocconi) se non si riesce a distinguere l'iniquità di una leggera tassa sui soli utili da investimenti mobiliari da una pesante tassa salasso sull'intera proprietà immobiliare.

Oltretutto in questi anni quei pochissimi che hanno guadagnato molto sono stati proprio coloro che hanno speculato nel mercato mobiliare.

Alla faccia dell'equità e della giusta ridistribuzione della ricchezza.

utente anonimo
Scritto il 20 novembre 2011 at 13:51

Ceriamo un fronte di difesa del mercato immobiliare.

E il miglior modo per difendersi è attaccare, duramente e pesantemente accetando rischi e sacrifici.

Aumendo pesante dei canoni di affitto ad ogni scadenza di contratto fino a creare una situazione insostenibile , a quel punto inquilini e sindacati in piazza e proprietari immobiliarii dietro.

altrimenti se si continua a pensare che la proprietà immobiliare sia una mucca da mungere siamo finiti.

utente anonimo
Scritto il 20 novembre 2011 at 14:12

non si tratta di mancati studi ma di ignoranza ideologica bella e buona…cattocomunismo cretino al 100%…voglio solo far notare che l'investimento immobiliare come quello mobiliare si effettua con risparmio…ovvero agli incolti con reddito già tassato…
voglio inoltre porrè alla Vs. cortese attenzione di fanatici che se alla tassazione attuale aggiungiamo anche la patrimoniale ci ritroviamo con un aliquota pro capite elevatissima…sdi dovrdebbe invece abbassare le aliquote alle imprese di almeno 10/15 punti se si vuole una ripresa in Italia…alle medie e piccole..le grandi già si arragiangiano da sole…Gianni Z.
PS… inoltre voglio ricordare da dati dell'agenzia entrate che l'evasione si concentra principalmente al sud e la centro…e in più dfoppia inculata  fanno anc he le manovrine di aiuto….Napalm..Napalm…è ora..è ora…Gianni Z.

Scritto il 20 novembre 2011 at 14:18

Quella dell’Università di Bologna e Soros non la sapevo bello spunto! Invece di parlare di patrimoniali o mercati immobiliari o chissà quale altra illusione o fantasia non dimentichiamoci che dietro a tutto ciò ci sta l’egoismo e l’avidita degli uomini, uomini, uomini e ancora uomini che fanno le regole o le leggi a loro immagine e somiglianza. Se questo governo sbaglia una solo mossa la storia e’ dietro l’angolo! Ho sentito parlate di giovani di donne di equità di sacrifici per coloro chenon ne hanno mai fatti! Chiacchere o voglio osservare i fatti! Auguri professor Monti, auguri davvero! Andrea

Scritto il 20 novembre 2011 at 15:59

MESSAGGIO IMPORTANTE!!!

Nei prossimi giorni Icebergfinanza potrebbe sparire nel nulla visto che sembra che Splinder chjuda senza lasciare un bencheminima precisazione, ZERO! In via provvisoria ho provveduto ad aprire un paio di blog su altre piattaforme e ho avuto contati con due piattaforme professionali. Non ho idea di cio che accadra’ ma e’ probabile che la visibilita’ di ben cinque anni di avventure trascorse insieme si ridurra’ ai minimi termini visto che sara’ quasi come ripartire da zero. Ho bisogno del Vostro aiuto per diffondere il nuovo indirizzo qualunque esso sia attraverso facebook twitter google forum siti e via dicendo per non perdere il patrimonio di amici e compagni di viaggio. Nel frattempo confinueremo con splinder sino a quando non staccheranno la spina e martedi conoscerete la nuova destinazione. Un abbraccio Andrea

utente anonimo
Scritto il 20 novembre 2011 at 16:07

 

ROMA (2010)

BERLUSCONI: "L'ICI non tornerà più"

"La casa è un bene primario per ogni famiglia italiana. Abbiamo tolto l'ICI e non ci sarà nessun'altra imposizione". Così il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, passeggiando per le vie del centro di Roma, risponde ai cronisti che gli chiedono se ci sarà una reintroduzione dell'imposta comunale sugli immobili anche sotto altre forme. Il premier poi liquida come "menzogne" le notizie diverse apparse sulla stampa in questi giorni: "Siamo davvero al festival della menzogna", ha detto.

 

 

ROMA (2011)

Non votereste la patrimoniale neppure se Monti lo considerasse necessario? E la reintroduzione dell'Ici sulla prima casa?

