EPICENTRO: PROSSIMO SISMA SISTEMICO! ( aggiornato )

Scritto il alle 07:15 da icebergfinanza

www.siciliacque.com/piano_di_ambito.htm

 

Non più di una settimana fà in un post dal titolo vi fornii una informazione di primaria importanza scovata su MarketWatch:

The Federal Deposit Insurance Corp. is planning to beef up its division of resolutions and receiverships, which handles failed banks, by 40% this year.

La FDIC intende rafforzare la sua divisione di esperti in fallimenti bancari del 40% nel corso di quest’anno.

The division currently has 233 employees. La divisione ha attualmente 233 dipendenti.

Considering that only three banks failed last year, why do they need more examiners?
Considerando che solo tre banche sono fallite lo scorso anno, perché hanno bisogno di più esaminatori?

25 uomini con esperienza nella crisi delle SAVINGS & LOANS 1980/1990 in pensione sarebbero stati contattati.

Nessuna novità direte Voi, Bernanke lo ha già comunicato al Senato, ma per quale motivo bisogna richiamare in servizio personale in pensione!

The FDIC is staffing up. It’s time to rethink your investments.

E ‘il momento di rivedere i vostri investimenti!

Meditate, gente, meditate!

Ebbene puntuale a distanza di una settimana, il lavoro per queste vecchie glorie sembra non stia affatto mancando anzi, come Voi tutti sapete dagli eventi, la quarta banca d’investimento americana, BEAR STEARNS che era il secondo principale emittente di bond ipotecari, primary dealer sui Treasury, intermediario per broker e hedge, costruttore di quel castello di carta terrificante che và sotto il nome di CREDIT DEFAULT SWAPS evapora nel nulla!

Ebaydone

Thanks to MINYANVILLE

Il classico uovo di Pasqua, con tanto di sorpresa, ma non doveva capitare solo ed esclusivamente a piccole istituzioni bancarie, il sistema finanziario non era solido e integerrimo!

Ebbene il vostro capitano vi regala un nuovo uovo di Pasqua, una nuova sorpresa, una nuova informazione di primaria importanza. Per Voi ho individuato l’epicentro del prossimo sisma in arrivo, non una novità ma una vecchia conoscenza:

COMMERCIAL_REAL_ESTATE

VORTICE_IN_FORMAZIONE_CRE!

La segnalazione arriva per la seconda volta dalla FDIC ovvero Federal Deposit Insurance Corporation che ha rilasciato una nuova lettera agli associati sottolinenando l’importanza di forti perdite di capitale e prestiti a vari livelli e di istituire consistenti pratiche di credit risk management per le istituzioni statali terze con notevoli concentrazioni di prestiti CRE:.

The Federal Deposit Insurance Corporation (FDIC) has issued a letter re-emphasizing the importance of strong capital and loan loss allowance levels, and robust credit risk-management practices for state nonmember institutions with significant concentrations of commercial real estate (CRE) loans, and construction and development loans. The Financial Institution Letter, Managing Commercial Real Estate Concentrations in a Challenging Environment, complements the principles articulated in the December 6, 2006, interagency statement titled Concentrations in Commercial Real Estate Lending, Sound Risk Management Practices.

FDIC Chairman Sheila C. Bair said, "Although commercial real estate lending can be a profitable business line for banks, it is a good time to re-emphasize the 2006 guidance because a number of banks have significant CRE concentrations, and the weakness in housing across the country may have an adverse effect on those institutions. Banks with CRE concentrations should take steps to strengthen their overall risk-management framework and maintain strong capital and loan loss allowances. We encourage institutions to continue making commercial real estate and construction and development loans available in their communities using prudent, time-tested lending standards that rely on strong underwriting and loan administration practices."

IL chairman di FDIC ci racconta che anche se i prestiti sugli immobili commerciali possono essere una linea di reddito, un business redditizio, è il momento di rivedere per un certo numero di importanti banche che hanno elevate concentrazioni di CRE nella stiva, il proprio portafoglio in seguito ad una rinnovata debolezza nel settore con possibili pesanti conseguenze.

