NESSUN PESCE D'APRILE!

Scritto il alle 14:26 da icebergfinanza

 

 

Vi ricordare MBIA e AMBAC, le monoline, quelle società che utilizzavano il presunto rating AAA per vendere "protezioni" ad aziende anche decotte che dietro il pagamento di un premio potevano ottenere lo stesso rating e quindi avere un debito meno oneroso, ovvero la possibilità di emettere obbligazioni con tassi di interesse contenuti.

Ebbene Eric Dinallo, il supersovraintendente sulle assicurazioni di NewYork in una intervista al  FINANCIAL TIMES ha fatto una splendida osservazione a proposito dei credit default swaps, una osservazione che in passato avevo già fatto e che vi avevo riproposto nelle parole di Fabrizio Galimberti sul Sole24Ore:

……….. il problema è che i CDS possono essere comprati da chiunque non possiede il titolo da "assicurare" e venduti anche da chi non ha il capitale necessario a pagare in caso di default."

Questa invece era la notizia apparsa su Bloomberg in gennaio:

Jan. 29 (Bloomberg) — Hedge funds would be forced to register with federal securities regulators under a measure introduced today by two U.S. senators who said the requirement is necessary to protect investors and the financial system.

The Hedge Fund Transparency Act, sponsored by Senators Carl Levin, a Michigan Democrat, and Charles Grassley, an Iowa Republican, would require hedge funds to file an annual disclosure form with the U.S. Securities and Exchange Commission, comply with the agency’s record-keeping standards and cooperate with its investigations.

Scrive quindi WallStreetItalia: 

……… nuovo disegno di legge potrebbe cambiare radicalmente la regolamentazione vigente sul mercato dei derivati e dei titoli scambiati "over-the-counter". Stando alle prime stime, si potrebbe assistere alla sospensione delle trattative all’interno del mercato dei CDS (Credit-Default Swap) per assets con un valore complessivo pari a circa $29 mila miliardi.  

Collin Peterson, Presidente del Comitato dell’Agricoltura della Camera dei Rappresentanti Usa, ha diffuso una bozza di legge nella giornata di ieri che proibirebbe le contrattazioni sui CDS qualora gli investitori non siano in possesso dei bond di riferimento. La proposta, di riflesso, avrebbe un forte impatto anche sul mercato "over-the-counter" (in cui sono scambiati titoli per ben $684 mila miliardi) che verrebbe gestito da un’agenzia specializzata.

"Una cosa del genere eliminerebbe di fatto il mercato dei singoli CDS" ha affermato Tim Backshall, chief strategist di Credit Derivatives Research. "Considerata la ridotta dimensione degli emittenti dei bond circolanti, cio’ renderebbe praticamente impossibile l’esistenza del mercato".

Secondo Dinallo oggi questa crisi è più simile al collasso finanziario e al panico del 1907 che al crollo del 1929, anno nel quale Morgan costrinse tutti i banchieri a rimanere in un stanza sino a quando non avessero accettato di contribuire alla risoluzione della crisi.

Sempre secondo Dinallo oggi si sta dimenticando che una delle principali cause di questa crisi è il fatto che molti speculatori "giocano" con titoli che non possiedono.

Nel 1908 questi giochi furono aboliti, senza tante domande per non vedere esplodere il sistema e i CDS sono il combustile che hanno fatto degenerare l’incendio subprime.AIG è il principale responsabile di questa autentica follia 500 miliardi di dollari di polvere esplosiva immessa nel mercato ovvero i credit default swaps e Voi tutti conoscete la storia che Icebergfinanza vi ha precedentemente riportato.

Nell’articolo in questione si spiega cosa sono i CDS, si ricorda la pazzia delle maggiori banche europee che hanno coperto la mancanza di capitali per continuare a concedere prestiti con queste polizze assicurative, molti hanno comprato strumenti senza possederne il sottostante.

La deregolamentazione ha fatto il resto, ha tolto ogni vincolo a ciò che non è stato possibile per 100 anni. Prosegue Dinallo che si è dimenticata la prerogativa dei mercati americani, sicurezza e trasparenza…….

If we destroy that perception, the long-term cost to our society is incalculable.

Si i costi nel lungo termine saranno incalcolabili, ma c’è ancora qualche idiota che dice non c’è fretta pre riformare i regolamenti….ogni riferimento al post precedente è puramente casuale!

Al di là di tutte le rondini che in primavera sono estremamente benvenute, la situazione per quanto riguarda i prezzi delle abitazioni sta peggiorando, come evidenziato dal S&P CASE/SHILLER un sistema di rilevazione prezzi privato e indipendente da quelli governativi della FHA o OFHEO quindi ognuno tragga le sue conclusioni!

Circa un anno fa avevo affermato che una caduta dei prezzi nell’ordine del 30/35 % era possibile, addirittura Robert J.Shiller, creatore dell’indiche in questione,  prospettava la possibilità di scendere in media anche del 40 %.

Ebbene oggi il Composite 10 index è sotto del 30,2 % dal suo picco ed è crollato del 2,5 % in gennaio e il 20 index è sotto del 29,1 % e anch’esso è sceso del 2,8 %.

Quindi un altro meno 5 % credo che sia realistico prima di una stabilizzazione!

Quello di gennaio è il peggior calo in percentuale anno su anno dall’inizio del crollo immobiliare!

Date un’occhiata ora al grafico qui sotto, osservate l’andamento di città come Cleveland o Dallas, Denver o Atlanta che pur non avendo assistito ad una speculazione sfrenata come nel caso di Los Angeles o Miami stanno osservando un rientro sensibile dei prezzi esclusa ovviamente Detroit che è un caso a se stante, ormai una città fantasma!

New York la culla degli affari sta accelerando la dinamica negativa!

Thanks to themessthatgreenspanmade

Infine non vi è alcun dubbio che le foreclosures e le distressed sales stanno incrementando la sensibilità del crollo nelle città più colpite!

