IL POLLAIO DELLA FINANZA MONDIALE!

Scritto il alle 07:30 da icebergfinanza

 

Dall'alto della sua illuminazione accademica, Bernanke, tempo fa ci ha raccontato che senza le sue ricette "mediche", senza la Federal Reserve, la disoccupazione in America sarebbe volata sino ad oltre il 25 % come nella Grande Depressione, dimenticando che nell'ultimo decennio ha contribuito non poco a rendere obeso il paziente, sino all'infarto finale.

Francamente analizzare dati o dinamiche economiche mentre nel pollaio si continua a rubare ai polli faccio fatica.

Ha ricordato giustamente come ci vorranno anni prima che il tasso di disoccupazione ritorni quello che era prima della crisi, criticando chi si oppone all'allentamento monetario attraverso l'acquisto di titoli di Stato…

«Quello che fanno é di guardare ai rischi e alle incertezze di questa politica, ma quello che penso che non facciano, é di riflettere sui rischi del non fare niente». «Penso – ha aggiunto – che un tasso di disoccupazione molto elevato per un lungo periodo di tempo che renda i consumatori e le famiglie meno fiduciose e più inquiete sull'avvenire, possa essere la prima fonte di rischio di un nuovo rallentamento dell'economia».(Sole24Ore)

Incredibilmente ha aggiunto di vedere con preoccupazione l’evoluzione molto negativa delle disuguaglianze all’interno della società americana, disuguaglianze che portano ad una società ineguale che non ha un giusto grado di coesione. Affascinante no! Ma dove stava questo luminare negli ultimi dieci anni, visto che si tratta di una tendenza in atto da oltre un decennio e più, dove stava quando i ladri di polli aggivano indisturbati nel pollaio dell'immobiliare americano e mondiale, perpetrando la più alta concentrazione di frodi e manipolazioni della storia?
 

In fondo aveva ragione l’economista Brad DeLong quando affermava che alcuni economisti scelgono, per ragioni non economiche e non scientifiche, un orientamento politico e una serie di alleati politici, e girano e regolano le loro ipotesi fino a giungere alle conclusioni che meglio si adattano al loro orientamento e che possono compiacere gli alleati.

E di alleati ne ha avuto bisogno Bernanke per essere riconfermato alla guida della federal Reserve dopo aver dimostrato un livello di  superficialità inaudita, nel sottovalutare questa imponente crisi!

Ma ascoltate cosa ha detto due giorni fa il guardiano del pollaio…

"The Federal Reserve's actions in recent years have doubtless helped stabilize the financial system, ease credit and financial conditions, guard against deflation, and promote economic recovery. All of this has been accomplished, I should note, at no net cost to the federal budget or to the U.S. taxpayer."

Vi pregherei di rileggere mentalmente ciò che ha dichiarato Bernanke perchè è assolutamente incredibile…

" Le azioni della Federal Reserve negli ultimi anni, hanno senza dubbio ( risottolineo il senza dubbio…aggiungo io ) contribuito a stabilizzare il sistema finanziario, la facilità del credito e le condizioni finanziarie, il controllo della deflazione e a promuovere la ripresa economica…ma udite, udite… Tutto questo è stato fatto ha proseguito Bernanke senza alcun costo per il bilancio federale e per il contribuente americano."

Incredibile…ma allora è tutta una favola, quello che sta accadendo oggi, fantastico non è successo nulla, i debiti pubblici non sono un problema dei contribuenti, la socializzazione delle perdite non esiste, ne le volpi, ne i polli!

Duy Tim dice che Bernanke nel suo discorso ha lasciato un chiaro messaggio ai mercati, se siete alla ricerca di uno stimolo ulteriore è meglio che vi troviate un'altro hobby, tutto ciò non accadrà. Si sappiamo che è già accaduto ma questa volta non scherziamo!

La Fed è veramente convinta che l'attuale debolezza del ciclo economico è solo temporanea nel secondo semestre si torna a volare…volpi e polli che volano sino ad oggi non gli avevo mai visti. Bernanke ha detto che la crescita economica sino ad oggi sembra essere stata un po più lenta del previsto si solo 1,8 % rispetto alle previsioni minime del 3,5 % …solo un pò più lenta del previsto!

Vi dirò una cosa cari compagni di viaggio, con la stessa franchezza che mi ha accompagnato in questi anni… se la ripresa riprenderà nel secondo trimestre come si dice, sarà come tutte le previsioni che il buon Bernanke ha fatto in questi anni prima della crisi e durante, che potrete rileggervi nel mio libro disponibile in cima al blog cliccando sul banner :

Il sistema finanziario americano è solido, la crisi immobiliare è passeggera, bla, bla, bla, la Federal Reserve non ha alcuna colpa e via cosi con una serie di previsioni sull'economia completamente fallite, ripeto fallite… e ancora oggi i mercati reagiscono quotidianamente ad un oceano di parole nel vento, di chi ha dimostrato tutta la sua inadeguatezza!

Ma non finisce qui date un'occhiata a cosa sta accadendo nel pollaio dei mercati finanziari mondiali mentre intorno l'economia muore…

Mentre Geithner fa finta di voler regole più stringenti sui derivati  e la Federal Reserve finge di voler criteri patrimoniali più rigidi per le banche americane guardate come rispondono le volpi del pollaio…
 

Il ceo di JPMorgan Dimon ha polemizzato con Bernanke sull'impatto della normativa sul business bancario chiedendo se per caso la recente frenata dell'economia americana non sia dovuta alla disciplina e ai controlli della Fed che hanno frenato il credito nel sistema.
 
Affascinante no, dopo che questo manipolo di esaltati per anni hanno travolto qualsiasi regola fregandosene di responsabilità ed etica oggi la colpa è delle leggi, degli stress test e dei controlli.  BLOOMBERG

Avidità non c'è altra parola per i ladri di polli, avidità!

Non solo il contribuente americano ha salvato questa banda di falliti, purtroppo troppo grandi per fallire, sottraendo 15.000 miliardi di dollari all'economia e al sistema sociale, ma ora ne è ostaggio e non ha nessuna possibilità di liberarsi dalla tirrania finanziaria.

Signori siamo come polli in trappola senza scampo e le volpi continuano indisturbate a fare quello che hanno fatto in questi anni. Auguri a noi tutti ne abbiamo bisogno!

guarda…

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
58 commenti Commenta
utente anonimo
Scritto il 9 giugno 2011 at 07:52

 il 95% della popolazione mondiale ha DEBITI   ( debito pubblico) e,  solo
DEBITI-

IL RESTANTE 5%  DELLA POPOLAZIONE MONDIALE  VANTA TUTTO QUESTO IMMENSO CREDITO.

SAPETE CHI SONO ?             I VERTICI DI :

RELIGIONI , BANCHE ,   STATI , RAIS , UNIONI  INDUSTRIALI, MILITARI  E  MASSONI.

utente anonimo
Scritto il 9 giugno 2011 at 08:41

l'unica soluzione è la gogna con una bella lama che scende dall'alto!

utente anonimo
Scritto il 9 giugno 2011 at 09:41

Caro Andrea,
non siamo polli; siamo SCHIAVI.
E sugli SCHIAVI si sa, si ha potere di vita e di morte.
Carlo

Scritto il 9 giugno 2011 at 17:32

avrei da fare due domande:
– possibile che oggi ci sia un "inciucio" mondiale da parte di una cricca più o meno organizzata che stanno mandando alla  malora tutto il pianeta?
– possibile che questo stessa cricca si sia messa in azione anche con la crisi del '29?
In caso di risposta affermativa bisogna ipotizzare che i soggetti siano decisamente longevi, anche se appena 20enni nel '29 oggi avrebbero oltre 100anni, oppure nel proprio testamento avrebbero dovuto  tramandare insieme ai loro, sicuramente ingenti beni, anche il " relativo manuale".
Oppure ?????
Potrebbe darsi che il sistema matematico che attualmente governa il nostro sistema finanziario abbia dei punti di instabilità che periodicamente, ciclicamente, oppure per altre meccaniche, genera l'accumularsi di "tensioni" che  portano a situazioni che necessitano un reset completo?
Quest'ultima mi sembra una ipotesi più stimolante che invocare gogne, gnomi, folletti, untori, etc etc etc ….
saluti

utente anonimo
Scritto il 9 giugno 2011 at 17:53

Caro andrea, la socializzazione delle perdite e il debito pubblico letteralemente esploso nel corso degli ultimi tre anni non sono il parto della sua fantasia. D'altra parte ha ragione Bernanke quando afferma che tale responsabilità non può essere imputata agli interventi straordinari realizzati dalla Fed per contenere la crisi finanziaria. La responsabilità del debito pubblico è, com'è noto, ascrivibile al tesoro che emette i titoli del debito federale. A Bernanke& co., eventualmente, potrebbe venir imputata un'esplosione dei prezzi a causa di un volume eccessivo di liquidità immesso nel sistema ma, temo, questo non succederà. La minaccia più incombente, come Lei stesso ha avuto modo di notare in uno dei suoi post precedenti, resta quella della deflazione. Le bolle gonfiate sui mercati delle commodities attraverso un uso improprio dei fondi "prestati" dalla Fed al sistema finanziario, malgrado esse si ripercuotano come nel caso dei derivati del petrolio anche nelle tasche dei consumatori finali, non sono "vera inflazione".