Volete sapere quali sono stati i TOP LOANS CONTRIBUTORS TO CMBS DEALS nel 2006 ebbene date un’occhiata all tabella qui sotto!

Goldman e Lehman sono i due più grandi " dealer " della commercial paper, quelli con minor perdite dall’inizio della crisi ma come abbiamo già visto, spesso in questa crisi ci si focalizza su un settore a rotazione dimenticando l’effetto combinato, ci si dimentica spesso dell’immobiliare commerciale, quello degli uffici, dei centri commerciali, il NEW YORK TIMES , ricorda che Goldman Sachs prevede una discesa delle quotazioni del COMMERCIAL REAL ESTATE del 26 % mentre gli analisti di UBS  prevedono ulteriori valutazioni su titoli strutturati subprime, leveraged loans e ipotecari commerciali.

Molti investitori sono sorpresi dalla bravura di Lehman Brothers nella navigazione attraverso la crisi in questione, ma sul WALL STREET JOURNAL scopriamo che nessuno è immune dall’effetto farfalla. Nelle stive di Lehman Brothers giaciono circa 39 miliardi di dollari di " commercial real estate loans " e sino a poco tempo fà ha attivamente sostenuto il mercato ipotecario commerciale.

Credo proprio che i prossimi fallimenti bancari verranno da istituzioni con alta concentrazione di COMMERCIAL REAL ESTATE!

I dati di bilancio comunicati da Goldman Sachs e Lehman sono pessimi rispetto al passato, ma si sà gli analisti avevano ridotto in modo sensibile le stime e quindi basta un nulla per far sembrare oro ciò che non lucica. Questo è il passato, il presente lo conosciamo, il futuro neanche possiamo immaginarlo.

ILSOLE24ORE.COM > Finanza e Mercati ARCHIVIO

var uuid = ‘0f749e14-f5d2-11dc-aa17-00000e25108c’;

var conceptok = new Array();
conceptok[0] = new Array(‘indiscrezione’,’18’);
conceptok[1] = new Array(‘banca’,’16’);
conceptok[2] = new Array(‘azione’,’17’);
conceptok[3] = new Array(‘rumors’,’27’);
conceptok[4] = new Array(‘liquidità’,’60’);
conceptok[5] = new Array(‘Hbos’,’-100′);

var docpeopleok = new Array();
docpeopleok[0] = new Array(‘King Mervin’,’100′);

var docpeopleapprox = new Array();

var doccompaniesok = new Array();
doccompaniesok[0] = new Array(‘Jp Morgan’,’81’);
doccompaniesok[1] = new Array(‘Hbos’,’100′);
doccompaniesok[2] = new Array(‘Fsa’,’81’);
doccompaniesok[3] = new Array(‘Financial Services Authority’,’81’);
doccompaniesok[4] = new Array(‘Consob’,’100′);
doccompaniesok[5] = new Array(‘Bear Stearns’,’81’);
doccompaniesok[6] = new Array(‘Bank of England’,’81’);

var doccompaniesapprox = new Array();

var geographicalplacesok = new Array();
geographicalplacesok[0] = new Array(‘Europa/Gran Bretagna’,’80’);

var geographicalplacesapprox = new Array();

var primaryargumentok = new Array();

var primaryargumentapprox = new Array();

var primaryargument = ”;

Consob britannica, nel mirino false voci di mercato su liquidità banche

L’autorità di vigilanza sulla finanza della Gran Bretagna ha avviato un’inchiesta su indiscrezioni, rivelatesi infondate, che oggi hanno provocato una pesantissima caduta in borsa delle azioni Hbos. E tra sospetti di false comunicazioni volte a manipolare l’andamento dei mercati, con una iniziativa di inconsueta durezza la Financial Services Authority ha ammonito direttamente gli operatori a non scommettere al ribasso su titoli alimentando contestualmente voci volte ad affossarli. «Non tollereremo che gli operatori di mercato traggano vantaggio dalle attuali condizioni operando abusi dando diffusione a false voci e effettuando operazioni legate ad esse», recita un comunicato della Fsa

È la prima volta, rileva il quotidiano, che l’authority pubblica un monito di questo genere. Stamattina le azioni Hbos erano crollate fino al 18%, tra rumors di mancanza di liquidità che l’avrebbero spinta a chiedere l’aiuto della Banca d’Inghilterra. Voci che hanno forse trovato una qualche conferma indiretta in altre precedenti indiscrezioni, secondo cui il governatore Mervin King e altri dirigenti dell’istituzione monetaria hanno cancellato un viaggio in Asia per restare in sede e fronteggiare possibili difficoltà questa settimana, dopo i crolli a catena delle Borse di lunedì scorso.

