CREDIT DEFAULT SWAP: ARMI DI DISTRUZIONE DI MASSA!

Scritto il alle 10:00 da icebergfinanza

 Mentre in Italia in molti si dilettano nella nuova moda paranoica ed isterica di rilasciare nuove statistiche di trilussa e  conti alla carlona sul nostro debito pubblico, noi andiamo ad osservare in anteprima da vicino quella che sembra essere la madre di tutte le crisi della storia che appare laggiù all'orizzonte.

Insieme ad Icebergfinanza, giovedi 10 novembre alle ore 20.30 presso la sala polivalente del centro civico di Cognola Trento andremo ben oltre la nebbia di questo tempo! In serata maggiori dettagli, l'ingresso è gratuito!ata , l'ingresso 

E' in preparazione per fine anno un'analisi fiume sui rischi derivati e di nazionalizzazine di una parte del settore finanziario dedicata ai sostenitori di Icebergfinanza o anche a coloro che lo vorrano diventare, analisi che cercherà di evidenziare ogni singolo rischio di questi strumenti di distruzione di massa.

Il titolo sarà: "Datemi una leva e vi distruggerò il mondo" un'analisi in cui scopriremo quello che nessuno vi ha mai raccontato!

Era la fine di dicembre del 2008, epoca non certo sospetta, quando in una piccola intervista all'amico Gianluca Bocchi su Fondionline alla domanda…  Fino a qualche settimana fa il problema dei CDS era sulle prime pagine di tutti i giornali. Ora pare calata una cortina fumogena. Ma il problema è stato risolto o meno?… risposi cosi:

Nell'anno in corso il livello dei fallimenti societari è stato sostanzialmente pari a quello del 2007 eccetto per quanto riguarda il fallimenti eccellenti di Lehman Brothers, Washington Mutual e Fannie Mae & Freddie Mac, quest'ultimi liquidati parzialmente vista la conseguente nazionalizzazione.

Premesso che per il momento il fallimento di General Motors è stato rimandato di tre mesi, sono curioso di vedere sino a che livello arriverà questa sorta di nazionalizzazione del sistema economico/finanziario mondiale, diversamente i prossimi fallimenti non potranno non dare corso a nuove imponenti svalutazioni nei bilanci delle istituzioni finanziarie che li hanno emessi.

Il mercato dei CDS è come un grande orso in letargo, un letargo dal quale difficilmente ne usciremo senza conseguenze. Spesso gli hedge fund utilizzano i CDS in maniera speculativa combinandoli alle vendite allo scoperto per annientare una società, pratica che in passato a portato le grandi banche di investimento al fallimento o sull'orlo dello stesso.

Il recente rialzo del dollaro è inoltre dovuto alla parziale smobilizzazione di alcune posizioni a leva necessaria per detenere la liquidità in previsione di ulteriori default da onorare.

Quindi il capitolo CDS è ben lungi dal essere risolto.

Si il capitolo CDS è ben lungo da essere risolto a tal punto che il mercato dei derivati è nella sostanza una sorta di immensa santabarbara dove si sta accumulando una montagna di esplosivo pronto per deflagrare alla prossima occasione!

Il buon Warren Buffet la leggenda opaca di Wall Street che si prodiga per salvare le banche americane con investimenti capestro, l'uomo che ha definito i derivati armi di distruzione di massa, ieri con la sua Berkshire Hathaway, ha subito un sensibile calo nell'utile ad opera della debacle dei risultati finanziari legati appunto ai famigerati derivati. 

Nel frattempo come abbiamo recentemente visto le ormai delegittimate dalla storia autorità regolamentatrici dei mercati hanno pensato bene di cambiare per l'ennesima volta le regole cancellando nella sostanza la natura stessa dei credit default swap, assicurazioni contro il rischio di fallimento di uno stato o azienda e costringendo dietro esplicita richiesta politica di Francia e Germania alcune banche a svalutare i propri titoli di stato sovrano e quelli di altri paesi a rischio lasciando inalterata la contabilizzazione di una massa impressionante di strumenti finanziari derivati che paragona ad immondizia è un insulto.

Nei singoli la follia è un'eccezione, nelle masse e in questo caso nei regolatori la regola.

Nel frattempo armatevi di consapevolezza e osservate il grafico qui sotto proveniente dal WSJ in un articolo dal titolo. OLD DEBT'S DOG EUROPE BANKS 

Non ho il tempo materiale per farvi la traduzione completa dell'articolo ma un buon riassunto in italiano lo potete trovare  QUI giusto per gli amanti della coppia franco tedesca ben accompagnata dagli snob inglesi che hanno riempito la loro contabilità di immondizia subprime americana.

   Eubanks

Come scrissi in Datemi una leva e vi distruggerò il mondo!

"Quando quelli di Goldman Sachs hanno aiutato John Paulson, fund manager di fondi hedge a costruire dei bonds contro poi scommettere andando short, dei bonds che Paulson sperava e contava andassero in default, il compratore dall'altro lato era una banca tedesca chiamata IKB. IKB, insieme ad un altro idiota famoso al tavolo da poker di Wall Street chiamato WestLB, ha sede a Düsseldorf, è per questo che, quando si chiede ad uno astuto Wall Street trader di obbligazioni e derivati esotici chi stava comprando tutto questa spazzatura (" *** " in inglese di Wall Street) durante il boom, in genere si dice semplicemente "Degli stupidi tedeschi di Düsseldorf".

E si la Crande Gemania! Nell'articolo si sottolinea come le banche americane sono state molto leste a disfarsi della loro immondizia immondizia che sembra ora si stivata nei bilanci delle banche europee per la modica cifra di 386.000.000.000 miliarducci di euro a fronte dei complessivi 339.000.000.000 miliardoni relativi ai debiti di tutti gli stati sovrani periferici europei quelli si da evitare come la peste.

Ora forse qualcuno comprende per quale motivo la coppia Germania e Francia è molto attiva a livello diplomatico.

Un simpatico responsabile finanziario francese ha provato a suggerire che sono tutti assets abbastanza liquidi e ben contabilizzati. Oh certo come quelli posseduti da Deutsche Bank la punta di diamante derivata tedesca con i suoi 2, 9 miliardi di spazzatura residenziale americana e subprime e altri innocenti 20.000.000.000 miliardi di prestiti concessi all'attenzione del mercato immobiliare commerciale americano il famigerato CRE. I funzionari hanno riferito che sono tutti prestiti coperti …si con la coperta corta dei derivati hihi!

Analysts at Mediobanca estimate that Deutsche's exposure to such assets amounts to more than 150% of its tangible equity—a key measure of its ability to absorb unexpected losses.

