PORTOGALLO: LISBONA BRUCIA!

Scritto il alle 07:10 da icebergfinanza

  

La storia racconta che …dopo dieci anni di inutile assedio i greci, seguendo un piano ideato da Ulisse, finsero di rinunciare alla conquista della città e di tornare alle proprie sedi , lasciando sulla spiaggia un enorme cavallo di legno, per placare gli dei e propiziare il viaggio di ritorno in patria. All'interno del cavallo erano però nascosti i più valorosi guerrieri greci, guidati da Ulisse. I troiani, felici per lo scampato pericolo, trascinarono il cavallo all'interno delle mura, nonostante Laocoonte e la profetessa Cassandra, assieme ad alcuni presagi, avessero sconsigliato di farlo.

Di notte, mentre i troiani dormivano, i greci uscirono dal cavallo ed aprirono le porte della città ai propri compagni. Questi, dopo essersi nascosti con le loro navi dietro un'isoletta vicina di nome Tenedo, erano di nuovo sbarcati sulla spiaggia di Troia. Penetrati nella città, i greci colsero di sorpresa i troiani, che furono facilmente sopraffatti. Troia fu data alle fiamme. ( WIKIPEDIA )

Oggi Lisbona è in fiamme! Dopo che le agenzie di rating e i manovratori occulti di CDS, credit default swap novelli cavalli di Troia finanziari introdotti tra le mura dell'ennesimo Stato sovrano europeo sono riusciti a dare alle fiamme anche l'ultima città europea la domanda che tutti si fanno è se ora toccherà a Madrid, perchè non ho dubbi ora la speculazione non si fermerà. In Spagna in questi anni non hanno certo lesinato con la fantasia, con le favole, con i miracoli economici presunti che hanno raso al suolo le città fantasma.
 

Il Portogallo ha deciso di chiedere l'aiuto dell'Ue. Lo ha annunciato questa sera a Lisbona il premier dimissionario Josè Socrates. L'annuncio segue le parole del dimissionario ministro delle Finanze, Fernando Texeira Dos Santos, che ha ammesso in un'intervista al quotidiano economico Jornal de Negocios, come il ricorso del Portogallo agli aiuti dell'Unione europea «è necessario», visti i danni irreparabili provocati dalla crisi del debito. «Davanti a una situazione così difficile credo sia necessario ricorrere ai meccanismi di finanziamento disponibili nel quadro europeo», ha spiegato Dos Santos facendo appello a tutte le principali istituzioni e forze politiche del suo Paese di impegnarsi su questo fronte.

L'annuncio è un «passo responsabile per la stabilità dell'Eurozona», a detta del commissario europeo agli Affari Economici e Monetari, Olli Rehn, intervistato dal Financial Times Deutschland ( SOLE24ORE).  

Un passo responsabile per la stabilità di che?

Qualcuno sorride, altri si guardano intorno ma dimenticano che governi e nazioni sono ostaggi della finanza, di un gruppo di esaltati che quotidianamente amano incendiare l'economia reale.

Certo alcuni esaltati accademici ci raccontano che la speculazione è una forza positiva dei mercati, un fuoco rigeneratore che cancella i virus delle nazioni, politiche economiche sbagliate, speculazioni azzardate, eccessi, manipolazioni e frodi politiche ma dimenticano che a pagare il prezzo di questo incendio, sarà il popolo ingenuo quanto si vuole, che ha assecondato la follia di questi anni e non certo quel manipolo di criminali esaltati che ha prodotto e assecondato questo inferno!

Grecia, Irlanda e Portogallo vivranno una profonda e devastante crisi sociale, una deflazione imponente, una recessione violenta grazie ai mille "cavalli" di Troia di questo sistema e come sempre chi pagherà saranno gli ultimi, gli indifesi.

Non manca poi molto ad una nuova rivoluzione!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Tags:   |
20 commenti Commenta
utente anonimo
Scritto il 7 aprile 2011 at 07:31

e chi la guiderebbe la rivoluzione?

utente anonimo
Scritto il 7 aprile 2011 at 07:43

NERONE !

Portogallo in mano a strozzini privati  avanti il prossimo

utente anonimo
Scritto il 7 aprile 2011 at 08:26

Una guida non serve!

utente anonimo
Scritto il 7 aprile 2011 at 09:44

La guiderebbe Berlsconi? ahha

Rivoluzione in Italia? Difficile.. Un popolo di bamboccioni.

utente anonimo
Scritto il 7 aprile 2011 at 10:08

più che bamboccioni  , direii illusi  !     sempre pronti a parteggiare
per una delle  parti    eterni illusi

cominciamo con il ,  cacciarli   dal parlamento   sostituendoli   TUTTI   in bloco in quanto Responsabili e/o corresponsabili  ex ante  ex post

(  a parte qualche  " new entry,  non  sono sempre gli stessi  ? )

Scritto il 7 aprile 2011 at 10:17

Il popolo non fa mai  rivoluzioni , al più delle sommosse.

