L’OMBRA DEL PASSATO CHE RITORNA…ILLUMINANDO!

Scritto il alle 07:20 da icebergfinanza

Ci sarebbero tante cose da raccontare oggi, dinamiche e segnali nascosti che il mercato sta esprimendo,  dati macroeconomici che sussurrano il rallentamento di una grande illusione, quella di una ripresa economica che dimentica il passato e l’ombra del debito che ha creato l’illusione stessa di questi ultimi anni.

Alcuni segnali sui mercati preannunciano una tensione crescente in alcuni indicatori del credito, il ritorno della sfiducia, del sospetto anche se nei prossimi giorni i riflettori saranno puntati sulla riforma finanziaria che nella notte è stata approvata dal senato americano, notizia che potete trovare in anteprima su BLOOMBERG La risposta del mercato ed in particolar modo delle lobbiese, dimostrerà il grado di efficacia e la profondità e validità di questa riforma.

La solita minaccia di una restrizione del credito per l’economia reale, lascia il tempo che trova in quanto in alcune realtà della finanza mondiale è già naturalmente in atto.

Ma oggi ripercorriamo la storia, tornando indietro nel tempo. Era il lontano 1866 quando Friedrich Wilhelm Raiffeisen, uno dei padri fondatori del movimento cooperativo mondiale ed in particolare tedesco, scrive un libro intitolato " Le casse sociali di Credito " , libro uscito anche in Italiano edito dalla Ecra, Roma 1975 che sarà a breve rivisto, uscendo in una nuova versione.

Nel 1846 Raiffeisen, viene nominato  Borgomastro di Weyerbusch en Westerwald e immergendosi nella realtà di quel tempo si immedesima nelle difficoltà dei suoi concittadini, durante la crisi economica ed alimentare degli anni 1846/1948 e prova a fondare una associazione cooperativa creando un forno comunitario. Tre a ni più tardi fonda inoltre una ulteriore cooperativa di soccorso alla realtà agricola di Flammersfeld en Westerwald, terribilmente provata dalla crisi, cercando di comprendere i meccanismi e le dinamiche  del ricorso al credito dei contadini e degli artigiani.

In quegli anni, una popolazione rurale spesso fortemente impoverita è costretta a combattere quotidianamente con una ondata di prodotti provenienti dalle imprese industriali e importazioni di generi alimentari spesso a basso costo, come sta avvenendo oggi in molti settori.

La posizione di singole e piccole realtà agricole rispetto a realtà industriali spesso consolidate era molto difficile, per non dire critica al punto tale che come mi ha fatto notare MIchele, un caro amico, che mi segue in questa nostra avventura…

" Come l’avido rapace si abbatte sulla nobile selvaggina braccata e spossata, così gli avidi strozzini senza coscienza si precipitano sui contadini bisognosi di aiuto ed indifesi nei loro confronti, sfruttando la loro inesperienza e le loro necessità, per appropriarsi man mano di tutte le loro sostanze con il noto traffico dell’usura.
Una famiglia dopo l’altra va in rovina. Mentre da una parte ci si riduce in miseria ed aumentano a dismisura le difficoltà, dall’altra si accresce il potere e con esso la avidità dei finanziatori usurai, che operano insieme unendo le forze nel modo più sfacciato e spudorato. La situazione della campagna tende a farsi insostenibile senza un intervento energico prolungato."
 
Ovviamente, cercando di non generalizzare e di non fare di tutta l’erba un fascio, non credo vi sia bisogno di aggiungere altro a queste parole, ricordando solo che a quei tempi l’innovazione significava semplificando SOLIDARIETA’, AUTOGESTIONE e RESPONSABILITA’!
Amministrazioni virtuose e realtà del credito locale e nazionale debbono continuare a sostenere queste radici, radici che nascono dalla storia dell’uomo, oggi più che mai che l’ombra della crisi si stende sulla vita della comunità.
 
Ricordando inoltre a tutti il mio "conflitto di interesse", proveniendo io dal mondo cooperativo, nelle sue radici, nelle radici della storia forgiatesi nella miseria di quel tempo, sta nascosta l’innovazione delle banche del territorio, di quelle banche che devono ricordarsi sempre del loro legame con il territorio, di principi che la storia ama scolpire nella roccia, principi semplici ma immensi, che spesso molti dimenticano.
 
