SORRIDI ITALIA…SORRIDI!

Scritto il alle 06:26 da icebergfinanza


   

Sorridi Italia, sorridi sei finita, sei fallita, per un pugno di analisti della domenica ormai hai superato il punto di non ritorno, sorridi!

Sorridi Italia! Goldman Sachs, ma non solo, anche Deutsche Bank e via dicendo hanno deciso che le mucche da latte vanno spremute soprattutto quando i malgari che ti amministrano sono un manipolo di mafiosi e massoni, speculatori della politica che ha loro volta ti hanno munto e stramuto.

Lo so non è colpa tua se stai per diventare una mucca …" pazza " di rabbia, loro nessuno escluso, hanno progettato l' Europa delle monete e dei capitali, prima che dei popoli, ti hanno rifilato mangime di scarsa qualità, un euro tecnicamente demenziale, senza unità, tutto per uno e ognuno per se.

Sorridi perchè mentre ciò accadeva dormivi sognando, ma in fondo che serve svegliarsi, continua a dormire e sogna lo spread e il rating che metteranno domani sulla tua pelle, sulla tua carne!

Hanno deciso loro quando accelerare la nostra tempesta perfetta, loro voglio il governo tecnico, hanno deciso loro quanto varrà il Tuo spread, il mitico e leggendario differenziale che i malgari intervistati non conoscono. Hanno deciso loro dove avrebbe dovuto arrivare, scatenando un inferno nel martedi nero della finanza italiana, dove gli analisti facevano a gara per mungere idiozie, idiozie alle quali anche il buon Roubini in cerca di visibilità si è adeguato dopo aver dichiarato all'inizio dell'anno che molto difficilmente il mondo sarebbe ricaduto in recessione.

Sorridi perchè il gufo per eccellenza ha fallito, questa volta!

Ricordati però che quando sarà finita, quando il latte verrà versato e sparso, non importa se mandandoti in pensione a cent'anni o mettendoti le mani li nelle poppe dei soliti noti, pensionati o lavoratori dipendenti, semplici risparmiatori o ignari depositanti, gettato, ricordati che comunque non avrai scampo, loro sono li con le loro "dark pool" le loro piscine oscure, squali giulivi che sguazzano in attesa della prossima preda la tenera Francia con un occhio alla Crande Gemania!

Sorridi, non hai scampo loro non ti lasceranno mai, sorridi perchè indipendentemente da come la pensi, tu non sai quello che in realtà accade, ci penseranno loro a decidere il tuo destino, carne da macello sociale, come è già accaduto !

Sorridi dai sorridi, sul FATTO QUOTIDIANO l'economista Giacomo Vaciago, vicino al professore Mario Monti, ti racconta che la scelta di Napolitano è maturata negli ultimi quattro mesi:

"E' l'unico nome che può farci recuperare credibilità sui mercati internazionali"… Il governo di Mario Monti “dovrà piacere più al resto del mondo che agli italiani”.

E’ la sintesi fulminante di Giacomo Vaciago, economista vicino al professore che lunedì dovrebbe ricevere l’incarico di formare l’esecutivo del dopo Berlusconi (…)9
Non sarà un esecutivo soltanto tecnico, e già circolano i nomi a garanzia dei partiti. Ma c'è anche il serbatoio dei bocconiani pronti ad affiancare il loro ex rettore. Il ritorno di Bini Smaghi e l'incognita Giuliano Amato…e se il professor Monti decidesse di portarsi dietro dei bocconiani (“Ma ha la tendenza a penalizzare gli amici per evitare accuse di favoritismo”, ironizza chi lo conosce bene), la scelta potrebbe cadere sull’attuale rettore Guido Tabellini e/o su Francesco Giavazzi, docente dell’ateneo milanese ed editorialista del Corriere della Sera.

E vai sii felice, mancano solo i Chicago Boys e poi la festa può incominciare!

Non me ne vogliano i bocconiani, come un caro studente bocconiano liberale ha recentemente scritto nel forum, ma scendere dal piedistallo alle volte non farebbe male, non farebbe male il confronto.

Se volete sono pronto a scendere nella fossa dei leoni, ma credo sia inutile, loro non lo faranno mai, Icebergfinanza da fastidio, in questi hanno boicottato anche dai media e dalla stampa, sorretto solo dalla forza popolare quella che proviene dal basso impressionante, devastante, quella che gonfia le nostre vele.
Questo e' un blog che ieri ha sfiorato i 4000 contatti unici incredibile per un blog che non fa parte di alcun network un blog amministrato da un unico visionario! Grazie Ragazzi Voi siete la spinta propulsiva di questa avventura!

Ci hanno messo oltre quattro anni i media ad accorgersi che esiste un Blogeconomyday, un articoletto sul Corriere della Sera, che esiste un altro mondo, un mondo che saluto e al quale auguro un fine settimana di consapevolezza.

Ma c'è anche un altro mondo, cara Italia, che ho incontrato ieri e che continuerò ad incontrare, un mondo silenzioso ma vitale, essenziale che pulsa, l'Italia che condivide, l'Italia alternativa, l'Italia del dono, che sostiuisce il noi all'io come direbbe Roberta Carlini, la condivisione alla divisione, la cooperazione alla frammentazione, fuori dalla logica esclusiva dell’homo economicus, spesso contro di essa, ma dentro il mercato. Fuori dalla scena politica istituzionale, ma spesso con l’ambizione di portare una propria visione politica nel fare quotidiano. Fuori dall’universo chiuso dei beni proprietari, nello spazio aperto dei beni comuni.

Sorridi cara Italia, loro hanno paura di questa Italia non la nominano al limite le dedicano in trafiletto in fondo alla pagina, ma soprattutto Italia sorridi perchè come ha detto ieri il nostro grande Roberto Benigni parlando al Parlamento Europeo…

''L'Italia e' il paese della resurrezione'' ha detto l'attore e regista dopo aver ricordato che il nostro Paese ha saputo affrontare grandi crisi ''in mezzo a lacerazioni'' e ''a minacce all'unita' che continuano ancora adesso''.

''Eppure siamo un caso unico, perché da noi la nazione e' nata prima dello stato''.

Roberto sarebbe uno dei pochi che potrebbe raccontare ridendo quello che in realtà è accaduto in questi anni, dai Roberto facciamo uno spettacolo per raccontare alla gente comune la Realtà figlia del Tempo. Scriveteli, contattatelo se qualcuno di Voi lo conosce, io sono pronto!

Il comico è arrivato con una stampella perché di recente si è rotto un piede. «Mi è venuto addosso una persona in Italia che ha deciso di fare un passo indietro», ha scherzato nell'emiciclo del Parlamento. «Ero tranquillo, mi hanno detto che non si muoveva nessuno e invece…», ha aggiunto e ogni riferimento a Berlusconi era puramente casuale. Infatti ha aggiunto: «Non vedo il presidente del Consiglio qui, mi aspettavo che ci fosse», «è successo qualcosa? L'ultima cosa che avevo sentito quando sono partito per venire qui è che c'era la maggioranza…». «Siamo senza governo, modello belga», ha ironizzato nell'introduzione della sua Lectura Dantis per il 150esimo d'Italia.

Si, si sorridi perchè adesso le agenzie di rating ti alzeranno il giudizio sulla tua carne da macello, ora si che siamo stabili senza governo come il Belgio!

Sullo sfondo mentre il nostro Roberto parlava, parlava e parlava,  che investire in Italia è una cosa meravigliosa, laggiù nell'ombra il fantasma di Giuliano Amato era serio, lui non sorrideva.

«Il debito che abbiamo con i greci è immenso, ma ormai… Invece noi tutti dovremmo pagare un euro al giorno alla Grecia per il pensiero, la filosofia e la logica» che l'Antica Grecia ha dato al mondo. Unità 

 

Sorridi nonostante la maestra Gelmini abbia affermato che Roberto è stato anti italiano,   Bruxelles ha avuto un comportamento ‘anti italiano’, irrispettoso e soprattutto nocivo per il nostro Paese, già in grave crisi di credibilità: l’ha affermato il Ministro della Pubblica Istrusione Maria Stella Gelmini nella puntata appena terminata di Porta a Porta.

 


Ora capisco povera Italia, ora capisco tutto ma non ti preoccupare, sii consapevole sino in fondo di quello che sta accadendo.

Verranno tempi difficili, una nuova tempesta perfetta si scatenerà sul Tuo territorio, loro, la speculazione, comandano i fulmini, parlano con le saette, usano armi di distruzione di massa, ma prima o poi si occuperanno di altro, laggiù all'orizzonte i bagliori delle esplosioni si odono in Francia!

No oggi non vi parlerò di alcun dato macro o microeconomico oggi, quello lo potete trovare nell'analisi dedicata ai fondamentali reali del nostro Paese, dedicata a coloro che hanno sostenuto o vorranno sostenere il nostro lavoro cliccando in fondo all'articolo.
Speriamo bene, un'orda di vandali finanziari preme alle porte del nostro Paese gli Unni e gli altri, ma vi assicuro che in confronto a questi Attila, il famoso flagello di dio era solo un bimbo con la cerbottana.

Sorridi, Italia, sorridi Italia della Speranza, della Condivisione è arrivato il Tuo momento non perdere l'occasione!

 

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
155 commenti Commenta
utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 08:15

Ida Magli in un articolo di ieri apparso nel suo sito ,e ripreso oggi anche dal sito comedonchisciotte ci presenta Mario Monti  :  buona lettura.

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 08:16

meglio riderci su un po…………………….
al tempo di AMATO NN MI SONO NEMMENO ACCORTO CHE MI HANNO FATTO UN PRELIEVO FORZOSO ….e chi pensava che l'Italia potesse fallire.
adesso ti viene il mal di testa a vedere tutte ste informazioni catastrofistiche di tutti i giornali..
a volte è meglio nn essere consapevoli..
certo se cominciasse qualche default sarebbe come un domino in questo mondo tanto interconnesso.
lo hanno sempre saputo che i default avvengono a zone ….uno stato tira giù gli altri… e se dovesse capitare all'italia si tirerebbe assiame il mondo intero
M

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 08:25

È mesi che parli che l’ Italia è senza problemi. Chi ti legge ha capito di investire in bot btp
Cerca di essere piu chiaro. Siamo stufi di dover leggere tra le righe e restare sempre con il dubbio.
Grazie.

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 08:32

Andrea ti stimo e ti voglio bene anche se non ti conosco.
Benigni è eccezionale ma di politica non capisce niente poverino se è per questo sull'italia ha fatto questo di discorso che fa davvero venire i brividi:

http://www.youtube.com/watch?v=22n4diWqegY

Su youtube basta andare a vedere il video della canzone "buonanotte all'italia" di ligabue all'arena di verona che fa quasi piangere anzi italiani fate l'esperimento ed andate su youtube a vedere tutti i concerti dal vivo di ligabue quando canta buonanotte all'italia e vedrete che da verona a palermo TUTTI gli applausi più commossi (di sudici mafiosi e nordici leghisti) ci sono quando appare la foto dei terroni  falcone e borsellino, questo vale per chi pensa che l'italia sia una mera espressione geografica.

Visto che siamo in un momento veramente drammatico dobbiamo (e dovrebbero) tutti tenere a mente le parole di un certo benito "non ho inventato il fascismo, l'ho tratto dall'animo degli italiani, mutevolissimo è l'animo degli italiani…."

Io non sono fascista e lo sottolineo ma scrivo questo a beneficio dei commentatori che su questo sito dicevano che non vi fossero rischi di reazioni violente o di movimenti estremisti (e non dico che i ragazzi di casapound lo siano) intanto però la favoletta del governo mari&monti napolitano la ha preparata da 4 mesi bene la reazione è immediata anzi arriva addirittura prima delle manovre e parte da dove meno te l'aspetti 

Napoli 26 novembre: Crisi: ‘no alla svendita dell’Italia’, il 26 novembre CasaPound Italia in corteo nazionale a Napoli

Così mentre il resto del mondo non impazzito sa che l'italia è solvente e che è un problema di delirio politico di una moneta strutturata in maniera demenziale i tecnocrati pensano che in italia tanto non accade mai nulla perchè gli italiani fuggono sempre, avranno certamente allertato le forze di polizia anzi chissà avranno predisposto uno stato di polizia bellissima europa dei popoli è peggio di un incubo di orwell.

Forse avevi ragione tu andrea meglio le dimissioni di berlusconi e questo governo tecnico fallimentare che stravolgerà la politica italiana, c'è da sperare che magari finisca come ai mondiali a Berlino. In caso contrario Incendierà tutt'europa.

Giuseppe

 

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 08:52

Un video per capire il delirio che ci aspetta e il fallimento di mol(n)ti prodi "professori"

http://www.youtube.com/watch?v=fv08VY1agzA&feature=related

Ah itagliani vi ricordo le parole di un certo bettino craxi:

"Si presenta l'Europa come una sorta di paradiso terrestre, arriveremo al paradiso terreste, ma l'europa per noi ed ho già avuto modo di dirlo… per noi nella migliore delle ipotesi sarà un limbo e nella peggiore delle ipotesi sarà un inferno.
Bisogna riflettere su quello che si sta facendo perchè la cosa più ragionevole di tutte era quella di richiedere e di pretendere (essendo noi un grande paese perchè se l'italia ha bisogno dell'europa l'europa ha bisogno dell'italia ) pretendere la rinegoziazione dei parametri di mastricht."

Per chi non ha paura di youtube c'è anche il video:
http://www.youtube.com/watch?v=lW-HKXaEfl8

Ora io non voglio essere complottista mi impegno per non esserlo ma a questo punto l'euro mi sembra proprio un trucco antieuropeo per fomentare l'odio ancora una volta.

Anzi una volta lacerata l'europa fra i dissidi sicuramente verrà affondata la fiat money a favore dell'oro e dell'argento così saranno contenti gli ecologisti, (lo stanno già dicendo in tv dove? in inghilterra che l'euro è un totale fallimento).

E poi c'è qualcuno che dice che la moneta non sia potere eh? Cose da pazzi.

Giuseppe

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 08:58

Cambia blog straniero esterofilo se nin ci arrivi non ci arrivi se credi che il nostro paese fallira fatti curare e compra tutta la merda strutturata che i tuoi consulenti ti suggeriscono

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 09:09

Da quello che ho capito l'euro si basa tutto sul fatto che molti economisti e le loro scuole economiche NON SANNO COSA SIA L'INFLAZIONE E CHE PUO' ESSERCI ANCHE SE LA MONETA CIRCOLA PIU' VELOCEMENTE IN UNO STATO INVECE CHE IN UN ALTRO PROPRIO PERCHE' C'E' MENO MONETA IN CIRCOLAZIONE.

Se fossi bocconiano chiederei indietro i soldi

Giuseppe

da figlio di veneti emigrati al sud prima dell'unità d'italia avviso gli italiani del nord, per non saper nè leggere e nè scrivere l'esperimento euro mi sembra l'esperimento italia di 150 anni fa, se c'erano da secoli fermenti per unire quello che già esisteva l'italia sembra sia stata unita per dividerla ed imbrigliarla a scapito di tutti gli italiani.
la stessa cosa proveranno a farla con l'europa unirla per dividerla con il caos e l'odio reciproco, credo che nel clima di caos proveranno a commissariare tutti i governi europei (la spagna è già commissariata già si sa che il partito che vincerà le elezioni applicherà alla lettera i dettami della commissione) per sostituirli con la bce e la commissione di non eletti per il nostro bene e se lo faranno la germania olanda etc sarà il nord-est produttivo e l'italia spagna grecia etc I NUOVI TERRONI BORBONICI PARASSITI.
E MI SA CHE DIETRO QUESTO CI SIANO DI NUOVO GLI INGLESI (non il popolo inglese).

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 09:26

Pare che un contatto email per raggiungere Benigni sia il seguente: [email protected]
io provo a scrivergli.
Su Andrea ormai non servono parole. Solo grazie.
giuseppe
cagliari

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 09:26

Pare che un contatto email per raggiungere Benigni sia il seguente: [email protected]
io provo a scrivergli.
Su Andrea ormai non servono parole. Solo grazie.
giuseppe
cagliari

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 09:26

Pare che un contatto email per raggiungere Benigni sia il seguente: [email protected]
io provo a scrivergli.
Su Andrea ormai non servono parole. Solo grazie.
giuseppe
cagliari

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 09:26

Pare che un contatto email per raggiungere Benigni sia il seguente: [email protected]
io provo a scrivergli.
Su Andrea ormai non servono parole. Solo grazie.
giuseppe
cagliari

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 10:22

Alla fine è già scritto come finirà: questo sistema è MORTO. Il sistema OLIGARCHICO post capitalista e fascistoide non sta in piedi da anni, euro, yen, sterline, dollari, cambia la gestione della moneta ma non la non sostenibilità delle economie. L'eccesso di debito privato è del tutto non rimborsabile e il debito pubblico è stato speso male x distribuirlo a pochi e non a molti. Ultimi spasmi di un sistema morente. Iper deflazione seguita da iper inflazione è probabile o una guerra o chissà che altro, nessuno conosce i dettagli del futuro, ma un organismo malato muore sempre prima di uno sano che poi muore comunque.

Solo i matti come Il Compasso, e sono milioni, non lo hanno capito. Portiamo i soldi in Francia x caso, dove gli OAT decennali sono sotto la pari per la prima volta dalla nascita dell'euro o in Germania dove i bund tedeschi rendono 1,7% quando la germania è esposta verso il resto dell'Europa per cica 1500 miliari di Euro ? Che razza di idioti che c'è in giro, pensiero breve, tempo perso a salvarsi il culo per qualche mese o anno in più invece che a spenderlo andandosi a fare un giro nei boschi, bersi sereni una fiasca di vino o farsi una bella trombata che se uno è stressato mica ci riesce o deve prendersi il viagra equivalente erotico della droga finanziaria.  

Andrea dice che siamo 4000, 1 su un tot, ma chissenefrega, la salvezza non è nei popoli che sono masse indistinte che seguono le maree, ma nei singoli che uno per volta acquistano consapevolezza.

———–

Buffo è….

Part 3: Printing Money with the IMF

Obama, at any rate, felt that they would have little value. Instead, he confronted the Germans in Cannes with a suggestion so radical that it alarmed both Merkel and Schäuble. To save the common currency, Obama proposed that the Europeans follow the example of the American Federal Reserve, which buys up almost unlimited amounts of US treasury bonds when necessary.

The Germans pointed out feebly that the ECB operates within a completely different tradition than the Fed, and that it also pursues a different mission. But it is becoming increasingly clear to Merkel and her finance minister that, in the end, only the ECB will be able to save the euro if the crisis continues to escalate. It is the only European fiscal policy institution capable of taking action, and it also comes equipped with unlimited firepower. It can never run out of money, because it can simply print new money when needed.

This is an approach Germany's representatives in the ECB council have strongly resisted. Former Bundesbank President Axel Weber and former ECB chief economist Jürgen Stark resigned from their posts in the dispute over ECB purchases of Greek and Portuguese bonds. Jens Weidmann, the new Bundesbank president, is likewise strictly opposed to funding government deficits by printing money. This position is understandable, given that the Germans have, twice in the last century, seen how this sort of monetary policy can end in hyperinflation and national bankruptcy. But how long can the Germans resist the pressure from other members?

http://www.spiegel.de/international/europe/0,1518,796280,00.html

viandante

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 10:22

Chiedo anche io ad Andrea…
Cosa bisogna fare?

E' una mossa speculativa per far passare i tagli?
O siamo messi veramente male?

Non potresti essere chiaro su questo?
Grazie.

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 10:22

Alla fine è già scritto come finirà: questo sistema è MORTO. Il sistema OLIGARCHICO post capitalista e fascistoide non sta in piedi da anni, euro, yen, sterline, dollari, cambia la gestione della moneta ma non la non sostenibilità delle economie. L'eccesso di debito privato è del tutto non rimborsabile e il debito pubblico è stato speso male x distribuirlo a pochi e non a molti. Ultimi spasmi di un sistema morente. Iper deflazione seguita da iper inflazione è probabile o una guerra o chissà che altro, nessuno conosce i dettagli del futuro, ma un organismo malato muore sempre prima di uno sano che poi muore comunque.

Solo i matti come Il Compasso, e sono milioni, non lo hanno capito. Portiamo i soldi in Francia x caso, dove gli OAT decennali sono sotto la pari per la prima volta dalla nascita dell'euro o in Germania dove i bund tedeschi rendono 1,7% quando la germania è esposta verso il resto dell'Europa per cica 1500 miliari di Euro ? Che razza di idioti che c'è in giro, pensiero breve, tempo perso a salvarsi il culo per qualche mese o anno in più invece che a spenderlo andandosi a fare un giro nei boschi, bersi sereni una fiasca di vino o farsi una bella trombata che se uno è stressato mica ci riesce o deve prendersi il viagra equivalente erotico della droga finanziaria.  

Andrea dice che siamo 4000, 1 su un tot, ma chissenefrega, la salvezza non è nei popoli che sono masse indistinte che seguono le maree, ma nei singoli che uno per volta acquistano consapevolezza.

———–

Buffo è….

Part 3: Printing Money with the IMF

Obama, at any rate, felt that they would have little value. Instead, he confronted the Germans in Cannes with a suggestion so radical that it alarmed both Merkel and Schäuble. To save the common currency, Obama proposed that the Europeans follow the example of the American Federal Reserve, which buys up almost unlimited amounts of US treasury bonds when necessary.