utente anonimo
Scritto il 7 aprile 2011 at 13:02

cacciarli tutti anche dal parlamento europeo

utente anonimo
Scritto il 7 aprile 2011 at 13:49

Adesso inneggi pure alla rivoluzione?
Non confondere le tue speranza con la dura realta’.
Hai cannato tutte le previsioni, abbi il bupn gusto o di tacere o di ammettere e alzare la bandiera bianca

utente anonimo
Scritto il 7 aprile 2011 at 14:59

maledetti houna rabbia in corpo ci stanno fregando il futuro  vorrei vederli tutti appesi a un lampione…
ivano

Scritto il 7 aprile 2011 at 15:03

Nella tabella qui sotto trovate i costi orari del lavoro (a livello mano d'opera) dei paesi dell'eurozona.

vedo una correlazione tra crisi – distribuzione dei redditi

Paese                                         €/h

GERMANIA

30,2

OLANDA

27,7

BELGIO

27,3

AUSTRIA

26,2

LUSSEMBURGO

24,2

FRANCIA

22,8

ITALIA

21,1

IRLANDA

21

SPAGNA

15,5

GRECIA

13,6

PORTOGALLO

7,1

utente anonimo
Scritto il 7 aprile 2011 at 16:18

Un altro terremoto del 7.4 in giappone e uno del 6.5 in messico!!!

il 2012 si avvicina è la fine

che Dio ci aiuti

 

utente anonimo
Scritto il 7 aprile 2011 at 16:55

@11

e che sarà mai…Ancora non è successo nulla …
Il 2012 è solo una data come tante altre…

Il processo dei cambiamenti naturali si sta ripresentando con il suo ciclo come tutte le cose…
Contrastarlo non farà altro che emergere tutte le debolezze e gli errori insiti nell'umana natura e sarà causa di dolore.
Comprenderlo ed accettarlo darà la speranza di credere che in fondo se lo vogliamo possiamo essere tutti migliori di cio' che siamo ( o crediamo di essere )

Perchè avere paura?
Ci tieni cosi' tanto a questo vecchio mondo marcio che va a fondo…
Dove un Ipod vale piu' di una vita umana?
Dove i valori sono quelli del conto in banca a tot zeri creati dal nulla di un bit di computer?

E poi aiutati che Dio ti aiuta…

Il Nulla

utente anonimo
Scritto il 7 aprile 2011 at 17:14

Vedi numero otto ti sei solo un povero idiota Andrea nel 2007 ha visto dove tu neache sognavi e poi dopo aver salvato tutti i miei risparmi mi ha portato sul reddito fisso e sull oro facendo faville. Solo un povero ragazzo come te sta ancora giocando con il fuoco senza sapere nulla incapace di fare una minima analisi Stefano

Scritto il 7 aprile 2011 at 17:43

Speriamo che un giorno ci sia una rivoluzione o sommossa oppure qualsiasi "cosa" che permetta un cambiamento, in qualsiasi caso non chiedetemi di partecipare……..sono troppo "vecchio" (parlo per mè….Voi non saprei) per queste cose.

Sicuramente chi è al potere cercherà in tutti i modi di evitarla come ad esempio stà facendo Gheddafi, ed in qualsiasi caso non sarà una rivoluzione simile a quelle accadute in passato dove il popolo moriva di fame,
Chissa forse una nuova forma di rivoluzione o sommossa o come vogliamo chiamarla è già in atto…………….provate a chiede ai giovani come la chiamano.

SD

utente anonimo
Scritto il 7 aprile 2011 at 17:52

13 ti prego continua ad esistere…..
andrea ma dovi li trovi tutti sti sfigati tutti insieme?

utente anonimo
Scritto il 7 aprile 2011 at 17:53

Ps non e’ un caso che il tuo commento e’ il nr. 13! Ricordatelo il caso non esiste

utente anonimo
Scritto il 7 aprile 2011 at 21:07

deficiente

utente anonimo
Scritto il 7 aprile 2011 at 22:08

Complimenti per l'alto livello degli ultimi commenti….

A parte la battuta, mi chiedo come mai ci sia qualcuno che ad ogni post viene ad offendere l'autore.

Con un livello argomentativo da bambini dell'asilo. Anzi no. Mia nipote di 5 anni dice frasi più articolate

kelcri

utente anonimo
Scritto il 7 aprile 2011 at 22:31

pèrche siamo tuti inalfabeti

utente anonimo
Scritto il 8 aprile 2011 at 07:28

Vedi caro 17 il caso non esiste, sei ancora il 13.
Sono senza parole

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
FTSE Mib: Apre in lieve ribasso il listino italiano dopo aver evidenziato ieri una seduta interloc
Come già detto negli ultimi giorni continuiamo ad ignorare i dati provenienti dall'economia ame
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Oggi rinnoviamo la previsione del FTSEMIB nel medio lungo periodo. Come possiamo vedere dall’im
Lo abbiamo scritto più volte, le banche centrali, sono le principali responsabili di questa cri
FTSE Mib: il listino italiano oggi in apertura conferma il rimbalzo delle due sedute precedenti anda
A conclusione del confronto svolto con le Organizzazioni sindacali sugli interventi di natura social
Non ci sono particolari novità, anche se lo SP500 ha dato qualche segnale di debolezza. La situaz