Scritto il 9 giugno 2011 at 19:16

 Mi è tornato in mente questo "vecchio" articolo, che Vi ripropongo:

http://brunotto588.blog.espresso.repubblica.it/il_linguaggio_dimenticato/2008/11/la-pesante-cons.html
…..
la nostra posizione si è evoluta: da "polli semplici" siamo diventati "Polli Consapevoli".

Il che ci pone nella non facile posizione, tipica di ogni presa di coscienza, di operare delle decisioni per cercare in qualche modo di influire sul nostro destino.

( Lo so che i politici li deputiamo appunto ad assolvere a questo compito in nostra vece, ma questi politici sono una moglie che non solo non ce la dà, ma non ci prepara più neanche una zuppa tiepida …     non rimane che la via della separazione ).
 
Ora cosa può fare "materialmente" un povero pollo in un universo guidato dai poteri forti finanziari, refrattari al controllo stesso della politica ???
… Molto più di quanto lo stesso potere gli faccia credere ….
( Perchè mai altrimenti i Media si affannerebbero tanto…??? )
Teoricamente parlando, una volta ben individuate le leve su cui poggia tutto il baldacchino ( cosa che abbiamo fatto appunto nell' ultimo post ) non resta semplicemente che scardinarle !
… non è difficile …    sono inconsistenti, ricordate ? …     …. sono realtà "virtuali" che noi stessi alimentiamo, assoggettandoci alle balle che ci raccontano …     …. e non sono più consistenti della merda.
Che puzzerà un po', ma finora non è mai stata usata come arma di distruzione di massa.

Val la pena ricordarli ancora una volta, e fissarceli bene in testa, questi due "cardini virtuali interni" su cui poggia tutto il sistema, i due piedi del Mostro:
1)  Il Controllo Monetario
2)  Il Controllo Mediatico
( E già da qui possiamo intuire delle possibili direttive concrete ).
……………………………………………..
Ricordate la storiella dell' Esploratore catturato dai cannibali e messo a bollire nel pentolone ?
( la stessa sorte di noi polli, insomma … )
Al capo tribù che gli preannunciava il suo triste destino, dicendogli che doveva esserne oltremodo fiero perchè dopo che l' avessero mangiato, con la sua pelle avrebbero fatto una canoa a lui destinata, ebbe la presenza di spirito di chiedere una forchetta come ultimo desiderio …
… spiegando all' attonito capo che okey, era stato tanto coglione da farsi catturare, farsi cucinare vivo e mangiare …    ( e qui comincia a sforacchiarsi con la forchetta ) …     … ma che mai e poi mai sarebbero riusciti anche a fare una canoa con la sua pelle !
E questo ci introduce direttamente al concetto di "Resistenza Civile" …
( Certo, avrei fatto più bella figura citando "La Dialettica Negativa" di Adorno, "L' Eros e Civiltà" di Marcuse, "La Città dell' Essere" di Fromm, o la vita stessa di Gandhi …   ma mi piaceva molto di più la pragmatica ironia dell' Esploratore … )
… Resistenza civile, o "passiva" che dir si voglia, che già da sola sarebbe un' arma efficacissima messa tra i piedi del Colosso, perchè come abbiamo visto, siamo proprio noi a "muovere attivamente" quegli stessi piedi …!!!
……………………………………….
E quindi, anche per amor di pratica, proviamo a stilare quello che potrebbe essere un ipotetico
DECALOGO DEL POLLO CONSAPEVOLE:
1)  Divorziare dagli attuali rappresentanti   ( e voglio vedere se, quando il loro scranno comincerà a scricchiolare, non proveranno a ripensare alla validità dell' assunto fin qui usato del "dare ad uno solo quanto tolto a centomila" … )
2)  Rifiutare l' intero apparato mediatico   ( il che porta direttamente ai corollari 3, 4, 5, 6 ):
3)  Astenersi dall' acquistare giornali, riviste e cotillons …
4)  Disdire il Canone Rai   ( Qui è spiegato bene come fare )
5)  Tornare a fare la "briscola" all' osteria   ( Una volta tolta di mezzo la Tv, riprendere qualche sana abitudine di aggregazione sociale )
6)  Informarsi su fonti alternative   ( Oggi il computer è alla portata di tutti, ed Internet è un' ottima fonte alternativa di informazione )
7)  Cercare ogni alternativa possibile al truffaldino controllo monetario cui siamo assoggettati  ( finanziare un sistema criminale significa rendersi complici dei criminali stessi … )
8)  Favorire e premiare le iniziative di scambio locali nonchè, dove esistano, le monete locali
( alcuni siti di informazione: Progetto SCEC; Ecoroma; Centrofondi.it; Progetto TAU; Altramoneta; Economia Solidale; Arcipelago moneta;  e via dicendo … )
9)  Astenersi quanto più possibile dal consumo di tutti i prodotti indirettamente più connessi col controllo monetario: ( come lotterie, carburanti, gioco del calcio, fondi di investimento, ecc. )
10)  E perchè no …?  Favorire un atteggiamento generale di maggior apertura e solidarietà.
( Cosa temutissima, come abbiamo visto, da una società che incentiva il sadomasochismo sociale ).
………………………………………………….
Basterebbero questi semplici accorgimenti a far traballare il Mostro dalle fondamenta …
… Accorgimenti che, comunque sia, sortirebbero certamente un
maggior risultato che continuare a discutere come comari isteriche se sia meglio "Rompicoglioni" o "Stracciamaroni" …..   

………………………………………………
Il Pollo Consapevole 

Valentina

p.s: Ciaoooo Fabio!

 

Scritto il 9 giugno 2011 at 19:16

 Mi è tornato in mente questo "vecchio" articolo, che Vi ripropongo:

http://brunotto588.blog.espresso.repubblica.it/il_linguaggio_dimenticato/2008/11/la-pesante-cons.html
…..
la nostra posizione si è evoluta: da "polli semplici" siamo diventati "Polli Consapevoli".

Il che ci pone nella non facile posizione, tipica di ogni presa di coscienza, di operare delle decisioni per cercare in qualche modo di influire sul nostro destino.

( Lo so che i politici li deputiamo appunto ad assolvere a questo compito in nostra vece, ma questi politici sono una moglie che non solo non ce la dà, ma non ci prepara più neanche una zuppa tiepida …     non rimane che la via della separazione ).
 
Ora cosa può fare "materialmente" un povero pollo in un universo guidato dai poteri forti finanziari, refrattari al controllo stesso della politica ???
… Molto più di quanto lo stesso potere gli faccia credere ….
( Perchè mai altrimenti i Media si affannerebbero tanto…??? )
Teoricamente parlando, una volta ben individuate le leve su cui poggia tutto il baldacchino ( cosa che abbiamo fatto appunto nell' ultimo post ) non resta semplicemente che scardinarle !
… non è difficile …    sono inconsistenti, ricordate ? …     …. sono realtà "virtuali" che noi stessi alimentiamo, assoggettandoci alle balle che ci raccontano …     …. e non sono più consistenti della merda.
Che puzzerà un po', ma finora non è mai stata usata come arma di distruzione di massa.