The Germans pointed out feebly that the ECB operates within a completely different tradition than the Fed, and that it also pursues a different mission. But it is becoming increasingly clear to Merkel and her finance minister that, in the end, only the ECB will be able to save the euro if the crisis continues to escalate. It is the only European fiscal policy institution capable of taking action, and it also comes equipped with unlimited firepower. It can never run out of money, because it can simply print new money when needed.

This is an approach Germany's representatives in the ECB council have strongly resisted. Former Bundesbank President Axel Weber and former ECB chief economist Jürgen Stark resigned from their posts in the dispute over ECB purchases of Greek and Portuguese bonds. Jens Weidmann, the new Bundesbank president, is likewise strictly opposed to funding government deficits by printing money. This position is understandable, given that the Germans have, twice in the last century, seen how this sort of monetary policy can end in hyperinflation and national bankruptcy. But how long can the Germans resist the pressure from other members?

http://www.spiegel.de/international/europe/0,1518,796280,00.html

viandante

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 10:22

Alla fine è già scritto come finirà: questo sistema è MORTO. Il sistema OLIGARCHICO post capitalista e fascistoide non sta in piedi da anni, euro, yen, sterline, dollari, cambia la gestione della moneta ma non la non sostenibilità delle economie. L'eccesso di debito privato è del tutto non rimborsabile e il debito pubblico è stato speso male x distribuirlo a pochi e non a molti. Ultimi spasmi di un sistema morente. Iper deflazione seguita da iper inflazione è probabile o una guerra o chissà che altro, nessuno conosce i dettagli del futuro, ma un organismo malato muore sempre prima di uno sano che poi muore comunque.

Solo i matti come Il Compasso, e sono milioni, non lo hanno capito. Portiamo i soldi in Francia x caso, dove gli OAT decennali sono sotto la pari per la prima volta dalla nascita dell'euro o in Germania dove i bund tedeschi rendono 1,7% quando la germania è esposta verso il resto dell'Europa per cica 1500 miliari di Euro ? Che razza di idioti che c'è in giro, pensiero breve, tempo perso a salvarsi il culo per qualche mese o anno in più invece che a spenderlo andandosi a fare un giro nei boschi, bersi sereni una fiasca di vino o farsi una bella trombata che se uno è stressato mica ci riesce o deve prendersi il viagra equivalente erotico della droga finanziaria.  

Andrea dice che siamo 4000, 1 su un tot, ma chissenefrega, la salvezza non è nei popoli che sono masse indistinte che seguono le maree, ma nei singoli che uno per volta acquistano consapevolezza.

———–

Buffo è….

Part 3: Printing Money with the IMF

Obama, at any rate, felt that they would have little value. Instead, he confronted the Germans in Cannes with a suggestion so radical that it alarmed both Merkel and Schäuble. To save the common currency, Obama proposed that the Europeans follow the example of the American Federal Reserve, which buys up almost unlimited amounts of US treasury bonds when necessary.

The Germans pointed out feebly that the ECB operates within a completely different tradition than the Fed, and that it also pursues a different mission. But it is becoming increasingly clear to Merkel and her finance minister that, in the end, only the ECB will be able to save the euro if the crisis continues to escalate. It is the only European fiscal policy institution capable of taking action, and it also comes equipped with unlimited firepower. It can never run out of money, because it can simply print new money when needed.

This is an approach Germany's representatives in the ECB council have strongly resisted. Former Bundesbank President Axel Weber and former ECB chief economist Jürgen Stark resigned from their posts in the dispute over ECB purchases of Greek and Portuguese bonds. Jens Weidmann, the new Bundesbank president, is likewise strictly opposed to funding government deficits by printing money. This position is understandable, given that the Germans have, twice in the last century, seen how this sort of monetary policy can end in hyperinflation and national bankruptcy. But how long can the Germans resist the pressure from other members?

http://www.spiegel.de/international/europe/0,1518,796280,00.html

viandante

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 10:22

Alla fine è già scritto come finirà: questo sistema è MORTO. Il sistema OLIGARCHICO post capitalista e fascistoide non sta in piedi da anni, euro, yen, sterline, dollari, cambia la gestione della moneta ma non la non sostenibilità delle economie. L'eccesso di debito privato è del tutto non rimborsabile e il debito pubblico è stato speso male x distribuirlo a pochi e non a molti. Ultimi spasmi di un sistema morente. Iper deflazione seguita da iper inflazione è probabile o una guerra o chissà che altro, nessuno conosce i dettagli del futuro, ma un organismo malato muore sempre prima di uno sano che poi muore comunque.

Solo i matti come Il Compasso, e sono milioni, non lo hanno capito. Portiamo i soldi in Francia x caso, dove gli OAT decennali sono sotto la pari per la prima volta dalla nascita dell'euro o in Germania dove i bund tedeschi rendono 1,7% quando la germania è esposta verso il resto dell'Europa per cica 1500 miliari di Euro ? Che razza di idioti che c'è in giro, pensiero breve, tempo perso a salvarsi il culo per qualche mese o anno in più invece che a spenderlo andandosi a fare un giro nei boschi, bersi sereni una fiasca di vino o farsi una bella trombata che se uno è stressato mica ci riesce o deve prendersi il viagra equivalente erotico della droga finanziaria.  

Andrea dice che siamo 4000, 1 su un tot, ma chissenefrega, la salvezza non è nei popoli che sono masse indistinte che seguono le maree, ma nei singoli che uno per volta acquistano consapevolezza.

———–

Buffo è….

Part 3: Printing Money with the IMF

Obama, at any rate, felt that they would have little value. Instead, he confronted the Germans in Cannes with a suggestion so radical that it alarmed both Merkel and Schäuble. To save the common currency, Obama proposed that the Europeans follow the example of the American Federal Reserve, which buys up almost unlimited amounts of US treasury bonds when necessary.

The Germans pointed out feebly that the ECB operates within a completely different tradition than the Fed, and that it also pursues a different mission. But it is becoming increasingly clear to Merkel and her finance minister that, in the end, only the ECB will be able to save the euro if the crisis continues to escalate. It is the only European fiscal policy institution capable of taking action, and it also comes equipped with unlimited firepower. It can never run out of money, because it can simply print new money when needed.

This is an approach Germany's representatives in the ECB council have strongly resisted. Former Bundesbank President Axel Weber and former ECB chief economist Jürgen Stark resigned from their posts in the dispute over ECB purchases of Greek and Portuguese bonds. Jens Weidmann, the new Bundesbank president, is likewise strictly opposed to funding government deficits by printing money. This position is understandable, given that the Germans have, twice in the last century, seen how this sort of monetary policy can end in hyperinflation and national bankruptcy. But how long can the Germans resist the pressure from other members?

http://www.spiegel.de/international/europe/0,1518,796280,00.html

viandante

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 11:00

scusami Giuseppe ma se l'euro = italia di 150 anni fa (e in un certo senso ti do quasi ragione, erano forti le ritrosie, i nazionalismi borbonici al sud, leggersi "brigantaggio") io direi che alla fine ne è valsa la pena. o sei per una disgregazione dell'italia? un ritorno al passato? ma siamo sicuri di ricordarci come era veramente il passato?

che sti cospiratori "inglesi", di cui parli e non parli, pensino che tirando su gli stati uniti d'europa ne abbiano un vantaggio è una teoria curiosa. che non tiene in conto il peso che avrebbe una unione federale economica e politica (e anche militare) dell'eurozona. e la gran bretagna fuori da questa si ritroverebbe a fare il satellite.

nessuna delle potenze vuole veramente quello perchè sa che nel medio-lungo termine questo significherebbe perdita di parte del potere. molto meglio tenere un mucchio di stati di piccola-media stazza mal collegati/uniti. se le potenze ORA non vogliono il crollo dell'euro è solo per via delle conseguenze che ciò avrebbe a casa loro o nella finanza mondiale.

tu hai paura che il nord italia diventi il sud dell'europa. o forse vuoi solo mettere questa pulce nell'orecchio. ma io ti dico che non è un caso che il nord italia sia una delle zone più ricche d'europa. lo è da molto, per tante ragioni. continuerà ad esserlo.
e il sud italia tolto dalle italianissime mani di mafie e clientelismi si ritroverà in un ambiente migliore per finalmente crescere.

quello che voglio mettere in risalto, in un discorso geopolitico più che economico, è quello di non farsi prendere dall'isteria del momento e lasciarsi andare alla pulsione dell'abbandono o della distruzione (che potrebbe pure avere qualche giustificazione al momento),  saper guardare oltre. se l'edificio ancora mezzo costruito è preda dei venti la soluzione è finire di costruirlo al più presto, non distruggerlo. perchè nel mondo del dopo crisi quell'edificio servirà e tanto, non averlo più ci metterebbe in balia degli eventi decisi da altri.

miau

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 11:13

@ Giuseppe……………….
no tu non sei fascista………..nazista magari ????
ma che  scrivi tutto tu… …15 post al di
e guerre e sconvolgimenti e apocalisse …
tu e il tuo amico piccolo piccolo

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 11:19

# 11
come la mettiamo se scoprissimo che l'edificio che stiamo costruendo è abusivo? lo condoniamo? 

MASTABA

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 11:31

Viandante se andrea dice che siamo in 4000 e non te ne frega una cippa sloggia con la tua arroganza

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 11:46

Andrea, al blogeconomy day ci mancherai tantissimo…ma so bene le tue motivazioni.

ma se all'ultimo prendessi l'auto e ci raggiungessi …avresti l'applauso e l'affetto e il supporto di oltre 400 persone!

ti voglio bene!

Paolo

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 12:04

compasso
mi è sempre piaciuto leggere i tuoi pensieri.
da un po di tempo però sei diventato molto piu pessimista  o realista secondo i propri modi di vedere.
sono convinto che nessuno sa veramente cosa ci aspetta e lo dimostra il fatto che tutti cambiano teorie e visioni.
proviamo ad assere un po piu positivi, questo lo dico anche a me , a volte basta vedere il problema da un'altra angolazione
M

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 12:13

commento # 3
È mesi che parli che l' Italia è senza problemi. Chi ti legge ha capito di investire in bot btp Cerca di essere piu chiaro. Siamo stufi di dover leggere tra le righe e restare sempre con il dubbio. Grazie.

   rimanere sempre col dubbio? investire in titoli italiani??   credo che se segui questo blog per capire dove investire hai sbagliato strada…
gurdare solo ed esclusivamente al profitto ci ha fatto arrivare in queste condizionni..

saluto il capitano e tutti i naviganti..
vi seguo sempre.

Aka

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 12:19

mONTECRISTO:

pER   17

L'unica   cosa   sicura   è   la  morte.

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 12:22

Sorridi Italia, ma quale Italia? Quella che ha vinto la guerra o quella che la guerra l'ha persa. 

A valer essere rigorosi, ritengo necessario che si valuti che chi vinse la guerra, all'epoca della fantomatica unità nazionale, fu supportato dagli stessi che ogg,i gurda caso, ne stanno succhiando il sangue. Gli stessi in chiave moderna. 

Ma siamo certi che questa Italia sia l'Italia di tutti? Semplificare potrà andare bene ad un comico, oppure ad un analista portatore dell'apoligia dell'unità  nazionale ma non a tutti, questo è evidente, ma far finta è molto più comodo e così può essere che finirà come in Belgio.

In Belgio si trova in una situazione simile, una parte ricca e una no, da noi certamente per le depredazioni subite ma guarada caso ancora ufficialme negata, invece di approfondire questi aspetti  e ricercare le cause delle rivendicazioni separatiste, si ridicolizzano nel tentativo di nascondere il problema.

Questo atteggiamento si adotta anche per le problematiche economico finanziario.

Benigni ricalca un modello con una matrice chiara, volta al mantenimento dell'Italia a servizio esclusivo dei vincitori di allora, mentri i vinti devono mantenere la condizioni di subordinati, arretrati culturalmente e socialmete, asserviti alla criminalità, che però ha avvantagiato ancora una volta i vincitori facendo credere il contrario.

Bene, sull'Italia nazione, ritengo, non punti più nessuno, l'ostentazione del 150° dimostra tutta la debolezza debolezza di questo sentimento nazionale. Nonostante ciò il modello è e rimane inalterato, se questo modello potesse essere valutato ufficialmente dal rating ritengo avrebbe un valore molto basso vicino all'insolvenza.

Questa speculazione è anche figlia della condizione di ipocrisia assoluta, che ha dominato l'Italia e l'ha resa debolissima nel corso della propria esistenza, la condizione economica in oggi, ritengo dunque, sia da collegare seriamente a questa contraddizione di separazione di fatto che prima o poi diventerà di diritto

Zetan.  

Scritto il 11 novembre 2011 at 12:53

Per Il Compasso #59 art. prec.
Certamente che rispondo a Il Compasso Cuculo69

Comprendo abbastanza bene cosa vuol dire fare affari in italia, sono 30 anni che ho un azienda che opera nell'edilizia con dei periodi alti ed altri bassi….in questo momento stò benissimo da solo senza nessuno a cui "pensare"…..sapessi quanto bene si stà !!!!!!
Pensa che anch'io da diverso tempo stò cercando di andare a lavorare all'estero perchè in Italia è sempre più difficile "combinare" qualcosa. Ho serie e reali possibilità di farlo conoscendo diverse persone che ci sono state e che ci sono in questo momento, tutte persone che operano nel settore edile/immobiliare, persone che lavorano o hanno lavorato in Russia, USA, Europa in genere, vari paesi Arabi, Libia, Arzebaigian, Angola, Camerun ecc ecc chissà che nel breve non parta anch'io, anche se in questo momento e difficile anche all'estero.

Per quanto riguarda il settore economico/finanziario personalmente non mi preoccupo molto di quello che potrà succedere per il semplicissimo fatto che io NON POSSIEDO moneta-debito (naturalmente inteso come investimento per il futuro) non ho quasi niente da perdere da qualsiasi cosa che possa accadere (a parte una vera guerra o una tirrania, o qualche euro delle "riserve" a breve periodo !!!!). Io non ho bisogno di molti soldi per vivere, mi autoproduco moltissime cose e ho consumi molto bassi.

In pratica non vivo di finanza non nè ho bisogno, ognuno è libero di fare ed investire i frutti del proprio lavoro come gli pare……….volete mettere i vostri soldi in finanza ed in moneta-debito……..tanti auguri e buona fortuna, ma ci sono altri modi di vivere e di costruire il proprio futuro.

Un saluto

SD

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 12:55

Montecristo:

E'   circa  un   anno   che   dico  che   alla   fine   ci   sarebbe   stato  il   governo   Monti,la  mia   intuizione   è  quasi  infallibile.

Oggi   tutti   si   domandano   se   Monti   va   bene   o  va   male.

Io   penso   che   il   governo   che  ne  uscirà   sarà   fatto   di   tutte   persone   nuove  oltre   Monti   ,penso   e   spero   che   sarà   una   unione  di   personaggi   di   alto   profilo   come   nel   dopoguerra.Non  hanno   scelta   alla   fine   nonostante   tutto   e   tutti   si  sceglierà   un   governo   Bazooka   che   rilancerà  la   nostra   economia   che   guardando  i  listini   azionari   hanno   scontato   pure   la   terza   guerra   mondiale.
Mi   trovo   essere   d'accordo   quasi  al   100%   con   Andrea   su   tutto   ma   quando   ho  una  intuizione giusta   o   sbagliata che   sia   la  espongo   su   questo   bloog   ,scusatemi  ma  oggi  mi   sento  un  pò  ottimista  per  il   futuro.

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 13:19

Voglio essere moderatamente ottimista. Il governo Monti ovviamente si fara'.  Forse giudicheranno che siamo stati bastonati gia' a sufficienza. Volevano cacciare berlusconi e (guerra Libia e speculazione btp spreads) lo hanno gia' fatto.  E' chiaro che l'Italia e' gia' rientrata nei ranghi rinunciando a qualsiasi politica propria.  Come Andrea e non solo ci ha dimostrato i ns conti non sono cosi' negativi rispetto ad altri. Gia' il governo Berlusconi ha agito anche se solo per il futuro,  con un avanzo primario (presunto) invidiabile.  Puo' essere(spero)  che il nuovo governo si limitera' ad  eliminare le pensioni di anzianita', tassare il risparmio e gli immobili di piu' ma in maniera soportabile anche perche' sempre dai politici e' sostenuto.  Tutto quelo che un governo di centro destra o di centrosinistra non volevano fare perche' presi a curare il proprio orticello.  Magari si prenderanno qualche altra valida azienda italiana (lo hanno fatto anche con Berlusconi, vedi parmalat) ma speriamo di salvare le banche, e' fondamentale.  Forse questo nuovo governo non puo' fare ne' di meglio ne' di peggio di cio', dopotutto in pratica il centro sinistra controlla la camera e il centro destra il senato, quindi in ogni momento se non si trovano d'accordo si va a votare. Spero che questa analisi sia corretta.
    Stanziale

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 13:51

Qualcuno comincia a comprendre (con 20 anni di ritardo) che i nostri presunti alleati sono i nostri veri nemici.
http://labussolaquotidiana.it/ita/articoli-il-golpe-dei-banchieri-3586.htm

Scritto il 11 novembre 2011 at 13:52

Accerchiati… ora fuori i cannoni 1- UN DURO EDITORIALE DEL “FINANCIAL TIMES” CONTRO I “GOVERNI TECNICI” DI ITALIA E GRECIA METTE IL DITONE NELLA PIAGA DELL’EURO: “C’È BISOGNO DI LEADER, NON DI TECNOCRATI” – 2- “DA UNA PARTE L’EX VICEPRESIDENTE DELLA BCE LUCAS PAPADEMOS, DALL’ALTRA IL CANDIDATO MARIO MONTI, POTREBBERO NON RIUSCIRE, SOSTENUTI DA UNA COALIZIONE COMPOSTA DALLA VECCHIA GUARDIA DI POLITICI, A FARE IL MIRACOLO DI CUI C’È BISOGNO” – 3- “IN ENTRAMBI I CASI C’È SOLLIEVO PER LA FINE DI ESECUTIVI SCREDITATI, MA CRESCONO I MALUMORI DI CHI VEDE NELLE SOLUZIONI PROPOSTE UN’IMPOSIZIONE DELLA GERMANIA. IL NEO-PRIMO MINISTRO GRECO È STATO GIÀ RIBATTEZZATO “L’UOMO DELLA MERKEL” – 4- “TANTO IN GRECIA, QUANTO IN ITALIA, È NECESSARIO CHE I GOVERNI TECNICI STABILISCANO UNA PRECISA TABELLA DI MARCIA CHE TERMINI IN UN VOTO. LA VERA SFIDA È DIMOSTRARE CHE ESISTE UNA LEADERSHIP. LA COMPETENZA MANAGERIALE DA SOLA NON BASTA” –

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 14:20

La Palombelli fuori tempo massimo per salvare la sua faccia da…signora…

http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/lartiglio-della-palomba-ritorno-dellici-patrimoniale-prelievo-notturno-come-nel-1992-buoni-del-tesoro-31932.htm

“Vorrei vedere in faccia, anche in foto, alcuni personaggi. Vorrei sapere – quando sarò, come tutti gli italiani, più insicura e più tassata – chi ringraziare.”

Poverina… ci vuole far sapere che sarà più insicura e più tassata anche lei (vi rendete conto cosa scrive questa qua?) E non sa chi ringraziare!! Non lo sa!…Forse meglio la lira dice…E gli euro italiani dove se li è inculati il Cicciobello mantenuto di Stato? In qualche isola del caimano?

 

Poi Goldman Sachs Monti (presidente europeo della Commissione Trilaterale, un gruppo di interesse di orientamento neoliberista fondato nel 1973 da David Rockefeller e membro del comitato direttivo del Gruppo Bilderberg):"Stop ai privilegi" "la crescita richieda riforme strutturali", che tolgano "ogni privilegio" alle categorie sociali che ne hanno, cancellando il problema italiano di chi "protegge la propria circoscrizione elettorale".

E quali sarebbero i privilegi?….

Quello di avere un lavoro? O avere un già ipertassato tetto sulla testa * ? Oppure due sudati risparmi?

O invece le pretese da ingordi drogati e pervertiti figli di puttana della Casta a cui lui appartiene?…

Hanno studiato alla Bocconi si sono specializzati all' Università di Yale (e sti cazzi?!) studiando con il Premio Nobel per l'economia James Tobin per applicare l'unica economia che sono riusciti a capire con il loro QI: derubare i risparmiatori e le vecchiette.

Questa gente con la faccia come il culo ha perso ogni freno inibitore ogni minimo senso del pudore! Vanno fermati adesso prima che sia troppo tardi! Subito!

Non facciamo lo stesso errore che fece Neville Chamberlain con Hitler. Questi cocainomani invertiti delle banche d'affari americane non vogliono ne le pace ne la democrazia e tanto meno il bene comune. Ci vogliono tutti morti. Ricordatevelo!

 

*Eh cara Bindi di comunione e liberazione con società in Nuova Zelanda? Perché invece della patrimoniale non chiedi di introdurre l'ICI per il tuo straricco Vaticano?