Per quanto riguarda il distretto di Philadelphia e la situazione economica credo che alle volte i grafici siano in grado di esprimersi più di mille parole:
 
http://www.philadelphiafed.org/research-and-data/regional-economy/indexes/leading/charts/2009/LeadingIndexes0209.jpg
 
Questa è la situazione del coincident index negli ultimi tre mesi, non l’America non è diventata uno stato comunista, probabilmente socialista ma tutti gli stati americani, oggi sono in recessione. Quello che colpisce è il fatto che questa crisi è globale, non c’è un solo stato al mondo che sia rimasto fuori da questa crisi!
Thanks to Philadelphiafed
[RedMap.jpg]

Il distretto manifatturiero di Chicago il più grande di tutta la nazione, ha assistito ad un crollo negli ordini arretrati da 29,3 a 21.3 e una limatura dei nuovi ordini da 30,6 a 30,9. Per coloro che parlano di inflazione, ebbena la notizia è che il prezzi continuano a scendere calando da 37,8 a 34,1. La produzione è scesa da 34,7 a 32,7;

Una piccola luce è offerta dall’indice occupazionale che sale da 25.2 a 28,1. 

Thanks to Econompicdata.
Questo invece è l’ EMPIRE STATE MANIFACTURING di NEw York, relativamente importante dal punto di vista manifatturiero visto che il distretto di New York è essenzialmente un distretto di servizi, ma anche il questo caso prosegue la spirale deflativa, la dinamica della debt deflation!

General Business Conditions

 Prices Declines Continue
The indexes for both prices paid and prices received remained negative. The prices paid index was little changed from February, at -14.6; the prices received index fell to -23.6. Employment indexes were also staunchly negative. The index for number of employees hovered near its recent record low, at -38.2, and the average workweek index, although up slightly from last month, remained quite low at -23.6.
Questa è invece una cattiva notizia,…….. The future capital spending index dropped 8 points to -19.1, a record low, and the technology spending index declined for a sixth consecutive month, reaching a record-low -23.6……..se gli investimenti continuano a scendere a questo ritmo credo che il PIL del primo trimestre, se reale, riserverà ancora qualche brutta sorpresa!
La mia previsione è di una discesa oltre il 7% non in prima lettura ma al termine di tutte le successive revisioni, perchè la prima lettura non ha alcuna attendibilità!
Per quanto poco attendibile l’odierno ADP National Employment Report segnala una perdita di 742.000 posti nel mese di marzo e una revisione negativa di 9000 nel mese di febbraio a 706.000.
Meno 415.000 posti nel settore servizi, sono curioso di vedere cosa ci dirà venerdi il dato nazionale ed in maniera particolare l’ISM dei servizi.
Meno 118.000 nel settore costruzioni il che porta ad una ipotetica perdita di posti di lavoro di 1.135.000 unità dal gennaio 2007. Questa è il peggior dato dall’inizio della crisi.
Ipotetica perchè tutti sappiamo quanti lavoratori in nero immigrati hanno sostenuto il volo immobiliare americano e quelli nessuno li conteggia, in una società dove rischi di diventare un fantasma.
Stranamente nel report della ADP non si ha notizia del settore finanziario che in passato veniva evidenziato nell’ultimo grafico accanto al settore immobiliare!
Questo in passato si è spesso rivelato un report inattendibile, ma come vedremo nel post REALTA’FANTASMA la situazione è molto più grave di quello che disegnano i dati ufficiali.
 
La Challenger Gray & Christmas, società di rilevazione dell’occupazione privata,  ha evidenziato un aumento del 181 % nei licenziamenti programmati, che equivale a tre volte tanto rispetto a marzo dello scorso anno. 

Another report today also reflected a weak labor market. Job cuts announced by U.S. employers nearly tripled in March from a year earlier, led by planned cutbacks at government agencies, pharmaceutical and aerospace and defense firms, Chicago-based placement firm Challenger, Gray & Christmas Inc. said.

Firing announcements rose by 181 percent from March 2008, to 150,411. Compared with the prior month, announcements fell for a second consecutive time, the first two-month decrease in job cuts since February-March 2007. ( Bloomberg )

Per quanto riguarda l’indice ISM lieve miglioramento ancora da confermare nei prossimi mesi, balzo degli ordini ma la produzione ristagna e l’occupazione sembra dare segni di ripresa anche se è ancora troppo presto e la realtà è un’altra, un conto è assumere, un conto è dare la disponibilità ad assumere.

THE LAST 12 MONTHS
Month PMI   Month PMI
Mar 2009 36.3   Sep 2008 43.4
Feb 2009 35.8   Aug 2008 49.3
Jan 2009 35.6   Jul 2008 49.5
Dec 2008 32.9   Jun 2008 49.5
Nov 2008 36.6   May 2008 49.3
Oct 2008 38.7   Apr 2008 48.6
Average for 12 months – 42.1
High – 49.5
Low – 32.9

"Most of the international markets have been reducing inventory levels and they are forecasting improvements in the next 4 to 6 months."

"Many pockets of improvement."

"What we are feeling now is that customers aren’t making their final payments on equipment that has already been shipped."
 
Scorte ridotte in previsione di miglioramenti nei prossimi 4/6 mesi per i prodotti chimici, molte sacche di miglioramento per l’elettronica. Interessante per quanto riguarda il settore macchinari, la sensazione è che molti clienti non riusciranno a saldare le loro fatture su macchinari già inviati, già spediti. 
 
 
While 7 percent of respondents reported paying higher prices and 45 percent reported paying lower prices, 48 percent of supply executives reported paying the same prices as the preceding month.
 
Qui il 7 % degli intervistati parla di prezzi più alti pagati, il 45 % riporta prezzi in discesa ……..quindi chiamatela inflazione se volete!
In REALTA’FANTASMA vedremo inoltre come secondo alcune indicazioni di Goldman Sachs, il sistema finanziario stiamo prezzando a bilancio gli assets illiquidi in maniera assolutamente demenziale.
La mai opinione resta invariata,  i mercati sono fondamentalmente sopravvalutati, non scontano in alcun modo gli utili futuri e come abbiamo visto ad esempio nel caso del settore finanziario o gli utili sono determinati da operazioni di trading o sono semplici artifici contabili ( vedi AIG & Mark to Market ) in particolare il terzo livello.
Il G20 potrebbe riservare qualche sorpresa, ma sono più incline all’ennesima bolla della politica, la nemesi è inevitabile, troppi centri di potere ed interesse sono interessati a quanto avviene e nessuno è disponibile a cancellare lo status quo! Se mi sbaglio sarò ben lieto di fare pubblica ammenda.