Val la pena ricordarli ancora una volta, e fissarceli bene in testa, questi due "cardini virtuali interni" su cui poggia tutto il sistema, i due piedi del Mostro:
1)  Il Controllo Monetario
2)  Il Controllo Mediatico
( E già da qui possiamo intuire delle possibili direttive concrete ).
……………………………………………..
Ricordate la storiella dell' Esploratore catturato dai cannibali e messo a bollire nel pentolone ?
( la stessa sorte di noi polli, insomma … )
Al capo tribù che gli preannunciava il suo triste destino, dicendogli che doveva esserne oltremodo fiero perchè dopo che l' avessero mangiato, con la sua pelle avrebbero fatto una canoa a lui destinata, ebbe la presenza di spirito di chiedere una forchetta come ultimo desiderio …
… spiegando all' attonito capo che okey, era stato tanto coglione da farsi catturare, farsi cucinare vivo e mangiare …    ( e qui comincia a sforacchiarsi con la forchetta ) …     … ma che mai e poi mai sarebbero riusciti anche a fare una canoa con la sua pelle !
E questo ci introduce direttamente al concetto di "Resistenza Civile" …
( Certo, avrei fatto più bella figura citando "La Dialettica Negativa" di Adorno, "L' Eros e Civiltà" di Marcuse, "La Città dell' Essere" di Fromm, o la vita stessa di Gandhi …   ma mi piaceva molto di più la pragmatica ironia dell' Esploratore … )
… Resistenza civile, o "passiva" che dir si voglia, che già da sola sarebbe un' arma efficacissima messa tra i piedi del Colosso, perchè come abbiamo visto, siamo proprio noi a "muovere attivamente" quegli stessi piedi …!!!
……………………………………….
E quindi, anche per amor di pratica, proviamo a stilare quello che potrebbe essere un ipotetico
DECALOGO DEL POLLO CONSAPEVOLE:
1)  Divorziare dagli attuali rappresentanti   ( e voglio vedere se, quando il loro scranno comincerà a scricchiolare, non proveranno a ripensare alla validità dell' assunto fin qui usato del "dare ad uno solo quanto tolto a centomila" … )
2)  Rifiutare l' intero apparato mediatico   ( il che porta direttamente ai corollari 3, 4, 5, 6 ):
3)  Astenersi dall' acquistare giornali, riviste e cotillons …
4)  Disdire il Canone Rai   ( Qui è spiegato bene come fare )
5)  Tornare a fare la "briscola" all' osteria   ( Una volta tolta di mezzo la Tv, riprendere qualche sana abitudine di aggregazione sociale )
6)  Informarsi su fonti alternative   ( Oggi il computer è alla portata di tutti, ed Internet è un' ottima fonte alternativa di informazione )
7)  Cercare ogni alternativa possibile al truffaldino controllo monetario cui siamo assoggettati  ( finanziare un sistema criminale significa rendersi complici dei criminali stessi … )
8)  Favorire e premiare le iniziative di scambio locali nonchè, dove esistano, le monete locali
( alcuni siti di informazione: Progetto SCEC; Ecoroma; Centrofondi.it; Progetto TAU; Altramoneta; Economia Solidale; Arcipelago moneta;  e via dicendo … )
9)  Astenersi quanto più possibile dal consumo di tutti i prodotti indirettamente più connessi col controllo monetario: ( come lotterie, carburanti, gioco del calcio, fondi di investimento, ecc. )
10)  E perchè no …?  Favorire un atteggiamento generale di maggior apertura e solidarietà.
( Cosa temutissima, come abbiamo visto, da una società che incentiva il sadomasochismo sociale ).
………………………………………………….
Basterebbero questi semplici accorgimenti a far traballare il Mostro dalle fondamenta …
… Accorgimenti che, comunque sia, sortirebbero certamente un
maggior risultato che continuare a discutere come comari isteriche se sia meglio "Rompicoglioni" o "Stracciamaroni" …..   

………………………………………………
Il Pollo Consapevole 

Valentina

p.s: Ciaoooo Fabio!

 

Scritto il 9 giugno 2011 at 19:16

 Mi è tornato in mente questo "vecchio" articolo, che Vi ripropongo:

http://brunotto588.blog.espresso.repubblica.it/il_linguaggio_dimenticato/2008/11/la-pesante-cons.html
…..
la nostra posizione si è evoluta: da "polli semplici" siamo diventati "Polli Consapevoli".

Il che ci pone nella non facile posizione, tipica di ogni presa di coscienza, di operare delle decisioni per cercare in qualche modo di influire sul nostro destino.

( Lo so che i politici li deputiamo appunto ad assolvere a questo compito in nostra vece, ma questi politici sono una moglie che non solo non ce la dà, ma non ci prepara più neanche una zuppa tiepida …     non rimane che la via della separazione ).
 
Ora cosa può fare "materialmente" un povero pollo in un universo guidato dai poteri forti finanziari, refrattari al controllo stesso della politica ???
… Molto più di quanto lo stesso potere gli faccia credere ….
( Perchè mai altrimenti i Media si affannerebbero tanto…??? )
Teoricamente parlando, una volta ben individuate le leve su cui poggia tutto il baldacchino ( cosa che abbiamo fatto appunto nell' ultimo post ) non resta semplicemente che scardinarle !
… non è difficile …    sono inconsistenti, ricordate ? …     …. sono realtà "virtuali" che noi stessi alimentiamo, assoggettandoci alle balle che ci raccontano …     …. e non sono più consistenti della merda.
Che puzzerà un po', ma finora non è mai stata usata come arma di distruzione di massa.

Val la pena ricordarli ancora una volta, e fissarceli bene in testa, questi due "cardini virtuali interni" su cui poggia tutto il sistema, i due piedi del Mostro:
1)  Il Controllo Monetario
2)  Il Controllo Mediatico
( E già da qui possiamo intuire delle possibili direttive concrete ).
……………………………………………..
Ricordate la storiella dell' Esploratore catturato dai cannibali e messo a bollire nel pentolone ?
( la stessa sorte di noi polli, insomma … )
Al capo tribù che gli preannunciava il suo triste destino, dicendogli che doveva esserne oltremodo fiero perchè dopo che l' avessero mangiato, con la sua pelle avrebbero fatto una canoa a lui destinata, ebbe la presenza di spirito di chiedere una forchetta come ultimo desiderio …
… spiegando all' attonito capo che okey, era stato tanto coglione da farsi catturare, farsi cucinare vivo e mangiare …    ( e qui comincia a sforacchiarsi con la forchetta ) …     … ma che mai e poi mai sarebbero riusciti anche a fare una canoa con la sua pelle !
E questo ci introduce direttamente al concetto di "Resistenza Civile" …
( Certo, avrei fatto più bella figura citando "La Dialettica Negativa" di Adorno, "L' Eros e Civiltà" di Marcuse, "La Città dell' Essere" di Fromm, o la vita stessa di Gandhi …   ma mi piaceva molto di più la pragmatica ironia dell' Esploratore … )
… Resistenza civile, o "passiva" che dir si voglia, che già da sola sarebbe un' arma efficacissima messa tra i piedi del Colosso, perchè come abbiamo visto, siamo proprio noi a "muovere attivamente" quegli stessi piedi …!!!
……………………………………….
E quindi, anche per amor di pratica, proviamo a stilare quello che potrebbe essere un ipotetico
DECALOGO DEL POLLO CONSAPEVOLE:
1)  Divorziare dagli attuali rappresentanti   ( e voglio vedere se, quando il loro scranno comincerà a scricchiolare, non proveranno a ripensare alla validità dell' assunto fin qui usato del "dare ad uno solo quanto tolto a centomila" … )
2)  Rifiutare l' intero apparato mediatico   ( il che porta direttamente ai corollari 3, 4, 5, 6 ):
3)  Astenersi dall' acquistare giornali, riviste e cotillons …
4)  Disdire il Canone Rai   ( Qui è spiegato bene come fare )
5)  Tornare a fare la "briscola" all' osteria   ( Una volta tolta di mezzo la Tv, riprendere qualche sana abitudine di aggregazione sociale )
6)  Informarsi su fonti alternative   ( Oggi il computer è alla portata di tutti, ed Internet è un' ottima fonte alternativa di informazione )
7)  Cercare ogni alternativa possibile al truffaldino controllo monetario cui siamo assoggettati  ( finanziare un sistema criminale significa rendersi complici dei criminali stessi … )
8)  Favorire e premiare le iniziative di scambio locali nonchè, dove esistano, le monete locali
( alcuni siti di informazione: Progetto SCEC; Ecoroma; Centrofondi.it; Progetto TAU; Altramoneta; Economia Solidale; Arcipelago moneta;  e via dicendo … )
9)  Astenersi quanto più possibile dal consumo di tutti i prodotti indirettamente più connessi col controllo monetario: ( come lotterie, carburanti, gioco del calcio, fondi di investimento, ecc. )
10)  E perchè no …?  Favorire un atteggiamento generale di maggior apertura e solidarietà.
( Cosa temutissima, come abbiamo visto, da una società che incentiva il sadomasochismo sociale ).
………………………………………………….
Basterebbero questi semplici accorgimenti a far traballare il Mostro dalle fondamenta …
… Accorgimenti che, comunque sia, sortirebbero certamente un
maggior risultato che continuare a discutere come comari isteriche se sia meglio "Rompicoglioni" o "Stracciamaroni" …..   

………………………………………………
Il Pollo Consapevole 

Valentina

p.s: Ciaoooo Fabio!

 

Scritto il 9 giugno 2011 at 19:16

 Mi è tornato in mente questo "vecchio" articolo, che Vi ripropongo:

http://brunotto588.blog.espresso.repubblica.it/il_linguaggio_dimenticato/2008/11/la-pesante-cons.html
…..
la nostra posizione si è evoluta: da "polli semplici" siamo diventati "Polli Consapevoli".