Gli analisti di Mediobanca stimano che l'esposizione di Deutsche Bank a  tali beni ammonta a oltre 150% del suo patrimonio tangibile, una misura chiave della sua capacità di assorbire le perdite inattese.

Oh yes… tangibile o non tangibile, reale o non reale, meditate gente meditate!

Si accettano prenotazioni per una corciera sull'Arca di Noè!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
54 commenti Commenta
Scritto il 8 novembre 2011 at 10:30

Andrea  forse è bene che ti dica una cosa e scusa il maiuscolo:
I CDS NON COPRIRANNO NESSUN DEFAULT!!
Per il semplice fatto che è impossibile.
Chi li comprava per coprirsi da un eventuale rischio di default è uno stupido.
Alla fine si dirà "abbiamo scherzato"
Non pretenderai mica che le banche americane e con essi gli USA paghino i default del mondo!
Gli USA sono (per ora) i più forti e i più forti dettano legge!
Mica penserai che nel mondo della finanza vige la democrazia anzi  io ho sempre avuto il sospetto che li fosse una vera è propria dittatura oligarchica.

Tutti gli stati che hanno avuto economie allegre cadranno, per ora in prima fila c'è l'Italia.
La BBC. la CNN, CNBC, AlJasira siamo in testa a tutti i titoli e di tutte le edizioni.
Quello che dicono tutti è che non siamo credibili!!!
Hai capito Andrea!!

PS
Negli anni che furono in un club Milanese(Club 44) si riunivano settimanalmente un gruppo di banchieri Italiani (la cupola) anche quelli che erano o sembravano acerrimi nemici!
Oltre ai banchieri c'erano anche qualche boiardo di stato!

A quel tavolo mancava un Errico Mattei, ma c'era Cuccia e Sindona, quel tavolo erano i "POTERI FORTI".
Spero che capirete questo mio intervento

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 10:43

Andrea, esiste la biglietteria per la crociera sull'arca?
giuseppe
ca

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 10:59

non è un po' particolare che queste manifestazioni "contro-il-sistema" (e benedette dai grandi banchieri) verngano organizzate proprio per l'11 novembre 2011?

Da vedere prima dell'11 11 11
http://vimeo.com/31762541
 

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 10:59

non è un po' particolare che queste manifestazioni "contro-il-sistema" (e benedette dai grandi banchieri) verngano organizzate proprio per l'11 novembre 2011?

Da vedere prima dell'11 11 11
http://vimeo.com/31762541
 

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 10:59

non è un po' particolare che queste manifestazioni "contro-il-sistema" (e benedette dai grandi banchieri) verngano organizzate proprio per l'11 novembre 2011?

Da vedere prima dell'11 11 11
http://vimeo.com/31762541
 

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 10:59

non è un po' particolare che queste manifestazioni "contro-il-sistema" (e benedette dai grandi banchieri) verngano organizzate proprio per l'11 novembre 2011?

Da vedere prima dell'11 11 11
http://vimeo.com/31762541
 

Scritto il 8 novembre 2011 at 11:03

Compasso,

ma quando Andrea scriveva che comprare CDS sul debito sovrano è come fare un'assicurazione contro la caduta di un meteorite sulla terra tu quale blog leggevi?

Piaccia o meno solo gli stati sovrani e le loro banche centrali possono essere prestatori di ultima istanza, non esiste sistema bancario assicurativo in grado di puntellare il debito di uno stato sovrano (se non di trascurabili dimensioni) e i fatti mostrano che quando il sistema bancario è in difficoltà continua a rivolgersi allo stato sovrano  e l'applicazione non è invertibile.
L'esperimento in sedicesimi con l'hircut del debito Greco ha già fatto capire quanto valgono in realtà i CDS, non mi meravigleri se questo strumento che era quasi marginale solo 10 anni fa implodesse rapidamente.
Qualcosa che non vale nulla (carta straccia, meno  di un tulipano) che passa in 10 anni da un valore nozionale di meno di 1000 bln a oltre 100.000 bln ( e paradossalmente più cresce più carta straccia è) assomiglia ad una delle più straordinarie  bolle speculative della storia.
Credo al capolinea.

 

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 11:04

Compasso ma tu ultimamente ci sei o ti fai andrea lo dice da giorni che i cds non servono a una cippa lascia perdere sembri il padreterno e hai gia fatto scritto parecchie boiate

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 11:27

Ciao Andrea.
Il tuo "meditate gente,meditate" è un appello vano.Il mondo si sta avviando verso uno scatafascio enorme e la gente sembra fregarsene bellamente!

Il telerimbambimento è ormai talmente profondo che è vano ogni tentativo di riaverli…:
I Cds…?Che!?
L'Fmi…?Embè!?
Il Default…?Seee!?

La vedo molto,ma molto male…
Il cappio di madreperla:http://lemieconsiderazioniinutili.blogspot.com/2011/11/il-cappio-di-madreperla-dell-fmi.html

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 11:27

Ciao Andrea.
Il tuo "meditate gente,meditate" è un appello vano.Il mondo si sta avviando verso uno scatafascio enorme e la gente sembra fregarsene bellamente!

Il telerimbambimento è ormai talmente profondo che è vano ogni tentativo di riaverli…:
I Cds…?Che!?
L'Fmi…?Embè!?
Il Default…?Seee!?

La vedo molto,ma molto male…
Il cappio di madreperla:http://lemieconsiderazioniinutili.blogspot.com/2011/11/il-cappio-di-madreperla-dell-fmi.html

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 11:27

Ciao Andrea.
Il tuo "meditate gente,meditate" è un appello vano.Il mondo si sta avviando verso uno scatafascio enorme e la gente sembra fregarsene bellamente!

Il telerimbambimento è ormai talmente profondo che è vano ogni tentativo di riaverli…:
I Cds…?Che!?
L'Fmi…?Embè!?
Il Default…?Seee!?

La vedo molto,ma molto male…
Il cappio di madreperla:http://lemieconsiderazioniinutili.blogspot.com/2011/11/il-cappio-di-madreperla-dell-fmi.html

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 11:27

Ciao Andrea.
Il tuo "meditate gente,meditate" è un appello vano.Il mondo si sta avviando verso uno scatafascio enorme e la gente sembra fregarsene bellamente!

Il telerimbambimento è ormai talmente profondo che è vano ogni tentativo di riaverli…:
I Cds…?Che!?
L'Fmi…?Embè!?
Il Default…?Seee!?