Icebergfinanza come un cantastorie che si  esibisce nelle strade e nelle piazze delle città!  

 La "filosofia" di  Icebergfinanza resta e resterà sempre gratuitamente a disposizione di tutti nella sua "forma artigianale", un momento di condivisione nella tempesta di questi tempi, lascio alla Vostra libertà, il compito di valutare se Icebergfinanza va sostenuto nella sua navigazione attraverso le onde di questo cambiamento epocale!

 

Per sostenere ICEBERGFINANZA clicca qui sotto

Non solo e sempre economia e finanza, ma anche alternative reali da scoprire e ricercare insieme cliccando qui sotto in ……….

 
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
63 commenti Commenta
Scritto il 1 aprile 2009 at 13:39

ok

utente anonimo
Scritto il 1 aprile 2009 at 14:00

è un pesce d’aprile :-)

utente anonimo
Scritto il 1 aprile 2009 at 14:46

http://jessescrossroadscafe.blogspot.com/2009/03/derivatives-heart-of-darkness.html

Derivatives: the Heart of Financial Darkness

The heart of our financial crisis is reckless speculation with “too big to fail” funds by a relatively small group of US based money center banks.

There is sufficient circumstantial evidence from their concerted lobbying efforts to undo and resist regulation to show planning and forethought in what is an almost amazingly straightforward case of fiduciary and financial fraud. Many a blind eye was turned to the decline of the nation as it occurred, as the media and politicians and financial regulators were caught up in a seductive web of corruption.

The perpetrators are still in place, relatively unrestrained, and certainly not facing anything that might be called ‘justice.’

Saluti
Hokutojen

utente anonimo
Scritto il 1 aprile 2009 at 14:54

STATI UNITI 16:00 Indice ISM Manifatturiero Marzo

IL MOZZO DI TERZA

utente anonimo
Scritto il 1 aprile 2009 at 17:07

Perchè i dati definitivi sono sempre rivisti al ribasso?
Forse quelli provvisori sono un tantino berlusconianamente taroccati.

utente anonimo
Scritto il 1 aprile 2009 at 18:15

Come al solito …. bellissimo articolo, realistico da … far paura.

Qualcuno sicuramente avrà da ridire … troppo pessimismo, troppa retorica, troppa ricerca di etica in un mondo di cinici.

A me quello che spaventa al momento è l’apparente determinazione dei vari leader a … non cambiare rotta.
I conti veri li hanno sicuramente, ed anche una chiara percezione della realtà, proprio dovuta al loro cinismo, ma … non cambiano rotta.

Per capirci, in USA hanno regalato soldi a palate per sostenere banche che potevano e dovevano tranquillamente fallire.

Troppo “grandi” …. troppi intrallazzi sporchi, troppe amicizie e troppo potere politico, e così quattro farabutti in “doppio petto” hanno incassato centinaia di miliardi di dollari a fronte di truffe da operetta e …. oltrettutto al momento sono liberi di continuare il loro redditizio truffare.

Benissimo, ma …. i soldi sono infiniti? Chi paga? A già, la favoletta …. do tanti soldi ai banchieri che così sostengono il mercato …. Quale, quello delle loro tasche? Le banche non sono opere di carità, nè tantomeno uffici assistenziali.

In compenso ecco il “ruggito del leone” verso le grandi case automobilistiche, giustamente incolpate di essere …. delle voragini senza fondo.
Non ci sono soldi per gli incapaci …. e allora chiudere!

Bravo …. regali alle banche soldi per … pagare truffe e non sostieni aziende con decine di migliaia di dipendenti che mantengono la società civile.

E’ perfetto.

Non sò come verra chiamata questa politica “sociale” nei prossimi anni … sicuramente non “new deal”.

Dai “treaders” che oggi ha fatto un rimbalzino e magari domani pure.
Personalmente spero che non smetta più ….. fino a far ripartire l’economia reale.
Come uno sfregio a tanta deficenza e cattiveria umana, che nel momento dell’affanno di tanti … pensa solo ai propri luridi tornaconto, sulla pelle di chi soffre, a “rubare “conquiste sociali, a impegnare il futuro dei nostri figli.

Ma la mia è solo …. una speranza controcorrente, mentre la realtà pare andare su un’autostrada con quattro corsie.

Francia R

utente anonimo
Scritto il 1 aprile 2009 at 18:57

Il Presidente francese sembra essere uno con le palle e chiede di cambiare in toto le regole della finanza. Se non si cambia lascerà la sua poltrona vuota al summit. Che gente i francesi li invidio proprio. Voi cosa ne pensate? Mik

utente anonimo
Scritto il 1 aprile 2009 at 18:58

Io SPERO che tu stia sbagliando, Andrea, ma CREDO purtroppo che tu abbia ragione.

utente anonimo
Scritto il 1 aprile 2009 at 19:04

Parecchi anni fa lavoravo in una piccola industria e ricordo un premio, se non sbaglio “il Mercurio d’oro”. La Ditta pagava una cifra per potersi fregiare di questo logo, che in teoria avrebbe dovuto certificare la qualita eccelsa della sua produzione.

“Vi ricordare MBIA e AMBAC, le monoline, quelle società che utilizzavano il presunto rating AAA per vendere “protezioni” ad aziende anche decotte che dietro il pagamento di un premio potevano ottenere lo stesso rating e quindi avere un debito meno oneroso, ovvero la possibilità di emettere obbligazioni con tassi di interesse contenuti.”

Beh, direi che il Mercurio d’oro ha fatto scuola….

Scritto il 1 aprile 2009 at 20:10

Francia,

non so quanta predisposizione al cambiamento ci sia nella classe politica rappresentata al G20 penso che tra diverse forzein gioco ed interssi non coincidenti abbiano nel complesso maturato l’idea della necessità di qualche cambiamento. Non dobbiamo dimentcare che in qualche modo i politici vivono di consenso.