BERLUSCONI:«Siamo contrari alla patrimoniale (NB: l'ICI sulla prima casa è una patrimoniale). Monti ha fatto intendere che porterà la tassazione degli immobili in linea con la media europea, mentre ora è al di sotto (Balle è proprio vero che chi è ladro è anche bugiardo). È possibile che questo comporti l'introduzione di un'imposta simile all'Ici, da noi già prevista con il federalismo (Quindi il "festival della menzogna" era tutto del signor Silvio Berlusconi), ma completamente diversa rispetto alla precedente impostazione già nella nostra riforma. Dunque una continuità di linea con il nostro governo, con un probabile anticipo dei tempi rispetto al 2014 che noi avevamo previsto».

 

L'ICI subito subito! Presto! Se no si fallisce!

Bisogna Anticiparla rispetto al 2014! Anche se è una porcata incostituzionale, una patrimoniale.

Invece la favoletta dei vitalizzi ai parlamentari, che già in molti smentiscono e ridimensionano, forse…non si sa…verrà raccontata a partire dalla prossima legislatura…con comodo…senza fretta….

Tanto c'è chi paga la patrimoniale ICI.

 

Il fascista con nonna ebrea e casa a Montecarlo che riteneva Mussolini “un grande statista” e gli applausi delle merde:

http://www.youtube.com/watch?v=p7E6YzRFrBI

utente anonimo
Scritto il 20 novembre 2011 at 16:07

 

ROMA (2010)

BERLUSCONI: "L'ICI non tornerà più"

"La casa è un bene primario per ogni famiglia italiana. Abbiamo tolto l'ICI e non ci sarà nessun'altra imposizione". Così il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, passeggiando per le vie del centro di Roma, risponde ai cronisti che gli chiedono se ci sarà una reintroduzione dell'imposta comunale sugli immobili anche sotto altre forme. Il premier poi liquida come "menzogne" le notizie diverse apparse sulla stampa in questi giorni: "Siamo davvero al festival della menzogna", ha detto.

 

 

ROMA (2011)

Non votereste la patrimoniale neppure se Monti lo considerasse necessario? E la reintroduzione dell'Ici sulla prima casa?

BERLUSCONI:«Siamo contrari alla patrimoniale (NB: l'ICI sulla prima casa è una patrimoniale). Monti ha fatto intendere che porterà la tassazione degli immobili in linea con la media europea, mentre ora è al di sotto (Balle è proprio vero che chi è ladro è anche bugiardo). È possibile che questo comporti l'introduzione di un'imposta simile all'Ici, da noi già prevista con il federalismo (Quindi il "festival della menzogna" era tutto del signor Silvio Berlusconi), ma completamente diversa rispetto alla precedente impostazione già nella nostra riforma. Dunque una continuità di linea con il nostro governo, con un probabile anticipo dei tempi rispetto al 2014 che noi avevamo previsto».

 

L'ICI subito subito! Presto! Se no si fallisce!

Bisogna Anticiparla rispetto al 2014! Anche se è una porcata incostituzionale, una patrimoniale.

Invece la favoletta dei vitalizzi ai parlamentari, che già in molti smentiscono e ridimensionano, forse…non si sa…verrà raccontata a partire dalla prossima legislatura…con comodo…senza fretta….

Tanto c'è chi paga la patrimoniale ICI.

 

Il fascista con nonna ebrea e casa a Montecarlo che riteneva Mussolini “un grande statista” e gli applausi delle merde:

http://www.youtube.com/watch?v=p7E6YzRFrBI

utente anonimo
Scritto il 20 novembre 2011 at 16:07

 

ROMA (2010)

BERLUSCONI: "L'ICI non tornerà più"

"La casa è un bene primario per ogni famiglia italiana. Abbiamo tolto l'ICI e non ci sarà nessun'altra imposizione". Così il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, passeggiando per le vie del centro di Roma, risponde ai cronisti che gli chiedono se ci sarà una reintroduzione dell'imposta comunale sugli immobili anche sotto altre forme. Il premier poi liquida come "menzogne" le notizie diverse apparse sulla stampa in questi giorni: "Siamo davvero al festival della menzogna", ha detto.

 

 

ROMA (2011)

Non votereste la patrimoniale neppure se Monti lo considerasse necessario? E la reintroduzione dell'Ici sulla prima casa?

BERLUSCONI:«Siamo contrari alla patrimoniale (NB: l'ICI sulla prima casa è una patrimoniale). Monti ha fatto intendere che porterà la tassazione degli immobili in linea con la media europea, mentre ora è al di sotto (Balle è proprio vero che chi è ladro è anche bugiardo). È possibile che questo comporti l'introduzione di un'imposta simile all'Ici, da noi già prevista con il federalismo (Quindi il "festival della menzogna" era tutto del signor Silvio Berlusconi), ma completamente diversa rispetto alla precedente impostazione già nella nostra riforma. Dunque una continuità di linea con il nostro governo, con un probabile anticipo dei tempi rispetto al 2014 che noi avevamo previsto».