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 14:20

La Palombelli fuori tempo massimo per salvare la sua faccia da…signora…

http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/lartiglio-della-palomba-ritorno-dellici-patrimoniale-prelievo-notturno-come-nel-1992-buoni-del-tesoro-31932.htm

“Vorrei vedere in faccia, anche in foto, alcuni personaggi. Vorrei sapere – quando sarò, come tutti gli italiani, più insicura e più tassata – chi ringraziare.”

Poverina… ci vuole far sapere che sarà più insicura e più tassata anche lei (vi rendete conto cosa scrive questa qua?) E non sa chi ringraziare!! Non lo sa!…Forse meglio la lira dice…E gli euro italiani dove se li è inculati il Cicciobello mantenuto di Stato? In qualche isola del caimano?

 

Poi Goldman Sachs Monti (presidente europeo della Commissione Trilaterale, un gruppo di interesse di orientamento neoliberista fondato nel 1973 da David Rockefeller e membro del comitato direttivo del Gruppo Bilderberg):"Stop ai privilegi" "la crescita richieda riforme strutturali", che tolgano "ogni privilegio" alle categorie sociali che ne hanno, cancellando il problema italiano di chi "protegge la propria circoscrizione elettorale".

E quali sarebbero i privilegi?….

Quello di avere un lavoro? O avere un già ipertassato tetto sulla testa * ? Oppure due sudati risparmi?

O invece le pretese da ingordi drogati e pervertiti figli di puttana della Casta a cui lui appartiene?…

Hanno studiato alla Bocconi si sono specializzati all' Università di Yale (e sti cazzi?!) studiando con il Premio Nobel per l'economia James Tobin per applicare l'unica economia che sono riusciti a capire con il loro QI: derubare i risparmiatori e le vecchiette.

Questa gente con la faccia come il culo ha perso ogni freno inibitore ogni minimo senso del pudore! Vanno fermati adesso prima che sia troppo tardi! Subito!

Non facciamo lo stesso errore che fece Neville Chamberlain con Hitler. Questi cocainomani invertiti delle banche d'affari americane non vogliono ne le pace ne la democrazia e tanto meno il bene comune. Ci vogliono tutti morti. Ricordatevelo!

 

*Eh cara Bindi di comunione e liberazione con società in Nuova Zelanda? Perché invece della patrimoniale non chiedi di introdurre l'ICI per il tuo straricco Vaticano?

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 14:20

La Palombelli fuori tempo massimo per salvare la sua faccia da…signora…

http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/lartiglio-della-palomba-ritorno-dellici-patrimoniale-prelievo-notturno-come-nel-1992-buoni-del-tesoro-31932.htm

“Vorrei vedere in faccia, anche in foto, alcuni personaggi. Vorrei sapere – quando sarò, come tutti gli italiani, più insicura e più tassata – chi ringraziare.”

Poverina… ci vuole far sapere che sarà più insicura e più tassata anche lei (vi rendete conto cosa scrive questa qua?) E non sa chi ringraziare!! Non lo sa!…Forse meglio la lira dice…E gli euro italiani dove se li è inculati il Cicciobello mantenuto di Stato? In qualche isola del caimano?

 

Poi Goldman Sachs Monti (presidente europeo della Commissione Trilaterale, un gruppo di interesse di orientamento neoliberista fondato nel 1973 da David Rockefeller e membro del comitato direttivo del Gruppo Bilderberg):"Stop ai privilegi" "la crescita richieda riforme strutturali", che tolgano "ogni privilegio" alle categorie sociali che ne hanno, cancellando il problema italiano di chi "protegge la propria circoscrizione elettorale".

E quali sarebbero i privilegi?….

Quello di avere un lavoro? O avere un già ipertassato tetto sulla testa * ? Oppure due sudati risparmi?

O invece le pretese da ingordi drogati e pervertiti figli di puttana della Casta a cui lui appartiene?…

Hanno studiato alla Bocconi si sono specializzati all' Università di Yale (e sti cazzi?!) studiando con il Premio Nobel per l'economia James Tobin per applicare l'unica economia che sono riusciti a capire con il loro QI: derubare i risparmiatori e le vecchiette.

Questa gente con la faccia come il culo ha perso ogni freno inibitore ogni minimo senso del pudore! Vanno fermati adesso prima che sia troppo tardi! Subito!

Non facciamo lo stesso errore che fece Neville Chamberlain con Hitler. Questi cocainomani invertiti delle banche d'affari americane non vogliono ne le pace ne la democrazia e tanto meno il bene comune. Ci vogliono tutti morti. Ricordatevelo!

 

*Eh cara Bindi di comunione e liberazione con società in Nuova Zelanda? Perché invece della patrimoniale non chiedi di introdurre l'ICI per il tuo straricco Vaticano?

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 14:20

La Palombelli fuori tempo massimo per salvare la sua faccia da…signora…

http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/lartiglio-della-palomba-ritorno-dellici-patrimoniale-prelievo-notturno-come-nel-1992-buoni-del-tesoro-31932.htm

“Vorrei vedere in faccia, anche in foto, alcuni personaggi. Vorrei sapere – quando sarò, come tutti gli italiani, più insicura e più tassata – chi ringraziare.”

Poverina… ci vuole far sapere che sarà più insicura e più tassata anche lei (vi rendete conto cosa scrive questa qua?) E non sa chi ringraziare!! Non lo sa!…Forse meglio la lira dice…E gli euro italiani dove se li è inculati il Cicciobello mantenuto di Stato? In qualche isola del caimano?

 

Poi Goldman Sachs Monti (presidente europeo della Commissione Trilaterale, un gruppo di interesse di orientamento neoliberista fondato nel 1973 da David Rockefeller e membro del comitato direttivo del Gruppo Bilderberg):"Stop ai privilegi" "la crescita richieda riforme strutturali", che tolgano "ogni privilegio" alle categorie sociali che ne hanno, cancellando il problema italiano di chi "protegge la propria circoscrizione elettorale".

E quali sarebbero i privilegi?….

Quello di avere un lavoro? O avere un già ipertassato tetto sulla testa * ? Oppure due sudati risparmi?

O invece le pretese da ingordi drogati e pervertiti figli di puttana della Casta a cui lui appartiene?…

Hanno studiato alla Bocconi si sono specializzati all' Università di Yale (e sti cazzi?!) studiando con il Premio Nobel per l'economia James Tobin per applicare l'unica economia che sono riusciti a capire con il loro QI: derubare i risparmiatori e le vecchiette.

Questa gente con la faccia come il culo ha perso ogni freno inibitore ogni minimo senso del pudore! Vanno fermati adesso prima che sia troppo tardi! Subito!

Non facciamo lo stesso errore che fece Neville Chamberlain con Hitler. Questi cocainomani invertiti delle banche d'affari americane non vogliono ne le pace ne la democrazia e tanto meno il bene comune. Ci vogliono tutti morti. Ricordatevelo!

 

*Eh cara Bindi di comunione e liberazione con società in Nuova Zelanda? Perché invece della patrimoniale non chiedi di introdurre l'ICI per il tuo straricco Vaticano?

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 14:37

@20

E chi non può autoproddurre che fa? Muore di fame.

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 14:47

x miau

Inghilterra=city di londra=wallstreet=finanza speculativa
Sono appunto loro che vogliono un'europa divisa o unita e debole questo mi sembra certo.
Non hai capito il mio punto io farei anche l'italia divisa federale il punto non è questo è che si capisce perchè dopo 150 anni sia ancora divisa.
Vedi quello che sta succedendo in europa? L'euro la sta dividendo o unendo?
E se viene unita con + euro mantenendo questa assurda struttura politica e monetaria è una vera unione? o è altro?
Intando oggi sarkoso dice chiaramente che o si fa più europa o si aprirà un duro scontro con la germania lo ha detto lui oggi non io.

le cose stanno accadendo molto velocemente io non riesco a stare dietro a tutto.
E' una scelta che devono fare politicamente.

Giuseppe

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 14:48

Il Pensiero di Monti :  " Riforme contro i privilegi "

essere stato nominato Senatore a Vita  come lo considera un diritto ?

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 14:50

>>Viandante se andrea dice che siamo in 4000 e non te ne frega una cippa >>sloggia con la tua arroganza

era ora !

tutti i giorni a fare il fenomeno, levati dalle palle !!!

ogni volta che vedo un'altra tua esternazione ne scrivo 10 così.

VATTENE !!!!!!!!!!!!!!!

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 14:56

X anonimo n°12

Meno male che ho scritto di non essere fascista in anticipo avevo dimenticato  il nazista in mancanza c'è sempre il comunista eh… sta di fatto che andrea (ed anche tremonti) aveva ragione quando diceva che continuando con questo tipo di politica sarebbero riemersi forti nazionalismi.
Ti do ragione sull'eccesso di post e sulla loro eccessiva lunghezza e chiedo scusa a tutti effettivamente negli ultimi giorni ho scritto un pò troppo.

l'amico mio piccolo piccolo non so chi sia ma comunque spero non si sia offeso.

Stammi bene

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 15:28

Avanti giovani di Casapound! fatevi sentire, sicuramente sarà una protesta colorata ma che non sfocerà in una farsa violenta come a Roma.

L’ emissione della moneta è stata scippata alla comunità nazionale a favore di gruppi privati che

espropriano il bene pubblico con privatizzazioni pilotate, tengono sotto strozzo i cittadini,

distruggono il risparmio, moltiplicano il debito e devastano lo Stato Sociale.

Contro il vampirismo fnanziario e per il ritorno della fnanza al servizio dell’economia reale

proponiamo:

– Sovranità popolare sull’emissione di tutti gli strumenti di pagamento.

– Azzeramento unilaterale del debito pubblico e conseguente modifca dei parametri

previsti dal Trattato di Maastricht, mediante un nuovo Trattato.

– Proprietà statale della Banca d'Italia e controllo governativo della stessa.

– Controllo politico del Consiglio degli Stati membri dell’Unione Europea sulla Banca

Centrale Europea e rotazione annuale tra gli Stati membri dell’incarico di Governatore

della stessa.

– Istituzione di una Banca Nazionale Etica.

– Ritorno allo spirito della Legge Bancaria del 1936, con la separazione tra banche di
 

Scritto il 11 novembre 2011 at 15:35

Io non ho mai vissuto o lavorato all'estero, ma ho sempre lavorato con l'estero ed una idea della percezione che all'estero hanno dell'Italia me ma sono fatta e francamente il bottom line è ampiamente positivo.

Ho lavorato in una multinazionale US come tecnico commerciale.
Facevamo gli Eurepean Sales Meetings dove i grandi capi ragazzini venuti dagli USA con la mascella volitiva dei manager di successo (fatti con lo stampino) arringavano la platea formata da gente mooolto più esperta di loro spiegando come si doveva fare per ottenere la crescita double digit (tutti slogan preconfezionati).
Tedeschi, Francesi, Olandesi, rispondevano compatti come un sol uomo "Signorsissignore" gli Italiani alzavano la mano facevano distinguo spiegavano che forse… ci prendevano per il culo, ci chiamavano Yesbutter, a fine anno il Team Italiano aveva avuto SEMPRE, anno dopo anno,  le performance migliori in Europa, se c'era la crescita crescevamo più degli altri se c'era contrazione tenevamo botta. Ma sia in US che nell' HQ Olandese dicevano che gli Italiani non erano affidabili.
Le aziende US hanno la mania della Business Integrity (chi parla sempre di Integrity è come chi parla sempre di Sesso, vuol dire che sul tema ha dei problemi). Ci sono stati procedimenti e licenziamenti per comportamenti non integerrimi in Germania, Francia, Spagna e Olanda. Nessun caso in Italia, ma solo per l'Italia l'autocertificazione della Business Integrity doveva essere ripetuta ogni anno.

E per oggi mi fermo qui , alla prossima puntata vi racconto cosa succedeva ai corsi per Black Belt Six Sigma  dove gli Italiani corcavano di mettere il buon senso tra gli strumenti della qualita'…

W l' Italia, W i luoghi comuni
 

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 15:39

Eccoli i nazifascisti i ragazzi di casapound!

grazie per il messaggio qui sopra  –  giuseppe

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 15:52

Maurizio Blondèt  :  Effedieffe  dopo Ida Magli altre considerazioni su Napolitano e Monti……

e un solo giornale Inglese il 9  titola : la democrazia è Morta !

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 16:00

Da Arianna Editrice

L'Ordine Economico Naturale
Il trattato standard dell'Economia Libera

Silvio Gesell   
 

 

Nel lontano 1875 Lord Acton (1834-1902), allora Presidente della Corte Suprema del Regno Unito, ebbe a dire: “Il problema che si perpetua attravero i secoli e che prima o poi va affrontato, è lo scontro del Popolo contro le Banche”.
Come intuizione profetica non c’è che dire. Ma non fu possibile capirla fino alla pubblicazione, nel 1906, del classico di economia che il lettore ha qui davanti agli occhi in versione italiana.

Il maestro di “economia pura” che fu Maffeo Pantaleoni (1857-1924) diceva ai suoi studenti: “Quello che è difficile non è sapere economia, è capirla”! Già, ma non senza aver letto Gesell. Perchè quel che il lettore troverà ne L’Ordine Economico Naturale sono le due chiavi che gli economisti “ortodossi” si ostinano a non far girare nella serratura dello scibile: la questione fondiaria e quella monetaria.

Chi ha letto Gesell assiste oggi, impotente, all’epilogo di una storia di errori, economici e politici, che avrebbe preso tutt’altra svolta ad aver dato retta al Nostro. E contempla, attonito, il putiferio attorno all’Euro tra 17 paesi che o non sanno, o non vogliono, applicare la soluzione dell’Unione Monetaria Latina tra Francia, Italia, Belgio, Svizzera e Grecia tra il 1865 e il 1915, e che la guerra cosiddetta “Grande” mandò a gambe all’aria.

Come funzionò quell’Unione Gesell lo descrive in questo libro. Il lettore di Gesell appassionato di storia è in condizioni di riflettere, sia qual sia il periodo e la geografia di quello che legge, su come le istituzioni di Terra affrancata da rendita e Moneta affrancata da usura avrebbero risolto qualunque questione economica senza difficoltà e soprattutto senza spargimento di sangue.

Il detto vale solo per chi apprezza cosa vuol dire vivere di lavoro e non di rendita e interesse. Chi vive di queste due istituzioni non apprezzerà le argomentazioni di Gesell. Le quali, irrefutabili come sono, attraeranno le sue ire sotto forma di epiteti e di giudizi ad hominem come “quel matto che di economia non capiva niente” e simili. Come tutti i classici, Gesell si fa leggere e rileggere con piacere

Carpe Diem

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 16:12

ma perchè e la prendete con Compasso e Viandante che sono le uniche persone qui dentro che hanno qualcosa di concreto, originale e critico da dire ?..
nn è che si soffre di gelosia infantile ?
M

P.s. io li leggo sempre volentieri

Scritto il 11 novembre 2011 at 16:21

ora siamo proprio fregati del tutto.  ci mettono mario monti e amato a distruggere del tutto l'italia.  con l'avallo del 90 enne napolitano.  quello che pensa sempre ai giovani.  gente senza sentimento pensa solo al potere.

guardate cosa han detto da santoro su mario monti.  chi gli sta dietro.  cioè goldman sachs.  i padroni del mondo.  la banca sionista più ladra e avida del mondo.  qui.  http://www.youtube.com/watch?v=lW-HKXaEfl8

andate al minuto  1h  e 19 min.  vedete un pò.  lo hanno detto dappertutto.  

o ci rifiutiamo di pagare il debito che han fatto i banchieri,  oppure accettiamo che noi e i nostri figli siano messi a 90 gradi x sempre.  pagare pagare pagare x mantenere i privilegi dei bachieri.  che sono incommensurabilmente più grandi di quelli dei politi.  che sono solo delle mezze seghe.  

by  DORF

Scritto il 11 novembre 2011 at 16:21

ora siamo proprio fregati del tutto.  ci mettono mario monti e amato a distruggere del tutto l'italia.  con l'avallo del 90 enne napolitano.  quello che pensa sempre ai giovani.  gente senza sentimento pensa solo al potere.

guardate cosa han detto da santoro su mario monti.  chi gli sta dietro.  cioè goldman sachs.  i padroni del mondo.  la banca sionista più ladra e avida del mondo.  qui.  http://www.youtube.com/watch?v=lW-HKXaEfl8

andate al minuto  1h  e 19 min.  vedete un pò.  lo hanno detto dappertutto.  

o ci rifiutiamo di pagare il debito che han fatto i banchieri,  oppure accettiamo che noi e i nostri figli siano messi a 90 gradi x sempre.  pagare pagare pagare x mantenere i privilegi dei bachieri.  che sono incommensurabilmente più grandi di quelli dei politi.  che sono solo delle mezze seghe.  

by  DORF

Scritto il 11 novembre 2011 at 16:21

ora siamo proprio fregati del tutto.  ci mettono mario monti e amato a distruggere del tutto l'italia.  con l'avallo del 90 enne napolitano.  quello che pensa sempre ai giovani.  gente senza sentimento pensa solo al potere.

guardate cosa han detto da santoro su mario monti.  chi gli sta dietro.  cioè goldman sachs.  i padroni del mondo.  la banca sionista più ladra e avida del mondo.  qui.  http://www.youtube.com/watch?v=lW-HKXaEfl8

andate al minuto  1h  e 19 min.  vedete un pò.  lo hanno detto dappertutto.  

o ci rifiutiamo di pagare il debito che han fatto i banchieri,  oppure accettiamo che noi e i nostri figli siano messi a 90 gradi x sempre.  pagare pagare pagare x mantenere i privilegi dei bachieri.  che sono incommensurabilmente più grandi di quelli dei politi.  che sono solo delle mezze seghe.  

by  DORF

Scritto il 11 novembre 2011 at 16:21

ora siamo proprio fregati del tutto.  ci mettono mario monti e amato a distruggere del tutto l'italia.  con l'avallo del 90 enne napolitano.  quello che pensa sempre ai giovani.  gente senza sentimento pensa solo al potere.

guardate cosa han detto da santoro su mario monti.  chi gli sta dietro.  cioè goldman sachs.  i padroni del mondo.  la banca sionista più ladra e avida del mondo.  qui.  http://www.youtube.com/watch?v=lW-HKXaEfl8

andate al minuto  1h  e 19 min.  vedete un pò.  lo hanno detto dappertutto.  

o ci rifiutiamo di pagare il debito che han fatto i banchieri,  oppure accettiamo che noi e i nostri figli siano messi a 90 gradi x sempre.  pagare pagare pagare x mantenere i privilegi dei bachieri.  che sono incommensurabilmente più grandi di quelli dei politi.  che sono solo delle mezze seghe.  

by  DORF

Scritto il 11 novembre 2011 at 16:29

Le critiche all'Italia ed all'Italianità non hanno per la verità nulla di particolarmente ORIGINALE, sono in gran parte vere e sono diventate per larga parte dei luoghi comuni.

Scritto il 11 novembre 2011 at 16:31

bene ora siamo fottuti.  con un governo mario monti e amato bini smaghi e company.  con l'avallo del 90enne napolitano.  quello che vuole tanto bene ai giovani. ed è per questo che ci vende il paese ai banchieri.  ma che grande cuore  hanno sti vecchi.

avete visto la trasmissione di santoro?  cosa dicono chi è veramnnte mario monti?  ne hanno parlato dappertutto.  qui.  http://www.youtube.com/watch?v=JSTuAwFCLUI&feature=player_embedded al minuo 1h e 19 min.

tutti dati reali veri!  pescati da documenti ufficilai.  che i giornali corriere e repubblica si rifutiano di dire.  
è stata goldman sachs  padrona di mario monti, e prodi e darghi, ad ordinare di distruggere il governo sia italiano che greco, in contemporanea.  volutamente!!!    

che facciamo?  come pceroni continuiamo a dire signorsi'?   e cosa diciamo ai nostri figli?  che li spelleranno vivi x una vita?  gli daranno una paga da cinesi?  sempre SE gli danno un lavoro?  sempre dire si si si si????   

vedete voi.  non so più che dire!!!!

by  DORF

Scritto il 11 novembre 2011 at 16:31

bene ora siamo fottuti.  con un governo mario monti e amato bini smaghi e company.  con l'avallo del 90enne napolitano.  quello che vuole tanto bene ai giovani. ed è per questo che ci vende il paese ai banchieri.  ma che grande cuore  hanno sti vecchi.

avete visto la trasmissione di santoro?  cosa dicono chi è veramnnte mario monti?  ne hanno parlato dappertutto.  qui.  http://www.youtube.com/watch?v=JSTuAwFCLUI&feature=player_embedded al minuo 1h e 19 min.

tutti dati reali veri!  pescati da documenti ufficilai.  che i giornali corriere e repubblica si rifutiano di dire.  
è stata goldman sachs  padrona di mario monti, e prodi e darghi, ad ordinare di distruggere il governo sia italiano che greco, in contemporanea.  volutamente!!!    

che facciamo?  come pceroni continuiamo a dire signorsi'?   e cosa diciamo ai nostri figli?  che li spelleranno vivi x una vita?  gli daranno una paga da cinesi?  sempre SE gli danno un lavoro?  sempre dire si si si si????   

vedete voi.  non so più che dire!!!!

by  DORF

Scritto il 11 novembre 2011 at 16:31

bene ora siamo fottuti.  con un governo mario monti e amato bini smaghi e company.  con l'avallo del 90enne napolitano.  quello che vuole tanto bene ai giovani. ed è per questo che ci vende il paese ai banchieri.  ma che grande cuore  hanno sti vecchi.

avete visto la trasmissione di santoro?  cosa dicono chi è veramnnte mario monti?  ne hanno parlato dappertutto.  qui.  http://www.youtube.com/watch?v=JSTuAwFCLUI&feature=player_embedded al minuo 1h e 19 min.

tutti dati reali veri!  pescati da documenti ufficilai.  che i giornali corriere e repubblica si rifutiano di dire.  
è stata goldman sachs  padrona di mario monti, e prodi e darghi, ad ordinare di distruggere il governo sia italiano che greco, in contemporanea.  volutamente!!!    

che facciamo?  come pceroni continuiamo a dire signorsi'?   e cosa diciamo ai nostri figli?  che li spelleranno vivi x una vita?  gli daranno una paga da cinesi?  sempre SE gli danno un lavoro?  sempre dire si si si si????   

vedete voi.  non so più che dire!!!!

by  DORF

Scritto il 11 novembre 2011 at 16:31

bene ora siamo fottuti.  con un governo mario monti e amato bini smaghi e company.  con l'avallo del 90enne napolitano.  quello che vuole tanto bene ai giovani. ed è per questo che ci vende il paese ai banchieri.  ma che grande cuore  hanno sti vecchi.

avete visto la trasmissione di santoro?  cosa dicono chi è veramnnte mario monti?  ne hanno parlato dappertutto.  qui.  http://www.youtube.com/watch?v=JSTuAwFCLUI&feature=player_embedded al minuo 1h e 19 min.

tutti dati reali veri!  pescati da documenti ufficilai.  che i giornali corriere e repubblica si rifutiano di dire.  
è stata goldman sachs  padrona di mario monti, e prodi e darghi, ad ordinare di distruggere il governo sia italiano che greco, in contemporanea.  volutamente!!!    

che facciamo?  come pceroni continuiamo a dire signorsi'?   e cosa diciamo ai nostri figli?  che li spelleranno vivi x una vita?  gli daranno una paga da cinesi?  sempre SE gli danno un lavoro?  sempre dire si si si si????   

vedete voi.  non so più che dire!!!!

by  DORF

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 17:00

29 non sai neanche leggere…. ti riferisci a questo immagino….

