ASPETTANDO BERNANKE GODOT!

Scritto il alle 11:17 da icebergfinanza

 Ieri la Germania ha provato anche solo per un istante cosa significhi un'Europa nella quale ognuno va per conto suo sia nella scelta strategica di difesa di quello che resta dell'Euro sia nelle strategie spesso inutili di "temporanea" difesa dalla speculazione.

In molti dimenticano la fragilita' finanziaria delle banche tedesche che hanno alimentato l'orgia del debito e le illusioni di alcuni parsi europei, in molti dimenticano come in fondo senza esportazioni le sicurezze di un paese dove i consumi interni sono anemici sparirebbero, altro che tripla A per tutti. In Germania l'ombra della Repubblica di Weimar fa dimenticare che l'iperinflazione, la presunta monetizzazione del debito in una depressione economica e' poco piu di una leggenda metropolitana.

Tutte e sottolineo tutte le crisi iperinflattive della storia hanno origine da dinamiche politiche e non solo monetarie.

In Germania dal presidente della Repubblica al ministro del lavoro, dal ministro delle finanze, passando per la Bundesbank sino ad arrivare al popolo dimenticano o fanno finta di dimenticare che il canto delle cicale europee e' stato possibile anche grazie agli strumenti allegramente forniti dalle loro banche.

La Germania deve decidersi a salvare le proprie banche fornendo direttamente il capitale necessario e non facendo finta di apportarlo al fondi salvastati il quale lo eroga ai paesi in difficolta' che lo girano a loro volta a sostegno delle proprie banche che finanziano il ritorno dei capitali alle banche tedesche creditrici.

Ma di questo nessuno ne parla la colpa e' esclusivamente dello strumento e non di colori che li suonano o l'hanno condapevolmente fornito privo di assicurazione.

Tutti a puntare il dito sull'Italia ma non sulla Svizzera che ha finanziato la follia americana o la Germania come abbiamo visto, solo perche' siamo pieni di titoli di stato, di uno stato che ha il piu alto livello di ricchezza privata al mondo in grado di cancellare quattro volte il proprio debito pubblico. Sublime!

Ci sara' da ridere quando la verita' tornera' ad essere figlia del tempo! Sul Sole 24 ore di oggi sapienti menestrelli come Perotti e Zingales si chiedono chi paghera' il prezzo del salvataggio dei piu deboli ironizzando sulla proposta Prodi/Curzio che secondo il sottoscritto ha due punti di debolezza, uno la leva e due garanzie fittizie come quella sull'oro.

La Germania deve accettare la responsabilita di avere contribuito a creare l'instabilita' europea e non ha bisogno di due scienziati che ci ricordano un giorno si e uno no l'azzardo morale del salvataggio della Grecia. Dove stavano questi illuminati negli anni passati mentre il loro capitalismo doveva essere salvato dallo Stato per non fallire miseramente come la loro ideologia?

Nel frattempo in America il buon Buffet cerca di salvare il fantasma di Bank of America dopo aver proposto una maggiore tassazione dei super ricchi come lui per pulirsi l'anima. Inoltre Obama fa rima con l'oracolo di Ohama e chissa che non sia stato proprio lui a suggerire l'ennesimo fallimentare sostegno al mercato immobiliare americano attraverso una riduzione dei tassi di interesse finanziata dallo stato di cui Bank of America non manchera' di beneficiarne.

Questa e'gente che non fa mai nulla per niente e quando si muove ha le spalle coperte e garanzie eccelse. La socializzazione delle perdite e la privatizzazione dei profitti continua.

Questa sera l'emblema del fallimento della politica monetaria parlera'da Jackson Hole, l'ultima guerra. La speranza di questo mondo a sua volta fallito e' che Ben possa estrarre dal suo cilindro pseudomagico l'ennesima sorpresa, qualche nuova fantasia monetaria anche se e' presente il rischio questa volta, di vedere volatilizzarsi la fiducia in un medico che ha fallito tutte le diagnosi e non ha inventato alcuna cura miracolosa.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
39 commenti Commenta
utente anonimo
Scritto il 26 agosto 2011 at 11:03

Capitano cosa ne pensi di questo articolo
http://globaleconomicanalysis.blogspot.com/2011/08/gold-worlds-currency.html del buon Mike?!