 

L'ICI subito subito! Presto! Se no si fallisce!

Bisogna Anticiparla rispetto al 2014! Anche se è una porcata incostituzionale, una patrimoniale.

Invece la favoletta dei vitalizzi ai parlamentari, che già in molti smentiscono e ridimensionano, forse…non si sa…verrà raccontata a partire dalla prossima legislatura…con comodo…senza fretta….

Tanto c'è chi paga la patrimoniale ICI.

 

Il fascista con nonna ebrea e casa a Montecarlo che riteneva Mussolini “un grande statista” e gli applausi delle merde:

http://www.youtube.com/watch?v=p7E6YzRFrBI

utente anonimo
Scritto il 20 novembre 2011 at 16:17

“sembra che Splinder chiuda senza lasciare un benché minima precisazione ”

Vogliono dare come informazione unica su internet Repubblica, Il Fatto,Il Corriere, Il Giornale, Libero , il Sole24 e Tgcom.

Notate che silenzio? I magistrati dopo la lettera relativa al 41 bis che coinvolgeva il prof, Conso ed altri sono letteralmente rientrati nelle fogne. Silenzio assoluto. Del nano non ne parlano più.

Anche Grillo, i suoi commentatori a pagamento e Travaglio si sono messi il silenziatore…guarda un po' che strano…

Eviva il Milcunpop.

utente anonimo
Scritto il 20 novembre 2011 at 17:04

@92

Va beh, dopo aver venduto Gheddafi ha venduto i suoi elettori…
Ringraziando il Cielo, Madre Natura, aiutata dagli stravizi da depravato del "nostro", presto ce ne libererà.

utente anonimo
Scritto il 20 novembre 2011 at 18:03

Per Fringuello #76

Ti racconto questo episodio, vivo all´estero ed ho i figli in una scuola internazionale americana…sai che cé´ scritto sui libri di storia ?

VIETATA LA VENDITA LA DISTRIBUZIONE E L´USO NEGLI USA ….come dire quello che si racconta fuori non e´ uguale a quanto insegnano in patria ?

Mi ha fatto paura, sinceramente !

Ciao
Massimo

Scritto il 20 novembre 2011 at 19:22

Oggi il compito di Monti, difficilissimo, è ridare fiato e speranza all'economia italiana, oltre che ridare fiducia nell'Italia all'estero.

Per assurdo il secondo compito non è così difficile, gli italiani sono uno strano popolo, ingarbugliato, arruffone un po' cialtrone ma in fin dei conti è un popolo docile giacchè non si ricorda di una rivoluzione in italia (moti si ma rivoluzioni mai) e in fin dei conti c'è molta ricchezza che si può spremere in caso di necessità recupero crediti.

No il vero problema è ridare fiducia agli ITaliani, oggi hanno tutti le palle per terra, il pessimismo è alle stelle l'ottimismo non si sa più neppure dove cercarlo.

Ho apprezzato alcune parole di Monti che ha puntualizzato "sacrifici" e non un enfatico "Lacrime e sangue" sono parole è vero, ma contano.
Parla di visione, di disegno di insieme da presentare per il "risanamento e la crescita".

Abbiamo bisogno di una scossa, abbiamo bisogno di qualcuno come un allenatore che ci urli nelle orecchie tutti i giorni che possiamo farcela, che dobbiamo rimetterci a correre, rimboccarci le maniche, non accettare più quel che accettavamo ieri.

Conosco persone che conoscono Monti e mi dicono che è un uomo libero  non è servo di nessuno e non ha personali conflitti di interesse.
Quando ho chiesto qual'è il difetto mi hanno detto che è un po' troppo innamorato delle proprie idee. Speriamo che siano buone e che nella fattispecie siano anche utili.

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
La commissione Affari economici e monetari del Parlamento europeo ha rivisto la bozza di normati
Se vi domandate come mai la borsa USA continua ad essere fortissima, soprattutto se confrontiamo
Ftse Mib: l'indice italiano tenta in apertura il superamento dei 20.500 punti. Importante la chiusur
Inutile nascondersi dietro un dito. Per gli investitori, la tragedia del Ponte Morandi di Genova
Che vi dicevo, non passa neanche una settimana dalla benedizione del dollaro forte che il nostro
Si delinea sempre più forte il decoupling tra l'andamento della borsa USA e quello degli altri li
Analisi Tecnica Si conferma la rottura ribassista del trading range. L'accelerazione al ribasso
DJI Giornaliero Buonasera, eccoci di nuovo con l’analisi sullo storico indice americano.
Stoxx Giornaliero Buongiorno, per una manciata di punti non si è materializzato lo swing inc