"Andrea dice che siamo 4000, 1 su un tot, ma chissenefrega, la salvezza non è nei popoli che sono masse indistinte che seguono le maree, ma nei singoli che uno per volta acquistano consapevolezza."

si legge così: NON CONTA IN QUANTI si è SE SI HA RAGIONE o almeno una buona parte di ragione, al limite anche 1 solo è ok. Il popolo non ha ragione in quanto popolo, ne ha se è informato correttamente e allora prende la decisione giusta altrimenti è solo un branco che corre dietro al potente di turno.

…. ma tu, caro il mio anonimo, non ci arriverai mai a capirlo perchè fai parte di quel tipo di branco 

viandante 

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 17:16

Marinai di acqua dolce e di aqua salata,
l'ora delle gravi decisioni è arrivata.

Tenere botta o vendere sul rimbalzo della notizia?

Ho l'impressione che questi banchieri stiano preparando
una grande trappola.

Questa trappola, per chi bazzica da qualche anno sulle
onde dei mercati, consiste in questo:

I mercati hanno necessità di scendere a quote più ragionevoli,
per cui se nella discesa ci si accorge che l'accelerazione
aumenta, che si fa? si frena.

Per farli tornare un po' su, cosa si fà?

Si invoca, come nelle società quotate che hanno qualche
problema di bilancio, l'arrivo di un Cavaliere Bianco, pronto
a salvarla, per cui i corsi risalgono, e chi sa effettivamente
come sono messi i conti, cosa fa?
VENDE, perchè sa che tra non molto, un mese, due, tre
quella carta che ha in mano non varrà più NULLA.

Scrivo questo, perchè in passato sono stato vittima
dell'operazione Industrie Secco, società quotata alla Borsa
Italiana, per cui chi non dimentica, ed io non ho ancora
dimenticato, all'arrivo dei COSIDDETTI CAVALIERI BIANCHI
si insospettisce.

Operazione Secco anno di malagrazia …1993.

 
 

Scritto il 11 novembre 2011 at 17:26

fantastico. ecco ora monti, ore 17 circa di 11 novemvre 2011 è entrato alle camere.  schifani gli dà la carica di senatore a vita x grandi meriti.   ???  quali???

tutti lo abbracciano.  la bonino (bildeberg pure lei).  la finocchiaro. un lungo abbraccio con il mostro dini.  uno che prende 40.000 euro al mese.  insieme al topo amato che ne prende "solo" 20.000-  ora scatta da napolitano.  ehh ha da fare.  mettrà con lui bini smaghi, siniscalco, amato a ltri vecchiacci maledetti.  

bersani che cerca di leccare il culo agli alleati.  no dai vendola stai con noi.  dai di pietro vota si!  è x il pene del paese.   eehh si certo!

casini, er mejo.    parole sue testuali.    monti può fare tutto quello che  vuole.  capito mò?  casini uomo dell'opus dei.  massoneria bianca, roba da preti.  amico del palazzinaro distruttore di territori caltagirone. 

ehh si ragazzi.  siamo in buone mani.  

o facciamo come argentina e islanda o ci spolpano vivi.  

sempre se ci interessa salvare i nostri figli.

DORF

Scritto il 11 novembre 2011 at 17:48

Dorf,

ma se l'Italia è il paese con l'evasione fiscale più alta in Europa DOPO LA GRECIA è colpa di G&S, dei massoni bianco/neri, degli ebrei, dei cavalieri templari, o di chi altro.

E' bene per i nostri figli continuare così?
E' bene per i nostri figli che al pubblica amministrazione continui a dare uno stipendio a centinaia di migliaia di persone che non hanno nulla da fare e sono stati assunti per fare un favore politico a qualcuno?
Forse vuoi sistemare i tuoi figli in questo modo?
E' bene per i nostri figli avere un quadro normativo che mette in talmente in difficoltà le aziende in caso di ristrutturazione da farle desistere dalla crescita o le portano ad assumete solo a tempo determinato quando poi una azienda come la Whirlpool ti annuncia dalla sera alla mattina 600 licenziamenti in uno stabilimento e non c'è chi possa impedirlo?
E' bene per i nostri figli continuare ad avere servizi pubblici locali scadenti e costosissimi dove mangiano i politici , gli amministratori, i sindacati e perfino i lavoratori ?

La malapolitica da 50 anni a questa parte ha fatto degli Italiani una massa di Clientes così tutti pensano che da una modernizzazione del paese ci sia da perdere. Berlusconi ha elevato la clientela a sistema politico assoluto creando il Primo partito di proprietà privata.
Come vedete uscendo di scena il pagatore non sono d'accordo neanche su che tempo fa.

Caro Dorf ,
Che cosa stai cercando di difendere ?

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 17:53

Grande Capitano, fai bene a far suonare un pò la SVEGLIA.

Rabbia e Coraggio, di questo ha bisogno questo paese.

I'm Arriving…

Liverpool

Scritto il 11 novembre 2011 at 18:04

Vediamo di riportare la discussione entro termini civili abbassando i toni! GrazieAndrea

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 18:04

IlCuculo69 perchè se lo scrico io mi mandano a fare in c… e tu no ?

Chiaro breve esaustivo il tuo post. Chi è causa del suo mal pianga se stesso diceva mia nonna….

viandante

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 18:08

Tu cuculo vivi proprio sugli alberi…
Ma veramente credi che con la cura Monti tutto quello che dici che dovrebbe in effetti essere fatto, verrà fatto?
Ma quanti anni hai?…
Modernizzazione del Paese da parte di uno che ha dormito sulla “cadrega” di una cattedra, pagata da altri, per anni?…Un buono a nulla ma capace di tutto descritto alla perfezione da Ida Magli in questo articolo?

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=9313

Ma fai il piacere va. O sei un povero illuso o sei in malafede.
TU invece cosa stai cercando di difendere?

Il nido che hai occupato abusivamente scambiandoti per un altro?

 

Comunque…

Finché si trattava di salvare le banche Tedesche e Francesi la BCE nel 2008 aveva i soldi da stampare:

 

http://www.movisol.org/11news008.htm

 

Invece oggi per comprare BOT e BTP NO! I soldi , la BCE del GS Draghi (della stessa banda bassotti di Monti), non li ha. Guarda un po'…

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 18:08

Tu cuculo vivi proprio sugli alberi…
Ma veramente credi che con la cura Monti tutto quello che dici che dovrebbe in effetti essere fatto, verrà fatto?
Ma quanti anni hai?…
Modernizzazione del Paese da parte di uno che ha dormito sulla “cadrega” di una cattedra, pagata da altri, per anni?…Un buono a nulla ma capace di tutto descritto alla perfezione da Ida Magli in questo articolo?

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=9313

Ma fai il piacere va. O sei un povero illuso o sei in malafede.
TU invece cosa stai cercando di difendere?

Il nido che hai occupato abusivamente scambiandoti per un altro?

 

Comunque…

Finché si trattava di salvare le banche Tedesche e Francesi la BCE nel 2008 aveva i soldi da stampare:

 

http://www.movisol.org/11news008.htm

 

Invece oggi per comprare BOT e BTP NO! I soldi , la BCE del GS Draghi (della stessa banda bassotti di Monti), non li ha. Guarda un po'…

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 18:08

Tu cuculo vivi proprio sugli alberi…
Ma veramente credi che con la cura Monti tutto quello che dici che dovrebbe in effetti essere fatto, verrà fatto?
Ma quanti anni hai?…
Modernizzazione del Paese da parte di uno che ha dormito sulla “cadrega” di una cattedra, pagata da altri, per anni?…Un buono a nulla ma capace di tutto descritto alla perfezione da Ida Magli in questo articolo?

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=9313

Ma fai il piacere va. O sei un povero illuso o sei in malafede.
TU invece cosa stai cercando di difendere?

Il nido che hai occupato abusivamente scambiandoti per un altro?

 

Comunque…

Finché si trattava di salvare le banche Tedesche e Francesi la BCE nel 2008 aveva i soldi da stampare:

 

http://www.movisol.org/11news008.htm

 

Invece oggi per comprare BOT e BTP NO! I soldi , la BCE del GS Draghi (della stessa banda bassotti di Monti), non li ha. Guarda un po'…

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 18:08

Tu cuculo vivi proprio sugli alberi…
Ma veramente credi che con la cura Monti tutto quello che dici che dovrebbe in effetti essere fatto, verrà fatto?
Ma quanti anni hai?…
Modernizzazione del Paese da parte di uno che ha dormito sulla “cadrega” di una cattedra, pagata da altri, per anni?…Un buono a nulla ma capace di tutto descritto alla perfezione da Ida Magli in questo articolo?

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=9313

Ma fai il piacere va. O sei un povero illuso o sei in malafede.
TU invece cosa stai cercando di difendere?

Il nido che hai occupato abusivamente scambiandoti per un altro?

 

Comunque…

Finché si trattava di salvare le banche Tedesche e Francesi la BCE nel 2008 aveva i soldi da stampare:

 

http://www.movisol.org/11news008.htm

 

Invece oggi per comprare BOT e BTP NO! I soldi , la BCE del GS Draghi (della stessa banda bassotti di Monti), non li ha. Guarda un po'…

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 18:18

@ 43……..
bravo cuculo 69
disanima perfetta…
ora ti quoto fra i migliori ;-) M

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 18:23

@ 43
e bravo Cuculo 69..
disanima perfetta,
adesso ti quoto tra i più validi
bisogna dirle le cose come stanno
M

Scritto il 11 novembre 2011 at 19:15

A leggere ultimamente sembra che gli esterofili e gli stranieri abbiano ragione sembra di stare tra un popolo di rinnegati vigliacchi egocentrici e illuminati paranoici! Forse non hanno tutti i torti non serve neppure il cavallo di Troia per conquistare questo Paese! Per il resto senza far nomi andate a farvi un giretto in coperta e senon sapere cosa fare buttatevi a mare che questo e’ un veliero pieno di giovani che hanno bisogno di Speranza e non di vecchi disillusi!

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 19:47

io sono di sinistra ma il cuculo ha ragione. non si può andare avanti così.
sarebbe tempo di ristrutturare e ci sono altri modi, più saggi e anche più efficaci, di fare welfare. guardate al nord europa.

@giuseppe

dici bene. siamo a un bivio. da una parte la scalinata che porta, gradino per volta, alla vera integrazione europea dall'altra la catastrofica disgregazione. più che sperare nelle capacità dei leaders (non c'è nessuna figura con quelle caratteristiche all'orizzonte e tutte le figure stentano a pensare europeo), spero nel fatto che i politici europei ci siano costretti a certe scelte.

miau

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 19:58

Scricchiola l'Austra
Scricchiola l'Austria. Dopo la Francia sul mercato dei titoli di stato arrivano segnali di tensione anche da un altro Paese i cui titoli, per ora, beneficiano della massima valutazione, la tripla A. È infatti salito a livelli record nell'era dell'euro anche il premio di rischio chiesto dagli investitori per i bond emessi da Vienna. E i forti flussi di vendita registrati oggi hanno indotto il ministero delle Finanze austriaco a insistere che il rating dello stato non è a rischio. E le cifre convalidano tali timori: il rendimento sui buoni decennali austriaci è aumentato almeno 42 punti base dall'inizio della settimana, toccando oggi il 3,44% con uno spread rispetto ai titoli tedeschi che si è oramai ampliato a 165 punti base.

http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2011-11-11/borsa-tokyo-europa-wall-street-11-nov-083231.shtml?uuid=AaJIlbKE

Ora cominciano a ballare gli altri… resterà solo una highlander??? O tutti col sedere per terra? :Dg

juse
cagliari

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 20:19

Montecristo:

La   cosa   che  mi   fa   rimanere   sconcertato   nel   casino   di   questi   giorni  è  l'assenza   di  Tremonti,ma   dov'è   finito  non   riesco  a   capire   proprio   il   suo   silenzio  preoccupante.Non  una   dichiarazione,un  commento ,   è  come   se   si  fosse   dissolto  nel   nulla.

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 21:00

ITALIA : DITTATURA PERFETTA.

Il governo e il parlamento non possono più decidere nulla di nulla su questioni di politica sociale (lavoro, pensioni, stipendi, licenziamenti ecc eccc ….. ossia quello che veramente interessa la gente), tutto sarà deciso dalla Troika (BCE, FMI, UE).

Il Presidente della Repubblica e i partiti si inchinino subito alla Finanza, facciano spazio e approvino subito a larga maggioranza un governo gradito alla Troika affinché possa fare facilmente e senza discussioni ciò che per la Finanza è bene. (Napolitano ovviamente ha subito acconsentito, lui ha sempre amato i poteri forti, da Craxi alla BCE).

I cittadini stiano zitti, altrimenti togliamo loro lavoro, stipendi, pensioni e risparmi.

Le elezioni si terranno solo quando la macelleria sociale a favore della Finanza sarà terminata e le elezioni non serviranno a decidere più un ……

Chiunque si ribella a questa dittatura perfetta sarà chiamato : complottista, irresponsabile, suicida, nemico della Patria, amante dello spread…. e chi più ne ha più ne metta.

Il nuovo motto della Finanza : CREDERE – OBBEDIRE – SOFFRIRE.
Se questa non è dittatura ditemi voi cos’è.

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 21:16

Caro Andrea ormai ben presto verranno sconfessati quei 4 buffoni che davano l'Italia per fallita, per i quali tutti gli esempi sono fuori dal nostro paese e tutti i mali sono dentro al nostro paese, per veder ingrossare il loro portafoglio. Anche se alla fine il grande complotto aveva un obbiettivo ben preciso, lo si è visto e lo si vedrà. Oggi un amico comune mi faceva notare come Amato, si il signore che ci "salvò" nel '92, che prende circa 31 mila euro di pensioni cumulate, sia oggi un vicepresidente esecutivo di Deutsche Bank, che meraviglia. Ricordiamo che Draghi dal '93 fu presidente del comitato privattizzazioni in Italia. Ma sono solo coincidenze tutte coincidenze.Per fortuna sul tuo veliero, che prima o poi approderà in un porto sicuro carico di tesori umani raccolti nel corso del lungo viaggio, si respira sempre un pò d'aria pura, la brezza marina spazza sempre l'aria malsana, e i venti gonfiano sempre più le vele verso nuovi mondi, mondi possibili, mondi alternativi. 

Il Fringuello

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 21:41

@Cuculo 69

Sei forte ! 
Gli Americani sono forti come gruppo, come i Giapponesi, come i Tedeschi.

Noi invece riusciamo come individui. è sempre stato così . La Colpa ? La Causa ? Domino della Chiesa Cattolica ! 

La Repubblica di San Marco, la copia sell'Impero Romano, e dopo fu copiata dall'Impero Inglese.  i mari, chi controlla i mari controlla il Pianeta.

Ora con i satelliti, sommergibili nucleari è un'altra cosa.

Non hai mai pensato di passare dalla parte dei cinesi ?  Finchè dura la Pace.

Giobbe 8871

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 21:52

… sapete Noi fiorentini veniamo frequentemente definiti :

polemici , bottegai , introversi , classisti , superiori , schernitori etc.

ma anche artisti , esterofili , colti , ironici , simpatici , etc..

ma quali  .azzo di cose state scrivendo.,.la( c ) a noi manca , siamo solo 4000 e già siete alle confusioni personali ; dobbiamo essere entusiasti di scrivere e leggere i ns. pensieri su questo blog , ospitati  e supportati da una guida onesta corretta e professionale ..

.. è evidente che ogni cervello pensante formuli considerazioni differenti , ma qualità stile educazione , devono rimanere il ns. denominatore comune.
Molti di Noi dedicano parte del loro tempo a questo sito , con opinioni non sempre  condivisibili ma sicuramente contributive .
Alcuni scriveranno troppo , altri troppo poco , moltissimi leggono soltanto… ma se volete davvero fare suonare le campane fuori dalla piccola chiesa , dobbiamo rimanere differenti nelle idee ma comuni nello spirito … i tocchi ironici sono necessari , non solo in questi blog ma nella vita…
..invidiando Quelli di Trento.. sono felice di leggere Voi tutti…

                                  FIORENTINO DISPETTOSO

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 22:01

Questo è un estratto di un articolo di Nouriel Roubino datato, si badi bene, 28 GENNAIO 2006…. penso che in tanti abbiano davvero dormito in questi anni, tanti davvero. Di questo articolo ne parlai mentre facevo il dottorato con il mio professore di allora che mi disse "sì è penso che finirà così". L'autore di questo blog, che pure è stato corretto in diversi altri punti a sua volta non ne hai mai parlato preferendo concentrarsi sulle presunte virtù del paese e citando Roubini solo quando le tesi dell'ecomista erano in linea con gli editoriali del blog.

———

…And unfortunately, the lack of serious economic reforms in Italy implies that there is a growing risk that Italy may end up like Argentina. This is not a foregone conclusion but, if Italy does not reform, an exit from EMU within 5 years is not totally unlikely. Indeed, like Argentina, Italy faces a growing competitiveness loss given an increasingly overvalued currency and the risk of falling exports and growing current account deficit. The growth slowdown will make the public deficit and debt worse and potentially unsustainable over time. And if a devaluation cannot be used to reduce real wages, the real exchange rate overvaluation will be undone via a slow and painful process of wage and price deflation. But such deflation will keep real rates high and exacerbate the growth and fiscal crisis. Without necessary reforms, eventually this vicious circle of stagdeflation would force Italy to exit EMU, return to the Lira and default on its Euro debts. Some argue that Italy or other EMU laggards would not exit EMU because a  sharp devaluation of the new Lira  – needed to regain the lost competitiveness – would make the real value Euro debt much higher and unsustainable for the  government, the private sector and households. But look at what happened to Argentina: it devalued and given the balance sheet effects of the depreciation on their US debts it was forced to pesify its dollar debts. Similarly, Italy would be forced to liralize its Euro debts. If Italy were to exit EMU this effective default on domestic and external – public and private – Euro debt obligation would become unavoidable. And a sovereign nation is able to follow such policies – EMU exit, return to national currency and effective default on Euro debt – regardless of any legal or formal constraints that the EMU treaty imposes in terms of no exit clauses. This is not science fiction as Argentina was forced to do the same.

What would be the systemic effect of such Italian exit from EMU? They would be extremely severe on EU capital markets as Italy would default on some of its external debt – the part of its Euro debts held by non-residents. The contagion effects to other EU capital markets and banks would be severe.  And the no bailout rule of the ECB would become effectively threatened as the ECB would be forced to monetize both liquidity and solvency induced runs to avoid a systemic effect on EU financial markets.