Se questo viaggio è stato possibile, se ho compreso prima di chiunque altro quello che stava per accadere lo devo anche alla storia, fatta di grandi e semplici messaggi, storia di uomini e donne, che quotidianamente hanno lasciato in passato qua e la orme da seguire, comprendere, interpretare, semplici messaggi di vita quotidiana, perchè spesso in una semplice storia è nascosto il segreto per comprendere le dinamiche dell’Umanità.
Colgo nel frattempo l’occasione di ringraziare tutti i Compagni di viaggio per la stima e l’affetto dimostratomi in occasione della prenotazione del mio libro in uscita a settembre, scusandomi per l’impossibilità di rispondere a tutti.
Come già scritto dalle dinamiche delle prenotazioni appare una piccola sorpresa ovvero l’incredibile percentuale di oltre l’80 % delle richieste provenienti dall’Italia settentrionale e dall’estero. Al di la della disposizione demografica e dell’interesse per quanto sta accadendo, sorprende la scarsa presenza di Roma e di alcune realtà del centro Italia. Inutile ricordare che singolarmente al sud e nelle isole, vi sono alcuni leggendari e storici Compagni di viaggio che da sempre seguono la nostra avventura che saluto affettuosamente. 

Per chiunque volesse lasciare una prenotazione senza alcun impegno, per aiutarci ad avere un’idea di massima di quante copie mandare in stampa alla prima uscita l’appuntamento è cliccando qui sotto , dovete troverete un assaggio di quello che verrà …..


 

SE VUOI SOSTENERE ICEBERGFINANZA CLICCA QUI SOTTO!
 

 
Icebergfinanza come un cantastorie che si  esibisce nelle strade e nelle piazze delle città!   

La "filosofia" di  Icebergfinanza resta e resterà sempre gratuitamente a disposizione di tutti nella sua "forma artigianale", un momento di condivisione nella tempesta di questi tempi, lascio alla Vostra libertà, il compito di valutare se Icebergfinanza va sostenuto nella sua navigazione attraverso le onde di questo cambiamento epocale!   

Non solo e sempre economia e finanza, ma anche alternative reali da scoprire e ricercare insieme cliccando qui sotto in ……… 

 
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Tags:   |
21 commenti Commenta
Scritto il 21 maggio 2010 at 09:01

ANDREA CI RICORDA CHE L’INNOVAZIONE PASSA ATTRAVERSO LA SOLIDARIETA’,L’AUTOGESTIONE,RESPONSABILITA’..RIFLETTIAMO!!![..] VENERDÌ, 21 MAGGIO 2010 L'OMBRA DEL PASSATO CHE RITORNA…ILLUMINANDO! Ci sarebbero tante cose da raccontare oggi, dinamiche e segnali nascosti che il mercato sta esprimendo, dati macroeconomici che sussurrano il rallentamento [..]

Scritto il 21 maggio 2010 at 09:01

ANDREA CI RICORDA CHE L’INNOVAZIONE PASSA ATTRAVERSO LA SOLIDARIETA’,L’AUTOGESTIONE,RESPONSABILITA’..RIFLETTIAMO!!![..] VENERDÌ, 21 MAGGIO 2010 L'OMBRA DEL PASSATO CHE RITORNA…ILLUMINANDO! Ci sarebbero tante cose da raccontare oggi, dinamiche e segnali nascosti che il mercato sta esprimendo, dati macroeconomici che sussurrano il rallentamento [..]

Scritto il 21 maggio 2010 at 09:01

ANDREA CI RICORDA CHE L’INNOVAZIONE PASSA ATTRAVERSO LA SOLIDARIETA’,L’AUTOGESTIONE,RESPONSABILITA’..RIFLETTIAMO!!![..] VENERDÌ, 21 MAGGIO 2010 L'OMBRA DEL PASSATO CHE RITORNA…ILLUMINANDO! Ci sarebbero tante cose da raccontare oggi, dinamiche e segnali nascosti che il mercato sta esprimendo, dati macroeconomici che sussurrano il rallentamento [..]