Il che ci pone nella non facile posizione, tipica di ogni presa di coscienza, di operare delle decisioni per cercare in qualche modo di influire sul nostro destino.

( Lo so che i politici li deputiamo appunto ad assolvere a questo compito in nostra vece, ma questi politici sono una moglie che non solo non ce la dà, ma non ci prepara più neanche una zuppa tiepida …     non rimane che la via della separazione ).
 
Ora cosa può fare "materialmente" un povero pollo in un universo guidato dai poteri forti finanziari, refrattari al controllo stesso della politica ???
… Molto più di quanto lo stesso potere gli faccia credere ….
( Perchè mai altrimenti i Media si affannerebbero tanto…??? )
Teoricamente parlando, una volta ben individuate le leve su cui poggia tutto il baldacchino ( cosa che abbiamo fatto appunto nell' ultimo post ) non resta semplicemente che scardinarle !
… non è difficile …    sono inconsistenti, ricordate ? …     …. sono realtà "virtuali" che noi stessi alimentiamo, assoggettandoci alle balle che ci raccontano …     …. e non sono più consistenti della merda.
Che puzzerà un po', ma finora non è mai stata usata come arma di distruzione di massa.

Val la pena ricordarli ancora una volta, e fissarceli bene in testa, questi due "cardini virtuali interni" su cui poggia tutto il sistema, i due piedi del Mostro:
1)  Il Controllo Monetario
2)  Il Controllo Mediatico
( E già da qui possiamo intuire delle possibili direttive concrete ).
……………………………………………..
Ricordate la storiella dell' Esploratore catturato dai cannibali e messo a bollire nel pentolone ?
( la stessa sorte di noi polli, insomma … )
Al capo tribù che gli preannunciava il suo triste destino, dicendogli che doveva esserne oltremodo fiero perchè dopo che l' avessero mangiato, con la sua pelle avrebbero fatto una canoa a lui destinata, ebbe la presenza di spirito di chiedere una forchetta come ultimo desiderio …
… spiegando all' attonito capo che okey, era stato tanto coglione da farsi catturare, farsi cucinare vivo e mangiare …    ( e qui comincia a sforacchiarsi con la forchetta ) …     … ma che mai e poi mai sarebbero riusciti anche a fare una canoa con la sua pelle !
E questo ci introduce direttamente al concetto di "Resistenza Civile" …
( Certo, avrei fatto più bella figura citando "La Dialettica Negativa" di Adorno, "L' Eros e Civiltà" di Marcuse, "La Città dell' Essere" di Fromm, o la vita stessa di Gandhi …   ma mi piaceva molto di più la pragmatica ironia dell' Esploratore … )
… Resistenza civile, o "passiva" che dir si voglia, che già da sola sarebbe un' arma efficacissima messa tra i piedi del Colosso, perchè come abbiamo visto, siamo proprio noi a "muovere attivamente" quegli stessi piedi …!!!
……………………………………….
E quindi, anche per amor di pratica, proviamo a stilare quello che potrebbe essere un ipotetico
DECALOGO DEL POLLO CONSAPEVOLE:
1)  Divorziare dagli attuali rappresentanti   ( e voglio vedere se, quando il loro scranno comincerà a scricchiolare, non proveranno a ripensare alla validità dell' assunto fin qui usato del "dare ad uno solo quanto tolto a centomila" … )
2)  Rifiutare l' intero apparato mediatico   ( il che porta direttamente ai corollari 3, 4, 5, 6 ):
3)  Astenersi dall' acquistare giornali, riviste e cotillons …
4)  Disdire il Canone Rai   ( Qui è spiegato bene come fare )
5)  Tornare a fare la "briscola" all' osteria   ( Una volta tolta di mezzo la Tv, riprendere qualche sana abitudine di aggregazione sociale )
6)  Informarsi su fonti alternative   ( Oggi il computer è alla portata di tutti, ed Internet è un' ottima fonte alternativa di informazione )
7)  Cercare ogni alternativa possibile al truffaldino controllo monetario cui siamo assoggettati  ( finanziare un sistema criminale significa rendersi complici dei criminali stessi … )
8)  Favorire e premiare le iniziative di scambio locali nonchè, dove esistano, le monete locali
( alcuni siti di informazione: Progetto SCEC; Ecoroma; Centrofondi.it; Progetto TAU; Altramoneta; Economia Solidale; Arcipelago moneta;  e via dicendo … )
9)  Astenersi quanto più possibile dal consumo di tutti i prodotti indirettamente più connessi col controllo monetario: ( come lotterie, carburanti, gioco del calcio, fondi di investimento, ecc. )
10)  E perchè no …?  Favorire un atteggiamento generale di maggior apertura e solidarietà.
( Cosa temutissima, come abbiamo visto, da una società che incentiva il sadomasochismo sociale ).
………………………………………………….
Basterebbero questi semplici accorgimenti a far traballare il Mostro dalle fondamenta …
… Accorgimenti che, comunque sia, sortirebbero certamente un
maggior risultato che continuare a discutere come comari isteriche se sia meglio "Rompicoglioni" o "Stracciamaroni" …..   

………………………………………………
Il Pollo Consapevole 

Valentina

p.s: Ciaoooo Fabio!

 

utente anonimo
Scritto il 9 giugno 2011 at 20:00

@Fabio 2003

Infatti
Senza negare le malefatte dei pochi furbastri ai quali non esiterei a tagliare la testa, forse occorrerebbe anche psicanalizzare i polli.

luigiza

Scritto il 9 giugno 2011 at 20:02

ciao vale,

io sono molto più arrogante e non voglio fare nè il pollo nè tantomeno quello consapevole in quanto non mi solletica neppure di striscio la consolazione che perchè mi sono bucato la pelle con la forchetta i cannibali non avranno la mia pelle per farci una canoa.

l'uomo deve essere arrogante da intestardirsi nel capire la meccanica di quello che lui stesso ha creato. solo conoscendo le regole del sistema matematico che governa il grande organismo finanziario ne riuscirà un giorno a governarlo. oggi invece ne viene governato perchè ne è ignorante.

è necessario dirigere la ricerca matematica verso il sistema di numeri che costituiscono questo sistema

diversamente quando non se ne comprende i meccanismi si generano automaticamente i fantasmi

utente anonimo
Scritto il 9 giugno 2011 at 20:02

Pardon Vale64 nella foga di rispondere a Fabio non avevo ancora letto il tuo commento che megio argomenta quanto io intendevo sottolineare

luigiza

utente anonimo
Scritto il 9 giugno 2011 at 20:28

Fantastico Valentina il "pollo consapevole"…..
E' tutto drammaticamente vero e occorrerebbe davvero seguire il decalogo che hai tracciato.
Sarà perchè ormai sono diventato un poco cinico, ma la differenza tra gli allevatori e i polli consiste nell'organizzazione attorno ad un interesse forte.
Gli allevatori (spesso carnefici) anche se egoisti, rinvengono nel loro costante interesse a fare mattanza dei polli un forte fattore di coesione che ne potenzia le capacità.
I polli, potenzialmente e talvolta incautamente e incoscentemente altruisti, sono per propria natura disorganizzati in quanto non sono sempre uniti da obiettivi comuni. La convergenza è spesso occasionale e sporadica. Nel lungo periodo si disuniscono….

A Fabio che pensa ancora che ci sia qualche arcana regola matematica che crea il caos, vorrei semplicemente suggerire che è sempre l'uomo a disegnare (quantomeno nelle cose di cui crede di avere governo) il contesto nel quale poi si trova ad avere problemi.
In rerum natura non si trovano panetti e barre di plutonio con i quali rendere allegramente frizzanti le acque e l'atmosfera di un paese per qualche migliaio di anni….