In conclusion, my view is that EMU can work and has worked for the Eurozone countries that have reformed and are reforming.  But, unless Italy and other Eurozone laggards change their policies to pursue serious economic reforms that restore competitiveness and growth, they will eventually be forced to exit EMU. This would be a disaster but a disaster that may become unavoidable unless policies change. And I am currently pessimistic about the chances that such changes may occur given the policy makers and policies currently in place in countries like Italy.”

link completo

http://www.economonitor.com/nouriel/2006/01/28/italys-tremontis-temper-tantrums-on-emu-in-davosa-sad-embarrassing-episode-for-italy/

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 22:01

Questo è un estratto di un articolo di Nouriel Roubino datato, si badi bene, 28 GENNAIO 2006…. penso che in tanti abbiano davvero dormito in questi anni, tanti davvero. Di questo articolo ne parlai mentre facevo il dottorato con il mio professore di allora che mi disse "sì è penso che finirà così". L'autore di questo blog, che pure è stato corretto in diversi altri punti a sua volta non ne hai mai parlato preferendo concentrarsi sulle presunte virtù del paese e citando Roubini solo quando le tesi dell'ecomista erano in linea con gli editoriali del blog.

———

…And unfortunately, the lack of serious economic reforms in Italy implies that there is a growing risk that Italy may end up like Argentina. This is not a foregone conclusion but, if Italy does not reform, an exit from EMU within 5 years is not totally unlikely. Indeed, like Argentina, Italy faces a growing competitiveness loss given an increasingly overvalued currency and the risk of falling exports and growing current account deficit. The growth slowdown will make the public deficit and debt worse and potentially unsustainable over time. And if a devaluation cannot be used to reduce real wages, the real exchange rate overvaluation will be undone via a slow and painful process of wage and price deflation. But such deflation will keep real rates high and exacerbate the growth and fiscal crisis. Without necessary reforms, eventually this vicious circle of stagdeflation would force Italy to exit EMU, return to the Lira and default on its Euro debts. Some argue that Italy or other EMU laggards would not exit EMU because a  sharp devaluation of the new Lira  – needed to regain the lost competitiveness – would make the real value Euro debt much higher and unsustainable for the  government, the private sector and households. But look at what happened to Argentina: it devalued and given the balance sheet effects of the depreciation on their US debts it was forced to pesify its dollar debts. Similarly, Italy would be forced to liralize its Euro debts. If Italy were to exit EMU this effective default on domestic and external – public and private – Euro debt obligation would become unavoidable. And a sovereign nation is able to follow such policies – EMU exit, return to national currency and effective default on Euro debt – regardless of any legal or formal constraints that the EMU treaty imposes in terms of no exit clauses. This is not science fiction as Argentina was forced to do the same.

What would be the systemic effect of such Italian exit from EMU? They would be extremely severe on EU capital markets as Italy would default on some of its external debt – the part of its Euro debts held by non-residents. The contagion effects to other EU capital markets and banks would be severe.  And the no bailout rule of the ECB would become effectively threatened as the ECB would be forced to monetize both liquidity and solvency induced runs to avoid a systemic effect on EU financial markets.

In conclusion, my view is that EMU can work and has worked for the Eurozone countries that have reformed and are reforming.  But, unless Italy and other Eurozone laggards change their policies to pursue serious economic reforms that restore competitiveness and growth, they will eventually be forced to exit EMU. This would be a disaster but a disaster that may become unavoidable unless policies change. And I am currently pessimistic about the chances that such changes may occur given the policy makers and policies currently in place in countries like Italy.”

link completo

http://www.economonitor.com/nouriel/2006/01/28/italys-tremontis-temper-tantrums-on-emu-in-davosa-sad-embarrassing-episode-for-italy/

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 22:01

Questo è un estratto di un articolo di Nouriel Roubino datato, si badi bene, 28 GENNAIO 2006…. penso che in tanti abbiano davvero dormito in questi anni, tanti davvero. Di questo articolo ne parlai mentre facevo il dottorato con il mio professore di allora che mi disse "sì è penso che finirà così". L'autore di questo blog, che pure è stato corretto in diversi altri punti a sua volta non ne hai mai parlato preferendo concentrarsi sulle presunte virtù del paese e citando Roubini solo quando le tesi dell'ecomista erano in linea con gli editoriali del blog.

———

…And unfortunately, the lack of serious economic reforms in Italy implies that there is a growing risk that Italy may end up like Argentina. This is not a foregone conclusion but, if Italy does not reform, an exit from EMU within 5 years is not totally unlikely. Indeed, like Argentina, Italy faces a growing competitiveness loss given an increasingly overvalued currency and the risk of falling exports and growing current account deficit. The growth slowdown will make the public deficit and debt worse and potentially unsustainable over time. And if a devaluation cannot be used to reduce real wages, the real exchange rate overvaluation will be undone via a slow and painful process of wage and price deflation. But such deflation will keep real rates high and exacerbate the growth and fiscal crisis. Without necessary reforms, eventually this vicious circle of stagdeflation would force Italy to exit EMU, return to the Lira and default on its Euro debts. Some argue that Italy or other EMU laggards would not exit EMU because a  sharp devaluation of the new Lira  – needed to regain the lost competitiveness – would make the real value Euro debt much higher and unsustainable for the  government, the private sector and households. But look at what happened to Argentina: it devalued and given the balance sheet effects of the depreciation on their US debts it was forced to pesify its dollar debts. Similarly, Italy would be forced to liralize its Euro debts. If Italy were to exit EMU this effective default on domestic and external – public and private – Euro debt obligation would become unavoidable. And a sovereign nation is able to follow such policies – EMU exit, return to national currency and effective default on Euro debt – regardless of any legal or formal constraints that the EMU treaty imposes in terms of no exit clauses. This is not science fiction as Argentina was forced to do the same.

What would be the systemic effect of such Italian exit from EMU? They would be extremely severe on EU capital markets as Italy would default on some of its external debt – the part of its Euro debts held by non-residents. The contagion effects to other EU capital markets and banks would be severe.  And the no bailout rule of the ECB would become effectively threatened as the ECB would be forced to monetize both liquidity and solvency induced runs to avoid a systemic effect on EU financial markets.

In conclusion, my view is that EMU can work and has worked for the Eurozone countries that have reformed and are reforming.  But, unless Italy and other Eurozone laggards change their policies to pursue serious economic reforms that restore competitiveness and growth, they will eventually be forced to exit EMU. This would be a disaster but a disaster that may become unavoidable unless policies change. And I am currently pessimistic about the chances that such changes may occur given the policy makers and policies currently in place in countries like Italy.”

link completo

http://www.economonitor.com/nouriel/2006/01/28/italys-tremontis-temper-tantrums-on-emu-in-davosa-sad-embarrassing-episode-for-italy/

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 22:01

Questo è un estratto di un articolo di Nouriel Roubino datato, si badi bene, 28 GENNAIO 2006…. penso che in tanti abbiano davvero dormito in questi anni, tanti davvero. Di questo articolo ne parlai mentre facevo il dottorato con il mio professore di allora che mi disse "sì è penso che finirà così". L'autore di questo blog, che pure è stato corretto in diversi altri punti a sua volta non ne hai mai parlato preferendo concentrarsi sulle presunte virtù del paese e citando Roubini solo quando le tesi dell'ecomista erano in linea con gli editoriali del blog.

———

…And unfortunately, the lack of serious economic reforms in Italy implies that there is a growing risk that Italy may end up like Argentina. This is not a foregone conclusion but, if Italy does not reform, an exit from EMU within 5 years is not totally unlikely. Indeed, like Argentina, Italy faces a growing competitiveness loss given an increasingly overvalued currency and the risk of falling exports and growing current account deficit. The growth slowdown will make the public deficit and debt worse and potentially unsustainable over time. And if a devaluation cannot be used to reduce real wages, the real exchange rate overvaluation will be undone via a slow and painful process of wage and price deflation. But such deflation will keep real rates high and exacerbate the growth and fiscal crisis. Without necessary reforms, eventually this vicious circle of stagdeflation would force Italy to exit EMU, return to the Lira and default on its Euro debts. Some argue that Italy or other EMU laggards would not exit EMU because a  sharp devaluation of the new Lira  – needed to regain the lost competitiveness – would make the real value Euro debt much higher and unsustainable for the  government, the private sector and households. But look at what happened to Argentina: it devalued and given the balance sheet effects of the depreciation on their US debts it was forced to pesify its dollar debts. Similarly, Italy would be forced to liralize its Euro debts. If Italy were to exit EMU this effective default on domestic and external – public and private – Euro debt obligation would become unavoidable. And a sovereign nation is able to follow such policies – EMU exit, return to national currency and effective default on Euro debt – regardless of any legal or formal constraints that the EMU treaty imposes in terms of no exit clauses. This is not science fiction as Argentina was forced to do the same.

What would be the systemic effect of such Italian exit from EMU? They would be extremely severe on EU capital markets as Italy would default on some of its external debt – the part of its Euro debts held by non-residents. The contagion effects to other EU capital markets and banks would be severe.  And the no bailout rule of the ECB would become effectively threatened as the ECB would be forced to monetize both liquidity and solvency induced runs to avoid a systemic effect on EU financial markets.

In conclusion, my view is that EMU can work and has worked for the Eurozone countries that have reformed and are reforming.  But, unless Italy and other Eurozone laggards change their policies to pursue serious economic reforms that restore competitiveness and growth, they will eventually be forced to exit EMU. This would be a disaster but a disaster that may become unavoidable unless policies change. And I am currently pessimistic about the chances that such changes may occur given the policy makers and policies currently in place in countries like Italy.”

link completo

http://www.economonitor.com/nouriel/2006/01/28/italys-tremontis-temper-tantrums-on-emu-in-davosa-sad-embarrassing-episode-for-italy/

utente anonimo
Scritto il 11 novembre 2011 at 22:37

Dottore 58 ma per caso siamo falliti? siamo finiti come l'Argentina? so che te lo auguri per dare soddisfazione al tuo ego, al tuo "dottorato", ma ahimè il signor Roubini ha finito per diventare un pagliaccio del mercato che pensa di dettarne tempi e metodi, e puntualmente ormai il mercato lo turlupina, e al quale signore è stato dato spazio fin quando la speculazione di GS JPM DBK e soci sui subprime doveva creare gli effetti desiderati, chissà perchè di li in poi, quando l'aria è mutata, non ne ha presa più una.

Letture illuminate le sue, complimenti Dottore

Il Fringuello 

Scritto il 11 novembre 2011 at 22:38

Viandante

non mi pare che ci possano essere molte divergenze su temi come
evasione fiscale, parassitismo e gestione clientelare nella PA, inefficienza e spreco nei servizi pubblici locali.

E credo che una bella fetta dell'eccesso di debito pubblico Italiano derivi da qui. Il debito lo hanno fatto gli Italiani, lo hanno fatto i politici Italiani per ragioni clientelari e gli Italiani hanno ben accettato di fare Nalate tre volte all'anno (qualcuno anche sei) pensando di poter attingere ad un pozzo senza fondo.

Che il fondo ci fosse ce ne siamo già accorti nel '92 ma mentre stavamo uscendo, faticosamente, dal guado è arrivato Berlusconi, a dire che la vita è bella , meno tasse e più figa per tutti (soprattutto per lui) tutti all'happy hour che poi cominciano Amici e Il grande fratello. totale 17 anni a passo di gambero.

Io non penso che Monti sia Mandrake ma credo che , almeno per un po' lo lasceranno lavorare, che oggi dove tocchi ti smerdi, e due o tre cose potrebbe riuscire a rimetterle in carreggiata. E anche ' possibile che faccia delle stronzate, tipo Patrimoniale, giacchè non la ha mai nominata è probabile che voglia farla.

Perchè se lo scrivo io va bene se lo scrivi tu ti insultano? non lo so, di insulti ne prendo parecchi anch'io, certo io penso e continuo a dire che l'Italia è un grande paese con grandi capacità e grandi problemi dove , per varie ragioni storiche la classe politica esprime il peggio del paese e non il meglio. Dai tuoi commenti invece traspare un pessimismo che non sembra dare speranza per il futuro.

Io continuo a dire che abbiamo il DOVERE dell'ottimismo e che chi non ci crede può scendere e levarsi dalle palle che qui c'è da fare.

(…se ci fosse Valentina….) 

Scritto il 11 novembre 2011 at 23:55

Anonimo #26

Non  è certamente colpa mia se uno non riesce ad autoprodursi niente (ma da quanto tempo segui il blog), in pratica può fare poco o riesce a trovare un lavoro che gli permettà di acquistare le cose che gli servono oppure cerca di capire quello che scrive DORF da anni, che anche se quasi nessuno vuole discutere delle sue argomentazioni è una delle persone del blog che non "blatera" inutilmente; non lo sò se hai mai letto i suoi post che parlato del Prof. Auriti e di altri economisti, parla del reddito di esistenza (o cittadinanza), della proprietà popolare della moneta non a debito e moltissime altre cose. Altrimenti puoi seguire i "consigli per gli acquisti" dei trader o degli esperti di finanza (Il Capitano Andrea escluso naturalmente, altrimenti non sarei qui).

Trovo molto strano che grandi esperti, come tanti utenti che scrivono, parlino sempre come se le persone che popolano questo paese avessero il dovere di fare quello che i più grandi furfanti e parassiti ordinano !!!!

Heilaaaa IO ho passato da un pezzo l'età in cui obbedivo senza farmi domande…………….VOI fate come vi pare ma non pretendete che gli altri vi seguano.

Un saluto

SD

Scritto il 12 novembre 2011 at 00:11

Rubini diceva cinque anni fa (!),che l'Italia era un paese con gravi squilibri, che però si poteva salvare se avesse fatto le giuste riforme.

Rubini aggiungeva che in mancanza di riforme entro cinque anni (!!) l'Italia sarebbe uscita dall'euro con tutte le conseguenze e incognite del caso.
Rubini diceva che l'Europa non sarebbe intervenuta se non avesse visto una serissima e fortissima volontà di fare le riforme.
Per l'Europa Unita salvare i paesi "che fanno le cicale" sarebbe stata una dimostrazione di mancanza di rigore e credibilità.

Rubini affermava di essere molto scettico riguardo alle capacità di salvarsi dell'Italia.

Spero di aver fatto una sintesi corretta!

Ovviamente delle riforme non si è vista neanche una bozza!

Nessuno vi dice che per aver successo Monti, dovrebbe stroncare o limitare il potere dei monopolisti privati, dei boiardi di stato Italiani  ed eliminare buona parte delle corporazioni.
Non solo le associazioni di categoria, che vanno dai notai ai tassisti ai giornalisti, ma anche gli stessi sindacati, che vengono visti come corporazioni.

Questo lo si evince sullo scandalo delle aziende pubbliche, che non sono altro che dei tangentifici e vacche da mungere per politici e sindacalisti.

C'è chi afferma che ogni volta che viene eletto manager pubblico, questo poi deve essere mugnifico con politici e sindacalisti (a spese dell'azienda di cui è stato investito). Con generosi dazi di mazzette per i primi e scambio di favori per i secondi, ma qualcuno dice che i sindacalisti non disdegnino il vil denaro.

Io non voglio essere negativo o pessimista, perchè ho tante persone care in italia a partire dai miei familiari.
Per fare le riforme Monti avrà bisogno di una maggioranza e potrà la maggioranza attuale votare contro i suoi interessi?

La considerazioni che tutti fanno è che oggi non si può andare alle elezioni con il rischio che non esca una maggioranza dalle urne, ma per far uscire la maggioranza bisogna eliminare l'attuale classe politica, essa potrebbe frammentare l'elettorato,  è necessaria un' operazione di repulist…..bisogna epurare.
Qualcuno è pronto a giurare che la "mattanza" è già pronta,  i Tonni sono già nella camera della morte.
All'ordine stabilito i due vecchi rais italiani daranno l'ordine di chiudere le reti, uno "show" ancora più grande del '92!

11/11/2011  

11:11 PM  (Fuso di Greewich) l'aria e serena 

In bocca al Lupo a tutti, io vado a fare una passegiata

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 00:24

La bestia ha aperto gli occhi. Sembrava morta da quanto dormiva profondamente, il battito del suo cuore era impercettibile  ma pulsava anche se nessuno lo sentiva. Il suo orologio biologico gli ha comandato di svegliarsi e di mettersi in azione, di fare quello per cui è stata creata. Il momento è arrivato e non ce ne sarà per nessuno: grecia, italia, francia, germania, buoni e meno buoni, nessun alibi, nessuna giustificazione, nessuna pietà. Fagocitati e digeriti per dare forma a qualcosa di nuovo, grande e terribile. 
Il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito. Oggi il dito è l'economia, sono gli spread, sono le borse e i debiti sovrani.
Guardate la luna.

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 00:46

IlCuculo69…. sì hai ragione, mi è bastato pensarci un attimo e anche il no. 50 ha ragione. Non è una questione di ottimismo o pessimismo è che… a chi serve quello che scrivo ? E' solo un ulteriore seppur blando contributo all'aumento dell'entropia. Zero contributo, esattamente la ragione x cui non ascolto i talk show x radio. Gente che parla di nulla. Ci sono caduto anche io, ma riesco ancora a correggermi. Saluti e auguri a tutti.

viandante

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 00:57

@ #63

Che bel commento! Comprendo ciò che dici e temo possa essere quello che intendi. In occidente se un certo gruppo di potenti volesse agire per imporre cambiamenti lo potrebbe fare con l'unico strumento non militare ma efficente che esiste: l'economia…ovviamente non con comportamenti sani, ma attraverso la finanza.

@DORF e Cuculo

Ma non vi accorgete di "litigare" dicendo la stessa cosa? (sembrate due sordi che discutono ma non si sentono)
Il fatto che DORF attacchi il governo dei tecnocrati non vuol certo dire che difenda questo sistema.
Ed il fatto che Cuculo dica che così non si può andare avanti spero non voglia dire che pensi che l'unica soluzione possibile e quindi migliore sia Monti e codazzo vario.

Vi ricordo che
"NOI SIAM DA SECOLI CALPESTI E DERISI PERCHE' NON SIAM POPOLO, PERCHE' SIAM DIVISI!"

Restiamo uniti, non permettiamo che altri dall'alto ci inviino chi riporta cosa dobbiamo fare.
E' talmente semplice, Berlusconi doveva andare via ma Monti ed il suo programma non lo abbiamo votato noi italiani!!

Restiamo uniti…dai Italiani, UNO SCATTO D'ORGOGLIO!

LUCA17

Scritto il 12 novembre 2011 at 01:40

ciao luca 17.   mi spiace che tu non abbia letto recenti commenti che ho fato su di te.  belli.  vai a leggerteli.  1 o 2 post fa.

dici di me e cuculo?  bah. io non l'ho neanhce menzionato ne attaccato.  lui si è preso male e ha capito solo quello che gli faceva comodo.  
se cuculo fosse nelle mie condizioni economiche si metterebbe a piangere.

per quanto riguarda monti e ammenicoli vari.  io li brucerei tutti.

cuculo ho scritto 1 gg fa mi pare.  che prenderei tutti i politici (1000?) li chiuderei dentro parlamento, e ci butterei dentro 100 leoini.  dopo 1 sett apro le porte.  ti basta??? o no?

si hai detto sistema di merda. post 43.  si ok non soon mica contro di te.
per me li farei sparire tutti.  ma è il sistema finanza il sistema capitalista che è fallito.  tu non lo vuoi ammettere. non so cosa farci.  sono 3 le regole del capitale.  1) PRODUCI 2)CONSUMA  3)CREPA   belle no?

e questa follia umana che tutti crecano il PIL?  tutti volgiono aumentare il PIL.   mai snetito parlare di BIL???  benessere interno lordo? 

cmq son stufo di parlare tanto non vuoi sentite.  siete tutti innamorati delle vostre tabelline, programmini e varie.

per me la soluzione l'aveva detta AURITI già 12 anni fà.  si si lo so, a voi piace tanto prendere x il culo la gente.  specie quando è onesta, e vi par impossibile che abbia fatto qualcosa "solo" x la comunità.  pensate sempre che debba x forza ricavarci un tornaconto personale.

statemi bene.  godetevi monti.  ahhh hanno già detto che andremo in pensione a  70 anni.  e basta???? cazzo, potevano fare almeno a 80.  cosi'  non và bene.  uuhhmm poi goldman sachs storce il naso.

tanto fra meno di 1 mese ci chiedreanno, oops, imporranno un'altra misura correttiva.  beh cosa c'è .  noi siamo grnadi  possiamo sopportare tutto.  x il pene supremo, come dice casini e bersani.  
statemi tutti bene.

DORF

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 01:50

Chi ha visto l'intervista di Rino Formica all'ultima parola? La differenza tra politici della prima e secona repubblica è tutta li.
Parla delle banche italiane, dei gioelli energetici di famiglia, di Draghi e delle mire tedesche e americane.

Luca T.

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 03:18

Nel 1993 Amato introdusse una patrimoniale, fece nottetempo un prelievo forzoso sui c/c e decurtò le pensioni dei superstiti (tutte vedove di lavoratori della ricostruzione del dopo guerra quelli che hanno tirato su le braghe di Amato e del Paese) del 40% congelando le pensioni minime (150/200 euro mese di allora che ancora sono congelate).La sua di 32.000 euro al mese si guardò bene dal toccarla (altro che fare pagare i grandi patrimoni). PUNTO. Altro di rilevante non fece. Nessuno della Pubblica amministrazione fu toccato o licenziato. Mandarono semplicemente in pensione anticipata di decenni centinaia di migliaia di statali trentenni, quarantenni e cinquantenni con dieci o venti anni al massimo di contributi alle spalle. Pensioni complete non private di nulla o di ben poco. I famosi baby pensionati statali che da decenni ci pesano sui coglioni e ora scendono in piazza a fare gli indignati affinché i loro figli e i loro nipoti abbiano la loro stessa fortunata sorte.

