THE UNITED STATES OF SUBPRIME.

Scritto il alle 17:54 da icebergfinanza

THANKS TO

www.itulip.com/images/surfdommain.jpg

 

Contrariamente all’idea che il fenomeno subprime sia confinato all’interno di alcune aree geografiche o regioni degli Stati Uniti d’America, questa indagine del WSJonline dimostra come il fenomeno sia diffuso in ogni angolo della nazione, dalle piccole città ai grandi centri urbani alla ricca periferia delle grandi città.

Le ipoteche " esotiche " a tassi stellari hanno rappresentato circa il 29 % del totale dei mutui erogati lo scorso anno, rispetto al 16 % del 2004. Negli ultimi tre anni circa il 25 % di un totale di 43,6 milioni di ipoteche sono stati stipulati ad tassi elevati. In circa 68 aree metropolitane la percentuale è ancora più rilevante.

Qui sotto troverete la possibilità di avvalervi di questa splendida mappa interattiva.

THE_UNITED_STATES_OF_SUBPRIME

 

To examine the surge in subprime lending, the Journal analyzed more than 250 million records on mortgage applications and originations filed by lenders under the federal Home Mortgage Disclosure Act.

I dati contraddicono la credenza che i subprime risiedano essenzialmente nei centri urbani mentre i numeri indicano che le ipoteche "esotiche" sono aumentate esponenzialmente anche nella classe media e nelle comunità più ricche.

I risultati dimostrano che il fenomeno subprime stà danneggiando il popolo americano senza distinzioni tra reddito, area geografica, dagli speculatori che sognano la ricchezza ai poveri lavoratori che inseguono il sogno americano.

L’eccesso del fenomeno subprime ha avuto il punto di massima irrazionalità nel 2006 suggerendo che la tendenza negativa in atto potrebbe durare negli anni a venire.

Consiglio di leggervi l’intero post sul WSJonline.

 

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
THE UNITED STATES OF SUBPRIME., 10.0 out of 10 based on 1 rating
6 commenti Commenta
utente anonimo
Scritto il 11 ottobre 2007 at 17:03

Anche oggi la FED ha immesso una barcata di miliardi di $ nel mercato.
Segno che la tempesta è ben lontana dal finire e come risultato il dollaro si sta sciogliendo sempre più come neve al Sole.
Ho la vaga idea che neanche la Fed sappia che pesci prendere o forse ai pesci ci vuole finire….

Scritto il 11 ottobre 2007 at 17:21

Richieste totali per 239 miliardi di dollari accolte solamente per un totale di 35,5 miliardi.

La piu alta percentuale di richieste in un solo giorno dal fatidico 18 agosto 2007.

Andrea

utente anonimo
Scritto il 11 ottobre 2007 at 17:42

Richieste totali per 239 miliardi di dollari accolte solamente per un totale di 35,5 miliardi.
La piu alta percentuale di richieste in un solo giorno dal fatidico 18 agosto 2007………..

Questi non sono iceberg sono siluri pesanti a testava cava!
Saluti e complimenti per questo Blog.

utente anonimo
Scritto il 11 ottobre 2007 at 21:05

Riferendomi a critiche ad Andrea :

Gente di poca fede , come potete dubitare del mio capitano !?

Abbiate pazienza !

Aye Aye My Captain !
The hunt for the red october
By Fabio

utente anonimo
Scritto il 12 ottobre 2007 at 02:15

Grazie per il benvenuto a bordo ma per capire i comandi del Capitano ho bisogno di studiare come dev’essere govervata la nave.
In giro su internet ho visto che tader e non trader pubblicizzano i loro libri allo scopo giustamente di una proficua vendita.
Dato che posso approfondire o meno il vostro mondo in futuro vorrei un consiglio del Capitano dove posso trovare su internet materiale per una giusta formazione per investire i miei risparmi.
Cordialità
Zero Assoluto

Scritto il 12 ottobre 2007 at 12:54

C’è una strana sensazione nell’aria, quella voglia di lasciarsi alle spalle la Realtà dell’ Oceano delle Nebbie Eterne.

Da alcune settimane, vi è una gara a chi soffia di più nelle vele del rialzo dell’equity prospettando il tanto atteso Rally di fine anno, il Rally di fine mandato presidenziale, il Rally dei Giochi Olimpici di Pechino!

Quasi che all’improvviso, analisti, economisti, media e quant’altro facessero a gara dandosi il cambio per soffiare in un palloncino pieno di piccoli buchi che deve essere tenuto sospeso ancora per un pò di tempo.

Tempo fà dissi che si scende sino a Novembre e così sarà, poi si vedrà.

La realtà è nascosta dietro l’angolo.

Oggi ho letto il commento di un esperto di analisi tecnica che sino a ieri prospettava cieli limpidi sino a Dicembre! Si dice il peccato, ma non il peccatore ma oggi la visione è cambiata, un insieme di fattori cambiano temporaneamente la visione!

Poi per il resto si sa ……domani è un’altro giorno e si vedrà.

Andrea

Icebergfinanza presenta: ” Viaggio attraverso la tempesta perfetta “
Segui IcebergFinanza su
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Articolo dal Network
Apertura sotto la parità con volatilità ridotta per il Ftse Mib nell'ultima seduta della settima
Questo post era già pronto da un paio di giorni e ma come spesso accade di questi tempi davve
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Ultimo giorno di versione integrale dei grafici da non perdere. Avvicinandomi ai mercati finanzia
Piazza Affari consolida i rialzi e scambia ancora in trading range. L'indice FTSE Mib veleggia fra i
Il confronto avviato lo scorso anno fra i sindacati ed il governo sulle pensioni, ha permesso di giu
Era assolutamente scontato un “nulla di fatto” sui tassi di interesse, al FOMC chiusosi ieri
                Iniziamo da qui.
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
La “mano invisibile” di Smith negli ultimi anni è stata molto meno invisibile di quanto si