La vedo molto,ma molto male…
Il cappio di madreperla:http://lemieconsiderazioniinutili.blogspot.com/2011/11/il-cappio-di-madreperla-dell-fmi.html

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 13:39

Hello Andrea,
scusa la pignoleria da neofita del blog ma immagino che le cifre a più di nove zeri che riporti nell'ultima parte del post si riferiscano ad euro e non a miliardi (o miliarducci o miliardoni checchè se ne voglia dire) di euro. O forse è un po' di licenza poetica…

Ciao capitano, avanti così. E grazie al tuo contributo spero di esserci anch'io dalla parte giusta della barca quando verrà il momento…

RobRob

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 13:49

biscazzieri incalliti all'opera !    e sono sempre li , ogni tanto se ne sacrifica per fingere qualcuno ,  la giostra gira e pantalone paga e non capisce in quanto,  và ancora al seguito  dei biscazzieri nella speranza…………….

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 14:18

Qui c'è sempre qualcuno che confonde la Storia con le baggianate
raccontate all'osteria.

Il Galli scrive: “Enrico Cuccia è stato di volta in volta dipinto come un angelo o un demonio. Probabilmente in lui albergano entrambe le anime” (37). Il capitalismo internazionale gli ha affidato pieni poteri per la “provincia Italia” “e pertanto quel poco di internazionalità e di capitalismo che ancora esiste sotto i nostri cieli, lo dobbiamo a lui” (38).

Costui era il potere finanziario, non un componente dei "Poteri Forti"
ed è morto lasciando un capitale di 151.000(CENTOCINQUANTA
MILAEURO), PRENDENDO DECISIONI E TALVOLTA SBAGLIANDO,
soltanto CHI NON DECIDE MAI, NON SBAGLIA MAI,
ma mai per interesse personale.

http://archiviostorico.corriere.it/2007/maggio/27/eredita_Enrico_Cuccia_conto_con_co_9_070527012.shtml

Le favole risparmiamocele per le feste natalizie, quando i bambini
sono a casa dall'asilo nido.

Carpe diem
 

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 14:18

Qui c'è sempre qualcuno che confonde la Storia con le baggianate
raccontate all'osteria.

Il Galli scrive: “Enrico Cuccia è stato di volta in volta dipinto come un angelo o un demonio. Probabilmente in lui albergano entrambe le anime” (37). Il capitalismo internazionale gli ha affidato pieni poteri per la “provincia Italia” “e pertanto quel poco di internazionalità e di capitalismo che ancora esiste sotto i nostri cieli, lo dobbiamo a lui” (38).

Costui era il potere finanziario, non un componente dei "Poteri Forti"
ed è morto lasciando un capitale di 151.000(CENTOCINQUANTA
MILAEURO), PRENDENDO DECISIONI E TALVOLTA SBAGLIANDO,
soltanto CHI NON DECIDE MAI, NON SBAGLIA MAI,
ma mai per interesse personale.

http://archiviostorico.corriere.it/2007/maggio/27/eredita_Enrico_Cuccia_conto_con_co_9_070527012.shtml

Le favole risparmiamocele per le feste natalizie, quando i bambini
sono a casa dall'asilo nido.

Carpe diem
 

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 14:18

Qui c'è sempre qualcuno che confonde la Storia con le baggianate
raccontate all'osteria.

Il Galli scrive: “Enrico Cuccia è stato di volta in volta dipinto come un angelo o un demonio. Probabilmente in lui albergano entrambe le anime” (37). Il capitalismo internazionale gli ha affidato pieni poteri per la “provincia Italia” “e pertanto quel poco di internazionalità e di capitalismo che ancora esiste sotto i nostri cieli, lo dobbiamo a lui” (38).

Costui era il potere finanziario, non un componente dei "Poteri Forti"
ed è morto lasciando un capitale di 151.000(CENTOCINQUANTA
MILAEURO), PRENDENDO DECISIONI E TALVOLTA SBAGLIANDO,
soltanto CHI NON DECIDE MAI, NON SBAGLIA MAI,
ma mai per interesse personale.

http://archiviostorico.corriere.it/2007/maggio/27/eredita_Enrico_Cuccia_conto_con_co_9_070527012.shtml

Le favole risparmiamocele per le feste natalizie, quando i bambini
sono a casa dall'asilo nido.

Carpe diem
 

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 14:18

Qui c'è sempre qualcuno che confonde la Storia con le baggianate
raccontate all'osteria.

Il Galli scrive: “Enrico Cuccia è stato di volta in volta dipinto come un angelo o un demonio. Probabilmente in lui albergano entrambe le anime” (37). Il capitalismo internazionale gli ha affidato pieni poteri per la “provincia Italia” “e pertanto quel poco di internazionalità e di capitalismo che ancora esiste sotto i nostri cieli, lo dobbiamo a lui” (38).

Costui era il potere finanziario, non un componente dei "Poteri Forti"
ed è morto lasciando un capitale di 151.000(CENTOCINQUANTA
MILAEURO), PRENDENDO DECISIONI E TALVOLTA SBAGLIANDO,
soltanto CHI NON DECIDE MAI, NON SBAGLIA MAI,
ma mai per interesse personale.

http://archiviostorico.corriere.it/2007/maggio/27/eredita_Enrico_Cuccia_conto_con_co_9_070527012.shtml

Le favole risparmiamocele per le feste natalizie, quando i bambini
sono a casa dall'asilo nido.

Carpe diem
 

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 14:55

dovrebbe essere a voi noto che i cds emessi dalle 3 principali banche usa sono emssi con l'incoraggiamento della fed che li vede come un intelligente strumento x fare utili e sistemare i blianci (e pagare bonus). La fed è il prestatore di ultima istanza del mondo e non degli usa. Dimostrato ampiamente nel 2008 quando una linead di credito infinita ha tenuto in piedi le banche europee e svizzere. Fed = dollaro = potenza usa, con la quale si paga il petrolio e si mantiene la più immane macchina militare mai costruita e il più vasto apparato di spionaggio elettronico mai messo in piedi. Tutto ciò che fate dalle telefonate agli accessi a internet a ciò che comprate viene registrato- La fine del sistema finanziario che volete vedere è la fine della fed e del sistema di potere usa. Quando avverrà sarete stati primi vaporizzati da una nube radioattiva o più probabilmente decimati da misterioso batterio che lascia in piedi le cose. Sperare è lecito, non costa nulla. E l'Italia non fallirà almeno nel modo in cui lo immaginano i giornale. Figuriamoci il paese sede della 6 flotta, della base di aviano, la più grande a ovest degli urali nonchè protettorato dell'impero.