La “gioiosa macchina da guerra” salvata da Craxi prima nel 1989 con un amnistia e poi nel 1992 con una derubricazione del reato di finanziamento illecito ai partiti da reato penale a reato amministrativo, pugnalò alle spalle il suo salvatore, leccato molte volte in diversi incontri del camper, per tentare la scalata al potere favorita dall'attuale parlamentare di sinistra Di Pietro che allora faceva, guarda un po', il magistrato (Ma il conflitto di interesse è solo del puzzone nano).L'unico punto fisso delle “gioiosa macchina da guerra” era: a noi e ai “nostri”, il controllo dei servizi, delle partecipate, dell'esercito, della magistratura e dell'istruzione ecc..ecc.., la sicurezza del posto fisso statale e la baby pensione al massimo della carriera che si possa raggiungere (il più presto possibile), agli altri gli effetti del crollo del muro di Berlino e dell'inizio della globalizzazione.Tutto ovviamente diviso in proporzione con i “clientes” del fascista, di nonna ebrea, che riteneva allora Mussolini “Un grande statista”.

Fu per questo che Forza Italia divenne un grande successo politico…l'effetto di una causa oggettiva.

Altro che il 1993 fu la novità e l'aria nuova. Il puzzo di merda aleggiava per tutta l'Italia. Gardini si sparava un colpo alla tempia e posava la pistola su un comodino, la moglie era talmente convinta della bontà di questa democrazia e della giustizia italiana da scappare in convento, mentre Cagliari si suicidava in carcere auto soffocandosi con un sacchetto (provateci voi a suicidarvi così).

Lo stesso farà Monti: farà la patrimoniale, aumenterà le tasse e manderà centinaia di migliaia di statali,con metodi formalmente diversi, ma sostanzialmente uguali, in pensione a trenta, quaranta, cinquanta anni con dieci o venti anni di contributi pagati. Occuperà con i suoi tutto quello che non è riuscito ancora ad occupare. Proteggerà i soliti noti e massacrerà i soliti ignoti.

E agli altri quelli senza Picone e amico degli amici? Sempre il solito, cioè un cazzo…nel c.

Questa è la verità non le balle che volete raccontare ai giovani.

Quindi a mare buttatevici voi…

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 04:46

.. dispiace veder scivolare molti su vecchie posizioni politiche..

..non so quello che , semmai ci sarà , potrà fare Monti …

.. credo che distruggere tutto prima ancora che ci sia , sia leggermente prevenzione della paura… del resto le possibilità sono due :

o rimanere in Europa con tutte le conseguenze che sappiamo , patrimoniale sugli immobili , allungamento della pensione , taglio della spesa pubblica , etc… o semplicemente uscire salutando tutti e quello che sarà sarà…

.. certo immaginare Dini , Bersani , Alfano , Letta . Silvione 2 , Vendola , Di Pietro , Bossi … al comando per provare a rimanere in Europa , questa si che la vedo come la peggiore soluzione possibile ..

                                   F. D.

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 04:48

Caro Luca17, mi permetto di quotarti:

"NOI SIAM DA SECOLI CALPESTI E DERISI PERCHE' NON SIAM POPOLO, PERCHE' SIAM DIVISI!"

E' così, dopo l'impero Romano è sempre stato così e continua ad essere così.
Bisognava abbattere Berlusconi, e se per farlo si finiva anche per sputtanare l'Italia, pazienza.
Beh, finalmente ci siamo riusciti: il nano è stato disarcionato.
E adesso?
Qual è il grande statista che finalmente prenderà il suo posto?
Uhm… beh… aspetta un attimo, che chiedo a Goldman Sachs…

Caro Capitano, non posso che ringraziarti ogni giorno per quel barlume di consapevolezza sulla situazione che mi hai donato e che mi rende sbigottito di fronte alla portata del sequestro della libertà messo in atto da certa finanza: ormai la speculazione, con la fittizia potenza della sua leva infinita, decide i governi delle (ex) democrazie occidentali e lo fa pure alla luce del sole! Questo fa davvero paura.
Per questo mi dispiace vederti partecipare con tanto trasporto a questo masochistico gioco al massacro: Berlusconi non andava "mandato via", ma battuto sul terreno della politica da qualcuno più bravo di lui. Che però, sfortunatamente, finora non si è manifestato. Abbatterlo sputtanandolo sistematicamente con ogni mezzo e in ogni consesso  alla fine ha funzionato, ma come sempre accade ci ha resi ridicoli e deboli nei confronti dei nostri "partner" europei e americani, che i panni sporchi badano sempre bene di lavarli in famiglia e che fanno scudo ai loro leader anche quando si fanno fare i servizietti alla Casa Bianca (altro che Bunga Bunga!).
Con tutti i suoi difetti e limiti, è stato l'unico capo di governo italiano dopo Craxi a non piegarsi sempre a 90 verso i desideri dei nostri "partner", e questo non gli ha certo garantito grandi simpatie all'estero; inoltre, tutto sommato il suo governo non ha gestito nemmeno troppo male la prima parte della tempesta perfetta. Se Economist e FT chiedevano a gran voce la sua fine, un sospettino forse avremmo dovuto averlo… sappiamo che il bene dell'Italia non è esattamente al centro dei loro pensieri!
Lo è invece la Latteria Italia, che è ben dotata e finalmente, rimosso questo contadino un po' becero e riottoso, è finalmente disponibile ad essere munta "per il suo bene" grazie al nuovo contadino ben educato, stimato e rispettoso delle gerarchie.

La casta ha rigettato finalmente il "corpo estraneo", ed esulta.
Anche a Parigi e Berlino esultano gli "utili idioti".
Ma quelli che ridono davvero, e che si fregano le mani, ci hai spiegato tu dove stanno!

Grazie ancora,
Andrea

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 07:47

@ 50 Andrea.
meno male che io nn sono vecchio.. se no potrei offendermi ^_^.
certo che quando senti come ieri sera (da Mantovani univ. ca foscari ) che il presid . della prov . di Bolzano prende come stipendio il 40 % in più di A ngela Merkel ..
come fai a difendere certi privilrgi solo italiani
e nn dirmi che è un''eccezione
  la mia personale opinione è che sono degli illusi quelli difendono l'italianità anche nei difetti evidenti

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 07:48

sono
M

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 09:47

"La giurisdizione legale sui titoli di Stato greci ancora in circolazione (cioè non ripagati) passa dalla sovranità greca a quella inglese."

preso da 
http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=267

Come è successo? Può succedere anche a noi?

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 09:47

"La giurisdizione legale sui titoli di Stato greci ancora in circolazione (cioè non ripagati) passa dalla sovranità greca a quella inglese."

preso da 
http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=267

Come è successo? Può succedere anche a noi?

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 09:47

"La giurisdizione legale sui titoli di Stato greci ancora in circolazione (cioè non ripagati) passa dalla sovranità greca a quella inglese."

preso da 
http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=267

Come è successo? Può succedere anche a noi?

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 09:47

"La giurisdizione legale sui titoli di Stato greci ancora in circolazione (cioè non ripagati) passa dalla sovranità greca a quella inglese."

preso da 
http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=267

Come è successo? Può succedere anche a noi?

Scritto il 12 novembre 2011 at 09:57

Dorf,

1) Produci, 2) Consuma 3) Crepa (o più semplicemente muori) non lo ha deciso ne Goldman ne Sachs ma Domineiddio o chi per esso.
Poi discutiamo di cosa produciamo e di cosa consumiamo ma il main frame non cambia.

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 10:01

Quando le batterie dei cannoni della finanza demonocratica si sposteranno sulla germania e molto probabilmente prima ancora sulla francia verrà giù tutto come un terremoto del 10 grado. Noi qui a dire: hey ma stavamo sistemando i conti, stavamo facendo le leggi, stavamo facendo tutto quello che ci avevate comandato di fare… ma che caxxo succede perchè ancora casino? 

Perchè in realtà a chi muove le fila non interessa se l'italia o la grecia o la spagna diventino virtuosi o meno. Colpendo l'Italia si indebolisce il sistema e diventano più vulnerabili tedeschi e francesi e quindi più attaccabili nel futuro prossimo. 

L'economia e la finanza sono un mezzo al pari di missili e carri armati per sottomettere stati sovrani e dopo 66 anni si combatte ancora in europa. 

Scritto il 12 novembre 2011 at 10:12

Gli stati nazionali hanno tutte le armi necessarie a stroncare la speculazione, quando e se Francia e Gemania si troveranno alle strette metteranno la BCE in condizione di difendere quello che per l' Grecia, Portogallo, Italia e Spagna non hanno voluto difendere. (Irlanda è un caso a parte).
Del resto visto che nessuno può essere più virtuoso dei Tedeschi è chiaro che il giorno in cui la Germania fosse sotto attacco non ci sarebbe altra soluzione.
Del resto per la Grande Germania il crollo dell'euro e dell'europa sarebbe un danno, la grande Germania non è poi così grande.

Scritto il 12 novembre 2011 at 10:26

Non condivido la tua idea, ma darei la vita perché tu la possa esprimere. Voltaire. Qui su questo veliero dove manca immensamente la nostra Valentina non c’e’ alcuna censur. Soprattutto se e’ espressa nei termin di rispetto nei confronti degli altri, nessuna moderazione. Quello che chiedo quando si postano link o video e’ di non dimenticare che con noi ci sono anche ragazzi che salgono per la prima volta che incominciano il loro viaggio nella consapevolezza. Spesso e volentieri ho letto cose assurde che non condivido ma non ho mai cancellato nulla o cacciato nessuno. Giobbe la Chiesa siamo noi non le istituzioni, le Religioni siamo noi non le istituzioni che a loro volta sono composte da uomini. Per quanto riguarda il resto concordo con Fringuello ormai Roubini emolto altri sono carne da macello mediatico in una mercato manipolato dove loro attingono a piene mani condizionandolo in quanto pieno di fessi innocenti! La verità e figlia del tempo! Andrea

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 10:30

Tranquilli, il governo Monti non prenderà vita. Berlusconi comanda ancora un pezzo abbastanza largo del PDL e tutta la Lega (che ha finanziato impedendo il fallimento della loro banchetta) x impedirne un governo. E' stato al governo tutti questi anni x evitare che il peso di decine di reati veri o presunti lo mandasse in galera x 100 anni. Senza ottenre l'immunità non se ne andrà. E l'Italia deve piazzare 40 miliardi di titolo di stato da qui a fine anno. Berlusconi non ha più nulla da perdere e farà affondare la barca definitivamente con il contributo della confindustria che lo ha sostenuto x 20 anni, dei sindacati pubblici che lo hanno difeso in silenzio x 20 anni, di FIni e Casini con i quali ha governato x 10 anni, dell'opposizione che si è presentata divisa anche sul numero dei giorni della settimana. Il popolo che voi invocate è ancora per larga maggiornanza convinto che "tanto io me la cavo". Mi dispiace tanto, ma ormai è andata, pensiamo al dopo che sarà uguale a prima del 2000 ma con la metà dei soldi e una recessione mondiale in atto. L'inflazione al 50% cancellerà ecumenicamente i soldi dei ricchi e della classe media mentre i poveri avevano già preso tutto. 

max

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 10:39

è incredibile il ruolo decisivo che sta assumendo, non da oggi, Giuliano Ferrara massimo consigliere di B. Ex estremista del partito comunista poi passato dalla parte di chiunque lo pagasse, poi accanito difensore della componente più retriva della chiesa cattolica, mestatore, agitatore, ora in prima file nel difendere il popolo sovrano dalle grinfie di governi tecnici non eletti. Uno così da solo riesce a squalificare le lotte e le speranze di gente come noi. Giuro che se lo incontro per la strada quel ciccione di merda lo metto sotto con il camioncino ! Ma è mai possibile che si debba dipendere da personaggi di questo genere che altrove sarebbero a pascolare i buoi ?

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 10:53

Io invece penso che il governo Monti prenderà vita perché a Berlusoni e’ stato dato il lasciapassare.

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 11:13

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2011-11-11/gaffe-downgrade-parigi-063738.shtml?uuid=Aan6wZKE

qui ci prendono proprio per il c…

saluti

Aka

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 11:51

Ciao Andrea,

di solito non lascio commenti, tuttavia voglio fare una eccezione, anche se e' una goccia nel mare.
I "tecnocrati" come li chiama qualcuno, sono solo il riflesso del fallimento della politca. Dalla fine della prima repubblica ad oggi non c'e' stato un governo che abbia fatto qualcosa di veramente valido, il debito Italiano e' aumentato e la crescita e' stata asfittica, sia con la destra che con la sinistra. Le riforme necessarie in tema di liberalizzazione dei salari e del mercato del lavoro non si sono viste, i costi della politica sono aumentati sempre +.
Sputa pure sui "tecnocrati" ma cosa hanno fatto gli altri? Nulla.
Si puo' vivere in una torre di avorio e condannare prima ancora di vedere cosa queste persone faranno, o si puo' avere un po' di ottimismo e sperare che saranno qunto meno migliori di quanto visto finora.
Io tengo sospeso il mio giudizio.
Per quanto riguarda la speculazione, l'Italia si e' messa da sola in questa posizione. Tanti mesi fa, quando l'Italia era ben lungi da essere oggetto di attacchi, Francia e Germania avevano chiesto una piu' stretta unione fiscale. L'Italia ha detto no. Loro due han continuato a parlarsi, noi li accusiamo adesso di voler dirigere l'Europa. Ma se ci siamo chiamati noi fuori? E con la nostra irresponsabilita' ci siamo fatti oggetto di attacchi… 
Guarda le copertine del time ed economist, e saprai perche' ci attaccano, perche' i nostri politici sono i primi che se ne fregano. Le chiacchiere sul taglio ai costi della politica? Chiacchiere appunto.

E sulla Grecia, non mi puoi dire che la Grecia fa bene, la Grecia che ha truccato i suoi bilanci, la Grecia degli evasori. Io ho un negozio (piccolo e ottenuto col sudore della fronte) e i discorsi che si sentono dire oggi sui poveri Greci mi ricordano quelli del mio inquilino che "tiene famiglia". Ebbene anche io tengo famiglia e ho un mutuo sulle spalle, eppure quando lui non mi paga (per mesi) i giudici in Italia tutelano piu' lui di me. E se poi io perdo la mia casa? Amen.
Sentire da uno che parla spesso di etica, che va bene non pagare quanto dovuto, che va bene rinnegare il proprio debito, che i "poveri greci" si devono ribellare contro questi creditori che gli vogliono rubare l'anima mi mette profonda tristezza.
Quanto e' diversa oggi l'etica rispetto a  quella che mi e' stata insegnata!
I Greci, gli Italiani, non sono gli Irlandesi, non sono gli Islandesi che si son ritrvati i debiti dei loro bankers immorali.
L'Italia non ha fatto quello che ha fatto il Belgio, in Italia sono 20 anni che il debito e' esagerato.
Non possiamo oggi lamentarci se questo ha, infine, e nonostante lo scudo dell'Europa. portato infine a delle conseguenze.

Pier Marco

Scritto il 12 novembre 2011 at 11:53

Il Cuculo69 #76

Ne sei proprio sicuro che gli Stati Nazionali abbiano la possibilità di stroncare la speculazione ?

Io ho molti e seri dubbi al riguardo !!!!!!!!!!!! e per incominciare prova a leggere questo articolo sulla Grecia (naturalmente io credo che quanto scritto sia VERO….sino a prova contraria):

http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=267

Se vuoi potersti leggere anche questo:

http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=266

Siamo o non siamo in una guerra economica ??? Ed allora combattiamo ognuno con i nostri mezzi a disposizione.

Un saluto

SD

Scritto il 12 novembre 2011 at 11:53

Il Cuculo69 #76

Ne sei proprio sicuro che gli Stati Nazionali abbiano la possibilità di stroncare la speculazione ?

Io ho molti e seri dubbi al riguardo !!!!!!!!!!!! e per incominciare prova a leggere questo articolo sulla Grecia (naturalmente io credo che quanto scritto sia VERO….sino a prova contraria):

http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=267

Se vuoi potersti leggere anche questo:

http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=266

Siamo o non siamo in una guerra economica ??? Ed allora combattiamo ognuno con i nostri mezzi a disposizione.

Un saluto

SD

Scritto il 12 novembre 2011 at 11:53

Il Cuculo69 #76

Ne sei proprio sicuro che gli Stati Nazionali abbiano la possibilità di stroncare la speculazione ?

Io ho molti e seri dubbi al riguardo !!!!!!!!!!!! e per incominciare prova a leggere questo articolo sulla Grecia (naturalmente io credo che quanto scritto sia VERO….sino a prova contraria):

http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=267

Se vuoi potersti leggere anche questo:

http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=266

Siamo o non siamo in una guerra economica ??? Ed allora combattiamo ognuno con i nostri mezzi a disposizione.

Un saluto

SD

Scritto il 12 novembre 2011 at 11:53

Il Cuculo69 #76

Ne sei proprio sicuro che gli Stati Nazionali abbiano la possibilità di stroncare la speculazione ?

Io ho molti e seri dubbi al riguardo !!!!!!!!!!!! e per incominciare prova a leggere questo articolo sulla Grecia (naturalmente io credo che quanto scritto sia VERO….sino a prova contraria):

http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=267

Se vuoi potersti leggere anche questo:

http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=266

Siamo o non siamo in una guerra economica ??? Ed allora combattiamo ognuno con i nostri mezzi a disposizione.

Un saluto

SD

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 12:26

La speculazione internazionale mossa dai grossi apparati finanziari non è fine a se stessa, non ha come scopo l' arricchimento ma è un mezzo per condizionare politicamente uno stato sovrano fino a farlo diventare un proprio protettorato, i piigs sono già nel sacco. Francia e Germania lo saranno, è solo questione di tempo. Il punto è chi muove le fila? Qualcuno c'è signori miei, tutto questo non sta avvenendo per caso. In astronomia la presenza di un corpo anche se non direttamente osservabile  si desume dall'influenza gravitazionale che esso ha nei confronti dei corpi circostanti visibili. Meglio fermarsi qui, il resto lo scopriremo solo vivendo…

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 13:31

Il secondo punto sarebbe il perchè, il fine di tutto questo caos. Noi non li vediamo ma ci sono in giro un sacco di operai che stanno smontando la vecchia scenografia pezzo per pezzo, tutte le nostre certezze, tutto ciò che ci sembrava tangibile ed immutabile. La roccia sulla quale facevamo progetti per costruire il nostro futuro ed il futuro dei nostri figli si sta rivelando una finta base di cartongesso ben costruita e molto ingannevole. Quando la massa, la moltitudine sarà privata di qualunque appiglio soprattutto mentale, quando ci sentiremo allo sbando come barchette in mezzo alla "tempesta perfetta" diverremo docili e ci consegneremo volontariamente nelle mani di colui che si presenterà per darci stabilità, sicurezza, benessere. E ci verrà chiesto solo un piccolo prezzo.

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 14:27

Giuliano Ferrara oggi” Non si può sospendere la democrazia politica, una volta per farlo si usavano i carri armati, oggi si usa lo spread”

E’ la “guerra senza limiti” (senza limiti di obiettivi nè di mezzi per raggiungerli) teorizzata da ormai 20 anni. Ferrara c’è arrivato adesso! Con questi consiglieri Berlusconi non poteva fare molto!

Sentito ieri l’ultraottantenne Rino Formica nella trasmissione da Paragone. Molto più lucido del 99,9% dei politici che calcano la scena italiana.

La Cassandra

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 14:34

77

Capitano, quella frase è attribuita a Voltaire, ma in realtà non l'ha mai pronunciata.

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 14:39

 @73

 

12 Novembre 2011 – 09:47

 

 

 

"La giurisdizione legale sui titoli di Stato greci ancora in circolazione (cioè non ripagati) passa dalla sovranità greca a quella inglese."

preso da 
http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=267

Come è successo? Può succedere anche a noi?

 

 

*******************

 

 

Certo, che può succedere anche a noi.

Anzi è già stato deciso.

il nostro creditore, la City di Londra e gli USA

han deciso di pignorarci, per cui,a passo di carica,

nomina, e invio dell'Ufficiale giudiziario a pignorare

i cespiti di più valore.
Lunedì saranno attaccati gli avvisi di sequestro….
con tanto di timbro e firma.

 

Punto.

 

 

imho.

 

Carpe Diem

 

Scritto il 12 novembre 2011 at 14:55

Come vi piace giocare alla fantapolitica…continuate pure, è gratis come l'onanismo.

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 14:56

A proposito di Rino Formica, un'analisi realistica.

 

 

"Le Ragioni di stato" nelle mani

dei banchieri.

 

 

http://www.umbrialeft.it/editoriali/%E2%80%9C-ragioni-stato%E2%80%9D-nelle-mani-dei-banchieri

 

 

 

Carpe Diem

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 14:56

A proposito di Rino Formica, un'analisi realistica.

 

 

"Le Ragioni di stato" nelle mani

dei banchieri.

 

 

http://www.umbrialeft.it/editoriali/%E2%80%9C-ragioni-stato%E2%80%9D-nelle-mani-dei-banchieri

 

 

 

Carpe Diem

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 14:56

A proposito di Rino Formica, un'analisi realistica.

 

 

"Le Ragioni di stato" nelle mani

dei banchieri.