Buona serata
Daniele

utente anonimo
Scritto il 9 giugno 2011 at 20:34

Blog di cattokomunisti del tanto peggio tanto meglio..invece di blaterare alla luna andate a lavorare sopratutto quellla pseudo scrittrice copia incolla di Valentina..ma davvero credete che tutto vada in malora?
Ivano da reggio emila

utente anonimo
Scritto il 9 giugno 2011 at 21:03

No Ivano, vedrai che andrà a finire bene……..Intanto che lavori ( nel campo delle etichette) usa il  cervellino rimasto?! per darti un occhiatina intorno…poi se tutto ti sembra regolare.okkei no problem that's ammerica!go for it! io qualche problemino me lo pongo  visto che ogni sera dalle 20 alle 21 mi passano sulla testa cacciabombardieri carichi di bombe che vanno ad uccidere esseri umani!Ma non preoccuparti sono i cattivoni che muoiono ,continua a rilassarti nel dopolavoro difronte alla tivì .tanto non và in malora niente!! Mi ricordi gli ebrei che pensavano che la stella gialla sulla giacca fosse una nuova moda e che non c'era nulla di preoccupante e tutto si sarebbe aggiustato prima o POI.BUONA CONTINUAZIONE…..

utente anonimo
Scritto il 9 giugno 2011 at 23:35

Piú che andare a lavorare é importante capire, esercitare il cervello e prendere la responsabilitá delle proprie azioni ricordando che anche i soldati ed ufficiali nazisti andavano a “lavorare” ma questa cieca dedizione non serví a molto al processo di norimberga né sarebbe valsa la scusa del tipo ” eh.. Ma io non ho avuto tempo di laurearmi in sociologia scienze umanistiche politiche Folosofiche o altro mi dicevano di andare a fare il mio dovere e io quello facevo..” . E’ importante cercare di capire quello che ci ruota intorno perché delle nostre azioni rispondiamo prima di tutto con la nostra coscienza, questo non significa bersi tutto e passare all’estremo opposto in un 99% di tesi condivisibili c’é sempre il rischio dell’1% che se impregnato di stricnina avvelena tutto il pasto.. é per questo che a me piace moltissimo questo blog perché aiuta a capire in un linguaggio sufficientemente semplice senza partire da dogmi indiscutibili o da convinzioni formatesi “aliunde” senza mai eccedere con i toni e portare il discorso ad estremi troppo accesi. Poi se vogliamo fare il discorso dei cattocomunisti conviene ricordare le parole di tremonti (personaggio per me contraddittorio) 2 anni fa: la gente che ha causato la crisi per me o va in esilio o in galera.. Credo nel posto fisso come valore…- ed infine ricetta anticrisi- per me ci vuole piú stato. Ora diciamo pure che tremonti sia cattocomunista e lo dico io che sono meridionale figuriamoci.

Scritto il 10 giugno 2011 at 06:48

Caro Ivano #11, non sono cattocomunista, o cumunista..fascista..od altro..
hai letto ben poco di ciò che si scrive qui…Tu a Chi parli…Al sole?
Tu continui a voler comprendere ciò che credi…ma va bene cose…mai detto pensato…di essere una scrittice…se non Ti va, non leggerli i miei commenti,  la libertà è anche questa…siamo in attesa delle Tue argomentazioni migliori…
Dove sono i Tuoi profondi commenti, io non ne vedo…
In quanto al lavoro, lavoro da quando ho 14 anni, e tu a mala pena forse, iniziavi a camminare…e non devo renderne conto a Te…pretendiamo continuamente di voler cambiare il mondo, quando ci ostiniamo a non voler cambiare noi stessi…
Ma Tu cosa Vuoi?
Cosa cerchi qui?
Cosa Vuoi da me?

Buon vento…Buona fortuna!
Valentina

Scritto il 10 giugno 2011 at 07:02

Caro Fabio, neanche a me piace fare il pollo consapevole o meno, proprio no…ma la comprensione della matematica, ritengo che non sia sufficiente…

è vero, dannatamente vero quando scrivi:
l'uomo deve essere arrogante da intestardirsi nel capire la meccanica di quello che lui stesso ha creato.
solo conoscendo le regole del sistema matematico che governa il grande organismo finanziario (il problema è che non sono solo regole, l'agire umano dove lo mettiamo..) ne riuscirà un giorno a governarlo. (governarlo forse no, modificarlo può darsi) oggi invece ne viene governato perchè ne è ignorante.(questo certamente si!!)

L'ignoranz ain ogni settore porta sempre a grandi risultati!Tangibili e si vedono…nessuno escluso…

Ma io non sono all'attezza di capire..ci spiegherà tutto Ivano che ha compreso ogni cosa.

Buona giornata….
"La pseudoscrittrice" Valentina

utente anonimo
Scritto il 10 giugno 2011 at 08:02

ad Ivano da reggioemilia:
Pensi da schiavo ,ti comporti da schiavo e lavori da schiavo sei contento di questo ?okkei mi fa piacere per te!MA NON ROMPERE I MARONI E LASCIA STARE VALENTINA , pulisci bene i buglioli e dispensa i tuoi consigli ad altri schiavi come TE!
.alessandro da CAGLIARI

utente anonimo
Scritto il 10 giugno 2011 at 08:34

Per la maschera pirandelliana Ivano.
Prima di lanciare giudizi a costo nullo sui frequentatori di questo blog,provi ad argomentare in maniera concreta le sue idee da Bar Sport (con tutto il dovuto rispetto per il bar suddetto).
E tralasciando ,se mai potra' riuscirvi,la supponenza degli invitati scortesi
Stefano.

Scritto il 10 giugno 2011 at 11:40

Grazie raggazzi, sinceramente devo ringraziare Ivano, perchè così Ti sei fatto sentire Ale!!

Un abbraccio e un saluto anche a  M.C., peccato che non ci foste a Trento, davvero un grande peccato…speriamo di vederci presto.

Forse l’amico  Ivano, è rimasto fermo alla fonte…ESPRESSO…REPUBBLICA…Il FOGLIO…IL MANIFESTO…Il sole 24. ..ecc…tutti allineati a qualcosa e a qualcuno….basta saperlo! A parte il sole 24 (ora non compero più nemmeno questo) non li ho mai comprati, ma forse sbaglio…si può combattere solo ciò che si conosce…ciò non toglie che “la Pesante Consapevolezza del Pollo”( del 2008) , e non mi interessa chi l’ha scritto, la provenienza ecc…a mio parere è, e rimarrà, un grande articolo!
 
Sinceramente, anche il Festival, era un po’ “tinto” quest’anno.…più evidente del solito, il fatto che ad esp. Rampini (giornalista di repubblica) fosse scivolato, al termine di un suo intervento, in allusioni politiche, mi ha un po’ infastidita e non ha avuto certo il mio consenso, ma  a parte questo, ciò non toglie che i suoi interventi  fossero condivisibili  nei contenuti,  ed è quello , che per me, conta…

Con allineamenti …schieramenti…cieche ideologie, si fa ben poca strada…ma anche questo è un percorso lungo e difficile, ma è l’unica strada che val veramente la pena di percorrere
 
C’era un  incontro che titolava: Quali i limiti alla politica, qui bisognerebbe chiarire cosa si intende per POLITICA, quella vera, che non ha niente a che fare con ciò che assistiamo oggi,  già i limiti…il più grande limite è la politica stessa; com’è attualmente concepita è il maggior limite al suo potere, condita con interessi clientelari e di partito…

Depuriamo la nostra  azione, l’economia, la finanza, il nostro lavoro il nostro pensiero da ciò, e ci potrà essere un nuovo futuro…un futuro forse diverso, se noi soprattutto, sapremmo essere diversi, oltre ogni sterile formula matematica, ideologia e “morto partito”.

Lo sappiamo/vogliamo fare? Abbiamo questo coraggio?
 
Buon vento Marinai!
Valentina
 
 
 p.s (scusa Capitano per questa parentesi)
 
 
 
 
 

utente anonimo
Scritto il 10 giugno 2011 at 13:37

Più passa il tempo, più questo veliero mi piace, per gli articoli del Capitano e per le parole espresse dalla sua ciurma.

Purtroppo non riesco ad essere assiduo ma … bellissime parole Valentina, grazie per averle condivise con noi.

Poi ovviamente qualche incidente di percorso è inevitabile, d'altronde se fossimo tutti sintonizzati sulla stessa "frequenza" …. sarebbe quantomeno strano.

Siamo il paese dei Santoro e dei Brunetta, dei martiri della mafia, delle stragi impunite e dei poteri statali collusi con mafiosi e piduisti da quattro soldi.

In questa orgia di comunicazione mediatica "deviata" ci stà che qualcuno perda la bussola, che sia convinto di essere in un luogo che forse non esisterà mai più … ma l'importante è ancora il confronto e la volontà di farlo, forse l'unica arma che ci è ancora rimasta è il libero confronto almeno fra noi, magari cercando di pensare prima di parlare ( di scrivere).

Perdonate ma … okkio perchè il mare minaccia tempesta … e la marea si sta alzando stranamente sempre di più … attenzione agli ormeggi ed a non stare troppo in riva … forse è solo un tantino di paranoia, ma meglio essere prudenti.

Saluti Valentina

Salutoni Marinai

Francia R

Scritto il 10 giugno 2011 at 16:34

E' una realtà che il mondo è in mano al 5% della popolazione, e quelli che contano e decidono son forse meno dello 0,1%.

Cosa li distingue dagli altri ?

Perchè il 99,9% degli esseri umani si fa tenere in ostaggio da quel 0,1%, cos'hanno costoro di diverso dagli altri ?

Sono dannatamente determinati !

utente anonimo
Scritto il 10 giugno 2011 at 16:43

Intanto borghezio viene picchiato ed allontanato dalla polizia perché ha provato ad entrare nella riunione del gruppo bilderberg a saint moritz in svizzera. A nulla é valso mostrare il tesserino dell’europarlamento. Non c’é che dire la situazione é abbastanza “divertente”.
Giuseppe

Scritto il 10 giugno 2011 at 19:13

Grazie Francia e salutoni anche a TE!