Ma far cambiare rotta ad una petroliera ad alto dislocamento piena è operazione lunga e lenta , quasi non ci si accorge, se si forza si rischia il disastro ecologico.

In ogni caso ci vuole tempo.

Il cuculo

utente anonimo
Scritto il 1 aprile 2009 at 22:28

Per il cuculo

Sei così sicuro che abbiamo tempo?
Credi siano possibili cambiamenti gattopardeschi (inesistenti nella realtà)?

Io credo di no. Non abbiamo tempo.

Non va probabilmente dimenticato che se anche per magia i problemi (pregressi) delle banche fossero risolti mancano due cose per loro:

1) Un nuovo modello di business
2) La fiducia delle persone

e se anche tutto ciò d’incanto si trovasse (ma grazie a chi? a chi ha fatto il disastro?) facilmente….

c’è un problema nelle finanze pubbliche degli Stati.

L’italia per esempio (stima OCSE) si ritroverà nel 2010 con il 127% del rapporto debito-PIL…Si ritorna al 1992….peccato che è da allora che si fanno sacrifici….

E le finanze del resto del mondo?
Peggio che mai…

E i problemi valutari?
E il rischio protezionismo?

Senza contare….come dicevo all’inizio….che i problemi pregressi delle banche non siano risolti.
Ma non c’è neanche un nuovo modello di business per le banche…..
ma c’è un problema di sovraproduzione per le industrie…..
Ma manca la fiducia da parte di noi comuni mortali in tutto il mondo….nessuna fiducia nella democrazia….nessuna nelle banche….nessuna in queste istituzioni finanziarie…..nulla di nulla

Il tempo è scaduto caro Cuculo

IL MOZZO DI TERZA

utente anonimo
Scritto il 1 aprile 2009 at 23:36

INFINITA TRISTEZZA

Oggi a Londra ci sono state delle manifestazioni di protesta contro il G20.

G20, che dovrebbe prendere in teoria le decisioni per salvare il mondo.
Naturalmente per mondo si intende
l’attuale politica, l’attuale finanza. In una parola L’OLIGARCHIA.

Migliaia di ragazzi si son dati appuntamento. Appuntamento per manifestare. Idee confuse senz’altro. Idee sbagliate senza dubbio. Ma anche idee giuste, non v’è dubbio.

In questa manifestazione vi sono stati scontri. Forse questi ragazzi hanno sbagliato.
Sicuramente INDIGNA CHE DAGLI UFFICI DELLA STRAFALLITA RBS gli impiegati lanciavano, come gesto di SCHERNO e di SFREGIO, BANCONOTE DA 10 STERLINE.
In realtà noi sappiamo bene che sono i signori di RBS i veri accattoni strafalliti.

MA TUTTO CIO’ NON CONTA NULLA.
ORA NON CONTA NULLA.

QUELLO CHE CONTA E’ CHE IN QUELLA MANIFESTAZIONE UN RAGAZZO (tra quelli gentilmente omaggiato di una banconota da 10 STERLINE) DOMANI MATTINA NON SI SVEGLIERA’ PIU’.
GLI E’ STATO TOLTO IL DIRITTO DI FARE L’AMORE L’AMORE CON LA SUA RAGAZZA QUESTA NOTTE.
GLI E’ STATO TOLTO IL DIRITTO DI RIVIDERE I SUOI CARI…….

OGGI UN RAGAZZO E’ MORTO.

IL MOZZO DI TERZA

Scritto il 2 aprile 2009 at 00:08

Andrea la verità è che i mercati come hai ben detto..i mercati sono fondamentalmente sopravvalutati, non scontano in alcun modo gli utili futuri….

Se tutti quelli del G20 anche se POTENTI, se si dovessero buttare dal 13 piano non potrebbro vincere contro la forza di gravità ….perciò con tutta la loro forza non potranno vincere contro la forza di gravità delle masse cotte e decotte dal DEBITO.

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 07:16

Coesione sociale, un esempio di sprezzo, sempre se sia vere e´che ieri a Londra da palazzi della City qualcuno lanciasse sui dimostranti biglietti da 10 Sterline…questo e´ il modo piu´ idiota che si possa intendere per mostrare lo sprezzo e l´idiozia aleggiante.
Va poi fatta una considerazione, ossia che la FINANZA deve essere al servizio dell´ECONOMIA, spesso dimentichiamo questo concetto !
Un´ultima considerazione, a mio avviso credo che stiamo subendo oltre al crollo dei mercati un defici ti democrazia collettivo, insomma a mio avviso stiamo assisteno a cosiddetti CAPTURED STATES, dove elite predatorie si sono impiossessate dei meccanismidi controllo degli stati e dei loro apparati decisionali facendoli operare solo al fine di massimizzare i loro interessi a scapito della maggiranza…che mi son spinto oltre…
Saluti a tutti
Massimo

Scritto il 2 aprile 2009 at 07:28

A volte Mozzo di Terra non ci sono parole …solo un grande silenzio…può urlare un’ enorme indigazione…

Si Massimo…inoltre hanno volutamente dimenticato che
l’ economia dovrebbe essere una scienza sociale … sociale… o no???
Valentina

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 07:53

Caro MOZZO,

il tempo non scade mai, domani il sole sorge su i nostri crediti i nostri debiti, le banche fallite e le aziende sane, i nostri vecchi padri ed i nostri figli.

Vuoi la rivoluzione Francese? E’ molto romantica come idea na non risolse i problemi.

Vuoi la rivoluzione d’ottobre? Non fu molto romantica e non risolse i problemi.

Oppure preferisci una rivoluzione Komeinista o una Castrista o una svolta Peronista o un regime Talebano, o magari un liberalcapitalcomunismo alla cinese?

sul vassoio della storia ci sono tante possibilità.

Tanto entro pochi anni, al più qualche decina saremo tutti morti, cosa importa qualche anno in più o in meno?