L'oro rappresenta  il mezzo più semplice per riequilibrare i giochi, ma allo stesso tempo, oltre a rappresentare un metodo difficilmente applicabile senza che si scateni un putiferio, significherebbe anche far riemergere i classici e vecchi particolarismi nazionali e oltretutto non garantirebbe di fermare il gioco delle svalutazioni competitive e/o speculazione.

In ogni caso, il ministro del lavoro deutsche per ulteriori prestiti alla grecia vuole come collaterlae l'oro.

Evidentemente pensavano che il ciclo di riutilizzo dei rifiuti fosse applicabile anche alla finanza… ma vaglielo a spiegare ad un tedesco, che la spazzature fermenta e si trasforma in materiale organico riutilizzabile, mentre quella finanziaria fermenta solo al fine di sparire.

Angelina Merkel, aspettiamo tutti con ansia la ricapitalizzazione/nazionalizzazione delle tue bancarelle di carta straccia e le conseguenti svalutazioni che verranno…

Liverpool

utente anonimo
Scritto il 26 agosto 2011 at 11:03

Capitano cosa ne pensi di questo articolo
http://globaleconomicanalysis.blogspot.com/2011/08/gold-worlds-currency.html del buon Mike?!

L'oro rappresenta  il mezzo più semplice per riequilibrare i giochi, ma allo stesso tempo, oltre a rappresentare un metodo difficilmente applicabile senza che si scateni un putiferio, significherebbe anche far riemergere i classici e vecchi particolarismi nazionali e oltretutto non garantirebbe di fermare il gioco delle svalutazioni competitive e/o speculazione.

In ogni caso, il ministro del lavoro deutsche per ulteriori prestiti alla grecia vuole come collaterlae l'oro.

Evidentemente pensavano che il ciclo di riutilizzo dei rifiuti fosse applicabile anche alla finanza… ma vaglielo a spiegare ad un tedesco, che la spazzature fermenta e si trasforma in materiale organico riutilizzabile, mentre quella finanziaria fermenta solo al fine di sparire.

Angelina Merkel, aspettiamo tutti con ansia la ricapitalizzazione/nazionalizzazione delle tue bancarelle di carta straccia e le conseguenti svalutazioni che verranno…

Liverpool

utente anonimo
Scritto il 26 agosto 2011 at 12:23

Montecristo:

La   mente  intuitiva è  un   dono   sacro,mentre la   mente razionale è  un  fedele   servo.Noi   abbiamo  creato  una   società  che  onora il   servo  e  ha   dimenticato il dono.
A.Einstein.

utente anonimo
Scritto il 26 agosto 2011 at 13:05

Montecristo:

A   volte   visto  i   movimenti  assurdi  che   si  vedono   oggi   sui   mercati  o   sospettato   che   addirittura   potesse   essere   satana  in  persona   a controllare  i  mercati  ma   facendo  una   più   attenta   analisi    o   attenuato  le   mie  percazioni   su   chi  possa   realmente   manovrare   i  mercati   finaziari   e   sono   arrivato   alla   conclusione   che  potrebbero   essere   gli  alieni.Mi   raccomando  non   ridete   molto  che   di   solito   le  mie   percezioni   su   quello   che   succede   si   rivelano   vere.

State   ridendo  è….

utente anonimo
Scritto il 26 agosto 2011 at 13:07

Montecristo:

Scusate   errori

Ho, percezioni,finanziari.

utente anonimo
Scritto il 26 agosto 2011 at 14:47

Banche italiane tartassate: oggi la scure arriva da RBS CRISI | Questa settimana c'è stata una vera e propria carrellata di giudizi contro gli istutiti bancari quotati a Piazza Affari. Prima JP Morgan, poi Deutsche Bank, ora Royal Bank of Scotland. Intanto secondo alcune indiscrezioni Intesa SanPaolo e Unicredit rischiano di uscire dallo Stoxx50 europeo

da che pulpito viene la predica………..

utente anonimo
Scritto il 26 agosto 2011 at 14:51

… tutte le generazioni precedenti hanno conosciuto una guerra da vicino ..

… la ns. generazione potrà raccontare di aver vissuta la guerra economica..