Felice di sentirti IlCuculo, si Giuseppe è proprio abbastanza "divertente"!

Salutoni
Valentina

p.s bentornato Il Compasso…davvero bentornato!

Scritto il 10 giugno 2011 at 22:14

Valentina gran bel post il #6 chissà che a forza di ripeterlo i polli non diventino veramente consapevoli !!!!!! hehehehe.

Forse il problema principale non è quello di essere "polli consapevoli"  e nemmeno quello di essere sempre informati di tutto quello che stà accadendo nel mondo della finanza o di quante persone abbiano il controllo dell'attuale sistema economico/finanziario.
Forse il problema principale è quello di sapere quante persone hanno DIGNITA' oppure quante persone hanno la forza di fare scelte controcorrente ben sapendo che quello che stanno facendo stà rovinando o distruggendo la vita di migliaia di persone o la vita di altri esseri inconsapevoli.

In fondo noi esseri umani non siamo tanto speciali o importanti in questo piccolo mondo, siamo uno dei tanti esseri viventi che popolano questo mondo…….dopo di noi ne verranno degli altri forse migliori o forse peggiori…chissà.

Un saluto

SD

P.S.
Per chi non lo sapesse i polli sono anche carnivori (e ottimi cacciatori di piccoli animali), anzi per essere precisi sono onnivori come noi !!!!!!

Scritto il 11 giugno 2011 at 06:49

Oilà SD menomale che ogni tanto Ti fai sentire!

 Vedo che il mio copia in colla , Vi ha stimolato…bene…molto bene hihihi…!

Tu e Dorf, potevate fare un "salto" a Trento però…Vi aspettavamo…"brutti pendagli da forca" hihihi

Si Sd..non siamo poi tanto speciali come invece pensiamo di essere, un pò di umiltà non guasterebbe.

A proposito del commento del IlCompasso nel post "Debito Grecia…", anch'io Capitano , in un primo momento ho pensato che fossero commenti "strani" per Il Compasso, soprattutto ricordando ciò che scrivera in passato; ma sta nell' evoluzione delle cose…riflettendoci poi, non sono così strani, solo espressi in un ottica diversa dalla nostra, di chi è immerso in una realtà ben diversa dall'Italia…ed è giusto così, altre persone, in "giro" per il mondo, mi hanno riferito le medesime impressioni….

E…guai, vedere gli occhi dei giovani spenti, senza speranza…senza futuro…

Ed è dannatamente vero, anche ciò ciò che scrive IlCuculo, dannatamente, tremendamente vero….noi qui, siamo un popolo di "vecchi", con tutto il rispetto…che si richiudono su se stessi…ma non è detto che l'apertura sia una prerogativa delle giovani generazioni, forse solamente più semplice…ma tutto ciò rappresenta, comunque, una stimolante sfida, e come ci ricorda IlCompasso, una grande occasione per l'umanità, indipendentemente dall'appartenenza generazionale…
indipendentemente da tutto ciò…
E' sempre una Ricerca di Senso…e questa non dovrebbe mai aver fine…

Che senso Vogliamo dare a Noi stessi? Alle nostre azioni? Al "nostro " mondo?

Buon Vento marinai…e vele ben gonfie…!
Valentina

Scritto il 11 giugno 2011 at 07:20

Ah…dimenticavo…se poi guardiamo la realtà, dall'ottica Donne ed Economia, (che mi sta particolarmente a cuore) qui la situazione si complica, ed il cammino, a seconda dell'area geografica, si fà ripido ed impervio…ma val la pena di percorrerlo.

Ripropongo un mio quesito…mi chiedo spesso, come sarebbe stata un "Società Femmina"???

Valentina

Scritto il 11 giugno 2011 at 07:51

 Vi ripropongo, un video e una canzone che Mercato Libero, ha postato oggi sul suo Blog, Grazie Paolo!

Peccato che io, non abbia ancora capito come caricare i video nei commenti, comunque, lo trovate qui:

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=xrIPQxrog8M

The Times They Are A Changin' Bob Dylan

Come gather 'round people
Wherever you roam
And admit that the waters
Around you have grown
And accept it that soon
Yoùll be drenched to the bone.
If your time to you
Is worth savin'
Then you better start swimmin'
Or yoùll sink like a stone
For the times they are a-changin'.
 
Come writers and critics
Who prophesize with your pen
And keep your eyes wide
The chance won't come again
And don't speak too soon
For the wheel's still in spin
And therès no tellin' who
That it's namin'.
For the loser now
Will be later to win
For the times they are a-changin'.
 
Come senators, congressmen
Please heed the call
Don't stand in the doorway
Don't block up the hall
For he that gets hurt
Will be he who has stalled
Therès a battle outside
And it is ragin'.
It'll soon shake your windows
And rattle your walls
For the times they are a-changin'.
 
Come mothers and fathers
Throughout the land
And don't criticize
What you can't understand
Your sons and your daughters
Are beyond your command
Your old road is
Rapidly agin'.
Please get out of the new one
If you can't lend your hand
For the times they are a-changin'.
 
The line it is drawn
The curse it is cast
The slow one now
Will later be fast
As the present now
Will later be past
The order is
Testo trovato su
http://www.testitradotti.it 
Rapidly fadin'.
And the first one now
Will later be last
For the times they are a-changin'.
 

I tempi stanno cambiando

Venite intorno gente
Dovunque voi vagate
Ed ammettete che le acque
Attorno a voi stanno crescendo
Ed accettate che presto
Sarete inzuppati fino all'osso.
E se il tempo per voi
Rappresenta qualcosa
Fareste meglio ad incominciare a nuotare

O affonderete come pietre
Perché i tempi stanno cambiando.
 
Venite scrittori e critici
Che profetizzate con le vostre penne
E tenete gli occhi ben aperti
L'occasione non tornerà
E non parlate troppo presto
Perché la ruota sta ancora girando
E non c'è nessuno che può dire
Chi sarà scelto.
Perché il perdente adesso
Sarà il vincente di domani
Perché i tempi stanno cambiando.
 
Venite senatori, membri del congresso
Per favore date importanza alla chiamata
E non rimanete sulla porta
Non bloccate l'atrio
Perché quello che si ferirà
Sarà colui che ha cercato di impedire l'entrata
C'è una battaglia fuori
E sta infuriando.
Presto scuoterà le vostre finestre
E farà tremare i vostri muri
Perché i tempi stanno cambiando.

 
Venite madri e padri
Da ogni parte del Paese
E non criticate
Quello che non potete capire
I vostri figli e le vostre figlie
Sono al dì la dei vostri comandi
La vostra vecchia strada
Sta rapidamente invecchiando.
Per favore andate via dalla nuova
Se non potete dare una mano
Perché i tempi stanno cambiando.


Testo trovato su
http://www.testitradotti.it 
La linea è tracciata
La maledizione è lanciata
Il più lento adesso
Sarà il più veloce poi
Ed il presente adesso
Sarà il passato poi
L'ordine sta rapidamente
Scomparendo.
Ed il primo ora
Sarà l'ultimo poi
Perché i tempi stanno cambiando.

Già…i tempi stanno cambiando…e noi…come vogliamo cambiare!?

Scritto il 11 giugno 2011 at 07:51

 Vi ripropongo, un video e una canzone che Mercato Libero, ha postato oggi sul suo Blog, Grazie Paolo!

Peccato che io, non abbia ancora capito come caricare i video nei commenti, comunque, lo trovate qui:

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=xrIPQxrog8M

The Times They Are A Changin' Bob Dylan

Come gather 'round people
Wherever you roam
And admit that the waters
Around you have grown
And accept it that soon
Yoùll be drenched to the bone.
If your time to you
Is worth savin'
Then you better start swimmin'
Or yoùll sink like a stone
For the times they are a-changin'.
 
Come writers and critics
Who prophesize with your pen
And keep your eyes wide
The chance won't come again
And don't speak too soon
For the wheel's still in spin
And therès no tellin' who
That it's namin'.
For the loser now
Will be later to win
For the times they are a-changin'.
 
Come senators, congressmen
Please heed the call
Don't stand in the doorway
Don't block up the hall
For he that gets hurt
Will be he who has stalled
Therès a battle outside
And it is ragin'.
It'll soon shake your windows
And rattle your walls
For the times they are a-changin'.
 
Come mothers and fathers
Throughout the land
And don't criticize
What you can't understand
Your sons and your daughters
Are beyond your command
Your old road is
Rapidly agin'.
Please get out of the new one
If you can't lend your hand
For the times they are a-changin'.
 