AD MALORA
IL CUCULO

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 08:26

e intanto si va su….
la mia è costatazione non polemica.

magari è il momento di muoversi … e di non stare in riva al fiume visto che sempre la borsa anticipa

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 10:07

Caro Cuculo,
verissimo, spesso le soluzioni sono state pessime, ma si era arrivati a punti di non ritorno e miopia totale…ricordate il famoso se non hanno pane che mangino focacce di Maria Antonietta…bene sono preoccupato proprio perche’ oggi come allora tanti “zar e zarine” della finanza sono convinti che loro cominque e sempre si salveranno….proprio come tante teste coronate anni e anni fa.
Quando non capiamo che dopo il canarino tocca a noi e non facciamo nulla per salvare il canarino vuol dire che il nostro delirio di onnipotenza ci rende ciechi di fronte alla realta’.
Da parte mia non riusciro a cambiare il mondo ma almeno di lasciare dietro di me qualcosa di meglio di quanto ho trovato…la speranza e sempre salda.
Saluti alla ciurma
Massimo

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 10:20

la crisi è finita ???

MERCATO USA: OPERATORI OGNI GIORNO PIU’ OTTIMISTI
di WSI
Gli esperti segnalano un tendenziale maggior ottimismo sulla scia sia di dati macro leggermente migliori delle attese, sia di possibili novità in arrivo sul fronte contabile…

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 10:36

Auto: Sacconi, segnali fanno ben sperare
di ANSA

Il ministro scommette sulla ripresa in seconda parte dell’anno
(ANSA) – ROMA, 2 APR – La crescita delle vendite dell’auto a marzo e’ un segnale che ‘fa ben sperare’ per una ripresa economica vicina per Maurizio Sacconi.Il ministro del Lavoro la vede gia’ nella seconda parte dell’anno, e tornando all’auto sottolinea come gli incentivi abbiano ‘funzionato. Ci sono segnali che fanno sperare – ha detto in un convegno – perche’ nella seconda parte dell’anno si manifestino elementi di ripresa. Ora fiducia e aspettative sono una componente fondamentale’.

Come si fa a parlare di ripresa, quando il settore dell’auto è in un crollo senza fondo nel mercato degli Stati Uniti: a Marzo: -45% GM, -39% Chrysler, -40.9% Ford.
Non oso immaginare quanti posti di lavoro andranno persi in Italia nel caso in cui dovessero andare in bancarotta pilotata, cosa altamente probabile, le tre case automobilistiche americane.

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 10:39

Intanto primo fallimento al G20: niente accordo sui paradisi fiscali. Berlusconi è distaccato, sembra voler rinviare decisioni vere al G8 di luglio in programma in Italia alla Maddalena.

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 11:25

VI RACCONTO LA STORIELLA dei “PEZZI DI CARTA”

La Germania, la Francia (e l’Italia) non vogliono dare soldi (a fondo perso) alle banche in stile USA.
Si afferma che molti governi sospettino che ci sia qualcosa di ancora nascosto e incoffessato in questa crisi.
Quando vi fu il piano di salvataggio Inglese lo scorso anno, si scopri che lo stesso giorno, una banca Inglese aveva ricevuto aiuti, questa trasferì immediatamente quei fondi (più di dieci miliardi di sterline!!) nelle casse della “Grande Madre” negli USA.
Non mi stupiresce che un certo Gordon Brown, si sia infuriato così tanto, da optare direttamente per le nazionalizzazioni.

Molti affermano che con AIG (insieme a una certa Goldman Sachs) potrebbe esplodere la più puzzolente fogna, da quando è nata la finanza. Coinvolgendo anche una grossa banca privata europea, (di uno stato a un braccio di mare dall’Inghilterra).

Il sospetto imperante è che alcune banche siano andate oltre la semplice leva finanziaria!
L’impressione è che, effettuando operazioni internazionali poco chiare, si siano spinte addirittura a fare qualcosa di molto simile a quello di CREARE DENARO!

Aumentare i propri depositi bancari deve essere sembrata una genialata ai vari amministratori delle banche!
Difficilmente però che tutta l’operazione possa avere i crismi della legalità.

Pensate bene allo scandalo Parmalat, questo veniva semplicemente, gestito emettendo quantità enormi di Bond Corporate della Parmalat, dove a garanzia della solidità dell’azienda vi erano degli inesistenti(e colossali) depositi presso la BoA.
Sull’esistenza di quei soldi c’era solo un estratto conto, un “pezzo di carta” falsificato a Photoshop!!!

Oggi si va un pò oltre lo “schema Parmalat”,ma solo perchè è stato tutto rivisto e corretto in chiave OTC facendo uso dei CDS.
Non ci vuole molto ad ottenere soldi da una grossa banca, presentando certificati e titoli di un altro autorevole istituto bancario.
Basta presentare in garanzia dei “pezzi di carta”, che non sono altro che i soliti sofisticati e inestricabili strumenti sintetici, coperti magari da CDS, tanto per stare sul sicuro (sic).
Un classico prodotto XYZ fatto da 5% di sostanza e il resto da aria fritta con ratig rigorosamente AAA.

Le banche così avevano in mano così tanti soldi, che erano prese dalla frenesia di prestarli e investirli.
Però la crisi (causata dall’ondata di liquidità) ha fatto inceppare tutto, gli asset valgono meno di quanto investito e le banche boccheggiano.
Ora le banche si devono restituire i soldi che si sono prestate fra di loro.

Molti affermano che certe operazioni si fanno da sempre, ma forse questa volta qualcuno ha calcato troppo la mano.
L’impressione è che il piano Geitner sia stato pensato proprio per dare una via di fuga alle banche, sostanzialmente si stanno pagando a prezzo pieno quei famosi “pezzi di carta” (che guarda caso nessuno era capace di quantificare).

La più grande truffa di sempre!

-IL Compasso-

PS
Il perchè oggi un certo Sarkozy punti il dito contro i paradisi fiscali, è solo un modo per mandare un messaggio in chiaro a Obama e Geitner e alla gruppo di banchieri che rappresentano, ma questa è una storia.

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 11:55

Il Compasso #23. Splendido articolo.

Infatti è da un pò che pensavo….”ma vuoi vedere che le banche attraverso tutta questa finanza creativa….si sono create il denaro elettronico da sole”.

Di nuovo grazie per il post è una conferma delle mie supposizioni ed elucrubazioni. Ho ancora qualche piccola idea, di cui attendo conferma, su quello che possono aver combinato nel mondo economico/finanziario……..hehehe.