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 14:55

il brutto dell' itaglia è che abbiamo un opposizione, o meglio le opposizioni, che sono lì a sbraitare che il problema è il Berlusca.. nessun politico , confindustria , giornaletti ee4lla sera o del giorno, che alzi la voce contro l' Eba  per cambiare quelli deliquenziali pareri…l' unico è stato dott. Ferri della stessa Eba , però invitando chi di dovere a farsi avanti…ma forse è oiù importante il governo di unità nazionale.
Gianni Z.

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 15:12

Non posso credere che qualche banca in giro per il mono si sia volutamente caricata di CDS dopo il 2008. Io, che ho una cultura finanziaria di base, non lo avrei mai fatto. Non è credibile tutto questo. E non è nemmeno credibile che si accetti come un normale esito del gioco della finanza uno che ti vende solo m***a. Pertanto qui ormai siamo solo a chi ha l'esercito più grosso.

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 15:43

@ Viandante

Ma quello sul blog di franceschetti sei tu???

Luca17

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 16:14

chi è franceschetti ?

viandante

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 16:31

Un avvocato che si occupa di poteri occulti.

nell'area commenti uno che si è firmanto "il viandante" ha messo un link interessante ma particolare…credevo fossi tu e mi sono stupito, mi sono chiesto "che ci fa per questi lidi?!"

Il link era questo
http://www.anticorpi.info/2011/11/un-presagio-sul-signoraggio.html

Luca17

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 16:41

???

leggo 1 solo blog italiano, questo. E' l'unico il cui autore non spara cagate a destra e a manca. Per il resto ne leggo un paio stranieri, tempo fa molti di più ma dicono tutti la stessa cosa e non ho più niente da scoprire. A fine mese parto per l'India e torno a Maggio e là spesso non c'è neppure la luce elettrica e spendo al massimo 20 euro/giorno. Ottima cosa x eliminare il rumore di fondo prodotto di un mondo di schizzati.

viandante

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 16:58

E chi ti dice che nn lo sia pure tu???

La sai no la storiella (mi pare proprio indiana) del re e del ciambellano unici rimasti savi e saggi in un regno di sudditi impazziti a causa dell'acqua di un pozzo avvelenato da una maledizione…

Luca17

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 17:10

io lo sono di sicuro !

per questo vado lontano più che posso…. per curarmi !

viandante

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 19:22

"386.000.000.000 miliarducci di euro a fronte dei complessivi 339.000.000.000 miliardoni relativi ai debiti di tutti gli stati sovrani periferici europei quelli si da evitare come la peste."

il numero è un pò altino, qualche zero di troppo. Il dato è 386 miliardi di euro e 338 miliari di euro cioè 1 miliardo di volte in meno ma va bene così tanto sono numeri senza senso comunque.

va però detto che i miliardi in asset tossici sono illiquidi e nessuno se li compra mentre quelli dei debiti sovrani lo sono ancora (per poco) e quindi come sempre si vende ciò che si può e si tiene a libro a prezzi di costo ciò che non si può.

e va pure detto che grazie al TARP le banche americane hanno molti meno titoli tossici targati 2007 delle banche europee, cioè come sempre lo zio sam ce lo mette nel c….. E nel caso Benny fa un altro TARP e poi un'altro…. D'altra parte se uno gioca al tavolo con l'inventore del casinò e pensa pure di vincere… beh è un genio ! e se poi x difendere l'integrità morale della moneta forte manda in rovina 300 milioni di persone è un super genio ma d'altra parte se fosse un brillante stratega non avrebbe fatto e perso due guerre mondiali in 30 anni

per il resto anche senza i deliri del tizio al no. 10 è chiaro cosa sono i cds, uno strumento di pressione assai efficace il cui scopo non è assicurare alcunchè ma sbatterti con le spalle al muro e putroppo essendo tutti creditori degli usa che si stampano i dollari in casa…. beh si sono inventati un gran bel giochino… 6 a 0 per lo zio sam al gioco dei bari.

comunque temo che la ruota della roulette continuerà a girare ancora per un bel pò e comunque con tutti i suoi 47 milioni di poveri, lo zio sam ha molti cannoni non metaforici e non di ottimo pot messicano E NOI NO….male che vada li arruola tutti e li manda in iran… azzo sto diventando come no. 10. STOP !

viandante

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 20:20

Voi continuereste a comprare oro?
Ho liquidità e una persona da mantenere all'ospizio (circa 2500 euro al mese) e non sò davvero che cavolo fare….bot e btp no di certo…conti deposito? Oro? Immobii? questi 2 mis embrano i migliori ma cmq poi la retta chi me la paga…non ci capisco più nulla

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 20:37

Dopo la tua dissertazione Viandante, e visto che abbiamo capito il gioco della germania (affossare gli altri contando sulla propria presunta superiorità) e della francia (leccare il culo a usa e uk) sei proprio sicuro che ci siano tutti questi vantaggi a rimanere nell’euro? In questa Europa?
Non mi dire non abbiamo alternative.
Raffaele

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 21:15

Nessuno Tocchi Caino

Oggi ho osservato ripetutamente l'andamento dell'eurodollaro, fantastico, talmente bello da sembrare artificiosamente irreale. E in realtà irreale lo è. A dispetto di ciò che sarebbe naturale pensare, una crisi del debito pubblico Europeo dovrebbe far deprezzare enormemente la moneta unica, in realtà la si vede li bella tonica a 1.38 contro dollaro, una moneta che al suo debutto sulle scene valutarie veniva lanciata a 1,18 e subito era andata sin sotto 0.9 in un momento non certo grigio per l'Europa. Ora invece nel pieno di una debacle del debito Europeo la si vede li a 1.38 ergersi come una valuta ultra-forte. Appena l'Euro nacque qualcuno ebbe a dire che l'Euro era una moneta priva di ossatura della quale il mercato avrebbe fatto ciò che avrebbe voluto (Quel tale era George Soros). E proprio quello si sta dimostrando. Ora la tenuta della nostra valuta è da attribuire a fattori tecnici ( alti tassi di interessi rispetto al Dollaro e Bilancia commerciale Europea ancora attiva rispetto alla pesante ed endogena passività di quella Americana) ma soprattutto perchè la Fed tende a svalutare la propia moneta sul mercato per far acquisire alle proprie aziende un vantaggio competitivo sul mercato e quando il mercato compra massicciamente dollari contro Euro anche i Cinesi, peggati al dollaro, intervengono ad acquistare Euro sul mercato per mantenere invariate le loro esportazioni verso di noi. Tutto ciò asfissia le nostre aziende che si trovano a competere sui mercati con una valuta artificiosamente forte nonostante una situazione economica disastrosa e una crisi dei debiti sovrani senza pari. In questo contesto la Germania viene fatta sentire forte e la prima della classe dalla comunità internazionale. Ovviamente la Germania, da sempre assetata di domini in Europa, come Caino, tende a soffocare e a reprimere i propri Fratelli europei soprattutto dell'Europa Meridionale. di qui l'ordine Internaziona del "nessuno tocchi Caino"  (per ora). Con i suoi comportamenti infatti la da sempre possente ma miope Germania per favorire i suoi giochetti da poco conto che la porteranno comunque al fallimento, impedisce che la comunità degli stati europei si difenda adeguatamente di fronte ad un simile attacco, impedendo alla BCE di stampare come tutti gli altri stanno facendo paventando l'incubo della repubblica di Weimar, e anzicchè propugnare unità politica si affanna a seminare zizzania tra i vari membri con piccoli favoritismi che non fanno altro che esacerbare gli animi. Per cui Americani e Cinesi per ora si godono lo spettacolo e anzi fanno sentire la Germania forte e al calduccio, loro conoscono bene come ci si scanna per un pugno di dollari, Ramon al cuore devi sparare al Cuore, e sanno bene che quando spareranno spareranno al cuore, al cuore malandato della " grande Germania" che sono Deutsche Bank e Commerzbank. Ma arriveranno e quando arriveranno per la Germania sarà tardi e riparare a 3 trillions sarà impossibile, allora capiranno l'artificio dell'elvetico alla guida della loro banca nazionale, correranno alle rotative e, non gli sembrerà vero, ma avranno ricreato Weimar e il mondo per l'ennesima volta li avrà sconfitti umiliandoli. 