… qualcuno scherzava al grido scialuppe scialuppe scialuppe …

… credo che molti vorrebbero esserci saliti alcune settimane fà …

… adesso dovranno attraversare l'oceano a nuoto con mare grosso e cielo cupo . Mai il titolo del libro La tempesta perfetta poteva essere più azzeccato . Osservando il barometro , le indicazioni segnalano depressione , che come tutti i marinai sanno , non porta ad ascoltare il leggero fruscio delle onde …

Quanti alberi tagliati per stampare carta senza valore …
Quanti stupidi valori dati a mattoni cementati…

e quanta inutile fatica per accumolare queste cose , passeggiando su milioni di anime private di tutto….      Fiorentino Dispettoso

utente anonimo
Scritto il 26 agosto 2011 at 15:37

Intesa e Unicredit … le gemelline Italiane di un tempo che fu …. ma perchè?

Certo qualcuno ad est si era un tantino montato la testa, e poi piattaforme trading da far paura per l'estensione dell'offerta, l'impero del "pioneer", magari un tantino troppo di Zalesky – Tassara, e poi profumo, passera …. chissà … ma in ogni modo oggi il valore delle azioni non rappresenta assolutamente il capitale ed il potenziale delle due banche italiane … almeno stando ai bilanci e agli stress test, anzi … sarebbe curioso fare un confronto fra la capitalizzazione azionaria di una BNP e le nostre due infelici gemelline …… che siano in vendita? Ma …

Il mercato non sconta mai nulla, segue solo le correnti che qualcuno alimenta, spesso con veri fiumi di liquami. Ma in questo mondo di regole fasulle e di bastardi è una storia vecchia e quindi non c'è morale, solo il valore al momento di comprare e quello al momento di vendere.

Okkio marinai, specie con le "leve" … con questo mare, con questi cavalloni imbizzarriti all'apparenza, il rischio è di perdere in un istante quel poco che si possiede. I guadagni miracolosi di questi tempi li fanno solo gli squali, e quei pochi pesciolini che riescono a stargli veramente appresso.

Potendo, meglio stare a guardare.
Prima o poi passerà e … se quel che resta potrà navigare allora si potrà pescare, forse in un mare migliore. Se si seguono le sirene sugli scogli ….

Saluti

Francia R

utente anonimo
Scritto il 26 agosto 2011 at 15:59

JACKSON HOLE

generico e deludente il discorso di Ben, forse in privato hanno deciso qualcosa di serio???

utente anonimo
Scritto il 26 agosto 2011 at 16:03

Oggi, 24 agosto 2011, non c’è nessuna possibilità matematica di sapere se siamo alla vigilia di una gigantesca rivoluzione planetaria, progressista e progressiva, come fu senz’alcun dubbio quella francese, oppure siamo alla vigilia di una immane catastrofe che produrrà soltanto fame, distruzione, e una estensione di povertà in Occidente quale non si verificava da almeno 500 anni. Lo sapremo soltanto dopo…………
(Christina Romer)

Scritto il 26 agosto 2011 at 16:09

Attenzione a chi opera allo scoperto sui future ed altri strumenti
derivati….si è passibili di sanzioni, a meno che non siano a
copertura di titoli che si possiedono già.

Allego link della Consob :
http://www.consob.it/main/documenti/bollettino2011/d17911.htm

PS: Anche in altri paesi, Germania compresa, sono stati presi
provvedimenti analoghi.

Scritto il 26 agosto 2011 at 16:09

Attenzione a chi opera allo scoperto sui future ed altri strumenti
derivati….si è passibili di sanzioni, a meno che non siano a
copertura di titoli che si possiedono già.

Allego link della Consob :
http://www.consob.it/main/documenti/bollettino2011/d17911.htm

PS: Anche in altri paesi, Germania compresa, sono stati presi
provvedimenti analoghi.

utente anonimo
Scritto il 26 agosto 2011 at 17:45

Le banche usa hanno un asset finanziario circa il loro pil.
Le banche europee compreso la svizzera hanno un asset finanziario
il triplo del pil europeo,audace  in una situazione di ripresa generale 
ma molto rischiosa in ambito di mancata crescita.Anche uno sprovveduto capisce nonostante tutto gli investitori lo sanno e per questo comprano titoli usa p' li ritengono piu'sicuri.I promotori finanziari lo sapevano per questo li ritengo dei grandi malfattori e ipocriti.Silver

Scritto il 26 agosto 2011 at 19:05

Certo che se la Romer ha veramente espresso queste considerazioni in molti si stanno preparando ad abbandonare la nave! Andrea

utente anonimo
Scritto il 26 agosto 2011 at 21:56

Montecristo:

Questo   2011  è   proprio un  anno   nefasto.Tsunami  in   giappone,,crisi   economica,guerra in   Libia,attentato  in  Norvegia  e  altro.In   questi   ultimi   giorni  poi,  New  York   è  stata  interessata  da  un  terremoto   e  sembra  che   questo   wekend  potrebbe   esserci   uno  tsunami,a  detta   degli  esperti  a  causa   dell'uragano.Delors   che  parla   dell'euro   sull'orlo   del   precipizio,Greespan   che   dice   che   si   sta   per   spaccare- Secondo   me   veramente   siamo  ad  un  bivio  epocale per  il  mondo,spero   con   tutto  il   cuore   che   s'inventino   qualcosa   per   evitare   una   possibile   scigura   all'umanità.

utente anonimo
Scritto il 27 agosto 2011 at 00:56

Se la Romer…..

praticamente è come ohama con omaha.

Lasciamo perdere

Scritto il 27 agosto 2011 at 02:22

In questo momento quelli che hanno più paura sono i politici, la loro principale preoccupazione è che i banchieri non l'abbiano raccontata tutta.
Per molti  politici più accorti è anche più di una preoccupazione,  per  loro è una certezza.
Piano piano stanno salendo all'onore delle cronache tutto la verità sulla massa di soldi usata dalle banche centrali per salvare il sistema.
Quando la gente si renderà conto che i banchieri hanno completamente stravolto il rapporto fra massa monetaria e "ricchezza reale" (termine oramai privo di significato) allora molti capiranno la triste realtà.
Quando Eistein elaborò la teoria della relatività, molti grandissimi scenziati parlarono della maggiore scoperta di sempre,
Poi molti redatori di giornali si resero conto che non sapevano come spiegare questa notizia, nessun giornalista era in grado di spiegare la teoria della relatività.
Un grosso giornale arrivò ad offrire una grossa somma per colui che avesse scritto il miglior articolo che spiegasse in "parole povere" la teoria della relatività.
La finanza attuale è ancora poco conosciuta e tanto meno compresa,
ma sono sicuro che prima o poi qualcuno scriverà un bell'articolo su come funzionano le banche e poi voglio veramente vedere cosa diranno i banchieri.
La cosa sarà chiara quando verrà messa in campo la VERA OPZIONE ZERO!, che non è una politica di quantitative easing, ma qualcosa di apparentemente più logico, ma nello stesso tempo devastante, per la credibilità del sistema finanziario!
Ora si proverà a fare le cose in modo da far sembrare che si vogliano salvare le persone, ma la verità è che si vuole tenere a galla la finanza!
Ma oramai il re è nudo!

utente anonimo
Scritto il 27 agosto 2011 at 10:35

Quando sei debole mostrati forte, quando sei forte mostrati debole (Zun Zhu, L´arte della Guerra).

Cari mie essendo in guera dobbiamo parlare di guerra ! Nelle guerre non si sono spettatori, o si sta da una parte o si sta dall´altra l´essere spettatori non e´ possibile.

In tutti gli articoli che leggo sembra che l´Europa e l´Euro siano al collasso…ma per me e´ l´opporto, guardate il cambio USD / Euro che vi dice ? Guardate la Cina, l´agenzia di rating cinese da una bella A- al debito US credete che credano maggiormente a Mooddies & SSPP o alla loro agenzia? Guardate il Franco svizzero, rincorsa a testa bassa, quotazioni in salita che distruggeranno le esportazioni…per cosa aggiangiare l´Euro e magari come qualcuno da Berna sussurra provare una sorta di peg !!!! Cui prodest allora la debolezza dell´Euro…solo US e UK che con il Pound cerca di stare fuori dai riflettori (quanti articoli trovate sul FT che parlino del defici corrent del 10%-12% e di baunlier in rivolta per la mancanza assoluta di prospettive…suvvia siete ormai come le Grecia ammettetelo).

Ed allora non continuiamo ad autoinfliggerci..portiamo avanti una bella tassazione sulle transazioni finanziarie (nel 1972 esisteva il fissato bollato una tassa del 3 per mille sulle transazioni ve lo ricordate o no ?) e su quei 460.000 Miliardi di prodotti finanziari….che mai nulla hanno pagato…difficiel da fare no basta solo volerlo !!!

Saluti
Massimo

utente anonimo
Scritto il 27 agosto 2011 at 10:38

Montecristo:

Bravo   Compasso   sei   sempre   originale.