Voglio vivere 150 anni per vedere il bluff del poker economico/finanziario hihihihihi.

Di nuovo garzie e un cordiale saluto

SD

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 12:33

compasso,
tu ke sembri ancora pessimista su
questa crisi.
come interpreti questa voglia di salire…..
è una cosa concreta o il solito gatto morto?

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 13:10

montecristo:
Seguo questo blog da molto tempo e anche io come il grandioso Andrea, ho anticipato questo ribasso fin dai suoi primi segnali, quando circa due anni fa parlavo con i miei amici e dicevo che il mondo si avviava verso una catastrofe economica peggio del 29, nessuno mi credeva anzi venivo deriso su simili affermazioni.Il tempo poi mi ha dato ragione .Dopo questa piccola premessa voglio fare una domanda al nostro capitano :
Perchè nei tuoi commenti non traspare mai un po di ottimismo sui mercati ? E’ possibile che questo mercato debba solo scendere ?
Un salutone ad Andrea

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 13:20

Questa crisi sarà sempre più ingestibile, bisognava fare luce e non è stato fatto niente in questo senso, sui titoli tossici che ammontano a centinaia di trilioni di dollari, ciò avrebbe comportato il fallimento certo doloroso di molte banche, ma sicuramente avrebbe ripristinato la fiducia nel sistema per farlo ripartire su nuove basi. Quindi nei prossimi mesi vi sarà un aumento sempre più drammatico del debito globale, che intaccherà le valute nazionali sino a riverberarsi sulla tenuta degli stessi Stati. Solo a questo punto il tracollo strutturale delle economie nazionali aprirà scenari drammatici di iperinflazione, e la povertà diilagherà nei più ampi strati della popolazione, con conseguenze pericolose ed imprevedibili.

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 13:29

ki sei 27 ???
un ottimista no di certo !!

il diretto

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 13:41

oppure 27 è un realista ?

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 13:52

oppure un sciocco

va bene la fabbrica della paura, va bene prepararsi psicologicamente al peggio, ma perchè qui per definizione chi evoca catastrofi deve avere tanto credito?

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 13:57

realista no !
la realtà è il presente non il futuro

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 13:58

Sono del parere che quando questa crisi colpirà la ricchezza del ceto medio-alto, solo in quel momento tutti capiranno di aver testato il punto di non ritorno. Adesso solo i dipendenti delle imprese stanno pagando, i ricchi ancora se la spassano.

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 14:00

Ciao a tutti!

Per COMPASSO: parli di una certa banca privata europea che potrebbe esser interessata assieme a AIG e GS
posso sapere a chi ti riferisci?

grazie,

PORTELLO

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 14:01

o è sciocco chi vede sempre tutto rosa ? o e sciocco chei pensa che il sistema vada bene così com’è senza bisogno di essere riformato regolamentato controllato ?

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 14:04

Pessimista, realista o sciocco, non ha importanza. Chi è capace di trovare 300 mila miliardi di dollari per saldare il debito globale, mi faccia urgentemente sapere. Concludo dicendo che la storia non è mai stata tenera con nessuno, non vedo perchè lo debba essere con la generazioni viziate del nostro tempo.

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 14:15

#35 quale debito???? io non ho debiti; non vendo le mie cose e la mia vita.
Lavora popolo, lavora per costruire un mondo che non ti piace!!!

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 14:25

35 ..
se non ci fosse debito non ci sarebbe moneta

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 14:28

All’attenzione del Capitano, anche se vecchie di due giorni sono considerazioni interessanti non trovate? e soprattutto i grafici…

Saluti
Hokutojen

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 14:35

#37 ed infatti non riuscirete mai a pagare il “vostro” debito, perchè avete moneta.

Scritto il 2 aprile 2009 at 14:38

Qualcosa dal G20 sta uscendo:
http://oknotizie.virgilio.it/go.php?us=28a410b197e3dadc

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 14:44

ecco i’ linke di prima, m’era rimasto ne’ diti :)
http://zerohedge.blogspot.com/2009/03/is-gs-tempting-interest-rate-black-swan.html

Saluti
Hokutojen

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 15:19

beh il pesce d’aprile lo hanno rimandato di un giorno con la decisione del FASB di oggi… c’e’ sete di maggiore trasparenza? c’e’ fame di rigore? beh la risposta piu’ adatta e’ “significant judgement for the banks in valuing their assets”… complimenti

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 15:51

Caro Cuculo
io non voglio nessuna rivoluzione: ne francese (che non aveva nulla di romantico) ne bolscevica ne Komeinista.

Io voglio (vorrei) lasciare un mondo SOLIDALE, DEMOCRATICO, LIBERO E RESPONSABILE.

Non mi pare che la strada che si stia imboccando sia quella che io desidero.

Ma non ti rendi conto che alle future generazioni verrà lasciato un inferno in terra se si continua su questa strada?
Ma non provi una situazione di disagio, visto il tempo che stiamo vivendo, nell’ascoltare i sogni di un bambino di 6 anni?

Io si, provo estremo disagio.

Anche se si riuscisse a risolvere la situazione (e così non sarà), già mi immagino l’OLIGARCHIA IRRESPONSABILE che alza il ditino per dire che le finanze degli stati sono in dissesto: dunque sacrifici per il popolo.

O sei per caso convinto che gli OLIGARCHI IRRESPONSABILI non alzeranno il ditino? Forse credi che avranno un sussulto di dignità e ammetteranno che il dissesto delle finanze pubbliche è figlio del SALVATAGGIO DEL LORO MONDO IDIOTA…

Per fortuna esistono più cose in cielo e in terra…..
Stai tranquillo……NON LA SVANGANO…..il sistema è fallito….la cosmesi che si sta tentando è solo UNA COSMESI CADAVERICA…..

L’unica paura è che i nostri rapprensentanti democraticamente eletti continuino a fare di tutto per rallentare LO STATO DI EVIDENTE DECOMPOSIZIONE….ai danni dell’economia reale.

Non c’è tanto tempo…..c’è il rischio che una volta accortisi (OLIGARCHI+POLITICI) dell’inutilità dell’operazione, organizzino un mondo totalmente NON DEMOCRATICO….NON LIBERO….

ci vuole poco…
loro hanno tutto l’interesse a difendere l’indifendibile status quo.