Il Fringuello  

PS Viandante 19 non potrei esssere più daccordo sul passaggio "del resto hanno perso 2 guerre mondiali" e, partendo da una posizione di forza, aggiungerei…

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 21:18

E sapendo anche che le tensioni sul nostro debito non si calmeranno con l’uscita (ancora tutta da vedere) di scena di B. E sapendo anche a che gioco gioca l’inventore del casinò e il suo degno compare inglese.
In tutta onestà e lucidità vedi tutti questi vantaggi?
Raffaele

Scritto il 8 novembre 2011 at 21:34

Scusami Carpe Diem, di che parli?

Io ti ho detto che delle persone si vedevano ogni settimana, fra l'altro allo stesso tavolo c'era anche Mattioli e Facis.

Ti ho voluto semplicemente dire che è stranoto che Cuccia non ammirasse Sindona (volendo usare un eufemismo), poi se mi vuoi dire che si vedevano solo per prendersi un caffè(!)…diciamo che è una tua opinione e io la rispetto…..anche se la storia di prendersi il caffe con Sindona mi sembra quasi una barzelletta.

In riferimento ai soldi che Cuccia ha rimasto in eredità , io non ho insinuato nulla.
La storia del banchiere povero è però, un pò fuori luogo, stiamo parlando di sicuro di uno dei banchieri più potenti d'Italia, durante tutto il secolo scorso (ma proprio tutto il secolo!!)

Cuccia era ne più ne meno, che l'uomo di Andrè Meyer (banca Lazard) in Italia e rappresentava un certo gruppo di interessi, Cuccia non ha fatto mai mistero di essere un uomo di Lazard. 
Questo per dire a quelli che  nominano Goldman Sach sempre a sproposito, che in realtà sono un tantino fuori strada.
Che poi Goldman sia vicina a Lazard per altre vie, ha poco a che fare con i fatti Italiani.

Cuccia aveva come suo grande sogno il controllo della Banca Commerciale (di cui lui aveva fatto parte e guidata dall'uomo che fu per molti anni suo mentore cioè Mattioli) e ci riuscì.
Nell'unica intervista audiovisiva che si ha di lui, lui non fa mistero di quello che ti ho detto.

Cuccia era uno ambizioso, ma non va dimenticato che Cuccia aveva sposato la figlia di Alberto Beneduce la Idea Nuova Socialista (è il nome  della figlia di Beneduce).
Beneduce era il consigliere economico, e uomo di fiducia di Benito Mussolini  ed era un massone non fino all'osso ma fino al midollo.

A proposito neanche Mussolini ha lasciato una lira sui suoi conti correnti, ma Ciano che era un suo sottopancia, era allora, uno degli uomini più ricchi d'italia.
Anche altri fascisti erano strapieni di soldi, poi siano morti apparentemente poveri non significa nulla, i Trust esistevano già allora.

Chi era Beneduce magari lo vai a chiedere a Galli della Loggia, però non ti scordare di chiedergli dell'IMI e dell'IRI  e sopratutto chiedi a Della Loggia della battutina di " Io non so quanto ti ho dato,  per conto dello Stato Italiano,  tu non sai quanto mi hai dato" il copirait di questa frase è di Ugo La Malfa, che conosceva sia Cuccia che Beneduce….anzi erano stati pure amici.
La battutina sta piantata in bell'evidenza in un'interrogazione parlamentare.

Detto ciò lascia le favolette ai bambini, anche la storiella dell'IRI e della grande ed efficiente industria publica Italiana e degli amministratori leggendari e "politicamente indipendenti".

Anzi se vogliamo puntualizzare l'unico che si rese veramente indipendente fu Enrico Mattei, ma lui aveva le sue ambizioni e idee e non voglio stare a ritritare storie note e stranote.

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 21:45

Per intenderci, è una domanda che mi sto ponendo. E se ci poniamo una domanda così vuole anche dire che l’inventore del casinò e il compare stanno riuscendo nell’intento.
Raffaele

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 21:49

La mia "dissertazione" è un gioco, poche righe x descrivere il mondo…. mhhh

comunque in Germania ci sono 2 forze: 1) bundesbank ortodossi difensori della verginità finanziaria 2) industrie e sindacati interessati a export e quindi guadagni e posti di lavoro. Ora la Germania ha una demografia pessima, consumi interni statici da 20 anni e prima dell'ingresso nell'euro seri problemi di disoccupazione e terribili costi di trasferimento verso la ex germania est. L'euro è una creatura voluta da (2) e accettata da (1) imponendo le ingessature di Mastricht. L'idea dei vecchi Mitterand, Kohl etc,,, era che con il tempo gli europei sarebbero andati verso una progressiva integrazione. I nuovi non avevano certo la carica dei vecchi e ad oggi sembra andare tutto a puttane. Inoltre non era certo idea originaria quella di prendere dentro tutti i perifierici.
Gli ordinativi della Germania nostro di gran lunga principale cliente (ATTENZIONE QUINDI) sono in crollo verticale (immaginate i nostri). Cosa faranno i tedeschi ? 1) si suicidano in nome della verginità monetaria 2) accetteranno un intervento della bce molto più attivo