Scritto il 27 agosto 2011 at 10:47

Il Compasso #15 sottoscrivo completamente.

La resa dei conti arriverà sicuramente è solo questione di tempo, il centro del potere stà collassando e ci sono altri pronti a prenderne il posto; poi tutti quei signori senza "arte nè parte" che hanno vissuto oltre le loro possibilà si dovranno arrangiare…………………non c'è nè più per nessuno……….auguri e buona fortuna.

Per quanto riguarda la Teoria della Relatività ci saranno 10 persone in tutto il mondo che la comprendono veramente……………………ci sono 4 dimensioni o forse 7 o 11 o chissà e non solamente le 3 che pensiamo tutti; i giornalisti avranno grosse difficoltà a spiegarle anche perchè a loro non interessa spegare la verità ma pilotare il popolo !!!!!!!

Un saluto

SD

utente anonimo
Scritto il 27 agosto 2011 at 11:32

Te sarai pure competente, ma imparare a scrivere in italiano mai??

Scritto il 27 agosto 2011 at 12:37

Scrivere la notte e gratuitamente non implica pure perdere tempo a guardare le virgole o il lessico. Se trovi il tempo da dare una mano fammelo sapere gratuitamente si intende! Saluti Andrea

utente anonimo
Scritto il 27 agosto 2011 at 12:52

Concordo con te compasso…ma credo che i politic abbiano paura che la gente scopra che erano conniventi con i banchieri ! Basta leggere Braudel per capire che il mercato ed il capitalismo non cerca la competizione, ma a livello occulto un accordo con i politici per consolidare (con il supporto dei governi) i loro monopoli !

Infatti banchieri e politici hanno gli stessi fini i primi far fare alla gente debiti per estrarre ricchezza dalla gente i secondi tramite l´indebitamento ottengono un controllo indiretto…ogni debitore di fondo e´ uno schiavo !

Adesso pero essendo i debiti troppo alti la gente e´ schiacciata e si vuole ribellare….Londra docet !

Sarebbe bello tornare alla democrazia !

Massimo

Scritto il 27 agosto 2011 at 16:14

come ho avuto altre volte occasione di scrivere , mi sono fatto l'opinione che l'attuale situazione economica abbia origini lontane, almeno 40 anni.
La crescita dell'economia post industriale e in corso di globalizzazione non poteva coesistere con il gold standard perchè si avrebbe avuto una situazione di cronica deflazione ed una costante mancanza di liquidità.
Il Fiat Money poteva supportare la crescita economica se fosse stato gestito da un sistema finanziario onesto che avrebbe dovuto costantemente riassorbire l'eccesso di liquidità che veniva immessa costantemente nel sistema economico. Garantendo crescita economica reale con bassa inflazione grazie all'aumento della produttività.
Questo non è avvenuto e abbiamo avuto una vera iperinflazione ( 2000% ) durata 40 anni ad opera del sistema finanziario.
Il denaro creato si "deteriora rapidamente" ma all'inizio è ancora "buono" e chi si trova vicino alla sorgente ingrassa a vista d'occhio.
Ora tutta questa massa di liquidità, trasformata in strumenti di ogni tipo ha raggiunto un livello ingestibile.
Non so come si possa trovare un modo per spiegare quanto è accaduto ma in un certo senso le persono lo hanno capito. Ed hanno capito che la colpa è di banchieri e politici.
Quello che ancora non si è capito è cosa fare perchè nessuno è disposto a segare il ramo su cui bene o male è seduto.
 

utente anonimo
Scritto il 27 agosto 2011 at 17:17

Si, le persone stanno anche capendo che un semplice ebook reader da 100 euro costruito per durare decentemente violando la sacra legge dell’obsolescenza programmata in questo finto libero mercato puó contenere numerose biblioteche a costi irrisori nei giorni in cui si vedono i genitori fare la fila davanti alle librerie a comprare tonnellate di libri a prezzi assurdi che poi dovranno essere ricomprati l’anno successivo causa lo spostamento di alcune virgole fondamentali per i progressi fatti dal mondo della cultura in pochi mesi. É la tecnologia che ha messo a nudo il re (le oligarchie) in maniera irrimediabile nell’ultimo secolo per questo o ce ne partiamo tutti verso un futuro luminosissimo degno dell’essere umano o ce ne torniamo nel medio-evo con drastica riduzione del numero di abitanti del pianeta per assenza di risorse anche se l’80% del pescato deregolamentato ultimamente viene congelato perché invenduto nella speranza di farci almeno del mangime anche se lamgrande distribuzione getta una quantità enorme di alimenti anche se un piano di investimenti in alta tecnologia per favorire l’autosufficienza alimentare dell’africa non é mai fallito soprattuttomperché non é mai stato fatto e a noi piace fingere di mandare aiuti umanitari. Progredire all’essere umano é vietato da tutti i tipi di dogmi conosciuti da quelli religiosi a quelli dello scientismo questo é in estrema sintesi ovviamente c’é sempre chi si fa convincere del contrario allora rassegnamoci prrché cosí di sicuro non possiamo continuare c’é qualche miliardo di individui di troppo qui visto che non ci sono risorse per sparare in testa uno alla volta lasciamoli morire di fame.
Giuseppe.