Fonti della Bank of England hanno poi smentiscono queste ricostruzioni, definendole «farneticazioni». Altrettanto secca la smentita di Hbos: i rumors su problemi di liquidità «sono totalmente privi di fondamento», e la banca può procurarsi liquidità sul mercato «in qualunque momento sia necessario" visto che può contare su "un bilancio eccezionalmente solido». Ma non è facile rassicurare mercati su cui per settimane si sono succedute brutte, a volte bruttissime sorprese su istituti che fino a poco prima apparivano in situazioni tutt’altro che drammatiche. Ultimo caso in ordine cronologico quello dell’americana Bear Stearns, prestigiosa banca d’affari ora oggetto di un acquisto di salvataggio da parte di Jp Morgan pilotato dalla Federal Reserve, la Banca centrale americana. Così negli scambi pomeridiani a Londra il titolo Hbos continua a perdere il 7,76% a 443 pence.

Nessun commento, solo una tabella relativa al " LARGE CREDIT ARBITRAGE PROGRAMMES OF EUROPEAN BANK " dove compare una posizione per complessivi 26,4 billioni di dollari del Conduit GRAMPIAN di proprietà HBOS.

Nel frattempo altri conduit hanno dovuto attingere a linee di credito, di fronte al venire meno degli investitori sul mercato delle commercial paper. Secondo uno studio pubblicato da Citi, questo mese il rifinanziamento di ben 11,4 miliardi di euro di commercial paper europee in scadenza ha dovuto essere rimandato (cfr. figura 1); sulla stessa linea, il 23 agosto Grampian Funding, un conduit sponsorizzato dalla banca britannica HBOS, ha attinto alle proprie linee di credito (aperte da HBOS) anzichß finanziarsi sul mercato delle commercial paper. ( fonte RISKWATER.com )….alle volte ritornano…( TELEGRAPH.co )

107.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un tremendo rumore di risucchio che si diffonde per il sistema finanziario europeo PANICKY_BANKS!_FTAlphaville

HBOS

Reason?  Take your pick. From London’s rumour wires:

– no foreign travel for easter holidays by senior bank of england staff, supposedly means UK clearer in trouble.

– LLOY LN IR actually denied fundings probs.

– HBOS denied prob to Merril’s , but as yet, not to the mkt, still being sold.

– RBS annual report which was released last night apparently shows massive    funding requirements.

– ARE UK BANKS THE SUB PRIME OF WORLD BANKING CONSIDERING THAT NONE HAVE    CONFESSED TO ANY CREDIT PROBS YET, IS BARC MADE OF TEFLON ?

– UBS, Swiss Govt apparently asked CSGN to put togther rescue package for UBS in   case that the crisis worsens.

– Soc Gen, BNP says no merger interest, spec thats because they have more         horrors

WRITEDOWNSSPOTLIGHT! 

 

Firms Wrestle With Loans’ Stigma (WSJonline)

By Sudeep Reddy and Susanne Craig

The Federal Reserve’s emergency decision last weekend to extend borrowing to investment banks was designed to stem a worsening credit crisis ravaging the financial markets. The question is: Will it work?

Wall Street firms were reluctant to borrow from the program Monday out of concern it could be seen as a sign of weakness, if their identities became known.

Late yesterday, Lehman Brothers borrowed a small amount, according to a person familiar with the transaction, and Goldman Sachs is likely to do the same before the end of the week.

Se vi si affaccia pure Goldman Sachs…..

(ANSA) – ROMA, 19 MAR – Lehman Brothers e Goldman Sachs ieri sera hanno fatto ricorso alla finestra del tasso di sconto, ottenendo liquidità dalla Federal Reserve al tasso del 3,25%. Lo ha detto la rete finanziaria Cnbc, secondo cui l’importo utilizzato da Lehman Brothers, in particolare, sarebbe di due miliardi di dollari.(ANSA).