Ma per fortuna è tardi….le persone comuni hanno capito….questo non è più modificabile.

IL MOZZO DI TERZA.

ps
uln link sul ragazzo morto ieri:

http://www.ilmanifesto.it/archivi/fuoripagina/anno/2009/mese/04/articolo/647/

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 16:28

Ai tempi di Enron (2002) a furor di popolo fu fatta una legge contro i bilanci falsi delle aziende.
Adesso i governi fanno il possibile (tarp, talf, piano Geithner ecc.) per salvare le banche e per non scoprire il velo sui loro veri bilanci.
Non era più semplice dare gli stessi soldi direttamente ai lavoratori disoccupati ed a quelli che non riescono a pagare il mutuo?
Se socialismo deve essere, che sia socialismo dei lavoratori e non dei ricchi.
Intanto le borse festeggiano, ma credo che presto (850 S&P) anche questo pretestuoso rimbalzo non potrà più reggersi.

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 16:41

G20, PER COMUNICATO LE MISURE GLOBALI ALZERANNO PRODOTTO MONDIALE DEL 4% ENTRO FINE ANNO PROSSIMO

Reuters – 02/04/2009 17:19:54

al G20 sembrano dei pazzi che urlano…per tentare di dare fiducia ai mercati. Forse sanno che è l’ ultima chance.

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 16:48

Oggi le borse mondiali stanno festeggiando, credo che chi fà trading con derivati ed azioni stia guadagnando un bel pò di soldi.

Peccato che io non ho nè gli strumenti, nè le conoscenze “tecniche” per farlo; quindi auguri di buon guadagno e mi raccomando almeno il 12,50% di tasse pagatelo!!!! a noi comuni mortali ci tocca pagare il 40-50%!!!

Probabilmente gli interventi sulla finanza fatti in questi ultimi mesi hanno avuto qualche effetto. Vedremo nei prossimi mesi, magari nelle prossime trimestrali se ci sarà uno storno….forse…..qualche titolo italiano!!!! avete visto Fiat +27% se mi avvertivano prima!!!! hehehehe.

Un saluto

SD

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 16:59

da W.S.I.
L’immagine che sta facendo il giro del mondo del nostro presidente del Consiglio al vertice di Londra del G20, col pollice su e felice come un tifoso qualsiasi alla curva Sud, tra il presidente degli Stati Uniti Barack Obama e il primo ministro russo Medvedev. La regina Elisabetta ha perfino dovuto rimproverare questo premier da stadio: «Perché urla?». Berlusconi infatti durante la foto di gruppo dei leader G20 ha chiamato a gran voce Obama. Atti che nemmeno i politici di qualche staterello africano secondario (senza offesa per gli stati dell’Africa) si sognerebbero di compiere in una situazione protocollare come quella del G20. Mentre il mondo e’ in recessione, milioni e milioni di persone perdono il posto di lavoro, oltre il 60% delle famiglie in Europa e negli Stati Uniti fanno fatica ad arrivare alla fine del mese. Che presidente del Consiglio, abbiamo.

DA VERGOGNA

maat

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 17:11

si sono sbagliati ilpesce di aprile lo hanno fatto il 2 , attenzione pochi volumi e vix a 42,00 un saluto a tutti voi (minghin)

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 17:11

se guardo il grafico dei leading indexes penso davvero che si possa solo migliorare e l’ottimismo mi porta a credere nie recuperi azionari, ma come tutte le cassandre anche voi una volta raggiunto il peggio riuscite a vedere ancora il peggio. Valentino

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 17:23

Proprio così: il peggio deve ancorea venire

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 17:42

5000 MILIARDI DAL G-20
di WSI – Il Corriere Della Sera
Intesa tra i leader sui paradisi fiscali. Brown: “5000 miliardi per l’economia”. Dopo le violenze in strada della vigilia, il premier britannico annuncia i provvedimenti anti-crisi. Gli stimoli, le banche, i fondi per l’FMI, il Social Pact e Bob Geldof.

5000 MILA MILIARDI 0_0

CINQUEMILAMILIARDI

IMPRESSIONANTE

MA CI SONO CINQUEMILAMILIARDI?

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 17:43

WALL STREET PRENDE IL LARGO CON G-20 E FASB
di WSI
Si incomincia a respirare un crescente ottimismo sulle sorti dell’economia, dopo i dettagli sui programmi dei leader mondiali per sostenere la ripresa. In evidenza le banche dopo la decisione sulle regole contabili.

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 17:51

valentino ,oggi è una giornata particolare ,tante belle parole , il dato sui nuovi disoccupati è peggiorato di molto e vedrai domani sarà ancora peggio.. se poi vogliono farla cresere a tutti i costi quesro è un altra cosa .di solito come insegna andrea sono i dati che contano ciao minghin

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 17:59

Andrea, sarebbe gradito un tuo commento a tutto ciò che è successo.Grazie

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 18:03

dimenticavo oggi record di insolveze nel credito al consumo èsalito all 11% dal 3 % ciao minghin

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 18:41

il PMI scende gli ordini salgono i disoccupati aumentano i consumi tengono sono….frastornato. 5 trilioni di dollari occorre investire nelle…..presse! ciao enrico

Scritto il 2 aprile 2009 at 21:56

Mozzo,
ci sei andato giù pesante con il Rhum …

Il Cuculo

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 22:24

Anonimo #51, cosa vuoi che siano 5000 miliardi di moneta.

Anch’io ho letto e sentito la notizia….ma non ho compreso se sono $ o € o Yen o che cosa???? se qualcuno ha capito e potesse spiegarmelo!!!! perchè altrimenti mi rompo di sentire queste notizie e li stampo io questi 5.000 miliardi di ?

Ho l’impressione che mi stanno prendendo per i fondelli, con tutti questi annunci; io per adesso non ho visto una lira-euro-$ ecc.

Saluti a tutti e che vadano a quel paese.

SD

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 22:34

Caro Cuculo,
dimmi cosa ho sbagliato in ciò che ho detto.
Rispondimi nel merito.