Ora (1) non ci interessa, moriremmo insieme al nostro miglior cliente o pensate di cavarvela vendendo merendine ? Allora (2) ma certo gli italianuzzi non sono certo immuni dai peccati. Invece di fare una dico una straccio di riforma in questi anni si sono profligati nel vizio nazionale: rimandare tutto e tirare a campare (destra e sinistra, Prodi e Berlusconi). Infatti, le riforme importanti (pensioni) sono state fatte prima di entrare nell'euro. Bisogna quindi che gli italiani si diano da fare altimenti che facciamo gli diamo tutti i miliardi che poi se li mangiano i vari Tarantini, Lavitola e Penati e il milione e passa di invalidi che corrono la maratona e vanno alla stadio ? Paghiamo con i soldi della bce il ceto politico più vasto e meglio pagato della galassia (e tra i più corrotti) ?

Pensoche la bce alla fine monetizzerà mettendo un cap al differenziale BTP – BUND cioè compra tutti i btp se lo spread sale sopra X. Questo mette un bel pò di pepe al c… dei governi italiani perchè X sarà posto al limite dell'asfissia e abbassato solo se "siamo giudicati bravi" e potrebbe soddisfare la sete di sangue della bundesbank.

L'Italia fuori dall'euro sarebbe una buona idea se fosse un paese normnale e non 1) con 5 regioni governate dalla malavita 2) un ceto parassitario annidato in vari posti 3) campioni mondiali di evasione, elusione ed esportazione di capitali… 4, 5, 6,7, 8…. 99 fate voi

La principale ragione adotta poi dai fautori del "fuori dall'euro" è che così siamo più competitivi ed esportiamo di più. A chi ? I nostri principali creditori sono i nostri maggiori clienti. Secondo voi cosa accadrebbe ?

Troppo facile. I principali artefici dei casini dell'Italia sono gli italiani non i marziani. Mettano a posto le cose a casa loro e poi rimanere o meno nell'euro è un optional. Non vedo scorciatoie.

Ma anche questo è un gioco, troppo complessa la partita da descrivere in poche parole e comunque io i miei anni li ho dietro…. datevi da fare e decidete voi. Io mi limito alle chiacchiere.

viandante

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 21:55

Eh si caro Raffaele ma non si può pretendere di giocare da soli al casinò contro il banco, contro il banco in genere ci si organizza in gruppo per sbancarlo, ma se uno dei membri del gruppo è un doppiogiochista o un egoista o se addirittura nel gruppo ci sono sia un doppiogiochista che un egoista allora il gruppo ha ottime chances di finire non solo col le pezze al culo ma addirittura dietro le sbarre…  :-)

Il Fringuello 

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 22:09

Compasso,

Cuccia è stato il potere in Italia e non il rappresentante di Lazard.

E' colui che inventandosi i patti di sindacato ha mantenuto
in Italia il controllo di aziende che nel dopoguerra sarebbero
state oggetto di predazione a quattro centesimi da parte di
francesi, inglesi ed americani.

E' stato un servitore dello STATO come non ce ne sono più.

Attraverso la sua MITICA segretaria metteva sull'attenti
tutti gli amministratore delle tre BIN, che raccoglievano
soldi per lui.

Quando telefonava Lei, pur essendo al telefono, si mettevano
sull'attenti.

Altro che voglia di conquistare la Comit, per farsene che?
un' insalata?.

Unico e grave neo di Mr. Cuccia, se la si vuole dire tutta,
è stato l'affare Ambrosoli, che con più coraggio e grinta
denunciando le minaccie di Sindona, avrebbe potuto salvarLO.

Compasso, Mr. Cuccia non aveva bisogno di trovarsi
in loggie e loggette, sono le solite cinfrusaglie che si
raccontano.

Sai quante ne hanno scritte i compagnucci sull'Unità,
però i capi che ne conoscevano lo spessore andavano
 atrovarlo in incognita e non solo, in via filodrammatici 13

Ed anche quando hanno portato al ballo delle debuttanti
la loro CREATURA (Unipol)a chi si sono rivolti?

Era un soggetto non di compagnia, ma di vastissima cultura,
e non a mai permesso che nessuno dei suoi collaboratori, 
pur trattando affari riservati, speculasse per sè o per la propria
famiglia, neanche allargata.

Sempre con stima, Carpe Diem

PS: Non ha mai querelato o smentito tutte le panzane che
su di lui gionalisti da strapazzo scrivevano, tanto volava
alto, e una cosa che oggi è inconcepibile, non ha "sistemato"
i figli in posti di comando, pur avendone il potere.

Forse oggi, questo paese avrebbe bisogno  di un nuovo Cuccia.

 

Scritto il 8 novembre 2011 at 22:19

Ragazzi finitela di terrorizzarmi gli ospiti con linguaggi forbiti o esoterici perché se no mi ci metto pure io con le biforcazioni della teoria del caos e non dorme più nessuno! ;-D Buona notte Andrea

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 22:26

Viandante, puntualizzo, dissertazione è italiano non c’è bisogno del virgolettato, anche perchè non c’era nessun altro intento. Solo che con questi scritti non ssi mai come scrivere.
Detto questo, il tuo discorso è chiaro.
Però, accettiamo una Germania che entra nell’euro con un indubbio vantaggio di cambio con il quale fondamentalmente si ripaga l’unificazione della germania est. Sfrutta i paesi dell’ex blocco sovietico (ai quali è stato allargato l’euro), paesi gravati tra l’altro da un mare di debiti.
Ha un sistema finanziario di gran lunga messo peggio del nostro.
Allora ti sembra che i vari richiami UE (sembra ci sia un’ulteriore richiesta di interventi delle ultime ore) e le varie pressioni abbiano un senso? Le riforme, ditemi quali per favore per essere in linea con germania, francia e uk, le dobbiamo fare in 48 ore?
Dobbiamo far per forza far passare per buono quello SCANDALO di EBA TEST made in Ackerman? Quello è un ribaltamento della realtà.Siamo impotenti a tal punto?
Per favore non siamo strabici !
Raffaele.

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 22:30

Scusate eventuali errori, scrivo da un telefono. Raffaele

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 22:34

ciao capitano che ne pensi di quello che dice Maloney, parla anche lui di deflazione finchè l'oro non avrà assorbito tutta la massa monetaria, come avvenne a suo dire nel 1980

FVI

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 22:40

ahahaha buona notte Andrea. 