Se poi qualcuno di Voi crede che le ultime mosse della Federal Reserve possano aver cancellato tutti i dubbi del mercato nei riguardi delle grandi istituzioni finanziarie credo che queste due storie diano un’idea di come la situazione sia in continua evoluzione!

Merrill Lynch e la sua azione contro XL CAPITAL ASSURANCE significa una sola cosa che Merrill può incominciare a sognarsi i suoi 3,1 miliardi di dollari si assicurazione, un nuovo fronte aperto nei confronti dei bond insurer!

Immaginatevi gli obblighi contrattuali di un moribondo senza alcun erede, ecco quello che vagono molti dei contratti stipulati dai principali attori finanziari con i bond insurer! Le stesse garanzie di MBIA & AMBAC sono probabilmente inutili, garanzie da "Paese delle Meraviglie".

CDOs, which repackage mortgage bonds and other assets into new securities, were the biggest source of the more than $195 billion of mortgage-related writedowns and losses reported by the world’s largest banks and securities firms since the beginning of last year. Merrill’s $24.5 billion top the list. Losses may rise if default protection bought from companies such as XL, a unit of Security Capital Assurance Ltd., fails to pay off.  ( Bloomberg.com )

CDOs fonte infinita di perdite e svalutazioni finanziarie di cui Merrill detiene il primato assoluto.

Merrill Shares

Trading in contracts granting the right to sell Merrill shares for $30 through the market’s close on April 18 surged to 115 times the daily average this year.  The price of those contracts, known as puts, more than doubled to $2.55. 

Merrill’s implied volatility , a measure of how much investors are paying to insure against further stock-price losses, rose to 130.06, the highest since at least September 2000, according to Bloomberg data. 

Se tutto ciò ha un senso, secondo i dati di Bloomberg il futuro di Merrill sarà alquanto movimentato!!!……The increase indicates expectations of bigger swings in the stock’s price. 

Non dimenticate inoltre che il fenomeno LBOs ovvero tutte le acquisizioni dei private equity tramite l’utilizzo della leva finanziaria anch’essi cartolarizzati tramite i CLO Collateralized Loans Obbligations è come un’ombra minacciosa che pende sui bilanci di numerose istituzioni finanziarie!

Goldman, Lehman Reduce Loan Backlog With Discounts ( Bloomberg.com )

March 19 (Bloomberg) — U.S. banks from Goldman Sachs Group Inc. to Lehman Brothers Holdings Inc. have whittled their holdings of leveraged buyout loans to $129 billion from $163 billion at the beginning of the year by offering the debt at discounts, according to analysts at Bank of America Corp.

The decline is a “ray of hope” for banks amid a slump in credit markets and a slowing economy, said analysts led by Jeffrey Rosenberg. The firms also have $73.6 billion of high- yield bonds they need to sell, they said.

Banks have been breaking ranks from their lending groups and offering their own pieces of the LBO loans at as little as 80 cents on the dollar to get the debt off their books. New York- based Lehman yesterday said it has reduced its LBO backlog by $6.1 billion to $17.8 billion since the beginning of the year. Goldman Sachs halved its holdings to $20 billion and Morgan Stanley reduced its pipeline by 20 percent.

80 centesimi su 100, 73,6 miliardi di dollari di high yeld bonds da piazzare, da liquidare, una NEMESI continua, infinita!

Nel frattempo dalla leggenda che fù, CITIGROUP arrivano indicazioni per il proseguimento dello spettacolo, nell’aria uno strano risucchio, un " MASSIVE DELEVERAGING "  THE_GREAT_UNWIND_HAS_BEGUN!.

Mercati e economie che sono cresciuti troppo sull’onda del credito facile sono da evitare. Ciò significa favorire public_equity markets dove hedge, private equity e mercato immobiliare sono da evitare.