utente anonimo
Scritto il 21 maggio 2010 at 13:41

Io sono del sud (puglia) e ti seguo con appassionata empatia ! A volte i tuoi post sono troppo estesi e pieni di lunghi excerpts e citazioni, ma rimangono davvero una boa di indicazione in un mare di mainstream, e di pane con circensi.Non capisco molti concetti legati alla finanza economica, qualche volta rendili più chiari per i poveri mortali Complimenti e cordiali salutiPaolo Tomas

Scritto il 21 maggio 2010 at 14:29

ciao Andrea,anche se non ho più postato per via  dei troppi impegni ti ho sempre seguito. sei sempre unico. ci vediamoa trento

Scritto il 21 maggio 2010 at 17:38

"A prescindere da cosa faccia la cancelliera tedesca Angela Merkel, l'euro e' morto". Cosi' titola l'edizione online dell'inglese The Telegraph che prende le parti di quei politici che a Londra si sono guardati bene dall'essere "eurofili". "Se la sterlina fosse stata sostituita dall'euro questo paese (l'Inghilterra, ndr) si troverebbe in rovina", si legge nell'articolo dove si ringraziano le scelte di chi ha evitato che il Regno di Sua Maesta' finisse sotto il peso di un debito schiacciante. Il succo: starsene lontani dall'euro "e' stata la salvezza".siamo arrivati alle diffamazioni, al terrorismo politico ed economico…..

Scritto il 21 maggio 2010 at 18:31

Ciao Andrea, non mi stupiscono nè la geografia nè la composizione di genere delle prenotazioni del tuo libro…esse sono uno specchio della realtà…il Nord produce e opera, a Roma l'attività preferita è la politica!!!!…, al Sud ci si chiude e si difende quello che si ha… il 5% di donne poi……sai ….la scienza triste non fa per noi così come è oggi concepita e studiata e divulgata, un tale diceva…."la verità è sempre rivoluzionaria" come tu hai giustamente definito la possibile rielaborazione femminile di queste discipline…solidarietà, autogestione e responsabilità sono nel nostro dna, siamo ben capaci di alzarci le maniche e ricominciare dal piccolo e piccolissimo, ma oltre un certo livello perdiamo il contatto con la realtà e con i singoli individui che curiamo e amiamo, allora deleghiamo…l'ambizione e la crescita sono più del nostro intimo che del palcoscenico e se devo pensare a donne impegnate ed importanti devo purtroppo notare che non c'era un'azienda familiare da portare avanti…una scelta????   non so rispondere…..ciò non toglie nulla alle capacità ed alle potenzialità che -in ambiente favorevole- si fanno sentire, eccome……per fortuna ci sei tu ed io regalerò il tuo romanzo proprio alle mie amiche che inviterò a leggerlo ai propri figli come se fosse una fiaba….a prestoun abbraccio

Scritto il 21 maggio 2010 at 21:07

Anonimo #20 articolo precedente, probabilmente sono io l'utente che linka articoli/video di Solange Manfredi di Stampa Libera ed altri; anche a mè bastano due fette di pane integrale un pò di frutta fresca/secca e qualche sigaretta…..ogni tanto; credo invece che hai compreso molto su come "funziona" il sistema economico/finanziario. Anch' io non sono specialista della materia.Gracav #5 non per polemizzare, ma dove sono le altre donne??? ed al riguardo posto dei link che Vi dovrebbero interessare (donna-uomo dualità?? http://it.wikipedia.org/wiki/Monismo):http://www.vocidallastrada.com/2010/05/gli-arabi-sono-immuni-alluranio.html (gli effetti sui neonati)http://www.stampalibera.com/?p=12477 (no comment)Un salutoSD

Scritto il 21 maggio 2010 at 21:07

Anonimo #20 articolo precedente, probabilmente sono io l'utente che linka articoli/video di Solange Manfredi di Stampa Libera ed altri; anche a mè bastano due fette di pane integrale un pò di frutta fresca/secca e qualche sigaretta…..ogni tanto; credo invece che hai compreso molto su come "funziona" il sistema economico/finanziario. Anch' io non sono specialista della materia.Gracav #5 non per polemizzare, ma dove sono le altre donne??? ed al riguardo posto dei link che Vi dovrebbero interessare (donna-uomo dualità?? http://it.wikipedia.org/wiki/Monismo):http://www.vocidallastrada.com/2010/05/gli-arabi-sono-immuni-alluranio.html (gli effetti sui neonati)http://www.stampalibera.com/?p=12477 (no comment)Un salutoSD