utente anonimo
Scritto il 27 agosto 2011 at 19:23

proviamola a metterla così: se Intesa e Unicredit avessero nei rispettivi portafogli l’equivalente dell’attuale esposizione in btp in bund o magari derivati sull’oro sarebbero più virtuose?

utente anonimo
Scritto il 27 agosto 2011 at 19:42

si Giuseppe, il punto è proprio questo: i miliardi di noi umani. Il pianeta è stato progettato e costruito per qualche centomila di esseri umani. Non milioni, menchemeno miliardi. La fregatura fu la rivoluzione neolitica con l' inizio dell'agricoltura e dell' allevamento.  Lì sono cominciati i guai per l' umanità; decadimento fisico, maggior lavoro (ai cacciatori raccoglitori bastano due ore di lavoro al giorno) e peggio di tutto le sovrastrutture culturali quali governo e religione.

Iserano

Scritto il 27 agosto 2011 at 20:57

Iserano,

il mondo non è stato progettato, è , e basta.
Noi ci siamo sopra in questo attimo che è un nulla nel tempo e nello spazio.
Cerchiamo di viverci meglio che possiamo.
Se c'è un fine lo sapremo, dopo.
 

utente anonimo
Scritto il 28 agosto 2011 at 07:37

Caro Andrea ho appena comandato il tuo libro… Eppure oggi mi hai riempito di dubbi… Ennesimo attacco alla Svizzera… Ennesima difesa dell’Italia… Mi sembri Tremonti…. La Svizzera non sarà perfetta però mi spieghi come mai in Ticino diamo da mangiare a 51500 frontalieri? Come mai la ricca e florida Italia ha la fila di Italiani che spera di trovare un posto di lavoro in SVIZZERA!!!…. Tu dici di mantenere la calma…. Dai il buon esempio… La realtá dice che la popolazione italiana è allo stremo delle forze… La realtà Svizzera è che abbiamo un’invasione di lavoratori europei disoccupati che vengono a cercare lavoro in Svizzera offrendosi a paghe ridicole… La realtà è di ditte straniere italiane e spagnole soprattutto che fanno concorsi d’appalto con offerte assurde per poi assumere personale italiano con contratti fasulli che sulla carta retribuiscono il giusto ca. 4000 fr mensili mentre in realtà pagano solo 2000 fr … Chiaro che un padre di famiglia non sputa sopra un lavoro da 1700€ …. Tutto illegale e in nero…. Le abbitudini della “ricca” Italia non cambiano mai…. La Svizzera ha fatto quei maledetti accordi bilaterali che voi Italia non rispettate… Ha aderito a Shengen per farci prendere in giro quando dobbiamo rispedire un clandestino in Italia…..Ci avete attaccato quando il vostro caro amico libico…. Ma, aspetta ora lo bombardate…. Ha sequestrato per due anni dei cittadini Svizzeri e noi abbiamo bloccato i visti Shengen ai vostri amici!!!
Sono deluso attaccare la Svizzera… Caro capitano sei in tempesta ti ho ammirato e ho ammirato la tua intelligenza ma, temo tu stia perdendo la bussola… L’Italia è alla deriva… La finanza conta poco… La popolazione è alla disperazione….Io con calma mi siedo in riva al fiume sperando che tu possa ritrovare la bussola!!! Appena arriverá a casa leggerò il tuo libro… Con una nuova consapevolezza anche tu come le agenzie di rating hai un conflitto d’interesse SEI ITALIANO. Tu potresti dire lo stesso di me eppure ti sbagli!! IO VOLEVO CON TUTTO ME STESSO IL FALLIMENTO DI UBS E IL CARCERE A VITA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE!!! purtroppo non è andata così…. Ora in riva al fiume aspetto che arrivi lo tsunami che finalmente farà fallire chi deve fallire…. Il MADE IN CHINA stà per colpire a morte l’industria europea e americana…. La fine si avvicina… Un nuovo inizio crescerà dalle rovine!