In seguito a quanto più volte evidenziato in alcuni commenti il violento rintracciamento dell’oro ha portato le quotazioni sino a ridosso del primo supporto del canale che sostiene il rialzo ovvero quota 940, normale rintracciamento in seguito al raggiungimento del primo obiettivo psicologico ovvero oltre quota 1000.

thanks to MIKE_SHEDLOCK

Nel frattempo prosegue la grande anomalia in relazione ai tassi sui mutui ipotecari che sembrano vivere di luce propria dimenticando la dinamica dei FED FUNDS ridotti ormai ai minimi termini. Da notare che i tassi dei cosidetti mutui ARMS tornano a salire dopo un periodo di ridimensionamento.

The average contract interest rate for 30-year fixed-rate mortgages decreased to 5.98 percent from 6.37 percent, with points decreasing to 0.890 from 1.05 (including the origination fee) for 80 percent loan-to-value (LTV) ratio loans.

The average contract interest rate for 15-year fixed-rate mortgages decreased to 5.24 percent from 5.72 percent, with points decreasing to 0.97 from 1.06 (including the origination fee) for 80 percent LTV loans.

The average contract interest rate for one-year ARMs increased to 6.95 percent from 6.72 percent, with points increasing to 1.64 from 1.27 (including the origination fee) for 80 percent LTV loans. Mortgagebankers.org

Prosegue intanto il ribasso delle richieste di mutui ipotecari in seguito alla flessione dei rifinanziamenti con una riduzione del 4,6 % e dell’1 % quelle relative ai nuovi mutui. Se si considera che la MBA non è in grado di evidenziare le richieste multiple, il mercato è paralizzato.

Inoltre vorrei farvi conoscere questo post, un antipasto di un altro argomento che tratteremo nei dettagli, ovvero il rischio sistemico della copia FANNIE MAE & FREDDIE MAC un post in arrivo dal titolo emblematico che Voi ben conoscete:

FORGET_THE_PAST_AND_YOU_MAKE_THE_SAME_MISTAKES_AGAIN!

Vorrei ora lasciare una mia opinione in relazione al dibattito che sembra si stia sollevando presso alcuni blog finanziari in riferimento alla mia idea, idea presa in considerazione da altri bloggers, di richiedere un contributo per il "lavoro" svolto su questo blog, informazioni di vitale importanza messe a disposizione di chiunque, liberamente, con la possibilità, attraverso riferimenti, dati e notizie di creare una propria consapevolezza.

Ne abbiamo già parlato nei commenti, quest’idea nata sui blog americani sotto il nome di TIP JAR, idea di richiedere un libero contributo, non ha nulla a che vedere con l’elemosina, come alcuni lettori sostengono, ma spesso vi sono persone che si nascondono dietro il nulla e ritengono che tutto è dovuto.  Le motivazioni Voi le sapete, le espongo in maniera chiara e trasparente nel link di riferimento, ma se posso esprimere la mia opinione, chiunque sollevi la polvere dell’elemosina non merita alcuna considerazione, alcuna risposta.

Vorrei infine salutare tutti, è il momento di " tirare i remi in barca ", si avvicina la Santa PAsqua, un momento di Luce che segue la Passione di Nostro Signore, un momento di riflessione per ritrovare noi stessi e il senso della Vita. Auguro a Voi tutti e le Vostre Famiglie una Pasqua Serena con la certezza che comunque vada il mondo non finisce quei, l’Alba che ci aspetta, sia essa nella Vita, nell’Economia o nella Finanza porterà con sè i semi di una speranza nuova, perchè la pioggia tutto purifica e dopo la Notte vi è sempre un’alba come insegna la stessa Settimana Santa!

Andrea.

 

 

 

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
15 commenti Commenta
Scritto il 19 marzo 2008 at 08:13