Raffaele sai in Italia siamo parecchio esterofili e quello che a te pare strabismo accecante atri lo spacciano come strabismo di Venere. 

buonanotte

Il Fringuello

Scritto il 8 novembre 2011 at 22:49

Certamente Capitano Andrea Noi comuni mortali ci stiamo realmente "spaventando" seguendo le recenti avventure finanziarie………………..ma comunque il DB non ve lo paghiamo hehehe.

La Teoria del Caos sembra che dica che  i finanzieri sono talmente furbi (ed esperti) da riuscire a distruggere la "gallina dalle uova d'oro"; speriamo veramente che vada così e oltre che a perdere gli interessi perdano anche il Capitale…………….speriamo.

Un saluto

SD

PS
Oltre a mister B se ne và anche l'altro 50% dei dipendenti inutili !!!!!!!!! Buona fortuna a Voi

Scritto il 8 novembre 2011 at 22:51

Scusate

Volevo scrivere DP e non DB

SD

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 23:17

Carpe Diem, quello che dici mi sta anche bene MA Cuccia era uno che pensava il paese andava governato da "saggi e integerrimi" elitisti come lui perchè il popolo che aborriva era incapace a farlo. Dopo di lui e non solo lui sono arrivati i "populisti" che al grido  "è il popolo che decide" lo hanno preso x i fondelli x 30 anni e di cui il bananissimo è stato il campione finale, la versione nazional televisiva di Peron. L'Italia è un paese profondamente immaturo perchè tra le tante cose i suoi cittadini sono stati beneficiati chi più chi meno da politiche clientelari e anti meritocratiche che ci hanno portato a dove siamo ora. Oggi cercare di smontare l'infinita rete di piccoli o anche solo presunti "vantaggi" che i mille grupposcoli in cui è polverizzata la società nazionale ritiene di beneficiare in eterno è impresa impossibile a qualsiasi governo. Ergo l'Italia andrà definitivamente in vacca. Qui dissento rispetto il buon Andrea e il suo ottimismo di chi è nato e vissuto in una regione profondamente atipica. Concordo invece che anche altri popoli sono comunque stati o si sono voluti ingannare e dovranno affrontare problemi simili. Siamo popoli di vecchi con una età media di 45 anni, pochi figli, ci salvano gli immigari che puliscono il culo ai vari nonni in carrozzella. Per me tutto l'occidente si è fottuto da solo e rinascerà solo dopo un gigantesco falò e quando l'età media sarà tornata a 30 anni.

viandante

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 23:23

Raffaele "dissertazione" è autoironico perchè non ho nulla di cui dissertare e nulla da insegnare, solo chiacchiera post atomicha per nottambuli. Quello che dici è vero ma non è in antitesi con quanto scritto da me. Ci vorrebbe un volume e ce lo scriviamo tra noi tra un post e l'altro

viandante

utente anonimo
Scritto il 8 novembre 2011 at 23:33

Ci sto.
Ciao viandante.
Raffaele

p.s.: le ultime tre righe del tuo commento 36 rispondono in parte e indirettamente al mio quesito…..
Scherzo….come dici tu avremo molte altre occasioni per approfondire.

utente anonimo
Scritto il 9 novembre 2011 at 00:05

Esperienza da condividere…

…volevo rispondere un po´ a tutti grazie per le varie risposte, ma volevo dividere con voi un´aneddoto di questa estate, quando ho incontrato un giovane attivista politico americano, giovane vuol dire 22 anni intendiamoci!

Parlando del piu´e del meno mi ha confidato una cosa del tipo...vedi quando sei giovane e vedi tutti questi politici del Congresso pensi chissa´che visione, che esperienza, che capacita´e conoscenze…poi man mano che li avvicini ti rendo conto che sono spesso piu´impreparati di te, non capiscono nulla di quanto stanno dicendo e sono estremamente superficiali e bevono tutto quello che gli si dice !

Questo a mio avviso e´il problema, credetemi, in tanti post di questo blog (ed ovviamente articoli del Capitano) ho trovato un livello enormemente superiore a quello di tanti pennivendoli che fanno articoli a righe.

Allora concludendo il problema attuale che investe tutti noi, e l´Europa in particolare, e´proprio la mancanza di politici capaci e visionari…che sappiano quanto stanno facendo !

Ma la risposta migliore me l´ha proposta lo stesso biondino…ormai mi aspettavo una classica risposta antipolitica e lui se ne e´ uscito con ADESSO MI IMPEGNO ANCORA DI PIU´ PERCHE´ VI SIANO POLITICI PIU´ PREPARATI, per cui non mi interessa se a DX o SX ma ancora una volta impegnamoci a costruire un futuro migliore…le idee ci sono da parte di tanti…fatele camminare !

Un saluto
Massimo

Scritto il 9 novembre 2011 at 00:17

Cuccia era genero di Beneduce che era di fatto il grande finanziere del fascismo creatore di IRI e IMI, uomo a cui tutti dovevano qualcosa.
Cuccia aveva conosciuto Meyer  che poi divenne uno dei dominus di Lazard.
Cuccia divenne boss di Mediobanca nel 46,  era l'unica banca autorizzata ad avere partecipazioni industriali.
Era potente Cuccia? Non aveva concorrenti!
Aveva l'appoggio di colossi bancari straanieri e  rappresentava interessi inconfessabili.
All'estero non vedevano di buon occhio l'IRI in quanto troppo comunista come azienda e poi riceveva una valanga di aiuti e sovvenzioni.

Ma se vogliamo dimenticare le operazione dei "capitani coragiosi" in Telecom, le operazioni "Gemina" sulle spoglie del gruppo Ferruzzi.

Dimentichiamoci pure che Cuccia praticamente appoggiava solo una certa finanza familiare ed era nemico di qualunque finaza "venture" che invece ha reso l'America e il mondo Anglosassone molto più dinamici di noi.
Dimentichiamoci di Cuccia e Maranghi che trattavano tutti in modo non sempre elegante.
Dimentichiamoci della "Foresta pietrificata"
Dimentichiamoci degli accordi di sindacato che si facevano sempre alle spalle dei piccoli azionisti!

Ma di Ambrosoli che finì ammazzato, qualcosa la vogliamo imputare a Cuccia!!

Di ligresti vogliamo parlare!