Nicola
[email protected]

utente anonimo
Scritto il 28 agosto 2011 at 10:45

Forse il venire da una regione a statuto autonomo aiuta….. vero andrea?

cmq Nicola Ferla ha ragione…. siamo alla frutta. 
Questa manovra ne è una prova. Però forse ci meritiamo i nostri politici …. forse è il popolo italiano che ha scelto la sua fine…. non so. 

Peccato, perchè pace agli svizzeri, l'italia è veramente un bel paese ricco di potenzialità. 
:(

Scritto il 28 agosto 2011 at 12:26

Caro Nicola,

non mi va di fare l'avvocato difensore di Andrea, perchè sa
risponderTi con pacatezza e comprensione, è nel suo
carattere, ma io che presumo di conoscerLo, ti posso
assicurare che è lontano miliardi di kilometri luce dal
prendersela con gli Svizzeri.

Chi lo legge da sempre sa che lui parla sempre di comunanza
di popoli, e quando parla di Svizzera, lo sai benissimo a cosa si
riferisce, poichè anche Tu ammetti che li vorresti vedere in galera
quelli di UBS.

Quando il nostro Capitano parla di Italia non lo fa per essere un
estremo nazionalista, ma lo fa per difendere il sistema paese, avvertendoci che è meno inquinato di altri, soltanto perchè
le nostre banche non sapevano tanto parlare inglese.

Con simpatia e a rileggerTi .

Nonno CarpeDiem

utente anonimo
Scritto il 28 agosto 2011 at 15:17

Premesso che frequento questo blog da almeno 3 anni se non ricordo male.

Mi tocca spezzare una lancia a favore dello svizzero Nicola.
E' indubbio che l'Italia sia sotto attacco speculativo e che paesi come l'Inghilterra abbiano problemi anche piu' grossi dei nostri dal punto di vista finanziario ed economico pur non essendo toccati (finora) da manovre speculative (anche perche' avendo la loro propria moneta il discorso e' un po' diverso).

Detto questo, io noto due cose che affiorano con una certa regolarita' dal pensiero del Capitano:

1. Mi pare di intendere che vede l'Italia come una Trentino moltiplicato per un fattore 100. Ma cosi' non e', proprio per niente. Purtroppo.

2. Alcuni esempi numerici mi paiono un po' forzati. Cosa siginifica che "la ricchezza privata puo' comprare il debito 4 volte". Il debito resta debito (con tutti gli sperperi che lo hanno giustificato e continuano a giustificarlo).
Oppure se cessa di essere debito vuol dire che dobbiamo assistere al piu' grosso esproprio statale dai tempi della quota 90 di fascista memoria.

Una cosa, indubbia, su cui non si puo' contestare nulla al pensiero di Andrea e' che la crisi e' umana ed etica. Noi italiani, come societa', come individui, come tutto o quasi, siamo in cima alla lista delle nazioni di questo pianeta, sotto questo punto di vista, mentre mi pare che troppo spesso, e purtroppo parzialmente anche in questo blog, ci si voglia dimenticare di questa cosa.

Lorenzo

utente anonimo
Scritto il 28 agosto 2011 at 19:29

caro Cuculo69 è giusto quello che dici. Se però vogliamo fare qualcosa per quelli che verranno dopo di noi, a parer mio dovremmo cercare di lanciare tutti i messaggi possibili affinchè il mondo si spopoli. Pensa a quante persone muoiono di fame. Tante, Ma quello che è peggio e che tantissimi candidati a morire di fame stanno per essere messi in cantiere. Devono ancora nascere! 
Anche questa è "economia"

Scritto il 28 agosto 2011 at 20:11

Caro Nicola quando parlo di Svizzera parlo di sistema finanziario e bancario e non del suo popolo tra il quale ho veramente molti amici. Parlo della leggenda metropolitana del segreto bancario e di banche specialiste nel foraggiare l'evasione fiscale nella quale noi siamo maestri. Parlo dei rischi rilevanti che un Paese come il tuo corre con la sua moneta e l'inflazione che lo potrebbe devastare, inflazione speculativa altro che bene rifugio. Pur in un oceano di letame il mio conflitto di interesse è quello di credere nella parte sana del mio Paese, in alcune isole di speranza, una battaglia da combattere senza abbandonare la nave fuggendo come un topo qualunque. Non sono un illuso ma neanche cosi masochista da non evidenziare le fragilità che altri paesi nascondono grazie alle loro sirene e ai loro menestrelli. Un caro saluto Andrea

utente anonimo
Scritto il 29 agosto 2011 at 11:41

Andrea, in cosa consisterebbe esattamente la "fuga di un topo qualunque".