Buongiorno Andrea,
in primis auguri di buona pasqua e sottolineo la mia approvazione per la tua, e di altri blogger, richiesta di contributo. Eccelsa la tua definizione : “come alcuni lettori sostengono, ma spesso vi sono persone che si nascondono dietro il nulla e ritengono che tutto è dovuto”. Quanto è bello “ritengono che tutto è dovuto”.Questa mentalità nell’avere il diritto per natura di ottenere senza dare è purtroppo molto presente ed è figlia del periodo storico del “benessere che sembrava senza limiti” che l’umanità ha vissuto nelgli anno 60/70/80. Anche la creazione del debito fino all’inverosimile, di cui cominciamo adesso a pagare il conto è figlia dello stesso periodo. Io sono molto convinto che “forget the past and you make the same mistakes again” sia tipico del singolo ma anche e soprattuto dell’umanità nel suo complesso. Il problema è che : potrebbe forse essere diverso da così?. A questa domanda non so’ rispondere.
Questa crisi ha molte analogie con quella del ’29. Ci trovavamo a metà del periodo di passaggio da un’economia eurocentrica, sterlinocentrica, e basata su ecomonie nazionali che avevano cercato nel colonialismo l’incremento necessari dello “spazio vitale” e tipica dell’800 nell’economia del dopoguerra: ecomonie perlomeno continentali ( NATO e Patto di Varsavia) dollarocentriche.
Penso che adesso ci troviamo esattamente a metà del passaggio fra appunto l’ecomonia tipica del ‘900 che è terminata con la fine della convertibilità aurea del dollaro con Nixon, condizione sine qua non dell’accordo di Bretton Woods e asso portante del periodo del dopoguerra. Come nel precedente periodo all’economia reale si iniziava a sostituirsi quella virtuale ( il debito) e come si sà all’inizio il problema si risolve anzi l’innersco della cartolarizazzione è inebriante, si guadagna non più lavorando, ma soltanto scrivendo!!! Come nel ’29 gli anni precedenti furono ruggenti .. “roaring twenties”… Ni periodi di cambiamento dei vari contenitori economici si devomo riscrivere le regole ed anche le strutture che presidevano si rilevano inadeguate e vengono sostituite… oggi ad avere questo destino saranno le Nazioni Unite, già da tempo esautorate come nel periodo precedente la Società delle Nazioni , il FMI, il WTO etc. … I cambiamenti non si possono evitare … desidererei che l’umanita accettasse questi passaggi e rendendosi conto che sono indispensabile non si agitasse troppo provocando TANTE uccisioni di esseri umani. Purtroppo, nel passato è stato sempre così. Questo tipo di lezione invece mi premerebbe MOLTO che fosse imparata. Speriamo che non cheda troppo. Scusa se mi sono lasciato andare ma ho proprio scritto d’impulso.
auguri di nuovo

utente anonimo
Scritto il 19 marzo 2008 at 08:36

olà,
auguri a te e a tutta la tua famiglia, che da come ce la descrivi deve essere un porto sicuro nella tua vita.
forse abbiamo tutti bisogno di questo,
SOLO DI QUESTO
maat

utente anonimo
Scritto il 19 marzo 2008 at 11:14

Auguri di Buona Pasqua a te e alla tua famiglia che al di là di ogni considerazione rimane l’asse portante di tutte le società ed il vero valore sul quale vale veramente la pena di investire.Riflettiamo sempre e per chi a fede specialmente in questo momento Solo così potremmo aumentarela nostra consapevolezza e non essere più in balia di chi ha tutto l’interesse di tenerci”ignoranti consumatori “pedine indispensabili di chi detiene il potere.Buona Pasqua a tutta la ciurma Claudio

utente anonimo
Scritto il 19 marzo 2008 at 15:26

Grazie, Andrea, per il lavoro che fai per tutti noi.
Auguro anche a te e alla tua famiglia una serena e gioiosa Santa Pasqua. Perchè è “se Dio muore è per tre giorni e poi risorge”.

Macs

utente anonimo
Scritto il 20 marzo 2008 at 00:16

Sul FT di stamane ho visto un interessante articolo…i risparmiatori Giapponesi aumentano i cc in UDS ??? Oibo mi son detto che siano rincitrulloniti, poi mi e’ venuta in mente Parmalat & C. stai a vedere che le banche giap stanno convncendo i propri clienti ad aprire depositi in USD adesso che son bassi…liberandosene dal proprio groppone…
Salute Massimo

Scritto il 20 marzo 2008 at 02:16

Grazie di tutto.
Rassicurante la tua analisi sul crack dell’oro, speriamo bene.
Inquietante la situazione invece sul credito, a quel che dici ci sarà ancora da penare; mi pare che invece che affrontare i problemi li stia cercando di protrarre il più possibile.