 

 

http://www.umbrialeft.it/editoriali/%E2%80%9C-ragioni-stato%E2%80%9D-nelle-mani-dei-banchieri

 

 

 

Carpe Diem

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 14:56

A proposito di Rino Formica, un'analisi realistica.

 

 

"Le Ragioni di stato" nelle mani

dei banchieri.

 

 

http://www.umbrialeft.it/editoriali/%E2%80%9C-ragioni-stato%E2%80%9D-nelle-mani-dei-banchieri

 

 

 

Carpe Diem

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 14:57

11/11/11
occupy Napoli contro il sistema finanziario e i governi tecnici.
Qualcosa finalmente si muove!

Giuseppe

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 15:31

@ilcuculo69

non esiste la fantapolitica.

Scritto il 12 novembre 2011 at 16:13

Come ho scritto più volte il Popolo e la politica, la classe imprenditoriale e i media di questo Paese non sono esenti da gravi responsabilità! Se poi invece qualche innocente fanciullo continua a non voler comprendere che siamo ostaggi di un gruppo di oligarchi e tecnocrati, ognuno è libero di vivere nel paese delle meravigliere e festeggiare mille feste di non compleanno. Per piacere non diciamo fesserie dopo di noi toccherà ad altri! Per quanto riguarda Monti o non Monti Icebergfinanza sarà inflessibile, osservando nei minimi particolari qualunque intervento tecnico o politico che verrà messo in campo contro il Popolo italiano favorendo per l'ennesima volta i privilegi. Per quanto riguarda Piermarco risottolineo che i Popoli non sono esenti da gravi responsabilità, è ora di svegliarsi e cercare di conoscere e vivere sistemi economici alternativi non dimenticando che la responsabilità parte innanzitutto da ognuno di noi individualmente! Andrea

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 17:01

Qui si parla dell' oops-downgrade della francia  da parte di  S&P .

The French were up in arms yesterday as a mishap inside ratings agency Standard & Poor's saw a downgrade notice mistakenly sent out to the market. However, six years ago S&P predicted a French downgrade around the cusp of 2011 and 2012. So was it a mistake in rating, or one of timing?

http://www.efinancialnews.com/story/2011-11-11/france-downgrade-sandp

altra lettura che puo dare consapevolezza (almeno per me, ma spero di condividere la sorpresa nella lettura dei grafici )

"In The Long Run, We Are All Debt: Aging Societies And Sovereign  Ratings" (non riesco a mettere il link ma basta una ricerca sul web…)

MASTABA

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 17:01

Qui si parla dell' oops-downgrade della francia  da parte di  S&P .

The French were up in arms yesterday as a mishap inside ratings agency Standard & Poor's saw a downgrade notice mistakenly sent out to the market. However, six years ago S&P predicted a French downgrade around the cusp of 2011 and 2012. So was it a mistake in rating, or one of timing?

http://www.efinancialnews.com/story/2011-11-11/france-downgrade-sandp

altra lettura che puo dare consapevolezza (almeno per me, ma spero di condividere la sorpresa nella lettura dei grafici )

"In The Long Run, We Are All Debt: Aging Societies And Sovereign  Ratings" (non riesco a mettere il link ma basta una ricerca sul web…)

MASTABA

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 17:01

Qui si parla dell' oops-downgrade della francia  da parte di  S&P .

The French were up in arms yesterday as a mishap inside ratings agency Standard & Poor's saw a downgrade notice mistakenly sent out to the market. However, six years ago S&P predicted a French downgrade around the cusp of 2011 and 2012. So was it a mistake in rating, or one of timing?

http://www.efinancialnews.com/story/2011-11-11/france-downgrade-sandp

altra lettura che puo dare consapevolezza (almeno per me, ma spero di condividere la sorpresa nella lettura dei grafici )

"In The Long Run, We Are All Debt: Aging Societies And Sovereign  Ratings" (non riesco a mettere il link ma basta una ricerca sul web…)

MASTABA

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 17:01

Qui si parla dell' oops-downgrade della francia  da parte di  S&P .

The French were up in arms yesterday as a mishap inside ratings agency Standard & Poor's saw a downgrade notice mistakenly sent out to the market. However, six years ago S&P predicted a French downgrade around the cusp of 2011 and 2012. So was it a mistake in rating, or one of timing?

http://www.efinancialnews.com/story/2011-11-11/france-downgrade-sandp

altra lettura che puo dare consapevolezza (almeno per me, ma spero di condividere la sorpresa nella lettura dei grafici )

"In The Long Run, We Are All Debt: Aging Societies And Sovereign  Ratings" (non riesco a mettere il link ma basta una ricerca sul web…)

MASTABA

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 18:14

Ho dedicato il post di oggi alla popolazione elbana di marina di campo devastata dall’alluvione.Puoi guardare il post su http://www.camminando.org Grazie Andrea per evermelo permesso. Guardate cosa sta’ facendo questa gente e non dimenticatevi di loro.Sembra la storia dell’Italia in miniatura.Ciao a tutti Mirco

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 18:16

Quello che dobbiamo capire e che devo capire anche io quando tendo a scrivere polpettoni troppo lunghi e sicuramente scoordinati è che questi riflettono la schizofrenia del momento.

Perchè schizofrenia? perchè nessuno sa quello che potrà capitare lunedì possiamo essere messi in mano ad un governo tecnico che farà tagli orizzontali improntati ovviamente al neoliberismo mantenendo il debito pubblico invariato ma contemporaneamente deprimendo i consumi ed il pil (aumentando quindi la ratio debito pil oltre il 120%- tanto agli occhi dell'opinione pubblica italiana ed internazionale l'italia è come la grecia- portandoci proprio nella spirale manovra insufficiente altra manovra… fino alla distruzione dello stato sociale) e faremo lentamente la fine della grecia… poi toccherà alla francia.

Potrebbero addirittura non esserci mai più elezioni in italia ma i singoli stati europei delegittimati politicamente entreranno a far parte di un unione europea tecnocratica ed apoliticizzata, è questo ad esempio uno dei rischi dei governi tecnici che gli italiani che ora protestano a roma contro berlusconi non capiscono, altro che speranza vendola uno dei pochi politici antiliberisti con un buon seguito.

Può anche essere vero un altro scenario lunedì attacco immediato al debito francese e/o italiano e/o tedesco per scatenare l'inganno della moneta unica da parte della finanza della city di lonfra e dei politici inglesi che già ieri hanno cominciato a dire che i governi tecnici in italia ed in grecia sono colpi di stato da parte della bce con istituzioni europee prese dal caos e politici tutti delegittimati in un clima europeo molto teso ed in pieno caos non so in questo caso cosa potrebbe accadere in effetti, magari addio all'unione europea operazione ovviamente fatta in chiave filo angloamericana.

La salvezza potrebbe essere il congresso degli stati uniti che dopo 3 anni dallo scoppio della crisi finanziaria per l'ennesima volta (come con roosevelt dopo la crisi del 29) metta apertamente sotto inchiesta le banche d'investimento adottando di nuovo il glass steagall act. ma questo vorrebbe dire delegittimare l'attuale presidente obama e non so se possa essere fatto quindi prima delle prossime presidenziali americane, nel caso in cui gli stati uniti facessero una cosa del genere dovremmo capire che passerebbero dalla parte del "bene"… e vallo a spiegare all'opinione pubblica fortemente antiamericana.

Può accadere di tutto e non si capisce quale saranno le dinamiche future, l'unica cosa che possiamo fare noi è capire il più possibile quello che sta accadendo capire cosa significi "la mano di dio" e soprattutto spiegarlo (se si è riusciti a capirlo bene…. hai detto niente).

Solidarietà è la parola chiave secondo me.

Giuseppe

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 18:50

Sono davvero tempi difficili, la confusione regna sovrana. Non sono neanche sicuro che l'attacco speculativo venga dagli States, ultimamente penso più che venga da Francia e Germania (in fondo il debito estero italiano lo hanno le loro banche)anche l'articolo di FT mi porta a pensarlo. Comunque questi furboni stanno scherzando con il fuoco, ci hanno costretto al governo tecnico di Monti, va bene. Alle brutte come italiani abbiamo sempre l'ultima carta da giocare, non avrei mai pensato di doverlo dire ma una soluzione finale per far saltare i loro piani c'è.
Se questi stronzi si sono messi in testa di depredarci possiamo sempre scioperare ad oltranza fino a fallire, così ci trascineremo tutto il mondo appresso e saremo ricordati come il popolo che ha fatto finire questo sistema marcio oramai fino alla radice. Che ne pensate?
In guerra esistono anche le soluzioni drastiche.
"L"

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 19:30

Paolo Barnard
Carne da pescecani (voi)
La scoperta è di quelle agghiaccianti, e ci arrivo fra un attimo. Ma il senso di disperazione di chi scrive è che non so più a chi appellarmi. Questo colpo di Stato finanziario in Europa sta vomitando orrori su orrori man mano che gli si scava all’interno. Il mio lavoro è di scoprire e rendere pubblico ciò che scopro, ma per chi? Chi ha la determinazione di agire? Non voi, non i politici, non i sindacati, non la Chiesa. Chi allora? Chi? Ora la scoperta.

 
I greci sono spacciati, non possiamo far più nulla. Dobbiamo lasciarli andare e vederli morire, come fossimo i pochi che sono riusciti a salire sull’ultima scialuppa rimasta e che devono rassegnarsi ad abbandonare gli altri naufraghi ai pescecani che li stanno già dilaniando. Lo so, è orrendo allontanarsi mentre quelli urlano da non poter sopportare. Non abbiamo scelta. I criminali dall’Unione Europea, leggi i financialnazisti tedeschi e i financialVichy francesi, hanno firmato la condanna a morte dei greci nel summit europeo del 26 ottobre, dove all’insaputa della stampa e delle televisioni la seguente clausola è stata imposta di forza ad Atene:

 
La giurisdizione legale sui titoli di Stato greci ancora in circolazione (cioè non ripagati) passa dalla sovranità greca a quella inglese.

 
Traduco: la Grecia non è più padrona del proprio debito, che da ora è gestito legalmente dalla Corona britannica sotto leggi britanniche.

 
Conseguenze: Primo, la Grecia può essere ora trascinata in tribunale dai suoi creditori senza poter esercitare uno straccio di difesa sovrana con le proprie leggi. Parlamento e giustizia greci valgono ormai meno di nulla. Secondo, la Grecia in questo modo non potrà più rinegoziare il proprio debito per salvare la nazione. Non lo potrà fare né in Euro, né in Dracme (cioè proporre ai creditori di accontentarsi di rimborsi inferiori in Euro o di rimborsi in Dracme). Infatti non è più legalmente proprietaria del suo debito, e verrebbe massacrata dai creditori che per farlo userebbero le leggi di un altro Paese (notoriamente e sfacciatamente pro-business). Ma questo significa soprattutto che NON PUO’ PIU’ ABBANDONARE L’EUROZONA, perché la condizione essenziale del default sovrano è di poter poi dire al mondo intero: “Rinegozio il MIO debito alle MIE condizioni e con la MIA moneta”. L’hanno chiusa dentro a chiave, hanno buttato la chiave, e lì deve morire. Fermi: parliamo di sofferenze vere, gente vera, oggi, e destini troncati. Crimini contro l'umanità.

 
La cosa che fa urlare di furia è anche che fra l’altro questa condanna a morte gli è stata imposta in cambio di un pacchetto di aiuti che sono proprio ciò che ne torturerà l’economia lentamente fino al decesso, perché sono le… famose misure di austerità che sono oggi piombate anche qui da noi. I greci sono perduti.
Mi rimane solo una magrissima speranza: che il sadismo franco-tedesco, dopo aver macellato milioni di famiglie greche, irlandesi, portoghesi e italiane, inizi a divorare se stesso, collassando anche la scialuppa dove troneggiano Francia e Germania, che forse comincinano già ora a rendersene conto.

 
E rimaniamo noi. Cioè voi, perché io la mia parte la faccio. Lavoro gratis per queste battaglie, rischio il vilipendio del Capo dello Stato un giorno sì e uno no, rischio le querele che mi portano via la casa, rischio i manganelli quando vado a urlare a Prodi “delinquente” in pubblico, rischio un bossolo in una busta di carta nella buca delle lettere, certo, perché questi non scherzano, e poi  ho perso reddito, fama, e ciò che amavo fare nella vita, cioè le inchieste in giro per il mondo. Ma voi. Voi su quella scialuppa, ancora interi, adulti vaccinati, che messi di fronte alla fine dei vostri figli in un’Italia kosovizzata state lì inermi, laureati, diplomati, occupati, macchinati, Ipaddati, bravi a tirare scapaccioni ai vostri bambini, ma lì imbelli di fronte al Potere e solo capaci di scrivere a me “Dott. Barnard, ma cosa possiamo fare?”. Cosa potete fare? Siate uomini! Siate donne! E se non sapete difendervi per sopravvivere allora schiattate. Vergognatevi. Carne da pescecani.

 
(e smettete di scrivermi)

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 21:11

>La salvezza potrebbe essere il congresso degli stati uniti che dopo 3 anni >dallo scoppio della crisi finanziaria per l'ennesima volta (come con >roosevelt dopo la crisi del 29) metta apertamente sotto inchiesta le >banche d'investimento adottando di nuovo il glass steagall act. ma questo >vorrebbe dire delegittimare l'attuale presidente obama e non so se possa >essere fatto quindi prima delle prossime presidenziali americane, nel >caso in cui gli stati uniti facessero una cosa del genere dovremmo capire >che passerebbero dalla parte del "bene"… e vallo a spiegare all'opinione >pubblica fortemente antiamericana.

la salvezza nel congresso degli stati uniti ????????????????
dove il 100% è multi milionario ???????????????
ma hai fumato allucinogeni ?????????

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 21:15

Paolo barbard ripete la stessa litania da difensore estremo dei poveri senza mai disguere tra il ricco greco evasore che ha portato i propro soldi all'estero e il povero greco che prima di essere stato fregato dall'unione europea è stato fregato dal ricco greco, Ma Barnard queste cose non le capirà mai perchè è il solito sinistrorso estremo che divide il mondo in due secco secco: i buoni e i cattivi. Il contributo di sta gente alla comprensione del mondo è viziata in partenza. 

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 21:25

Essere milionario non significa essere automaticamente deficiente. Il presidente Roosevelt sempre degli stati uniti era. E' ovvio che l'unica speranza è una soluzione politica ed il congresso degli stati uniti è appunto il parlamento degli stati uniti d'america quello che approvò con roosevelt la legge glass steagall (se ne parla nel film inside job ne ha parlato report pochi giorni fa).
che secondo te non esistevano i milionari allora?
Kennedy era povero?
Enrico Mattei era uno straccione?
Hitler era sostanzialmente povero aveva dunque ragione lui?
Bene la salvezza è nei poveri? nel popolo che non capisce quello che sta accadendo?
La salvezza è negli esseri umani tutti ricchi o poveri non ha importanza gente di strada e politici insieme, anche in chi vive nel mondo della finanza (anche se sembra paradossale)

Altrimenti non so dobbiamo aspettare gli alieni? 

Buon sabato sera.

Giuseppe

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 21:40

Devo dire che non condivido le manifestazioni davanti al Quirinale o davanti a palazzo Grazioli contro Berlusconi, soprattutto perchè tutto sono tranne che manifestazioni spontanee, il lancio di monetine alla Craxi è qualcosa di assolutamente anacronistico e che non fa altro che esacerbare gli animi ancora di più nel momento in cui il paese più ha bisogno di essere unito. Che piaccia o no, e qui ne abbiamo una visione piuttosto comune del politico B, rappresenta comunque una grossa fetta di elettorato che merita rispetto, e poi non si può chiedere appoggio a qualcuno già sconfitto senza concedere l'onore delle armi. I Romani avevano splendidi usi, il primo era il rispetto dei caduti in battaglia , il secondo era  un motto che è "quando i potenti cadono anche i vili li calpestano" e la sensazione avuta oggi è proprio amaramente quella.

Il Fringuello

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 22:04

@102.

Hai ragione, ma l’Italia e’ stata divisa tra proBerlusconi e antiberlusconi da lui stesso dal tempo della sua discesa in politica.

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 22:10

@100

Paolo barbard ripete la stessa litania da difensore estremo dei poveri senza mai disguere tra il ricco greco evasore che ha portato i propro soldi all'estero e il povero greco che prima di essere stato fregato dall'unione europea è stato fregato dal ricco greco, Ma Barnard queste cose non le capirà mai perchè è il solito sinistrorso estremo che divide il mondo in due secco secco: i buoni e i cattivi……

E' NATO IL PARTITO DEI GRIGI

Da quanto hai scritto in precedenza ANONIMO, si fa per dire,
ti sei dimenticato di dire che il anche il ricco greco era ed è
uno di sinistra…..ed assieme al suo consocio di destra l'hanno
fregato doppiamente.

Ancora con queste categorie, sono categorie da masturbatori
mentali…..

e ritornando a noi……

dove sono finiti tutti i fancazzisti di sinistra,  ACCADEMICI
di diritto costituzionale, che si sono riempiti la bocca fino
adesso dicendo che la costituzione italiana è figlia della
Resistenza, dove son finiti adesso che abbiamo un
regime presidenzialista…..che si è dimenticato di dichiarare
lo stato di guerra e quindi in diritto di assumerne tutti i poteri.

DOVE SONO?, ma stavene ben certi che si faranno sotto
ad applaudire i nuovi arrivati.

Siamo proprio nella cakka, per parlare ancora di sinistra….

Cosa condivide quotidianamente un D'Alema, …..che si è fatto un partito tutto per sè, con il manovale, l'artigiano, l'impiegato, il professionista, l'insegante e tutti coloro che onestamente fanno il proprio lavoro e fanno fatica asd arrivare a fine mese? 

Scusate non ha un partito, l'ha chiamato Fondazione europei, ed
volete sapere chi sono i maggiori finanziatori di detta fondazione?

Le banche italiane.

Ed anche l'altro nero_rosso di Fini si è fatto il suo partitino,
un'altra fondazione:Fare Futuro,….ehh…ad occuparsi del presente
è troppo faticoso, meglio pensare al futuro,…….ed anche questa
finanziata dalle stesse banche che finanziano la Fondazione
di D'Alema ……

ed ancora c'è qualcuno che parla di destra e di sinistra.

Carpe Diem

 

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 22:33

Tutt'oggi a sinistra si festeggia la caduta del "DITTATORE",
si va a contestare davanti a palazzo Chigi e davanti a Quirinale,
domani si leggerà che è stata una manifestazione spontanea.

Mai, neanche in questi momenti di difficoltà ad astenersi
dal fare la festa della matricola…..noh è!

Sempre a festeggiare che si è stati promossi a fare l'infermiere,
mai a studiare per diventare medico,….troppo duro impare….
e poi troppo difficile prescrivere una terapia, scherzi assumersi
una responsabilità…..meglio la prescrizione dei dottori internazionali,
ci sono anche dei nobel, vuoi mettere che orgoglio a far parte
di una Equipe cosi pluridecorata…BCE, FMI, Commisione Europea..èh.

E chi glielo dice all'italiano che i suoi rapprentanti politici
stanno preparando un bel suppostone che lui neanche
se lo immagina, intanto stasera gode, va a gioire in piazza
va in giro in auto a tutto clakson a fare i caroselli, si come se
avesse vinto la nazionale.

Ma roba da matt.