The line it is drawn
The curse it is cast
The slow one now
Will later be fast
As the present now
Will later be past
The order is
Testo trovato su
http://www.testitradotti.it 
Rapidly fadin'.
And the first one now
Will later be last
For the times they are a-changin'.
 

I tempi stanno cambiando

Venite intorno gente
Dovunque voi vagate
Ed ammettete che le acque
Attorno a voi stanno crescendo
Ed accettate che presto
Sarete inzuppati fino all'osso.
E se il tempo per voi
Rappresenta qualcosa
Fareste meglio ad incominciare a nuotare

O affonderete come pietre
Perché i tempi stanno cambiando.
 
Venite scrittori e critici
Che profetizzate con le vostre penne
E tenete gli occhi ben aperti
L'occasione non tornerà
E non parlate troppo presto
Perché la ruota sta ancora girando
E non c'è nessuno che può dire
Chi sarà scelto.
Perché il perdente adesso
Sarà il vincente di domani
Perché i tempi stanno cambiando.
 
Venite senatori, membri del congresso
Per favore date importanza alla chiamata
E non rimanete sulla porta
Non bloccate l'atrio
Perché quello che si ferirà
Sarà colui che ha cercato di impedire l'entrata
C'è una battaglia fuori
E sta infuriando.
Presto scuoterà le vostre finestre
E farà tremare i vostri muri
Perché i tempi stanno cambiando.

 
Venite madri e padri
Da ogni parte del Paese
E non criticate
Quello che non potete capire
I vostri figli e le vostre figlie
Sono al dì la dei vostri comandi
La vostra vecchia strada
Sta rapidamente invecchiando.
Per favore andate via dalla nuova
Se non potete dare una mano
Perché i tempi stanno cambiando.


Testo trovato su
http://www.testitradotti.it 
La linea è tracciata
La maledizione è lanciata
Il più lento adesso
Sarà il più veloce poi
Ed il presente adesso
Sarà il passato poi
L'ordine sta rapidamente
Scomparendo.
Ed il primo ora
Sarà l'ultimo poi
Perché i tempi stanno cambiando.

Già…i tempi stanno cambiando…e noi…come vogliamo cambiare!?

Scritto il 11 giugno 2011 at 07:51

 Vi ripropongo, un video e una canzone che Mercato Libero, ha postato oggi sul suo Blog, Grazie Paolo!

Peccato che io, non abbia ancora capito come caricare i video nei commenti, comunque, lo trovate qui:

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=xrIPQxrog8M

The Times They Are A Changin' Bob Dylan

Come gather 'round people
Wherever you roam
And admit that the waters
Around you have grown
And accept it that soon
Yoùll be drenched to the bone.
If your time to you
Is worth savin'
Then you better start swimmin'
Or yoùll sink like a stone
For the times they are a-changin'.
 
Come writers and critics
Who prophesize with your pen
And keep your eyes wide
The chance won't come again
And don't speak too soon
For the wheel's still in spin
And therès no tellin' who
That it's namin'.
For the loser now
Will be later to win
For the times they are a-changin'.
 
Come senators, congressmen
Please heed the call
Don't stand in the doorway
Don't block up the hall
For he that gets hurt
Will be he who has stalled
Therès a battle outside
And it is ragin'.
It'll soon shake your windows
And rattle your walls
For the times they are a-changin'.
 
Come mothers and fathers
Throughout the land
And don't criticize
What you can't understand
Your sons and your daughters
Are beyond your command
Your old road is
Rapidly agin'.
Please get out of the new one
If you can't lend your hand
For the times they are a-changin'.
 
The line it is drawn
The curse it is cast
The slow one now
Will later be fast
As the present now
Will later be past
The order is
Testo trovato su
http://www.testitradotti.it 
Rapidly fadin'.
And the first one now
Will later be last
For the times they are a-changin'.
 

I tempi stanno cambiando

Venite intorno gente
Dovunque voi vagate
Ed ammettete che le acque
Attorno a voi stanno crescendo
Ed accettate che presto
Sarete inzuppati fino all'osso.
E se il tempo per voi
Rappresenta qualcosa
Fareste meglio ad incominciare a nuotare

O affonderete come pietre
Perché i tempi stanno cambiando.
 
Venite scrittori e critici
Che profetizzate con le vostre penne
E tenete gli occhi ben aperti
L'occasione non tornerà
E non parlate troppo presto
Perché la ruota sta ancora girando
E non c'è nessuno che può dire
Chi sarà scelto.
Perché il perdente adesso
Sarà il vincente di domani
Perché i tempi stanno cambiando.
 
Venite senatori, membri del congresso
Per favore date importanza alla chiamata
E non rimanete sulla porta
Non bloccate l'atrio
Perché quello che si ferirà
Sarà colui che ha cercato di impedire l'entrata
C'è una battaglia fuori
E sta infuriando.
Presto scuoterà le vostre finestre
E farà tremare i vostri muri
Perché i tempi stanno cambiando.

 
Venite madri e padri
Da ogni parte del Paese
E non criticate
Quello che non potete capire
I vostri figli e le vostre figlie
Sono al dì la dei vostri comandi
La vostra vecchia strada
Sta rapidamente invecchiando.
Per favore andate via dalla nuova
Se non potete dare una mano
Perché i tempi stanno cambiando.


Testo trovato su
http://www.testitradotti.it 
La linea è tracciata
La maledizione è lanciata
Il più lento adesso
Sarà il più veloce poi
Ed il presente adesso
Sarà il passato poi
L'ordine sta rapidamente
Scomparendo.
Ed il primo ora
Sarà l'ultimo poi
Perché i tempi stanno cambiando.

Già…i tempi stanno cambiando…e noi…come vogliamo cambiare!?

Scritto il 11 giugno 2011 at 07:51

 Vi ripropongo, un video e una canzone che Mercato Libero, ha postato oggi sul suo Blog, Grazie Paolo!

Peccato che io, non abbia ancora capito come caricare i video nei commenti, comunque, lo trovate qui:

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=xrIPQxrog8M

The Times They Are A Changin' Bob Dylan

Come gather 'round people
Wherever you roam
And admit that the waters
Around you have grown
And accept it that soon
Yoùll be drenched to the bone.
If your time to you
Is worth savin'
Then you better start swimmin'
Or yoùll sink like a stone
For the times they are a-changin'.
 
Come writers and critics
Who prophesize with your pen
And keep your eyes wide
The chance won't come again
And don't speak too soon
For the wheel's still in spin
And therès no tellin' who
That it's namin'.
For the loser now
Will be later to win
For the times they are a-changin'.
 
Come senators, congressmen
Please heed the call
Don't stand in the doorway
Don't block up the hall
For he that gets hurt
Will be he who has stalled
Therès a battle outside
And it is ragin'.
It'll soon shake your windows
And rattle your walls
For the times they are a-changin'.
 
Come mothers and fathers
Throughout the land
And don't criticize
What you can't understand
Your sons and your daughters
Are beyond your command
Your old road is
Rapidly agin'.
Please get out of the new one
If you can't lend your hand
For the times they are a-changin'.
 
The line it is drawn
The curse it is cast
The slow one now
Will later be fast
As the present now
Will later be past
The order is
Testo trovato su
http://www.testitradotti.it 
Rapidly fadin'.
And the first one now
Will later be last
For the times they are a-changin'.
 

I tempi stanno cambiando

Venite intorno gente
Dovunque voi vagate
Ed ammettete che le acque
Attorno a voi stanno crescendo
Ed accettate che presto
Sarete inzuppati fino all'osso.
E se il tempo per voi
Rappresenta qualcosa
Fareste meglio ad incominciare a nuotare

O affonderete come pietre
Perché i tempi stanno cambiando.
 
Venite scrittori e critici
Che profetizzate con le vostre penne
E tenete gli occhi ben aperti
L'occasione non tornerà
E non parlate troppo presto
Perché la ruota sta ancora girando
E non c'è nessuno che può dire
Chi sarà scelto.
Perché il perdente adesso
Sarà il vincente di domani
Perché i tempi stanno cambiando.
 
Venite senatori, membri del congresso
Per favore date importanza alla chiamata
E non rimanete sulla porta
Non bloccate l'atrio
Perché quello che si ferirà
Sarà colui che ha cercato di impedire l'entrata
C'è una battaglia fuori
E sta infuriando.
Presto scuoterà le vostre finestre
E farà tremare i vostri muri
Perché i tempi stanno cambiando.

 
Venite madri e padri
Da ogni parte del Paese
E non criticate
Quello che non potete capire
I vostri figli e le vostre figlie
Sono al dì la dei vostri comandi
La vostra vecchia strada
Sta rapidamente invecchiando.
Per favore andate via dalla nuova
Se non potete dare una mano
Perché i tempi stanno cambiando.