Scritto il 21 maggio 2010 at 21:07

Anonimo #20 articolo precedente, probabilmente sono io l'utente che linka articoli/video di Solange Manfredi di Stampa Libera ed altri; anche a mè bastano due fette di pane integrale un pò di frutta fresca/secca e qualche sigaretta…..ogni tanto; credo invece che hai compreso molto su come "funziona" il sistema economico/finanziario. Anch' io non sono specialista della materia.Gracav #5 non per polemizzare, ma dove sono le altre donne??? ed al riguardo posto dei link che Vi dovrebbero interessare (donna-uomo dualità?? http://it.wikipedia.org/wiki/Monismo):http://www.vocidallastrada.com/2010/05/gli-arabi-sono-immuni-alluranio.html (gli effetti sui neonati)http://www.stampalibera.com/?p=12477 (no comment)Un salutoSD

utente anonimo
Scritto il 21 maggio 2010 at 23:11

utente anonimo
Scritto il 21 maggio 2010 at 23:11

utente anonimo
Scritto il 21 maggio 2010 at 23:11

Scritto il 21 maggio 2010 at 23:14

non vedo dov'è la polemica S.D., le altre donne risponderanno per quello che sentono di dire……….e la tua donna???? segue icebergfinanza???

Scritto il 21 maggio 2010 at 23:14

Cara gracav,vuoi per caso che riportino questa notizia:The net increase was almost a $100bn rise on February – when foreign purchases of long-term securities stood at $47.1bn – and was a new record, according to US Treasury figures.Ma la cosa piu' interessante e' chi compra i bonds solo un 25% sono andati a Governi Esteri…hai capito che questi in un mese si fumano come 100 miliardi di debito alla faccia della Grecia poi si chiedono come mai nessuno cominci a fidarsi.Ti lascio  il link:http://www.telegraph.co.uk/finance/financetopics/financialcrisis/7734426/Global-investors-flock-to-US-debt-at-record-speed.htmlSalutiMassimo

Scritto il 21 maggio 2010 at 23:33

grazie Massimo, non ci sono più limiti alla menzogna..

utente anonimo
Scritto il 22 maggio 2010 at 08:33

Montecristo:Ogni  tanto  le  buone  notizie.Qualche  giorno  fà  è stata  annunciata   la  notizia   della   scoperta  della  vita  artificiale,qui  in Italia   la  cosa  sui  giornali  non  ha  avuto  grande  risalto  ma  secondo  me    ci  troviamo  difronte  ad  una  scoperta  che  potrebbe   dare  sotenib ilità   ad  una  futura  crescita ,la  portata  di  tale  evento  è  inimmagginabile  ,sensazionale   , pensate  potranno  creare   tutto  dal  petrolio   ad  ogni  cosa   utile   senza  effetti  collaterali, non  so  il  tempo  che  ci  vorrà   ma  se il  mondo  non  finirà  il 2012    penso  che  entreremo   in  una  nuova  era : quella  del  diamante.

Scritto il 22 maggio 2010 at 09:59

"In quegli anni, una popolazione rurale spesso fortemente impoverita è costretta a combattere quotidianamente con una ondata di prodotti provenienti dalle imprese industriali e importazioni di generi alimentari spesso a basso costo, come sta avvenendo oggi in molti settori."Anche 150 anni fa la soluzione trovata è stata la collaborazione tra le persone, la cooperazione che sostiene i più deboli.Anche allora non è stata la soluzione definitiva, non ha potuto opporsi alla chiusura di settori industriali non competitivi, ma ha aiutato le persone sostenendole e consentendone la evoluzione verso altre attività.Il meccanismo attuale di sostegno dato dalla cassa integrazione può essere utile a livello temporaneo ma non fa nulla a livello strutturale, integra i redditi mancanti ma non indirizza alla riconversione dei settori. Si spera che ci sarà una ripresa della economia e quindi, passata l'ondata le imprese possano riprendersi i lavoratori, ma questa è una illusione: al termine delle difficoltà le imprese che avranno resistito dovranno aver fatto delle scelte, e la principale consiste in nuovi metodi operativi più snelli e con professionalità diverse.Senza andare troppo oltre, e guardando solo all'immediato, vorrei indicare come la coesione e l'aiuto reciproco sia una caratteristica indispensabile mentre lo strumento operativo potrebbe essere la impresa sociale: invece di aspettare un futuro sconosciuto si potrebbero mettere assieme le competenze inutilizzate per venire incontro ai bisogni esistenti.Affiancare alla libera iniziativa economica sfrenata che sembra avere solo finalità di arricchimento, la libera iniziativa solidale che non parte dal singolo ma dall'unione delle forze per costruire un futuro per tutti.Ci vogliono competenze manageriali, dei capitali per iniziare e una chiara idea dei bisogni da soddisfare: per mettere assieme questi elementi occorrono dei punti di aggregazione, altrimenti ogni singola risorsa è improduttiva.Raffaele