Carpe Diem

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 23:01

sinistra o destra… democratici o repubblicani, laburisti o conservatori…. la differnza è poca, ii ceti sociali che li compongono spesso sono uguali, si vota x prassi e consuetudine. Chi è fuori dal sistema non avrà mai i soldi per fare un partito o farsi un giornale o una tv con cui davvero influenzare la gente. che credi che sono scemo ? ho solo detto che i barbard della situazione così schierati, buoni e cattivi, alla fine non dicono nulla di quanto è davvero successo però si atteggiano a padeterni e sono pure arroganti. Sti post 68, post manifesto, post di tutto non li reggo, sono falsi. D'alemoni lo imitava la guzzanti più vero del vero. Magari domani fa un partito con fini tanto sono uguali.si deve aprtire dal locale, piccole comunità, gente che si conosce, giovani da educare quando sono fanciulli, non credo a nessuna soluzione istituzionale perchè non c'è x definizione. poi vabbè x 3 mesi monti può essere meno peggio di b. o bersani ma che cambia ?

utente anonimo
Scritto il 12 novembre 2011 at 23:26

egr paolo barnard mi consenta ma si vergogni lei di quello che ha scritto guardi che anche io che sono un ex lavoratore autonomo senza lavoro e cassa integrazione ma nella mia ignoranza non tollero quello che lei ha scritto mi consenta lei è un povero becero inetto e anche un po pederasta sinceramente da una persona colta una caduta di stile cosi non l'avevo mai vista che figura meschina povera italia

Scritto il 13 novembre 2011 at 00:14

Mi sa dire se può essere vero ciò che è scritto qui?
http://www.borsaitaliana.it/borsa/notizie/mf-dow-jones/italia-dettaglio.html?newsId=919830&lang=it
Goldon Sach ha scatenato la bufera? Monti e Draghi non hanno più rapporti con GS?
Grazie in anticipo

utente anonimo
Scritto il 13 novembre 2011 at 01:31

Cari fratelli,avrei tante cose da dire ma il tempo  rimasto e' poco e per non fallire dobbiamo ridurre il debito accumulato da una banda di parassiti
filo politico mafioso finanziario e ecclesiastico. (Io non ho nulla contro la fede ma chi per essa ha avuto grandi vantaggi materiali)
Tengo a precisare che una mia antenata per la sua grande liberta' e modo di vita e' stata messa al rogo  solo perche' passava  piu' tempo in mezzo alla natura ammirando le bellezze del creato, parlando si diceva con loro la rendevano piu' bella e felice.Questo dicono gli scritti che ancora oggi testimoniano una delle piu' grandi torture che la storia ci ha donato.Anche se e' passato tanto tempo, quale ultimo erede chiedo a Dio la forza di perdonare e dimenticare tale tristezza che da tanto tempo colpisce la mia famiglia.
Chi si e' arrichito  creando un potere  deve pagare e per questo domando umilmente anche  al ns.Papa autorita' di fede e speranza di contribuire al salvataggio dell,Italia accettando una robusta patrimoniale,almeno  sulle centinaia di migliaia di beni immobili avuti come lasciti per entrare nel regno del celo.
 Il Signore, sarebbe molto contento.
Vito

utente anonimo
Scritto il 13 novembre 2011 at 02:09

Un nuovo senatore a vita  amico della  Goldman Sachs ,ma stipendiato da noi con 25.000 euro annui per salvare il paese. Bell'affare.

hector

utente anonimo
Scritto il 13 novembre 2011 at 05:15

insomma non vi va mai bene niente e che sorboleeeee

utente anonimo
Scritto il 13 novembre 2011 at 08:25

magari sara' una brutta cosa da dire,
ma sono contento di non avere figli, con le prospettive che attendono il nostro Paese nei prossimi 10 anni.
Regalare quanto di piu prezioso a un destino di emigrante o di indiretta schiavitu' nei confronti di altri paesi, a beneficio di pochi eletti,  sarebbe una colpa inaccettabile nei confronti di chi non chiede di essere messo al mondo.

Scritto il 13 novembre 2011 at 09:58

È certo che anche se Berlusconi andasse via, per molto tempo rimarrà tra noi come categoria dello spirito. Durante questo ventennio ha terremotato l'apparato statale infilandovi dentro la Lega antistatale e secessionista. Dalle abitudini al linguaggio, ha "smontato" lo Stato
di FRANCESCO MERLO

(reuters)

È la normalità, la tanto attesa normalità, che ha reso storica la lunga giornata di ieri anche se ci vorrebbe un governo Monti delle anime e dei sentimenti e dei valori per liberare l'Italia dal berlusconismo. Nessuno dunque si illuda che sia davvero scaduto il tempo. Certo, alla Camera lo hanno giubilato, gli hanno fatto un applauso da sipario: è così che si chiude e si dimentica, con l'applauso più forte e più fragoroso che è sempre il definitivo.

Poi Napolitano è riuscito a dare solennità anche all'addio di Berlusconi che sino all'altro ieri si era comportato da genio dell'impunità inventando le dimissioni a rate. Che lui nascondesse una fregatura sotto forma di sorpresa è stato il brivido di ieri, e difatti, inconsapevolmente, nessuno si è lasciato troppo andare e la festa, sino all'annuncio ufficiale delle dimissioni, più che sobria è stata cauta. Di sicuro Berlusconi non ha avuto il lieto fine. Entrato in scena cantando My Way ne è uscito con lo Zarathustra che premia "il folgorante destino di chi tramonta".

Dunque non c'è stato il 25 luglio, non la fuga dei Savoia né la fine della Dc, né tanto meno la tragedia craxiana, nessuno ha mangiato mortadella in Parlamento come avvenne quando cadde Prodi, non c'è stato neppure l'addio ai monti di Renzo anche se nessuno sa cosa farà Berlusconi, se rimarrà in Italia o invece andrà in uno dei degli ospedali che dice di avere regalato nei luoghi

del Terzo Mondo. Tutti parlano, probabilmente a vanvera, di una trattativa parallela e coperta sui processi, di un salvacondotto e di un'amnistia che non hanno mai riguardato in Italia reati come la corruzione e lo sfruttamento della prostituzione. In un Paese normale la rimozione di un capo non produce mai sconquassi e siamo sicuri che il pedaggio che paghiamo alla normalità non sarà l'enorme anormalità di un pasticcio giuridico.

È comunque certo che, anche se Berlusconi si rifugiasse ad Antigua, per molto tempo rimarrà tra noi come categoria dello spirito. Ecco perché ci vorrebbe una banca centrale della civiltà per commissariare il Paese dove Berlusconi "ha tolto l'aureola a tutte le attività fino a quel momento rispettate e piamente considerate. Ha trasformato il medico, il giurista, il prete, il poeta, l'uomo di scienza in salariati da lui dipendenti".
Dunque neppure nello storico giorno in cui è stato accompagnato fuori con il suo grumo di rancore invincibile e lo sguardo per sempre livido, è stato possibile accorarsi e simpatizzare. Non c'è da intonare il requiem di Mozart o di Brahms per l'uomo più ricco d'Italia che ha comprato metà del Parlamento e ha ordinato di approvare almeno 25 leggi ad personam. E ha terremotato lo Stato infilandovi dentro la Lega antistatale e secessionista. E mentre i suoi ministri leghisti attaccavano la bandiera e l'unità dello Stato, Berlusconi organizzava la piazza contro i tribunali di Stato, la Corte costituzionale, il capo dello Stato. Anche il federalismo non ha preso, come negli Usa e in Germania, la forma dello Stato ma dell'attacco al cuore dello Stato. Avevamo avuto di tutto nella storia: mai lo statista che lavorava per demolire lo Stato. Quanto tempo ci vorrà per rilegittimare i servitori dello Stato, dai magistrati ai partiti politici, dagli insegnanti ai bidelli ai poliziotti senza soldi e con le volanti a secco?

E quante generazioni ci vorranno per restituire un po' di valore all'università, alla scuola e alla cultura che Berlusconi ha depresso e umiliato: contro i maestri, contro gli insegnanti, contro tutti i dipendenti pubblici considerati la base elettorale del centrosinistra, e contro la scuola pubblica, contro il liceo classico visto come fucina di comunisti. E ha degradato la più grande casa editrice del Paese a strumento di propaganda (escono in questi giorni i saggi di Alfano, Sacconi, Bondi, Lupi….). Ha corrotto una grande quantità di giornalisti come mai era avvenuto. Ha definitivamente distrutto la Rai affidata ad una gang di male intenzionati che hanno manipolato, cacciato via i dissidenti, lavorando in combutta con i concorrenti di Mediaset. E con i suoi giornali e le sue televisioni ha sfigurato il giornalismo di destra che aveva avuto campioni del calibro di Longanesi e Montanelli. Con lui la faziosità militante è diventata macchina del fango. Testate storiche sono state ridotte a rotocalchi agiografici. E ha smoderato i moderati, ha liberato i mascalzoni dando dignità allo spavaldo malandrino, ai Previti e ai Verdini, ai pregiudicati, e c'è un po' di Lavitola, di Lele Mora e di Tarantini in tutti quelli che gli stanno intorno, anche se ora li chiama traditori. Berlusconi, che fu il primo a circondarsi di creativi, di geniacci come Freccero e Gori ha umiliato la modernità dei nuovi mestieri, della sua stessa comitiva, l'idea di squadra che all'esordio schierava a simbolo Lucio Colletti e alla fine ha schierato a capibranco Tarantini, Ponzellini, Anemone, Bisgnani, Papa, Scajola, Bertolaso, Dell'Utri, Verdini, Romani, Cosentino. Eroi dei giornali di destra sono stati Igor Marini e Pio Pompa. I campioni dell'informazione berlusconiana in tv sono Vespa, Fede e Minzolini. Persino il lessico è diventato molto più volgare, il berlusconismo ha introdotto nelle istituzioni lo slang lavitoilese, malavitoso e sbruffone. E'stato il governo del dito medio e del turpiloquio, è aumentato lo 'spread'tra la lingua italiana e la buona educazione.

E la corruzione è diventata sacco di Stato e basta pensare agli appalti per la ricostruzione dell'Aquila, assegnati tra le risate della cricca. Berlusconi ha dissolto "tutti i tradizionali e irrigiditi rapporti sociali, con il loro corollario di credenze e venerati pregiudizi. E tutto ciò che era solido e stabile è stato scosso, tutto ciò che era sacro è stato profanato". Persino la bestemmia è diventata simonia spicciola, ufficialmente perdonata dalla Chiesa in cambio di privilegi, scuole e mense. Toccò, nientemeno, a monsignor Rino Fisichella spiegare che, sì, la legge di Dio è legge di Dio, ma "in alcuni casi, occorre "contestualizzare" anche la bestemmia". E quanto ci vorrà per far dimenticare la diplomazia del cucù e delle corna, lo slittamento dal tradizionale atlantismo verso i paesi dell'ex Unione Sovietica, la speciale amicizia con i peggiori satrapi del mondo?

E mai c'era stata una classe dirigente maschile così in arretrato di femmina verrebbe da dire con il linguaggio dell'ex premier: femmina d'alcova, esibita e valutata come una giumenta, con il Tricolore sostituito con quella grottesca statuetta di Priapo in erezione che circolava – ricordate? – nelle notti di Arcore. Persino il mito maschile della donna perduta e nella quale perdersi, persino la malafemmina italiana è stata guastata da Berlusconi, ridotta a ragazza squillo della politica: l'utilitaria, il mutuo, seimila euro, l'appartamentino, un posto di deputato e forse di ministro per lucrare il compenso – "il regalino" – agli italiani. Lo scandalo del berlusconismo non è stato comprare sesso in un mondo dove tutto è in vendita ma nel pagare con pezzi di Stato, nell'uso della prostituzione per formare il personale politico e selezionare la classe dirigente. E non è finita: se la prostituzione ha cambiato la politica, anche la politica ha cambiato la prostituzione. La Maddalena ha perso la densità morale che fu una forza della nostra civiltà, è diventata la scialba ragazzotta rifatta dal chirurgo ed educata dalla mamma-maitresse a darla via a tariffa.

Il berlusconismo è stato l'autobiografia della nazione per dirla con Croce, non un accidente della storia. Non basta certo una giornata solennemente normale per liberarcene. C'è bisogno di anni di giornate normali. E per la prima volta non saranno gli storici a mettere in ordine gli archivi di un'epoca. Ci vorranno gli antropologi per classificare il berlusconismo come involuzione della specie italiana, perché anche noi, che siamo stati contro, l'abbiamo avuto addosso: "Non temo il Berlusconi in sé – cantava Gaber – ma il Berlusconi in me".

(13 novembre 2011) 

Scritto il 13 novembre 2011 at 10:01

Chi sa se un giorno gli uomini impareranno ad essere cittadini del mondo ?

utente anonimo
Scritto il 13 novembre 2011 at 10:03

"i Popoli non sono esenti da gravi responsabilità" :MA SIANO COMPLETAMENTE MATTI?

"L'Italia attaccatta ingiustamente": MA SIAMO COMPLETAMENTE MATTI

Ma per che pensate che ci stiano attaccando?

Stiamo semplicemente fallendo: ma quando capirete questo semplice concetto, ormai …. sarà penetrato dolcemente fino in fondo dandovi una piacevole sensazione di benessere

Come al solito per farvi imbambolare tirano fuori la scusa del cattivo straniero che se la prende con noi, stato perfetto con i numeri migliori.

BASTA CON QUESTA DISINFORMAZIONE

Vi informo ufficialmente che siamo falliti per conto nostro

utente anonimo
Scritto il 13 novembre 2011 at 10:18

stanno appunto venendo in qua a rifocillarsi…

Abbiamo perso una guerra, dobbiamo pagare…

Siamo di fronte ad un fatto molto triste, riconosciuto da pochi purtroppo ma di cui tutti se ne lamentano. La democrazia. Essa è un sistema congegnato per tenere a bada le masse con le briciole, mentre i pochi al potere pasteggiano con grandi portate da gourmet. Questa redistribuzione viene mandata avanti con un meccanismo di furto, perché chiunque si rifiuta di pagare le tasse verrà mandato in prigione. Ma qualcuno obietterà: “Ma la maggior parte delle persone vuol pagare le tasse.” Benissimo, allora perché sono obbligatorie e non volontarie? In una società capitalista l’imprenditore soddisfa nel miglior modo il cliente e dà lavoro alle persone, di quale “giustizia sociale” ci sarebbe ulteriormente bisogno? I politici sono degli attori che attraverso la forza promettono di interferire nel mercato a favore di coloro che si presentano sotto i loro palazzi per chiedere un tozzo di pane in più rispetto al loro vicino. E’ una spirale senza fine, che porta solo più miseria e sofferenza a scapito della libertà e della prosperità.

utente anonimo
Scritto il 13 novembre 2011 at 11:04

@ 114 cuculo
@115
sono pienamente daccordo con voi…..
bel pensiero "Chi sa se un giorno gli uomini impareranno ad essere cittadini del mondo ?
M

utente anonimo
Scritto il 13 novembre 2011 at 11:31

"The Party seeks power entirely for its own sake. We are not interested in the good of others; we are interested solely in power. Not wealth or luxury or long life or happiness; only power, pure power….Power is not a means; it is an end. One does not establish a dictatorship in order to safeguard a revolution; one makes the revolution in order to establish the dictatorship…. If you want a picture of the future, imagine a boot stamping on a human face – forever."

– O'Brien to Winston George Orwell "1984"

utente anonimo
Scritto il 13 novembre 2011 at 12:02

Mario Monti fu il principale collaboratore di Paolo Cirino Pomicino nel trienno 1989/92, quando il simpatico politico partenopeo fu Ministro del bilancio. Monti era in due commissioni di rilievo, quella sul debito pubblico, quella sulla spesa pubblica e nel comitato scientifico della programmazione economica.

Ecco i risultati dell'illuminato supporto scientifico di Monti.

Debito pubblico (attualizzato in euro) al momento dell'insediamento di Monti e Pomicino: 553 miliardi 140 milioni 900mila euro 

Debito pubblico (attualizzato in euro) al termine dell'incarico dei suddetti Monti e Pomicino: 799 miliardi 500 milioni 700mila euro

con un incremento di 246 miliardi 359 milioni e 800mila euro, pari al 44,53%!!

Spesa pubblica annua (attualizzata in euro) al momento dell'insediamento di Monti e Pomicino: 254 miliardi 418 milioni 970mila euro

Spesa pubblica annua (attualizzata in euro) al termine dell'incarico dei suddetti Monti e Pomicino: 371 miliardi 209 milioni 895mila euro

con un incremento di 116 miliardi 790 milioni 925mila euro, con un incremento del 45,90%!!

Visti tali risultati, l'assemblea del mio condominio ha respinto all'unanimità la proposta di nominare amministratore il dr Mario Monti. 

Scritto il 13 novembre 2011 at 12:12

Le anime candide alla 115 sono pregate di cercarsi altri luoghi più consoni ai loro conflitti di interesse o alle loro fantasie da paesi delle meraviglie e invitati ad occuparsi di organizzare quotidianamente feste di non compleanno o di rileggerai quattro anni di Iceberfinanza! Buon viaggio Andrea

utente anonimo
Scritto il 13 novembre 2011 at 16:57

“Se l' estradizione di Battisti fosse stata negata dalla Francia ci saremmo rammaricati e probabilmente anche indignati, ma ne avremmo capito le ragioni. Non condivise, ma capite.”

(Francesco Merlo)

Ecco dietro queste due righe, precedute e seguite da pelosi frullati di schiuma, si cela il tipico sinistro perbenista con i suoi doppiopesismi. Per “loro”, i sinistri poverini come il Merlo, ci deve essere comprensione anche se c'è da camminare o ballare sui cadaveri degli innocenti…

Ecco un'altra chicca del “nostro”. Il trionfo del leccaculismo sinistro (Un po' come quando il sindacalista Lama andava a teatro con il suo padrone):
“La Juve infatti è la città di Torino, è la famiglia Agnelli, è il genio italiano che impediva al capitalismo più ricco e potente di diventare arrogante e meschino, è il campione fuori dagli schemi, è la valorizzazione di tutto ciò che non è scontato, è la distrazione colta e di talento, è l'unità d'Italia, sono gli emigranti meridionali che solo il pallone rendeva aggraziati e ben fatti, goffi nella vita ma bellissimi in campo, uomini generosi che per conquistarsi il diritto di esserci carezzavano la palla e usavano i piedi come due mani di pianista. ( Francesco Merlo da La Juve restituisca lo scudetto, Repubblica.it, 16 maggio 2006)”

Mentre la realtà oggettiva, chiaramente nota a quei pochi rimasti con un minimo di onestà intellettuale, è una ed una sola…questa:

“Sono partiti da Racconigi con i bachi da seta, passati con speculazioni immobiliari da Vinovo a Villar Perosa e giunti a Torino, trasformando una meravigliosa città, centro di cultura non solo barocca, gioiello dalla comunicazione, dell'arte, della musica, in un borgo industriale, triste, grigio ed inquinato. In sessant'anni non hanno mai prodotto tecnologie innovative ma sono stati bravissimi ad impoverire Torino e l'Italia, facendo pagare a tutti la loro incompetenza, i vizi personali, l'incapacità ed ignavia dei loro serventi e degli amici dei loro amici. Non hanno mai promosso un cervello, ma portato ai vertici di ogni settore industriale, economico e politico o boriosi cialtroni o mediocri mezze maniche, finti perbenisti ma spietati. Hanno lottizzato banche e partiti di ogni colore e quando si sono resi conto che il giochino stava per finire, sono tornati all'antico mestiere di speculatori, facendo acquistare per poche lire i palazzi più belli ed abbandonati del centro di Torino.

Hanno ottenuto fondi olimpici fingendo di utilizzarli per lucidare una meravigliosa città; dalle luci ormai spente ed investendoli in opere inutili quanto redditizie, sempre per loro e per gli amici degli amici. Per gli stessi hanno ristrutturato con denaro pubblico i quartieri di cui sopra, regalando spaventosi incrementi di capitale. Avevano denari per due linee metropolitane complete, osteggiate per decenni : ne hanno costruita mezza e si sono ingurgitati il resto. Hanno trasformato il lingotto in un salotto – centro commerciale “radical chic” dove spillare altro denaro al popolino bue. Hanno fatto abbattere un monumento storico del calcio mondiale e costruito due volte un cesso in periferia, sempre con soldi pubblici. Hanno finto di dedicarsi al sociale ed alla sanità; con fondazioni ed ospedali, dissimulando solidarietà, incassando ancora, amministrando male il tutto e spillando nuovamente denaro ai contribuenti per tenerli in piedi. Hanno imbavagliato l'informazione cittadina e non solo. Hanno fatto eleggere sindaci conniventi, stretto alleanze perverse con i sindacati più; estremi, truccato campionati e sentenze.

Hanno gridato allo scandalo fingendosi perseguitati quando alla loro grigia squadra è stata comminata una pena sportiva irrisoria, rispetto alla portata delle note malefatte (per onestà intellettuale, non solo loro ). Sono riusciti ancora una volta ad introdurre un loro mezzemaniche ai vertici della Lega e di una banca Europea contemporaneamente, ed addomesticare sentenze civili e penali per ottenere una finta riabilitazione;. perché; alla fine è stata tutta solo colpa di Moggi. Nel frattempo, mai sazi, han deciso di lottizzare anche la sanità piemontese, con l'intento di distruggerla, privatizzarla, ancora pro loro amici, e renderla simile ad una fabbrica di bulloni. Si sono sganciati indignati dalle regole sindacali, hanno minacciato d'immigrare ( magari ! quel di sarebbe festa nazionale) invadendo Detroit , per fortuna è affamata e triste di suo. Come ultimo atto, già avvenuto per altro in tempi passati ed in modi diversi, han fatto “battezzare” senatore a vita dal “compagno” Napolitano un loro noto maggiordomo, in modo da portarlo tra breve ad ergersi come salvatore dell'Italia, per affamare sempre di più i cervelli non allineati, le professioni, il ceto medio, facendo pagare ancora una volta a tutti noi i loro vizi più spudorati e le speculazioni delle loro banche.”

utente anonimo
Scritto il 13 novembre 2011 at 17:25

io pretendo che l'alfa romeo venga restituita allo stato italiano

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
PREVISIONE Come vediamo dal grafico mercoledì 17 gennaio dovremmo avere fatto il massi
Dopo una fase tentennante, il report del CFTC accetta la forza delle riforme di Donald Trump e lib
Inutile che vado a spiegarvi cosa è il Big Mac Index. Per avere ulteriori informazioni sul Big
L'azienda resa famosa dalle schedine del Totocalcio gioca la carta FinTech, per anticipare i cambiam
Ftse Mib: apre allineato alla chiusura di venerdì l'indice tricolore, dopo l'arresto della scorsa s
Guest post: Trading Room #271. Ormai siamo a un passo dalla resistenza granitica posta in area 240
ll Consiglio dei ministri ha finalmente approvato l'intesa sul rinnovo del contratto degli statali d
Anno nuovo, farsa nuova in America, uno suthdown,  che abbiamo già visto nel 2013 in
Analisi Tecnica Siamo arrivati al test dei 23800. Ora sara' molto dura in quanto ci sono delle for