Buona Pasqua a tutti Voi e alle Vostre famiglie.

Gabriele

Scritto il 20 marzo 2008 at 08:40

Buona Pasqua anche a te Andrea, e a tutti i partecipanti del tuo Blog!!!
Con stima ed simpatia Roberto Zanotti di Cesena!!!

utente anonimo
Scritto il 20 marzo 2008 at 09:07

vedendo le tabelle sui conduit & siv mi rincuora non trovarvi banche italiane (a parte qualche traccia lasciata dalla banca tedesca acquisita un paio di anni fa da unicredit). Una volta tanto, visto che si parla sempre male dell’Italia, possiamo dire che ci siamo comportati in maniera molto più responsabile delle “illustri” banche tedesche, francesi e inglesi. Credo che questo si tradurrà nel futuro in un grande beneficio per la nostra economia un pò scalcagnata…..

una buona Pasqua a tutti voi e che il Signore risorto ci restauri nell’animo, ce n’è bisogno!

saluti, Marco

utente anonimo
Scritto il 20 marzo 2008 at 09:20

auguro buona Pasqua a te e famiglia, auguri anche a tutti gli amice del blog.
Mariano

utente anonimo
Scritto il 20 marzo 2008 at 09:35

Felice Pasqua a Te, Famiglia e a tutti quelli che leggono.
Roberto.

utente anonimo
Scritto il 20 marzo 2008 at 13:15

auguri per una serena Pasqua a te e famiglia.Grazie per la tua gentilissima ospitalità

*1922*

utente anonimo
Scritto il 20 marzo 2008 at 19:22

Anche se per tè non conta nulla sei entrato nella mia lista dei migliori esperti economici.
Mi hai impressionato per la elevata qualità tecnica,sono anni che cerco esperti da poterli definire tali,da oggi
ti aggiungo ai miei 5 prefereti:Mark Faber,Francesco Arcucci,Gary Shilling,Eugenio Benetazzo,Michele Spallino.
Tieni conto che sono arrivato a 6 con te, in 10 anni che cerco e leggo editoriali e libri che parlano di economia.
Complimenti uno che ti stima.

Scritto il 20 marzo 2008 at 22:07

Perchè non dovrebbe importarmi nulla dell’Uomo!

Perchè non dovrei amare, il viandante che accompagna questo mio lungo viaggio e mi stima!

Benvenuto a bordo anonimo dal nome nascosto, tutto per me ha importanza, la semplicità innanzitutto, il senso nascosto delle cose!

Buona Pasqua a Te e Tutti Voi!

Andrea

utente anonimo
Scritto il 21 marzo 2008 at 00:57

ciao Andrea
se tu fossi una donna saresti perfetta..ma non si può avere tutto dalla vita ..:D

Tcf

Scritto il 24 marzo 2008 at 23:32

da quando esistono i mercati finanziari si sono verificate periodi di rialzo della Borsa e periodi di ribasso anche repentini. Le speculazioni oggi forse sono più numerose rispetto a un tempo, ma rimane il fatto che rialzi e ribassi sono la caratteristica fondamentale dei mercati azionari, così come quello delle valute e delle materie prime. L’importante secondo me e saperlo e affrontare il mercato azionario con una visione di lungo periodo e comprando in modo costante (una o due volte al mese) quote di un fondo azionario globale di una banca solida e di storica esperienza. Applicando in questo modo la tecnica del DOLLAR COST AVERAGE.

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Un rapido flash che merita un po’ di attenzione proprio in questo momento di “potenziale cam
Ftse Mib: l'indice italiano dà primi segnali di assestamento dopo la forte correzione dei giorni sc
Ieri finalmente, il presidente Mattarella si è deciso a conferire l'incarico a colui che si è
Habemus Papam… Nella fattispecie, dopo mesi di parole ed accordi, finalmente c’è un Capo
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prez
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
La sterlina si conferma la moneta più pregiata dell’universo calcistico. Nella terza edizione del
A chi non fa invidia la Lamborghini Huracan Spyder che guida Icardi? O la Ford Mustang come quel