Scritto il 22 maggio 2010 at 10:29

Grazie Raffaele sopratutto quando dici…..Senza andare troppo oltre, e guardando solo all'immediato, vorrei indicare come la coesione e l'aiuto reciproco sia una caratteristica indispensabile mentre lo strumento operativo potrebbe essere la impresa sociale: invece di aspettare un futuro sconosciuto si potrebbero mettere assieme le competenze inutilizzate per venire incontro ai bisogni esistenti.Dio solo sa quante alternative esistenti si continuano a rifiutare nel nome di un sistema che ha mostrato tutte i suoi limiti, tutte le sue debolezze, ma i sacerdoti del neoliberismo, continuano a voler difendere il tempio che sta crollando sotto i loro occhi.Riscopriamo prima che sia troppo tardi le radici delle nostre tradizioni, le radici della storia, i "MONDI ALTERNATIVI" e integriamo questo sistema con la loro "saggezza"

 

Andrea 

Scritto il 22 maggio 2010 at 16:47

Ciao Andrea, ti segnalo la seguente affermazione di Barroso relativa al decennio perduto. So che tu ti riferisci al futuro quando ne parli però questa resta un'ulteriore conferma ai tuoi condivisibili presentimenti:(ANSA) – FIRENZE, 22 MAG – 'La crisi economica e finanziaria ha spazzato via 10 anni di crescita e di progressi, e non e' ancora passata'. Cosi' Jose' Barroso. 'La situazione in Grecia e gli attacchi alla stabilita' lo dimostrano' ha precisato il presidente della Commissione europea durante il suo intervento alla conferenza del Comitato economico e sociale europeo, che si e' chiusa a Firenze. Dove Barroso ha anche sottolineato che 'l'Europa ha 'approvato un'azione coordinata per sostenere gli Stati membri'.Per quel che concerne il Regno Unito, farebbero bene a stare zitti visto che prevedono una manovra da 60 miliardi di sterline per ridurre lo spaventoso deficit e sono lo stato occidentale più vicino al Default. Ho fatto un'analisi del Regno Unito sul mio blog: hanno poche possibilità di manovra e sono a tutti gli effetti uno stato schiavo delle banche e della finanza. Uno stato Hedge da 50 milioni di abitanti; un vero record.

utente anonimo
Scritto il 23 maggio 2010 at 01:42

Nel blog di Mercato Libero  dove c'e' la medaglia Italia Argentina ,sono stato colpito dal commento di un lettore,….. un sogno di un veggente?Silvestro

SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO Clicca qui sopra
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
IL NOSTRO LIBRO clicca qui
SOSTIENI ICEBERGFINANZA
Articolo dal Network
Mercato ai massimi storici, e anche il COT Report ci fa vedere un mercato con le mani forti che si
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
In aiuto a chi cerca il lavoro giusto arriva Job Match, una piattaforma intelligente che mostra
Una pioggia di dividendi sta per arrivare a Piazza Affari. La stagione per alcuni titoli del Ftse Mi
Niente di nuovo sotto il cielo delle valute mondiali, il dollaro continua a dettare legge ovunqu
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib: prosegue l'ottimismo sui mercati internazionali, con gli indici americani che segnano nuov
Colgo l’occasione per ricordare che spesso, per quanto riguarda l'invio dei manoscritti di Machiav
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
23 Se prima della notizia dell'embargo totale nei confronti del petrolio dell'Iran c'era forse il