Testo trovato su
http://www.testitradotti.it 
La linea è tracciata
La maledizione è lanciata
Il più lento adesso
Sarà il più veloce poi
Ed il presente adesso
Sarà il passato poi
L'ordine sta rapidamente
Scomparendo.
Ed il primo ora
Sarà l'ultimo poi
Perché i tempi stanno cambiando.

Già…i tempi stanno cambiando…e noi…come vogliamo cambiare!?

Scritto il 11 giugno 2011 at 13:39

Valentina purtroppo non mi è stato possibile venire a Trento, problemi di lavoro=economia=soldi; siamo costretti a "tenerci" la società che abbiamo con tutti i problemi che crea………..altrimenti ci sarei venuto sicuramente, anche a piedi, senza fretta, in un paio di giorni ci sarei arrivato (non è poi tanto lontano dal mio paese) hehehehe.

A proposito di una "Società Femmina" io credo che sarebbe stata un sacco divertente hehehe……………..anzi è sicuramente un sacco divertente !!!!!

Infine voglio aggiungere un commento personale riguardo al vivere e lavorare in realtà diverse dall'italia; tutto dipende da quanto guadagna in questa realtà probabilmente un pastore di pecore del nord Irlanda preferirebbe vivere in Sicilia dove c'è un clima migliore, invece un banchiere Irlandese sicuramente no.

Un saluto

SD

Scritto il 11 giugno 2011 at 14:08

Sei sempre spiritoso SD, hihi..alla prossima…

il raptus del copia e incolla continua hihihi…

 http://www.rainews24.rai.it/it/news.php?newsid=153673
Tremonti: non si può fare la riforma in deficit
 
"I fattori di instabilita' e di crisi che si sono manifestati 3-4 anni fa sono tutti in essere".
(Ce ne siamo accorti e come se ce ne siamo accorti…lo sappiamo bene vero!!!…)
 Lo ha affermato il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, nell'intervento al convegno dei Giovani di Confindustria.Emma Marcegaglia ha chiosato: "Giù le tasse per chi tiene in piedi il Paese".
…..
 
Vi invito a soffermarVi su questo:
….
Abuso di contratti a tempo determinato
"C'e' stato un abuso eccessivo di forme di tempo determinato". "Il nostro sistema produttivo – ha osservato – sarebbe piu' moderno se fosse piu' aziendale nella contrattazione e, per compensazione sociale, meno arbitrario nella sequenza del determinato. Servirebbe un limite a quegli strumenti contrattuali. Un conto e' la flessibilita', un altro l'abuso". (ma guarda un po’…già…già..e chi deve porre questo limite? Come altri limiti del resto?)
 
"Con questo ventennio finisce l'eta' della stabilita', l'eta' in cui il bene sembrava la regola e il male l'eccezione,(????) le buone azioni erano l'esistente, le cattive azioni il margine". (??? ne siamo certi???)

"Questo ventennio -ha detto ancora- finisce con tre crisi, economica, geopolitica ed energetica". Le nuove regole del sistema finanziario mondiale sono una "colossale presa in giro" per mantenere in piedi il vecchio sistema. 

"Non conta l'eta' in se' e neppure le idee sull'eta' ma l'eta' delle idee" ha detto Tremonti.

Se alle parole seguissero coerenti azioni…Fatti semplicemente Fatti…null'altro che Fatti…

Buon vento
Valentina

utente anonimo
Scritto il 11 giugno 2011 at 15:23

Brava valentina continua col raptus del copia incolla che, almeno io, apprezzo molto hehehe. Tremonti é proprio un personaggio strano comunque a predicare bene predica ma é contraddittorio lo stesso mah.
Riguardo ad una societá femmina dipende se le femmine sono la marcegaglia, la santanché, la gelmini e la carfagna per non parlare della bindi e company direi che possiamo anche buttarci direttamente su una societá trans che facciamo prima :D Giuseppe

Scritto il 11 giugno 2011 at 15:34

Bella Giuseppeee!!!!

SI anche noi abbiamo bisogno di un "reset"..

Beh Buon weeK marinai…per oggi, ho "invaso" troppo… ma ero un pò in "astinenza"….
By

Valentina

utente anonimo
Scritto il 11 giugno 2011 at 17:20

Alla vigilia della Rivoluzione Democratica , del 12 e 13 giugno osservo con molto piacere che si sono fatti sentire tutti, SD , Compaso , ilCucolo

Giobbe

utente anonimo
Scritto il 11 giugno 2011 at 17:26

…E' una realtà che il mondo è in mano al 5% della popolazione, e quelli che contano e decidono son forse meno dello 0,1%.

Cosa li distingue dagli altri ?

Perchè il 99,9% degli esseri umani si fa tenere in ostaggio da quel 0,1%, cos'hanno costoro di diverso dagli altri ?

Sono dannatamente determinati !

————————————————

NO CUCOLO!!!!!!!!!!!     SBAGLI
SONO SOLO UN CLAN

CLAN CLAN CLAN SONO SOLO UN CLAN CLAN CLAN

GIOBBE

utente anonimo
Scritto il 11 giugno 2011 at 17:29

CLAN CLAN CLAN SONO SOLO UN CLAN CLAN CLAN

CLAN CLAN CLAN SONO SOLO UN CLAN CLAN CLAN

giobbe 8871

Scritto il 11 giugno 2011 at 19:10

LA DITTATURA MEDIATICA ITALIANA NON STA DEDICANDO LA DOVUTA COPERTURA ALL’EVENTO BILDERBERG 2011, IN CORSO A ST.MORITZ, ATTENTANDO COSI’ AL DIRITTO DEI CITTADINI ITALIANI DI ESSERE INFORMATI SU COSA FANNO LE PERSONE CHE RICOPRONO UN RUOLO PUBBLICO IN ITALIA. CAPI POLITICI, DELL’INDUSTRIA E DELL’UNIVERSITA’ SONO RIUNITI IN GRAN SEGRETO AL BILDERBERG PER DISCUTERE DI AFFARI CHE CI COINVOLGONO TUTTI.
DAL 1954, NON HANNO MAI FATTO NIENTE DI BUONO, DAL MOMENTO CHE IL BENESSERE COLLETTIVO DEI CITTADINI NON RICADE NEI LORO INTERESSI PRIVATI.
POTETE LEGGERE QUALCOSA D'INTERESSANTE QUA: http://wp.me/p19KhY-zq
CIAO A TUTTI.

utente anonimo
Scritto il 11 giugno 2011 at 20:19

sono d' accordo con Valentina, finalmente qualcuno che parla fuori dai denti.

Scritto il 11 giugno 2011 at 21:49

Giobbe….
hai battuto la testa?

Scritto il 12 giugno 2011 at 07:41

Giobbe è simpatico!

Bel commento Il Cuculo nel "Debito Grecia…
è bello avere il veliero affollato Vero Capitano!
Il Cuculo Ti ho lasciato un messaggio nei PVT!

Buon vento marinai…Buon Vento!
Valentina

utente anonimo
Scritto il 14 giugno 2011 at 23:17

Ci vuole una nuova Rivoluzione d'Ottobre !

utente anonimo
Scritto il 20 giugno 2011 at 21:11

sono arrivato qui per caso, mi sembrava interessante un punto di vista economico sui problemi della finanza… ma come faccio a fidarmi di uno che non sa scrivere in italiano (esempio: sino ad oggi non gli [li] avevo mai visti , oppure tirrania [tirannia] finanziaria…. per non parlare di apostrofi, accenti e dello stile in genere) ?

Scritto il 20 giugno 2011 at 21:43

Quando l'aria cambia arrivano tutti direttamente dal pollaio…con l'abecedario sotto l'ala…

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Mercati nuovamente in affanno complice l’escalation delle tensioni commerciali tra gli Stati Uniti
Analisi Tecnica Ancora un nulla di fatto con il mercato che si tiene nel trading range [21105 –
Stoxx Giornaliero Buonasera a tutti, due settimane fa scrivevo: - sembra che i ragazzi
DJI Giornaliero Buona domenica a tutti e ben ritrovati per l’appuntamento mensile che rigua
L'Unione Europea è un'entità molto complessa,  non è eslusivamente la moneta unica oppure la que
T-1 Inverso [3-5 Giorni] (h. xx)[Base Dati: 15 minuti] T-1 Inverso [3-5 Giorni] (h. yy)[Base
T-1 [3-5 Giorni] (h. xx)[Base Dati: 15 minuti] T-1 [3-5 Giorni] (h. yy)[Base Dati: 15 minuti]
Velocità T-2 / T-1 / T / T+1 [Base Dati: 15 minuti] Velocità T-2 / T-1 / T / T+1[Base Dati:
Anche per il sottoscritto arriva il momento di una pausa. E' stato un periodo molto complesso
Dopo la "sbornia" della settimana scorsa, sul mercato sembra esserci una calma apparente, malgrado