Cuccia ha attraversato la caduta del fascismo, più di quaranta governi fra prima e seconda republica, considerando che era praticamente asociale e poco socievole!
Una spiegazione perchè fosse sempre al suo posto bisogna darsela!
Comunque se voi pensate che nel "bordello Italia" lui fosseun uomo integerrimo, capace e onesto..io rispetto il vostro pensiero.

utente anonimo
Scritto il 9 novembre 2011 at 00:17

Si è verissimo massimo i politici attuali di tutti i paesi occidentali sono sostanzialmente ignoranti ed impreparati ma forse molti sono anche in malafede a giudicare la confusione europea attuale.
Così come la media del popolo e i suoi falsi miti.
Dovremmo investire ad usare un pò di più il cervello i tassi d'interesse per questo sono sempre altissimi e senza rischi di spread.

Giuseppe

Scritto il 9 novembre 2011 at 00:21

I CDS sono veramente una porcata, scusate il termine. Che poi mi dico, se salta l'Italia salta tutto il sistema finanziario mondiale, non prendiamoci in giro. Non rimarebbe nessuno per pagare queste assicurazioni…

utente anonimo
Scritto il 9 novembre 2011 at 01:23

Il presente falsificato genera un futuro malato. La storia si vendica…
Slawomir Mrozek

Saluti
Massimo

p.s. ma se i CDS sono assicurazioni…ci sara´ scritto da qualche parte nei contratti, come ogni assicurazione che si rispetti che in caso di force majour il contrato e nullo…magari chissa´ da qualche parte cé scritto che se la Grecia esce dall´Euro allora i CDS non sono piu´ validi hahahahaha !!! Ma i gonzi intanto pagano…

Scritto il 9 novembre 2011 at 02:08

I CDS non sono un problema per il semplice fatto che non pagheranno nulla. 
Quindi è come non esistessero.
Non possono pagare perchè è impossibile coprire il default di uno stato come la Grecia, dove cè una bassa esposizione di CDS.
Immaginate di coprire il default dell'Italia.

I CDS sono sopratutto di banche americane, sono nel mercato OTC, non regolamentato, questo significa che non esistono meccanismi automatici di regolazione dei corrispettivi a fine giornata
-ergo- le grandi banche non tireranno fuori un centesimo e lo stato americano gli darà appoggio in questo.
Chi ha CDS quindi ha in mano un'assicurazione inutile?
La risposta è si!

Dimenticatevi i CDS, non sono nulla e non rappresentano nulla chiaro!!

Vi consiglio quindi di concentrarci sulle conseguenze per l'Italia.

Significa, che chiunque, da oggi in poi acquista obbligazioni statali deve accettare il rischio di default, quindi più rischio vuol dire che gli stati in ispecie quelli Europei, non avranno più soldi a basso costo.
L'Italia sta con un piedi nel vuoto, ma la Spagna solo un poco meglio in quanto ha un debito pubblico basso e una maggiore elasticità fiscale.

L'Inglilterra ha un deficit mostruoso, che deve ridurre, ad ogni costo e un'operazione di espansione monetaria  ben gestita potrebbe addirittura risollevare le sorti dell'Inghilterra.

Il vero rischio è fare l'errore del Giappone, ciò dare soldi alle banche che poi usano quel denaro per speculare o in operazioni di carry trade che si sono rilevate una sciagura.

Bisogna usare i soldi per costruire ricchezza, quindi aziende che producono e vendono (lasciando fallire quelle oramai decotte) e sopratutto creare infrastrutture, evitanto il più possibile gli sprechi.

Purtroppo spendere bene i soldi pubblici è molto difficile per la stessa natura del sistema politico, questo è uno dei motivi fondamentali perchè malgrado l'Inghilterra sia più incasinata dell'Italai potrebbe addirittura uscire rafforzata dalla crisi, gli Inglesi faranno le cose in modo serio.

Forse anche gli Spagnoli saranno capaci di fare le cose perbene, il problema sono gli Italiani e i Greci che proprio non riescono a far uscire le ciambelle con il buco.

L'Europa e Draghi sanno perfettamente come si fa un'operazione di "stampare soldi " per far riprendere l'economia!
Il problema è costringere gli Italiani a spendere nel modo giusto i soldi che gli verranno dati.
Ogni euro dato all'italia ne deve produrre molto più di uno di ricchezza.
Il fatto che l'Italia abbia visto un aumento del debito, maggiore dello sviluppo significa che i soldi sono stati sprecati e le politiche sono sbagliate.
Cioè ogni euro di debito produce meno di un euro di ricchezza, questo vuol dire che dare soldi all'Italia in queste condizione è un suicidio, tutto qua sta il problema.

E' perfettamente inutile che scomodiate Roubini o il Padre Eterno o chi sà quale premio nobel.
Il problema è spendere nel modo giusto i soldi, in questo contesto è indispensabile la massima trasparenza e equilibrio fra crescita reale e aumento reale delle entrate dello stato, più è richiesta una distribuzione bassa della ricchezza, cioè i soldi devo andare a chi li spende tutti per beni di prima necessità.
Ogni euro che finisce fuori dai confini nazionali abbassa e come se fosse un euro buttato, che finisca all'estero lecitamente o meno.

La politica di espansione monetaria funziona solo ce i soldi arrivano all'economia reale, il discorso del "Cammello che portato alla fonte ma non vuol bere è una favola"
Quello che hanno fatto i Giapponesi nel loro "ventennio perduto" è stato quello di salvare i grossi e potentissimi gruppi industriali bancari, cioè hanno fatto una sporchissima operazione di salvataggio stile feudale, hanno incassato una montagna di soldi, che hanno preferito mettere a rendita finanziaria piuttosto nella produzione vera.

Il Giappone è ciò che non bisogna fare!

L'Italia da questo punto di vista sta nelle condizioni peggiori!

utente anonimo
Scritto il 9 novembre 2011 at 20:03

Ahi ahi…Il Diavolo viene allo scoperto…

http://it.finance.yahoo.com/notizie/Italia-Mario-Monti-nominato-spystock-3987592623.html?x=0

Difficili combattere i poteri esterni se metti al comando i loro servi…

Seri e Grossi guai in vista altro che Spread…

Il Nulla

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
La settimana scorsa abbiamo intravisto un quadro di mercato abbastanza negativo. Era necessario un
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Ftse Mib: l'indice italiano apre l'ottava in lieve ribasso. I livelli da monitorare rimangono gli st
L’attenzione in questi giorni è concentrata sulla pensione di primo pilastro, i tentativi per sca
Più di Jerome Powell e della sua FED. Mario Draghi ha dimostrato di essere il banchiere central
Più di Jerome Powell e della sua FED. Mario Draghi ha dimostrato di essere il banchiere central
Mentre ci avviciniamo al Santo Natale e la cometa ha sfiorato sabato la nostra travagliata Terra
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Stoxx Giornaliero Buonasera a tutti, Stoxx che asseconda l’uscita ribassista dall’ultimo