O forse tu sei il solito sessantenne che si è passato una vita da iper garantito e che ha investito il suo TFR una volta andato in pensione,
in titoli di stato?

Sai, a me il TFR me lo hanno scippato…..

cmq non voglio essere insultato….gradirei tu mi rispondessi nel merito o non mi rispondessi affatto.

Il blog non è ne mio ne tuo….gli insulti non credo interessino a nessuno.

IL MOZZO DI TERZA

ps
certo ti sei scelto un bel nome di animale……nomen omen.

utente anonimo
Scritto il 2 aprile 2009 at 23:42

senti mozzo di terra il fatto che “loro” non la sfanghino stavolta non significa che l’inferno come lo chiami tu non si abbatta su di te e quindi su tutti noi;magari servirebbe un pochino di piu’ di spiriro propositivo e meno desiderio di vendetta supeerrrrr ideologica dico io………..scommetto che so quale e’ la tua appartenenza politica.
poi dici che non vuoi essere insultato (dal cuculo) e immediatamente dopo lo fai tu nei suoi confronti.
ma prima ancora dici “non mi pare che la strada che si sta imboccando sia quella CHE IO DESIDERO” CHE TU DESIDERI……..ma chi sei???????
per quanto riguarda la tragedia del ragazzo morto a londra io aspetterei a dare giudizi sembra che sia stato stroncato da un infarto ma del resto tu sai gia’ no…come e’ andata , le forze di polizia braccio armato del padrone imperialista e capitalista si sono accanite sul manifestante……..e cosi via .
immagino; lo sai la gente come io immagino tu sia ( e ti chiedo scusa se cosi’ non e’) mi fa inc…..zare ancora di piu’ dei da te detti “loro” autori dell’ attuale disastro.
al termine mi rispondi a una domanda:per te (se sai chi e’) carlo giuliani e’ un eroe ???

mccarthy joseph

utente anonimo
Scritto il 3 aprile 2009 at 00:21

Per mccarthy joseph

Ciao,
innanzitutto non mi piace fare una discussione dove ci si dovide politicamente in MANIERA CONFORMISTA. Ovvero seguendo il paradigma propostoci dalla TV e dai giornali. Io sono di essstrrrema sinistra….tu sei di destra…quello è cattolico…quell’altro è democratico tendenza franceschini….ecc.

Non dobbiamo discutere neanche dividendoci tra APPOCALITTICI E INTEGRATI.

Non dibbiamo discutere neanche dividendoci tra SOMMERSI E SALVATI.

SEMPLICEMENTE QUI O CI SALVIAMO TUTTI O NESSUNO.
SE SARA’….SARA’ APOCALISSE PER TUTTI….PER ALCUNI GIA’ LO E’.

PER ALTRI LO SARA’ A BREVE SE LE COSE ANDRANNO MALE (come purtroppo appare…secondo me almeno).

Chi sono io? Non ha troppa importanza….ti dico però che in questi mesi per il lavoro che faccio
ho visto un mare di lacrime.

E’ bastato uno schiocco di dita a Mosca e ho visto lacrime da me….

E’ bastato uno schiocco di dita a Londra è ho visto lacrime da me….

E’ bastato uno schiocco di dita in USA e ho visto lacrime da me….

Mi manca lo schiocco nei paesi arabi….

LA COSA PIU’ BRUTTA E’ ESSERE IMPOTENTE.

LE LACRIME CHE HO VISTO, SIA CHIARO, NON SONO ASSOLUTAMENTE MITIGATE DA 700 euro DI CASSA INTEGRAZIONE.

LE LACRIME SONO FIGLIE DI UNA ASSENZA DI FUTURO….non solo di coloro che hanno perso il lavoro. Ma sopratutto perchè c’è un futuro da reinventare.. e non è semplice.

Detto tutto questo, che in qualche modo, credo giustifichino la mia indignazione. Un ultima cosa…..
tu mi chiedi chi sei per chiedere qualcosa?
Io sono un cittadino come tanti è ho il sacrosanto diritto di chiedere DEMOCRATICAMENTE e PACIFICAMENTE, consapevolezza, democrazia, solidarietà e libertà.
Se qualcuno pensa che chiedere questo sia frutto delle allucinazioni da eccesso di bevande alcoliche….allora auguri.

Ora la “pistola fumante”:

I ragazzi che hanno manifestato a genova, tra l’altro nella maggiorparte dei casi PACIFICAMENTE, erano EROI. E se anzichè essere stati sprangati (leggere le sentenze dei tribunali, please) fossero stati ascoltati ci saremmo risparmiati un sacco di guai.

Carlo Giuliani era un eroe?
Era un ragazzo che ha sbagliato gravemente i modi di manifestare il suo pensiero. Ma di certo, NESSUNO merita di fare quella fine. Una tragedia.

Ora, e sei libero di credermi, ti rivelo un segreto:
ALLE ELEZIONI SPESSO HO VOTATO A DESTRA.

Strano eh? Però è la verità…

IL MOZZO DI TERZA

Scritto il 3 aprile 2009 at 05:53

La politica non è gradita…..il rispetto quello si! Grazie Andrea

utente anonimo
Scritto il 3 aprile 2009 at 11:03

Scusami Andrea.

IL MOZZO DI TERZA

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
La formazione rimane un elemento centrale in ActivTrades che ha già preparato gli appuntamenti form
Deutsche Bank: trimestrale BOOM, ma forse i motivi sono molto più profondi di quanto possiate pen
Avvio tranquillo per il Ftse Mib che col passare dei minuti sembra prendere consapevolezza della pro
Elucubrazioni sparse: pensieri in una notte ricca di fulmini e saette. In una sera di mezza estat
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Continua il momento positivo per la borsa USA e il COT conferma una tendenza positiva. Ma l'interm
Per tante motivazioni, più volte spiegate qui sul blog e nel video di TRENDS, l’oro è stato
Se cercavate il cigno nero, forse cercatelo in vesti diverse, magari mascherato con un parrucchi
Guest post: Trading Room #288. La configurazione grafica della settimana scorsa non si chiude posit
L’attuale governo ha programmaticamente definito, in base del suo contratto  le materie e le moda