Parli dell'andare a vivere all'estero o ti riferisci ad altro? Giusto per sapere.

Grazie

Scritto il 29 agosto 2011 at 14:56

Caro anonimo #31
ma uno dei problemi è proprio che il mondo è eccessivamente popolato,e la crescita non si arresta.

La crescita demografica di paesi come l'egitto, il messico, l'india il bangladesh, la nigeria, le filippine (tasso di natal'tà 40 quasi il triplo dei paesi sviluppati)  …. mette a rischio la sostenibilità del pianeta come habitat per il genere umano.

utente anonimo
Scritto il 29 agosto 2011 at 16:43

Lorenzo al commento 33. Mi scuso per averlo omesso senza accorgermene.

utente anonimo
Scritto il 30 agosto 2011 at 18:15

Andrea io trovo assurdo da parte della banca nazionale Svizzera l'aumento di liquidità dato alle banche, trovo assurdo aver abbassato ulteriormente il libor… mi sembra di vivere in un mondo di miopi che vedono solo il loro naso!

Un mondo di speculatore, immagina che i grossisti europei nonostante l'euro a oggi sia 1.2 continuano a fare il cambio 1.5 quindi il popolo Svizzero non ha beneficiato in niente  del franco forte!

Il mese scorso sono andato con mia moglie alla bennet di Como e mi sono sorpreso… sbaglio o l'Italia ha una deflazione imponenente sugli alimentari? eppure nonostante i prezzi stracciati vedevo solo carrelli vuoti!

Io e mia moglie siamo usciti con un carrello pieno pieno e mi sono sorpreso quando un signore ci guarda e esclama: "E' per un Albergo?"

Dimmi sbaglio a credere che il peggio deve ancora arrivare?
Sbaglio a pensare che la finanza mondiale sia un malato terminale di cancro al quale ogni tanto qualche IDIOTA ( inclusa BNS) da un'iniezione da cavallo di morfina per farlo star meglio…. 

I politici Svizzeri m'irritano quando parlano che il franco forte fa male alle esportazioni!!! MAMMA MIA COSA DEVO SENTIRE!
La Svizzera storicamente è un paese con bilancia commerciale negativa.. prima dell'Euro esportavamo solo cioccolato, orologi e medicine!!!

E poi mi tocca sentire che l'Italia aumenta le tasse!!! bel sistema per eliminare l'evasione!!

Andrea lo so che farà male ma spero che lo tsunami arrivi con violenza inaudida che spazzi via il sistema finanziario e economico d'oggi la finanza cerca di sovvertire una legge della vita…. non c'è vita senza morte!!!
Chi deve morire (fallire)….. muoia(fallisca)

Torniamo a vivere più semplicemente… esempio stupido… le vacanze finanziate!!!! mamma mia chi ha i soldi va in vacanza chi non li ha non va in vacanza!!! IL BUON SENSO!!!!

Comunque non vedo l'ora che arrivi il libro

Bello capire le cose con semplicità

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Ftse Mib: l'indice italiano tenta di recuperare i 19.000 punti in apertura. In caso di break dei 19.
Dilettanti. Dilettanti allo sbaraglio. E la cosa grave che spesso, oltre che essere dilettanti,
Mentre infuria il dibattito sulle penalizzazioni implicite connesse a quota 100, e l’umore degli i
Alla fine avevo ragione, è bastata una rapida lettura delle quasi 600 pagine dell'accordo capes
Dare feedback, comunicare in modo chiaro ed efficace, ma anche trasmettere entusiasmo e saper bilanc
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Quello che vi sto facendo è un grosso regalo. Che poi sia apprezzato o no, è un altro paio di
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Ftse Mib: dopo la seduta di ieri di forte incertezza chiusa in spinning top, oggi l'indice cerca di